Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


GuinizelliGuido



ALCOR GENTIL

ealtre canzoni





Alcor gentil rempaira sempre amore



Alcor gentil rempaira sempre amore

comel'ausello in selva a la verdura;

néfe' amor anti che gentil core

négentil core anti ch'amornatura:

ch'adessocon' fu 'l sole

sìtosto lo splendore fu lucente

néfu davanti'l sole;

eprende amore in gentilezza loco

cosìpropiamente

comecalore in clarità di foco.

Focod'amore in gentil cor s'aprende

comevertute in petra preziosa

cheda la stella valor no i discende

antiche 'l sol la faccia gentil cosa;

poiche n'ha tratto fòre

persua forza lo sol ciò che li è vile

stellali dà valore:

cosìlo cor ch'è fatto da natura

aslettopurgentile

donnaa guisa di stella lo 'nnamora.

Amorper tal ragion sta 'n cor gentile

perqual lo foco in cima del doplero:

splendelial su' dilettoclarsottile;

noli stari' altra guisatant' è fero.

Cosìprava natura

recontraamor come fa l'aigua il foco

caldoper la freddura.

Amorein gentil cor prende rivera

persuo consimel loco

com'adamàs del ferro in la minera.

Ferelo sol lo fango tutto 'l giorno

vileremanné 'l sol perde calore;

dis'omo alter: "Gentil per sclatta torno";

luisemblo al fangoal sol gentil valore:

chénon dé dar om fé

chegentilezza sia fòr di coraggio

indegnità d'ere'

seda vertute non ha gentil core

com'aigua porta raggio

e'l ciel riten le stelle e lo splendore.

Splende'n la 'ntelligenzia del cielo

Deocriator più che 'n nostr'occhi 'l sole:

quellaintende suo fattor oltra cielo

e'l ciel volgiandoa Lui obedir tole

econsegueal primero

delgiusto Deo beato compimento:

cosìdar dovriaal vero

labella donnapoi che 'n gli occhi splende

delsuo gentil talento

chemai di lei obedir non si disprende.

DonnaDeo mi dirà: "Che presomisti?"

siandol'alma mia a Lui davanti.

"Lociel passasti e 'nfin a Me venisti

edesti in vano amor Me per semblanti:

ch'aMe conven le laude

ea la reina del regname degnoper cui cessa onne fraude".

DirLi porò: "Tenne d'angel sembianza

chefosse del Tuo regno;

nonme fu fallos'eo li posi amanza".

 

 

Ch'eocor avessemi potea laudare

 

Ch'eocor avessemi potea laudare

avanteche di voi foss' amoroso

edor è fattoper tropp' adastare

divoi e di mefeìo ed argoglioso:

chésubit'ore me fa isvariare

dighiaccio in foco e d'ardente geloso;

tantom'angoscia 'l prefondo pensare

chesembro vivo e morte v'ho nascoso.

Nascosamorte porto in mia possanza

etale nimistate aggio col core

chesempre di battaglia me menaccia;

echi ne vol aver ferma certanza

riguardimise sa legger d'amore

ch'i'porto morte scritta ne la faccia.

 

 

Chivedesse a Lucia un var capuzzo

 

Chivedesse a Lucia un var capuzzo

incò teneree como li sta gente

e'non è om de qui 'n terra d'Abruzzo

chenon ne 'namorasse coralmente.

Parsì lorinafigliuola d'un tuzzo

dela Magna o de Franza veramente;

enon se sbatte cò de serpe mozzo

comefa lo meo core spessamente.

Ahprender lei a forzaultra su' grato

ebagiarli la bocca e 'l bel visaggio

eli occhi suoich'èn due fiamme de foco!

Mapentomiperò che m'ho pensato

ch'estofatto poria portar dannaggio

ch'altruidespiaceria forse non poco.

 

 

Congran disio pensando lungamente

 

Congran disio pensando lungamente

Amorche cosa sia

ed'onde e come prende movimento

diliberarmi pare infra la mente

peruna cotal via

cheper tre cose sente compimento

ancorch'èfallimento

volendoragionare

dicosì grande affare;

maseusami che eo sì fortemente

sentoli suoi tormente- ond'eo mi dogli

E'par che da verace piacimento

lofino amor diiscenda

guardandoquel ch'al cor torni piacente;

chépoi ch'om guarda cosa di talento

alcor pensieri abenda

ecresce eon disio immantenente;

epoi dirittamente

fioriscee mena frutto;

peròmi sento isdutto

l'amorcrescendo fiori e foglie ha messe

evèn la messe - e 'l frutto non ricoglio.

