Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guidodelle Colonne



Rimescelte





Amorche lungiamente m'ài menato



Amorche lungiamente m'ài menato

afreno stretto senza riposanza

alargale toi retinein pietanza

chèsoperchianza - m'a vinto e stancato;

c'òpiù durato - ch'eo non ò possanza

pervoimadonnaa cui porto lianza

piùche non fa assessino asorcuitato

chesi lassa morir per sua credanza.

Beneste affanno dilittoso amare

edolze pena ben si pò chiamare;

mavoimadonnade la mia travaglia

casì mi squaglia- prenda voi merzide

cheben è dolze malse no m'auzide.

Oidolze ciera co sguardo soavi

piùbella d'altra che sia in vostra terra

trajetelo meo core ormai di guerra

cheper voi erra - e gran trataglia nd' avi:

casi gran travi - poco ferro serra

epoca pioggia grande vento aterra

peròmadonnanon vi 'ncresca gravi

s'Amorvi sforzac'ogni cosa inserra;

chècerta no gli è troppo disinore

quand'omoè vinto da un suo megliore

etanto più da Amor che vince tutto.

Perònon dutto - c'Amor non vi dismova

saggioguerreri vince guerra e prova.

Nondico c'a la vostra gran belleza

orgoglionon convegna e stiavi beni

c'abella donna orgoglio ben conveni

chesi manteni - in pregio ed in grandeza.

Troppaaltereza - è quella che sconveni;

digrande orgoglio mai ben non aveni.

Peròmadonnala vostra dureza

convertasiin pietanza e si rinfreni;

nonsi distenda tanto ch'io ne pera.

Losole è altosi face lumera

evia più quanto 'n altura pare:

vostroorgogliare- per zoe vostra alteze

fac[i]amipro' e tornimi in dolceze.

E'allumo dentro e sforzo in far semblanza

dinon mostrar zo che lo meo cor senti.

Oiquant'è dura pena al cor dolenti

staretacenti - e non far dimostranza!

Chèla pesanza - a la ciera consenti

efanno vista di lor portamenti

cosison volentieri 'n acordanza

lacera co lo core insembramenti.

Forzadi senno è quella che soverchia

ardirdi coreasconde ed incoverchia.

Benè gran sennochi lo pote fare

savercelare - ed essere segnore

delo suo core quand'este 'n errore.

Amorfa disviare li più saggi

echi più ama a pena à in sè misura;

piùfolle è quello che più si 'nnamura.

Amornon cura - di far suoi dannaggi

cali coraggi - mette in tal calura

chenon pò rifreddare per freddura.

Gliocchi a lo core sono li messaggi

de'lor cominciamenti per natura.

Dunquemadonnagli occhi e lo meo core

avetein vostra man dentro e di fore

ch'Amormi sbatte e smena che no abento

sìcome vento - smena nave in onda.

Voisiete meo pennel che non affonda.







Ancorche l'aigua per lo foco lassi



Ancorche l'aigua per lo foco lassi

lasua grande freddura

noncangeria natura

s'alcunvasello in mezzo non vi stassi;

anziaverria senza lunga dimura

chelo foco astutassi

oche l'aigua seccassi;

maper lo mezzo l'uno e l'autra dura.

Cusìgentil criatura

inme à mostrato Amore

l'ardentesuo valore:

chesenza Amore er'aigua fredda e ghiaccia

maAmor m'à sì allumato

difoco che m'abraccia

ch'eofora consumato

sevoidonna sovrana

nonfustici mezzana

infral'Amore e meve

cafa lo foco nascere di neve.

Immaginedi neve si pò diri

omoche no à sentore

d'amorosocalore:

ancorsia vivonon si sa sbaudiri.

Amoreè uno spirito d'ardore

chenon si pò vediri

masol per li sospiri

sifa sentire in quello ch'è amadore.

