Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Anonimo del 16.mo secolo

La venexiana



PERSONAE

IULIUSiuvenis foresterius.

ANGELAdomina vidua.

NENAAngelae serva.

VALERIAdomina nupta.

ORIA. Valeriae serva.

BERNARDUSbaiulus.

PROLOGUS

IULIO: Pinxero ingenuamente gli antichi Cupidofigliuol deVenereun fanciul cieconudoalato et pharetrato; animadvertendola qualità ne l'incentivo amoroso - privo de ragiongirovagospoliato de prudenzia - penetrar le interiore de ciascun umanoetalmente offuscarli lo intelletto chefatto de novo fanciulloretorni a la pristina imbecillità: qualde factoveramente èportato de' sensichesopra modo di l'obiecto invaghitirepresentano quelloalterato e dal proprio essere alienoorexcellente or deterrimo. De qui nasce chesuffocata la iudicativala voluttà sforza ogni spirito a compiacer a suo corpo. Qualcosabenché universalmente travenghimaggior effeto peròproduce nel femineo sexoquanto lo senso grande suppedita la parvitàdel suo intellecto. Oggi lo cognoscerete chiaroo spectatoriquandolo amor smisurato de una nobile conterranea vostra odirete posto inun forrestieri giovenetoe la audacia et callidità suacognoscerete in aver quello; doppoi lo gioco e gaudio che de lui sepiglia; parimenti lo amor de una altrapur in quel medemo giàpostoper sospecto de questa exacerbato. Di chela letizia de una eil dolor de l'altra comprehendendovederete quanto Amor in donna siipotentee qualmente siàn vinti da soa forza. Tuttive pregoprestate orechie e in alcuna parte non vi turbatese quelloche dasé è da passar sotto silenziooggi di nostri mimisenza vergogna serà publicato. Imperocchédobiandoesser ben edocti de la propietà de Amoreè necessarioche tuti soi effecti distinctamente cognosciate. E guardàtivecheimparando Amorelo pigliate co l'intelletto e non col sensoperò che de scienzia deventarebbe doglia. Et non ve imaginatealtrimenti donnese non quanto lo vederete vestite: che poispoliate siano non amandema amantiinsieme con voi.



PRIMUS ACTUS

I. - IULIUS.

È sera. La scena rapresenta una calle presso la casa diValeriain Venezia.

Lodato Idio chegiovene abbandonato a la fortuna cun puochidanarime ha condotto in tal città com'è questanobile e degnissimacognosciuto e reverito piú che non meritamia condicione etpiúinamorato in una leggiadra giovenenobile e accostumata. E felice me crederebese a tanta altezzapotesse aggiongere... o almeno di parlarli una fiata. Forsi che me'paroluzze produriano algun effecto. O Diopoi che sei stato motordel principiodispositor dil meggiosecúndami a la fine: chéti giurose costei me ameràde portarla meco a la patriapigliarla per moglieportando seco dotee goder beltànoboltà e ricchezza insieme. (Entra Oria). Ma ecco una de soefantesche. Volio far ardireparlargli qualche paroletta peramiciziatemptar alcun principio de la fortuna mia.



II. - IULIUSORIA.

IULIO: Dio benedica questa gentil gioveneche va costumata comouna sàpia sposa.

ORIA: (continuando per la sua via) Gran mercé a laMagnificenzia Vostra.

IULIO: De graziavi supplicofirmàtiveche io vi dicadove parolee perdonatime se io son prosumptuoso: ché laumanità vostra mi presta confidenza da parlarvi.

ORIA: (si ferma) Al comando vostroMissier.

IULIO: I' sun un zentilomo forestierovenuto per veder lanobeltà de questa inclita terra e per cognoscer qual sii unaVenezia. Maoltre che sommamente me ha piaciuto la terrasenzacomparazion piú queste belissime gentildonneefra tuttevostra Madonnala giovene: tanto che me ha cavato el core e factoschiavo perpetuo de soa beltà e gentilezza. Io vi chiedodigrazia: dicételi per parte mia che son suoet a lei degnàteviricomandarmi.

ORIA: (ritrosa) PerdonameMissierche no vojo far tal imbasata(ave' pazienzia) del vostro amor.

IULIO: De graziavi supplico.

ORIA: Mo viae' no l'have troppo bon tempo! (S'allontana).

III. - ORIAVALERIA.

Stanza nella casa di Valeria

ORIA: (entrando allegra) Madona Valierache voléu pagar?ché ve dirò de gnovo.

VALERIA: (infastidita) Che? bestia! de la cizetache xévegnua?

ORIA: Digo altro che cizeta! che xè mejo.

VALERIA: (incuriosita) Che cosa?

ORIA: Digo altro che cizeta! che xè mejo.

VALERIA: (carezzevole) Non ti scorazzarmia fia. Dílovoluntiera.

ORIA: Non sciò chi 'l gerache in la calle m'ha parlàonon so chede vu.

VALERIA: (irritata) Che distu? de mí? che zànzestu?

ORIA: (intimidita) Vàrdame Dio! no l'ho volesto scoltaruna parolla.

VALERIA: Chi xélo costú? Chi te ha parlào?

ORIA: Un forestier vestío da sbisàocun la spacol penacio in la beretacol vestío a la cortade velúo.

VALERIA: Xélo un zovene forestier co i cavéi negri?

ORIA: Madona sí: negritrezzolài.

VALERIA: (con interesse) Che díselo?

ORIA: No l'ho volesto scoltarmí.

VALERIA: (indignata) O che maladeta zente che xé sorda a ibesogni!

ORIA: (diffidente) Síché me dissé vilanieo ché me fessé dar de le bastonae a Missier.

VALERIA: Ti ha ben paura! No sastu tàser queste cosse?

ORIA: Non le ho voleste scoltarper no tàserle.

VALERIA: Estu tanto smemoríache ti non t'arecorde unaparola?

ORIA: Se no unaper questa Crose! (si sdegna): la dreana.

VALERIA: Dílacun ti la scià.

ORIA: Disse: "Recomandéme a Madona".

VALERIA: (incredula) Ti me sogie.

ORIA: Se no volé credervostro dano!

VALERIA: Che gh'hastu resposto?

ORIA: Gnentegnente.

VALERIA: Non esser cussí descortese. Se ti'l scontrefaghe reverenzia e di': "La Madonna ve rengrazia": sastu?

ORIA: No vojo che Missier me cigapo'.

VALERIA: No cercar de Missier. Tí fa ciò che tedigo mí; e tasi. Hastu inteso?

ORIA: Madona sí.

IV - ANGELANENA: in lecto

È notte. Camera quasi buiain casa di Angela.

ANGELA: (Entrandochiama con voce fioca) Nenadolcemea Nenadòrmistufia?

NENA: Volea far un soneto: ché sun straca de voltarmi inquesto benedeto leto.

ANGELA: Ti xé in lettoe mí nel fuogo che meconsuma.

NENA: Che diséude fuogo?

ANGELA: Le mie carne brúsciano. Moro de dòja.

NENA: Avéu frebe? Lasséme un puoco tocar. (Fa pertoccarle la fronte).

ANGELA: La febre xé qua entronel cuor.

NENA: De la bon'oraciamaremo misser Antonioel nostro medico.

ANGELA: No xéin tuta Veniesasi no un medico chesavesse medigar Anzola.

NENA: No: si no quei che no xé castroni.

ANGELA: Ti no intende. Digo un sol omo.

NENA: (alzando le braccia) Cussí voliu dir: un omo grandebelopossente?

ANGELA: Digo un sol: che xé un viso de anzoloun musínd'orovegnúo qua dal Paradiso.

NENA: Madonatuti xé uomini.

ANGELA: Síma questo xé el megio de quanti xéin Veniesain Levantein Terafermain tuto 'l mondo.

NENA: Ve par cussíperché vu ghe volé ben.

ANGELA: Cheben?! El xé el mio tesorole mie zoieelmio Dio!

NENA: Felo vegnirse 'nd'avé tanta voia.

ANGELA: (avvilita) Non vul vardarme soto el paneselo: el me credevecia. E po' el xé inamorào in Valieraqua pressocasa.

NENA: (con stupore) Iih! El xé quel bel fio? Che voléufar d'un puto?

ANGELA: (sarcastica) Chean? Varda sta bestia! Tí nosciànò?

NENA: Disé un puoco che volé far.

ANGELA: (con impeto abbracciandola) Butarghe cussí lebrazze al colozicar quelle lavrinee tegnirlo streto streto.

NENA: E po'no altro?

ANGELA: La lenguina in boca.

