Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Carlo Goldoni

Sior Todero Brontolon

ATTO PRIMO

PERSONAGGI

TODERO mercante vecchio
PELLEGRIN figliuolo di Todero
MARCOLINA moglie di Pellegrin
ZANETTA figlia di Pellegrin e di Marcolina
DESIDERIO agente di Todero
NICOLETTO figliuolo di Desiderio
CECILIA cameriera di Marcolina
FORTUNATA vedova
MENEGHETTO cugino di Fortunata
GREGORIO servitore
PASQUAL facchino (questo personaggio non compare negli elenchi di tuttele edizioni originalindr)

La scena si rappresenta in Veneziain casa di Todero.

 

SCENA PRIMA

Camera di Marcolina. Marcolina e Cecilia.

Marcolina: E cussì? Ghe xe caso che possa bever elcaffè sta mattina?
Cecilia: Co no la manda a tórselo alla bottegaho paura che no la lobeva.
Marcolina: Per cossa? No ghe n'è del caffè in casa?
Cecilia: Siora sìghe ne xema el paron vecchio l'ha serrà el caffèe l'ha serrà el zucchero sotto chiave.
Marcolina: Anca questa ghe xe da novo? Fra le altre insolenze che hosofferto da mio missierho anca da tollerar che el me serra el zuccheroche elme serra el caffè?
Cecilia: Cossa dìsela? Più vecchio che el vienel vien pezo che mai.
Marcolina: Com'ela stada? Che grillo ghe xe saltà in testa? Che vovadaxe stada questa?
Cecilia: La sa che el xe un omo che bìsega per tuttoche brontola detutto. L'è andà in tinellol'ha dà un'occhiada al zuccherol'ha dà un'occhiadaal caffè; l'ha scomenzà a dir: Vardè; un pan de zucchero in otto zorni el xedebotto finio; de una lira de caffè debotto ne ghe ne xe più. No gh'è regola;no gh'è discrezion. L'ha tolto suso la roba; el se l'ha portada in camerae else l'ha serrada in armer.
Marcolina: Son tanto stufa de sti stomeghezziche debotto no posso più.Che diavolo de vergogna! Xe tanti anni che son in sta casae gnancora no sonparona de gnente? E quel sempio de mio mariogrando e grossocon una putta damaridarel gh'ha paura a parlar? Nol xe gnanca bon de mantegnir de caffè somuggier? Eh! per diana de diai gh'ha rason che gh'ho sta fia da logar; darestograzie al cielogh'ho casa miae ghe vorave far véder che no gh'hobisogno de lori.
Cecilia: Per dir la veritàla xe squasi una cossa da no crederche unomo de trentacinque o trentasìe annimaridàpare de fioicon tanta intradacon un negozio in casa che butta benno sia paron de spender un ducato a somodoe abbia da star soggetto al pare co fa un putello.
Marcolina: Siora sìe s'ha da véder sta mostruositàche un capo decasa fazza sgangolir el fiola niorala nezzae po se lassa menar per el nasoda un tangarode un fattorche se fa la ponga per eloe lo conseggia a esserun can col so sangue.
Cecilia: Certo: el paron gh'ha chiappà benvoler a lu e a so fioe fursial fio più che al pare.
Marcolina: Ma se pol dare un sempioun aloccouna malagrazia compagna?
Cecilia: Dìsela de sior Nicoletto?
Marcolina: Sìde quella cara zoggia de sior Nicolettodella degnissimaprole de sior Desiderioagente amorosissimo de quel orbo de mio missier.
Cecilia: Eh! se s'ha po da dir la veritàsior Nicoletto nol xe po tantouna malagrazia.
Marcolina: Oh che cara Cecilia! ve piàselo quel pampalughetto?
Cecilia: Cossa vorla che el me piasa? A mi se sa che nol m'ha da piàser...Da restoin verità dasseno ...
Marcolina: Orsù a monteche no vôi sentir a parlar de colori. Miomissier li ha volesti tor in casa per farme despetto; e se mio mario no gheremedieràghe remedierò mi. Che destrighemo sta puttache se marida mia fiae po troverò mi la maniera de remediarghe.
Cecilia: Cara siora paronano vorave che la credesse...
Marcolina: I batte; andè a véder chi è.
Cecilia: Credo che la me cognossa..
Marcolina: Andè a véder chi ève digo.
Cecilia: Vagovago. Siora sìvago. (No ghe starave depenta in stacasa. Se no fusse per quel puttono ghe starave gnanca se i me indorasse)(parte)

 

SCENA SECONDA

Marcolinae poi Cecilia.

