Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


LA STORIA DI BRUBRU'C'era una volta in una prateria lontanalontanaun grande cespuglio verde intorno al quale viveva una colonia di animali piccoli ma molto laboriosi.Il personaggio più importante era sicuramente Giosuè Racnarun grosso ed arrogante scarabeo verde chein qualità di stregone era da sempre a capo della comunità. Portava un gran mantello di stelle cosparso e di piume adornatoche usava per apparire e scomparire dal nulla. Oracolimagie e sortilegierano la sua specialitàtutti lo rispettavano e lo temevano per i suoi grandi poteri.Solo la vecchia Ermengardaun'anziana chiocciola che sapeva tante storie quanti erano i fili d'erba esistenti nella prateriaosava sfidarlo.I suoi raccontinon erano fiabe come tante; se le tramandavano di generazione in generazione ma da quanto tempotutto questo aveva luogonessuno lo sapeva di certo!Si diceva che una sua prozia avesse narrato le sue storie anche ad Enrico VIIIe che un suo bis-bis-bis...nonnocon Noè in personaavesse attraversato il diluvio universaleallietandone il tragitto.I suoi racconti erano vere e proprie premonizionisembravano fatti accaduti in un passato lontanissimoma sarebbero potuti accadere anche in un futuro molto prossimobastava saperli interpretare correttamente.Racnar percepiva questi racconti come una competizione ed una conseguente mancanza di rispetto. Solo lui doveva avere poteri divinatori! Ma Ermengardagli rispondevache non aveva nulla da temere e che le sue erano solo storieil vero stregone era solo lui.In una bella e linda casettavivevano poidue coccinelle rosse a pois nerisposate da tanto tempo ma senza figli. Purtroppo leimiss Nellynon ne poteva avereciò le aveva dato tanto dolore mal'amore del maritocolmava ampiamente il vuoto delle tante piccole coccinelle che sarebbero potute nascere da 'sì felice unione. Luimister CocciEugenio Cocciera il responsabile dei servizi di spostamento della piccola cittadina.L'insediamento era piccolo ma veramente ben organizzato. Esisteva una vasta teleferica che collegava i fili d'erba tra lorocostituendo il sistema aereo; mentre invecesul suolo era stata costruita una intricata linea ferroviaria a scivolosu cui viaggiava ogni giorno buona parte della cittadinanza tranne quando i forti venti facevano ondeggiare pericolosamente i grandi e robusti fili d'erba e con loro l'efficiente teleferica. Ma questo ormai non accadeva da anni e anni.Un altro personaggio molto importantese non basilare per l'esistenza degli insettiera il signor Lungavista: incaricato di comunicare l'arrivo delle pericolose burrasche nonchétutti gli altri imprevisti possibili.Un giorno di buon mattino il signor Lungavista diede un lungo e sonoro allarme."Pericolo! Pericolo in vista!""Che succede Lungavista?" Accorse trafelato mister Cocci."Laggiùlaggiù in fondofuori le grandi erbec'è qualcosa di sospetto che si muove."Mister Cocci si sporse più che poté dalla torretta di Lungavista mapiù che qualche lievissimo tremolio non riuscì a scorgere. Non gli sembrò nulla di preoccupante e avvinto dalla curiosità decise di recarsi in loco."Faccia attenzione mister Cocci!" Gli urlò da sopra Lungavista.Mister Cocci si addentrò nel cespuglio che aveva in precedenza adocchiato erovistarovistaecco scoperta la causa di tanti fruscii e tanta paura.Un frugoletto verdognolo e molliccio si dibatteva animatamente nella foglia chequalcuno aveva legato intorno a lui a mo' di culla. Era un bruchetto verde a macchioline violadal simpatico muso bianco e rosso. Al collo aveva appesa una corteccia su cui era inciso: "Vi pregochiunque voi siateprendetevi cura del piccolo Brubrùio non posso."Poche parole ma che avevano già inciso un profondo solco nella breve vita del neonato.Mister Cocci lo guardò a lungo stupefattonon poteva crederci il grande pericolo era un piccolo bruco abbandonato.Nel frattempo Lungavistanon vedendo ritornare mister Cocci e credendolo in grave pericoloaveva chiamato a raccolta i rinforzi. Così oraun nutrito gruppo d'insetti armati fino ai dentistava avanzando silenziosamente in direzione del luogo dove si trovava mister Cocci. Ma ecco che la coccinella riemerse di botto con