Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Iacoponeda Todi



RIMESCELTE





Afra' Ianne de la Verna



Afra' Ianne de la Verna

ch'enquartana s'escioverna;

allui mando questa scripta

cheda lui dega esser letta.



******

All'Amorch'è vinuto



All'Amorch'è vinuto

All'Amorch'è vinuto

encarne nnui sé dare

andemolaude fare

ecanto con onore.

Onóralda che vene

almaper te salvare

eià plu non tardare

allui de pervenire.

Desé non se retene

chenon te voglia dare;

pàrte<te>ché vòl fare

teseco tutta unire!

Porraidonqua soffrire

allui che non te rendi

ellui tutto non prindi

eabraccil con amore?

Pensaquanto te dona

eta te que <a>demanda

date sì non remanga

perche no 'l pòzzi fare.

Locelo sì abandona

eper terra sì anda;

ennantesé non manda

ricchezzaper usare.

Enstalla se vòl stare

palazzoabandonato;

seconon n'à menato

alcunsuo servidore.

Lasedia d'auro fino

degemme resplandente

coronarelucente

orperché l'ài lassata?

Ordode cherubino

serafintanto ardente

quellacorte gaudente

co'll'à' tu abandonata?

Cortetanto onorata

detal' servi e donzelli

(eper amorfratelli)

percui lassiSignore?

Persedia tanto bella

presepeài receputo

epoco feno à' 'uto

o'tu fussi locato.

Percorona de stella

enpancilli envoluto;

bov'etasen tenuto

ch'erisì onorato!

Orasi acompagnato

daIosèp e Maria

c'aviv'encompagnia

cortede tanto onore.

Ebriopar deventato

omatto senza senno

lassannosì gran renno

esì alte ricchezze.

Macom'è ciò scontrato

detal mattezza senno?

Averistitu pegno

altretrovar altezze?

Veioche so' fortezze

d'amorsenza mesura

chemuta tanta altura

ensì basso valore.

Amorde cortesia

decui si 'nnamorato

chet'à sì vulnerato

chepazzo te fa gire?

Veioche t'à en bailìa

sìforte t'à legato

chetutto te si dato

iànon pòi contradire.

Eben so c'a morire

questoamor sì te mena

dapo' che non alena

nécessa suo calore.

Iànon fo mai viduto

amorsì essmesurato

ch'enl'ora quando è nato

aiatanta potenza!

Peròche se' venduto

ennantiche si' nato

l'Amort'à comparato

dete non fa retenza!

Iànon reman sentenza

senon che te occida

l'Amore sì conquida

encroce con dolore.

·fatto tal baratto

enla prima ferita

onnecosa rapita

consì granne fortezza

assé à tanto tratto

sennovirtù e vita

pluc'onne calamita

ferro.Sì granne altezza

acusì vil bassezza!

Enstalla farte stare

peramor non schifare

defettoné fetore!

Eche tu non conuschi

onon n'ai sentemento

atale abassamento

Iesùtu se' venuto?

Ente par che s'offuschi

lucede splandemento

poteree vedemento

perche èi sì perduto.

·tel'Amor feruto

etu no 'n te defendi;

asua forza te arendi

donandotuo vigore.

Benso chegarzoncello

<t'>àiperfetto savere

etutto quel potere

ch'è'n la perfetta etate;

donquaco' picciolello

potìisì contenere

tuttolo to volere

entanta vilitate?

Grand'eracaritate

tuttosì tte legava

eten sé<ne> occultava

sennoforza e valore.

Encusì vil' pancilli

envoltote fe' stare

e<'n> forte abesognare

cherecivissi adiuto.

Ocari cenciarelli

potendosì fasciare

el'alto Deo legare

co'fusse distituto!

Enque era envoluto

sìcaro e fin tesauro

sopr'onnegemme et auro

envil prezzo e colore!

Co'sse dé' nomenare

Amorsì esmesurato

loquale si à legato

asé l'Onipotente?

Iànon pò sì montare

agrado de tal stato

amorche fòsse nato

defiglio o de parente

cheprenda sì la mente

legandoonne fortezza

traiendocon dolcezza

ford'onne suo sentore.

Benveio c'ama figlio

lopate per natura

emate con dulzura

tuttoso cor li dona

mache perda consiglio

sennoforza e valura

questonon m'afigura

chetutto en lui io pona;

veioche a ssé perdona

nonvolendo morire

perluiné sofferire

tormentode temore.

Chiper amor trovare

volesseperder vita

nullacosa gradita

asé plu retenere

povertàcomparare

percara margarita

mortaleal cor ferita

perquesto sostenere?

Chidonavòl vedere

deque fusse cagnato

amandocom'è amato

dalo suo amadore.

Quedar pò creatura

attesumma Bontate

chetu per caritate

allei sì t'è' donato?

Tuttala sua valura

ala tua degnitate

èpeio che viltate;

donquaa cui te se' dato?

Orco' sirai cagnato

desì gran cortisia?

Lanostra malsanìa

pòtedonar sapore?

