Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


GiuseppeGioacchino Belli



ERGIORNO DER GIUDIZZIO

EALTRI 200 SONETTI






1.ER GIORNO DER GIUDIZZIO


Cuattro angioloni co le tromme in bocca

Se metteranno uno pe ccantone

A ssonà: poi co ttanto de voscione

Cominceranno a ddì: «Ffora a cchi ttocca. »


Allora vierà ssù una filastrocca

De schertri da la terra a ppecorone

Pe rripijjà ffigura de perzone

Come purcini attorno de la bbiocca .


E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto

Che ne farà du' partebbiancae nnera:

Una pe annà in cantinauna sur tetto.


All'urtimo usscirà 'na sonajjera

D'angiolieccome si ss'annassi a lletto

Smorzeranno li lumie bbona sera.




2. LA FIN DER MONNO.


Come saranno ar monno terminate

Le cose c'ha ccreato Ggesucristo

Se vederà usscí ffora l'Anticristo

Predicanno a le ggente aridunate.


Vierà ccor una faccia da torzate

Er corpo da ggigante e ll'occhio tristo:

E pper un caso che nun z'è mmai visto

Nasscerà da una monica e dda un frate.


Poi pe ccombatte co sta bbrutta arpia

Tornerà da la bbúscia de San Pavolo

Doppo tanti mil'annier Nocchilia .


E appena usscito da l'inferno er diavolo

A spartisse la ggente cor Messia

Resterà er monno pe sseme de cavolo.




3. ER MORTORIO DE LEONE DUODESCIMOSICONNO


Jerzera er Papa morto sc'è ppassato

Propi' avantiar cantone de Pasquino

Tritticanno la testa sur cusscino

Pareva un angeletto appennicato .


Vienivano le tromme cor zordino

Poi li tammurri a tammurro scordato:

Poi le mule cor letto a bbardacchino

E le chiave e 'r trerregno der papato.


Pretifraticannoni de strapazzo

Palafreggneri co le torce accese

Eppoi ste guardie nobbile der cazzo.


Cominciorno a intoccà ttutte le cchiese

Appena usscito er morto da Palazzo.

Che gran belle funzione a sto paese!





4. ER BON CONZIJJO


Co sti cuattro che ttienghi ar tu commanno

Mó ppijji puro un po' de mojje pijji?

Eppoi cosa sarai de cqui a cquarc'anno?

Un pover'omo carico de fijji.


Menicuccioda' rretta a li conzijji:

Abbada a cquer che ffai: penza ar malanno:

Donna! chi ddisce donna disce danno:

Tu tt'aruvini co sti tu' puntijji.


Si ppoi scerchi una forca che tt'impicca

Nun te sposà sta guitta scorfanella :

Procura armanco de trovalla ricca.


La ricca nun te vò? ccàpela bbella:

Ché cquanno a Rroma una mojjetta spicca

Vanno mojje e mmarito in carrettella.




5. LA BBONA FAMIJJA


Mi' nonna a un'or de notte che vviè ttata

Se leva da filàppovera vecchia

Attizza un carboncellosciapparecchia

E mmaggnamo du' fronne d'inzalata.


Quarche vvorta se fàmo una frittata

Che ssi la metti ar lume sce se specchia

Come fussi a ttraverzo d'un'orecchia:

Quattro noscee la scena è tterminata.


Poi ner mentre ch'iotata e Ccrementina

Seguitamo un par d'ora de sgoccetto

Lei sparecchia e arissetta la cuscina.


E appena visto er fonno ar bucaletto

Na pissciatina'na sarvereggina

Ein zanta pascesce n'annàmo a lletto.




6. ER FUGONE DE LA SAGRA FAMIJJA


Ner ventisette de discemmre a lletto

San Giuseppe er padriarca chiotto chiotto

Se ne stava a rronfà ccom'un porchetto

Provanno scerti nummeri dell'otto ;


Cuanno j' apparze in zoggno un angeletto

Cor un lunario che ttieneva sotto;

E jje disse accusí: «Gguardavecchietto

Che ffesta viè qui ddrento a li ventotto .»


Se svejjò san Giuseppe com'un matto

Prese un zomaro ggiovene in affitto

E ppe la presscia manco fesce er patto.


E cquanno er giorn'appresso usscí l'editto

Lui co la mojj' e 'r fijjo ggià cquatto quatto

Viaggiava pe le poste pe l'Egitto.




7. LA STRAGGE DE LI NNOSCENTI


Com'er Re Erode fesce usscí l'indurto

De scannà tutte quante in ne la gola

Le crature de nasscita in fassciola

Fu pe ttutta Turchia propio un tumurto.


Le madre lo pijjorno pe 'n inzurto:

E mmettenno li fijji a la ssediola

Fasceveno dí mmesse a ssan Nicola ;

Ma er tempo pe ssarvalli era assai curto:


Ché li sbirri d'Erode a l'improviso

Escheno a imminestrà bbottee 'ggni bbotta

Vola 'na tacchiarella in paradiso.


Cristo tratanto sur zomaro trotta

Verzo l'Eggitto pe nnun èsse acciso

E ll'ha scampata pe la majja rotta .




8. LE NOZZE DER CANE DE GALLILEO


Ner piú bbello der pasto de le nozze

Venne drento a li fiaschi a mmancà er vino;

Eppeggioera serrato er bettolino

Pe ppoté rriempí le bbarilozze.


Che ffesce er cantiggnere bbirbo fino!

Cormò d'acqua der pozzo tre ttinozze

E dda sei serve affumicate e zzozze

La mannò in zala avanti ar padroncino


Acciò ppregassi Maria bbenedetta

A pprennese l'impeggno cor fijjolo

De falla diventà vvin de Ripetta .


«Bisoggna er fijjo mio pijjallo a vvolo»

Lei disse: «abbastasi vvò ddamme retta

Farò ffajjene armanco' un quartarolo .»




9. LA VISITA


Maria Vergine gravida a la posta

Trovò una lettra: "A Mmaria bbenedetta".

«Chi ddiavolo me scrive?.. Ahè la risposta

De mi' cuggnata santa Lisabbetta.»


Je raccontava lei c'a ffall'apposta

Je cressceva a llei puro la panzetta.

Allora leisibbè ch'er viaggià ccosta

J annò a ffà cor zu' bboccio una bburletta.


Disce che la trovò co ppoca panza

Senz'appitito e ccolla sputarella

In zur comincio della gravidanza.


San Giuseppe tratanto s'ariscarda :

Doppo leva ar zomaro la bbardella

E appoggeno tre mmesi la libbarda .




10. ER RICORDO


T'aricordi quer prete cajellone

C'annava pe le case a ffà le scòle

Cor una buttasú dde bborgonzone

E cqua ssur canterano du' bbrasciole ?


Che sse vedeva co le su' stajole

A 'ggni morto che ddassi er moccolone?

Che annava a ppranzo all'Osteria der Zole

E nnun spenneva mai mezzo testone ?


Bbel'hanno trovo jjeri a cquer rampino

Che jj'arreggeva er Cristo accap'alletto

Impiccato pe un laccio ar collarino.


E vva' cche smania aveva a sto ggiuchetto

Ch'er giorn'avantipe rricordoinzino

Ce s'era fatto er nodo ar fazzoletto.




11. CHI VVA LA NOTTEVA A LA MORTE


Come sò lle disgrazzie! Ecco l'istoria:

Co cquell' infern' uperto de nottata

Me ne tornavo da Testa-spaccata

A ssett' ora indov'abbita Vittoria.


Come llí ppropio dar Palazzo Doria

Sò ppe ssalí Ssanta Maria 'nviolata

Sscivoloe tte do un cristo de cascata

E bbatto apparteddietro la momoria .


Stavo pe tterra a ppiaggne a vvita mozza

Quanno c'una carrozza da siggnore

Me passò accanto a ppasso de bbarrozza .


«Ferma»strillò ar cucchiero un zervitore;

Ma un voscino ch'esscí da la carrozza

Je disse: «Avantialó; cchi mmore more.»




12. LI SOPRANI DER MONNO VECCHIO


C'era una vorta un Re cche ddar palazzo

Mannò ffora a li popoli st'editto:

«Iö sò ioe vvoi nun zete un cazzo

Sori vassalli bbuggiaronie zzitto.


Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:

Pòzzo vénneve a ttutti a un tant'er mazzo:

Iosi vve fo impiccànun ve strapazzo

Ché la vita e la robba Io ve l'affitto.


Chi abbita a sto monno senza er titolo

O dde Papao dde Reo dd'Imperatore

Quello nun pò avé mmai vosce in capitolo.»


Co st'editto annò er boja pe ccuriero

Interroganno tutti in zur tenore;

E arisposeno tutti: "E' vveroè vvero".




13. ER CARDINALE


M'ha ddetto er zotto-coco der Marchese

Che cquer zervo-de-ddio der Cardinale

Che cce pranzava trenta vorte ar mese

E annava oggni tantino all'urinale


Cuer giorno c'annò a ffà le sette cchiese

Se maggnò ccinque libbre de majale.

E a mmezzanotte te je prese un male

Senza poté ccapí ccome je prese.


Presto du' preti la matina annorno

A ffà esscí er Zagramento e ddí orazzione

Pe ttutti li conventi der contorno.


A sta nova la mojje der padrone

Che svejjonno abbonora a mmezzoggiorno

Ce se fesce pijjà le convurzione.




14. LO SCOZZONE


Tu ssai dov'è Ssan Nicola in Narcione :

Bbe'a la svortata llí der Gallinaccio

Er cavallo je prese un scivolone

Turutúffetee llui diede er bottaccio .


Ecco si cche vvor dí mmontà un sturione

Mette la vita in mano a un cavallaccio:

Coll'antri è annato via sempre bbenone:

Co cquesto è ito ggiú ccom'uno straccio.


Restò ggelatopovero Cammillo!

Ce s'incontrò er decane de Caserta

Che nu l'intese fà mmanco uno strillo.


Disce Iddio: Morte scertaora incerta:

Chi er risico lo vòribbinitillo :

Omo a cavallo sepportur'uperta .





15. ER VISCINATO


Tutte compaggne! D'Aghita e Tterresa

Una annisconne er zuo ner zottoscala

L'antra dà ar zuo l'appuntamenti in chiesa:

E a Ttuta je tiè mmano la spezziala.


La serva arza er traghetto de la spesa:

Ghita cià le funtane: Bbetta ssciala

Le notte ch'er marito va a l'Impresa ;

Lei poi se lo tiè in casa er cressceccala .


Io pe mmé bbado a ffà li fatti mia;

E in cinqu'anni e ccammina pe li sei

Sto viscinato manco so cchi ssia.


Io nun ho llingua: e ssi lla bbroda lei

La bbutta addoss'a mmédisce bbuscia.

Co tté mme sfogo perché sso cchi ssei.




16. LA VEDOVANZA


Jeri lei me mannò da la sartora

La scucchionala vedova de Muccio

Che un par de mesi fa jje morze fora

D'un carcio che jje diede un cavalluccio


Va cche ttu nun ciazzecchi ? E ssissiggnora

Sta matta e nun z'è mmesso lo scoruccio ?

Nun ze tiè accanto llí ddove lavora

Er gruggno de lo sposo in d'uno stuccio?


Lei piaggne sempre sto marito santo.

O mmaggnao ddormeo ffa la bbirbao ccusce

O entrao esscetiè in zaccoccia er pianto.


Ma ttutt'oro nun è cquer c'arilusce

Perch'io travedde in d'una stanzia accanto

Un letto granne co ddu' bbelle bbusce.




17. ER BARBIERE


Sor barbieretto mio da tre ssciuscelle

Mo adesso v'ho da dí ttre ccose vere:

Fà la bbarba e nnun fà scorticarelle

Cuest'è ll'arte de guasi oggni bbarbiere.


Se dà cquarche bbarbiere e pperucchiere

Che ffa scorticarelle e ppelarelle:

Ma nun zete che vvoi c'abbi er mestiere

De lassà er pelo e pportà vvia la pelle.


Sor barbiere der tinche e de la zzuggna

Duncue perché pe ffamme fà ggonfietto

V'ingeggnate cor fico e cco la bbruggna ?


Ah nnorcinoah ssciattino mmaledetto

Pe ttrovà chi sse castra e cchi sse sgruggna

Va' a la Salita de Cresscenzi e in Ghetto.





18. LI SORDATI DE 'NA VORTA


Disce che ssott'a Ppapa Ganganelli

E ppuro sott'a un po' dde Papa Bbraschi

Chi a sto paese aveva fijji maschi

Sapeva cuer che ffà ppe mmantenelli.


C'ereno li vacabbilie cco cquelli

Tanti tibbi commissi e mmaggnoraschi :

E lle truppeortr'a un monno de ricaschi

Montaveno la guardia co l'ombrelli.


Li sordati a cquer tempo pe annà in marcia

Ciaveveno tammurro e cciufoletto

E ppe stà in fila un gran zeggno de carcia .


E ssi mmai sc'era risico de pioggia

Er capo bbattajjone cor giacchetto

L'annava a ccommannà ssu da la loggia.




19. MONZIGGNOR TESORIERE


C'è stato a Rroma a ttempo der vertecchio

Un abbate fijjol d'un rigattiere

Che ddoppo d'avé ffatto er mozzorecchio

Se trovò de risbarzo Tesoriere.


E ssiccome era fijjo der mestiere

Vedenno in cassa tant'oraccio vecchio

Coll'ajjuto de costa der cassiere

Tutta l'aripulí ccom'uno specchio.


Ma er Papa ch'era un omo duzzinale

Pijanno cuella cosa in mal umore

Lo creò pe ggastigo cardinale.


E accusí se pò ddí de Monziggnore

Cuello che ddimo noi de fra Ccaviale:

La fesce sporcae ddiventò ppriore .





20. LA VECCHIARELLA AMMALATA


'Ggnisempre peggiopòra vecchia nostra:

Piú vva avantippiú vvappiú sse sconocchia .

Già er barbozzo je tocca le gginocchia

Bbe' cc'abbi men età de cuer che mmostra.


Cuarc'oretta la passa a la conocchia

E 'r restante der giorno spaternostra.

Pe spiritohéhé!ppò ffà la ggiostra

Ma ccala a vvistae 'ggni momento scrocchia .


Di'st'anno-santo cuanno l'hai viduta

Nun poteva fà invidia a le sorelle

Dritta come 'na spadae cciaccaruta ?


E in zett'anni ggià vva cco le stampelle;

E ssibbè cche ddio sa ssi è mmantenuta

Se pò speralla ar lume: è ossa e ppelle.




21. ER VENTRICOLO


Inzinent' a Ssan Stefino-in-pesscicolo

Sò vvienuti a attaccà li bbullettoni

Dico de sto cazzaccio de ventricolo

Che vvorebbe pijjacce pe ccojjoni.


Lui bbutta avanti de parlà ccor vicolo

De li tozzi senz'arte de pormoni

Com'e cquarmente drento in ner bellicolo

Ciavesse ggenteuscelli e ccan-barboni.


Io dico che ttiè in culo farfarello ;

E cquesto cqui ch'è er padre d'oggni vizzio

Mó lo fa ffà da cane e mmó da uscello.


Si ffussi Papa iosto solo innizzio

M'abbastería pe mmettelo in Castello

O ffottelo addrittura a Ssantuffizzio .

ibunaledel Sant'Uffizio per stregoneria.



22. LI SPIRITI - 1


L'anno che Ggesucristo o er Padreterno

Caccíò cquell' angelacci mmaledetti

Tanti che nun aggnédero a l'inferno

Rimàseno pell'aria su li tetti.


E cquesti so li spiriti folletti

Che pper lo ppiú sse senteno d'inverno

Le notte longhe: e a cchi ffanno dispetti

E a cchi j je cricca fanno vince un terno .


Tireno le cuperte e le lenzola

Strisceno le sciavatte pe la stanza

E ppareno una nottola che vvola.


De le vorte te soffieno a l'orecchie

De le vorte te gratteno la panza

E ssò nnimmichi de le donne vecchie.




23. LI SPIRITI - 2


Dio sia con noi! Lo vedieh? cquer casino

Co le finestre tutte svetrïate?

Llía ttempi de la Cenciun pellegrino

De nottetempo sciammazzò un abbate


D'allor'impoia ssett'ora sonate

Ce se vede ggirà ssempre un lumino

Eppoi se sente un strillo fino fino

E un rumor de catene strascinate.


S'aricconta che un anno uno sce vorze

Passà una notte pe scoprí ccos'era:

Che ccredi? in capo a ssette ggiorni morze .


Fatt'è cche cquanno ho da passà de sera

Da sto loco che cquapperdo le forze

E mme faccio ppiú bbianco de la scera.




24. L'INDEMONIATE


Tu ffatte lègge er libbro che ccià er frate

Che pporta er venardí la misticanza

E ssentirai si cquante sce sò state

Che jj'è entrato er demonio a in de la panza.


Cueste sòbbella miastorie stampate

Vite de Santi; e cc'è ttanto c'avanza

De donne che ccredenno gravidanza

S'aritrovorno in cammio affatturate;


Perchéar fine der gioco a mmill'a mmille

Vommitorno li diavoli a lleggione

Sotto forma de nottole e dd'inguille.


Bbasta che ppòzzi datte uno stregone

A ingozzà ddu' capelli e un par de spille

Te sce schiaffasi vvòppuro Prutone.




25. LA FIJJA AMMALATA


Ccos'èccos'è! cquer giorno de caliggine

Lei vorze annà dde filo ar catechisimo?

Bbe'in chiesa j'ariocò cquela vertiggine

Ch'er dottore la chiama er passorisimo .


Mó er piede che cciaveva er rumatisimo

Je se fa nnero come la fuliggine

E nnun ce sente manco er zenapisimo:

Li spropositifijja : ecco l'origgine.


Smania che in de la testa scià uno spasimo

Che mmanco pò appoggialla ar capezzale...

Te pare bbruggna da nun stà in orgasimo?


Ha er fiatone ha un tantin d'urcere in bocca...

Pe mméddico che sgommera ; e a Nnatale

Dio lo sa cche ppangiallo che mme tocca.




26. STO MONNO E CQUELL'ANTRO


Me fai ride: e cche ssò ttutti sti guai

Appett'ar tibbi de cuer foco eterno?

Nu lo sai che le pene de l'inferno

Sò ccom'Iddio che nun finissce mai?


E ar monnope ddu' ggiorni che cce stai

Te laggni de l'istatede l'inverno

De Ddiode la furtunader governo

E dell'antri malanni che nun hai?!