Diciò prender dolore deve e pianto

locore inamorato

elamentar di gran disaventura

peròche nulla cosa a l'omo è tanto

gravosoriputato

chesostenere affanno e gran tortura

servendoper calura

d'esseremeritato;

epoi lo su'pensato

nonha compita la sua disianza

eper pietanza - trova pur orgoglio.

Orgogliomi mostratedonna fina

edeo pietanza chero

avo'cui tutte coseal meo parvente

dimoranoa piacere. A vo' s'inchina

vostroserventee spero

ristauroaver da vo'donna valente;

chéavvene spessamente

che'l bon servire a grato

noné meritato.

Allottach 'l servente aspetta bene

temporivene - che merta ogni scoglio.

 

 

Conoscerséa voler esser grande

 

Conoscerséa voler esser grande

èsempre il fondamento principale

emal diritto sale

coluiche crede sé magior che sia

chésol questa follia

èquella per che l'uom più ci disvale.

 

 

Dolentelassogià non m'asecuro

 

Dolentelassogià non m'asecuro

chétu m'assaliAmoree mi combatti:

dirittoal tuo rincontro in pie' non duro

chémantenente a terra mi dibatti

comelo trono che fere lo muro

e'l vento li arbor' per li forti tratti.

Dicelo core agli occhi: "Per voi moro"

eli occhi dice al cor: "Tu n'hai desfatti".

Apparveluceche rendé splendore

chepassao per li occhi e 'l cor ferìo

ond'ione sono a tal condizione:

ciòfuro li belli occhi pien' d'amore

cheme feriro al cor d'uno disio

comesi fere augello di bolzone.

 

 

Donnail cantar soave

 

Donnail cantar soave

cheper lo petto mi mise la voce

chespegne ciò che nuoce

pensieriin gioia e gioia in vita m'have.

 

 

Donnal'amor mi sforza

 

Donnal'amor mi sforza

ch'eovi deggia contare

com'eo so 'nnamorato

eciascun giorno inforza

lamia voglia d'amare:

purfoss' eo meritato!

Sacciatein veritate

chesi pres' è 'l meo core

divo'incarnato amore

camore di pietate

econsomar lo faite

ingran foch' e 'n ardore.

Navech'esce di porto

convento dolze e piano

framar giunge in altura;

poivèn lo tempo torto

tempestae grande affano

liaduce la ventura;

allorsi sforza molto

comopossa campare

chenon perisca in mare:

cosìl'amor m'ha colto

edi bon loco tolto

emiso a tempestare.

Madonnaaudivi dire

che'n aire nasce un foco

perrincontrar di venti;

senon more 'n venire

innuviloso loco

ardeimmantenenti

ciòche dimora loco:

così'n le nostre voglie

contrar'aire s'accoglie

undemi nasce un foco

loqual s'astingue un poco

inlagrime ed in doglie.

Gravecos' è servire

signorcontra talento

esperar guiderdone

emostrare 'n parere

chesia gioia 'l tormento

contrasu' oppinione.

Donquasi dé gradire

dimeche voglio ben fare

eghirlanda portare

dimolto orgoglio ardire:

ches'eo voglio ver dire

credopingere l'aire.

Apinger l'air son dato

poich'a tal sono adutto:

lavoroe non acquisto.

Lassoch'eo li fui dato!

Amorea tal m'ha 'dutto

fragli altri son più tristo.

Osignor Geso Cristo

fu'i' però sol nato

distare innamorato?

Poimadonna l'ha visto

megli'è ch'eo mora in quisto:

forsen'avrà peccato.

 

 

Donnalo fino amore

 

Donnalo fino amore

m'hatutto sì compreso

chetutto son donato a voi amare;

nonpò pensar lo core

altroche amore acceso

ecome meglio vi si possa dare;

ecerto lo gioioso cominzare

isforzal'amorosa mia natura

ond'iomi credo assai magnificato

e'nfra gli amanti in gran gioi coronato.

Eoporto alta corona

poich'eo vi son servente

acui m'assembra alto regnar servire

sìalta gioi mi dona

avoi stare ubidiente;

prégonevoi che'l degniate gradire.

