Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per IphoneIpad e Ebook (epub) - IpadIphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Apuleio



LE METAMORFOSI
O
L'ASINO D'ORO

 

 

 

(Secondosecolo dopo Cristo)

 


LIBRO1

1.Ecconello stile milesio vogliolettoreintrecciare perte varie favolee con il piacevole mormorio del mio narrarecarezzare le tue orecchie benevole. Basterà solo che tu nonrifiuti di dare uno sguardo a un papiro egizio che è statoscritto con la finezza propria di una cannuccia del Nilo. Avrai dastupirtipoiché si tratterà delle persone e dellesorti di uomini mutati in altre figurei quali con alterna vicendaritorneranno di nuovo nella forma primitiva.


Esordisco.


"Chiè costui?" ti chiederai. Ti rispondo brevemente. L'atticaImettol'epirota Istmola spartana Tenaro sono terre felicicelebrate in eterno in opere ancor più felici: di qui derivòanticamente la mia schiatta; quinei primi esercizi dell'infanziaappresi la lingua attica.


Poinella città del Lazioioche ero straniero all'ambientedella cultura romanaintrapresi con durissima fatica lo studiodell'idioma localee in esso mi approfondiisenza che alcun maestromi guidasse. Chiedo perdonodunqueseda parlatore inespertoincorrerò in qualche termine esotico o popolare.


Delrestopure la varietà del mio linguaggio corrispondeall'abilità del passare da una storia all'altrache èpropria dell'argomento da me trattato.


Iniziodunque una favola che è alla maniera dei Greci. Stai attentolettoreperché ci troverai il tuo spasso.


2.Ero diretto per affari in Tessaglia. La mia famiglia infatti èoriginaria di quel paese per parte di madre e vanta tra i suoiascendenti niente meno che il celebre Plutarco e poi suo nipoteilfilosofo Sestio.


Mene andavo dunque in Tessaglia in sella a un cavallo del posto dalcandido mantelloe avevo già varcato ripidi fianchi di montideclivi sdrucciolevoli di vallidistese rugiadose di prati e terrenidi fertili zollequandovisto che la mia cavalcatura era sfinitasaltai a terra. Volevo anche sgranchirmi un po' le gambepoichélo star sempre seduto mi aveva veramente stancato.


Conmolta cura asciugo al cavallo la fronte bagnata di sudoregliaccarezzo le orecchiegli tolgo il morsolo lascio avanzare pianpiano a passo molto calmoin attesa che libericome d'abitudineilventre per la via naturale e smaltisca così il peso dellastanchezza.


Mentreil cavallovolgendo il muso di fiancosi curvava a brucare l'erbadei prati attraverso i quali passavaeandando al passofaceva unrapido spuntinoio mi aggregai come terzo a due compagni di viaggioche si trovavano un po' innanzi a me.


Ascoltandola loro conversazionesentii uno dire all'altro con unasghignazzata:

"Piantaladi raccontare in questo modo panzane così assurde ed enormi".


Appenaudii questa fraseioche sono sempre assetato di novitàesclamai: "Anzipermettetemi di partecipare alla conversazione.


Nonsono un ficcanasoma mi piace sapere tutto o almeno quanto piùposso. Il monte che stiamo salendo è aspro. Raccontandopiacevolmente delle storieci svagheremoed esso ci sembreràpiù facile".


3.Ma quello che aveva parlato per primoriprese:

"Sonotutte fandoniequeste! Bella verità! Come se qualcuno volessesostenere che basta sussurrare una formula magica perché ifiumi tornino agili indietroil maremesso in ceppidiventiinertei ventipur non avendo fiatosoffinoil sole si fermilaluna sia schiumata come un brodole stelle si stacchino dal cieloil giorno scompaiala notte prolunghi la sua durata".


Ioallora interloquii con maggior sicurezza:

"Be' ! Tu che hai parlato per primonon avertene a malevinci la tuanoia e continua il tuo racconto sino alla fine".


Erivoltomi all'altro:

"Inquanto a teti turi le orecchie e rifiuti ostinatamente d'intenderecose che forse si potrebbero riscontrare vere.


Perbacco!Tu non sai una cosa: che i pregiudizi senz'ombra di veritàrendono del tutto incredulo l'uomo davanti a quei fatti che eglicrede di non aver mai sentito o vistoo che comunque per la lorodifficoltà gli sembrino al di sopra della sua comprensione.


Maesamina questi fatti con un po' più di attenzione. Tiaccorgerai allora che non solo risultano evidenti alla mentema sonopure facili a realizzarsi".


4."Proprio ieri sera si mangiava un pasticcio di polenta eformaggio. A un certo puntoper star dietro agli altri convitatiinghiottii avidamente un boccone un po' più grossodell'ordinario.


Ebbene!Poco mancò che non restassi seccoperché quel cibomolle e vischioso mi si era attaccato alle fauciin modo dachiudermi la trachea. Eppure poco tempo fa ad Atenedavanti alportico del Pecileproprio con questi miei occhiho visto ungiocoliere ingoiare per la punta una spada da cavalleriaaffilatissima. Non soloma lo stesso tizioallettato da pochemonetesi cacciò poi fino in fondo alle budella uno spiedo dacacciainghiottendolo dall'estremità pericolosadi modo chel'armaintrodotta alla rovesciasembrava sprofondare con l'astasino alla nuca.