Cquas'hai setete bbevi una fujjetta

Ma a ccasa-calla nun ce sò cconforti

Manco de l'acquaticci de Ripetta


Cquammaggnidormicachipissciraschi

Te scòtolite stennit'arivorti...

Ma llàfratellocome caschi caschi .





27. E' 'GGNISEMPRE UN PANGRATTATO


Pe nnoirubbi Simone o rrubbi Ggiuda

Maggni Bbartolomeomaggni Taddeo

Sempr'è ttutt'unoe nnun ce muta un gneo :

Er ricco gode e 'r poverello suda.


Noi mostreremo sempre er culiseo

E mmoriremo co la panza iggnuda.

Io nun capisco duncue a cche cconcruda

D'avé dda seguità sto piaggnisteo.


Lo solo so cche ttutti li cuadrini

C'arrubbeno sti ladriè ssangue nostro

E dde li fijji nostri piccinini.


Che sserveno però ttante caggnare?

Un pezzaccio de cartaun po' d'inchiostro

E ttutt'"Ora-pro-mè" : ll'acqua va ar mare .





28. LA STRADA CUPERTA


Chi vvò vvienì da le Cuattro-Funtane

Sempre ar cuperto ggiú a Ffuntan-de-Trevi

Entri er porton der Papac'arimane

Incontr'a Ssan Carlino : poi se bbevi


Tutto er coritorone de sti grevi

De papalini fijji de puttane:

Ggiri er cortile: poi ssceggni a li Bbrevi

Sin dove prima se fasceva er pane.


Com'è arrivato a la Panettaria

Trapassi l'arcoeppoi ricali abbasso

E scappi dar porton de Dataria


E accusí er viaggio finirà a l'arbergo

De li somari che stanno a l'ingrasso

Maggnanno carta zifferata in gergo.





29. LA VIGGIJA DE NATALE


Ustacchiola viggija de Natale

Tu mmettete de guardia sur portone

De cuarche mmonziggnore o ccardinale

E vvederai entrà sta priscissione .


Mo entra una cassetta de torrone

Mo entra un barilozzo de caviale

Mo er porcomo er pollastromo er cappone

E mmo er fiasco de vino padronale.


Poi entra er gallinacciopoi l'abbacchio

L'oliva dorceer pessce de Fojjano

L'ojjoer tonnoe l'inguilla de Comacchio.


Inzommainzino a nnottea mmano a mmano

Tu llí tt'accorgeraipadron Ustacchio

Cuant'è ddivoto er popolo romano.




30. ER REGAZZO GGELOSO


E nnun t'abbastadi'bbrutta pe ttutto

Co cquelli ggiochi d'acqua in de la gola

De vedemme scquajjà ccome lo strutto

Che sse mette d'intorno a una bbrasciola;


C'adesso me sce fai la bbannarola

Che ss'arivorta all'ummido e a l'assciutto?!

Sí cche t'ho intesa io dajje parola

Piano piano a l'orecchia a cquer frabbutto.


Neghelo si lo pòi; neghelo strega

Che jj'hai fatt'occhio de vienitte accanto...

Sentilacristo mio!nun me lo nega?!


Busciarda infame! ah nnun credevo tanto!

Va'cche ppossi morí cchi ppiú tte prega.

Sentisce creperò: puro te pianto.




31. L'IMPIEGHI NOVI


Cià mmille strade uperte un bon zovrano

Che vvò pprovede un zuddito fedele.

Pò ffallo Cammerlengo de Freggnano

O appartatore de l'asceto e ffele :


Pò mmannallo p' er monno a mman'a mmano

A scurtà li stuppini a le cannele;

E llui ammascherasse da Labbano

E ffà er tonto a l'immasto de Racchele.


Guarda er marito de la bbella Nina:

Hanno inventato un posto pe impiegallo

Co ttrenta ggnocchi ar mese de duzzina .


Eortr'a cquestoun calessie cor cavallo

Perché vvadi a Ppalazzo oggni matina

A avvisà ssi ffa ffreddo o ssi ffa ccallo.





32. UN PRIVILEGGIO


Da cristiano! Si mmoro e ppo' arinasco

Pregh'Iddio d'arinassce a Rroma mia

Vamm'a ccerca un paese foravia

Dove se vòti com'a Rroma er fiasco!


Vamm'a ccerca p'er monno st'aricasco

De poté ffà un delitto chessesia

Eppoi trovà una cchiesa che tte dia

Un ber càmiscio bbianco de damasco.


L'hai visto a Ssan Giuvanni Decollato

Cuello che ffesce a ppezzi er friggitore

Come la Compaggnia l'ha llibberato?


L'hai visto con che ppompa e ccon che onore

Annava in priscissione incoronato

Come potrebbe annà ll'imperatore ?





33. ER ROSARIO IN FAMIJJA


"Avemmaria..." lavora... "grazia prena..."

Nenavòi lavorà?... "ddominu steco..."

Uf!... "benedetta tu mujjeri..." Nena!...

"E bbenedetto er frú..." vva cche tte sceco?..


"Fruttu sventr'e ttu Jeso. San..." che ppena!...

"ta Maria madre Ddei..." me sce fai l'eco?...

"Ora pre nobbi..." ma tt'aspetto a ccena...

"Peccatori..." Oh Ssiggnore! e sto sciufeco


De sciappotto laggiú ccome sce venne?

Andiamo: indove stavo?... Ahll'ho ttrovato:

"Nunche tinora morti nostri ammenne".


"Grolia padre..." E mmó? ddiavola! bbraghiera !

Ho ccapito: er rosario è tterminato:

Finiremo de dillo un'antra sera.





34. LA FREBBE


Succede istessamente a mmi' marito.

Si nun è unaè ll'antra sittimana

Turutuf j'arioca la terzana

Che ssi lo vedi è ppropio arifinito .


Li ggiorni che nun viè sta frebbe cana

Sta mmosscio e arresta llí ttutto anniscito;

E mme ggira pe ccasa cor marito

Freddo ppiú dde la pietra de funtana.


Cuann'essce er zoleverz'er mezzoggiorno

Tanto s'azzarda mezz'oretta a spasso;

Ma cquanno piove me sta ssempre attorno.


La notte poi lo lasso stà lo lasso.

Mo ffra de noi che cce pò èsse? un corno.

Sia pe l'amor de Ddio: fascemo passo.





35. ER CIMITERIO DE LAMORTE


Come tornai da la Madon-dell'-Orto

Co cquer pizzicarolo de la scesta

Aggnede poi cor mannataro storto

Ar Cimiterio suo che cc'è la festa .


Ner guardà cqueli schertri io me sò accorto

D'una gran cosae sta gran cosa è cquesta:

Che ll'omo vivo come ll'omo morto

Ha una testa de morto in de la testa.


E ho scuperto accusí cche o bbellio bbrutti

O ppréncipi o vvassallio mmonziggnori

Sta testa che ddich'io sce ll'hanno tutti.


Duncuear monnoe li bboni e li cattivi

Li mattili somari e li dottori

Sò stati morti prima d'èsse vivi.





36. UNA CASATA


Cristoggesummariacc'antro accidente !

Sete una gran famijja de bbruttoni.

E nnun méttete in pena ch'io cojjoni

Perché pparleno tutti istessamente.


Dar gruggno de tu' padre a li meloni

Cuelli mosininun ce curre ggnente:

E ar vedé mmamma tuastrilla la ggente:

«Monaccallàssò ffatti li bbottoni ?»


Tusenza nasopari er Babbuino :

Tu' fratello è er ritratto de Marforio

E cquell'antro è un po' ppeggio dé Pasquino .


Tu e Mmadama Lugrezziaa sti prodiggi

V'amanca de fà cchirico Grigorio

Pe mmette ar mucchio l'Abbate Luiggi .





37. LA FIJJA SPOSA


Ma ccome! è ttanto tempo che tte laggni

Che rrestavi pe sseme de patata

E mmó che stai per èsse maritata

Co cquello che vvòi tuppuro sce piaggni?


Mo cche cquer catapezzo te guadaggni

Me sce fai la Madonna addolorata!

Tu gguarda a mmé: m'ha ffatto male tata?

Sti casi ar monno sò ttutti compaggni.


Che ppaur' hai der zanto madrimonio?

Nun credefijjaa ste lingue maliggne:

Tu llassete servíllassa fà Antonio.


E cquanno sentirai che spiggne spiggne

Statte fermaLuscíaperché er demonio

Nun è ppoi bbrutto cuanto se dipiggne .





38. LO SPREGO


M'ha ddetto er Moro che mme venne er riso

Che le Bbolle ch'er Papa de Turchia

Rigala a cchi le crompa in Dataria

Dispenzeno a ttenute er paradiso.


Pe ddí la veritàmme ne sò rriso;

Ché mme pare una gran cojjoneria

D'annasse a pperde tra ccinquanta mía

Dove t'abbasta de ficcacce er viso.


Pe vvisità la grolia tuafratello

Te sce vorebbe la carrozza a mmolle

Come annassi da Roma a Vviggnanello .


Pe mmé mme ne tierría sei canne o ssette;

E dder restovennènnose ste Bbolle

Me ne farebbe fà ttante "bbollette" .




39. L'ABBICHINO DE LE DONNE


La donnainzino ar ventisi è ccontenta

Mammal'anni che ttiè ssempre li canta:

Ne cressce uno oggni scinque inzino ar trenta

Eppoi se ferma llí ssino a cquaranta.


Dar quarantuno impoi stenta e nnun stenta

E ne disce antri dua sino ar cinquanta;

Ma allora che aruvina pe la sscenta

Te la senti sartà ssubbito a ottanta.


Perchéar cressce li fijji de li fijji

Nun potenno èsse ppiú ddonna d'amore

Vò ffigurà da donna de conzijji.


E allora er cardinale o er monziggnore

Che jj'allissciava er pelo a li cunijji

Comincia a rrescità da confessore.




40. LI SCORTICHINI


Vojantri sete ggente c'a sto monno

Ce sta in celi scelòrimi e ppiú ppeggio.

Nòar primo sò ccuriali de Colleggio :

Cuelli de Rota viengheno ar ziconno:


L'Innoscenziani ar terzo; e cquesti ponno

Piú dell'antri fà stragge e sscenufreggio ;

Sibbè cc' abbino tutti er privileggio

De sporverà la bborza de chi vvonno.


Cquavvieniteme appresso ar tribbunale

Crape che nun capite un accidente

E gguardate che cc'è ssu ppe le scale


Li vedete cuer boia e cquer pazziente?

Lo sapete chi ssò? Cquello è un curiale

Che scortica la pelle d'un criente.





41. ER CARZOLARO AR CAFFE'


Io nun tiengo de fijji antro che cquesto:

Duncue vojjo ch'impari a llegge e a scrive;

E accusí mmai j'amancherà dda vive

E averà in culo er monno e ttutt'er resto.


Bbast'a ffà le su' cose sbrigative:

Bbast'arzasse a bbon'orae èsse lesto

Timorato de Ddiolescit' e onesto

E attento a nnun pijjà ppieghe cattive.


Tratanto io piaggno sempre; e ttra cquarc'anno

Io servo grazziaddio tant'avocati

Che in cuarche llogo me l'imbusceranno


Provisto er fijjocoll'occhi serrati

E ssenza sturbo de ggnisun malanno

Dormirò li mi' sonni ariposati.





42. NUN MORMORA'


Ar monno s'ha da dí bbene de tutti

Lodallie rricoprinne li difetti:

E nnò a mmezze parole e a ddenti stretti

Ma a bbocc'uperta e pparoloni assciutti .


Cuanno se parla d'ommini frabbutti

Bbisoggna sostené cche ssò angeletti:

Si un giornoin paradisofra ll'eletti

Volemo aritrovà bboni costrutti


E nnun fà ccome Cchecca la Ghironna

Che ttajja e ccuscee ttirerebbe ggiune

De la virginità dde la Madonna:


Mentre che ppoi laggiú a le Scinque-Lune

(Nun zii pe mmormorà) la bbona donna

Se fa ffotte dar popolo e 'r commune .





43. ER LUPO-MANARO


'Na notte diluviosa de ggennaro

A Ggrillo er zediaretto a Ssan Vitale

Tutt'in un botto j'ariprese er male

Dell'omo-bbestiader lupo-manaro.


Ar primo sturboer povero ssediaro

Lassò la mojje e ccurze pe le scale

E ssur portone diventò animale

E sse n'aggnede a urlà ssur monnezzaro .


Tra un'ora tornò a ccasa e jje bbussò;

E cquela sscemasenza dí "cchi è"

Je tirò er zalissceggnee 'r lupo entrò.


Che vvòi! appena fu arrivato sú

Je s'affiarò a la vitae ffor de sé

La sbramò ssenza fajje dí Ggesú .


Lui je lo disse : «Tu

Bbada de nun upríssi nun te chiamo

Tre vvorteché ssi nnòRrosate sbramo.»


Cuanno aveva sto ramo

D'uprìppoteva armanco a la sicura

Dajje una chiave femmina addrittura .





44. LO SPOSO PROTENNENTE


Vedessi er zor Cajella spirlongone

Er zor Palamidone stennardino

Come stava a smiccià cco ll'occhialino

Er babbio e 'r fiocco de le mi' padrone?


Vedessi cuanno fesce er bell'inchino

E cco le granfie de gatto mammone

Se cacciò er fongo for der coccialone

Che jje sce venne appresso er perucchino?


Che zzeppi tiragrosi eh? ma cche zzanne!

Che zzoccoli ! che stinchi! che llenterne !

Nun pare una tartana a Rripa Granne ?


La padroncina mia nu lo pò sscerne

E ssi lo sposapover'omo a ccanne!

Rivedemo la storia de Lioferne .





45. LA VITA DELL'OMO


Nove mesi a la puzza: poi in fassciola

Tra sbasciucchilattime e llagrimoni:

Poi p' er laccioin ner crinoe in vesticciola

Cor torcolo e l'imbraghe pe ccarzoni.


Poi comincia er tormento de la scola

L'abbeccèle frustateli ggeloni

La rosalíala cacca a la ssediola

E un po' de scarlattina e vvormijjoni


Poi viè ll'arteer diggiunola fatica

La piggionele carcereer governo

Lo spedaleli debbitila fica


Er zol d'istatela neve d'inverno...

E pper urtimoIddio sce bbenedica

Viè la mortee ffinissce co l'inferno.





46. LE FIGURANTE


Che angeli che ssò ! cche pputtanelle!

Uh bbenemío che bbrodo de pollanche!

Je metterebbe addosso un par de bbranche

Da nun fajje restà mmanco la pelle.


A vedelle arimòvesea vvedelle

Co cquelli belli trilli de le scianche

Tremajje in petto du' zinnette bbianche

Come ggiuncate drento a le froscelle !


Che mmodo de guardà! cche occhiate ladre!

Mó vvedo c'ha rraggione er prelatino

Che ha mmannato a ffà fotte er Zanto-Padre;


E bbuttanno la scorza e 'r collarino

D'accordo co la fijja e cco la madre

Cià ffatto er madrimonio gran-destino .




47. SAN CRISTOFENO


San Cristofeno è un zanto grann'e ggrosso

Un po' ppiú dd'un facchino de Ripetta

Che a ppiedi scarzi e cco le ggente addosso

Passava un fiume come la bbarchetta .


Forzi sto fiume sarà stato un fosso

O una pianaraoppuro una vaschetta:

Ma io nun posso dilla a vvoinun posso

Che ttal e cquale a mmé mm'è stata detta.


Ecchete un giorno un regazzino bbionno :

Lui lo passòma ddoppo du' zampate

San Cristofeno grosso annava a ffonno.


«Per cristo! e ccosa so ste bbuggiarate»

Strillava er Zanto; «e cche cciò addossoer Monno?!

Freghevefijjo miocome pesate!»





48. ER VESCOVO DE GRINZA


A un Vescovoedde ppiúppredicatore

Che ppecca un po' d'ussuria e un po' de gola

Je mannò jjermatina un creditore

Un curzoretto a ddijje una parola.


Figurateve er zanto Monziggnore!

Cominciò a sfoderà dde cazzarola ;

Eppoivolenno convertí er curzore

Pijjò ppe ccroscifisso una pistola.


«Che mmaggnèra d'offenne er tribbunale»

Er curzore strillava«e ppe vvennetta

Maneggià vvoi st'armacce temporale?!»


E er Vescovo: «Te pijja una saetta

L'ho ffatta diventà spirituale

Perché in nome de ddio l'ho bbenedetta.»





49. ER CAFFETTIERE FISOLOFO


L'ommini de sto monno sò ll'istesso

Che vvaghi de caffè nner mascinino:

C'uno primauno doppoe un antro appresso

Tutti cuanti però vvanno a un distino.


Spesso muteno sitoe ccaccia spesso

Er vago grosso er vago piccinino

E ss'incarzeno tutti in zu l'ingresso

Der ferro che li sfraggne in porverino .


E ll'ommini accusí vviveno ar monno

Misticati pe mmano de la sorte

Che sse li ggira tutti in tonno in tonno;


E mmovennose oggnunoo ppianoo fforte

Senza capillo mai caleno a ffonno

Pe ccascà nne la gola de la morte.





50. LA MOSTRA DE L'ERLIQUIE


Tra ll'antre erliquie che tt'ho ddette addietro

C'è ll'aggnello pascuale e la colonna :

C'è er latte stato munto a la Madonna

Ch'è ssempre fresco in un botton de vetro .


C'è ll'acqua der diluvio: c'è lla fionna

Der re Ddàvidee 'r gallo de san Pietro:

Poi c'è er bascio de Ggiudae cc'è lo sscetro

Der Padr'Eterno e la perucca bbionna .


Ce sò ddu' parmi e mmezzo de l'ecrisse

Der Carvarioe cc'è un po' de vita eterna

Pe ffà er lèvito in caso che ffinisse.


C'è er moccolo che aveva a la lenterna

Dio cuanno accese er zolee ppoi je disse:

«Va'illumina chi sserve e cchi ggoverna.»





51. LI MORTI DE ROMA


Cuelli morti che ssò dde mezza tacca

Fra ttanta ggente che sse va a ffà fotte

Vanno de ggiornocantanno a la stracca

Verzo la bbúscia che sse l'ha dda iggnotte


Cuell'antri in cammioc'hanno la patacca

De siggnori e dde fijji de miggnotte

Sò ppiú cciovilie ttiengheno la cacca

De fuggí er zolee dde viaggià dde notte


Cc'è ppoi 'na terza sorte de figura

'N'antra spesce de mortiche ccammina

Senza moccoli e ccassa in zepportura.