NENA: (sfacciatamente) Meio lo saveràe far mícaesso.

ANGELA: Quella bochina dolce tegnerla per mícussísempre sempre!

NENA: (tentando respingerla dolcemente) Sté indríoché me sofoghé!

ANGELA: (assorta) Carodolce pí che no xé elzúcaro!

NENA: Vu no v'arecordé che sun dona.

ANGELA: (ritraendosi) Sun mortamí. Sudo in aquatuta.

NENA: Gran mercé! perché vu fé matierié.

ANGELA: (tra sospiri) Passerà pur la notee vegneràdoman.

NENA: Chedoman? Disé: che faréu doman?

ANGELA: (con forza) Vojo aver quel fiomí.

NENA: A che modo voléu far?

ANGELA: Cun danari e cun presenti.

NENA: (indicando se stessa) Sícun zente che 'l sapamenar.

ANGELA: Cun tuto ziò che ti dirà.

NENA: Orsútorné al vostro luogoe dormé.

ANGELA: Vojo star qua. Ese ti vul che dormagétamecussí le to brazze; e mí sererò gi ocie tecrederò el fio.

NENA: (compiacendola) Voléu cussí?

ANGELA: Sícara fia.

NENA: Me credéumo?

ANGELA: No ancora: de qua un pezeto.

NENA: (spazientita) Voglio dormirmí. Guardé: nonme strenzé.

ANGELA: Vostu farme un piaser?

NENA: Che?

ANGELA: Caradolcesta' cussí un puoco; e po' comenza abiastemarazò che ti creda omo.

NENA: No sciò zò che dirmí.

ANGELA: Biastéma el corpo de Cristomenzona le parollesporche: co fa i òmeni.

NENA: Disé: che parole?

ANGELA: Quelle sporcarie che se dise in bordellono sastu?

NENA: Se no dormole dirò; mase dormonon dirògnentemí.

ANGELA: Cara Nenafa' un puoco el sbisàoper mio amor.

SECUNDUS ACTUS

I - NENAsola

Calle presso la casa di Valeria. Verso sera

NENA: Tutto zò che Madona pensa de notte bisogna che mílo cata de zorno per contentarla. Adesso vuol un fio che se nomaIULIO: forestierco' la disemoroso de Madona Valierache xéalozào a l'Ostaria del Pavon. Ma no sciò che deba far.La cossa xé dificile: condur el fiofarlo secreto. E po'unadona no pol. (Scorge di lontano BERNARDO: che viene alla sua volta).Vojo parlar col BERNARDO: fachinche xé praticosecreto efidato de casa; e me consejarò co essoe farò che essotrovarà el zovene. Orsúlassa: che meio non me podeaimbater.





II - NENABERNARDUS

NENA: Bernardofraro' vastu cussí in pressa?

BERNARDO: (con un sacco vuoto in spalla) A' vaghi al magazíde Garípola cargà robi.

NENA: Fèrmate un puoco; vien qua apressoché tevojo parlar.

BERNARDO: A' no pos scoltà baianí. A' t'parlaròpo'una festa.

NENA: Te vojo adessomí. Aldiché ti vadagnaréforsi pí in questoche a stentarte.

BERNARDO: (si ferma) L'è lu ol virach'al è meiguadagnà e sgrignàca guadagnà e stantà.

NENA: Ti volio dir un secreto; ma tasi. Ah! checaro frarchela terra nol sapi. E po'vojo che te fasi un servisio grande.

BERNARDO: (con millanteria)No set chi so'? A' 'l non gh'èom del nos paísazò che t' sapich'a'no siaghi símelal confessadormaidémaidé!

NENA: Madona xé inamoraa de un zovene forestierche senoma Missier Iulioche xé alozao al Pavonsastu?

BERNARDO: Sta benissem: al'he rasò. Circà qualcheconsolaziò.

NENA: Caro Bernardola 'de xé cota che mai: no la puoldormirné manzar gnentesi no sòrber qualche vovootuor un puoco de pignocà.

BERNARDO: Poh! icsí fa la milizia d'Amor: ch'a' s'an scusain princípi tribulaziò e doventa plasí po'.

NENA: Sastu zo che la voràve?

BERNARDO: Nol so fis: ma ol pense be'.

NENA: Se ti bastasse l'animo de trovar costú eparlarghe...

BERNARDO: (pronto) Am bastaràf l'anim de parlà a olDus!

NENA: Cussí digo mí. Mi voràe che tilmenasse in casache 'l no savesse come el fusse vegnúo: nosciò a che partiomí...

BERNARDO: S'al vorà lassàss governàolcondurém com s' fa la roba sanza pagà ol dazi.

NENA: No so mo se esso serà contento.

BERNARDO: A' 'l nol gh'è om ch'a' nol gh' plasi vitadulcedo.

NENA: (ride) Eheh! Che ghe dirastucaro frar?

BERNARDO: Ohohcàncar! A' gh' dirò che unamadona voràf ch'a' 'l vegnèss a scrivigh una letra.

NENA: No dir cussí; ma che la vul che 'l vegna a dormir coessa.

BERNARDO: (ammiccando) A' 'l se scrif i cun una altra penachecol penarol da l'ingioster.

NENA: (facendo la pudibonda) Iih! che distu?... E po'crederàlose ti ghe di' cussí?

BERNARDO: S'a' 'l nol s' vorà fidàa' gh' daròun pegn in le manmí.

NENA: Sastubel Missierzò che ti vadagnaréequanti danari ti vul dar Madona? Diex ducatilombraiin un sacheto.

BERNARDO: An? chi vegna manc a fa u tal lavor e menàgh utal plasí a casa? Chigasang! A' l'è be oter cha pévero canela! Gna' zucar de Candia. At sto di' mích'a' l'ède quel inde la Salveregina

NENA: Ti me fe rider. No te vojo dir piú altromí.

BERNARDO: (facendosi serio) A' no l'è fag nient alòs'a'no m' dè inanz trag qualche monida che m' recorde dolservisi.

NENA: Mi non ho danari. Se ti vul quest'anelotienlo fin cheMadona te darà i danari. Tuò. Ma tasive'! (Si leva unanello dal dito e lo porge a BERNARDO: che l'intasca).

BERNARDO: Va'diavol! Se taserò an? A' l'è facia.

NENA: Vostu altro? Ché vojo tornar a Madonamí.

BERNARDO: Dim un po': com él fag costú?

NENA: Un zovene senza barbarosseto in visoco i cavéinegrivestío de sedatuto galante.

BERNARDO: Ohcàncar! l'è bella: ol cognos mícostú.

NENA: Caro Bernardopàrlaghe ancúo: ché tipregocaro frar.

BERNARDO: Sta sira faghi l'ofizi e t' rendi la resposta. Làghetvidi. (Lasciano la scena ad altri personaggi).





III - ORIAIULIUS

ORIA: (esce di casa) Madona xé zà morosa de quelzentilomo e me manda per cercar Missierazzò che parla coesso. Sum contenta: se essa cussí vule mí vojo.(Rientra in scena Iulio). Eccolo qua.

IULIO: Ben vegní la mia sorella.

ORIA: E la Vostra Magnificenzia.

IULIO: Avete salutato Madonna per nome mio?

ORIA: Missier sí.

IULIO: De graziadegnàtive referir sua resposta.

ORIA: Rengrazia la Vostra Magnificenzia e se recomanda a vu.

IULIO: O gran contento! Iuliosei felicepoi che una tal donnase degna ricomandarse a teche sei suo servitore e schiavo.

ORIA: La Vostra Magnificenzia xé un zentilomo da bennòschiavo!

IULIO: I' sun per morir per lei e adoprar questa persona e spadain suo servizio. (Portando la destra al petto e alla spada).

ORIA: Mile grazie a la Vostra Magnificenzia.

IULIO: Sorella caradicéteme: non potrei io aver tantagrazia da Sua SignORIA: che li potesse parlar diece parole? Che poime chiamarei contentissimo.

ORIA: (mostrandosi turbata) Co'Missier? Voleu che 'l mario lamazze? ché la xé novizza.

IULIO: Piú presto amazzar meche lei! Non volio cheperun quarto d'orafarli sauer che gli sun servoe non altro.

ORIA: Puòh! per sí puoco mi credo che Madona seràcontentaperché la xé cortese.

IULIO: A voisorellade ogni mio ben voglio esser obligatoeremunerarvi; non de un picol dono ma de un grande: de maritarvi inlocoove sempre starete ricca.

ORIA: Gran mercé a la Vostra Magnificenzia.

IULIO: Non ve degnareteper amor miosopra questo dir doeparolle a Madona?