Marcolina: A una donna della mia sorte? Serrarghe tutto?No esser patrona de gnente? Mai un spasso? Mai un devertimento? Brontolarme finael magnar? M'hai trovà in t'un gàttolo? M'hai tolto senza camisa? Gh'ho dàsie mile ducati e son civil più de lori: che i so vecchi xè vegnui co lesgalmaree casa mia xè più de cent'anni che la gh'ha negozio impiantà.
Cecilia: Xè una signora che la domanda. (Con sdegno)
Marcolina: Chi xèla?
Cecilia: Mi no so; credo che la sia siora Fortunata. (Come sopra)
Marcolina: Coss'èsiora? Cossa xè sti musoni?
Cecilia: Sia malignazo sta vitae chi la ghe piase.
Marcolina: Coss'è stàcon chi la gh'aveu?
Cecilia: Son andada a véder chi è. I m'ha dito: tirè; ho tirà; xèvegnù el paron vecchioe el m'ha dito un mondo de roba.
Marcolina: Oh! la finiremo sta musica. Sìda quela che sonche lafiniremo. Andèandèdisèghe a quella signorache la resta servida.
Cecilia: (Se el missier xè impastà de tossegognanca la niora no xèimpastada de zucchero). (Parte)

 

SCENA TERZA

Marcolinapoi Fortunata.