Eccoque tu tte n'abi

parmesia vil guadagno;

demandal'auro stagno

permustrar sua bellezza?

Detrovar par n'arrabî

epensa qual fai cagno!

Letiziadar per lagno

perpovertà ricchezza!

Ornon n'è gran mattezza

assé non retenere

sennoné suo volere

percomparare amore?

D'amoresmesurato

grannesì <n'>ài fortezza

chela divina altezza

pòitanto abassare!

Locor ài vulnerato

dela summa bellezza

nostraplacer laidezza

perpoter desponsare!

Desé non pò curare

Iesùpare empascito;

l'amorsi ll'à firito

penaparli dolzore.

Oennamorato Deo

d'estoamor me 'n novella

chesì ben renovella

l'amantien rengioire;

contemplarse pòzz'eo

tuafaccia tanto bella

repòsemecon ella

nonvoglio altro sitire;

peròvorria<n>e odire

comot'èi alegato

sefar pòzza mercato

sentird'esto calore".

"Sposache me <a>demandi

ammirilo gran fatto

pensandolo baratto

c'Amorm'à fatto fare

pregannome comandi

sìfor de me so' tratto

e'nver de te co' matto

l'Amorme fa penare;

donquaplu non tardare

amme che me te rendi;

comome do sì prendi

amme dona 'l tuo core.

Dete so' ennamorato

osposacui tant'amo;

soccurritant'abramo

tecofar parentezza.

L'Amorsì m'à legato

epreso com'êll'amo

peròsposate clamo

abracciarcon nettezza.

Pensach'e<n> tua bassezza

perte sì so' desceso

Amorde te m'à <a>preso

encendecon ardore.

Perte lasso ricchezze

eprendo povertate

fortepenalitate

lassandoonne deletto;

commutole dolcezze

engrande aversetate

veratranquillitate

endolore e defetto.

Amorcusì perfetto

orascia cognoscuto

dete e recivuto

dandoamor per amore.

Senon me pòi donare

ricchezzané talento

nédarme entendemento

mepotere engrandire

defor de te que dare

pòiper me pagamento?

Cosade valimento

non'è de tuo largire.

Questofàme empascire

amorche ài en bailìa

chelo tuo cor me dìa

qualdemando a tuttore.

Enciò sta meo mercato

ch'e'teco voglio fare:

e<n>p<re>cio voglio dare

mecon tutta ricchezza;

decelo abi <a>ricato

tesauroper cagnare

vitacon gloriare

permorte d'amarezza.

Prindida me dolcezza

dandodolore e pena;

l'Amorche non alena

m'àfatto sprecatore.

Ate poco ademando

eomolto a te sì dono

eià non me perdono

perte voglio morire.

Sepensi que comando

e'n que cosa me pono

amorcheio per dono

terràitede largire?

Amorfàime empascire

altronon pòzzo fare

tantom'ài fatto dare

pluso ca iocatore.

Sposadota marito

dalui non n'è dotata

('mprimadota è trattata

chela voglia sponsare).

Null'o<m>par sì smarrito

perlui dota sia data

iàse non n'à trovata

donnade granne affare

volendoseessaltare

pergrande parentezza

levandosua bassezza

addegnità d'onore.

Altezzanon aspetto

néalcuna maiuria

dateo sposa mia

acui sì me so' dato;

prendoper te defetto

vergognae mischinìa

ordonquasempre sia

enme tuo amor locato

perchénon m'ài dotato

mate voglio dotare

tuttomeo sangue dare

encroce con dolore.

Endota sì te dono

ricchezzaesmesurata

chenon fo mai pensata

bente 'n porrà' <a>remplire;

encelo sì l'e<m>pono

<loco>t'è conservata;

nonpò n'esser robbata

néper sé mai perire.

Deluce te vestire

pluca 'l sole sì voglio;

però'mprima t'espoglio

decolpa e de fetore.

Decorona de stelle

siraiencoronata

ensedia collocata

degemme e d'auro fino;

demargarit'e perne

siràto vesta ornata

laciambra apparecchiata

dedrappi e baldacchino.

Tuttosirà divino

(mapàrlote en figura

perchéno n'ài valura

pensar'n isso candore).

Perdarte questo stato

descisia ttal bassezza

(enstalla de laddezza

volereaver reposo!).

Siaaddonquacagnato

Amorde tanta altezza

cheven con tal ricchezza

perdonarse ioioso!

Corenon stia ozioso

deme trovar fervente;

rescaldisela mente

abraccicon fervore.

Amorpregome dona

sposac'Amor demando;

altronon vo cercando

senon c'Amor trovare.

L'Amornon me perdona

tuttome va spogliando

forteme va legando

noncessa d'enflammare;

donquaprindi ad amare

sposacotanto amata;

bent'aio comparata

pludar non n'ho valore".

"Iesùdolce meo sposo

dimmeque pòzza fare

ch'e'tte potesse amare

quantote so' tenuta;

c'àtte non fo penoso

perme pena portare

volendomesalvare

ché'n culpa era caduta;

permeveioè venuta

laMaiesta divina

deserva far regina

trarmed'onne fetore.