Evero certamente credo dire

che'nfra le donne voi siete sovrana

diogni grazia e di virtù compita

percui morir d'amor mi saria vita.

Selingua ciascun membro

delcorpo si facesse

vostrebellezze non porian contare;

adogni gioi v'assembro

chedicer si potesse

Cioavete belche si puo divisare:

moltoci ha bel]e donne e d'alto affare

voisoprastate come il ciel la terra

chémeglio vale aver di voi speranza

ched'altre donne aver ferma certanza.

Ancorche sia gravezza

lotormento d'amore

maciò ch'abbo d'amor m'assembra bene;

enulla crudelezza

pòtepensar lo core

cheavestedonna'n voiche non s'avvene.

Giocoe sollazzo me sostene in pene

sperandoch'avvenir può la gran gioia.

Megliomi sa per voi mal sostenere

checompimento d'altra gioia avere.

Madonnail mio penare

perfino amor gradisco

pensandoch'è in voi grande conoscenza;

 

 

Fral'altre pene maggio credo sia

 

Fral'altre pene maggio credo sia

sopporrelibertà in altrui voglia:

losaggiodicopensa prima via

digirche vadache non trovi scoglia.

Omoch'è priso non è 'n sua bailia:

conveneliubedirpoi n'aggia doglia

ch'aaugel lacciato dibattuta è ria

chepur lo stringe e di forza lo spoglia.

Inpace donqua porti vita e serva

chida signore alcun merito vòle:

aDio via piùche volontate chere;

evoimesserdi regula conserva

pensatea lo proverbio che dir sòle:

"Abon servente guiderdon non père".

 

 

Gentildonzelladi pregio nomata

 

Gentildonzelladi pregio nomata

degnadi laude e di tutto onore

chépar de voi non fu ancora nata

nésì compiuta de tutto valore

pareche 'n voi dimori onne fiata

ladeità de l'alto deo d'amore;

detutto compimento siete ornata

ed'adornezze e di tutto bellore:

ché'l vostro viso dà sì gran lumera

chenon è donna ch'aggia in sé beltate

ch'avoi davante non s'ascuri in cera;

pervoi tutte bellezze so' afinate

eciascun fior fiorisce in sua manera

logiorno quando vo' vi dimostrate.

 

 

Inquanto la natura

 

Inquanto la natura

e'l fino insegnamento

hanmovimento - de lo senno intero

und'hapiù dirittura

logran cognoscimento

danodrimento - o da natura? quero.

Sela gran canoscenza

dicess'omper ventura

chevèn piu da natura

direbbefallamento;

chénessuna scienza

senz'ammaestratura

nonsaglie in grande altura

perpropio sentimento.

Maper lo nodrimento

omcresce in canoscenza

chedà valenza - d'ogni gio' compita;

peròha compimento

dibene in tal sentenza

senzafallenza persona nodrita.

Adonquapar che 'l segno

ela natura insieme

vivanoad una speme

inun sentire stando

com'adovend'un legno

ch'adui nomi s'attene

epur una cosa ène

losubbietto guardando.

Peròprovedimento

diconquistar convene

valordi bene - ciò è canoscenza;

selo cominciamento

perseveranzatène

cert'èche vène - a fine sua sentenza;

ela perseveranza

simante per soffrire

undevòle ubidire

edogne bene avanza.

Adonquaper certanza

nonsi poria compire

senzalo sofferire

alcunaincomincianza

 

 

Iovoglio del ver la mia donna laudare

 

Iovoglio del ver la mia donna laudare

edasembrarli la rosa e lo giglio:

piùche stella diana splende e pare

eciò ch'è lassù bello a lei somiglio.

Verderiver' a lei rasembro e l'are

tutticolor di fior'giano e vermiglio

oroed azzurro e ricche gioi per dare:

medesmoAmor per lei rafina meglio.

Passaper via adornae sì gentile

ch'abassaorgoglio a cui dona salute

efa 'l de nostra fé se non la crede;

eno·lle pò apressare om che sia vile;

ancorve dirò c'ha maggior vertute:

null'om pò mal pensar fin che la vede.

 

 

Lamentomidi mia disaventura

 

Lamentomidi mia disaventura

ed'un contrarioso distinato

dime medesmo ch'amo for misura

unadonna da Cui non sono amato;

edicemi Isperanza: "Sta' a la dura

nonti cessar per reo sembiante dato

chémolto amaro frutto si matura

ediven dolce per lungo aspettato".