Cuesti semo noantriCrementina

Che ccottivati a ppessce de frittura

Sce bbutteno a la mucchia de matina.





52. LA RISURREZZION DE LA CARNE


Smorzato er zole e sfracassato er monno

Tutte le ggente che la terra ha ffatte

Anneranno a la Val de Ggiosaffatte

Dove sce pponno entrà cquanti che vvonno.


Tra er padreer fijjoer nonno e lo sbinnonno

Vecchi bbavosi e ccrature de latte

Ommini de ggiudizzio e tteste matte

Nun ce sarà nné pprimo né ssiconno.


Llà ttutti-cuanti iggnudi e ssenza panni

Rinassceremo come Adamo e Eva

E averemo d'avé ttrentatré anni .


Chi mmorze de ppiú età jje se ne leva:

Li piccinini se sò ffatti granni:

Duncue oggnuno averà cquello c'aveva.





53. L'ARTE


Gran bell'arte è er pittorelo scoparo

Er giudisceer norcinoer rigattiere

Er beccamortoer medicoer cucchiere

Lo stroligoer poveta e 'r braghieraro .


Piú mmejj'arte è er cerusicoer barbiere

Er cocoer votacànteraer notaro

Er ciarlatanoer curialeer chiavaro

E ll'ostee lo spezziale e 'r funtaniere.


Stupenna è ll'arte de chi ssona e ccanta

Cuella der banneraro e dder zartore

E ttant'antre da dí ffino a mmillanta.


Ma la prima de tutte è er muratore

Ché cquanno s'arifà la Porta-Santa

Capo-mastro chi è? Nostro Siggnore .





54. L'INFERNO


Cristiani indilettissimil'inferno

E' una locanna senza letto e ccoco

Ch'er bon Iddio la frabbicò abbeterno

Perché sse popolassi appoco appoco.


Cuanti Santiin inzoggnola vederno

Dicheno che ssibbè ppiena de foco

Nun c'è un'ombra de lusce in gnisun loco

E cce se trema ppiú cche ffussi inverno.


Sur porton de sta casa de li guai

Sce sta a llettre da cuppola un avviso

Che ffora disce "sempre"e ddrento "mai".


Ggesú mmio bbattezzato e ccirconciso

Arberghesce li turchi e bbadanai

E a nnoi dàcce l'alloggio in paradiso.





55. PIAZZA NAVONA


Se pò ffregà Ppiazza-Navona mia

E dde San Pietro e dde Piazza-de-Spaggna.

Cuesta nun è una piazzaè una campaggna

Un treàtouna fieraun'allegria.


Va' dda la Pulinara a la Corzía

Curri da la Corzía a la Cuccaggna ;

Pe ttutto trovi robba che sse maggna

Pe ttutto ggente che la porta via.


Cqua cce sò ttre ffuntane inarberate :

Cqua una gujja che ppare una sentenza:

Cqua se fa er lago cuanno torna istate.


Cqua ss'arza er cavalletto che ddispenza

Sur culo a cchi le vò ttrenta nerbate

E ccinque poi pe la bbonifiscenza .





56. ER VOTO


Senti st'antra . A Ssan Pietro e Mmarcellino

Sce stanno scerte moniche bbefane

C'aveveno pe vvoto er contentino

De maggnà ttutto-cuanto co le mane.


Vedi si una forchetta e un cucchiarino

Si un cortelluccio pe ttajjacce er pane

Abbi da offenne Iddio! N'antro tantino

Leccaveno cor muso com'er cane!


Pio Ottavo peròbbona-momoria

Che vvedde una matina cuer porcaro

Je disse: «Madree cche vvò ddí sta storia?


Sete state avvezzate ar monnezzaro ?!

Che vvoto! un cazzo. A ddio pò ddàsse groria

Puro co la forchetta e ccor cucchiaro.»





57. LA STREGA


Sta vecchiaccia cqua in faccia è er mi' spavento:

Nun fa antro che incanti e inciarmature

Fattucchieriestregoneriefatture

Sortileggi e mmaggieoggni momento.


Smove li fattijjoli a le crature

E oggni nottesopr'acqua e ssopr'a vvento

Er demonio la porta a Bbenevento

Sotto la nosce de le gran pavure.


Llí cco le streghe straformate in mostri

Bballa er fannangoe je fanno l'orchestra

Li diavoli vestiti da Cajjostri .


Tutte le sereio e lla maestra

Ar meno pe ssarvà lli fijji nostri

Je mettémo la scopa a la finestra .




58. LI FIJJI


Disiderà li fijjieh sora Ghita?

Síppe le bbelle ggioje che vve danno!

Primaportalli in corpo guasi un anno:

Poipartorilli a rrisico de vita:


Allattallismerdalli: a 'ggni malanno

Sentisse cascà in terra stramortita:

E cquanno che ssò ggrannioh allora è ita:

Pijjeno sú er cappelloe sse ne vanno.


Cqua nnun ze pò scappà da sti du' bbivi:

Si ssò ffemminesgarreno oggni tanto:

Si ssò mmaschite viengheno cattivi.


'Ggniggiorno un crepacoreun guaioun pianto!...

E vvòi disiderà li fijji vivi?!

Nonnòccommare: Paradiso santo!




59. ER TEMPO BBONO


Una ggiornata come stammatina

Sentiè un gran pezzo che nnun z'è ppiú ddata.

Ah bbene mio! te senti arifiatata:

Te s'opre er core a nnun stà ppiú in cantina !


Tutta la vorta der celo turchina:

L'aria odora che ppare imbarzimata :

Che ddilizzia! che bbella matinata!

Propio te disce: cammina cammina.


N'avem'avute de ggiornate tetre

Ma oggi se pò ddí una primavera.

Varda che ssole va' : spacca le pietre.


Ammalappena c'ho ccacciato er viso

Da la finestraho ffatto stammatina:

Hah! cche ttempo! è un cristallo; è un paradiso.




60. L'ISTATE


'Na caliggine come in cuest'istate

Nu la ricorda nemmanco mi' nonno.

Tutt'er giorno se smaniae le nottate

Beato lui chi rrequia e ppijja sonno!


L'erbein campaggnapareno abbrusciate:

Er fiume sta cche jje se vede er fonno:

Le strade sò ffornasce spalancate;

E sse diría che vvadi a ffoco er monno.


Nun trovi antro che ccani mascilenti

Sdrajati in 'gni portone e 'ggni cortile

Co la lingua de fora da li denti.


Nun piove ppiú dda la mità dd'aprile:

Nun rispireno ppiú mmanco li venti...

Ah! Iddio sce scampi dar calor frebbile !





61. L'ALLEVO


La mammana protenne che la pupa

Me sta ssempre accusí strana e ffurastica

Perché la zinna mia è ttroppa cupa

E 'r mi' calo è una spesce de scolastica .


Cuant'ar tiroeh cche vvòi! pare una lupa:

S'attacca ar caporelloe mme lo mastica

E jje dà nnotte e ggiornoe mme lo ssciupa

Che mme scià ffatto ggià ppiú d'una crastica .


Oh vvadino mó a ddí: "Cchi ha mmojje ha ddojje!"

Nun zo ssi cce pozz'èsse paragone

Si ppeni piú er marito che la mojje.


Vienghino cqui a ssentí er farzo-sbordone

Ch'io canto cuanno er petto me s'accojje

E ddíchino chi ha ttorto e cchi ha rraggione.




62. L'ANGELI RIBBELLI


1.

Appena un angelaccio de li neri

Pijjò l'impunitàssarva la vita

Iddio chiamò a l'appello una partita

De TroniPotestà e Ccherubbiggneri .


E ttratanto fu ssubbito imbannita

'Na legge contr'all'osti e llocannieri

Che ttienessino in casa forastieri

Senz'avvisà la Pulizzia pulita.


Poi San Micchel'arcangelo a ccavallo

De gran galoppoa uso de Croscifero

Usscí cco uno stennardo bbianch'e ggiallo.


E ddoppo er zono d'un tammurro e un pifero

Lesse st'editto: «Iddio condanna ar callo

L'angeli neri e 'r Capitan Luscifero».




63. L'ISTESSO


2.

Letto st'edittooggn'angelo ribbelle

Vorze caccià lo stoccoe ffasse avanti;

Ma Ssan Micchele buttò vvia li guanti

E ccominciò a sparà le zzaganelle .


L'angeli alloracoll'ale de pelle

Cornauggne e ccodetra bbiastime e ppianti

Tommolorno in ner mare tutti-cuanti

Che li schizzi arrivaveno a le stelle.


Cento secoli sani sce metterno

In cuer gran capitommolo e bbottaccio

Dar paradiso in giú ssino a l'inferno.


Cacciati li demonistese un braccio

Longo tremila mijja er Padr'Eterno

E sserrò er paradiso a ccatenaccio.

Roma16 febbraio 1833.





64. ER MONNO MURATORE


«Pe vvéde cosa sc'è ssopr'a le stelle

Che sse pò ffà?» disceveno le ggente.

Fesce uno: «E cche cce vò? nnun ce vò ggnente:

Frabbicamo la torre de Bbabbelle.


Súppuzzolanacarciamattonelle...

Io capo-mastro: tu soprintennente...

Lavoramofijjolialegramente!...»

E Ddio 'ntanto rideva a ccrepa-pelle.


Già ssò ar par de la crosce de San Pietro

Cuannoch'edè?! jje s'imbrojja er filello

E invesce d'annà avanti vanno addietro.


Ggnisuno ppiú ccapiva l'itajjano;

E mmentr'uno disceva: «Cqua er crivello.»

L'antro le dava un zecchio d'acqua in mano.





65. ER DILUVIO UNIVERZALE


Iddio disse a Nnovè: «SsentiPatriarca:

Tu cco li fijji tui pijja l'accetta

E ssur diseggno mio frabbica un'arca

Tant'artatanto longae ttanto stretta.


Poi fa' un tettinoe ccròpisce la bbarca

Com'e cquella der Porto de Ripetta ;

E ccom' hai incatramato la bbarchetta

Curri p' er monnoacchiappa bbestiee imbarca.


Vierà allora un diluvio univerzale

C'appett'a a llui la cascata de Tivoli

Parerà una pissciata d'urinale.


Cuanno poi vederai l'arco-bbaleno

Cuell'è er tempoNovècche tte la sscivoli

Scopi la fangae ssemini er terreno.»





66. ER GIRO DE LE PIZZICARIE


De le pizzicarie che ttutte fanno

La su' gran mostra pe Ppascua dell'Ova

Cuella de Bbiascio a la Ritonna è st'anno

La ppiú mmejjo de Roma che sse trova.


Colonne de casciotteche ssaranno

Scento a ddí ppocoarreggeno un'arcova

Ricamata a ssarciccee llí cce stanno

Tanti animali d'una forma nova.


Fra ll'antriin artosc'è un Mosè de strutto

Cor bastone per aria com' un sbirro

In cima a una montaggna de presciutto;


E ssott'a lluipe stuzzicà la fame

Sc' è un Cristo e una Madonna de bbutirro

Drent' a una bbella grotta de salame.




67. L'OMACCIO DE L'EBBREI


Ve vojjo dí una bbuggerave vojjo.

Er giorno a Rroma ch'entra carnovale

Li Ggiudii vanno in d'una delle sale

De li Conzervatori a Ccampidojjo;


E ppresentato er palio prencipale

Pe rriscattasse da un antico imbrojjo

Er Cacamme j' ordissce un bell'orzojjo

De chiacchiere tramate de morale.


Sta moral' è cch'er Ghetto sano sano

Giura ubbidienza a le Legge e mmanate

Der Zenato e dder Popolo Romano.


De cuelle tre pperucche incipriate

Er perucconeallorach'è ppiú anziano

Arza una scianca e jj' arisponne: «Andate ».





68. LA NOTTE DELL'ASSCENZIONE


Domani è ll'Asscenzione: ebbèsta notte

Nostro Siggnorepe bbontà ddivina

Se ne ssceggne dar celo a la sordina

Mentre che ll'univerzo o ddormeo ffotte;


E vva ppe ttutte le maése rotte

Discenno ar grano: «Alóppassa e ccammina :

L'acqua diventi latteeppoi farina

Pe ddiventà ppoi pastae ppoi paggnotte.»


Ecco a li bbagarozzi la raggione

Che jj' accennémo addosso li scerini!

Cantanno er "Curri curri bbagarone .


Ecco perché sse mette li lumini

A le finestre de le ggente bbone :

Perché Ccristo nun batti a li cammini .





69. UN CUADRO BBUFFO


Chi è sto bbrutto vecchio caccoloso

Che in logo de stà in pasce in zepportura

Succhia co la bboccaccia er caporello

De cuella donnacome una cratura?


Chi è sta vacca che nnun ha ppavura

De dà er latte a cquer po' dde bbambinello

Che ppare er Merdoccheo de la Scrittura

Ocquanno nun è lluipare er fratello?


A mmé ppuro me piasce sto succhietto;

Ma ppe cquanto me spremo in comprimenti

Ggnisuna bbalia vò attaccamme ar petto.


Cuello averà ccent'anniio nnun n'ho vventi:

Er zuo sta bbassoe 'r mio sarta sur tetto:

Duncue? sarà er motivo de li denti.





70. LA DONNA GRAVIDA


O sii femmina o mmaschioo bbello o bbrutto

Farò cquer che vvorà Ddio nipotente

Bbasta sii san'e llibbero: ecco tutto.

Der resto nun m'importa un accidente .


Nun c'è stato che un caso assciutt'assciutto

De sapé pprima d'èsse partorente

S'era omo o ddonna er benedetto sfrutto

Der tu' ventr' e ttu Jèso . Ma la ggente


Che vvò ffà in oggni cosa l'indovina

Protenne da la forma de la panza

De travede si cc'è ggallo o ggallina.


Nun ce potrebbe stà una misticanza

D'un passeretto e dd'una passerina

Da fà ttra llòro un'antra gravidanza?





71. L'ABBORTO


A Ssaspírito in Zassiin d'un boccione

Pien d'acquavita de le sette peste

Sc'è a mmollo una cratura co ddu' teste

Come che ll'arma der ministro Appone .


Er cerusico nostro de l'urione

Che ste fotte le spiega leste leste

M'ha ddetto ch'è un buscèfoloe cche cqueste

Sò ccose che cce vò la spiegazzione.


Abbastadicoo ssii scefolo o ttonno

Vojjo vede ar giudizzi' univerzale

Co cquanti nasi ha da rinassce ar monno.


Si n'ariporta duabber capitale

Da paradiso! e ssi unoer ziconno

Dicoindove arimanea lo spedale?





72. LA PORTA DE RETO


Er Papa tiè una scerta portiscella

Pe ddove verzo sera un par de spie

Je vanno a rrescità le lettanie

E a sputasse pormoni e ccoratella.


Llí jje bbutteno ggiú 'ggni marachella

De teatricaffèccaseostarie...

Emmezze veritàmmezze bbuscíe

Ciànno sempre da dí cquarche storiella.


Ecco da che ne nassce quarche vvorta

Che tte vedi li zzaffi a la sordina:

E' ttutto pe vvertú dde quella porta


E cchi ssò ste du' spie? Vall'a indovina

Oggni lingua oggidí cche nnun zii morta

Pò èsse un de le dua che tte cuscina.





73. LI SOFFRAGGI


Quanto me fanno ride tant'e e ttanti

Co le su' divozzion de doppo morte!

E llimosinee mmessee llumie ccanti

E llasscitee indurgenze d'oggni sorte!


Nun hanno fatto mai ccusí li santi.

Bbisoggna in vita empíssele le sporte.

Er benesi lo vòimànnel' avanti

A ffàtte largo e spalancà le porte.


Sapete Iddio de llà ccosa v'intòna

Quanno er bene sciarriva pe ssiconno ?

«Annate viacanajja bbuggiarona


La rrobba vostra me la date adesso

Perché l'avevio da lassà in ner monno

E nnun potevio strascinalla appresso.»





74. ER POVERO LADRO


Nun ce vò mmica tantoMonziggnore

De stà llí a ssede a ssentenzià la ggente

E dde dí : "cquesto è rreoquest' èinnoscente".

Er punto forte è de vedejje er core.


Sa cquanti rei de drento hanno ppiú onore

Che cchi de fora nun ha ffatto ggnente?

Sa llei che cchi ffa er male e sse ne pente

E' mmezz'angelo e mmezzo peccatore?


Io sò lladrolo so e mme ne vergoggno:

Però ll'obbrigo suo saría de vede

Si ho rrubbato pe vvizzio o ppe bbisoggno.


S'avería da capí cquer che sse pena

Da un pover'omoin cammio de stà a ssede

Sentenzianno la ggente a ppanza piena.




75. LA FAMIJJA SUR CANNEJJERE


Chi vvò cconossce er fior de le famijje

Entri a rrifasse l'occhi in sto portone

E vvienghi a vvede a ccasa der padrone

Si cche ffrega d'argenti e dde mobbijje.


Cqua ggiojje pe la mojje e ppe le fijje:

Cqua parchetti a la Valle e a Ttordinone :

Cqua vviaggj e scampaggnate oggni staggione

Cqua ccavalli da sella e dda parijje.


E rrifreschie accademiee ttavolini

Co li ppiú mmejjo ggiochi der paese

Dove nun curren' antro che zzecchini.


Inzomma tra sti sfarzi e ttra ste spese

S'ha da stà ppe ccapí cquanti quadrini

Pò avé un Mastro-de-casa d'un Marchese .





76. LI BBECCAMORTI


E cc'affari vòi fà? ggnisuno more:

Sto po' d'aria cattiva è ggià ffinita:

Tutti attaccati a sta mazzata vita...

Oh vva' a ffà er beccamorto con amore!


Povera cortra mia! sta llí ammuffita.

E ssi vva de sto passoe cqua er Ziggnore

Nun allúmina un po' cquarche ddottore

La profession der beccamorto è ita.


L'annata bbona fu in ner disciassette .

Allora siin sta piazzaera un ber vive

Ché li morti fioccaveno a ccarrette.


Bbasta...; chi ssa! Mmatteo disse jjerzera

C'un beccamorto amico suo je scrive

Che cc'è cquarche speranza in sto collèra.





77. ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA


Ch'er mercordí a mmercatoggente mie

Sce ssiino ferravecchi e scatolari

Rigattierispazzinibbicchierari

Stracciaroli e ttant'antre marcanzie


Nun c'è ggnente da dí. Ma ste scanzie

Da libbrie sti libbraccie sti libbrari

Che cce vienghen' a ffà? ccosa sc'impari

Da tanti libbri e ttante libbrarie?