Dopodichéecco che un ragazzo di una bellezza femminea si butta sul ferro dellalancia evolteggiando con elastica agilitàesegue complicateevoluzionimentre noi stavamo lì incantati per la meraviglia.Lo si sarebbe detto il nobile serpente arrotolato con le sue mollispire attorno al bastonetutto nodi e spunzoniche porta il librodella medicina. Ma suoraper piacereriprendi il racconto che haicominciato. Io prometto di crederti per tutti e duee alla primaosteria in cui entreremo ti offrirò il pranzo. Ecco pronto ilcompenso per il tuo disturbo".


5.E lui: "Accetto volentieri la tua promessama ero appena agliinizie continuerò dunque a raccontare. In primo luogo tigiuro per il Sole che è ora in cielodio onniveggenteche ioracconto fatti realmente accaduti. Del resto non avrete piùalcun dubbioquando giungerete alla più vicina cittàdella Tessagliaperché là la storia corre sulle bocchedi tuttie si tratta di cose successe davanti agli occhi dellagente.


Voglioperò che prima sappiate il mio nome e la mia città. Michiamo Aristomene e sono di Egio. State a sentire quali sono lerisorse del mio commercio. Io giro in lungo e in largo TessagliaEtolia e Beoziavendendo mieleformaggio e gli altri generialimentari che servono nelle trattorie.


Miera giunto all'orecchio che a Ipatala più fiorente cittàdi Tessagliaera offerto in vendita a un prezzo conveniente delformaggio fresco e dal gusto squisitoe corsi in fretta peracquistare l'intera partita. Macome spesso succedesi vede che eropartito col piede sinistroperché il guadagno sperato andòin fumo: infattiil giorno primaLupoun commercianteall'ingrossoaveva accaparrato tutta l'offerta.


Perciòstanco della corsa inutilemi avviai ai bagni pubbliciche giàcalava la sera.


6.Ma ecco che vedo niente di meno che Socrateun mio compagno.


Sene stava seduto per terracon un mantellaccio sfrangiato che appenalo coprivae non lo si riconosceva piùtanto era pallido esfigurato dalla magrezzain modo da far pietàproprio comeuno di quei relitti della fortuna che nei crocicchi usano chiederel'elemosina .


Eraquesti un mio intimo amicoe io lo conoscevo benissimo; tuttavia erain tale statoche mi accostai a lui un po' titubante ed esclamai:

-Be'! O Socrateche significa? Che aspetto hai! Come sei mal ridotto!A casa tua ti hanno già pianto e gridato per mortoe ai tuoifigli sono stati assegnati dei tutoricon un decreto delgiurisdicente provinciale; in quanto a tua moglieessaresi glionori funebriprima si è consumata nel pianto enell'afflizione ea forza di spremersi gli occhiha quasi perso lavista; ora sta per cedere alle insistenze dei suoi genitori erallegrare con nuove nozze la tua casache è stata colpitadalla sventura. Ma tuper colmar la nostra vergognati vedo qui chesembri uno spettro dell'al di là.


-Aristomene -fu la sua risposta - si vede bene che tu non conosci lemutevoli giravoltei colpi mancinile scambievoli peripezie dellevicende umane.


Mentreparlavail suo volto si tingeva di rosso per la vergognatanto chealla fine se lo coprì con quel mantellotutto toppe comequello di una mascherae in questo attodall'ombelico sino al pubemostrò nudo il resto del corpo. Insommanon ressi al dolorosospettacolo della sua miseriae la compassione mi vinse.


Gliporgo la mano e gli faccio forza perché si alzi.


7.Ma luicosì com'eracol capo coperto dal mantelloesclamò:

-Lascialascia pure che la Fortuna goda ancora a lungo del trofeo chesi è elevata da sé.


Tuttaviariuscii a ottenere che mi seguisse. Mi tolgo una delle due tunicheche avevo addossoe mi affretto a vestirlo oper meglio direanascondere la sua nuditàdopodiché lo affido all'acquadel bagno. Di persona gli passo l'occorrente per asciugarsi eungersi; con grande cura gli tiro viaa forza di fregarelo spessostrato di sudiciume.


Cosìdopo una pulizia scrupolosapoiché era deboleme lo pigliosotto braccio (fu una faticacciaperché ero stanco anch'io) eme lo porto fino all'albergo; qui lo metto a riposare in un buonlettolo rimpinzo di cibogli rischiaro il morale con dei buonibicchieri e gli racconto delle storie per svagarlo.


Giàlui si abbandonava alla voglia di chiacchieraredi scherzarediscambiare garbate facezie; già la conversazione si svolgevaallegra e vivacequando emise un doloroso sospiroche gli venivadal cuoree battendosi con rabbia la fronte con la destraesclamò:

-Che disgraziato sono! In quale abiezione sono caduto! Tutto per avervoluto correre dietro allo spasso di uno spettacolo di gladiatoridel quale si raccontavano meraviglie. Difattitu lo sai benemi erorecato in Macedonia per il mio commercio; dopo nove mesi chetrascorsi là per i miei interessime ne tornavo abbastanzafornito di quattrinima un po' prima di Larisa (siccome passavo dilàvolevo assistere a uno spettacolo di gladiatori)in unavalle deserta e piena di anfrattifui assalito da brigantiavidissimi che mi hanno spogliato completamente. Riuscii peròa svignarmela evisto che ero ridotto al verdepresi alloggio daun'ostessauna certa Meroe. Era questa una donna anziana ma moltopiacentecosì le raccontai i casi delle mie lungheperegrinazionigli affannosi pericoli del ritornola miseria in cuimi trovavo per la rapina subitae lei dapprima mi trattò conmolta gentilezzami offrì gratis una cena generosapoisolleticata da un molesto pruritomi tirò nel suo letto. Fuquesta la mia rovina! Bastò dormire con lei una notte solaper contrarre una relazione senza fine e senza rimedio.


