Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


La leggenda dei sei compagni

di Guido Gozzano

--------------------------------------------------------------------------------

 

C'era una volta un vecchio signoresenza più fortunache aveva tre figli.Il primogenito disse un giorno al padre:

- Voglio mettermi pel mondoalla ventura.

- Sia come tu vuoi - disse il padre- ma non posso darti più di dieciscudi.

- È pocoma farò che mi bastino.

Desiderio prese i dieci scudi e partì.

Giunto in città vide un uomo che gridava per le vie un bando del re. Il recercava chi sapesse costruirgli una nave che andasse per mare e per terra.Ricompensa: la mano della principessa.

- Voglio tentare - disse Desiderioe si propose al banditore.

Fu condotto alla reggia e all'indomani gli fu data un'accetta per abbattereil legno necessario all'impresa.

Lavorò tutto il mattinoe a mezzodì sedette all'ombra d'un vecchiocastagnoper mangiare il suo tozzo di pane.

Una gazza lo guardava curiosascendendo di ramo in ramo. Ella diceva nel suoroco cicaleccio:

- Un briciolo anche a me! Un briciolo anche a me!

E protendeva il becco verso le mani di Desideriosupplicando.

- Lasciami in pacebestia importuna! - gridò Desiderio impaziente.

La gazza risalì di due rami.

- Che lavoro stai facendo?

- Dei cucchiaise ti piace! - le rispose Desideriobeffandola.

- Cucchiai! Cucchiai! - gridò la gazzarisalendo di ramo in ramo.

E disparve.

Terminato il pastoDesiderio si rimise all'operama ad ogni colpo staccavadall'albero una scheggia in forma di rozzo cucchiaio. E non gli riusciva di faraltro. Tentò e ritentòpoi capì di essere vittima di qualche incantesimo.

- Quella gazza dannata mi ha stregato l'accetta!

Gettò via lo stromento e fece ritorno alla casa paterna.

- Già di ritornofiglio mio? - gli disse il padre.

- Sì. Ho pensato che la vita con voinella mia casaera preferibile aqualunque avventura.

E tacque del bandoe della gazza misteriosa.

Saturninoil secondogenitovolle partire a sua volta.

Il padre non gli diede che cinque scudi.

Giunto in città s'incontrò col banditore e volle tentare l'impresa. Sipropose al banditoree dopo aver lavorato tutto un mattino si sedette ai piedidel castagno centenariosbocconcellando il suo pane.

Ed ecco la gazza scendere di ramo in ramo

- Un briciolo anche a me! Un briciolo anche a me!

- Lasciami in pacebestia importuna!

E come la gazza si protendeva agitando le aliSaturnino la minacciò con lamano.

La gazza risalì tra i rami.

- Che fai tu qui?

- Grucce per le tue gambegazza curiosa! - gli rispose il giovanebeffandola.

- Grucce! Grucce per le mie gambe! - gridò l'uccello risalendo tra lefronde.

E disparve.

Quando Saturnino riprese il lavoroad ogni colpo che dava nel legno nonriusciva che a staccarne schegge in forma di grucce minuscole.

- Eccomi segno della magia di quell'uccellaccio.

Saturnino gettò l'accetta e riprese deluso la via del ritorno.

Gentileil terzogenitoun fanciullo pallido e taciturnovolle tentare asua volta la sorte.

- E tu speri di vincere - disse il padre - là dove furono sconfitti i tuoifratelli maggiori?

- Il destino può essermi benigno. Lasciami partire.

Gentile va in cittàode il bandosi propone al banditore. Ed eccolo nellaforestadopo un mattino di lavoroche sbocconcella il suo pane sotto ilcastagno venerando.

- Un briciolo anche a me! Un briciolo anche a me!

Alzò gli occhi e vide la gazza protesa verso di lui.

- Avrai la tua partepovera bestiola!

E sminuzzò il pane e lo gettò sull'erba. La gazzamangiandolointerrogava:

- Che stai facendo qui?

E Gentile narrò i casi suoi e il bando e il tentativo.

- Buona fortuna e bella nave! - gridò la gazza risalendo di ramo in ramo.

- Che Dio t'ascolti!

Gentile si rimise all'opera e ad ogni colpo d'accetta che dava nei tronchiegli staccava un pezzo della nave già lavorato e scolpito per incanto. E levarie parti s'attiravanos'univano fra di loro come se fossero calamitate.

- Ecco l'aiuto di qualche magia favorevole! - pensava Gentileesultando.

Prima del tramonto la nave prodigiosa era prontaed egli vi salìprendendone il timone e dirigendola attraverso i campii fiumile valliilaghifra lo sbigottimento dei contadini.

A mezza via incontrò un uomo che rodeva un osso.

- Che stai facendo? - gli domandò Gentile.

- Muoio di fame!

- Sali con me e avrai di che sfamarti.

E l'uomo salì sulla nave.

Poco più lungi incontrarono un altro uomo presso una fontana.

- E tu che stai facendo?

- Ho prosciugatocol beretutta questa sorgenteed ora attendo che siriempiaperché ho ancora sete.

- Sali con me e avrai di che dissetarti.

E il bevitore prodigioso salì sulla nave.