Tu ppijja un libbro a ppanza vòtae ddoppo

Che ll'hai tienuto pe cquarc'ora in mano

Dimme s'hai fame o ss'hai maggnato troppo.


Che ppredicava a la Missione er prete?

«Li libbri nun zò rrobba da cristiano:

Fijjipe ccaritànnu li leggete.»





78. ER TESORIERE BBON' ANIMA


Monziggnor Tesoriere ch'è ccrepato

Quanno stava a la stanga der timone

E mmaggnava su ttutte le penzione

Le gabbellel'apparti e 'r mascinato ;


Volenno fà una bbona confessione

(Ché da un pezzo nun z'era confessato)

Se n'aggnede da un prete sganganato

Drent'in ne l'Oratorio a la Missione .


Mentre sputava li su' rospiin chiesa

Sce se trovava un povero cristiano

C'aveva avuto un torto in ne l'Impresa .


Come st'omo che cqua vvedde er gabbiano

Der confessore co la mano stesa

«Nu l'assorve » strillò: «fferma la mano!»





79. L'INDURGENZE LITICATE


Quanto a le carte poi de l'indurgenza

Ch'er Papa fa bbuttà ggiú ddar loggione

Trattannose d'affar de riliggione

Nun ce vò un cazzo tanta conveggnenza.


Saría bbella che ddoppo la pascenza

D'aspettà un' or' e ppiú ssu lo scalone

Quanno poi viè vvolanno er cedolone

S'avessi d'acchiappà cco la prudenza!


Chi ppijja pijja: e llí vvedi er cristiano:

Lí sse scopre chi ha ffede e cchi ha rrispetto

Pe le sante indurgenze der zovrano.


Io so cc'a fforza de cazzott'in petto

E dd'èssegrazziaddiolesto de mano

Sempre ne porto via quarche ppezzetto.




80. ER ZIGGNORE E CCAINO


«Caino! indov'è Abbele?» E cquello muto.

«Caino! indov'è Abbele?» Allora quello:

«Sete curioso voi! chi ll'ha veduto?

Che! ssò er pedante io de mi' fratello?» -


«Te lo dirò ddunqu'iobbaron futtuto:

Sta a ffà tterra pe ccesci ecco indov'èllo .

L'hai cuscinato tú ccor tu' cortello

Quann'io nun c'ero che jje dassi ajjuto.


Lèvemete davanti ar mi' cospetto:

Curre p' er grobbo quant'è llargo e ttonno

Pozz'èsse mille vorte mmaledetto!


E ddoppo avé ggirato a una a una

Tutte le strade e le scittà dder monno

Va'ccristianaccioa ppiaggne in de la luna .»




81. ER ZICONNO PECCATO


Ch'er zor Caino doppo er fatto d'Eva

Ammazzassi quer povero innoscente

Fin qui nnun c'è dda repricacce ggnente:

Questo è un quattr' e cquattr'ottoe sse sapeva.


La gran difficortà cch'io tiengo in mente

E cche ggnisuno ancora me la leva

E' ccome mai Caino conossceva

Che le bbòtte ammazzassino la ggente.


Prima de quella su' bbricconeria

Ggnissun lì omo era mai morto ammazzato

E mmanco morto mai d'ammalatia.


Volemo dunque dí cche ddar peccato

De maggnà un fico pe jjottoneria

Er genio d'ammazzà nnaschi imparato?





82. ER TESTAMENTO DER PASQUALINO


Torzetto ortolano a li Serpenti

Prometteva oggni sempre ar zu' curato

C'a la su' morte j'avería lassato

Cinquanta scudi e ccert'antri ingredienti.


Quantoun ber giornolui casc'ammalato;

E ccurreveno ggià cquinisci o vventi

Tra pparenti e pparenti de parenti

A mmostrajje un amore indemoniato .


Ecchete che sse venne all'ojjo-santo;

E 'r curato je disse in ne l'ontallo :

«Ricordatevefijjode quer tanto...»


Torzetto allora uprí ddu' lanternoni

E jj'arispose vispo com'un gallo:

«Oggne oggnee nnu mme roppe li cojjoni.»





83. LI DU' GGENER' UMANI


Noise saar monno semo ussciti fori

Impastati de mmerda e dde monnezza .

Er meritoer decoro e la grannezza

Sò ttutta marcanzia de li siggnori.


A ssu' Eccellenzaa ssu' Maestàa ssu' Artezza

Fumipatacchetitoli e sprennori;

E a nnoantri artiggiani e sservitori

Er bastonel'imbasto e la capezza.


Cristo creò le case e li palazzi

P' er prencipeer marchese e 'r cavajjere

E la terra pe nnoi facce de cazzi.


E cquanno morze in crosceebbe er penziere

De spargebbontà ssuafra ttanti strazzi

Pe cquelli er zangue e ppe nnoantri er ziere .





84. LI NUVOLI


Stateme bben attenteche vve vojjo

Spiegà cche ssò li nuvolisorelle .

Sò ttante pelle gonfieugual' a cquelle

Che cqui a Rripetta sce se mette l'ojjo .


Me sò ffatto capí? Ddunque ste pelle

S'empieno d'acqua e de tutto l'imbrojjo

De grandine e dde neve. Ohmmó vve ssciojjo

Er come Iddio pò ffà ppe sostenelle.


Iddio manna li spiriti folletti

Che soffiannoje sotto co la bbocca

Li vanno a ssollevà ssopr'a li tetti.


Si in questo quarche nnuvolo se tocca

Sce se fanno cqua e llà ttanti bbuscetti

E allora piove ggiúggrandina e ffiocca.





85. LA LEGGE


La lègge a Rroma sc'èssori stivali:

Io nun ho ddetto mai che nun ce sia:

Ché er Governo ha ttrescent'una scanzia

Tutte zeppe de bbanni-ggenerali .


E mmanco vederete caristia

D'abbatimonziggnori e ccardinali

Giudisci de li sagri tribbunali

Da impiccavve sur detto d'una spia.


La mi' proposizzione è stata questa

C'un ladro che ttiè a mmezzo chi ccommanna

E ccià donne che ss'arzino la vesta


Rubbassi er palazzon de Propaganna

Troverete er cazzaccio che l'arresta

Ma nun trovate mai chi lo condanna.




86. LI VINI D'UNA VORTA


A ttempi ch'ero regazzottoallora

Ereno l'anni de ruzzà ccor vino:

Ché sse fasceva er còttimoar Grottino

De bbeve a ssette e a ssei cuadrini l'ora.


E mm'aricorderò ssempr'a Mmarino

Indove tutti l'anni annàmio fora

D'ottobre a vvilleggià cco la Siggnora

E cce stàmio inzinent' a Ssammartino .


Llí nnun c'ereno vini misturati

Co cciammelle de sorfoe cquadrinacci

E mmunizzionee ttant'artri peccati.


Bevevio un quartaroloe ddiscevio : "esci":

E er vino essciva: e vvoibbon prò vve facci

'Na pissciatae ssinceri com'e ppessci.





87. LO STROLIGO


Va' in d'una stradaindove sce se fa

Cquarche gran scavo in de la terrae ttu

Vederai che ggnisuno sa ppassà

Si nun z'affaccia e ssi nun guarda ggiú.


Che conziste sta gran curiosità?

Nun è la terra ggiú ccome che ssú?

Cosa spera la ggente in quer guardà?

Che sse scopri er burrò dde Bberzebbú ?


Ma cquest'è 'r peggio ch'io nun zo ccapí

Che ssibbè nnun c'è un cazzo da vedé

Invetrischeno l'occhie stanno llí.


Er monno dunque è ppiú cojjon de mé

Che mme ne sto su sta loggettae cqui

Gguardo in celo le stelle e cquer che cc'è.





88. CHI LA TIRALA STRAPPA


Fatto Adamo padron de l'animali

Incominciò addrittura a arzà l'ariaccia .

Nun zalutavanun guardava in faccia...

Come fussino llà ttutti stivali.


Nun c' er' antro pe llui che ccan da caccia

Caval da sellascampaggnate ssciali

Priscissione coll'archi trionfali

Musichee ccianerie pe la mojjaccia .


E l'animalia ttutte ste molestie

De la nescessitàccome noi dimo

Fasceveno vertúppovere bbestie.


Nun ce fu cch'er zerpentechevvedute

Tante tiranneríedisse p' er primo:

«Mó vve bbuggero iocreste futtute.»




89. SE MORE


Nun zapete chi è mmorto stammatina?

E' mmorto Repisscittoer mi' somaro.

Povera bbestiach'era tanto caro

Da potecce annà in groppa una reggina.


L'ariportavo via dar mulinaro

Co ttre sacchi-da-rubbio de farina

E ggià mm'aveva fatte una diescina

De cascateperch'era scipollaro .


J'avevo detto: «Nun me fa la sesta;»

Ma llui la vorze fàpporco futtuto;

E io je diede una stangata in testa.


Lui fesce allora come uno stranuto

Stirò le scianchee tterminò la festa.

Poverello! m'è ppropio dispiasciuto.





90. LI CAVAJJERI


E a vvoi da bbravi ! Cavajjeri jjeri

Cavajjer oggie ccavajjer domani!

E ssempre cavajjeri: e li sovrani

Nun zanno antro che ffà cche ccavajjeri.


Pretiladriuffizzialicammerieri

Tutti co le croscette a li pastrani

E oramai si le chiedeno li cani

Dico che jje le dànno volentieri.


S'incavajjèra mó cqualunque vizzio:...

Vojjo ride peròcco ttanto sguazzo

De cavajjeriar giorno der giudizzio.


Quanno che Ggesucristoarzanno er braccio

Dirà: «Ssiggnori cavajjer der cazzo

Ricacàte ste croscee a l'infernaccio ».





91. LE CAMPANE


Le campàn de le cchiesesor Grigorio

Sò dde metall'infuso e bbattezzate

E vve fanno bbellissime sonate

A cchi ha cquadrini da pagà er mortorio


Nun c'è ddiasillao ppregoo rrisponzorio

Chear modo che le cose sò aggiustate

Pozzi mejjo d'un par de scampanate

Delibberà cchi ppena in purgatorio.


Da la condanna ch'er bon Dio je diede

Je se ne scala un anno pe oggni tocco

E ggiacubbino sia chi nnun ce crede.


E ppe cquesto quassúcchi nnun è ssciocco

Ner morí llassa l'obbrigo a l'erede

Che jje ne facci dà ttanti a bbajocco.





92. LE SERPE


E' ppropio veroè ppropio veroSanta

Ch'er monno s'è svortato. E nnu lo senti

Che llui tira le bbòtte a li serpenti

E l'archibbuscio suo nun je s'incanta?


Cent'anni fa... ma cche ccent'anni!ottanta...

Dínne meno: quarantatrentaventi

Diescianni addietrost'ommini imprudenti

Staveno freschi! e mmó llui se n'avvanta .


Una serpauna liperaun cerviotto

C'ammiravi o ppe tterra o ddrent'a un búscio

T'inciarmava la porvere de bbotto .


E nnun c'er'antro pe vvieninne a fine

Che ccaricà lo schioppo oll' archibbuscio

Cor nome de Ggesú ssu le palline.





93. ER TUMURTO


Ch'è stato? uh quanta ggente! E cch è ssuccesso?

Guardaguarda che ffolla ar Conzolato !

Volémo dí cche cc'è cquarc'ammazzato?

Nòssarà un ladro co li sbirri appresso.


Pò èsse forzi che sse sii incenniato...

Ma nnun ze vede fume. O ssii 'n ossesso?

Ahnnemmancope vvia c'ar temp'istesso

Tutti guarden in zú . Dunque ch'è stato?


S'arivòrteno mó ttutti a mman destra...

Vediarzeno le mane . Oh! ffussi un matto

Che sse vojji bbuttà da la finestra!


Rideno!... Oh ccristo! je vienghi la rabbia!

Nu lo vedi ch'edè ? Ttutto er gran fatto

E' un canario scappato da 'na gabbia.





94. LA NASSCITA DE ROMA


Oh Farzacappaoh Gàzzolioh Dandini

Vedéssivo li nostri Cardinali

Come staveno attenti co l'occhiali

A gguardà l'improvisi a li Sabbini ?


E cquanno inciafrujjorno scerti tali

Quelli lòro ingergacci de latini

Li vedévio a ddà ssotto co l'inchini

Pe nun fàsse conossce pe stivali?


E cquanno quer povèta scarzacane

Strillava "evviva Roma"eh? ccome allora

S'ammazzaveno a sbàtteje le mane !


Pe llòro infatti bbenedetta l'ora

Ch'è nnata Roma a rrigalajje un pane

Arrubbato a cchì ppena e a cchi llavora.





95. LA SCALA DE LI STROZZI


Caro leiva a ttentà li capoccioni

E ffiotta poi si jj'ariessce male?!

Cqua ppe sti ggiri sce sò le su' scale

Come da le suffitte a li portoni


Offerenno zecchini e ddobboloni

Addrittura ar zoggetto prencipale

Che ttiè in mano la penna ar Cardinale

C'è dd'abbuscasse un carcio a li cojjoni.


Er Zegretàr-de-Stato ha er zu mezzano:

Questo ha er zuo: l'antro un antro; e la strozzata

S'ha da spiggne a l'inzú dde mano in mano.


Er piú ggrossose sannaturarmente

Se pò ssempre tené a la riparata

De poté ddí cche nun ha avuto ggnente.





96. LI DANNATI


Fijjia ccasa der diavolo se vede

Tutt' in un mucchiofacceculi e ppanze

E ggnisuno llaggiú ppò stacce a ssede

Co le duvute e ddebbite distanze.


Figurateve mó ccosa succede

Fra cquelle ggente llà ssenza creanze!

Carcispintecazzotti: e ss'ha da crede

Scànnoli d'oggni sorte e ggravidanze.


Síggravidanze: e cchi ppò ddí er contrario?

Quanno se sa cc'ar giorno der giudizzio

Ce s'annerà cco ttutto er nescessario?


Ommini e ddonne! oh ddio che ppriscipizzio!

Come a l'inferno er Cardinal Vicario

Troverà mmodo da levajje er vizzio?





97. ER BATTESIMO DER FIJJO MASCHIO


Cosa sò sti fibbioni sbrillantati

Sto bber cappello novo e sto vistito?

Sta carrozza ch'edè ? cch'edè st'invito

De confettide vino e dde ggelati?


E li sparaggni tui l'hai massagrati

Cazzo-matto somaro sscimunito

Perché jjeri tu' mojje ha ppartorito

Un zervitore ar Papa e a li su' frati?!


Se fa ttant'alegriattanta bbardoria

Pe bbattezzà cchi fforzi è ccondannato

Prima de nasscea cojje la scicoria !


Poveri scechi ! E nnun ve sete accorti

Ch'er libbro de bbattesimi in sto Stato

Se potería chiamà "llibbro de morti"?





98. LI SORDATI BBONI


Subbito c'un zovrano de la terra

Crede c'un antro j'abbi tocco un fico

Disce ar popolo suo: «Tu sei nimmico

Der tale o dder tar re; ffàjje la guerra.»


E er popoloper sfugge la galerra

O cquarc'antra grazzietta che nnun dico

Pijja lo schioppoe vviaggia com' un prico

Che spedischino in Francia o in Inghirterra.


Ccusípe li crapicci d'una corte

Ste pecore aritorneno a la stalla

Co mmezza testa e cco le gamme storte.


E cco le vite sce se ggiuca a ppalla

Come quela puttana de la morte

Nun vienissi da lei senza scercalla .





99. LE MMALEDIZZIONE


Monziggnor nostro cor messale in mano

Du' schizzi d'acqua-santa e cquattro strilli

E' annato fora a mmaledí li grilli

E a pproibbijje de maggnasse er grano.


Circ'a l'inibbizzione de lo spano

Nun je se pò impuggnà ssenza cavilli;

Maar mi' poco ggiudizzioer maledilli

Nun me pare un'azzione da cristiano.


Grillitiggnòlebbagarozzi e rruche

Sò ccrature de Ddio come che nnoi:

Sola diverzità cche ssò ppiú cciuche .


Eh ccome dunque Monziggnor Croscifero

Pò mmaledillie ppredicacce poi

Ch'è inzin peccato a mmaledí Lluscifero?





100. L'UDITOR DE LA CAMMERA


L'A. C. nnovoin ner ceto de prelati

E' un de quelli de li tajji vecchi

E sse pò ddí lo specchio de li specchi

De li galantomoni incipriati.


Vedi come lo tratteno l'abbati

Scortichiniattacchini e mmozzorecchi ?

Tutti je vanno a ffà ssalamelecchi

E averàbbilia sconto de peccati.


«Co ttante spremiture de limoni»

Me disceva un copista de notaro

«Pare che sta canajja lo cojjoni.


E llui nun ze n'accorge: anzi l'ha a ccaro

Perchéffra ll'antri su' nummeri bboni

A ccervello sta peggio d'un zomaro.»





101. ER NEGROSCOPIO SOLARO ANDROMATICO


Mettémo da 'na partemastro Bbiascio

L'asceto che cce noteno l'inguille:

Lassamo stà la porvere der cascio

Piena d'animalacci a mmill'a mmille.


Dove a ggiudizzio mio merita un bascio

Quer negroscopio è ar vede in certe stille

D'acqua ppiú cciuche de capi de spille

Cressceve tanti mostri adasciadascio.


Questa è la cosa a mmé cche mm'ha incantato

E bbenedico sempre e in oggni loco

Er francese e 'r papetto che jj' ho ddato.


Questo è cc'ho ggusto assai d'avé scuperto

Perché ggià ll'acqua me piasceva poco

Ma dd' or impoi nun me la fa ppiú ccerto.




102. LI BBEATI


Nun è cche nnun ce ssiino Bbeati

Deggni e stradeggni de fa un passo avanti:

Er paradiso sbrullica de frati

Che mmoreno de vojja d'èsse Santi.


Nun è cch'er Papa se li sia scordati

Come se scorda de li nostri pianti:

Ché anzidoppo avelli proscessati

Voría cannonizzalli tutti quanti.


La raggione che ancora li tiè addietro

Ne la grolia scelesteè la gran spesa

De la funzione che cce vò a Ssan Pietro.


Eccolo er gran motivopoverini:

La miseria. E li Santi de la Cchiesa

Nun ze ponno creà ssenza quadrini.