Donquacreder vogl' io a la Speranza:

credoche mi consigli lealmente

ch'eoserva a la mia donna con leianza.

Guigliardonatoserò grandemente:

benmi rasembra reina di Franza

poide l'altre mi pare la più gente.

 

 

Lofin pregi' avanzato

 

Lofin pregi' avanzato

ch'alo meo cor sarrea

aciò come sarrea

ch'ell'ha ogne valore

inver'me comprovato?

Perfin amor sarrea

chéa dir non sarrea

tuttoquanto valore:

perch'e' noll vorrea dire

perchém'incresce dire

chénon posso 'l meo core

dimostrarefinero

acciòche non finero - la mia vita.

Finaremi convene

ch'e'mi son miso a tale

chenon dice mai tale

anzimi fa orgoglianza;

com'om che pinge bene

coloraviso tale

cheli conven maltale

èsoffrire orgoglianza:

perche a me convene

soffrirciò che avene

maeo voglio soffrire

tuttolo meo penare

perch'e' non ho penar - lungia stagione.

Lasua beltà piagente

e'l fin amor ch'è puro

inver'me che son puro

inlei tutt' ha piagenza;

regn'a pregio valente

evalor che non pur'ò

diresì alt' o puro

tant'ha vera piagenza

giàper cui lo meo core

altiscein tal lucore

chesi ralluma come

salamandra'n foco vive

ché'n ogne parte vive - lo meo core.

D'un'amorosaparte

mivèn voler ch'è sole

cheinver' me più sòle

chenon fa la pantera

chedusa in una parte

chelevantisce sole:

chédi più olor s'ole

su'viso che pantera.

Anchein vo' i' spero

merzéche non dispero

perch'è 'n voi pietate

finpregiobon volere

perch'è a voi voler - lo meo cor pare.

Radoblacanoscenza

che'n voi tuttora mira

chéchiunqua vo mira

nonha consideranza;

m'aveteben saccenza

chechi voi serve e smira

nonpò fallirse mira

vostraconsideranza:

perch' eo non arò fallo

perch'eo dimori 'n fallo

ch'ègià lunga speranza

invoi d'amor ch'eo v'aggio

ch'e'non credos'e' v'aggio- altro venire.

 

 

Lovostro bel saluto e 'l gentil sguardo

 

Lovostro bel saluto e 'l gentil sguardo

chefate quando v'encontrom'ancide:

Amorm'assale e già non ha reguardo

s'elliface peccato over merzede

chéper mezzo lo cor me lancio un dardo

chedoltre 'n parte lo taglia e divide;

parlarnon possoché 'n pene io ardo

sìcome quelli che sua morte vede.

Perli occhi passa come fa lo trono

chefer' per la finestra de la torre

eciò che dentro trova spezza e fende;

remagnocomo statua d'ottono

ovevita né spirto non ricorre

senon che la figura d'omo rende.

 

 

Madonnamiaquel dì ch'Amor consente

 

Madonnamiaquel dì ch'Amor consente

ch'i'cangi corevolere o maniera

och'altra donna mi sia più piacente

torneràl'acqua in su d'ogni riviera

ilcieco vederà'l muto parlente

edogni cosa grave fia leggera:

sìforte punto d'amore e possente

fu'l giorno ch'io vi vidi a la 'mprimiera.

Equesto posso dire in veritate:

ch'Amoree stella fermaron volere

ch'iofosse vostroed hanlo giudicato;

ese da stella è datonon crediate

ch'altracosa mi possa mai piacere

seDio non rompe in ciel ciò c'ha firmato.

 

 

Madonnail fino amor ched eo vo porto

 

Madonnail fino amor ched eo vo porto

midona sì gran gioia ed allegranza

ch'avermi par d'Amore

ched'ogni parte m'aduce conforto

quandomi membra di voi la 'ntendanza

afarmi di valore

aciò che la natura mia me mina

adesser di voifina

cosidistrettamente innamorato

chemai in altro lato

Amornon mi pò dar fin piagimento:

anzid'aver m'allegra ogni tormento.