in braccio il fagotto verde spaventando tutti quanti."Guardate cos'era il grande nemico!" disse la coccinella mostrando il piccolo alla cittadinanza tutta ormai radunata.Mille occhi guardarono il neonato con aria stupita per poi sciogliersi subito in un tripudio di complimenti. Ma ecco che Racnar nella sua lucente armatura verde e col mantello delle grandi occasionisi fece strada tra la follaavvolto da un aura dorata."Fatemelo vederedevo assicurarmi che non sia uno spirito maligno travestito!" Disse con la sua voce baritonale il potente stregone.Lo prese dalle braccia di Mister Cocci e iniziò un lungo rituale di preghiere. Segnò varie volte il neonato sul capo a sul corpofino a che il piccolonon iniziò a piangere in maniera molto fragorosa.Tutti si spaventarono e assunsero un'aria preoccupata: era forse davvero uno spirito maligno? Racnar si concentrò di piùma dato che il piccolo stava già cercando di arrampicarsi sul suo caponon tardò ad emettere la sentenza: "E' sano!"Un 'esclamazione generale di sollievo unì tutti i presenti ma il potente indovino aggiunse:"...anche se molto indisciplinato!"Così dicendo lo staccò da se e lo depositò tra le braccia della vecchia Ermengardama il piccino non ne volle sapere di quietarsiiniziò a piangere e a piangere.Passò di braccia in bracciama nessuna sembrava essere abbastanza comoda per lui finchétornò tra quelle di mister Cocci e come per magiaun silenzio solenne scese nella prateria. Solo il fruscio del vento tra i fili d'erba accompagnava l'ormai placido sonno di Brubrù."Sembra che il piccolo abbia deciso da solo con chi stare. Beneche così sia! Mister Cocci e miss Nelly si prenderanno cura di lui!"Con queste parole Racnar riattraversò la folla scomparendo a pocoa pocolasciando mister Cocci ancora sbigottito per quella incredibile novità."Mamama io non possonon ne so niente di bambini e poi non è neppure della mia specie... e poicosa dirà mia moglie?!!!"Mister Cocci si rivolse a tutti quanti con l'aria implorante di chi è preso improvvisamente dal panico e non fa' che annaspare nell'aria.Ermengarda lo guardò con serenità e lo rassicurò dicendo: "Eugenionon ti preoccupareil piccolo è arrivato al momento giusto e nel posto giustostanne certo!"Mister Cocci tornò a casa tentennando evarcando la soglia vide la moglie di spalle. "Sei tu Eugenio?" Chiese lei voltandosi e guardandolo di sfuggita. "Benesei andato a far la spesa. Metti pure tutto in frigo!" Continuò.Mister Cocci guardò il fagotto tra le sue braccia e non sapendo come porre la cosa alla mogliele andò semplicemente accanto e glielo mostrò."Nellysiamo diventati papà e mamma!"Miss Nellyguardò prima il marito in maniera interrogativa e poi abbassando lo sguardoquello che sicuramente non era la spesa da mettere in frigo."Oh santo cielo! Ma...ma...ma dove lo hai preso?""Non ci crederai mai!" E le raccontò l'avventura mattutina.Le uniche parole che Nelly riuscì a dire furono: "Avrà fame. Ma cosa vorrà mangiare?" Tale fu l'emozioneche nessun altro pensiero riuscì a formularsi nella sua mente.Il piccolo bruco crebbedivenne grande e grosso tanto che dopo poco già poteva aiutare il padre nel suo lavoro. Si arrampicava sulla teleferica quando non funzionava e s'industriava in mille altre attività; anche se lento era un bruco molto laborioso. E poi era meraviglioso calarsi giù dagli scivoli a tutta velocità e ad occhi chiusi.Mister Cocci si divertiva a guardarlo ridere e scherzare con tuttiera un bruco molto socievole. Solo Racnar lo sopportava di malavogliapiù di una volta Brubrù l'aveva investito in pieno alla fine delle sue scivolate.Ogni tanto il sorriso si scioglieva dal musetto di Brubrù e guardava i suoi genitori adottivi chiedendo loro come mai lui fosse così diverso: stava crescendo a vista d'occhio mentre loro rimanevano tanto più piccoli di lui. Si guardava nel lago e si vedeva tanto brutto così verde a macchioline. I suoi genitori volavanolui inveceera costretto a strisciare per terra o ad arrampicarsi con molta fatica. Le due coccinellein quei momenti guardavano il loro piccolo con gli occhi carichi di amore e con molta delicatezza cercavano di spiegargli che un giorno sarebbe diventato anche più bello