103. LO STUFAROLO APPUNTATO


A tajjà in linci e squinci fra ccompaggni

Panze-nere par mii cosa sciabbusco ?

Viè la sera però ttra er lusch' e 'r brusco

Mentre servo li nobbili a li bbaggni.


Sentirai llí che pparoloni maggni!

Llí tte n'accorgerai come m'infusco

A sfoderà ssentenze e a pparlà ttrusco

Quanno me pò ffruttà bbravi guadaggni!


Senti che rrispostina arimbrunita

Appricai jjer a ssera a un Cardinale

Che ddimannò ssi ll'acqua era pulita.


«QuestoMinenzaè un barzimo illustrale

Che annetterebbe ir pelo in de la vita

Senza fà ttorto a lleipuro a un majale.»





104. LI DEBBITI


Nun zo mmorto: sò stato un anno e mmezzo

Carcerato pe vvia d'un creditore

Che ddoppo avemme limentato un pezzo

M'ha abbandonato con mi' gran dolore.


Io a sta vita sce sò ttanto avvezzo

C'oggni vorta che in grazzia der Ziggnore

Faccio un debbito novo e ariccapezzo

De tornà ddrentome s'allarga er core.


Che vviggna ! maggnà e bbeve alegramente

A ttutta cortesia de chi tt'avanza:

Dormí la nottee 'r giorno nun fà ggnente:


Stà in tanti amichi a rride in d'una stanza

O a la ferrata a cojjonà la ggente...

Ah! er debbituccio è una gran bella usanza!





105. LI BBATTESIMI DE L'ANTICAJJE


Su l'anticajja a Ppiazza Montanara

Ciànno scritto: "Teatro de Marcello" .

Bbisoggna avé ppancotto pe ccervello

Pe ddí una bbuggiarata accusí rrara.


Dove mai li teatri hanno er modello

A uso d'una panza de callara ?

Dove tiengheno mai quele filara

De parchetti de fora com'e cquello?


Pàssino un po' da Palaccorda e Ppasce :

Arzino er nas'in zúbbestie da soma:

Studino llíe sse faccino capasce


Quell'era un Culiseosori Cardei

Sti cosi tonni com'er culoa Rroma

Se sò ssempre chiamati Culisei.





106. LA BBELLEZA


Che ggran dono de Ddio ch'è la bbellezza!

Sopra de li quadrini hai da tenella :

Pe vvia che la ricchezza nun dà cquella

E cco cquella s'acquista la ricchezza.


Una cchiesauna vaccauna zitella

Si è bbrutta nun ze guarda e sse disprezza:

E Ddio stessoch'è un pozzo de saviezza

La madre che ppijjò la vorze bbella.


La bbellezza nun trova porte chiuse:

Tutti je fanno l'occhi dorci; e ttutti

Vedeno er torto in lei doppo le scuse.


Guardàmo li gattiniamico caro.

Li ppiú bbelli s'alleveno: e li bbrutti?

E li poveri bbrutti ar monnezzaro .





107. LA GOLACCIA


Quann'io vedo la ggente de sto monno

Che ppiú ammucchia tesori e ppiú ss'ingrassa

Piú ha ffame de ricchezzee vvò una cassa

Compaggna ar mareche nun abbi fonno


Dico: oh mmandra de scechiammassaammassa

Sturba li ggiorni tuipèrdesce er zonno

Traficaimpiccia: eppoi? Viè ssiggnor Nonno

Cor farcione e tte stronca la matassa .


La morte sta anniscosta in ne l'orloggi;

E ggnisuno pò ddí : ddomani ancora

Sentirò bbatte er mezzoggiorno d'oggi.


Cosa fa er pellegrino poverello

Ne l'intraprenne un viaggio de quarc'ora?

Porta un pezzo de panee abbasta quello.





108. ER ZOR GIUVANNI DAVIDE


Io sciò a la Valle du' coristi amichi

Che vvonno c'anni fa er zor Dàvide era

Un tenorone da venne in galera

Tutti li galli e li capponi antichi.


Ma ppe cquanto ho ssentito jjer a ssera

Me pare bben de ggiusto che sse dichi

Ch'è ddiventato un vennitor de fichi

O un chitarrinettaccio de la fiera .


Fa er nasinoha un tantin de raganella

Sfiata a ccommido suoggnavolastona

E sporcifica er mastro de cappella


Quanno la vosce nun ze tiè ppiú bbona

Invesce de cantà la tarantella

Se sta a ccasa e sse disce la corona.





109. LA CAUSA SCESARINI


Naturale ch'er Prencipe Turlonia

Ha d'aristà affilato e ttasciturno:

Se tratta mó cche in ner ziconno turno

La Sagra Rota ha da portallo ar quonia .


Dunque machinerà cquarche ffandonia

E cquarc'antro bber trafico nutturno

Come li primi imbrojji che cce furno

Pe mmannà la raggione in Babbilonia.


Vedi quante sentenze e cquanta ggente

Pe abbassà l'arbaggía a sti bboni mobbili

Che nun vonno un espurio pe pparente!


E jje s'hanno d'avé ttanti ariguardi

Quannoper cristoer ceto de li nobbili

:e ttutto un spedalone de bbastardi *!


*La poesia fu scritta all'epoca della prima proposizione del secondoturno del Tribunale della Rotadopo che Don Lorenzo aveva giàottenuto due decisioni favorevoli ed un "expediatur" dalprimo turno. Il 22 giugno 1835 in attesa dell'ultima e finaledecisionecomparve il seguente sonetto:


Sotto gli auspicii di cotal che adorna

Bestemmiandol'umano col divino

Nell'arena rotal Giulio Sforzino

La quarta volta a battagliar ritorna.


Creda il mondo peròseppur non torna

Lo inchiostro in latte e l'acqua fresca in vino

Che don Giulioe donn'Anna e don Marino

Saran disfatti e n'avran mazza e corna.


E tempo è ben che cessi il vitupero

Di madri e di sorelle snaturate

Che infannan sé per offuscare il vero.


Oh Giudici di Diovoi le salvate

Ributtando il rossor dell'adultero

Sull'avarizia e sul mentir d'un frate .





110. ER FRUTTO DE LA PREDICA


Letto ch'ebbe er Vangeloin piede in piede

Quer bon padre Curato tanto dotto

Se piantò cco le chiappe sul paliotto

A spiegà li misteri de la fede.


Ce li vortò de sopra e ppoi de sotto:

Ciariccontò la cosa come aggnede ;

E de bbone raggione sce ne diede

Piú assai de sei via otto quarantotto.


Riccontò 'na carretta de parabbole

E cce ne fesce poi la spiegazzione

Come fa er Casamia doppo le gabbole .


Inzommada la predica de jjeri

Ggira che tt'ariggirain concrusione

Venissimo a ccapí cche ssò mmisteri.





111. LA BBATTAJJA DE GGEDEONE.ì


Li trescento ggiudii de Ggedeone

Se n'aggnédeno dunque a ffila a ffila

Armati inzin' all'occhi d'una pila

D'una fiaccola drentoe dd'un trombone.


Arrivati poi llàccome che sfila

La truppa de li bballi a Ttordinone

Girònno tante vorte in priscissione

Che de trescento parzeno tremila.


Quanno "tutúttutú"lle pile rotte

Torce all'ariatrescento ritornelli

E li nimmichi ggiú ccom'e rricotte.


E mmó ttutti st'eserciti cojjoni

Invesce d'annà in guerra com'e cquelli

Se metteno a spregà ttanti cannoni!





112. L' AFFARUCCI DE LA SERVA


TièPpippointanto maggnete sto petto

De bbeccaccia in zarmí cch'è ttanta bbona.

E ecco le sarcicce e la fettona

De pane casareccio che tt'ho ddetto.


A ssei ora viè ppoi p'er vicoletto

E sta' attent'a l'orloggio quanno sona;

Ch'io pe ssolito allora la padrona

L'ho ggià bbell' e spojjata e mmess' a lletto.


Un quarto doppo io te darò er zeggnale

Tirerò er zalissceggnee ttu vvia via

Sscivola in ner portone e ppe le scale.


Come sei ddrento ppoinun fà er balordo:

Va' dritto dritto in ne la stanzia mia

Perché la padroncina è ggià d'accordo.





113. LA SSCERTA DER PAPA


Sò ffornasciarosíssò ffornasciaro

Sò un cazzacciosò un tufosò un ccojjone:

Ma la raggione la capisco a pparo

De chiunque sa intenne la raggione.


Sscejjenno un Papasor dottor mio caro

Drent'a 'na settantina de perzone

E mmanco sempre tanteè ccaso raro

Che ss'azzecchino in lui qualità bbone


Perché ss'ha da creà ssempre un de loro?

Perché oggni tanto nun ze fa ffilisce

Un brav'omo che attenne ar zu' lavoro?


Mettémo caso : io sto abbottanno er vetro?

Entra un Eminentissimo e mme disce:

Sor Tittaè Ppapa lei: vienghi a Ssan Pietro.





114. LE CRATURE


Voi sentite una madre. Ammalappena

La cratura c'ha ffatta ha cquarche ggiorno

Ggià è la prima cratura der contorno

E ssi jje dite che nun èvve mena.


Conossce tuttidisce tuttoè ppiena

D'un talento sfonnatoè ffatta ar torno

Va cquasi solaè ttosta come un corno

E ttant'antri prodiggi ch'è una sscena.


E sta prodezza poi sarà un scimmiotto

Tontomosscioallupatopiaggnolone

Pien de bbava e llattime e ccacca-sotto.


A le madrese sali strilli e 'r piaggne

Je pareno ronnò dde Tordinone .

Le madre ar monno sò ttutte compaggne.





115. ER FERRARO


Pe mmantené mmi' mojjedu' sorelle

E cquattro fijji io so c'a sta fuscina

Comincio co le stelle la matina

E ffinisco la sera co le stelle.


E cquanno ho mmesso a rrisico la pelle

E nnun m'arreggo ppiú ssopr'a la schina

Cos'ho abbuscato ? Ar zommo una trentina

De bbajocchi da empicce le bbudelle.


Eccolo er mi' discorzosor Vincenzo:

Quer "chi ttanto e chi ggnente" è 'na commedia

Che mm'addanno oggni vorta che cce penzo.


Come!io dicotu ssudi er zangue tuo

E ttratanto un Zovrano s' una ssedia

Co ddu' schizzi de penna è ttutto suo!





116. LI PERICOLI DER TEMPORALE


"Santus DeoSanttusfòrtisi"che scrocchio !

Serraserra li vetriRosalia;

Chéssarv'oggnunoviè una porcheria

Te sfraggnenun zia maicom'un pidocchio.


Puro lo sai quer c'aricconta zia

C'assuccesse a la nonna der facocchio

C'arrivò un tòno e la pijjò in un occhio

Che mmanco poté ddí ggessummaria.


E la sòscera morta de Sirvestra?

Stava affacciata; e cquella je disceva:

«Prestoché ss'arifredda la minestra.»


E vvedenno che llei nun ze moveva

L'aggnéde a stuzzicà ssu la finestra...

Cascò in cennere llí cco cquanto aveva !





117. ER CEL DE BBRONZO


E' inutile ch'er tempo sciariprovi .

Scop i appena du' nuvole lontane

E ariecco dà ssú le tramontane

E da capo è impussibbile che ppiovi :


Disce a vvedé le campaggne romane

E' un piantoè un luttosò ffraggelli novi.

Li cavallile pecoreli bbovi

Manco troveno l'acqua a le funtane.


Nun c'è ggnisun procojjo o mmassaría

Che ppe la sete e la penuria d'erba

Vadi assente da quarche appidemía .


Moreno inzin le bbufole e li bbufoli!

St'annosi la Madon de la Minerba

Nun ce penzase maggna un par de sciufoli .





118. LE VISITE DER CARDINALE


La padrona sopporta quer zonajjo

Der Cardinalepe ffà un stato ar fijjo

E pperché in un bisoggno e in quarch'incajjo

Sempre è cquell'omo che ppò ddà un conzijjo.


Je se legge però llontano un mijjo

La nojaer vortastommico e 'r travajjo

Benchéar venijje sú cquarche sbavijjo

Se l'annisconni lei sott'ar ventajjo.


Vedi sta stanzia? Cqua cce viè un convojjo

De ttutta ggiuventú dd'oggni miscujjo.

Bbe'appena arriva Su' Eminenzaè un ojjo .


Leila padronase tiè ssú a la mejjo;

Ma de tutto quell'antro guazzabbujjo

Nun ce n'è uno c'arimani svejjo.





119. ER TEMPORALE DE JJERI


Ciamancava un bon quarto a mmezzanotte

Quannotutt'in un bòtto (oh cche spavento!)

Sentíssimo un gran turbinee ar momento

Cascà cqua e llà ll'invetriate rotte.


Diventò er celo un forno accesoeddrento

Li furmini pareveno paggnotte.

Pioveva fococome cquanno Lotte

Scappò vvia ne l'Antico Testamento.


L'acquaer ventoli tonile campane

Tutt'assieme fascéveno un terrore

Da atturasse l'orecchie co le mane .


Ebbe pavura inzin Nostro Siggnore ;

Ma ppe Rroma nun morze antro c'un cane.

Cusí er giusto patí pp' er peccatore.





120. RICCIOTTO DE LA RITONNA


Chi? Vvoi? dove? co quella propotenza?

Voi sete er gruggno de spaccià cqui accosto?

Voi cquapper dionun ce piantate er posto

Manco si er Papa ve viè a ddà lliscenza.


Via sti canestrialóbbrutta schifenza.

E cc'è ppoco co mmé da facce er tosto

Ch'io sò ffigura de maggnatte arrosto

E mme te metto all'anima in cusscenza .


Si tte scechi de fà 'n' antra parola

Lo vedi questo ? è bbell'e ppreparato

Pe affettatte er fiataccio in ne la gola.


State pe ttistimoni tutti quanti

Che sto ladro de razza m'ha inzurtato

E mm'è vvienuto co le mano avanti.





121. ER MORTORIO DE LA SORA MITIRDA


Zitto... ecco che la portenoPresede .

Senti?... intoneno adesso er risponzorio.

Guarda... principia ggià a sfilà er mortorio.

Bbeata lei e cchi la pò arivede !


Oh a cquest'anima sí cquasi è de fede

Ch'è inutile la messa a Ssan Grigorio .

Oh cquesta nun ha ttocco er Purgatorio

Manco coll'oggna d'un detin de piede.


Commare miaè mmorta una gran donna

C'aveva pe l'affritto e 'r poverello

Tutta la carità de la Madonna.


In quelo stato e cco cquer viso bbello

Trovene ar monno d'oggi la siconna

Che ttratti chi nun ha ccome un fratello.





122. L'AMMALATIA DER PADRONE


Sta mmale accusí bbenepoverello

Che mmó ha ffatto inzinenta l'occhi storti;

E er medicoche Cristo se lo porti

Disce che ttutto er male è in ner cervello.


Piaggnesmaniasospira... pe un capello

Va ssu le furie... e in ne l'inzurti forti

Nun ved'antro che ccassebbeccamorti

Curatisepporturefarfarello ...


Io pe mmé jje l'ho ddetto a la padrona:

«Siggnora miama pperché nnun provamo

Quarc'antra mediscina che ssia bbona?»


Ggnente. Lei me se striggne in ne le spalle

E sse mette ar telaro der ricamo

A llavorà li fiori de lo scialle.





123. LE DIMANNE A TTESTA PER ARIA


Quanno lòro s'incontrenoBbeatrisce

Tu averessi da stà ddietr'un cantone.

«Oh ccaro sor Natale mio padrone!» -

«Umilissimo servosor Filisce.» -


Disce: «Ne prende ?» - «Grazzie tante»disce. -

«Come sta?» - «Bbenee llei?» - «Grazziebbenone.» -

Disce: «Come lo tratta sta staggione?» -

Disce: «Accusí: mmi fa mmutà ccamisce. » -


Disce: «E la su' salute?» - «Ehnun c'èmmale.»

«E la sua » disce. - «Aringrazziam'Iddio.»

«E a ccasa?» - «Tutti;. E a ccasa sua?» -«L'uguale.» -


«Ne godo tanto.» - «Se figuri io.» -

«Ohddunque se conzervisor Natale.» -

«Ciarivediamosor Filisce mio.»





124. LA MOJJE GGELOSA


Io ve dico accusí cche nun zò ttonta :

Io ve dico accusífijja mia bbella

Che vvoi sete una bbrava puttanella

Sete una bbona faccettaccia pronta.


Guarda si cche ffigura che ss'affronta!

Guarda che bber proscede da zitella!

Sízzitelluccia come la vitella

A ddu' bbajocchi e mmezzo co la ggionta .


Tu ariviè a cciovettà cco mmi' marito

Si cce vòi avé ggusto: tu ariviecce

Un'antra vortagruggnettaccio ardito


E mme te bbutto sopra quant'è vvero

La Madonna: t'aggranfio pe le trecce

T'arzo la vestae tte fo er culo nero.





125. LE SCUSE DE GHETTO


In questo io penzo come penzi tu:

Io l'odio li Ggiudii peggio de te;

Perché nun zò ccattolichie pperché

Messeno in crosce er Redentor Gesú.


Chi aripescassi poi dar tett'in giú

Drento a la lègge vecchia de Mosè

Disce l' Ebbreo che cquarche ccosa sc'è

Ppe scusà le su' dodisci tribbú.


Ddefattidisce luiCristo partí

Dda casa suae sse ne venne cqua

Cco l'idea de quer zanto venardí.


Ddunqueseguita a ddí Bbaruccabbà

Subbito che llui venne pe mmori

Cquarchiduno l'aveva da ammazzà.





126. LE CAPPELLE PAPALE


La cappella papale ch' è ssuccessa

Domenica passata a la Sistina

Pe tutta la quaresima è ll'istessa

Com'è stata domenic' a mmatina.


Sempre er Papa viè ffora in portantina:

Sempre quarche Eminenza canta messa;

E cquello che ppiú a ttutti j'interressa

Sc'è ssempre la su' predica latina.


Li Cardinali sce stanno ariccorti

Cor barbozzo inchiodato sur breviario

Com'e ttanti cadaveri de morti.


E nun ve danno ppiú sseggno de vita

Sin che nun le s'accosta er caudatario

A ddijje: «Eminentissimoè ffinita.»





127. LA PADRONA BBIZZOCA


L'osso-duro de casa è ddonna Teta

La sorella ppiú ggranne der padrone

Che ssagràta e sse mozzica le deta

si la ggente nun fa ll'opere bbone.