Amortutta so' tua

peròche m'ài creata

etàime recomparata

ch'eradannata a mmorte.

Chila derrata sua

avesseretrovata

perlui è ben guardata

etamata plu forte.

Null'omce pò aver sorte

enmese non tuCristo!

Facistiquesto aquisto

si'neconservatore!

Atte più che me tutta

Amors'eo dar potesse

nonn'è ch'eo no 'l facesse

maplu non n'ho que dìa;

lomondo e ciò che frutta

(setutto 'l posedesse)

eplu se ancora avesse

darì<n>tevita mia!

Dòteque l'ho en bailìa

volertutto e sperare

amaree disiare

contutto lo meo core.

Soche non se' cagnato

maplu tu non demandi;

dòtequanto commandi

evolere enfinito

(chénon è' termenato)

cheancora plu non andi

etutto non se spandi

ente stando rapito

l'Amorci à 'l cor ferito

chese morir potesse

emilli vite avesse

perte darìaneAmore!

Demandiche plu dìa

Amorquesta tua sposa

ch'ètanto disiosa

tepotere abracciare?

Odolce vita mia

nonme far star penosa

tuafazzia graziosa

medon'a contemplare.

Senon potisti fare

tude l'Amor defesa

co'pòzzo far contesa

portartanto calore?

Donquaprindi cordoglio

demeIesù pietoso!

Nonme lassarmeo sposo

dete star mai privata!

Sìme lamento e doglio;

quandotuo amor ioioso

nonse dà grazioso

benpar morte accorata;

dache m'ài desponsata

siristimecrudele?

Lomondo me par fèle

cononne suo dolzore.

Vogliooramai far canto

chél'amor meo è nato

eàme recomparato

d'amorm'à messo anello;

l'amorm'encende tanto

ch'encarne me ss'è dato;

terròlon'meabracciato

ch'èfatto meo fratello.

Odulce garzoncello

encor t'ho conciputo

eten braccia tenuto

peròsì grido: "Amore!".

Amantieo vo envito

anozze sì ioiose

cheso' sì saporose

là've l'amor se prova.

Essercon vui unito

conricchezze amorose

delizzegraziose

là've l'Amor se trova!

Anemaor te renova

abracciaquesto sposo

sìse dà delettoso

cridamo:"Amoreamore!".

Amoror ne manteni

d'Amoreennibriati

tecostare abracciati

ennAmor trasformato!

Esempre ne soveni

chenon siamo engannati

maenn Amore trovati

concor sempre levato.

PernuiAmoreèi nato

d'Amorsempre ne ciba

qualfariseo né scriba

nongusta per sapore.





******

Altequatro vertute so' cardenal' vocate



Altequatro vertute so' cardenal' vocate

Altequatro vertute so' cardenal' vocate

o'nostra umanetate perfice lo so stato.

Comol'uscio posase ne lo so cardinile

cusìla vita umana 'n esto quatrato stile.

Anemac'amàntase questo nobel mantile

pòseclamar gintiled'onne ioi à adornato.

Laprima è la Prudenzialume dello 'Ntelletto;

lasecunda è Iustiziache essercita l'Affetto;

laterza è Fortetudene contra l'averso aspetto;

laquarta è Temperanza contra van delettato.

AltessimaPrudenziabaila de la Rasone

demustra<n'>'l bene e 'l megliolo sommo en la stasone;

demùstra<n'>'l male e 'l peio'l pessimo e la casone

enla dannazioneche à 'n l'omo dannato.

AltissimaPrudenziacol mercatar suttile

detrare cose utile (non sia cosa sì vile)

beatoquel coraio che ten ritto tuo stile!

Pòseclamar gintiledegno de grann'estato.

Nonpar che la Prudenzia pòzza bono operare

senzal'altre vertuteche la deio adiutare;

envitala Iustizia che n' ce deia albergare

chédeia essercetare ciò che ella à pensato.

'Nestante la Iustizia à <'m>posta lege al core

chesopre onne cosa sia amato Deo Signore

contutte le potenzie e con onne fervore

chéli ss'affà l'onore d'essere cusì amato.

Iustiziaconestregneme 'n lo prossimo adamare

càse è verace amoreloco se vòl mustrare;

comol'auro a lo foco lo fa paragonare;

cusìse vòl provare l'amor c'aio albergato.

LaFortetudene à loco a tal pugna portare

adamare<n> lo prossimo che te fa eniurare;

tollefura engànnate e statte a menaciare;

poterlosempre amare parme amor aprobato;

ché'nn amare lo prossimo è grann'esvalianza

ché'l trove desformatopleno de niquitanza;

poteramar so essereorrir la mala usanza

èneessaminanza de l'amor aprobato.

Aiolo corpo endomito con pessimo appitito;

laTemperanza enfrenaloché de mai è nutrito;

adonne ben recalcitracomo fusse ensanito;

agran briga è varitode tal guisa è amalato.