ORIA: Missier sí.

IULIO: Ma come lo saperò mi?

ORIA: Questa sera la Vostra Magnificenzia passerà per quaa tre ore. Se Madona serà contenta de parlarvela porta seràun puoco averta; se noandaré al vostro viazosenza farcegno.

IULIO: Io non so come mai meritar tanta cortesia vostra. Lo faròet venerò a l'ora.

ORIA: Orsúnon vojo star piú qua. Resté inpase. (Si separano).

VI - NENAANGELA.

Stanza in casa di Angela

NENA: (entra e va tutta lieta verso Angela) Ho trovato Bernardovostro sàntoloe l'ho tanto pregatoche l'ha tolesto laimpresa de parlar a l'amigo.

ANGELA: (trepidante) Per l'amor de Dioche 'l sapa tàser?

NENA: Se 'l pagaré benel saverà tàser.

ANGELA: Che gh'hastu impromesso?

NENA: Diés ducati.

ANGELA: Ende vojo dar quindese.

NENA: (con ironia) Ehche fadiga! ne merita tre. Pí hofatto míca esso.

ANGELA: A ti vogio dar centoquando ti farò novizza.

NENA: Questa sera vu saveré ogna cosa.

ANGELA: No spetar pí. Apparechia el mezàocun leso spaliere; meti el sopracelo a la letiera; trova li acanini dabrusarsastu? fia dolce.

NENA: Sun contenta. Vado in frezza. (Esce).



V - BERNARDUSJULIUS.

La calle sotto la casa di Valeria.

BERNARDO: (arriva trafelatosolo) A' so' stà al Paòn.Nol catí gna a circà Rialt e Sam Marc. A crez che ligroli l'abi mangiatcostú. S'a' gh' dovèz dàuna zucadal'aréf trovà a la prima. Ma voj spetàlquilò: a' l'è propi ol camin d'andà a casa. (Siferma in un canto).

IULIO: (giunge non visto) O felice casache mia Signora tenechiusa! Ben potrò laudarte: cun questa inclita terraquandoda alguna zentildonna serò cognosciuto per vero amante.

BERNARDO: (che ora lo vede) Èl quest alò?ve': icavéi atrezzolàe quel ari da fomnéla.Chigasang! al è quel.

IULIO: Già è tempo de visitar la piazza. Non sciòche ora mo sii. (Rivolgendosi a Bernardo) Dimmecompagnoche ora èmo?

BERNARDO: Patròdisíf che ora è? Al pòesser vintadòo lí apress

IULIO: Gran mercé a te.

BERNARDO: No la cad ch'a' m' regrazièperché a'so' quilò per faf a de mejca insegnàf li ori.

IULIO: Che hai detto tu?

BERNARDO: A' digh ch'a' so' quilò per faf un aplaxí.

IULIO: Volesse Dio che fosse bono per me.

BERNARDO: No guardé seben porti ol zac: ch'a' so' perzòom da podíf dà un beneficiida bun fradeisí.

IULIO: (scherzoso) Non volio esser de chiesama soldato.

BERNARDO: A' dis un beneficii da zentilom e compagnon da bo tep.

IULIO: Lo melior beneficio serebbe che me insegnassi qualche bonloco ove potessi adoperar mia gioventú e pigliar piacere: chéa questo sum venuto.

BERNARDO: A' parli de quelpropiche circa fin gi osei.

IULIO: Viene un poco da parte: (Si appartano) che cosa voj dirtu?

BERNARDO: Vedíse m' voli dà la fed da om da be' efà com dirò míaf menarò sta not inglORIA: in eselcis.

IULIO: Ahahche voce de angelo! Se non voj altroèccomeal tuo comandoe quanto tengo: robae famigliiquesta persona; epiúesserti schiavo.

BERNARDO: A' no digh tanti cossi: a' nof domandi cha vomí.

IULIO: Eccome solose solo me voj.

BERNARDO: Dighin sta not.

IULIO: Da tre ore mí è necessario andar in unservizio: trovar mie' compagni. Avantiverrò ove tu voj.

BERNARDO: Maidémaidé! s'a' volí dal befrelde fagno cirché compagni adessné ol diavol.

IULIO: Come voj che io facia?

BERNARDO: Ch'a' f lassé governà a quest'om.

IULIO: Dimide grazia: ove voj che venga?

BERNARDO: Int'ol Paravísa revesità Domnedéch'é inamorat inta'ol fag voss.

IULIO: Io ho mal pratica de strate. E poiarmatonon sciòquanto serei securo.

BERNARDO: Af menarò in la gondolasanza perígolesí f' portarò fin a la camara. Volíf plúmo?

IULIO: (fissandolo in faccia) Làssame vedere se hai cierada omo da bene e che no dighi baie; o se vadi ordinando qualcheintrespo.

BERNARDO: (traendo dal petto una medaglia e mostrandogliela)Guardòn un po' fis quilò: È vedí la fedgubelina. E' la to'duchesche.

IULIO: Vedi come costui scià che i' sum duchesco!

BERNARDO: Poh! a' cognosco un om da be' in la vistaa la primamí.

IULIO: Me dài la toa fede da vero ghebelino?

BERNARDO: Síal Guagneli del Salvador.

IULIO: A che ora voj che te expecti?

BERNARDO: A quater orio circa.

IULIO: Voj che me fida de te?

BERNARDO: Nof dubité: da valentom.

IULIO: A l'Ostaria dil Paòn è lo mio allogiamento.

BERNARDO: A' so mei o' sè logiatch'a vo medésem.

IULIO: Basta; non piú. Te expecto.

BERNARDO: A' vaghi mo a drizà l'erdègnmí.(Va verso la casa di Angela).





VI - IULIUSsolus.



IULIO: Vedi che facezia è questa! Eri me dolsie tutiquesti giorni poi che sono in Veneziade non aver avuto graziaalcuna. Oggi mi dolio che siano troppo. Questa mane la fantesca m'haasecurato del parlamentoose non asecuratoalmeno data bonasperanza; mo questo fachino che me invita a piacer. Per mia fedechei' non sun senza fantasiae grande: imperocchése non vado ala zentildonnamí è vergogna grandenissima; se lassoquesta ventura del fachinoscontento perpetuo. Or i' voglio aderéral fachinoperché li fatti se debon preponer a le parolle.Quello è dubbio; questo a me par certo. Quella ho pregato;costui me prega. E forsi che la pratica è una: che leinonfidata de la fantescaha interposto el fachino; chéperforza de danarital nazion spargerebbe il sangue: fidatissima. Benio lo expectarò e starò paratocun mie armein zuppondi brocatocon la scoffiaspada e targa; e provarò miafortuna. Coleise questa non ènon sapendo tal cosameaverà excusato. E po' excusa non mancarà dimane seraDio me adiuti! Già è sera. A l'Osteria me riduco. Pococibo è bono per cenaper non aggravar el corsierche a lagiostra non si allentasse. (Parte).





VII - BERNARDUSANGELA.



BERNARDO: (entra allegro e saluta) Bonasera a la MagnificenziaVostra.

ANGELA: Sia el benvegnúo el mio BERNARDO: caro.

BERNARDO: A' no vegn ma' quilò sanza boni novelli.

ANGELA: Cussí fanno li boni amici de casa.

BERNARDO: (insinuante) Che m' volí dà dol mesaggs'af dig colsi che f' piaserà?

ANGELA: Zò che ti vul: tuta la robae danari.

BERNARDO: (sbrigativo) Via dol pagamentun par de colzi rossi.

ANGELA: Questo xé un ducato. Tuòche til dono. Madi' zò che ti sa.

BERNARDO: A' l'è sú a l'òrdenla platica.

ANGELA: Deh sícaro frar? Gh'hastu parlào?

BERNARDO: S'a' gh'ho parlatan? A' l'ho circà per tuts'a' 'l foss una bella puta.

ANGELA: Che gh'hastu ditto?

BERNARDO: A' no gh'ho dit vergotsa no che a' 'l voj menàint'un lugin sta nota dormí.

ANGELA: Esso ch'halo dito?

BERNARDO: Al no s' fidavané voliva vegní.

ANGELA: E po'com hastu fatto?

BERNARDO: E po' gh'ho fag saví chi so.

ANGELA: Vòlel vegnir?

BERNARDO: Certíssem! A quater ori smenarò olpresonmí. (ambiguo). Voràf ch'a' gh' fesséfboni spesi.

ANGELA: (facendogli cenno di star zitto) Ohimè! no parlarpí.

BERNARDO: Al è lu tal com u angiol.