di loro.Brubrù non ci credeva moltochi nasce brucopensavarimane bruco a vita!Gli anni passavano e lui era diventato più grande dell'intero cespugliogiaceva acciambellato intorno alla comunità a mo' di soffice cordolo.Molti non riusciva più a sopportare la sua ingombrante presenzaostacolava il passaggio sia degli abitanti che dell'aria fresca del mattino. Cosìil gran consiglio con a capo Racnar decise che era tempo che Brubrù traslocasseche trovasse qualcuno grande come lui con cui continuare la vita.La vecchia Ermengarda si opposecacciarlo avrebbe portato grandi sventure! Racnarle diede della vecchia pazza visionaria e la decisione fu presa a maggioranza.Brubrù andò via tra le lacrime nascoste di Miss Nelly e l'emozione palese di Mister Cocci.Quanta felicità la sua presenza era riuscita a dare alle loro vite!Venne il tempo delle Grandi Bufere che Racnar aveva accuratamente predetto ed Ermengarda da tempo narrato a tutti i suoi nipotiancor prima che accadesse spiegando lorocome già una sua antenata l'avesse raccontato ad altri nipoti. Quando qualcuno la interrogava sulle sue facoltà medianicheusava spiegare che il tempo scorreva avanti e indietro con una facilità estrema nella sua famiglianulla sembrava impedire ai nastri della storia di annodarsi mille e mille volte ancora quando potevano sembrare solo ormai sciolti e lineari.Ma nessuno era riuscito a pronosticare la potenza di tale fenomenoa nulla valsero le usuali contromisure. Un vento fortissimo spazzò via teleferica e ferrovia e un'ondata che sembrava venire dal cielo sommerse buona parte delle strade.Nello sgomento generale qualcuno rimpianse l'assenza di Brubrùforse lui sarebbe riuscito a proteggerli dalla potenza delle acque. Mister Cocci prese in pugno la situazione quando tuttiRacnar ed Ermengarda compresiavevano perso ogni speranza di salvezza. Diede ordine di costruire un grande giaciglio galleggiante dove rifugiarsi in attesa di migliori condizioni meteorologiche.E così fula grande zattera iniziò infatti a galleggiare e scivolandoscivolando sulle acque melmose del gran temporalevagò per giorni e giorni.Miss Nelly ogni giorno interrogava Ermengarda sulla loro sorte e su quella di Brubrù ma le sue storie sembravano ancora più sconclusionate e illeggibili del solito.L'acquazzone cessòma ecco che il giaciglio prese improvvisamente a navigare con molta velocità; tutti si reggevano ai bordi saldamente ma con disperazione."Moriremo tutti!" Urlavano i più spaventati."Coraggio!" Insisteva a ripetere mister Coccistringendo a se miss Nelly.E poi la zattera prese il volosgocciolando nell'ariasi allontanò come per magia dalla terribile cascata dove sarebbero sicuramente periti tutti.Guardarono in alto e videro che un grosso insetto volante li stava agevolmente trasportando. Li posò con delicatezza su un monticellomiracolosamente scampato all'inondazione e fece per volare via nuovamente.Mister Cocci lo chiamò: "Aspetta! Fatti almeno ringraziareci hai salvato la vita!"Solo allora la viderola grande farfalla verde a macchie viola."Brubrù!" Esclamò stupefatta miss Nelly asciugandosi il viso.Tutta la comunità si sciolsein festose grida di gioia e di ringraziamentofacendo arrossire il povero Brubrù cheanche se divenuto farfallasempre timido era rimasto.Solo Racnar giaceva accucciato e tremante in un angolo ancora scosso per la paura. Non sembrava neppure più lui: le piume tutte bagnate era divenute un groviglio appiccicoso sparso ovunque sulla sua corazza ammaccata e sporca di fango.
"E poi che successe?" Chiese uno dei piccoli ascoltatori alla ragazza che fino ad ora aveva narrato tutta la storia. Se ne stava accomodata nella grande e soffice poltrona d'angolo del caldo soggiorno.Lianna chiuse il libro e dopo essersi stiracchiata un po'disse a tutti che era proprio giunta l'ora di andare tutti a dormire e che di Racnardella vecchia Ermengardadi Brubrù e miss Nelly e di tutti gli altrine avrebbe raccontato ancora domani.Dopo un po' di capriccimolti sbadigliqualche risata e dolci carezze; le luci si spensero e la notte calò sulle case di tutti i bimbi felici che hanno ascoltato le storie di Lianna prima di addormentarsi.
Cristina Boccadoro 



Google