Loviso se fa povero de forme e de culuri

l'auditosprezza sònorache so' plen' de vanure

logusto en poche cibora contemne li sapuri

desprezzaseli odori co onne vestire ornato.

Dapoi ch'el corpo pèrdese de for la delettanza

l'anemaconestregnese trovare altra amistanza;

lafede mustra e 'nségnate là 'v'è la ver'amanza

ménatela Speranza là 'v'è l'Amor beato.



******

Amorde Caritateperche' m'hai ssi' feruto?



Amorde Caritateperché m'ài ssì feruto?

Amorde Caritateperché m'ài ssì feruto?

Locor tutt'ho partutoet arde per amore.

Ardeet encendenullo trova loco

nonpò fugirperò ched è legato

sìsse consuma como cera a ffoco

vivendomorlanguisce stemperato;

demandade poter fugire un poco

eten fornace tròvasse locato.

Oimèe o' so' menato a ssì forte languire?

Vivendossì è morire'n tanto monta l'ardore.

'Nantich'e' llo provassedemandava

amareCristocredendo dulzura;

enpace de dolcezza star pensava

ford'onne pena possedendo altura.

Provotormentoqual non me cuitava

ch'elcor sì me fendesse per calura.

Nonpòzzo dar figura de que veio semblanza

chémoro en delettanza e vivo senza core!

Aioperduto el core e senno tutto

vogliae placere e tutto sentemento;

onnebellezza me par luto brutto

delizzecun ricchezze è 'n perdemento.

Unarbore d'amor con granne frutto

encor plantatome dè pascemento

chefe' tal mutamento en me senza demora

gettandotutto fora vogliasenno e vigore.

Percomparar Amortutt'aio dato

lomondo e menetutto per baratto;

setutto fusse meo quel ch'è creato

darìnelper Amor senza onne patto;

etròvome d'Amor quasi engannato

chétutt'ho datoor non so do' e' so' tratto;

perAmor so' desfattopazzo si so' tenuto

maperch'eo so' vendutode me non n'ho valore.

Credìnemela gente revocare

(amiciche me fòro) d'esta via;

machi è datoplu non se pò dare

néservo far che fuga signoria;

<'m>primala preta porrìanse amollare

c'Amoreche me tene en sua bailìa.

Tuttala voglia mia d'Amor si è enfocata

unitatrasformata; chi li tollarà Amore?

Foconé ferro non la pò partire

(nonse devide cosa tanto unita)

penané morte ce non pò salire

acquella altezza dove sta rapita;

sottosé vede tutte cose gire

etessa sopre tutte sta gradita!

Almaco' m'èi salita a pposseder tal bene?

Cristoda cui te veneabraccial con dolzore.

Iànon pòzzo vedere creatura

alCreatore grida tutta mente;

celoné terra non me dà dulzura

perCristo amore tutto m'è fetente.

Lucede sole sì me pare obscura

vedendoquella faccia resplandente;

cherubin'so' neiente belli per adocchiare

serafin'per amarea cchi vede el Signore.

Null'o<m>donquaoramai plu me reprenda

setale Amore me fa pazzo gire.

Iànon n'è core che plu se deffenda

d'Amors'è presoche pòzza fugire;

penseciascheun como cor non se fenda

cotalfornace co' pòzza patere.

S'eopotess'envenire almache m'entendesse

ede me cordoglio avessecà sse stringe lo core!

Chécelo e terra grida e sempre clama

contutte cosech'eo sì deia amare.

Ciascheunadice: "Con tutto core ama

l'Amorci à fattobriga d'abracciare!

Chéquello Amoreperò che te abrama

tutten'à fatte per te a sé trare".

Veiotanto arversare bontat'e cortesia

dequella luce piache sse spande de fore!

Amarevoglio plus'e' plu potesse

maco' plu amevertù ià non trova;

pluca me dare (con ciò ch'eo volesse)

nonpòzzoquesto è certo senza prova;

tuttol'ho datoperch'eo possedesse

quell'Amadorche tanto me renova.

Bellezzaantiqua e nova de po' ch'eo t'ho trovata

oluc'esmesurata de sì dolce sprandore!

Vedendotal bellezzasì so' tratto

defor de menon so' dove portato;

locor se struge como cera sfatto

deCristo se retrova figurato;

iànon se trovò mai sì gran baratto

vestirseCristotutto sé spogliato;

locor sì trasformato Amor grida che sente

anegacela mentetanto sente dolzore!

Legatasì è la mente con dolcezze

chetutta se destende ad abracciare

equanto plu resguard'a le bellezze

deCristofor de sé plu fa iettare

enCristo tutta possa con recchezze;

desé memoria nulla pò servare

ormaia sé plu dare voglia nulla né cura

depo' perde valurade sé onne sentore.

EnCristo trasformataè quasi Cristo

cunDeo conionta tutta sta devina.

Sopr'onnealtura è 'n sì granne aquisto

deCristo e tutto 'l suo stare regina!

Ordonquaco' potesse star plu tristo

decolpa <a>demandanno medecina?