Persinole vesti che quei bravi ladroni mi avevano lasciatoho finito perregalargliele! Persino quei miseri guadagni che facevoquando eroancora in gambaesercitando il mestiere di facchino!

Allafinegrazie a quella brava femmina e alla mia malasortemi sonoridotto nello stato in cui poco prima mi hai visto.


8.- Perbacco -esclamai - sei degno sul serio dei più atrocisupplizise pure c'è una pena più grave diquest'ultima che ti è capitata. Ma come hai potuto preferirealla tua casa e ai tuoi figli un capriccio amoroso dietro unasgualdrina incartapecorita?

Alcheluimettendosi l'indice sulla bocca e con i segni dellosbigottimento sul volto.


-Tacitaci - mi raccomandò. Poivolgendo intorno gli occhiper assicurarsi se poteva parlare liberamenteaggiunse:

-Modera le tue paroleperché costei è una donna fuoridel comune. Potresti tirarti addosso un guaiocon la tuaintemperanza di linguaggio.


-Oh questapoi!- esclamo. - Ma che razza di donna è questagran signora e regina d'osteria?

-E' una maga- rispose - un'indovina. Può tutto: calare giùla volta celestesollevare la terrarendere di sasso le fontisciogliere in acqua i montiinnalzare le ombre dei morti al cieloabbassare gli dèi all'Infernospegner le stelledar la lucepersino al Tartaro.


-Per piacere- esclamai - metti da parte questo sipario da tragediaripiega questo tendone da teatro e parla come parlano tutti.


-Vuoi - mi chiese - sentire un esempio o due del suo potere? Te nepotrei raccontare finché vuoi. Che si amino perdutamente nonsolo le persone del luogoma anche gli indianiquelli delle dueEtiopie o gli altri degli Antipodiqueste sono le briciole dell'artemagicasono cosette da niente. Ascolta piuttosto i prodigi che haeseguito in presenza di parecchi testimoni.


9.- Un suo amante checon suo scornol'aveva piantata per correredietro a un'altracon una sola parola l'ha mutato in un castoro. E'un animalequestoche per sfuggire alla prigioniasi sbarazzadegli inseguitori recidendosi i genitali: volevadunqueche anche alui capitasse lo stessoperché aveva riposto il suo piacerein un'altra. Anche un ostesuo vicino e quindi suo rivalelo hatrasformato in una ranae ora il povero vecchio nuota in una bottedel suo vino esepolto nella fecciachiama raucamente con ungracidio che vuol essere cortese i suoi antichi avventori. Unavvocato che aveva parlato contro di leilo ha trasformato in unmontonee ora quel montone tratta cause in tribunale. In quanto allamoglie di un suo amantesiccome le aveva rivolto una frase dischernol'ha condannata a essere incinta in eterno. Dato che quellaera già sotto il peso della gravidanzala maga le ha chiusol'utero e ritardato il momento del parto; insommasecondo i calcolidella genteil fardello è già di otto annie lapoverina si è gonfiata come se dovesse partorire un elefante.


10.- Molti altri successivamente sono rimasti vittime delle sue artiel'indignazione popolare crebbe a tal puntoche un bel giorno sidecise di condannarla a una pena tra le più severe:

I'indomaniavrebbe dovuto esser lapidata. Ma leigrazie ai suoi incantesimiprevenne la condannaal pari della famosa Medea cheottenuto ilrespiro per una sola giornata da Creontecon le fiammeoriginate dauna coronaaveva bruciato l'intera casala figlia e lo stessopadre. Egualmente agì Meroe. Eseguendo sortilegi su di unafossa funebreottennetramite la tacita potenza delle divinitàche tutticome poi mi raccontò in un accesso di ubriachezzafossero chiusi nelle loro case. Per due giorni interinessuno potétogliere i chiavistelli né abbattere le porte e neppure aprireun foro nei muri; alla fine tutti concordemente a gran voce lasupplicarono e si impegnarono con solenni giuramenti a non toccarleun capelloanzi a offrirle aiuto e salvezzase qualcuno avesseosato farle torto. Solo a questi patti lei si indusse a piùmiti consigli e mise in libertà i concittadini. Però ilpromotore di quel complottoa notte fondacon la casa completamentesbarratacome si trovavacioè con le paretipersino colterreno e con tutte le fondamentavenne da lei trasportato a centomiglia di lì in un'altra cittàsituata sul cocuzzolod'una montagna scoscesa e perciò priva d'acqua. Siccome poi ledimore degli abitanti erano così serrate tra loro che nonoffrivano spazio alcuno al nuovo arrivatoessa fece atterrare lacasa di fronte alla porta della città e poi se ne andòpei fatti suoi.


11.- C'è da meravigliarsi e da rabbrividireSocrate mioal tuoiracconti - esclamai. - Pure a me hai cacciato addosso una bellapreoccupazioneanzi una bella paura. Non è una pulcenell'orecchioquesta: è una lancia che mi è capitatatra capo e collo. Io temo che quella vecchia si avvalgacome ha giàfattodi forze demoniache per conoscere i nostri discorsi. Direidunque di andare a letto prestodi riposarci con una buona dormitae di notteprima dell'albadi svignarcela via da qui il piùlontano possibile.