ANGELA: El xé tropo bello per mí.

BERNARDO: Mo viadèm da bif. (ANGELA: gli porge unboccale di vinoch'egli vuotae poi parla) E spetèm a liquater ori. E parecié un po' de colaziò.

ANGELA: Zò che ti vul.

BERNARDO: Volíf oteralò?

ANGELA: (preoccupataposandogli una mano sulla spalla) Bernardoche ti aba secretofrar. Pensa che non m'aria fidào del primoparente ch'aba in Veniesa.

BERNARDO: A' nol f' bisogna aví fantasia de questperchéal desmentegarò subit com sii pagat.

ANGELA: Mozenighi gniovi te vojo darde zeca.

BERNARDO: Ohcancar! a' volích'a' voghi la gondoletain sta sira! Orsústé cum Diè. (Esce).

TERTIUS ACTUS



I - VALERIAORIA.

Vestivolo della casa di Valeriacon la porta socchiusa.

VALERIA: El xé sonao tre ore e costú no vien. Tinon gh'ha parlào ciaroOria.

ORIA: Mí gh'ho parlào ciarissimo. Forsi che 'l ghexé intravegnúo qualche disconzoche no ha podestovegnir.

VALERIA: (insospettendosi) Sastu che?

ORIA: Che? Disé.

VALERIA: Qualche morosa che vul dormir co esso.

ORIA: (sorridendo incredula) - Síoxèle!

VALERIA: L'è mana che no se cata cussí per tutoquesti fii che par anzoli. E po' el xé forestierche se nepul piàr piasére po' va fuorache no ti sta semprein gli oci.

ORIA: (dopo una lunga pausa) Nol vegnerà pí. Prestoxé quatro ore.

VALERIA: Te ghe doveve dir che mi ghe volea ben

ORIA: Se m'avessé ditto cussíghe l'averave ditomí.

VALERIA: No sastu che a un tal fio no se ghe pul dir de nò?

ORIA: Mí non siò cognoscera tàser.

VALERIA: Ti pul ben pensar che a ognun piase quello che zébelo e che ognun manza volentier de bon: sastu?

ORIA: Ma mí non savea tanto avanti.

VALERIA: Vèdestu? un'altra farà mejo che míin questa notte!

ORIA: Se non xé vegnúo adessovegneràdoman. Seràmo la porta; nol spetàmo pí.

VALERIA: Ancora un giozzíne no pí.

ORIA: Digo che non vegnerà pí. (Una campana suonale quattro) Aldé... quante ore!

VALERIA: O grama mí! el xé tardi. Orsúandemo. (ORIA: chiude la porta. Si ritirano).



II - BERNARDUSJULIUSNENAANGELA.

Vestibolo nella casa di Angelacon portone aperto sul canale.

Una gondola si ferma presso la gradinata.

BERNARDO: (dalla gondola) A' sem arivà. Salté ilòché vegném da mí.

IULIO: (smonta lesto ed entraguardando intornoseguítopoi da Bernardo) Questo è un belissimo palazzo. De chi è?

BERNARDO: A' no cerché se la gonella al'è de chi 'lté.

IULIO: I' sun deliberato non saper piú di quello che vojtu. Se la vita t'ho confidatomelio ti posso confidar lo saper e ilresto.

BERNARDO: Lassém un po' li paroli. Vegním dré.(Si avvia verso la scala che sale in cucinaquando NENA: si fa loroincontro).

NENA: Bona sera a questo zentilomo e al nostro BERNARDO: zentilee da ben.

BERNARDO: Bona not. A va mo: per qui fo'?

NENA: (insegnando a Bernardo) Entra in quel mezao là.(BERNARDO: fa strada a Iuliomentre NENA: va su da Angela).

IULIO: (entrato nel mezzanino) L'abitazion de Dio èquesta! Ohque casa ricca e ornata! che belissimo loco!

BERNARDO: Nof disíf mí che l'ira ol Paravís?

IULIO: Le zentil persone meritano tal cosee meglio.

BERNARDO: (facendo lui gli onori di casae mangiando daingordo). Mangié un po' de confet e beví de st'aquaruolde Candia.

IULIO: Per ma' fe'non tengo né fame né sete; maper compagnia tuasun contento. (Prende qualche cosa).

Altra stanzadove Angelache ha spiato l'arrivo di Iuliofinisce d'abbigliarsi.

NENA: (entrando) Madonael xé vegnúo el zentilomoel pí galante del mondoarmào como San Zorzi.

ANGELA: (rivolgendosi a mostrarle il volto celato) Tasichého veduo. Che ti par? vojo andar cussí in scufioto negroazzòche nol me cognosca.

NENA: Vu sté ben cussí. Andéprestoché'l no staghi solo.

ANGELA: BERNARDO: xé ancora co esso.

Nel mezzanino.

BERNARDO: (licenziandosi e strizzando l'occhio) Af lassi quilòpresò per u pezz. Mi ricomandi...

IULIO: Ove vai?

BERNARDO: A' vaghi zà súa revesità un po'la coséna.

IULIO: Va' in bon viaggio. (BERNARDO: sale in cucina).

Nell'altra stanza.

NENA: Aldí BERNARDO: che xé partio. Avéusentío quella vosina dolce?

ANGELA: Sí. Orsúvoio andar. Tien BERNARDO: esera ben l'uscio de sorasastu?

NENA: Non avé pensir de gnente. (Sale in cucina).



III - ANGELAJULIUS amantes.

Mezzanino.

ANGELA: (entrando) Bona sera a questo zentilomo mio caro.

IULIO: Et a Vostra SignORIA: gentile e cortese.

ANGELA: (prendendogli le mani) Fio dolcequanto t'ho desiderào!No sciò qual cossa pí cara potesse aver abúoche tegnerte quamio preson.

IULIO: Maggior grazia è la mia verso Vostra Signoriachese habe degnato acceptarmi in servitore; e tanto piú grandequanto non per mei meritiper propria zentileza lo ha fatto.

ANGELA: Cor mioti prego che te me voje aver excusàas'acussí grossamente e licenziosamente te ho fatto vegnir quae se prosumptuosamente parlasseo fesse qualche cossa che non tiparesse conveniente: perché el fogo del to amorche mebrusciame ha infiamàa come dopiér.

IULIO: Signora miala beltà e nobeltà vostra ètantache ogni vostra cosa a me parerà cortese. Né nonè necessario excusarviperocché vi dono questapersonaquesta anima; eda qua avantisii vostro il tutto e nonpiú mio.

ANGELA: Lo acetoanima mia. E cussí tu pía la miache xé tuta toa.

IULIO: (pigliandola per la vita) Et io la piglioinsieme cunquesta personaper mia signora e Dio.

ANGELA: (sospirando) Cussí consumería. Spoia questearme. (IULIO: si toglie tosto le armi; poi ANGELA: lo invita a beree a sedersi). Bevi un giozzoe reposàmo.

IULIO: Qui sun de Vostra SignORIA: tuto. Di beverho beuto unpoco: piú non mí comporta.

ANGELA: (presentandogli un bicchierino di liquore) Questo puocoper amor mio.

IULIO: Per amor de voise fussi risagallo o arsenicolobeveria. (Prende con grazia il hicchierino e va centellinandolomentre ANGELA: estatica lo contempla).

ANGELA: Che lizadra persona! Beato el pare e la mare che tal fioha fatto nascer!

IULIO: Beati sono veramentepoi che hanno fatto cosa che aggradaa Vostra Signoriache è dignissima.

ANGELA: Ancora te vogio basar per questa parolina. (Lo bacia).

IULIO: Piú dolce è la boca vostrache le mielabre.

ANGELA: Vien quaché te vojo aiutar. (Lo tira a sée vuole dargli una mano a spogliarsi. Ma egli respinge cortesementeper far da solo).

IULIO: Questo non pàtio. Vostra SignORIA: se svestacheio la adiuterò lei.

ANGELA: (temendo d'essere stata indiscreta nel mettergli le maniattorno per spogliarlosi ritrae e gli parla rispettosa) Avéubesogno de gnente? (Non guardé a mí). Disèlo.

IULIO: Madonna no. Né Vostra SignORIA: abi respeto alcunode uno suo cordial servo.

ANGELA: (espansiva) Respecto? No sastu che ti xé miofiocarodolce? Pur che ti me voje la mità del ben che te vojosum contenta.

IULIO: Lo amor mio verso Vostra SignORIA: mo èincomenziatoe serà tantoche ancor Venezia me vederàvechio.

ANGELA: (invitandolo a sedersi vicino) Acònzati qua:ancora un poco avanti.