Disce: «Set'ito a mmessa oggiLarione ?»

Dico: «Sí.» - «E ddove?» - «ASsan Zimon Profeta .»

«A cche ora?» - «Un po' ddoppo er campanone.»-

«E de che ccolor'era la pianeta?»


Allora me zompornoe jj' arispose :

«Ohssa cche jj' ho da dí? Cquann'io sto a mmessa

Sento messa e nun bado a ttante cose.


Saría bbella ch'er prete da l'artare

Scutrinassi la robba che ss'è mmessa

La ggente! oggnuno va ccome je pare.»





128. ER ZEPORCRO IN CAPO-LISTA


Chi vvò ggode un zeporcro stammatina

Che tt'arillegri e cche tte slarghi er core

Bbisoggna annà a Ppalazzoe avé l'onore

D'èsse in farde e dd'entrà a la Pavolina .


Che pparadis'in terra! che sprennore !

Quante cannele ! e ttutta scera fina.

Pare un inferno! E tt'assicuroNina

Che cce potrebbe stà un Imperatore.


Io sciappizzai l'antr'anno de sti tempi

E mm'aricordo sempre d'avé ddetto

Che sti sfarzi che cqua ssò bbrutti esempi.


Per via ch'er Gesucristo de le cchiese

Che sse vede trattà da poveretto

Pò ssartà in bestia e bbuggiarà er paese.





129. SAN VINCENZ'E SSATANASSIO A TTREVI


Tu tte sbajji: nun è in una cappella

E' ppropiamente su a l'artar maggiore .

Lí stanno li precòrdichiPacchiella

D'oggni Sommo Pontescife che mmore.


Che mme bburli? te pare poco onore?

Drent'una cchiesa er corpo in barzamella

E ddrent'un'antra li pormonier core

Er fedigola mirza e le bbudella!


Morto un Papasparato e sprufumato

L'interiori santissimi in vettina

Se conzeggneno in mano der curato.


E llui co li su' bboni fratiscelli

L'alloca in una spesce de cantina

Ch'è un museo de corate e de sciorcelli .





130. LA LEZZIONE DE PAPA GRIGORIO


Quanno sparò er cannoneBbeatrisce

Dava la pappa ar fijjo piccinino:

Mi' marito pippavae Ggiuvacchino

Se spassava a mmaggnà ppane e rradisce .


Peppandrèa s'allustrava la vernisce

De la tracolla; e io stavo ar cammino

A accenne cor zoffietto uno scardino

De carbonella dorce e de scinisce .


M'aricorderò ssempre che ssonorno

Sedisci men un quarto. Io fesce allora:

«Sciamancheno tre ora a mmezzoggiorno.»


Fra cquinisci e ttre cquarti e ssedisciora

Se creò ddunque er Zanto Padreer giorno

Dua frebbaro che ffu la Cannelora .





131. L'USCELLETTI DE RAZZA


Doppo ch'er gatto tuo diede la fuga

Ar mi' cardellola madre Vicaria

M'arigalò un canario e una canaria

Ggialli come du' scicci de lattuga.


Quanti sò ccari! Lei sciangottaruga

Spizzica er becco ar maschioe cce se svaria ;

E questo cantaquanno sente l'aria

Come er fischietto a acqua che sse suga .


Mó la femmina ar nido ha ffatto l'ova

E cquanno va a mmaggnà la canipuccia

Presto vola er marito e jje le cova.


Si ttu vvedi la femminacoll'ale

Mezz'aperte covanno in quela cuccia

Pare un Papa in zedione cor piviale.





132. ER VIAGGIO ALL'ESTRO


Forzi sarà bbuscíama cquarchiduno

Che sta in artis e ccrede de sapello

Disce c'ar Papa je va pp' er cervello

D'uggne le rote e scarrozzà a Bbelluno .


Bbravo! farà bbenissimo; e ggnisuno

Pò nnegajje c'un viaggio com'e cquello

E' ssempre mejjo che de stà a Ccastello

A ppescacce le tinche p' er diggiuno.


Quadrini n'ha d'avanzo: passaporto

Se lo firma da sé: ddunque ha rraggione

E accidenti a llui chi jje dà ttorto.


Eppoiquer tornà Papa tra pperzone

Che tt'hanno visto scicorietta d'orto

Dev'èsse un gran gustaccio bbuggiarone .





133. LA CASA DI DIO


Cristo perdona oggni peccato: usuria

Cortellatetumurti der paese

Bbuscíegolositàccaluggneoffese

Sgrassazzione in campaggna e in ne la curia


Tutto: ma in vita sua la prima ingiuria

Ch'ebbe a vvede ar rispetto de le cchiese

Lui je prese una bbuggeraje prese

Ch'esscí de sesto e ddiventò una furia.


E ffascenno la spuma da la bbocca

Se messe a ccurre in ner ladrio der tempio

Cor un frustonee ggiú a cchi ttocca tocca.


Questa è ll'unica lite c'aricorda

Er Vangelo de Cristoe nnun c'è esempio

Che mmenassi le mane un'antra vorta.





134. LA PURCIAROLA


Io nun trovo dilizzia uguale a cquesta

Che de stamme a spurcià ssera e mmatina

La camisciaer corzèla pollacchina

Le legacce e le grespe de la vesta.


Si le purce sò assaipe ffalla lesta

Le sgrullo tutte in d'una cunculina :

Si nnò l'acchiappo co le mi' detina

Je do una sfrantaeppoi je fo la festa .


Oggnuno ha li su gusti appridiletti.

Io ho cquello de le purceeccoe mme piasce

D'acciaccalle e ssentí cqueli schioppetti.


E cche ddirete der nostro Sovrano

Che sse ne sta a ppalazzo in zanta pasce

A ccacciasse le mosche er giorno sano?





135. L'ARTE MODERNE


Questo pell'arte è un gran zecolo raro!

Viè er padrone e mme disce: «Furtunato

Va cqui ggiú da Scipicchia er mi' libbraro

Che tte dii quer Bruttarco c'ho ccrompato.»


Vadolui me dà un libbroe«Ffratel caro»

Disce«guardate che nun è ttajjato .»

Io me lo pijjoe usscito che ssò ar chiaro

L'opro e mm'accorgo ch'è ttutto stampato.


Stampà un libbro va bbe'; mma inventà ll'usi

Da potesse poté stampà la stampa

Su le facciate de li fojji chíusi!


Io sce scommettoche ssi cqua sse campa

Un po' ppiú a llongol'ommini so mmusi

Da fa scrive un zomaro co la zampa.





136. LE MMALEDIZZIONE


Chi bbiastimassi san Pietro e ssan Pavolo

Saría ppiú ppeggio; ma nnemmanco poi

Sta bbene l'antr'usanzacaro voi

De dí 'ggnisempre "mmaledetto er diavolo".


Pe mmé ccome l'intènno ve la sfravolo .

Er demoniosú o ggiúvòi o nnun vòi

E' ccratura de Ddio quanto che nnoi

Che lo tenémo pe un torzo de cavolo.


Bbelle raggione de jjachemantonio !

Tutti li torti abbi d'avelli ar monno

Quer povero cristiano der demonio!


Perché sto mmaledíllo in zempiterno?

Eh lassàmolo in pasce in ner profonno

De le su' sante pene de l'inferno!





137. ER LUTTO P' ER CAPO DE CASA


Circa a la morte sua nun guardàLlello

Che la povera vedova e li fijji

Pàreno tutt'e ttre ggrassi e vvermijji

Perché una cosa è ccoreuna è ccervello.


Cocco miosi li ggiudichi da quello

Tu ppijji un fischio per un fiascopijji.

Nun je li vedi a llei queli scompijji

Nerie a llòro er coruccio sur cappello?


Nun vanno mai... ciovè vvanno pe ttutto

Ma ssempre addoloratipoveracci!

E stanno addietro sin che ddura er lutto.


Anzi lei disse jjeri a ccert'amiche:

«Nun vedo l'ora de bbuttà sti stracci

Pe rrifà un po' de le caggnare antiche.»





138. ER DILETTANTE DE PONTE


Viengheno : attenti: la funzione è llesta .

Ecco cor collo iggnudo e ttrittichente

Er prim'omo dell'operaer pazziente

L'asso a ccoppeer ziggnore de la festa.


E ecco er professore che sse presta

A sserví da scirúsico a la ggente

Pe ttre cquadrinie a tutti ggentirmente

Je cura er male der dolor de testa.


Ma nnò a mman mancanò: ll'antro a mman dritta.

Quello ar ziconno posto è ll'ajjutante.

La proscedenza aspetta a mmastro Titta .


Volete inzeggnà a mmé cchi ffà la capa ?

Io cqua nun manco mai: sò ffreguentante ;

E er boia lo conosco com'er Papa.





139. LA CURA SICURA


Che ccosa sc'è da rimanecce stàtichi

E de stacce accusí smiracolati ?

Ma ggiàvve compatiscosciorcinati :

De st'asscenze che cqui nnun zete pratichi.


Io ve dico c'a ttutti l'ammalati

De dojje isterne e ddolor aromatichi

Je se dà ll'ojjo d'àrcadi volatichi

In certi bbottoncini smerijjati.


L'antro mese ch'io stiede a lo spedale

Pe la scommessa mia che mme maggnai

Sei libbre de porcina de majale


Sto segreto scuperto io l'imparai

Da Ambroscione er facchin de lo spezziale

Che ppuro lui sce n'ha gguariti assai.





140. L'ACCIMATURE DE LA PADRONA


Se va a la Vallesímma cchi ssa cquanno!

attaccatoè attaccato: ehla siggnora

La carrozza la vò ssempre a bbon'ora

Eppoi l'inchioda ggiú in cortile un anno.


Cosa fa adesso? Adesso se sta armanno

A la toletta; e avanti che sta mora

Se facci bbianca e n'ariscappi fora

Ggià le ggente ar teatro se ne vanno.


Prima de congeggnà ttutte le stecche

De situà li cusscinetti ar posto

De stiracchià cquele pellacce secche


(Tutte imprese da fasse d'anniscosto

Secunnum òrdine Merchisedecche )

Principia a llujjo e ttermina d'agosto.





141. RIFRESSIONE IMMORALE SUR CULISEO


St'arcate rotte c'oggi li pittori

Viengheno a ddiseggnà cco li pennelli

Tra ll'arberettile crosceli fiori

Le farfalle e li canti de l'uscelli


A ttempo de l'antichi imperatori

Ereno un fiteatroindove quelli

Curreveno a vvedé li gradiatori

Sfracassasse le coste e li scervelli.


Cqua llòro se pijjaveno piascere

De sentí ll'urli de tanti cristiani

Carpestati e sbranati da le fiere.


Allora tante stragge e ttanto lutto

E adesso tanta pasce ! Oh avventi umani!

Cos'è sto monno ! Come cammia tutto!





142. CHI CCERCA TROVA


Se l'è vvorzúta ' lui: dunque su' danno.

Io me n'annavo in giú pp' er fatto mio

Quann' ecco che l'incontroe jje fo: «Addio.»

Lui passae mm'arisponne cojjonanno.


Dico: «Evviva er cornuto» e er zor Orlanno

(N'è ttistimonio tutto Bborgo-Pio )

Strilla: « Ah ccaroggnaimpara chi ssò io ;»

E ttorna indietro poi come un tiranno.


Come io lo vedde cor cortello in arto

Co la spuma a la bbocca e ll'occhi rossi

Cúrreme addosso pe vvení a l'assarto


M'impostai cor un zercio e nnun me mossi.

Je fesci fà ttre antri passie ar quarto

Lo pres'in frontee jje scrocchiorno l'ossi .





143. MADAMA LETTIZZIA


Che ffa la madre' de quer gran colosso

Che ppotava li Re cco la serecchia ?

Campa de cunzumènnun butta un grosso

Disce "uí" e "nnepà"sputa e ssespecchia ;


Sta ssopr'a un canapèppovera vecchia

Impresciuttita llí ppeggio d'un osso;

E ha ppiú ccarne sto gatto in d' un' orecchia

Che ttutta quella che llei porta addosso.


A ccolori è er ritratto d'un cocommero

Sano : un stinco je bbatte co un ginocchio ;

E ppe' la vita è diventata un ggno'mmero .


Cala oggni ggiorno e vva sfumanno a occhio.

Semo all'ammèn-Gesú: ssemo a lo sgommero :

Semo all'urtimo conto cor facocchio .





144. LA MADONNA DE LA BBASILICA LIBBRERIANA


Che ppriscissione! Oh ddiostateve quieti

Ch'io vorze annacce pe li mi' peccati?

Vennero tre ddiluvi scatenati

Da intontí li padriarchi e li profeti.


Li preti nun pareveno ppiú ppreti

Li frati nun pareveno ppiú ffrati

Ma ppanni stesipurcini abbaggnati

Trippettescolabbrodisottasceti...


Li vedevi cantanno lettaníe

Chi in cottachi in pianetachi in piviale

Scappà ppe li portoni e ll'osterie.


Inzommaggente miafu una faccenna

Che inzino la Madonna e 'r Cardinale

Doverno fà la sparizzion de Vienna .





145. LA ZITELLA AMMUFFITA


E' inutile pe mméssora Nunziata

De dimannamme si mme faccio sposa .

Io nun zò Llutucardaio nun zò Rrosa

Per èsse bbenvorzúta e ariscercata .


Pe mmé ppovera mmerda è un'antra cosa.

Nun me sò inzin' adesso maritata

E ccreperò accusí; perch'io sò nnata

Sott'a cquella stellaccia pidocchiosa .


Ciarlàveno der coco; ma ssu cquello

Nun c'è vverzo da facce capitale:

Sta ppiú fforte der maschio de Castello .


Bbastaaspettamo un po' sto carnovale

Si ccapitassi quarche scartarello:

Lassàmo fà ar Ziggnore e a ssan Pasquale .





146. LA MADON DE LA NEVE


La Madòn de la Neve è una Madonna

Diverza assai da la Madòn de Monti

Da quell'antra viscin' a Ttor de Conti

E da quella der Zasso a la Ritonna .


Sopra de lei m'ariccontava nonna

Fra ttant'antri bbellissimi ricconti

'Na storia vera da restacce tonti

Che nnun ze n'è ppiú intesa la siconna.


Ciovè cche un cinqu'agostoa ora scerta

Nevigò in zimetría su lo sterrato

Fra Vvilla Strozzi e 'r Palazzo Caserta .


E intanto un Papa s'inzoggnò un sprennore ;

E «Vva'» ss'intese dí: «ddov'ha ffioccato

Fa' ffrabbicà Ssanta Maria Maggiore.»





147. ER CECO


Luiprima de scecasse in sta maggnera

Negozziava de nocchie bbell'e mmonne ;

E adesso campa cor girà la sera

Vennenno lettaníe pe le Madonne.


Co 'na voscetta liggèra liggèra

Incomincia a ccantà: "Ccrielleisonne

Cristelleisonne..."e cquela strega nera

De la mojje sbavijja e jj' arisponne.


Lui scià ffisse da venti a ttrenta poste

A un pavoletto o ddu' carlini ar mese

Che ppoi tutti finischeno dall'oste.


Sto sceco inzomma campa d'orazzione

Come fanno li preti ne le cchiese.

Nun ve pare una bbella professione?





148. ER PUPO


Che bber ttruttrù ! Oh ddio mio che cciammellona !

Nòpprima fate servo a nnonno e zzio.

Fàteje servoviasciumàco mio

E ppoi sc'è la bbebbella e la bbobbòna .


Bbravo Pietruccio! E ccome fa er giudío?

Fa aéo ? bbravo Pietruccio! E la misciona ?

Fa ggnào? bbravo Pietruccio! E cquanno sona ?

Fa ddindí? bbraavo! E mmóddove sta Iddío?


Sta llassú ? bbraavo! Ebbè? e la pecorella?

Fate la pecorella a zzio e nnonno

Eppoi sc'è la bbobbòna e la bbebbella.


Ohzzittozzittovia: nòonnu la vònno.

Eccolo er cavalluccio e la sciammella...

Ehsse stranissce un po'mma è ttutto sonno.





149. LA FAMIJJA POVERELLA


Quietecrature miestateve quiete:

Síffijjizittiché mmommó vviè ttata.

Oh Vvergine der Pianto addolorata

Provedeteme voi che lo potete.


Nòvvisscere mie carenun piaggnete:

Nun me fate morí ccusí accorata.

Lui quarche ccosa l'averà abbuscata

E ppijjeremo er panee mmaggnerete.


Si ccapíssivo er bene che vve vojjo!...

Che ddichiPeppe? nun vòi stà a lo scuro?

Fijjocom'ho da fà ssi nun c'è ojjo?


E ttuLlallache hai? Povera Lalla

Hai freddo? Ebbènnun méttete llí ar muro:

Viè in braccio a mmamma tua che tt' ariscalla .





150. AMALIA CHE FFA DA AMELIA


Io compatisco assai chi nun ha intesa

La Bbettini a la Valle. Ahssi la senti!...

Bbast' a ddí cche sti nobbili scontenti

Sce stanno zzitti come fussi in chiesa.


Jer a sseraa li su' scontorcimenti

E in ner vedella su cquer lettostesa

Io sciò ssudato freddoe mme sò ppresa

La mi' povera lingua tra li denti.


Sori Romani miive do un avviso.

Quella nun è una donna de sto monno:

E' una fetta der zanto paradiso.


L'oro? E' ppoco pe llei. Nun è ppremiata.

Dunque che je daressi ? Io v'arisponno:

La gujja de San Pietro imbrillantata.





151.

L'ENTRONE DER TEATRO.


Er ber zentí è la folla de paíni

Quanno ch'essce la folla da la Valle .

«Chi è cquella? - Bbenemiocche ppar de spalle!

Guarda sta vecchia come spaccia inchini! -


Ecco ecco er novo duca Sceserini

Chi appoggia ? - Ohévve piasce quelo sscialle?

Ggià mme capite... - Oh ddio quanto sò ggialle

Ste regazze!... E pperché? Nu l'indovini? -


La Contessa stasera sta in brillanti. -

Di' ffonni de bbicchieri. - Uhvvedi vedi:

Passa la scuffiarinaE mmamma avanti! » -


E intanto che ss'aspetta la carrozza

Tra er gioco de le mane e de li piedi

La Compaggnia de San Martino abbozza .





152. L'AVOCATO COLA


Ma eh? Cquer povero avocato Cola!

Da quarche ttempo ggià ss' era ridotto

Che ssí e nnò aveva la camiscia sotto

E jje toccava a ggastigà la gola .