Stavoancora facendo queste raccomandazioniche già il buon Socratesi era addormentato e ronfava della grossa. E si capisce!

Lastanchezza per quel lungo periodo di stentie il vino al quale nonera più abituatolo avevano cotto a dovere. Allora io tiro laporta e caccio tanto di chiavistellometto inoltre il mio giacigliodietro i battentice lo accosto con cura e mi ci butto sopra.Dapprima rimasi sveglio un bel po' per la paurapoiverso le tre dinottechiusi un po' gli occhi. Ma mi ero appena assopitocheall'improvviso si spalancano le porte con una violenza troppo grandeper crederla opera di briganti. Ma che dico! I cardini vengono rottio strappati completamentee l'uscio abbattuto a terra. Pure il miolettuccioche era cortozoppo d'un piede e tutto tarlatosirovescia per la violenza dell'urtoe anch'io rotolo e precipito perterrae il lettocapitombolando all'indietroviene a ricoprirmiinteramente.


12.Ebbi allora la prova naturale che certi stati d'animo produconoeffetti contrari. Infatti spesso la gioia fa versare lacrimee cosìioper quanto fossi pieno di pauranon potei trattenere il risovisto che da Aristomene ero mutato in una tartaruga. Precipitato sulpavimento e appiattito sotto quel lettucciocosì pieno disollecitudine nei miei confrontiattendevo a spiare di traverso ilseguito della faccenda. Vedo niente di meno due donne di etàavanzata: una portava una lucerna accesal'altra una spugna e unaspada nuda. In tal foggia si piazzano ai fianchi di Socrate chedormiva della grossae la donna con la spada esclama:

-Eccolo quasorella Pantiail caro Endimioneeccolo qua il mioCatamitoche giorno e notte ha sfruttato la mia gioventùecco qua quello che disprezza il mio amore. Non solo mi oltraggia conle sue calunniema si accinge pure a svignarsela. Ma io non staròa piangere in eterno sulla mia vedovanzacome Calipso che fuabbandonata dall'astuto Ulisse.


Stesequindi la destra eadditandomi alla sua cara Pantiaaggiunse:

-C'è poi quella buona lana di Aristomeneil saggioconsigliereche lo ha indotto a fuggire. Ora giace bocconi sotto illetto con la faccia rivolta a terrama non gli sfugge niente diquanto avviene. Costui crede che se la passerà lisciaper leoffese che mi ha recato. Certola mia vendetta arriva un po' tardima lui avrà da pentirsene prestoanzi sul momentoprima peri suoi scherni e ora per la sua curiosità.


13.Come udii queste paroledisgraziato che ero! mi sentii correre unsudore freddo per il corpole budella mi ballavano per il granconvulso e il tremito si comunicava al lettuccioche ondeggiava esaltava irrequieto sulla mia schiena. Dal canto suola brava Pantiainterloquì:

-Non sarebbe megliosorella miafare a pezzi per primo costui allamaniera delle Baccantioppure legarlo come un salame e tagliargli itesticoli?

Alche Meroe (e in effetti cominciavo ad accorgermi che il suo nome siadattava bene ai racconti di Socrate) replicò:

-Al contrario. Lasciamolo pure in vitae che seppellisca in pocaterra il cadavere di questo sciaguratello.


Espinta di fianco la testa di Socrategli immerge la spada attraversola clavicola sinistra fino all'elsapoi accosta un piccolo otre eraccoglie diligente il sangue che sgorgavasenza versarne in terraneppure una goccia. Sono cosequesteche ho visto coi miei occhi.Inoltre la buona Meroeper non portarecredoalcuna innovazionenei riti che regolano i sacrificiintrodusse la destra attraverso laferita edopo molto frugarene trasse il cuore del mio poverocompagnomentre dalla sua golasquarciata per il violento colpo dispadapiù che voceusciva un incerto gorgoglioe il fiatosfuggiva sotto forma di bolle.


IntantoPantia tampona con la spugna la larga piaga della feritaed esclama:

-O spugnatu che sei nata nel marebada bene di non traversare lacorrente di un fiume.


Compiutiquesti attiesseprima di partiresi accosciarono a gambeallargate sulla mia faccia e scaricarono la vescicafinchénon mi ebbero completamente bagnato con la loro immonda orina.


14.Avevano appena varcato la sogliache i battenti si rialzano inpiediintatti com'erano primai cardini rioccupano gli infissilesbarre ritornano al loro posto sulla portail chiavistello ripenetranegli anelli. Io invece rimango immobile ancora steso a terrasenzafiatonudofreddo e madido d'orinacome se fossi allora uscito dalventre di mia madre. Ma che dico!

Eromezzo mortoma pure mi pareva d'esser un sopravvissuto a me stessoun superstiteo un candidato che fosse stato già designato asalire sulla croce.


Dicevoinfatti:

-Che avverrà di me domaniquando costui verrà scopertosgozzato?

Chicrederà alla verosomiglianza delle mie protesteanche se dicola verità? Mi obbietteranno: 'Ma tu almeno potevi gridare alsoccorsose un pezzo d'uomocome tenon se la sentiva di opporsi auna donna. Ma come ? Un uomo viene ucciso sotto i tuoi occhi e tu tene stai zitto? E come va che quelle criminali non hanno ucciso allostesso modo anche te ? Persone così crudeli e spietateavrebbero dovuto far fuori un testimonesolo per la paura d'esseredenunciate per il loro delitto. Dunquevisto che sei sfuggito allamorteora torna pure da lei'.