Nullac'è plu sentinadove trove peccato;

lovecchio n'è mozzatopurgato onne fetore.

EnCristo nata nova creatura

spogliatolo vecchio omfatto novello!

Maen tanto l'Amor monta con ardura

locor par che sse fenda con coltello;

mentecon senno tolle tal calura

Cristosì me trã tuttotanto è bello!

Abràcciomecon ello e per amor sì clamo:

"Amorcui tanto abramofan'me morir d'amore!

PerteAmorconsumome languendo

evo stridenno per te abracciare;

quandote partisì mogo vivendo

sospiroe plango per te retrovare;

teretornando'l cor se va stendendo

ch'ente se pòzza tutto trasformare;

donquaplu non tardareAmoror me sovene

legatosì mme teneconsumese lo core!

Resguardadolce Amorla pena mia

tantocalore non pòzzo patire!

L'Amorm'à presonon saccio o' e' me sia

quee' faccia o dica non pòzzo sentire.

Comosmarrito sì vo per la via

spessotrangoscio per forte languire.

Nonsò co' suffirire pòzza plu tal tormento

loqual con pascemento da me fura lo core.

Corm'è furatonon pòzzo vedere

queaia a fare o que spesso faccia;

echi me vededice vòl sapere

amorsenza atto se a tteCristoplaccia.

Senon te piaceque pòzzo valere?

Detal mesura la mente m'alaccia

l'Amorche sì m'abracciatolleme lo 'mparlare

voleree <ad>operareperdo tutto sentore.

Sappiparlar e or so' fatto muto;

vedìae mo so' ceco deventato.

Sìgranne abisso non fo mai veduto

tacendoparlofugio e so' legato;

scendennosagliotegno e so' tenuto

defor so' dentrocaccio e so' cacciato.

Amoresmesuratoperché me fai empascire

e'n fornace morire de sì forte calore?".

"Ordenaquesto amoreo tu che m'ami;

nonn'è vertù senza ordene trovata!

Poiche trovare tanto tu m'abrami

(càmente con vertute è renovata)

amme amar sì voglio che ce clami

lecaritatequale sia ordenata.

Arboresì è aprovata per l'ordene del frutto

elqual demustra tutto de onne cosa valore.

Tuttele cosequal' aio create

esì so' fatt'en numero e mensura

eta llor fine so' tutte ordenate

conservanseper orden tal valura;

emolto plu ancora caritate

sìè ordenata ne la sua natura.

Donquacon' per caluraalmatu si empascita?

Ford'ordene tu è' 'scitanon t'enfrin'en fervore".

"Cristolo core tu sì m'ài furato

edice c'ad amar orden la mente

comod<e> po' ch'en te sì so' mutato

deme remaso fusse convenente!

Sìcomo ferro ch'en tutto è 'nfocato

ai<e>rde sole fatto relucente

delor forma perdente so' per altra figura

cusìla mente pura de tte è vistitaAmore.

Madasché 'n perde la sua qualitate

nonpò la cosa de sé operare;

comoè 'nformatasì à potestate

operasì con frutto poter fare;

donquase trasformato en veretate

ente sonCristocon sì dolce amare

atte se pò imputarenon a mmequel ch'eo faccio;

peròs'eo non te placciotu te non placiAmore.

Questoben saccio ches'eo so' empascito

tusumma Sapienziasì 'l m'ài fatto;

equesto fo dasché eo fui ferito

equando co l'Amor fici baratto

cheme spogliandofui de te vestito

annova vita non so co' fui tratto;

deme tutto desfatto or so' per amor forte

rottesi so' le porte e iaccio tecoAmore.

Atal fornace perché me menavi

sevolivi ch'eo fuss'en temperanza?

Quannosì esmesurato me tte davi

tollivin'da me tutta mesuranza;

peròche picciolello me bastavi

tenertegranne non n'aio possanza;

undese cci à fallanzaAmortua ènon mia

peròche questa via tu lla facistiAmore.

Tuda l'amore non te deffendisti

decelo en terra fécete vinire;

Amorea ttal bascezza descendisti

com'omdespetto per lo mondo gire;

casané terra ià non ce volisti

(talpovertate per nui arrechire!).

Envita e 'ndel morire mustrasti per certanza

Amord'esmesuranzache ardia ne lo tuo core.

Comoebrio per lo mondo spesso andavi

menàvatel'Amor com'om venduto;

entutte cose Amor sempre mustravi

dete quasi neiente perceputo

chéstando ne lo templosì gridavi:

"Abbever vegna chi à sustinuto

seted'amor à 'utoche lli sirà donato

Amoresmesuratoqual pasce cun dolzore".

TuSapienzianon te continisti

chel'Amor tuo spesso non versassi;

d'Amoreor non de carne tu nascisti

e<n>umanato Amorche ne salvassi!

Perabracciarneen croce sì curristi

ecredo che però tu non parlassi

Amorné te scusassi denante de Pilato

percomplir tal mercatoen crocede l'Amore.