Ma ppiuttosto che ddí cquela parola

De "carità"piuttosto che ffà er fiotto

Se venné ttutto in zette mesi o otto

For de l'onore e dd'una ssedia sola.


Mó un scudomó un testonemó un papetto

Se maggnòddisgrazziato!a ppoc' a ppoco

Vestiariobbiancheriamobbili e lletto.


E ffinarmente poisu cquela ssedia

Senza panesenz'acqua e ssenza foco

Ce serrò ll'occhi e cce morí dd'inedia .





153. LO SPIAZZETTO DE LA CORDA AR CORZO


Prima la corda ar Corzo era un supprizzio

Che un galantomo che l'avessi presa

Manco era bbono ppiú a sserví la cchiesa

Manco a ffà er ladro e a gguadaggnà ssur vizzio.


Finarmente li pretic'hanno intesa

La raggionein quer po' de frontispizzio

Ce fanno arzà una fetta de difizzio ;

Ma cchi ll'arzape mmébbutta la spesa.


Come se pò ttrovà ggente bbalorda

Che vvojji mette er letto indove un giorno

Passava propio er trave co la corda?


A mmé mme parerebbe a un bon bisoggno

De vedemme oggni sempre er boja attorno

E cqueli laggni de sentilli in zoggno.





154. ER TEMPO DE FRANCESI


Un po' ppiú cche ddurava Napujjone

Co quell' antri monzú scummunicati

Roma veniva a ddiventà Ffrascati

Schifanoiao Ccastel-Formicolone .


E ssedutee ddemanioe ccoscrizzione

Ggiuramenti a li preti e a l'avocati

Carc'in culo a le moniche e a li frati

Case bbuttate ggiúcchiese a ppiggione...


Li monziggnori in Corzica o a Ssan Leo:

Li vescovi oggni sempre sur pitale

Pe la paura de cantà er Tedèo :


Er Papa a Ffontebbrò : Mmontecavallo

Vòto; San Pietro vòto; e un cardinale

Nun lo trovàvio ppiú mmanco a ppagallo .





155. PAPA GRIGORIO A LI SCAVI


«Bbene!»disceva er Papa in quer mascello

De li du' scavi de Campo-vaccino :

«Bber búscio ! bbella fossa! bber grottino!

Bbelli sti serci ! tutto quanto bbello!


E gguardate un po' llí cquer capitello

Si mmejjo lo pò ffà uno scarpellino!

E gguardate un po' cqui sto peperino

Si nun pare una pietra de fornello !»


E ttratanto ch' er Papa in mezzo a ccento

Archidetti e antiquari de la corte

Asternava er zu' savio sintimento


La turbamezzo piano e mmezzo forte

Disceva: «Ah! sto sant' omo ha un gran talento!

Ahun Papa de sto tajjo è una gran zorte!»





156. LA CUSCINA DER PAPA


Co la cosa ch'er coco m'è ccompare

M'ha vvorzuto fa vvéde stammatina

La cuscina santissima . Cuscina?

Che ccuscina! Hai da dí "pporto de mare".


Pilemarmittepadellecallare

Cossciotti de vitella e de vaccina

Polliovalattepessceerbeporcina

Cacciae 'ggni sorte de vivanne rare.


Dico: «Pròsite a lleisor Padre Santo.»

Disce: «Eppoi nun hai visto la dispenza

Che de ggrazzia de Ddio sce n'è antrettanto.»


Dico: «Ehscusatepovero fijjolo!

Ma ccià a ppranzo co llui quarch'Eminenza?»

«Nòo» ddisce«er Papa maggna sempre solo.»





157. ER DESERTO


Dio me ne guardiCristo e la Madonna

D'annà ppiú ppe ggiuncata a sto precojjo .

Prima... che pposso dí?... Prima me vojjo

Fà ccastrà dda un norcino a la Ritonna .


Fà ddiesci mijja e nun vedé una fronna !

Imbatte ammalappena in quarche scojjo!

Dapertutto un zilenzio com' un ojjo

Che ssi strilli nun c'è cchi tt'arisponna!


Dove te vorti una campaggna rasa

Come sce sii passata la pianozza

Senza manco l'impronta d'una casa!


L' unica cosa sola c'ho ttrovato

In tutt' er viaggioè stata una bbarrozza

Cor barrozzaro ggiú mmorto ammazzato .





158. ER ZEGRETO


Ner fà a l'amore un goccio de segreto

Quanto è ggustoso nun potete crede

Piú assai der testamento pe un erede

Piú assai de li piselli co l' aneto .


Fàsse l'occhiettostuzzicasse er piede

Toccasse la manina pe ddereto

Spasseggià ppe li tetti e pp' er canneto

Mentre er prossimo tuo sta in bona fede;


Dasse li rigaletti a la sordina

Annà scarzi e a ttastone a mmezza notte

Eppoi fàcce l'indiani la matina...


Io voría chiede a le perzone dotte

Per chè mmotivo quer passa-e-ccammina

E cquele furberie sò accusí jjotte .





159. LE DONNE A MMESSA


Sposaè bbona la messa? - E' bbonaè bbona. -

Bbe'mmettémose cquassora Terresa ... -

NoTtota ; io vado viache ggià ll' ho intesa. -

Bbe' llassateme dunque la corona.


Sposafàteme sito- Io me sò ppresa

Sto cantoncello pe la mi perzona. -

Dico fateve in làssora minchiona:

Che! ssete la padrona de la cchiesa? -


E in che ddanno ste spinte? - Io vojjo er loco

Pe ssentí mmessa. - Annàtevelo a ttrova -

Prestoo mmommó vve fo vvedé un ber gioco. -


Oh gguardate che bbell' impertinenza!

Se sta in casa de Ddio e manco ggiova.

Tutti vonno campà dde propotenza.





160. LA PANTOMINA CRISTIANA


Quanno er popolo fa la cummuggnone

Er curioso è lo stà in un cantoncino

Esaminanno oggnuno da viscino

Come asterna la propia divozzione.


Questo opre bbocca e cquello fa er bocchino

Chi sse scazzotta e cchi spreme er limone

Uno arza la capoccia ar corniscione

E un antro s'inciammella e ffa un inchino.


E cchi spalanca tutt'e ddua le bbraccia:

Chi ffa ttanti d'occhiacci e cchi li serra:

Chi aggriccia er naso e cchi svorta la faccia.


Ggiaculatorie forte e ssotto-vosce

Basci a la bbalaustra e bbasc' in terra

Succhi de fiato e ssegni de la crosce.





161. ER MISERERE DE LA SITTIMANA SANTA


Tutti l'ingresi de Piazza de Spaggna

Nun hanno antro che ddí ssi cche ppiascere

E' de sentí a Ssan Pietro er miserere

Che ggnisun istrumento l'accompaggna .


Defatticazzo!in ne la gran Bertaggna

E in nell'antre cappelle furistiere

Chi ssa ddí ccom' a Rroma in ste tre ssere

"Miserere mei Deo sicunnum maggna" ?


Oggi sur "maggna" sce sò stati un'ora;

E ccantata accusíssangue dell'ua !

Quer "maggna" è una parola che innamora.


Prima l'ha ddetta un musicopoi dua

Poi treppoi quattro; e ttutt'er coro allora

J'ha ddato ggiú: "mmisericordiam tua".





162. LA BBEFANA


Jerassera er baggeo de la padrona

Venne ar tardi a pportajje la bbefana

E jje diede 'na scatola che ssona

'Na saviggnea de smarto e 'na collana.


Bbe'azzécchesce sta fiandra bbuggiarona

Disce: «Oh cquesto poi nò: ssuono romana

Ma ll'amiscizzia de la mia perzona

Nun zi ottiè ccor dà ll'acqua a la funtana .»


E llui? A sta scappata arrepentina

Parze la tartaruca de zi' Nèna

Quanno aritira er collo in ne la schina.


Allora leipe llevallo de pena

S'arivortò a la donna; disce: «Nina

Riponete sta robba e andate a ccena. »





163. LA MAMMANA IN FACCENNE


Chi ccercatebber fijjo? - La mammana -

Nun c'è: è ita a le Vergine a rriccojje . -

Ditee cquanto starà? pperché a mmi' mojje

Je s'è rrotta mó ll'acqua ggiú in funtana .


Uhmfijjo mioquest`è 'na sittimana

Che jje se ssciojje a ttutteje se sscíojje

Tutte-quante in sti ggiorni hanno le dojje:

La crasse artala bbassa e la mezzana. -


E cche vvor dí sta folla? - Fijjo caro

Semo ar fin de novemmre; e ccarnovale

E' vvenuto ar principio de frebbaro.


Le donne in zur calà la nona luna

Doppo quer zanto tempoo bben' o mmale

Cqua d'oggni dua ne partorissce una.





164. LI GATTI DELL'APPIGGIONANTE


Ma ddavero daveroeh sora Nina

Nun volemo finilla co sti gatti?

Jerzera me sfassciorno quattro piatti:

Oggi m' hanno scocciato una terrina :


Uno me te dà addosso a la gallina:

L'antro me sporca li letti arifatti...

E oggnisempre bbisoggna che commatti

A ccaccialli a scopate da cuscina .


Eccoer pupo oggi ha er gruggno sgraffiggnato

E pperché ho da soffrí ttutti sti guasti?

P' er vostro luscernario spalancato?


Quanno le cose sò ddette unadua

Tre e cquattro vorteme pare c' abbasti.

Lei se tienghi li gatti a ccasa sua.





165. LA NIPOTE PIZZUTA


Ma ssentitela llí cquela mmerdosa

Si ccome sce protenne e ffa la donna!

un baioccope ddio!tra ccascio e ffronna

E vvò mmette er zu' bbecco in oggni cosa.


Ce parte cor parlà de fasse sposa ...

Dà ssu la vosce a la madrea la nonna...

Sputa sentenze... E indove se la fonna

Tanta cacca e arbaggia sta mocciolosa ?


E nun zerve co mmé cche vve vortate

Tutt' impipirizzita e bbarbottanno ;

Ch' iobbe' cche zziave pijjo a sculacciate.


Che ne so! ssi vve fussivo mai creso ...

A vvoi ve tocca de discorre quanno

Pissceno le galline avet'inteso?





166. ER PADRONE BBON' ANIMA


E' ito in paradiso. Morze jjeri

Povero galantomoin d'un assarto

D'àsima a ttredisciora men' un quarto

Quann' io stavo ssciacquanno li bbicchieri.


Tutto pe ccausa de st'infame apparto

De li letti da dà a li granattieri.

Ehsposa miasò stati li penzieri

Che ffanno peggio de mazzola e squarto .


Nun c'è rrimedioluifin dar momento

Che pprincipiò a rrimette de saccoccia

Parze un pezzo de lardo a ffoco lento.


S'era arrivato a strugge a ggoccia a ggoccia

Che in ne li panni sce bballava drento

Come una nosce secca in ne la coccia .




167. E PIGGIONANTE SUSSURRONE


Dicoditem' un po'ssora commare

Ch' è ssuccesso cquassú? ffate la ggiostra ? -

Sora minchionastamo a ccasa nostra

E vvolémo zzompà cquanto sce pare. -


Ma inzomma cqui da noi pe ccausa vostra

Viè ggiú er zolaro . - Povere somare!

Ji fa male ir rimore ! - E ste caggnare

Dicoin che ddànnosora bbrutta mostra ? -


Drento a sti muri cqui ssemo padrone

De stà alegre e ggodé ccome sciaggarba

Pagàmocasomaibbona piggione. -


Bbe'bbe'ddomani ve farà la lègge

Er Presidente ... - E cce darà de bbarba

Uggnuno ha er zanto suo che lo protegge .





168. LA CUSCINA DE SOTTO


Sor' Antoniach'edè ttutto sto fume? -

Ggnentesor' Anna: còscio le bbrasciole. -

Guardate cqui! nnun ce se vede lume!

V'acceca!ve fa ppiaggne!appanna er zole! -


E vvoi serrate. - Che bbelle parole!

Comesi le finestre sò un sfassciume?

Eppoi nun viè da le finestre sole:

Puramente er zolaro è un frascicume . -


E vvoi dunque incollatesce la carta -

Starebbe fresca! Eh allora... - Ehalloraallora

Nun me seccate e annateve a ffà squartà .


Ciamancherebbe mó ppuro er ritosto

C'adesso pe ddà ggusto a la siggnora

Nun ze potessi fà mmanco l'arrosto!





169. L'AMICHE D'UNA VORTA


Quant'è cche nun ce sémo ppiú vvedute?

Sicuro che sarà cquarc'anno e anno!

Le cose de sto monnoeh? ccome vanno!

Ciaritrovamo tutt'e ddua canute.


C' alegrione c'avemo godute!

Ma! ll'annifijjapasseno volanno.

Io? nun c'è mmalenò. Chi? Ffordinanno ?

Síppe ggrazia de Ddiovenne salute.


Nanna ? s'è ffatta monica; e la storta

Ha ppijjato marito. Chi? la madre?

Nu lo sapévio ? poverella! è mmorta.


Nòonnun ciàbbita ppiú Ttitta cqui accosto:

E' ito in Borgo . Dite: e vvostro padre?

Campa?! Oh gguardate si cche vvecchio tosto!





170. ER MAL DE PETTO


Ggnentecoraggiosor Andrea. Si è mmale

D'arifreddorese pijja una rapa

Se cosce su la bbrasciapoi se capa

E sse maggna a ddiggiuno senza sale.


Le rapesor Andreasò ppettorale

E bbe' cche ppare una materia ssciapa

Pijja un dorcetto ch'è un maggnà da Papa

E vve libbera poi da lo spezziale.


Ecco llí la tintora : ebbe una tossa

Màa! ddite puro de quelle maliggne

Inzino a ffà la sputarola rossa.


Ebbèer medico a ffuria de sanguiggne

E io de rapeco ttutta sta sbiòssa

La tiràssimo fòra; e mmó aritiggne .





171. LA TOLETTA DE LA PADRONA


Li congressi de lei co Ppetronilla

Sò ppropio un ride da slocasse l'ossa

Ce vò ppiú arte pe appuntà una spilla

Che ppe rregge li bbarberi a la smossa .


E ffa ttrippae sbrillentae nun attilla

E strozzae ffa bboccacciae cc'è 'na fossa..

Er color verde sbatteer giallo strilla

Er rosso? è ttroppo chiasso: er bianco? ingrossa...


Eppoiggira e rriggirase finissce

Co l'andriè nneroo de lana o de seta

Perché er nerose saddona e smagrissce.


Smagrissce? Uhmparerà in un tippe tappe ;

Ma ttu vva' ccor passetto a mmente quieta

E ssi ssò cchiappetrovi sempre chiappe.





172. ER ZOR DIEGO ACCIACCATELLO


E' vveroè vveropovero sor Diego!

Oggi v'ho ttrovo un po' ammalorcicato

Ve sete un tantinello ssciapinato :

Me state mossciosínnun ve lo nego.


Erivo un anno fa ttant'inquartato

E mmó pparete un moccolo de sego.

Uhmppe mmé ccerti nimmi io nu li spiego

E nu li spieghería manco er curato.


Animovianun ve sce fate bbrutto:

Ve mentovo er curatosolamente

Perch' è ssolito in chiesa a spiegà ttutto.


Ma gguardatelo llí! nnun ce s'accora?!

Statem' alegrosúnnun zarà ggnente.

Come disce ? In un' ora Iddio lavora.





173. UN BER QUADRO A SGUAZZO


Quanno vojjate vede un quadro raro

Màa! un quadro propio a ccicciosor Cammillo

Lei se ne vadi ar vicolo der Grillo

Nummero trentasei sur zaponaro .


Bbe'llí cc'è ar muro un purgatorio chiaro

Dipinto color d'ostia da siggillo ;

E ttramezzo a le fiamme e a lo sfavillo

Che ppare una fuscina de chiavaro


Ce sò ott'anime santee ssopr'a cquelle

Du' angeli coll'abbiti de festa

Che vvòteno du' gran brocche de stelle .


Sístellestellesípparlo sur zerio;

E ddu' bbrocche de stelle su la testa

Dicove pare poco arifriggerio ?





174. ER RISPETTO


"Rispetto"? se lo meriti er cojjone.

Se presenta accusí ccom' un vassallo

E cchi hassant'Iddioda rispettallo?

Si jje sputen' in faccia hanno raggione.


Io so cche cquanno adesso che ffa ccallo

Porto a smove er cavallo der padrone

Dove passo oggni sceto de perzone

Me porteno rispetto p' er cavallo.


Lui se vesti com' è da servitore

E ssarà arispettato e ariverito

E ariscevuto a pparo d'un ziggnore.


Chi avessi allora quarche bbrutt' idea

De fà uno sfrèscio a lluiccusí vvistito

Doverà arispettà la riverea .





175. LA PERPETUVELLA DE LA GGIUVENTU'


E' inutile. Una donnainzin ch' è vviva

Sibbè ss' aricordassi de Maumetto

Sibbè ffussi ppiú antica der brodetto

Lei nun vò èsse mai vecchia o stantiva .


Tu gguarda una tardona quann' arriva

A la commedia e appizza in ner parchetto:

Subbito te s'affaccia ar parapetto;

E ppiú ssò ll'annippiú ccressce l' abbriva .


Si ppoi pe un schiribbizzo de sant' Anna

Sta mossciarella è ggravida a cquell' ora

Ch' era tempo de mette l' eslocanna


Fin che ddura quer po' de gravidanza

Pe pprim' operazzione a l'usscí ffora

Manna avanti la fede de la panza.





176. ER PADRONE PADRONE


Era da un pezzo c'avevo annasato

Ch'er zor padrone m'uscellava Ghita.

Dico: «Eccellenzavado ar Caravita .»

Disce: «Va' bbello mio: bbravoDonato .»


Io m'agguatto in cuscina ; e appena usscita

La padrona cor zu' ganzo affamato

Te li pijjo in gattaccia : «Ebbè? ch'è stato?»

Disce: «Ggnente... ggiucàmio una partita.»


Dico: «Me pare a mmé cche de sto svario

Se ne pò ffà de meno; e ste su' vojje

Nun entreno ner conto der zalario.»


Disce: «Se pò ssapé che vve se ssciojje?

Oh gguardatelo llí cche ttemerario!

Nun vò cche mmi diverti con zua mojje!»





177. E CCIO' LI TISTIMONI


Quanno che er Zanto Padre passò jjeri

Pe Ppasquino ar tornà da la Nunziata

Stava cor una sciurma indiavolata

Peggio d'un caporal de granattieri.