Marcolina: Sior sìnol vorave mai che da mi vegnissenissun. El me voi tettar de mazo anca in questo.
Fortunata: Patronasiora Marcolina.
Marcolina: Patronasiora Fortunata.
Fortunata: Cossa fala? Stàla ben?
Marcolina: Servirla; e ela?
Fortunata: Cussì e cussì
Marcolina: La se comoda. Vorla cavarse el zendà? (Siedono)
Fortunata: Eh! n'importa; da sta stagion no l'incomoda.
Marcolina: Vorla un poco de fogo?
Fortunata: Nonodasseno; ho caminàno gh'ho fredo.
Marcolina: Gnanca mila veda; no tengo squasi mai fogo sotto.
Fortunata: Tutto xè un usarse. Co se xè usaeno se poi far de manco.Co no se se usano se ghe pensa.
Marcolina: Siora sìsiora sìson stada usada cusì da puttelaevoggio che se usa cusì anca mia fia.
Fortunata: Cossa fála siora Zanetta?
Marcolina: Benben poverazza. Dopo che l'ha avù quella malatiainbon'ora lo possa dirla xè vegnua tanto fatta.
Fortunata: La digasiora Marcolinala vorla maridar la so putta?
Marcolina: Magari che ghe capitasse una bona occasion.
Fortunata: Per dirghe la veritàson vegnua a trovarla giusto perquesto.
Marcolina: Dasseno?
Fortunata: Gh'ho un partio per le manche se el ghe toccadasse no vòiche la me benedissa.
Marcolina: Oh care le mie vissere! chi xèlo?
Fortunata: Mo a pian: avanti che ghe diga chi el xèla me diga se laxè in stato de maridarla.
Marcolina: No gh'òggio ditto de sì?
Fortunata: Disponela ela de la so putta?
Marcolina: Ghe dirò: doverave disponer so parema so pare no farà népiùné mancode quello che dirò mi.
Fortunata: E sior Todero?
Marcolina: La sarave belache quando xè contento el pare e la mare elnono non s'avesse da contentar.
Fortunata: Mo no sàla che sti vecchi i voi esser patroni de tutto?
Marcolina: Siora sìfin a un certo segno. Ma col partio xè bonco l'occasionxè a propositoper cossa vorla che el diga de no voler?
Fortunata: La dota chi ghe l'ha da dar?
Marcolina: Ghe l'ha da dar mio missier; ma gnanca per questo nol pol migadir de no ghe la voler dar; perché poalla fin dei finimio mario xè bonazzoel sta a tuttoel lassa che so pare fazza tutto quelo che el vol; ma cobisognasseme basterave l'anemo de farlo parlar. De la roba in casa ghe n'èel gh'ha la dota de so mareghe xè la miagh'ho ose in capitolo anca mi. Laputta s'ha da maridare ca de dianase mio missier farà el mattoghe xègiustizia per tutti.
Fortunata: Nosiora Marcolina; co gh'ha da esser dei strepitino femognente.
Marcolina: Digo cussì per dir; ma strepiti no ghe n'ha da essere noghe ne sarà. Mio missier xè avaroxè stravagantexè tutto quel che la vol;ma l'ha sempre dito ch'el vorave che mia fia se logasse; e da do parole che l'hadito gierserami credo che nol veda l'ora che la se marida. No miga perché elghe voggia bensàlaperché el xè un de quei vecchiche no vol ben altriche a si stessima per liberarse da una bocca de più.
Fortunata: Via doncaco la xè cusìla ghe parla.
Marcolina: Ghe parlerò. La me diga el putto chi el xè.
Fortunata: Se la sacossa ghe darali de dota?
Marcolina: Mocara siora Fortunatala vol metter el carro avanti i bo.Sentimo prima chi xè el partioe po ghe daremo quella dota che se convegnirà.
Fortunata: Cossa gh'àla paura? Che ghe propona una persona ordenaria?Sàla che sto putto che ghe proponoxè un fiorxè una copa d'oro? Sàla chein sto paese no ghe xè altrettanto? Sàla che el xè un mio zerman?
Marcolina: Oh Caspita! so zerman?
Fortunata: Mo siora sì; cossa dìsela? Ghe xè eccezion?
Marcolina: Certo che col xè so parentenol pol esser altro che unapersona civil; macara siora Fortunataper esser un bon partioghe volqualcossa de più.
Fortunata: Sàla che el xè fio soloche el gh'averà do boni mileducati d'intradae che el gh'ha una carica in aspettativa? Sàla che nol gh'haun vizio al mondoche el xè un putto cheno fazzo per dirma el gh'haun'aria propriamente da zentilomo? Sàla che el xè sior MeneghettoRamponzolifio de sior Massimo e de siora Scolastica Caramali?
Marcolina: Oh se la me ne dirà tanteghe dirò siora sì; lo cognosso;son contenta; magari.