Darallegranza amorosa natura

senz'esserl'omo a dover gioi compire

ingannomi simiglia:

ch'Amorquand'è di propia ventura

disua natura adopera il morire

cosìgran foco piglia;

edeoche son di tale amor sorpriso

tegnom'a grave miso

enon so che natura dé compire

senon ch'audit' ho dire

che'n quello amare è periglioso inganno

chel'omo a far diletta e porta danno.

Sottilvoglia vi poteria mostrare

comedi voi m'ha priso amore amaro

maciò dire non voglio

ché'n tutte guise vi deggio laudare;

perch'e' più dispietosa vo'n declaro

seblasmo vo'nde toglio.

Fiemiforse men danno a sofferire

ch'Amorpur fa bandire

chetutta scanoscenza sia in bando

eche ritrae 'l comando

al'acusanza di colui c'ha 'l male:

mavoi non blasmeria; istiase vale.

Madonnada voi tegno ed ho 'l valore;

questom'avenestando voi presente

cheperd' ogni vertute:

chéle cose propinque al lor fattore

siparten volentero e tostamente

pergire u' son nascute;

dame fanno partut' e vène 'n voi

làu' son tutte e plui;

eciò vedemo fare a ciascheduno

ch'elsi mette 'n comuno

piùvolenteri tra li assai e boni

chenon stan sol'se 'n ria parte no i poni.

Inquella parte sotto tramontana

sonoli monti de la calamita

chedàn vertud' all'aire

ditrar lo ferro; ma perch' è lontana

vòledi simil petra aver aita

perfarl' adoperare

chesi dirizzi l'ago ver' la stella.

Mavoi pur sète quella

chepossedete i monti del valore

undesi spande amore;

egià per lontananza non è vano

chésenz' aita adopera lontano.

AhiDeonon so ch'e' faccia ni 'n qual guisa

chéciascun giorno canto a l'avenente

e'ntenderme non pare:

ché'n lei non trovo alcuna bona entisa

und'ardisc' a mandare umilemente

alei merzé chiamare;

esaccio ch'ogni saggio e' porto fino

d'Amorche m'ha 'n dimino;

ch'ogniparola che a ciò fòri porto

pareuno corpo morto

ferutoa la sconfitta del meo core

chefugge la battaglia u' vince Amore.

Madonnale parole ch'eo vo dico

mostranoche 'n me sia dismisura

d'ogniforfalsitade;

né'n voi trova merzé ciò che fatico

népar ch'Amor possa per me drittura

sorvostra potestade;

néposso onqua sentire unde m'avelle

senon ch'e' penso bene

ch'Amornon pori' avere in voi amanza;

ecredolo 'n certanza

ch'elovo dica: "Te·llo innamorato

ch'ala fine poi mora disamato".

D'ora'n avanti parto lo cantare

damema non l'amare

estia ormai in vostra canoscenza

lodon di benvoglienza

ch'i'credo aver per voi tanto 'narrato:

seben si pagamolto è l'acquistato.

 

 

Ocaro padre meode vostra laude

 

Ocaro padre meode vostra laude

nonbisogna ch'alcun omo se 'mbarchi

ché'n vostra mente intrar vizio non aude

chefor de sé vostro saver non l'archi.

Aciascun reo sì la porta claude

chesembr'ha più via che Venezi' ha Marchi;

entr'a' Gaudenti ben vostr' alma gaude

ch'alme' parer li gaudii han sovralarchi.

Prendetela canzonla qual io porgo

alsaver vostroche l'aguinchi e cimi

ch'avoi ciò solo com' a mastr' accorgo

ch'ell'è congiunta certo a debel' vimi:

peròmirate di lei ciascun borgo

pervostra correzion lo vizio limi.

 

 

Omoch'è saggio non corre leggero

 

Omoch'è saggio non corre leggero

maa passo grada sì com' vol misura:

quand'ha pensatoriten su' pensero

infina tanto che 'l ver l'asigura.

Foll'è chi crede sol veder lo vero

enon pensare che altri i pogna cura:

nonse dev' omo tener troppo altero

madé guardar so stato e sua natura.

Volanausel' per air di straine guise

edhan diversi loro operamenti

nétutti d'un volar né d'un ardire.

Deonatura e 'l mondo in grado mise

efe' despari senni e intendimenti:

perzòciò ch'omo pensa non dé dire.