E ffasceva una scerta chiacchierata

Ar cardinal Orioli e a Ffarcoggneri

Che jje stàveno a ssede de facciata

Tutt' e ddua zzitti zzitti e sseri seri.


La ggente intanto strillava a ttempesta;

E llui de cqua e de llà ddar carrozzone

'Na bbenedizzionaccia lesta lesta.


Poi ritornava co le su' manone

A ggistí a cquelli; e cquelli co la testa

Pareva che jje dàssino raggione.





178.LA LAVANNARA ZOPPICONA


Voi me guardate ste scarpacce rotte;

Ehssora sposa miastateve zzitta

Che cciò un gelone ar piede de man dritta

Che nun me fa rrequià mmanco la notte.


Io sciò mmesso ajjo pistoio mela cotte

Io segoio pisscio calloio sarvia fritta!...

Mó nun ce spero ppiússora Ggiuditta

Sin che l'inverno nun ze va a ffà fotte .


Disce: «E ttu nun girà » Bbelli conzijji!

Sístamo a ccasa: eppoi? come se spana ?

Che abbusco ? un accidente che jje pijji?


Ma ccazzo! a mmé cchi mme sce va in funtana ?

Chi mme ne dà ppe mmantené li fijji?

Campo d'entrata io? fo la puttana?





179. 'NA SSCIACQUATA DE BBOCCA


Disce: "vanno pulite" . Ebbè? cce vanno.

Chi ha ddetto de no? cchi vve lo nega?

Ma sta painería come se spiega

Cor culetto scuperto de l'antr'anno ?


Disce: "ciànno quadrini". Ebbè? cce ll'hanno:

Sò rriccone: la grasscia je se sprega.

Ma Ddio sa cco cche bbuscio de bbottega

Fanno quer po' de guadaggnà cche ffanno.


Eh rriuprisse l'occhi er zor Filisce !

Povero padre! povero cojjone

Che le credeva l'àrbera Finisce !


Sarannovehddu' regazzucce bbone.

Cqui nnun ze fa ppe mmormorà: sse disce

Pe ddí cche ssò ddu' porche bbuggiarone.





180. ER TARTAJJONE ARRABBIATO


Che cche annate ssspaargenno ch'io me-mmeno

Sch-schia-sschiaffi e ppuu-ppuggni a Mma-Mmaria?

Chi cchi v' iinforma si a cca-ccasa mia

Ce cce cce ceno o nnu nnu nnun ce-ceno?


Co-ccome dite cch' io rru-rrubbo er fieno

E bbia-bbiastimo all' o-ll'o-ll' ooosteria?

Fi-ffinitela un po' dd-e fà ll-a spia

O vve bb-uggero a cce-cce-ccel zereno.


Me mme spiego cchia-cchiarosooor trommetta ?

Abb-abbadate a li faattacci vostri

Oo cc'è un ber bba-bbastone chee vv' aspetta.


E ddi-dditelo pu-puu-ppuro a cquelle

Sch-sch-scrofaccea cque-cque-cquelli mostri

De le vo-vvo-vvo-vvoo-vvostre sorelle.





181. Ll COMPRIMENTI DE LE LAVANNARE


Passa er PapaehLuscía? - PerchéVvincenza? -

Nu lo vedi si cquanta puzzolana ? -

Care quele fijjacce de puttana! -

Fússimo fijje tuebbrutta schifenza. -


Eh regazzepagamo sta mammana

C'avémo fatta lavorà a ccredenza? -

Eh scrofachi tt'ha ddata la liscenza

D'usscí da Ripa pe vvení in funtana ? -


Pe ffà llogo a llorantre usscímo noi. -

La pulentara è mmatta in ner ciarvello . -

Tiratezzitellucceer fiato a vvoi . -


Addio porca da grasso pe l'assóggna -

Addio vacche da carne de mascello. -

A ffiumaccioa la chiavicacaroggna.





182. LA NOVENA DE NATALE


Ehssiconno li gusti. Filumena

Se fa vvení cqueli gruggnacci amari

De li scechi : Mariuccia e Mmadalena

Chiameno sempre li carciofolari ;


E a mmé mme pare che nun zii novena

Si nun zento sonà li piferari .

Co cquel' annata de cantasilena

Che sservebbenemio !sò ttroppi cari.


Quann' è er giorno de santa Catarina

Che li risentoio ciarinasco ar monno:

Me pare a mmé dde diventà rreggina.


E cquelli che de notte nu li vonno?

Poveri sscemi! Io poi'na stiratina

E mme li godo tra vviggijj' e ssonno .





183.QUARANTATRE' NNOMI DER ZOR GROSTINO


Cqua nun ze bbattesor cacazzibbetto

Sor zucchiasavonèaciscio-bbrodoso

Farfallinoscogliattolocrestoso

Smerdacamisciapasseropivetto


Sgrullinocacasottopisscialletto

Stronzofanellochiccherammerdoso

Bbragalissepupazzomoccioloso

Sartapicchiosgriggnappolofischietto


Cacarellabbavosospizzichino

Purciagrillopidocchioreduscello

Raggnotapposscimmiottomarmottino


Fongoschifenza (1)cimisciafranguello

Fichettocirifischioggnaccherino

Sbusciafrattecazzetto e ccojjoncello





184.LE FURTUNE DE LI BBIRBI


Giudizzi der Ziggnorete dich'io.

Questo manna a ccartoccio una famijja:

Quello maggna la carne de viggijja:

Uno bbiastima peggio d'un giudio:


L'antro tira a la mojje de su' zzio:...

Eppuroio nun me faccio maravijja

S'hanno sorte a ccascà . Credemefijja:

Sò ttutte-quante premission de Ddio.


Lasseli scrapicciàllasseli gode

E ffà d'oggn'erba un fasscioe inzurtà nnoi

E rrídese dell'Angelo-Custode.


Però'ggni pianta ha da produsce er frutto.

De cqua le cose vanno bbene; eppoi?

Poi de llàffijja miase sconta tutto.





185.UNA BBRUSCIATELLA DE BBONE GRAZZIE


Ahppe stà appett' a mméccocca mia bbella

Bbisoggn' èssesimmaimeno scucchiona ;

Pe ddamme ggelosiasora scafona

Nun ce vò cquer barbozzo a ccucchiarella .


Tu mme levi er regazzoeh capocciona?

Tu mme fai tené ll'ormoeh gobbriella !

Vàttel'a mmàggnava'bbocc'a ssciarpella :

Va'mmonnezzara de Piazza Navona .


Che tte li metti a ffà ttanti inferlícchese

D'accimaturesquinzia bbalucana ?

Co cquer tu' paro de sciancacce a ícchese ?


Va'nnaso a ppeperonescrofolosa

Sturba-la-lunasgorgiastortiggnana (1)

Ché a tté nemmanco er diavolo te sposa.





186.LA NOTTE DE PASQUA BBEFANIA


Mamma! mamma! - Dormite. - Io nun ho ssonno. -

Fate dormí cchi ll'hassor demonietto. -

Mammame vojj'arzà. - Ggiústamo a lletto. -

Nun ce posso stà ppiú; cqui mme sprofonno. -


Io nun ve vesto. - E io mó cchiamo nonno. -

Ma nun è ggiorno. - E cche mm'avevio detto

Che cciamancava poco? Ebbè? vv'aspetto? -

Auffa li meloni e nnu' li vonno ! -


Mammaguardat' un po' ssi cce se vede? -

Ma tte dico cch'è nnotte. - Ajo! - Ch'è stato? -

Oh ddio mio!m'ha ppijjato un granchio a un piede. -


Viastatte zzittomó attizzo er lumino. -

Síeppoi vedete un po' cche mm'ha pportato

La bbefana a la cappa der cammino.





187.LA MATINA DE PASQUA BBEFANIA


Ber vede è da per tutto sti fonghetti

Sti mammoccisti furbi sciumachelli

Fra 'na bbattajjeria de ggiucarelli ;

Zompettà come spiriti folletti!


Arlecchinitrommettepurcinelli

Cavalluccissediolesciufoletti

Carrettinicuccúschioppicoccetti

Sciabbolebbarrettonitammurrelli...


Questo porta la cotta e la sottana

Quello è vvistito in càmiscio e ppianeta

E cquel'antro è uffizzial de la bbefana.


E intantoo ppreteo cchiricoo uffizziale

La robba dorce je tira le deta ;

E mmamma strilla che ffinissce male.





188.LI SORDATI


Dico: «Facci de grazzíasor don Zisto

Lei che ste cose deve avelle intese:

Quanno stava quaggiútrall' antre spese

Manteneva sordati Ggesucristo?


Perché» ddico«lei sa cch er monno trísto

Critica er zu' Vicario a sto paese

Che a ccasa e ppe le strade e in ne le cchiese

Senza sordateria nun z' è mmai visto.»


«Fijjo» disce; «voi sete un iggnorante

E nun zapete come li peccati

Hanno fatto la cchiesa militante.


Pe cquesto ir Papa ha li sordati sui;

E ssi Ccristo teneva li sordati

Sarebbe stato mejjo anche pe llui.»





189.ER MARITO DE GGIUDIZZIO


Oher mi' padrone poisora Scescijja

Verbo corna s'ammaschera da tonto .

Lui se n'essce da cammera onto-onto

Serra l'occhie vva ttutto a mmaravijja.


Nun è omo d' avello pe un affronto

Si ssenza corpa sua cressce famijja.

Le cose tutto sta cchi sse ne pijja

E ggnente dole mai si ttorna conto.


Abbitiargenteriecasa a ppalazzo

Carrozzeservitúppranzi in campaggna...

Lui vede tutto e nnun dimanna un cazzo.


La providenza viè? llui l'arisceve .

Er camminuccio fuma? e cquello maggna.

La funtanella bbutta? e cquello bbeve.





190.LI MALINCONTRI


M'aricordo quann'ero piccinino

Che ttata me portava for de porta

A rriccojje er grespiggnoe cquarche vvorta

A rrinfrescacce co un bicchier de vino.


Bbe'un giorno pe la strada de la Storta

Dov'è cquelo sfassciume d'un casino

Ce trovassimo stesa llí vviscino

Tra un orticheto una regazza morta.


Tataar vedella llí a ppanza per aria

Piena de sangue e cco 'no squarcio in gola

Fesce un strillo e ppijjò ll'erba fumaria .


E iosibbè ttant'anni sò ppassati

Nun ho ppotuto ppiú ssentí pparola

De ggirà ppe li loghi scampaggnati .





191.Ll CARDINALI IN CAPPELLA


L'ho ccontatí ggià io: sò cquarantotto:

Quarantasette rossi e uno bbianco

E ttutti su cquer lòro cassabbanco

Barbotteno l'uffizzio a ttesta sotto.


Disce che oggnun de lòro è un omo dotto

E pparla d'oggni cosa franco franco

E appett'a llui nun ce la pò nnemmanco

Chi ha inventato le gabbole dell'Otto .


Disce che inzin ch'è stato monziggnore

Forzi oggnuno de lòroAngiolo mio

Ha ppuzzato un tantin de peccatore.


E mmó cche ssò Eminenze? Módich'io

Saría curioso de leggejje in core

Quanti de quelli llí ccredeno in Dio.





192.LA MORTE CO LA CODA


Cqua nun ze n'essce : o ssemo ggiacubbíni

O ccredemo a la lègge der Ziggnore.

Si cce credemoo mminenti o ppaini

La morte è un passo cche vve ggela er core.


Se curre a le commediea li festini

Se va ppe l'ostariese fa l'amore

Se traficas'impozzeno quadrini

Se fa dd'oggn'erba un fasscio... eppoi se more!


E ddoppo? doppo viengheno li guai.

Doppo sc'è ll'antra vitaun antro monno

Che ddura sempre e nnun finissce mai!


E' un penziere quer "mai"che tte squinterna !

Eppuroo bbene o mmaleo a ggalla o a ffonno

Sta cana eternità ddev'èsse eterna!





193.ER PAPA BBON'ANIMA


Papa Grigorio è stato un po' scontento ;

Ma ppe vvisscete poima ppe bbon core

C'avessi in petto un cot da imperatore

Ce l'ha ffatto vedé ccor testamento .


Nu lo sentitepovero siggnore!

Si cche ccojjoneria d'oro e dd'argento

Ha mmannato sopr'acqua e ssopr'a vvento

A li nipoti sui pe ffasse onore?


E ppoi doppo sc'è ppuro er contentino

De le poche mijjara c'ha llassato

Tra bbaiocchelle e rrobba a Gghitanino .


E er credenziere? e mmica sò ccarote :

Ventiseimila scudi ha gguadaggnato

Sortanto a vvetro de bbottijje vòte.





194.ER PAPA NOVO


Che cce faressi? è un gusto miofratello:

Su li gustilo sainun ce se sputa .

Sto Papa che cc'è mmó rridesaluta

E' gioveneè a la manoè bbonoè bbello...


Eppuroer genio miosi nun ze muta

Sta ppiú pp' er Papa mortopoverello!:

Nun fuss'antro pe avé mmess' in castello

Senza pietàcquela gginía futtuta .


Poive pare da Papaa sto paese

Er dà ccontro a pprelati e a ccardinali

E l'usscí a ppiede e er risegà le spese ?


Guarda la su' cuscina e er rifettorio:

Sò ppropio un piantoAh cqueli bbravi ssciali

Quele bbelle maggnate de Grigorio!





195.LA MUTAZZION DE SSCENA


Passò cquer tempo! E' ffinita la pacchia

Sposa miade quann'ero ggiuvenotta!

Che ccasaehallora? E mmó mme sò aridotta

Co un bùscio de suffitta a la Petacchia .


Vecchia nun zòma!... la miseria abbacchia;

E ppe cquanto se studia e sse sciappotta

Se sta ssempr' accusíssora Carlotta:

Giú tterra-terra come la porcacchia .


Prima sempre alegriesempr' in bisboccia;

E mmó le sconto co lo stà a ffiletto

E mmó ttutti me tengheno in zaccoccia .


Avevo chiesto a mmonziggnore un letto?

Bbe'er zervitoreje pijji 'na goccia

Fesce : «A vvoi v'abbisoggna un cataletto.»





196.ER VINO DE PADRON MARCELLO


Bono! sangue de bbio ! bbravo Marcello

Che oggi nun me dài sugo d'agresta !

Cquacqua'n'antra fujjetta ugual' a cquesta

E abbada a nun sbajjatte er caratello.


Oh cquésto se pò ddí vvino de festa!

Gajjarduccioabboccatotonnarello ...

Ah! tt'arimette er core in ner cervello

E tt'arillegra senza datte in testa.


Com' è lliggero poi! com' incanala !

Questo arifiata un morto in zepportura

E tte je fa arimove er cressceccala !


Propio è una mannaè un ettore addrittura!

E ssimmai pe ddisgrazzia uno s'ammala

Co sto vino che cqui ggnente paura.





197.LA BBONA VECCHIARELLA


Sò vvecchiafijja: ho cquarche e cquarc'annuccio

Piú de tu' nonnasaicocca mia bbella?

E jje lo dico sempre a mmi' sorella:

«Presto presto m'attacchi lo scoruccio»


Eppuro va' ! cquer benedetto Muccio

Jeri me fesce scantinà in cappella .

Ehoggni tanto la fo una sfuriatella:

Ma ssò ffochi de pajjae poi m'accuccio.


Io lo capiscosò de sangue callo

E ddo scannolo a ttutta la famijja

Sibbè in ner core nun vorebbe dàllo.


E appena quer prim' impito è ppassato

Darebbe er zangue mio (credemefijja)

Ch' er mal' esempio nu l'avessi dato.





198.L'URTONE


Sò vvecchioho la polagraho un'istruzzione

Sto da tre ggiorn' e ppiú gguasi a ddiggiuno

Sò ddiventato che pparo ggnisuno

Cammino che nnemmanco un lumacone...


Bbe'ccurrenno a Rripetta è passat'uno

M'ha ddato in ner passà ttanto d'urtone

E ddoppo m'ha mmannat' imprecazzione

E pparolacce che Iddio sarvi oggnuno!


Ma ddi'cche te ne parepadron Biascio ?

Lui che volava via com' un uscello

L'ho urtato io che ccamminavo adascio !


E st' impostura s'ha da dí ssur zodo ?

A un incirca saria com' er martello

Che sse volessi lamentà ccor chiodo.





199.La CONGREGAZZIONE


Presidentearchidettosegretario

Sínnicocomputistafabbriscere

Esattoreecolonimocassiere

Tutti abboccheno a ccressceme er zalario.


«Io te sostengoio nun te sò ccontrario

Io te do er votoio sciaverò piascere

E' de drittoè de ggiustoè de dovere

Io lo trovo addescenteio nescessario...»


Macquanno ste bbravissime perzone

Le vado a rrisentí ddoppo er congresso

«Ehvv' è ccontraria la congregazzione.»


E oggnuno intanto torna a ddí ll'istesso:

«E' de drittoè de ggiustoè de raggione;

Ma... mma er conzijjo nun vò ddà er permesso.»





200.ER GUARDAPORTONE


lo me n'entravo co la pasce mia

Quanno da un bussolotto in d'un cantone

Sarta fora er munzú gguardaportone

Disce: «Che vvolevú ? pschmarcé vvia.» -


«Ihí» ddico «ch'edè ttant'arbaggia?

Lei impari a ddistingue le perzone.»

Disce: «Vu sè un gianfutre » e ccor bbastone

Me stava pe stirà la bbiancheria.


«Sete un gianfutre vói» dico«sor utre

De ventaccio abbottat' ar cimiterio:

Vojparlanno accusíssete un gianfútre.»


Come finí? Finí cc'a sta schifenza

Bbisoggnava arispónneje sur zerio.

Ma cche vvòi che fascessi? usai prudenza.




201....


Sora Crestina miape un caso raro

Io povero cristiano bbattezzato

Senz'avecce né ccorpa né ppeccato

M'è vvienuto un ciamorro da somaro.


Aringrazziat'Iddio! l'ho ppropio a ccaro!

E mme lo godo tutto arinnicchiato

Su sto mi letto sporco e inciafrujjato

Come un zan Giobbe immezzo ar monnezzaro .


Che cce volemo fà? ggnente pavura.

Tant'e ttanto le sorte sò ddua sole:

Drento o ffora ; o in figura o in zepportura


E a cche sserveno poi tante parole?

Pascenza o rrabbia sin ch'er freddo dura:

Staremo in cianche quanno scotta er zole.