Fortunata: Mo! magari certomagari.
Marcolina: Xèlo informà de sta mia putta? Sàlo che merito che lagh'abbia? Sàlo che oracolo che la xè?
Fortunata: Oh! el sa tutto.
Marcolina: Sàlo moancache la xè una putta ben fatta? Che la xè unpometto da riosa?
Fortunata: Vorla che ghe parla da amiga? El l'ha vista.
Marcolina: Come? Quando? Mia fia no pratica co nissun; in casa mia no ghevien nissun. (Riscaldandosi)
Fortunata: Via viasiora Marcolinano la vaga in còlerache no ghexè mal. El l'ha vista al balcon.
Marcolina: Sotto la zelusia?
Fortunata: Sotto la zelusia. E el l'ha vista anca fora de casaunamattina a bonora.
Marcolina: Se la va col zendà fina a la centura!
Fortunata: Cossa serve? No sàla? Co i putti volno so se la me capissa.
Marcolina: Zanetta sa qualcossa donca.
Fortunata: Da quel che ho intesono i s'ha mai parlà; ma coi occhicredo che i abbia fatto la parte soa.
Marcolina: Oh povereta mi!
Fortunata: Eh viacara ela: fússele cussì tutte le putte dal dìd'ancuo; e fússeli cusì i putticome che xè sto sior Meneghetto.
Marcolina: Cara siora Fortunatano so cossa dir; za che la xè vegnua afavorirme con tanto bon cuorla fazza che sto negozio gh'abbia bon fin.
Fortunata: La digacara elacossa ghe darali de dota?
Marcolina: La diga ela: cossa pretenderàvelo?
Fortunata: El putto xè una puaxè una pasta de marzapane de stecosse nol ghe ne sae nol ghe ne vorrà gnanca saver; so pare e so mare i serimette in mie quel che fazzo mixè ben fatto. Gh'ho ditto: co sioraMarcolina semo amigheso che siora che la xè; la putta xè una bona puttalassè far a mi. Mi movédelavòi che andèmo a la bona. Mi no vòidomandar; vòi che la diga ela tutto quelo che la pol fare se me pareràconvenientela me varda mi e no la pensa altro.
Marcolina: Ghe dirò. Mi ha portà in casa sie mile ducati. Manco dequelo che gh’ho dà mia mia fia no i ghe poderà dar.
Fortunata: Bezzi contai?
Marcolina: S'intende. I ghe li scriverà in banco.
Fortunata: Siora Marcoliname dàla parola?
Marcolina: Ghe dago parola.
Fortunata: Porla mantegnirmela la parola che la me dà?
Marcolina: Siora sì. Ghe dago parolae son capace de mantegnirghela.
Fortunata: Basta cussì. A bon reverirla. (S'alzano)
Marcolina: Vàla via cussì presto?
Fortunata: Vago a dar la risposta. Ma la varda bensàla?
Marcolina: Cossa serve? Sémio puteli?
Fortunata: Se vegnirò col puttome lasserala véder la putta?
Marcolina: Co sarà serà el contratto.
Fortunata: E no avanti?
Marcolina: Oh! la vede ben...
Fortunata: Gnentegnente?
Marcolina: La xè una siora che intende...
Fortunata: Eh! viacara elache al dì d'ancuo le se vede le putte. Nose sta più su sti rigorino; le se vede.
Marcolina: Bastaco se tratta de ela.
Fortunata: A bon reverirla.
Marcolina: La digala metterali all'ordine pulito?
Fortunata: Modestamente.
Marcolina: No digo cossazze. Ma sàla? La sa in che tempi che semo.
Fortunata: Vorla che el ghe spenda intorno tutti i sie mile ducati?
Marcolina: Che i se fazza onorche no i se fazza burlar.
Fortunata: Cara siora Marcolinaghe xè più dì che lugánega.
Marcolina: Eh! cara siora Fortunataal dì d'ancuo chi se maridano hada sperar de sivanzar sulla dota.
Fortunata: La digacara elaco la s'ha maridà elagh'ali fatto stegran spesazze?
Marcolina: Oh! per mifia miai ghe n'ha speso pochetti.
Fortunata: Védela donca? Xè segno che tutti no pensa a un modo. Unacossa de mezzoche staga benche vaga ben. Cossa occorre far tanti abitist'annoperché st'anno che vien no i sia più alla moda? Faremofaremopulito. Un bon anellole so zogetteun per de abiti boni.
Marcolina: Merlila vedasora tutto merli.
Fortunata: Ghe sarà el bisogno. No la s'indubitaghe sarà el bisogno.Con so bona grazia. Se vederemo.
Marcolina: Patrona.
Fortunata: Xèla contenta?
Marcolina: Oh siestu benedetta!
Fortunata: Bondìvita mia. (Si baciano)
Marcolina: Mo quanto che ghe son obligada!
Fortunata: No àla dito magari? La vederà se sarà magari. Mi? Co memetto? Dittofatto. Patrona. (Parte)