Mentretra me stesso non la smettevo di girare e rigirare taliconsiderazionila notte trapassava nel giorno. Perciò ilmiglior partito mi parve quello di tagliar la corda prima dell'albae incamminarmi per la mia stradaanche se le gambe mi facevanocilecca. Raccolgo il mio povero bagaglioinfilo la chiave e cerco diaprire il catenaccioma quella porta onesta e fedeleche si eraspontaneamente spalancata durante la notteoraficca e rificca lachiavealla fine si lasciò aprire solo a prezzo di moltisforzi.


15.- Ohi là! Dove sei? - grido al portinaio. - E' l'alba. Vogliopartire.


Quellose ne stava dietro l'uscio del suo sgabuzzinosdraiato in terraeancora mezzo addormentato mi fa:

-Che cosa? Vorresti metterti in cammino di notte? Ma non sai che lestrade sono infestate dai briganti? Può darsi che tu abbiaqualche delitto sulla coscienzae perciò che non te neimporti un fico di viverema io non ho una zucca sul colloe non citengo a morire al tuo posto.


-Ma il giorno è vicino - obbiettai. - E poi cosa vuoi cherubino i banditi a un disgraziato di viandante senza il becco di unquattrino? O che sei scemo! Non sai che un uomo senza panni addossonon possono spogliarlo neppure dieci lottatori di palestra?

Maquel tiziomarcio di sonnosi girò sull'altro fianco etagliò corto:

-Insommache ne so io? Potresti aver ammazzato quel compagno con cuisei arrivato ieri serae ora voler dartela a gambe!

Ricordoche in quell'istante vidi la terra aprirsi sino al Tartaro e nel suofondo il cane Cerbero bramoso di divorarmi per la gran fame. Fuiallora sicuro chese la generosa Meroe aveva risparmiato il miocollonon era stato per pietàma per riservarminella suacrudeltàal supplizio della croce.


16.Me ne tornai allora nella mia camerae pensavo tra di me al modo piùsbrigativo di porre fine ai miei giorni. Il fatto è che laFortuna non mi offriva altra arma che potesse condurre alla morteall'infuori del mio giaciglioe così a esso mi rivolsi:

-O lettuccio mio- esclamai - amico carissimo del mio cuoretu checon me hai sofferto tante disgrazietu che sei testimone imparzialedegli avvenimenti di stanottetu solo potresti confermare la miainnocenza al momento del processo. E' tempo ormai che tu mi offraun'arma liberatriceperché sono impaziente di scendere nelregno dei morti.


Mentreparlavomi volgo a sciogliere una delle corde con cui eraintrecciata la rete del lettone avvolgo un capo attorno a una traveche sporgeva da una parte sotto la finestrae con l'altro capofaccio un solido nodo. Poi salgo sul letto eroicamentepronto amorireintroduco la testa nel cappio e me lo infilo al collo.


Stavodunque per dare un calcio al sostegno su cui poggiavoperchésotto la trazione del peso la fune che mi serrava alla golaannientasse la vitale funzione del respiroma all'improvviso lafuneche era vecchia e rosa dalle tarmesi spezzae iocapitombolando all'ingiù investo Socrate (infatti era steso difianco a me) e rotolo in terra assieme a lui.


17.Proprio in quell'istante irrompe dentro il portinaio urlando senzariguardo:

-Dove ti sei cacciato? Stanotte avevi una fretta del diavoloorarussi sotto le coperte.


Aquesti parolenon so se svegliato per effetto della caduta o dallesguaiate vociferazioni di quellosi alzò per primo Socrate edisse:

-Giustamente i viaggiatori non possono soffrirlitutti questilocandieri. Questo ficcanaso importuno è entratoimmaginoper arraffare qualcosa. Ero sprofondato in un sonno di piomboeppuremi ha svegliatocon tutto il suo baccano.


Midrizzo in piedi d'un balzopoiché la gioia insperata mi avevacolmato di felicitàed esclamo:

-Eccoo fedelissimo portinaioil mio compagnoil mio fratello.


Eccoloquello che tu falsamente mi accusavi di aver ucciso. Si vede che eriubriaco stanotte.


Cosìdicendoabbracciavo Socrate e lo baciavo. Ma eglirespinto dallezaffate dell'immondo liquido con cui quelle streghe mi avevanosporcatomi respinge con violenza esclamando:

-Va' viache la più schifosa delle latrine non puzza come te ;e cominciò a richiedere scherzosamente la causa di quelfetore. Ma ioche ero nella bracelì per lì immaginaiuna battuta chepur non quadrando un gran cheriuscì adeviare la sua attenzione verso altri argomenti. Poibattendogli lamano sulla spallagli dico:

-Perché non ce ne andiamo? Di mattina è un piacerecamminare col fresco.


Raccolgoquel po' di bagaglio che avevopago il prezzo della camera all'ostee ci mettiamo in marcia.


18.Avevamo già fatto un bel pezzo di stradae il solecheintanto era sortospargeva dappertutto la sua luce. Io osservavo conmolta attenzione la gola dell'amicoin quel punto in cui avevo vistoimmergere la spadae dicevo a me stesso:

-Pazzo che sei! Colpa tua se avevi bevuto ed eri sepolto nel vino alpunto di fare sogni così atroci! Eccolo quaSocrate. E'interosano e salvo. Dov'è la feritadov'è la spugnadov'è insomma quella piaga così profonda e recente?