IULIO: Vostra SignORIA: me fa torto. Purpoiché i' sumsuonon voglio in cosa alguna contradire.

ANGELA: (rapitaaprendo le braccia) EcoAnzolael to contento!Ecco che ti ha presso el to amor e tuta la tua speranza.

IULIO: Madonasete voi mia: mia speranzamia signora.

ANGELA: Lo mio lo volio guardarché nol sia robáo;ma tegnerlo cussí in le brazzestreto. (L'abbraccia).

Alquantulum postea

ANGELA: Anima mia dolcecredea che ti avessi portào aquaper amorzar el foco del mio petoma ti ha portào legna ecarbon per farlo pí arder.

IULIO: Io venni libero a Vostra Signoria; ora sun legato piúche malfattore: vostro pregionpreggion de queste mammeline dolce.(Chinandosi a baciarla sul petto).

ANGELA: Ahgiotonzelloti le basesí? Guarda no lestrucarché le cigarà.

IULIO: (toccandola a sinistra) Questa pomenina voglio per me;l'altra sii la vostra.

ANGELA: Sun contentaperché la xé quela dalcoresin.

IULIO: Volete che gli dica quattro parole?

ANGELA: Sídi' zò che ti vul. (Mentre èchinatoANGELA: strilla). Ahah! te me squassi el cor. Lassachéti vogio morder in questa volta. (Gli morde una guancia).

IULIO: (sollevando il capo) Sapete ciò che risponde? Che ècontenta.

ANGELA: Di': che gh'hastu ditto?

IULIO: Se quella cosa è stata dolce; se ne vole ancora.

ANGELA: Ben sa che sípostema mio dolce.

IULIO: Madonname avete abrazato: lassate che ve abraza ancoravoi; e faremo le brazze.

ANGELA: Síma dàme la lenguina.

IULIO: Voglio la tetina che me avete donato.

ANGELA: No vojose no ti mí dà la lenguina. Tristrucarò con i dentesía la fe'.

IULIO: Volete cussí? (L'accontenta).

ANGELA: Tutatutasí.

BERNARDUSNENA.

Una stanza superiore. È trascorso molto tempo: una campanasuona le otto ore di notte.

BERNARDO: (Su una sediasvegliatosi di soprassalto conta leore). Al sona! sona oto ori. Color non gli a' sent; ma sent be' mich'a' i sera sú li pígor in la stale.

NENA: (facendo le smorfe) Che distumatto? Tasi.

BERNARDO: N'het sentut? Ol faréf da míicsívicio com a' so's'a' gh'avèss orden da podí drizzàla novella.

NENA: Non haistu vergonzasenza cervello?

BERNARDO: M'het entís quei basòt? (sbuffando). Ahcàncar! la fuma!

NENA: Lassa far a la zoventú; e títendi aguadagnar.

BERNARDO: No vit s'a' 'l faghi?

NENA: Credo che Miser Domenedio te m'ha mandado in li piedichéognun è contento: la Madona contentalo zevene contentotícontentomí contenta.

BERNARDO: (con compunzione) A' vaghi ogna dí a messa apregà ol Salvadorche s' recordi dol povér om.

NENA: No parlar pí. Aldi zò ch'i parla da basso.(Stanno in ascolto).



V - ANGELAIULIUS.

Nel mezzanino.

ANGELA: (con passione) Non me vostu ancora giozzo de ben? Di'sucaro fio dolce.

IULIO: Madamai' non sciò quanto piú demonstrarlose no volite apra questo pecto cun un pugnale.

ANGELA: (patetica) Doman ti serà smentegao ogn'amor mio.

IULIO: Doman? Non cento anni dopo mia morte.

ANGELA: Vojo che ti zure a le Vagnele(porgendogli la mano) quade dir la verità de zò che ti domandarò.

IULIO: Cosí faccio sacramento a Vostra Signoria.

ANGELA: Hastu morosa qua in Venesa?

IULIO: Vi dirò: una zentildonna me ha festegiato algunevolte da la finestra; ma mai gli ho parlato.

ANGELA: O' stala costíe?

IULIO: Credo a San Bàrnaba. Non sciò però decerto.

ANGELA: Aldi zò che ti digo: se me credesse che ti tocassealtra donnamorería qua d'angonsa in le to brazze.

IULIO: Poi che Vostra SignORIA: se è degnata amarmivoglio voi solae tuto mio amor e contento mettre in voi.

ANGELA: Cussí vojo che ti zura ancora.

IULIO: Cussí giuroe facio voto. (Nuova stretta di mano).

ANGELA: (accarezzandolo) Tuta questa persona vojo per mí:la bocagi ociel nasole gambele brazze e ogni cosa. E me doioche ti no sia co' xé un bússolo de zibetochéti portaria cussí sempre in sensempre sempre. (Si mette duedita in senocome per riporvi l'immaginario prezioso vasetto).

IULIO: Vostra SignORIA: ha dubio l'amor mio? I' non sciòqual sarebbe possibil trovar che fossetale como voidisposta al'amor cortesegentile. (Indicando a una a una le parti di lei chevien nominando). Questi occhi chiaman amorquesto viso grazialabocca dolcezza. De la mia tetina poi non parloché èpiú preziosa che oro e argento.

ANGELA: Di' el vero: vostu ben a la to tetina?

IULIO: Piú che a la mia vita.

ANGELA: Sastu zò che la faràquando ti no vegnarévisitarla? La se amalerà de stiza e de cordojo.

IULIO: Spesso la visitarò: non voglio che se amalino.

ANGELA: Vostu che te basa ancora un puoco? Xestu straco?

IULIO: Non domandi Vostra SignORIA: quello che è suo; chémai me trovarà istracco in farvi cosa grata.

ANGELA: (lo stende sul letto e gli chiude le palpebre) Dormi;síraligi oci: ché volio far a mio modo.

IULIO: Pur che io non morasun qua per voi.

ANGELA: Mette cussí le brazze.

IULIO: Vostra SignORIA: starà disconza.

ANGELA: Tasi e dormiché vojo far a mio modo.



VI - BERNARDUSNENAANGELAlULlUS.

La stanza superiore.

BERNARDO: (alzandosi in piedi) Orbè! a' n'ho plu tep dapoltronezà. Costor no fornaràf ma' de menà lapolenta. A' i voj ciamarmí.

NENA: Làssai ancora un giozzeto. (Suonano le tredici).

BERNARDO: Ahdiavol! n'het sentut? Tres ori. Al scomenza far dí.Avri un po' la finestra.

NENA: (va ad aprirla) Iih! el xé pí tardi che nocredea!.

BERNARDO: Poh sía' camini a ciamàs'ti vurí.Maidéol diavol! a' i no pensa sti novelilor. (Scende lascala davanti a Nenae va verso la porta del mezzanino).

NENA: Bati pian pian a l'usso.

BERNARDO: (va a bussare) Lassa un po' fà quest'om. Ta! Ta!

Nel mezzanino.

ANGELA: (tutta languida) O che fadiga dolce! Dòrmestufio?

IULIO: (riaprendo gli occhi) Ho dormidocussíun puoco.

ANGELA: E mí ho cominào tantoche sun straca.

BERNARDO: (di fuoritornando a bussare) Ta! ta! Oh là! A'crez ch' a' no gh' a' sièmí.

ANGELA: Chi batelà Nena?

BERNARDO: Madonaal è quil'omdi fag. Al'è orad'andà.

ANGELA: Ohimè! xé zorno? Costú xématto. No è un'ora ch'a' semo qua.

BERNARDO: No sté mo a bisgàché 'l tepcamina. Lassén be' per tera

Nel mezzanino.

ANGELA: Vojo vèder. (Si fa alla finestra). Jesus! xétardi.

IULIO: Non piglii fastidio Vostra Signoriaché prestosaremo a ordine. (Fa per alzarsl).

ANGELA: Non te muover: aspetaché ti vojo dir quatroparolein leto.

ULIO Venete da questo cantoqui.

ANGELA: Fio carodolcebellod'orodaspò' che t'hodonao la persona e la vitavojo che per amor mio ti acete ancoquesto puoco presente: (Si toglie dal collo una catenella d'oro conuna pietra preziosa) questa caenela d'oroche sempre xé stacompagna de la to tetinae questo smeraldin: unoperché tit'arecordi che ti xé ligào a mí per sempre;l'altroperché ti sapa che l'amor mio xé che no titochi altra donna che viva. Ete pregoacétali cun quel cuorche te li dono. Ein rimunerazion de ogni cossanon vojo che un solbaseto da tí.