Cusìdonna d'aunore

lomeo gran sospirare

vipor[r]ia certa fare

del'amorosa flammaund'eo so involto;

enon so com'eo duro

sìm'ave preso e tolto;

maparm' esser siguro

chemolti altri amanti

peramor tutti quanti

funoperduti a morti

chenon amaro quant'eonè sì forti.

Eov'amo tantoche mille fiate

inun'or mi s'arranca

lospirito che manca

pensandodonnala vostra beltate.

Elo disio c'ò lo cor m'abranca

crescemivolontate

mettemi'n tempestate

ognipenserichè mai non si stanca.

Ocolorita e blanca

gioiade lo meo bene

speranzami mantene;

es'eo languisco non posso morire

camentre viva sete

eonon por[r]ia fallire

ancorche fame e sete

locorpo meo tormenti;

masol ch'eo tegna menti

vostragaia persona

obbriola mortetal forza mi dona.

Eonon credo sia quel[lo] ch'avia

lospirito che porto

chedeo fora già morto

tant'òpassato male tuttavia;

lospirito chi aggiound'eo mi sporto

credolo vostro sia

chenel meo petto stia

eabiti con meco in gioi e diporto.

Ormi son bene accorto

quandoda voi mi venni

chequando mente tenni

vostroamoroso viso netto e chiaro

livostri occhi piagenti

alloram'addobraro

chemi tennero menti

ediedermi nascoso

unospirto amoroso

ch'assaimi fa più amare

cheno[n] amò null'altrociò mi pare.

Lacalamitacontano i saccenti

chetrar[r]e non por[r]ia

loferro per maestria

seno che l'aire in mezzo lu consenti;

ancorche calamita petra sia

l'altrepetre neenti

nonson cusì potenti

atraierperchè non n'àno bailìa.

Cosìmadonna mia

l'Amors'è apperceputo

chenon m'avria potuto

traera sèse non fusse per vui.

Esì son donne assai

m'ànonulla per cui

eomi movesse mai

senon per voipiagente

incui è fermamente

laforza e la vertuti.

Addonqueprego l'Amor che m'aiuti.







Lamia gran pena e lo gravoso affanno



Lamia gran pena e lo gravoso affanno

c'òlungiamente per amor patuto

madonnalo m'à 'n gioia ritornato;

pensandol'avenente di mio danno

insua merze[de] m'ave riceputo

elo sofrire mal m'à meritato:

ch'ellam'à dato - tanto bene avire

chelo sofrire - molta malenanza

agi'ubriatoe vivo in allegranza.

Allegroson ca tale segnoria

agioacquistataper mal soferire

inquella che d'amar non vao cessando.

Certoa gran torto lo mal blasmeria

chèper un male agio visto avenire

pocodi bene andare amegliorando

edatardando - per molto adastiare

ungrand'af[f]are - tornare a neiente.

Chivole amardev' essere ubidente.

Ubidenteson stato tut[t]avia

edò servuto adesso co leanza

ala sovrana di conoscimento

quellache lo meo core distringìa

edora in gioia d'amore mi 'navanza.

Soferendoagio avuto compimento

eper un cento - m'ave più di savore

loben c'Amore - mi face sentire

perlo gran mal che m'à fatto sofrire.

Semadona m'à fatto sof[e]rire

pergioia d'amore avere compimento

penee travaglia ben m'à meritato;

poich'a lei piacea me ben de' piacire

chend'agio avuto tanto valimento:

sovr'ogneamante m'ave più 'norato

c'agioaquistato - d'amar la più sovrana:

chèse Morgana - fosse infra la gente

invermadonna non par[r]ia neiente.

Neientevale amor sanza penare:

chivole amarconviene mal patire

ondemille mercè n'agia lo male

chem'a[ve] fatto in tanto ben montare

ch'ionon agio infra la gente ardire

didir la gioia ove il mi' core sale.

Ordunque vale - meglio poco avire

cheben sentire - troppo a la stagione:

pertroppo ben diventa omo fellone.