Lasapienziaveiose celava

solol'amore se potìa vedere;

altapotenzia sé non demustrava

càll'era la vertute en desplacere;

granneera quell'Amor che se versava

altroche amore non potenno avere

nell'usoe nel volereAmor sempre legando

eten croce abraccianno l'Omo cun tanto amore.

DonquaIesùs'eo so' ennamorato

e'nnebriato per sì gran dolcezza

queme reprindised eo vo empazzato

eten me senno perdo con fortezza?

Chel'Amor veio te sì à legato

quasiprivato d'onne to grandezza

co'siria mai fortezza en me de contradire

ch'eonon voglia empascire per abracciarteAmore?

Chéquell'Amore che me fa empascire

atte par che tollesse sapienza

equell'amor che sì me fa languire

ate per me sì tolse la potenza;

nonvoglio ormai né pòzzo soffirire;

d'amorso' presonon faccio retenza;

data'n m'è la sentenza che d'amor eo sia morto

iànon voglio confortose non morireAmore.

AmorAmoreche sì m'ài firito

altroche amore non pòzzo gridare;

AmorAmoreteco so' unito

altronon pòzzo che te abracciare;

AmoreAmoreforte m'ài rapito

locor sempre se spande per amare;

perte voglio pasmareAmorch'eo teco sia;

Amorper cortesiafamme morir d'amore.

AmorAmor-Iesùso' iont'a pporto

AmorAmor-Iesùtu m'ài menato

AmorAmor-Iesùdamme conforto

AmorAmor-Iesùssì m'à' enflammato

AmorAmor-Iesùpensa l'opporto

fammeen te stareAmorsempre abracciato

conteco trasformato en vera caritate

e'n summa veretate de trasformato amore.

"AmoreAmore" grida tutto 'l mondo

"AmoreAmore" onne cosa clama.

AmoreAmoretanto si prefondo

chiplu t'abracciasempre plu t'abrama!

AmorAmortu si cerchio retundo

contutto corchi c'entrasempre t'ama;

chétu si stam'e tramachi t'ama per vistire

cunsi dolce sentire che sempre grida "Amore!"

AmoreAmorequanto tu me fai

AmoreAmoreno 'l pòzzo patere!

AmoreAmoretanto me tte dài

AmoreAmorben ne credo morire!

AmoreAmoretanto preso m'ài

AmoreAmorefamme en te transire!

Amordolce languiremorir plu delettoso

Amormedecarosoanegam'enn amore.

AmoreAmorlo cor sì me sse spezza

AmoreAmortale sente firita!

AmoreAmortram' e<n> la tua bellezza

AmoreAmorper te sì so' rapita;

AmoreAmorvivere me desprezza

AmoreAmorl'anema teco unita!

Amortu si sua vitaià non se <'n> pò partire;

perque la fai languiretanto stregnennoAmore?

AmorAmor-Iesù descideroso

Amorvoglio morire te abracciando

AmoreAmor-Iesùdolce meo sposo

AmoreAmorla morte t'ademando

AmoreAmor-Iesùsì delettoso

tume tt'arènni en te me trasformando!

Pensach'eo vo pasmannoAmornon so o' me sia

Iesùsperanza miaabissame enn amore!".





******

AmordilettoCristo beato



AmordilettoCristo beato

deme desolato agi piatanza!

Agipiatanza de me peccatore

cheso' stato enn errore longo tempo passato;

agran deritto me 'n vo a l'ardore

càteSignoreaio abandonato

pro'l mondo taupinolo qual me ven meno

edata m'à 'n pleno de pen' abundanza!

Abundamedentro la granne pena

laquale me mena l'amor del peccato;

l'almadolente a peccare s'enclina

dé'esser serenaor à volto scurato;

perché'n le' non luce la clara luce

laqual aduce la tua diritanza.

Mas'e' me voglio a Te dirizzare

enon peccarecredo per certo

cade TeLuceverrà spereiare

c'alluminarefarà lo meo petto;

maso' acecato enn un fondo scurato

nelqual m'à menato la mea cattivanza.

Lame' cattivanza l'alma à menata

là'v'è predata de tre inimici;

elo plu forte la tene abracciata

encatenatae mustranse amici!

Dòmeferite 'n ascus'e coprite

lequal' vui vedite che me metto 'n erranza.

Crudelemente m'ànno firita

eteschirnita battuta e spogliata;

lamea potenza veio perita

perch'è'nfracita la plaga endurata;

orbriga tagliare e poi medecare;

porraiosperare che so' en liberanza.

Oram'adiuta ad me liberare

ch'eopòzza campare del falso Nimico;

fàiseda longa a balestrare

etassegnare al cor ch'è podico;

laman che me fère non pòzzo vedere;

tal'cose a patere me dòne gravanza.

Gravameforte lo balistreri

loqual vòl firire êll'alma polita;

fatt'àbalestro del mondo averseri

loqual en bellire me mustra sua vita;

perl'occhi me mette al cor le saiette

l'orecheso' aperte a 'ricarme turbanza.