IULIO: Se io refudasse cosa che Vostra SignORIA: me donasseparería esser vilanoperché non avere' animo deremunerarle. Ma io lo acceptopoi che cosí volete.. (Prendela catenella e se la mette al collo). Lo amor mio in voi non accadepiú arecordarloperò chee morto e vivoIULIO: èvostro. E poivolite un baso? Sun contento; ma degnàtive dedarmi lo contraccambio. (Si baciano).



VII - NENABERNARDUSANGELAIULIUS.

Nel vestibolocol portone aperto sul canale e in esso la gondola.

All'uscio del mezzanino origliano BERNARDO: e NENA: che chiede:

NENA: Hastu sentúo?

BERNARDO: Maidé! pur adess a' i scomenzà a basàss.

NENA: Abi un puoco de pazienzia.

BERNARDO: (con noncuranza ostentata). A' gh' lassi mo l'impazz alormí. A' sentarò quilò. (Si mette a sedere suuna panca).

NENA: La gondola xéla in ordene?

BERNARDO: Foss icsí a l'òrden míche t'arèfstramesiat in sta not com s' fa li sémoli.. (Fa l'attosgraziato dello stracciare).

NENA: (canzonandolo) Si no se dixe altrose no di le tovalentísie?

BERNARDO: (serio) Rengraziat Domnedéa' cres pur!(ANGELA: esce dal mezzaninotenendo IULIO: per mano).

ANGELA: Bernardoti rendo el to prisonsan e salvo. Eccolo chetil consegno.

BERNARDO: (sbirciandolo) Al de' pisà da puc. In zà:m'acorzi ch'a' 'l poràf sgolàs'al avess i ali.

IULIO: (ad ANGELA: scherzoso) Madonnalui sta turbatoperchéè stato viduo in questa note.

NENA: (ironica) Síin veritàché li aghinol movaràe.

BERNARDO: (a Nenain un orecchio) Set perché? Perchéme l'ha tant strucat in zoventutch'adès a' 'l vol dormíd'ostinaziò. (Risate tra loro due)

ANGELA: (mesta) E pur ti vul partirIulio?

IULIO: (umilmente) Come pare a Vostra Signoria.

BERNARDO: Ve'ol diavol! nol volíf alò lassà?A' crez ch'a' pensé ch'a' 'l voja menà in Cíper.

ANGELA: Bernardovarda ben el mio cuor.

BERNARDO: A' guardarò la gondola ch'a' no s' travolghi; elu s' guadarà da per lui. (A Iulioprecedendolo e salendo ingondola) Orsúandém fo'.

IULIO: Signora e Madonna mialasso qui l'animae il corpoporto. Vol altro Vostra SignORIA: comandarmi?

ANGELA: Una sol cosa: recomandarti Anzola e recordarti zòche ti ha promesso.

IULIO: (sollevando con due dita la catenella appesa al collo)Questo porto meco per sempiterno recordo.(S'avvia)

ANGELA: Me recomando ancora.

IULIO: (volgendosi) Resti contenta e felice Vostra SignORIA: emi abi per suo servo fidelissimo. (Esce dal portone sulla gradinata)

BERNARDO: (tirando un lungo sospiro) A' l'è pur compit olzanzúm. (indicando a IULIO: la gondola) Salté quiditerch'a' voj che m' cunté da mí la barúffola.(IULIO: salta dentro la gondola che si stacca dalla riva)

IULIO: (a Bernardo) Tu me hai menato a consumarmi el core el'anima. Ma dimi: come se dice costei?

BERNARDO: (furbescamente) Quest è ol bel de la segúr:el mànegh. Domà vel diròch'adès nonrecordi vergòt.

IULIO: Se tu non vojnon voglio anco io.



QUARTUS ACTUS



I - ORIAsola

In calle

ORIA: Cussí no l'ha ben: l'altro zorno Madona geravergonzosa; mo xé fastidiosa. Perché el zovene no xévegnúome manda a l'Osteria a veder zò che 'l sa dir.Ghe vojo dir che 'l xé travegnúo uno pericolo grandeperché nol xé vegnuo; e pregarlo che questa sera vojavegnir. Forsi che esso ha credesto che mí fusse bosàra.Ma adesso vojo parlar ciaroche l'intenda.



II - IULIUS

post illam multum intervallum

IULIO: O Veneziabenigna a' forestiericortese a' giòvenicome ha produtto donne di tanta belleza e amorche or tanto me hanposto in travaglio che non sciò qual parte me piglii per lamegliore! Quella matronavenustaricca e infiammatame ha dato elcore e l'anima; et non ha voluto palesarsi. E cun quanta arte me havoluto goderche non sappinon cognosca né lei nécasa né parentato o contrata! E pur me ha pigliato per unicocarodato sacramento tanto stretto de observarli fede. E forsi checun ragion lo ha fattoperò che è nobilissima vidua oconiugata. Cun respecto grandessimo costei moch'è sin quastata durame voldoppi quella. Fortunasempre sei viziata: oravara or prodiga. Difficile satisfar a unaimpossibile a due. Nonsciò qual parte me pigliima certo a me pare che la primapromessa fede deba esser observata; a lei sola attenderemaggiormente che volontaria se ha offertome ha cercatoabrazzatodonatoreveritoadorato. In finequesta apena me convita alparlare. (Pausa). Iulionon fosti mai scortese. Va' líparlali etfingendo de dargli tediocerca licenziataglia lapraticalàscela; non te impedir in lei. E se fusse piúbellacome faràe? Che! Pensa che non serà tantozentile e cortese. (Risoluto). Questo è deliberato: andargli ebellamenteoffrendosi occasionspezzar ogni suo disegno; e soloattender a la mia Diva. (Tocca e guarda il dono che tiene sotto ilbavero). Ecco il smeraldolo suo amor; e la catenache ti ricordache le sei servo. Questo abi in memoriae non romperai la promessafede. (Parse).



III - VALERIAORIA.

Stanza superiore della casa di Valeria.

VALERIA: Vegnerà Iuliocomo ti ha dito? Díloun'altra voltamia dolce Oria.

ORIA: No avéu intesoche sí? A tre ore.

VALERIA: Ti disévi confortarlo che nol dubitasse degnente.

ORIA: El disse che vegniràe senza falo; e n'ho sapúoche respondermí.

VALERIA: Sta ben. Che ora xé adesso?

ORIA: Dosonae.

VALERIA: Vojo che andamo da basso.

ORIA: Cussí presto?

VALERIA: No sastu zò che se dise? Chi ha tempono spetatempo.

ORIA: Mi no ghe vojo star sempre. Quando vu ghe seré stàun pezzetotornarò indrio.

VALERIA: Che crédistuche 'l voja tegnir a zanzàr?Mi non vojo altro da essoche saver se 'l me vul ben; e po' ordenaròzò che l'averà da far.

ORIA: Voléu che porta candela?

VALERIA: Pòrtalaché ti la tegnerà de driola portaascosa. (ORIA: torna con una candela accesa). Andàmotosto. (Scendono).

IV - IULIUSin itinere.

La via davanti la casa di Valeriala cui porta sta aperta.

IULIO: (tutto armatocome all'altro appuntamento) Peggior andataè questa de l'altra; ché quella era securaquestapericulosa. Quellanon sperataè stata optimaquestaordinataserà tristissima. Salvo se la grande zentileza oqualche gratissima accoglienza non fusse causa del voltarmi l'animo.Lo experimentar è cosa belissimaper aver avantaggio incognoscer. Vadoe ov'è apiacere... Forsi che no?... (Dopobreve titubanza si decide e si avvia).Non piú. Eccoquesto èlo cantone di che me ha instrutto la fantesca. La porta: aperta.Voglio entrar galiardamenteazziòse lí fosseaguàitolo vegia subito. (Entra con impeto).



V - VALERIAlULIUSORIA.

Dentro dalla porta.

VALERIA: (aspramente risentita) Ben par in chi xé puocoamor e fede: quando abe sognào afidarloe po' 'ncora no s'hafidàoch'ha volesto venir armào.

IULIO: Signorale arme son necessarie a un giovenemaximeforestierper diversi rispecti.

VALERIA: Chi non amain un luogo non ha anche bisogno vardarsede inimisi.

IULIO: Se Vostra SignORIA: non m'è amicae inimicaQuella cognosco. Piú non. (Si muove per tornare indietromaVALERIA: gli fa cenno di fermarsi)

VALERIA: Disé: perché non ve siu vogiúovegnèr ier sera?

IULIO: (con fare indifferente) Fo per esser un puoco fastidictoche non mí parse escir di casa.