Non molto lontano incontrarono un altro individuo che aveva una pietra damacina a ciascun piede e che correva tuttavia come un daino.

- Che significa questo? - gli chiese Gentile.

- Voglio prendere una lepre che deve passare di qui.

- E tuimbecilleti leghi una pietra da macina alle gambe?

- Sìperché corro troppo in frettae nonostante le pietre da macina allegambeavanzo sempre di qualche miglio la lepre da prendere.

- Questa è buffa! Vuoi salire sulla nave con noi?

Anche il corridore insuperabile salì sulla nave.

Verso il tramonto incontrarono un altro individuo che teneva in mano un arcoteso e fissava un oggetto invisibile per loro.

- Uomo dell'arcoche stai facendo?

- Prendo di mira una lepre che vedo lassùsu quella montagna.

- Tu ci vuoi beffare...

In quel momento la freccia partì e l'uomo disse:

- Ecco... L'ho uccisa... Ma di qui alla montagna ci sono sette miglia e temoche altri passi e se la prenda.

- PrestoPrimosempre - disse Gentile - corri e vedi se la lepre è uccisa ose costui è un fanfarone...

Primosempre partì e ritornò poco dopo con la lepre.

- Sei un arciere insuperabile - disse Gentilerivolgendosi ad Occhiofino. -Vieni con noi e dividi le nostre avventure.

Occhiofino salì sulla nave che proseguì il cammino.

Poco dopo s'incontrarono in un altro sconosciutocon l'orecchio applicatocontro la terra.

- Che stai facendo? - gli chiese Gentile.

- Ieri ho seminato dell'avena e l'ascolto crescere...

- Che udito fine! - disse Gentile. - Se tu vuoisali sulla nave; credo chesei compagni come noi possono far grandi cose.

Eccoli dunque in sei sulla nave prodigiosa: GentileMangiatuttoBevituttoOcchiofinoFinorecchiaPrimosempre. La nave si mise in cammino e giunsetrionfale in cittàfra i cittadini sbigottiti e festanti.

Gentile scese dinanzi alla reggia e si presentò al Re.

- Maestàeccovi servita. Vostra figlia è mia.

Il Re ammirava la navema gli pesava concedere la figlia a quel poverettorandagio.

- Questo non bastafigliuolo. Prima di aver la sua mano si devono soddisfarealtre prove ancora...

- Accetto le nuove prove.

- Sta bene - disse il re. - Io ho dunque nelle mie stalle cinquanta buoieoccorre che tuo uno dei tuoi compagnili mangi da solo in otto giorni.

- TenteremoSire.

Gentile affidò l'impresa a Mangiatutto e quattro giorni dopo le stalle eranovuote.

Il Re era contrariato d'aver perduto la prova e le bestie.

- Non basta - disse a Gentile. - Dopo il pasto bisogna bere; ho nelle miecantine cinquanta botti di vino inacidito. Tuo uno dei tuoi compagni deveberlo da soloin otto giorni.

- Bevituttoquesto è affar tuo.

E in otto giorni le cantine erano vuote.

- Chi èdunquecostui e i suoi compagni? - pensava il re inquietoe nonsapeva come disfarsene.

Uno dei ministri lo consigliò.

- Maestàvoi avete nella vostra cucina un cuoco insuperabile alla corsa. incinque minuti va ad attingere acqua a dieci miglia di quie ritorna con gliotri pieni. Proponete allo sconosciuto una gara con lui.

Il Re fece chiamare Gentile e gli propose la gara.

- Sarà fatto - rispose Gentilee delegò la cosa a Primosempre.

All'indomani il cuoco e Primosempre partirono insieme e questi giunse assaiper tempo alla fontanacon grande ira del cuocoche si credeva insuperabilealla corsa. Mentre si riposavano sull'erbadopo aver riempito gli otriilcuocoche s'intendeva anche di magiaaddormentò Primosempre col fissarlo alungo; e partì con gli otridopo avergli deposte due pietruzze verdi sullepalpebreperché non si svegliasse.

Ma Finorecchia era in ascolto e informava gli amici di quanto accadevalontano.

- Finorecchiache stanno facendo?

- Il cuoco e Primosempre si sono seduti ansanti e conversano presso lafontana. Primosempre s'addormentae russa forte. Il cuoco ritorna di corsaverso la reggia.

- Occhiofinoguarda e dacci notizia.

- Il cuoco è a mezza via e Primosempre dorme supinocon due pietruzze sugliocchi.

- Prendi il tuo arco - ordinò Gentile - e togli da gli occhi di Primosemprele pietruzze maleficheperché si svegli. Bada di non ferirlo!

L'arciere prodigioso tese l'arco e sbalzò le pietre dalle palpebre delcompagno addormentato.

Questi si svegliò con un sussultoprese gli otrie partì con talevelocità che arrivò prima ancora del cuocofra lo stupore del Re e deicortigiani.

- Sia dunque - disse il Revinto ormai. E rivolgendosi verso Gentile: - Amomeglio aver per genero che per nemico un uomo della tua abilità.

Le nozze splendide ebbero luogo nella settimana. E PrimosempreMangiatuttoBevituttoFinorecchiaOcchiofino furono fatti ministri.




Google