Turbameel nasoche vòl odorato

lavoccaasaiatoper dar conforto

enlo peiore ch'en me sia stato

loqual m'à aguidato ad uno mal porto;

sei dò ben magnareme sta a 'ncalciare;

del'amensurare sì fa lamentanza!

Lamentaseel tatto e dice: "Eo so uso

d'averreposo en me' delettare;

orlo m'ài toltosirò rampognoso

ecorroccioso en mea vivitate".

Sealento lo freno al corpo taupino

so'preso a l'oncino de la tristanza.



******

Amordolce senza pare - sei tuCristoper amare



Amordolce senza pare - sei tuCristoper amare

Amordolce senza pare - sei tuCristoper amare.

Tusei amor che coniugni- cui più ami spesso pugni;

onnepiagapoi che l'ugni- senza unguento fal sanare.

Amortu non abandoni - chi t'offendesì perdoni;

ede gloria encoroni - chi se sa umiliare.

Signorfanne perdonanza - de la nostra offensanza

ede la tua dolce amanza - fanne um poco assagiare.

DolceIesù amoroso- più che manna saporoso

sopranoi sie pietoso- Signornon n'abandonare.

Amorgrandedolce e fino- increato sei divino

tuche fai lo serafino - de tua gloria enflammare.

Cherubined altri cori- apostoli e dottori

martirie confessori- vergene fai iocundare.

Patriarchee profete - tu tragisti da la rete

deteamoràver tal sete - non se crédor mai saziare.

Dolceamortanto n'ame- al tuo regno sempre clame

saziandod'onne fame- tanto sei dolce a gustare.

Amorchi de te ben pensa- giammai non dei far offensa

tusei fruttuosa mensa - en cui ne devem gloriare.

Nellacroce lo mostrasti- amorquanto tu n'amasti;

chéper noi te umiliasti - e lassasti cruciare.

Amorgrande fuor misura- tu promission sicura

decui nulla creatura - d'amar non se può scusare.

Dàitea chi te vol avere- tu te vien a proferere

amornon te puoi tenere - a chi te sa ademandare.

Ademandote amoroso - dolce Iesù pietoso

cheme specchi el cor gioioso - de te soloamorpensare.

Lopensar de teamore- fa enebriar lo core

volfugir onne rumore - per poterte contemplare.

Contemplandotesolazo- pargli tutto 'l mondo lazo

regementofa de pazo - a chi non sa el suo affare.

Tuse' amor de cortesia- en te non è villania

dàmmeteamorvita mia- non me far tanto aspettare.





******

Amordiletto Amoreperché m'ài lassatoAmore?



"Amordiletto Amoreperché m'ài lassatoAmore?

Amordi' la casone de lo to partemento

chém'ài lassata afflitta en gran dubetamento;

seda schifezza èi véntovogliolten' satisfare;

s'e'me 'n voglio tornarenon te ne torneAmore?

Amorperché me déste nel cor tanta dolcezza

dapo' che l'ài privato de tanta alegrezza?

Nonclamo gentelezza om che dà et artolle;

s'eone parlo co' folleeo me nn'ho anvitoAmore.

Amortua compagnia tosto sì m'è falluta

nonsaccio do' me siafaccenno tu partuta;

lamente mea esmarruta va chidenno 'l dolzore

chéli è furato ad ore e non se nn'è adatoAmore.

Amoreomo che fura ad altri gran tesoro

lacortepoi lo pigliafali far lo restoro;

'nantia to corte ploro che me faccia rasone

detegranne furoneche m'ài sottratto amore.

Lacarta de la presaglia mo me ne fa el cortese

ch'eote pòzza pigliare en qual te trovo paiese;

non'aio da far le spesemorraio ne la strata

chetal ricchezza ài furata ch'e' me nne mogoAmore.

Amorelo mercatanteched è multo apreiato

e'n ascus'i fa 'l sottratto a chi i ss'è tutto dato

dapoi ch'è spaliatoperde la nomenanza

eonn'om n'à dubitanza de crederseliAmore.

Amorli mercatanti c'à fatta compagnia

el'un fa li sottrattinon li sse par che sia;

tuttamoneta ria lassa 'n lo so taschetto

labona tutta à scelto; sì ne rapisceAmore.

Amorlo meo coraio tu sì ll'ài derobato

nullacosa de bene en me tu ci à' lassato;

elmeo danno ho pensatoch'e' no 'l pòzzo estimare

déiomenearchiamare a la tua corteAmore.

Amorom c'à mercato e vendel volunteri

vedennolquel che l' bramadéne da lu' fugire?

Nonlo deveria dire: "Eo vòi' vender mercato"?

Eten cor ten celato che no i vòl dareAmore.

Amorlo to mercato m'era tanto placente

no'l m'avissi mustratonon ne sirìa dolente;

lassastim'en la mente la loro revembranza

facistiloa sutiglianza per farme morireAmore.

Amoromo ch'è ricco et à moglie ennarrata

tornalia granne onores'ella va mennicata?