Poimi rivolgo a lui:

-Medici autorevoli sostengonoe hanno ragioneche se uno si gonfiadi cibo e di vinofa poi sognacci terribili e malsani.


Ierisera ho ecceduto nello svuotare il bicchieree ho passato unanottataccia piena d'incubi orribili e minacciosi. Figurati che ancoraadesso mi pare d'essere asperso e macchiato di sangue umano!

Ilmio amico sorridendo replicò:

-O non certo di sangue sei bagnatoma di orina. Ma pensa che anch'ioho sognatonientemenoche mi sgozzavano. Infatti ho sentito unatrafittura qui nel colloe mi è parso che mi strappassero ilcuore. Anche ora sento che mi manca il fiatomi tremano le ginocchiae ho il passo malfermo. Ho bisogno di mangiar qualcosa per rimettermiin sesto.


-Pronti! - gli rispondo. - La colazione t'aspetta; e togliendomi dallaspalla la bisacciagli offro subito del pane e un pezzo diformaggio.


-Sediamoci all'ombra di questo platano - gli dico.


19.Così facemmoe mentre anch'io prendevo un po' di pane eformaggiolo guardavo che mangiava avidamentee vedo che la suamagrezza si accentua e il volto gli diventa giallo come il bossoquasi stesse per svenire.


Inbrevenel suo pallore e nei suoi tratti sconvolti era cosìmanifesta l'alterazione della vitache iocon la mente ancora fissaalle Furie della notte primafui colto dal terrore: il primo bocconedi pane che mi ero messo in boccasebbene fosse molto piccolomi sifermò in mezzo alla gola e non voleva più néscendere giù né risalire in su. Anche il pensiero cheeravamo in due soli a viaggiare accresceva la mia paura. Chi infattiavrebbe creduto che fra due compagni di strada l'uno fosse mortosenza colpa dell'altro?

IntantoSocratequando ebbe mangiato a sufficienzacominciò ad avereuna sete irresistibile: si era infatti divorato una bella porzione diquell'ottimo formaggio.


Nonlontano dalle radici del platano fluiva pigramente una dolce correnteche aveva piuttosto l'aspetto d'un tranquillo stagno e rivaleggiavanei suoi riflessi con l'argento e col cristallo.


-Ecco - dissi - una fonte che deve avere l'acqua dolce come il latte.Bevi pure a volontà.


L'amicosi alzacerca un istante uno spiazzo della riva un po' più inbassoe inginocchiatosi si curva avido a bere una sorsata.


Manon aveva ancora sfiorato con le labbra il pelo dell'acquache laferita alla gola si apre e mostra una profonda piagad'un tratto laspugna scivola giùe poche gocce di sangue la seguono.


L'uomoè ormai un cadavere che sta per cadere nel fiumee io faccioappena in tempo ad afferrarlo per un piede e a tirarlo con granfatica in alto sulla sponda. Qui versai sul mio povero amico quellepoche lacrime che l'incalzare degli avvenimenti mi permettevaenella spiaggia sabbiosanelle vicinanze del fiumegli diedi eternasepoltura.


Quantoa mepoiché ero spaventatissimo per la mia stessa vitame nefuggii per vie remote e deserte regioni; come se mi fossi macchiatola coscienza di un assassinioabbandonai la mia patria e la miacasaabbracciai spontaneamente l'esilioe ora abito in Etoliadovemi sono risposato".


20.Questo fu il racconto di Aristomene. Ma il suo compagnoche sindall'inizio si era incaponito a non prestar fede alcuna alla suastoriaesclamò:

"Unafavola più sballata di questa non c'èe neppureun'invenzione più assurda".


Poisi rivolse a me: "E tutu che sei un uomo istruitocomedimostri dall'aspetto e dalle manierecredi a questa storia?".


"Perconto mio" risposi "io credo che tutto è possibilee in definitiva gli avvenimenti umani hanno l'esito che ha fissato ildestino. Infattinon c'è uomocompreso me e tea cui noncapitino tanti di quei casi straordinari e impossibilitali che setu li vai a contare a uno che non sia al correntenon sei creduto.Ma io a luiperbaccoci credo e gli sono molto gratoperchéci ha saputo distrarre con una storia così interessante chesenza provare stanchezza o noiaho superato una salita molto lunga efaticosa. E' andata bene anche per la mia cavalcatura:

dev'essereun piacereper leiche io sia salitosenza fatica da parte suasino alla porta della cittàviaggiando non sulla sua schienama con le mie orecchie".


21.Così finì la nostra conversazione e il viaggio incomune.


Infattitutti e due i miei compagni piegarono a sinistra verso una cascinache era lì vicino. Io invece mi diressi alla prima osteria chevidie interpellai senz'altro la vecchia ostessa:

"E'questa la città di Ipata?".


Fececenno di sì.


"Conosciun certo Miloneun cittadino dei primi?".


Simise a ridere ed esclamò: "Certo. Qua tutti Milone lochiamano il primo. Infatti abita completamente al di fuori delpomerio (N.d.t.: terreno consacrato) e della città".


"Lasciamoda parte gli scherzinonna carae dimmi per piacere che razzad'uomo èe dove abita".


