Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Yoga Roma Parioli Spedizioni Raccomandate Roma

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Folgòre da San Gimignano



Sonetti della Semana

 

 

 

 

IDedica

I' ho pensato di fare un gioielloche sia allegrogioioso ed ornatoe sí 'l vorrei donare in parte e latoch'ogn'uomo dica: «E' li sta benè bello!»
E or di nuovo ho trovato un donzellosaggiocortese e ben ammaestratoché li starebbe me' l'imperïatoche non istà la gemma nell'anello:
Carlo di misser Guerra Cavicciuoliquel ch'è valente ed ardito e gagliardoe serventecomandi chi che vuoli;
leggero piú che lonza o lïopardoe mai non fece dei denar figliuolima spende piú che 'l marchese lombardo.

 

IILunidie
Quando la luna e la stella dïanae la notte si parte e 'l giorno apparevento leggeroper polire l'aree far la gente stare allegra e sana;
il lunedíper capo di semanacon istormenti mattinata fareed amorose donzelle cantaree 'l sol ferire per la meridiana.
Lèvati súdonzelloe non dormireché l'amoroso giorno ti confortae vuol che vadi tua donna a servire.
Palafreni e destrier sieno alla portadonzelli e servitor con bel vestire:e poi far ciò ch'Amor comanda e porta.

 

IIIMartidie
E 'l martedí li do un nuovo mondo:udir sonar trombetti e tamburelliarmar pedoncavalieri e donzellie campane a martello dicer: «don do»;
e lui primiero e li altri secondoarmati di loriche e di cappelliveder nemici e percuotere ad ellidando gran colpi e mettendoli a fondo;
destrier vedere andare a vuote selletirando per lo campo lor segnorie strascinando fegati e budelle;
e suonare a raccolta trombatorie sufoliflaúti e ciramellee tornare alle schiere i feritori.

 

IVMercoredie
Ogni mercoredí corredo grandedi lepristarnefagiani e paonie cotte manze ed arrosti capponie quante son delicate vivande;
donne e donzelle star per tutte bandefiglie di redi conti e di baronie donzellette e giovani garzoniservir portando amorose ghirlande;
coppenappibacin d'oro e d'argentovin greco di riviera e di vernacciafruttaconfetti quanti li è 'n talento
e presentarvi uccellagioni e caccia;e quanti sono a suo ragionamentosí sieno allegri e con la chiara faccia.

 

VGiovedie
Ed ogni giovedí tornïamentoe giostrar cavalier ad uno ad unoe la battaglia sia 'n luogo comunoa cinquanta e cinquantae cento e cento.
Armedestrieri e tutto guarnimentosien d'un paraggio addobbati ciascuno;da terza a vespropassato 'l digiuno:allora si conosca chi ha vento.
E poi tornare a casa alle lor vagheove seranno i fin letti soprani;e' medici fasciar percosse e piaghe
e le donne aitar con le lor mani;e di vederle sí ciascun s'appagheche la mattina sien guariti e sani.

 

VIVenerdie
Ed ogni venerdí gran caccia e forte:veltribracchettimastini e stivorie bosco basso miglia di staiorilà ove si troven molte bestie accorte
che possano vedercacciandoscorte:e rampognare insieme i cacciatoricornando a caccia presa i cornatori:ed allor vemgan molte bestie morte.
E poi recogliere i cani e la gentee dicer: «L'amor meo manda a cotale».«Alle guagneleserà bel presente!»
«Ei par che i nostri cani avesser ale!»«Te'te'BellucciaPicciuolo e Serpenteché oggi è 'l dí della caccia reale!»

 

VIISabato die
E 'l sabato diletto ed allegrezzain uccellare e volar di falconie percuotere grueed alghironiiscendere e salire in grand'altezza;
ed all'oche ferir per tal fortezzache perdan l'alele cosce e' gropponi;corsieri e palafren mettere a spronied isgridar per gloria e per baldezza.
E poi tornare a casa e dire al cuoco:«To' queste cose e acconcia per dimanee pelatagliaassetta e metti a' fuoco;
ed abbie fino vino e bianco panech'e' s'apparecchia di far festa e giuoco:fa che le tue cucine non sian vane!»

 

VIIIDomenica die
Alla dimaneall'apparer del giornovenenteche domenica si chiamaqual piú li piacedamigella o damaabbiane molte che li sien d'attorno;
in un palazzo dipinto ed adornoragionare con quella che piú ama;qualunche cosa che desia e bramavenga in presente senza far distorno.
Danzar donzellearmeggiar cavaliericercar Firenze per ogni contradaper piazzeper giardini e per verzieri;
e gente molta per ciascuna stradae tutti quanti il veggian volentieri:ed ogni dí di ben in meglio vada.