VALERIA: (acerba) O che amor! quando un puoco de fastidio lo tienin casa.

IULIO: (cortesecon affettazione) Perzò non resta che nonsii servo di Vostra SignORIA: e che Quella non ami piú che meistesso.

VALERIA: (fissandolo) Disése Dio ve guarda: perchécomenzassi cuscí a guardarme?

IULIO: La belezza e zentilezza vostrala prima fiata che io vevidime ligorno per vostro perpetuo pregione.

VALERIA: In che luogo me vedessi?

IULIO: In chiesa a quelle mònegheove era festa.

VALERIA: Non savévu che gera novizza?

IULIO: I' non pensai se non a la grazia e beltà de VostraSignoria. (S'inchinae la catenella esce un momento di sotto albaverosicché VALERIA: la scorge)

VALERIA: Che cosa xé questa che avé cussí alcollosoto el bàvaro? Lassèla un poco vèderdegrazia.

IULIO: (facendo il disinvolto) È 'na catena d'oro.

VALERIA: Lasséla un poco vèder.

IULIO: (senza toccarla) Lévela Vostra Signoriae sii lasoase gli piace.

VALERIA: (tirandola a sé ed esaminandola insieme con Oria)Questa catena xé cossa de Veniesa.

IULIO: Signoraqui l'ho comprata.

ORIA: (all'improvviso) Magnifica Madonasavé a che lasomeia? A quella che portava Madona Anzolaavanti che moresse somarío.

VALERIA: Síper la fede mia digo che la xé quellamí.

IULIO: (pronto) Pode esserSignorache l'ha facta vender.

VALERIA: (alzando la voce) Questa xé la magagna! Bastaintendo ben.

IULIO: (fa per togliersela dal collo) Se Vostra SignORIA: sedegnaio ne facio un presente a Quella.

VALERIA: (fermandolo) Dio me ne guardi! La catena no xécompràama donàa.

IULIO: (impermalito) Vostra SignORIA: ben me crede puocoquandonon mí prestate fede in questa piccol cosa.

VALERIA: Missier Iuliose vu fossé stà cussífidele come míno avessé questa catena. M'avéuinteso?

IULIO: Già Vostra SignORIA: ha preso triste opinion dequello che io non sciò.

VALERIA: Lo fastidio de ier sera xé una bella soja.

IULIO: (confuso) Perdòname Vostra Signoriaché nonè soja alguna.

VALERIA: Anzola faràve mejo a viver bene non cercarquello che la non dié.

IULIO: Già sete turbata; e non sapete la causa.

VALERIA: Basta! Non se dié inganar alcunsavéMiser Iulio? Nono se dié cussí sbefizar una poverajovene zentildona. Mí non sun da manco de Anzola.

IULIO: Io non intendo.

VALERIA: Missier Iulioquesto non meritava. Pazienzia! Anzola xésta pí venturàa che mí.

IULIO: Me dolio esser venuto qui per fastidio de Vostra Signoria.

VALERIA: (fiera ribattendo) E mí digo che avé fatoben a vegnér; ché Dio cussí ha volestoperfarme saver che non me volé giozzo de benazzò che nove varda pí drio.

IULIO: Di questo non sciò che responder a Vostra Signoria.

VALERIA: Disé co' volé; che vu avé grantorto contra de mí.

IULIO: Se cussí voletelo confesso.

VALERIA: Se Anzola xé vostrategnela. Né vojo diraltrocha tàserda qua indrío.

IULIO: Non cognosco Anzolaper la fede de zentilomo. (Mettendosiuna mano sul petto).

VALERIA: (accalorandosi) Orsúno pí! Mo credécerto che mai me fo fatto iniuria che la volesse padir: néanche non tolerar questa per nisun modo.

IULIO: (risentito) Vostra SignORIA: non se moverà senzaraggion.

VALERIA: Sora tutovojo rason. Credélo certose voléchese 'l me fosse onorVALERIA: faría andar la cosa fin ala Avogaríaper la Crose Sancta!

IULIO: Non sete offesa né in l'onore né in la robada meche io sappi.

VALERIA: Missiervu staré a rason: se averé falàoseré punío.

IULIO: A Vostra SignORIA: sta darmi quella punizion che glipare.

VALERIA: Savé quel che merta un che ingana un altro?Essere bandizào.

IULIO: I' sun forestiero.

VALERIA: (con voce di pianto) Basta! Anzola e vu m'avéassassinàa.

IULIO: Nonche io sappi.

VALERIA: La càenache xé al collolo prova.

IULIO: I' non sciò che piú replicare.

VALERIA: Missierandé. E vardé da qua indríono tratar cussí zentildone. E disé a Anzola cheVALERIA: ghe renderà el cambiocol tempo.

IULIO: Me raccomando a Vostra Signoria. (S'inchina ed esce).

VALERIA: (sarcastica) Recomandéve a Anzolae no a mí.(ORIA: chiude la porta).



VI - IULIUSsolus.

Fuorisulla viatutto turóato.

IULIO: Vedilo diavolo como ha cognosciuta la catenella! E diceche Anzola è vidua. Ben se cognoscono insieme. Son rimastoconfuso. Se lei piú non me amaràtanto piú serògrato a l'altra. E possa che costei è suspiziosasaríasutil cosa che li manifestassi l'odio: et quellaacorgendosise meamase accenderà piú.

La cosasí come desideravaè resolta: de restarcun un peso solo! Perché doi sono troppo; non a mema a ungigantese fosse ben mazor de Atlas.



QUINTUS ACTUS



I - ORIAsola in itinere.

Via pubblicalungo un canale.

ORIA: O DioDio! chi xé mai quel saviose 'nde fosse bonpredicadorche savesse compiàser a una zentildona? IerseraMadona gera scorazzàa cun Missier IULIO: e non l'ha volesto aparte nisuna; adesso essa xé rabiosa e lo vulo vivo o morto;e non vul pí parlar né de Madona Anzola né deMiser Anzol. Me manda a portarghe questa leterache cun li ocibagnai sta note ha scritae vul che 'l prega e vegnir staserachéla vul far la pase. No la pensa se no in esso e no parla si no deesso. Tuta la note no m'ha lassào dormir. Sempre: "Oriafiasun mortaché IULIO: xé scorazzào e no mevorà piú vèder". E mí dicea: "Perchél'avéu cazzào?"; essa dicea: "Perchégera troppo zelosa". E cussí m'ha sempre tegnuo desedàa.Pazienzia! "Sastu zò che ti ha a dir a Missier Iulio? Che'l venga e che non guarda a paroleche Madonna xé pídesiderosa de esso che de manzare checome el zonzeel vada inleto a far la pase". Sí diròper l'anima mia; ecossí serà fornío ogni fastidio. (S'allontana epoi ritornerà quando IULIO: starà parlando conBernardo).



II - BERNARDUSJULIUSORIA.



BERNARDO: (saluta Iulio) Bona vita a ol mí patroncíonorígol.

IULIO: Ben venga lo fratel mio. Che bone nove?

BERNARDO: (facendo l'occhiolino) A' l'è be da pensà!la canzon da l'oltr'er.

IULIO: Veni mo da quella zentildonapatrona tua e signora mia?

BERNARDO: (schermendosi) A' no so do' vegnimí; basta moch'a' so' tornat alò per quel cant.

IULIO: (evasivo) Lo ben venuto e lo meglio trovato.

BERNARDO: (riguardandolo in faccia) M'aví entisn'èvira?

IULIO: Entendo; non piú. Mo taci: so.

BERNARDO: A' dig ch'a' voj ch'a' sié de personi ch'af seràfà plu carezzi che ol Bernard.

IULIO: (ride) Ahah! de tuti doi!

(Qui riappare in scena ORIA: e si fa indietrosconcertata).

ORIA: (da sé) Iih! el ghe xé un omo co esso. Gramamínon so che far. Ho vergonza. (Ma in questo punto vedeBERNARDO: separarsi da IULIO: e venir verso di lei). Mo lassache'l se parte.

BERNARDO: (andandole incontro) Che andíf fazzandolà?Circhéf da vo la manestra?

ORIA: (seccata) Andé al vostro viazoché nonvoglio niente da fachini.

BERNARDO: (voltandole le spalle e indicandole Iulio) Orsúnon circhí olter. Andé inanzch'a' trovarí eldesmesteg.

ORIA: (raggiungendo Iulioche pare voler evitarla) MissierIulioalda do parole la Vostra Magnificenzia.

IULIO: (fingendo di non averla subito riconosciuta) Madama...?Madama Oria? Perdonatimesorella miache non sapevo qual fosti. Chebisogna da me?