Rechez'à'esmesurata e non sai quella te 'n fare

epoimen' satisfare e non par che 'l facciAmore.

Amortu èi meo sposoàime per moglie presa;

tórnatea granne onore vetata m'è la spesa?

Sòmmeteen mano mesa et àime en le to mane;

lagente sprezzata m'ànesì so' denigrataAmore.

Amoreom che mustrasse lo pane a l'afamato

eno ne i vòlse dareor non sirìa blasmato?

Dapo' che 'l m'à' mustrato e vidimen' morire

pòmenesuvveniree non par che 'l facciAmore.

Amors'eo ne trovasse ad alcun che n'avesse

tute <'n> porrì' escusare ch'eo non te ne chidesse;

s'e'per le case gesse ad altri ademannare

farìmea te tornareché tu me 'n desseAmore.

Amorlo meo coraio sì l'ài stretto legato

vòlilofar perireche li ài 'l cibo celato?

Forsach'en tal estato mo mme ne vòi po' dare

ch'eono 'l porrò pigliare; però 'l te 'n recordoAmore.

Amorom c'à abbergato et à 'l tolto a pesone

se'l larga 'nant'el tempoque no vòl la rasone

c'arturnea la masone e pagi tutta la sorte?

Iànon vòl cose tòrte; a l<e>i me nn'archiamoAmore".

"Omoche te lamintibreve mente responno;

tollennolo to abbergocrìsice far soiorno;

abbergastic'elmondo e me 'n caciasti via;

donquafai villaniase tu murmuri de Amore.

Tusaimentr'e' ce stettiquigne spese ce fice;

non'n te pòi lamentaresì te ne satisfice;

càad nettarlo me misich'era pleno de loto;

eficel tutto devoto per avetarce Amore.

Quannoeo me nne partîci Amor me 'n portai 'l mio;

comolo pòi tu dire ch'eo me 'n portasse el tio?

Tusai ch'ell'è sì rio c'a me non è 'n placere;

Quannoneiuna cosa ad alcuno è sprezzata

eno i la renn'entrasattono dé' essar blasmata

s'il'artolle a la fiatasènno colui villano

chenon sente de mano de que li à prestato Amore.

Tusai molte fiate sì ce so' abbergato

esai co' a gran vergogna sì me nn'ài for cacciato;

forsache t'è ad grato ch'eo cce deia avetare

faccennodetoperare sì nobelissimo Amore?".

"Amorditt'ài tal scusa ch'ella se pò bastare

alo mormoramento c'aio voluto fare;

voglio'l capo enclinare che nne facci vendetta

enon me 'n tener plu afflitta de celarmetteAmore".

"Rennendoten'pentutasì cce voglio artornare

ancorme fusse fatto villano allecerare;

nonvoi' che mai to pare facesse lamentanza

ch'eofacesse fallanza de lo legale amore".





******

Amorecontraffattospogliato de vertute



Amorecontraffattospogliato de vertute

Amorecontraffattospogliato de vertute

nonpò far le salute là 'v'è lo vero amare.

Amorse fa lascivo senza la temperanza

navesenza nocclero rompe en tempestanza

cavallosenza freno curr'en pricipitanza;

sìfa la falsa amanza senza vertuteannare.

Amorche non è fortemortale à enfermetate;

l'aversetàl'occidepeio en prosperitate

(l'ipocretemustranzeche fòr per le contrate

mustravansantetate de canti e de saltare!).

Amorche non n'è iustoda Deo è reprobato;

parlannova d'amore che sia de grann'estato;

lalengua à posta en celolo cor è aterranato;

vilissimomercato pòrtai chi 'l vòl mustrare.

Amorche non n'è saiode prudenza vestito

nonpò veder l'eccessiperò ch'è ensanito;

rompelege e statutionne ordenato rito

(dicech'è salito a nulla lege servare).

Oamor enfedeleerrato de la via

nonrepute peccato nulla cosa che sia

va'sementando erruri de pessima risìa

talfalsa compagnia onn'om deia mucciare.

Amorsenza speranza non vene a veretate

nonpò veder la luce chi fuge claretate;

comopò amar lo celo chi 'n terr'à so amistate?

Nondica en libertate om senza lege stare!

Ocaritateè' vitac'onne altro amor è morto!

Nonvai rompenno lege'nanti l'osserv'en tutto;

elà 've non n'è legea llege el fai redutto;

nonpò gustar tuo frutto chi fugg'el tuo guidare.

Onneatto sì è licetoma non a onnechivelle;

apreit'è 'l sacrificioa mogli'e maritofigli;

apotestateocciderea iudececonsigli

ali notar'libellia medeciel curare.

Nonn'è ad onne omo liceto d'occidar el latrone;

lapotestate à officio dannarlo per rasone;

al'occhio non n'è congruo de far degestione

néal naso parlasone né a l'orecchie annare.

Chivive senza legesenza lege peresce;

currennova a l'onferno chi tale via sequesce;

locosì lli sse acumula onne cosa ch'encresce;

chiensemora fallesceensemor à a penare.