 

 

Pura pensar mi par gran meraviglia

 

Pura pensar mi par gran meraviglia

comel'umana gent è sì smarrita

chelargamente questo mondo piglia

com'regnasse così senza finita

e'n adagiarsi ciascun s'assottiglia

comenon fusse mai più altra vita:

epoi vène la morte e lo scompiglia

etutta sua 'ntenzion li vèn fallita;

esempre vede l'un l'altro morire

evede ch'ogni cosa muta stato

enon si sa 'l meschin om rifrenire;

eperò credo solo che 'l peccato

acciecal'omo e sì lo fa finire

evive come pecora nel prato

 

 

Sìsono angoscioso e pien di doglia

 

Sìsono angoscioso e pien di doglia

edi molti sospiri e di rancura

chenon posso saver quel che mi voglia

equal poss' esser mai la mia ventura.

Disnaturatoson come la roglia

quand'è caduta de la sua verdura

etanto più che m'è secca la scoglia

ela radice de la sua natura:

sìch'eo non credo mai poter gioire

néconvertir - la mia disconfortanza

inallegranza - di nessun conforto;

solettocome tortula voi' gire

solopartir - mia vita in disperanza

perarroganza - di così gran torto.

 

 

Tegnode folle 'mpres'a lo ver dire

 

Tegnode folle 'mpres'a lo ver dire

chis'abandona inver' troppo possente

sìcomo gli occhi miei che fér' esmire

incontr'a quelli de la più avenente

chesol per lor èn vinti

senzach'altre bellezze li dian forza:

chéa ciò far son pinti

sìcome gran baronia di segnore

quandovuol usar forza

tuttas'apresta - in donarli valore.

Disì forte valor lo colpo venne

chegli occhi no'l ritenner di neente

mapassò dentr' al corche lo sostenne

esentési plagato duramente;

epoi li rendé pace

sìcome troppo agravata cosa

chemore in letto e giace:

ellanon mette cura di neente

mavassen disdegnosa

chési vede altabella e avenente.

Bensi pò tener alta quanto vòle

chéla plu bella donna è che si trove

edinfra l'altre par lucente sole

efalle disparer a tutte prove:

ché'n lei èno adornezze

gentilezzesavere e bel parlare

esovrane bellezze;

tuttovalor in lei par che si metta;

posso'n breve contare:

madonnaè de le donne gioia eletta.

Benè eletta gioia da vedere

quand'apare 'nfra l'altre più adorna

chétutta la rivera fa lucere

eciò che l'è d'incerchio allegro torna;

lanottes'aparisce

comelo sol di giorno dà splendore

cosìl'aere sclarisce:

onde'i giorno ne porta grande 'nveggia

ch'eisolo avea clarore

orala notte igualmente 'l pareggia.

Amorm'ha dato a madonna servire:

ovogl'i' o noll vogliacosì este;

nésaccio certo ben ragion vedere

sìcomo sia caduto a 'ste tempeste:

dalei non ho sembiante

edella non mi fa vist' amorosa

perch' eo divegn' amante

senon per dritta forza di valore

chela rende gioiosa;

ondemi piace morir per su' amore.

 

 

Vedut'ho la lucente stella diana

 

Vedut'ho la lucente stella diana

ch'apareanzi che 'l giorno rend' albore

c'hapreso forma di figura umana;

sovr'ogn' altra me par che dea splendore:

visode neve colorato in grana

occhilucentigai e pien' d'amore;

noncredo che nel mondo sia cristiana

sìpiena di biltate e di valore.

Edio dal suo valor son assalito

consì fera battaglia di sospiri

ch'avantia lei de dir non seri' ardito.

Cosìconoscess' ella i miei disiri!

chésenza dirde lei seria servito

perla pietà ch'avrebbe de' martiri.

 

 

Volvolte levivecchia rabbiosa

 

Volvolte levivecchia rabbiosa

esturbignon te fera in su la testa:

perchédimor' ha' in te tanto nascosa

chenon te vèn ancider la tempesta?

Arcoda cielo te mandi angosciosa

saettache te fendae sia presta:

chese fenisse tua vita noiosa

avreisenz' altr' avergran gio' e festa.

Chénon fanno lamento li avoltori

nibbie corbi a l'alto Dio sovranó

chelor te renda? Già se' lor ragione.

Matant' ha' tu sugose carni e dure

chenon se curano averti tra mano:

peròromanee quest' è la cagione.