ORIA: Caro Misser Iuliodaspo' che iarsera vu partissi da MadonaValiera cussí da mala vogliascorezzàmai essa hapodesto régiar. Sempre la xé sta in pianto. Digo che laxé meza morta. Il xé forza che vu vegné questasera a consolarlasi no che la morerà de doja. Caro MissierIULIO: belovegné làché vu saré causade vostro gran ben e so.

IULIO: (serio) Me spiace asai che Madonna Valiera abi aútoalcun scontentoet tantoche Dio scià; perché io gliso' ben servitoree me rencrescie che in me non sii modo da poterglilevar tal maleché lo farei volunteri.

ORIA: Che? che? non avé modo? A puntotuto el modo devarirla sta in vu. Se vegné subitoessa guarirà.

IULIO: Non vorrei poivenendoesser causa de maggior male suo.Lei è collericae non mi crede. Come me veggiase adireràtantoché gli nocerà poi.

ORIA: (interrompendolo) No disé questo Ché la xégrama de quello che la sea stà scorazzà cun vuesempre s'ha dojesto de questo. Adesso no la vul pí cigar dignentesi no tanto quanto volé vue ve vul per tuto el soonor e anima.

IULIO: Rengrazia Sua Signoria; ma io non sciò che me fareperché vorrei andar a Padoa in questa notteper attrovar meiparenti che mo vengono al Studio.

ORIA: Missernol bisogna scusa qua. Vedé: el xéforza che vegné; e po'quando seré stà co essaandaré po' dove ve piaserà.

IULIO: E como è tanta forza?

ORIA: Ché bisogna parlar? ché la muorse non la fapaxe cun vu.

IULIO: (stendendole la destra) Porgeteme la manché mífaccio bona pace cun voiper nome suo.

ORIA: (tirando indietro la propria mano) Digo che nol val gnente:ché la vul issa tocarve la man. (Gli porge la letterach'eglisi mette subito a leggeree intanto gli parla in un orecchio). Epo'se volé che vel digaper ogni triste parola che v'èditola vul tante volte basarve.

IULIO: (raggianteriponendo la lettera) Or volete che venga?

ORIA: (tutta lieta) Sídolcecarod'oroMissier Iulio.

IULIO: A qual ora?

ORIA: Como l'altro zorno... maladeto.

IULIO: Dio voglii che non sii cusí questo.

ORIA: Tegné certo che 'l serà benedeto.

IULIO: Or so' contento. Expetàtimee salutate Madona pernome mioe a leisino che vengoraccomandatime.

ORIA: Romagné in pase. (Parte).

III - IULIUS solus.

IULIO: De novo so' entrato ne la via de Croce. A doe a doe vanole venture mieper non esser senza fastidio; vedi?in un tempo lofacchino e la fantesca. (Imbarazzato). E como resolverò logarbuglioche non resti inciampato nullo modo? Giuro per la FedeSancta!... (S'interrompema poi gli s'illumina il volto a untratto). Salvo chevenendo lo fachinonon voglia io montar ingondola se non me dice lo nome de colei: luicertolo recuseràe iocomo accorozatogli darò repulsae andarò aValieraper mutar cibo. (Mentre questo monologo finiscesi udràqualche fischio dal canale. È BERNARDO: che vuol avvertirelulio ch'egli è pronto e lo attende).





IV - BERNARDUSJULIUS.

BERNARDO: (s'è fatto con la gondola piú presso echiama) Olàa bassche diavol spetèf? No m'ef sentutzuffolà plú de ses fiadi?

IULIO: Bernardosei già venuto?

BERNARDO: No m' vedíf? Mo viaandòmchél'è ora.

IULIO: So' contento; maavanti che entrivoglio che me dichicomo ha nome l'amico e de che casa è: perché non voglioviver piú frenetico in racordarmi cantoni.

BERNARDO: (stupito) Que gril ve becca adès li orechi? Nolso; esel savèssnol diríf.

IULIO: Se non voj dirloné io voglio venire.

BERNARDO: A' crez ch'a' sié fo' dol cervelmí. Nosavíf o' v'hoj menà?

IULIO: Lo sciò; ma io voglio saperlo meglio.

BERNARDO: (beffandolo) Maidéa' 'l dí esser stracol cavalche 'l ropéta icsí col cul!

IULIO: (seccato) O stracco o gagliardom'hai enteso.

BERNARDO: (torcendo la barca) A' la va malquat ol puzza lirusi.

IULIO: Non piú! Questo è deliberato.

BERNARDO: (malizioso) A' l'ho mí entisache a' volíslongarla a domà.

IULIO: Va' di' a Madona che piú non voglio vegnirse nonsciò lo nome suo.

BERNARDO: Siicol nom de Dé! A' gh el voj dí a lé.Per mí no savrí vergotse la no s' contenta.

IULIO: Parli bene. Vaparlagli.

BERNARDO: Non pensé mo gna' ch'a' spetti domà:ch'a' gh' vaghi adèsim pressa. (Parte subito).





V - IULIUS solus.



IULIO: Eccolo disegno como è reuscito! (Risolutorimettendosi in cammino). Ad Oria! Iulionon piú tardarchélo tempo scorre. (Riguardando dalla parte dov'era Bernardo) Costuise tornarànon trovandominon avrà meggio molestarmiper questa sera. (Esce).



VI - ORIAVALERIAIULIUS.

Ingresso della casa di Valeriacon la porta apertadonde si vedela calle buia.

Si ode uno scalpiccio di passi lontani.

ORIA: (in ascolto) Madona Valeriache pagassé mochéquesto che vien cussí pestezando fosse Misier Iulio?

VALERIA: Sastu zò che pagarave? Tanto co val questo anelloche porto in questo deo.

ORIA: (sospesa) Pian! ché certo el xé quelo.

VALERIA: Se ti fossi indovinati vorave pí ben che novojo a la Laurinamia suor.

ORIA: Che sí! Tasé moe scolté un puoco.(IULIO: appare. ORIA: volgendosi ridente a Valeria). Xèlo moquello?(si fa incontro a Iulio) Bona noteMissier.

IULIO: (che non l'ha subito veduta) Chi è qui? Bona notte.

ORIA: Missier Iuliovu m'avé fatto vadagnar tutto l'amorde Madonaa vegnir cussí adesso.

IULIO: Mi piace; et so che ho guadagnato.

VALERIA: Vu avé guadagnà un corpo e un'anima chegera persase no vegneve a vederla.

IULIO: Signoranon volio aver guadagnato piú che lagrazia de Vostra Signoriaché Quella se degni avermi inservitore suo.

VALERIA: Digo in mio mazor. Vu savé ben che pena m'avédàperché ho volesto esserve mazora; ma da qua avantivojo esserve menora in ogni canto.

IULIO: Non dica questo Vostra Signoriaché io non meritotanto.

ORIA: Magnifica Madonaormai xé tempo che Missier IULIO:fazza quela pase che volea far co míquando non volsi.

VALERIA: (appassionata) Missier Iuliocor mioperché seutanto crudel verso de mí?

IULIO: Crudel verso Vostra Signoria? Dionon lo consentir. Anziumanissimo verso la mia diva: è ben tuto che io spero.

VALERIA: Se xé cussívojo che vu sié mio; eche vu me perdonése l'altro zorno ve ho fatto scorozar.

IULIO: Vostra SignORIA: perdòname a mese per mia causaha pigliato fastidio alguno; ché mo qui so' tuto suopercangiar ogni affanno in piacere.

ORIA: (come incantata) Che paroline d'oro!

VALERIA: (con voce bassa) Missier IULIO: caroel se suol dirche el xé matiera parlar cussí a la scovertaperchéi venti ha orece e oci. Vegné dentro e me alegraré unpuoco a vederve a la luse.

IULIO: Non è necessario che Vostra SignORIA: me dichiragion alcuna. Comandàtime e dicéte: "Vogliocussí"ché vostro so' io.

VALERIA: (seguita da Iulioentra nella cameramentre ORIA: vaa chiudere la porta di strada) Cussí vojo farMisser Iuliofio bellodolce.

ORIA: (tornata indietroin tono di scherzo) Madonavoléufar la pase cussí presto!

IULIO: La paceMadonnasta nel viso vostroche la prima fiatache lo vidi me ligò.

VALERIA: Oriafiasera la camera e va' su a Missier grandocheno ciga. E se 'l dise gnente de mídi' che ho mal e che perquesta sera non vojo che nissun me rompa la testa.

ORIA: Lassé far a Oriache 'l tuto provederà a bene presto. (Si ritira e chiude l'uscio).