"Vedile finestre là in fondo che guardano esternamente verso lacittàe dall'altra parte l'uscio che dà nel vicolovicino? Là abita questo Milone. E' un individuo pieno disoldiun ricconema avarissimoun uomo malfamato per la suaestrema spilorceria.


Praticasenza ritegno l'usuraprestando denaro a questo e a quello sottogaranzia d'oro e d'argento. Vive sempre chiuso nella sua bicoccalamira sempre rivolta al guadagnoinsieme con la moglie che anche leiha la stessa malattia. Non tiene servitù all'infuorid'un'unica schiavettae va sempre vestito come un mendicante".


22.Di fronte a queste informazioni mi scappa da rideree dissi:

"Ilmio caro Demea ha agito con affetto previdente verso di meindirizzandomi per il mio viaggio a un uomo simile. Di certo pensavache in casa di costui non avrei patito né esalazioni di fumoné cattivi odori".


Cosìdicendovado avanti pochi passimi avvicino all'ingresso e mi mettoa bussare alla portache era sprangata con tanto di catenaccioe achiamar gente. Finalmente si affacciò una ragazza:

"Ehiehi!" esclamò. "Cosa vuoiche bussi con tantaenergia? Quale pegno offri per il denaro che desideri in prestito? Oforse sei l'unico a non sapere che qui non entrano altri pegniall'infuori dell'oro e dell'argento?".


"Nonpotresti fare un augurio migliore?" replicai. "Dimmipiuttosto: il tuo padrone è in casa?".


"Certamente"mi rispose "ma perché me lo chiedi?".


"Glidevo consegnare una lettera che gli scrive Demea di Corinto".


"Vadoa riferiree tu intanto aspettami qua".


Conqueste parole spranga i battenti e rientra in casa. Dopo un po'ritornaspalanca la porta e mi dice:

"Vuolvederti".


Entroe lo trovo sdraiato su un lettuccio striminzitoche proprio alloracominciava a cenare. La signora sedeva ai piedi e la tavola eravuota.


"Ecco"esclamamostrandomi la tavola "quello che posso offrirti".


"Bene"faccio ioe gli consegno la lettera di Demea.


Dàuna rapidissima scorsa e mi dice:

"Sonoriconoscente al mio Demea che mi ha indirizzato un ospite diriguardo".


23.Ordina allora alla sua signora di levarsie mi invita a sedere alsuo posto; e poiché io per delicatezza esitavo ad accettaremi prende per la tunica e mi tira giù.


"Siediqua" mi disse. "Purtroppoper paura dei ladroni non ciazzardiamo a comprare sedie o mobili in quantità sufficiente".


Misedettied egli riprese: "Iosolo al vedere la distinzione deltuo portamento e la tua modestia degna d'una fanciullaavreiindovinato che discendi da un'ottima famiglia. Del restopure lalettera di Demea conferma la mia impressione. Perciòtipregonon disprezzare l'ospitalità della nostra povera casa.Vedi la camera adiacente a questa? In essa sarai al copertoe non cistarai male. Profitta pure a tuo piacere della mia dimora. Se tidegneraila mia casa ne ritrarrà vanto e tu acquisteraiornamento di gloriase ti contenti di una dimora cosìristrettaperché eguaglierai la virtù di un eroe dicui tuo padre porta il nome.


Egliè Teseo che non spregiò l'ospitalità dellavecchia Ecale".


Chiamapoi la servetta e le ordina: "Fotideprendi i bagaglidell'ospite e mettili al sicuro in quella stanza. Presto! Tira fuoridalla dispensa l'olio per ungersigli asciugatoi e tuttol'occorrentee conduci il mio ospite al bagno più vicino. Ilviaggio è stato abbastanza lungo e faticosoe lui dev'esserestanco".


24.Come udii la conclusioneio considerai le parsimoniose abitudini diMilone epoiché me lo volevo accattivare maggiormenteesclamai:

"Nonce n'è bisogno. Sono sempre provvistoquando viaggio. Inquanto ai bagnisarà facile farmeli indicare. Piuttosto c'èuna cosaalla quale tengo moltissimo: Fotideprendi questi denari efammi il piacere di comprare fieno e orzo per il mio cavallo che miha validamente portato fin qui".


Dopodichéi miei effetti furono deposti nella suddetta stanzae me ne andai incerca dei bagni. Ma siccome volevo prima provvedermi di qualcosa damangiaremi diressi al mercatoe là vidi esposto del pescedavvero bello. Chiesi il prezzoe mi furono chiesti cento sesterzi.Contrattaie lo ebbi per venti denari.


Propriomentre stavo per uscire dal mercatomi imbattei in Pitea.


Erastato mio compagno di studi nell'attica Atenee non lo vedevo da unbel pezzo. Mi riconosce; affettuosamente si precipita su di me e mibacia teneramente:

"Miocaro Lucioè passato davvero tanto tempo da quando ci siamovisti. Perdinci! Risale a quando lasciammo la scuola di Clizia.


Qualbuon vento ti conduce qui?".


"Telo dirò domani"gli rispondo. "Ma che sorpresa! Micongratulo con te: ti vedo attorniato da apparitori e da littoriemi hai tutto l'aspetto di un magistrato".


"Provvedoal controllo dell'annona"mi risponde"e sono edile.


Sevuoi fare degli acquistisono a tua disposizione".


Scossila testapoiché mi ero già provvisto di pesce inabbondanza per la cena. Ma intanto Piteavisto il panieresi mettea soppesare i pesciper esaminarli meglio.


"Maquesta robetta quanto l'hai pagata?".


"Astento sono riuscito a strapparla a un pescatore per venti denari".


25.Alla mia risposta l'amico mi afferra bruscamente per la mano e miriconduce indietro al mercato.


"E'una truffa. Chi te l'ha venduta?" mi chiede Gli addito unvecchietto che sedeva in un angolo.


Eglisubito lo investe con voce imperiosacome comportava la sua autoritàdi edile.


"Lasciamopure stare i forestierima voi ormai non avete più riguardoneanche per i nostri amici! Dei pesci da nulla li vendete cosìcari! Volete proprio ridurre la città più fiorentedella Tessaglia a un deserto rocciosocon l'esosità deivostri prezzi?

Manon la passerete liscia. In quanto a teti farò vedere io conquale criterio intendodurante l'anno della mia magistraturapunirei disonesti".


Sedutastanterovescia al suolo il paniere e ordina a un suo subalterno disalire sui pesci e di spiaccicarli a dovere. Poitutto soddisfattoper avere mostrato la severità del suo agireil caro Pitea midice:

"Vieniviaora. Ho dato al vecchio una bella lezionee mi basta".


Rimasicosternato per l'accadutoe mi avviai alle terme tuttorincitrullito. Cosìgrazie al senno e all'accorto interventodel mio amicorimasi contemporaneamente senza quattrini e senzacena; sicchédopo il bagnome ne tornai alla dimora diMilone e mi ritirai in camera mia.


26.Ed ecco presentarsi Fotidela servadicendo:

"Ospiteil padrone ti desidera".


Maioche già conoscevo il senso d'economia di Milonemi scusaicon garbo e addussi come pretesto che non di cibo avevo bisognobensì di sonnoper riposarmi della stanchezza del viaggio.


Appenalo seppeMilone si presentò di persona eposandomi la manosulla spallacercava di tirarmi con dolcezza. Siccome gli opponevouna certa resistenzaesclamò:

"Mene andròsolo quando mi seguirai"e appoggiò lasua dichiarazione con un solenne giuramento; di modo che dovettivista la sua ostinazioneobbedirgli mio malgrado.


Miconduce a quel suo lettuccioe non ero ancora seduto che giàmi chiedeva:

"Comesta di salute il nostro caro Demea? Come stanno la mogliei figligli schiavi di casa?".


Dònotizie dettagliate al riguardo. Successivamente esige piùaccurate informazioni sui motivi del mio viaggioe io con esattezzaglieli dico. Non basta. Comincia a svolgere un'indaginescrupolosissima sulla mia cittàsui suoi maggiorentipersinosul governatore.


Allafine si accorse cheoltre che per lo strapazzo del viaggioerostanco per quella serie ininterrotta di chiacchiere:

m'interrompevoper il sonno a metà frasee già cascavo al punto chebalbettavo e non riuscivo a pronunciare con sicurezza le parole.


Soloallora mi concesse licenza di andarmene a letto. Potei cosìsottrarmi al banchetto di ciarle dell'insaziabile e rancido vecchio.Ero pieno di sonnoma non di ciboe avevo pranzato solo a base dichiacchiere; cosìquando tornai in camera miasubito miabbandonai all'agognato riposo.




LIBRO2


1.Appena il sole ebbe disperso la tenebra notturna e riportato il nuovogiornoabbandonai contemporaneamente il letto e il sonno.


Oltreall'ansietà e alla brama vivissimain me connaturatadiconoscere ogni fenomeno raro o meravigliosoc'era in me il pensieroche mi trovavo nel cuore della Tessagliaterra celebre in tutto ilmondoper voce unanimecome la patria degli incantesimi e dell'artemagica.


Ricordandopoi che la vicenda raccontataci da Aristomenequel buon compagno diviaggioera sorta proprio nell'ambito di questa cittàardevodi attese e di desiderio e scrutavo ogni particolare con curiosità.


Tratutte le cose che vidi in quella cittànessuna mi sembròessere quello che era in realtàma credevo che ogni creaturaod oggetto avessero assunto una figura diversa dalla primitivapereffetto di funebri incantesimi recitati con voce sommessa.


Credetticioè che i ciottoli in cui inciampavo fossero degli uominimutati in pietregli uccelli di cui udivo il cantouomini cheavessero messo le penne; credetti che in modo analogo gli alberiattorno al pomerio si fossero coperti di fogliee che l'acqua dellesorgenti si riversasse da umane membra; mi sembrava che le statue ele immagini stessero lì lì per parlarei buoi e altrianimali del genere emettere predizionie che persino dal cielo e daldisco del sole sarebbe caduto sulla terra un oracolo.


2.Cosìmi aggiravo dovunque sbigottitoo per dir meglioaffascinato dal mio tormentoso desideriosenza però riuscirea scoprire un principio o un indizio che soddisfacesse le mie ansie.


Mentredunque me ne andavo per le viedi porta in portacome un bighelloneuso a darsi bel tempod'improvviso capitaisenza avvedermenealmercatoe quiaffrettando il passoraggiunsi una dama checamminava con attorno un folto codazzo di servi; l'oro che legava lesue gemme ed era intessuto nelle sue vesti la dichiaravasenz'ombradi dubbioper gran signora. Era appiccicato al suo fianco unvecchiogià avanti con gli annicheappena mi videesclamò:

"Perbaccoma è Lucio!".


Quindimi abbraccia e mormora non so quali parole all'orecchio dellasignora; poi mi dice:

"