 

SCENA QUARTA

Marcolinapoi Pellegrin.

Marcolina: In verità dasseno una fortuna più granda nopodeva desiderar. Son segura che mia fia starà ben; so che putto che el xèsoche casa che i gh’ha. Oh per dianaxè qua mio mario! Ho giusto da caro cheghe lo dirò prima a eloe farò che elo ghe lo diga a so pare. Vegnì qua mosior Pellegrin.
Pellegrin: No crièvedèmi no ghe n'ho colpa.
Marcolina: De cossa?
Pellegrin:: Ho sentìo in cusinache avè crià per el zucchero e per elcaffè... No criè con miche mi no so gnente.
Marcolina: Eh! adesso no xè tempo de parlar de ste cosse. V'ho da dirqualcossa che importa più.
Pellegrin: De beno de mal?
Marcolina: De bende ben.
Pellegrin:: Sia ringrazià el Cielo. Ho sempre paura che ghe sia del mal.
Marcolina: Ho maridà vostra fia.
Pellegrin:: La xè maridada?
Marcolina: M'intendo la xè promessa.
Pellegrin: Chi l'ha promessa?
Marcolina: Mi.
Pellegrin: Vu?
Marcolina: Sior sìmi. Ve opponeressi fursi a quel che ha fatto vostramuggier?
Pellegrin: Mi no parlo.
Marcolina: Lo so che in sta casa mi no son parona de gnente. Ma no gh'hoaltro al mondo che sta creaturae su la mia creatura crederave de poderarbitrar.
Pellegrin: Xè verola xè la vostra creatura; ma crederave che la fusseanca mia.
Marcolina: Sior sì. Gh'avè rason; ma co ve dirò a chi l'ho promessasarè contento anca vu.
Pellegrin: Ben; sentiremo. Se me parerà.
Marcolina: Se ve parerà? Ve metteressi in testa de desfar quel che hofatto?
Pellegrin: Oh bella! Me disè che avè promesso mia fia; me disè chesarò contento: voleu che sia contento avanti de saver el novizzo?
Marcolina: Vostra muggier no xè capace da far una stramberia
Pellegrin: Mi no digo ste cosse. .
Marcolina: Parlè in t'una certa maniera...
Pellegrin: Voleu che tasa? Taso.
Marcolina: Sior Meneghetto Ramponzoli lo cognosseu?
Pellegrin: Siora no.
Marcolina: E so paresior Massimo?
Pellegrin: Gnanca.
Marcolina: E siora Scolastica?
Pellegrin: Pezo.
Marcolina: Ma che omo seu? No cognossè nissun. No cognossè i zermani desiora Fortunata Marsioni?
Pellegrin: Mi no cognosso gnanca le anguellese no basta i marsioni.
Marcolina: Se no i cognossè vuli cognosso mi.
Pellegrin: Benissimo.
Marcolina: E el partio xè bon. E la putta anderà a star da regina.Cossa diseu?
Pellegrin: Cossa voleu che diga? Sarà cussìcome che disè.
Marcolina: Ve par che abbia promesso troppo a prometterghe sie mileducati?
Pellegrin: Per mico mio pare xè contento eloson contento anca mi.
Marcolina: Bisogna che ghe parlè a vostro pare.
Pellegrin: Cossa voleu che ghe diga?
Marcolina: Diseghe quel che v'ho dito mi.
Pellegrin: Mo se mi sta zente no la cognosso.
Marcolina: Se no la cognossè vula cognosso mi.
Pellegrin: Donca parleghe vu.
Marcolina: Mo andè làche sè un gran omo de stucco.
Pellegrin: Viaprincipieu a criar?
Marcolina: Delle volte me faressi andar zo dei bazari. Cossa voleu? Chequella povera putta fazza la muffa in casa? Voleu che la fazza la vita che fazzomi? Vostro pare deventa ogni zorno pezo che mai. No se pol più viver; ne mancael nostro bisogno. Destrighè quella puttasior Pellegrindestrighè quellaputta. (Con collera)
Pellegrin: Ma micossa voleu che fazza?
Marcolina: Seu un omoo seu un pàmpano?
Pellegrin: A vu cossa ve par che sia?
Marcolina: Sisè omo in quelle cosse che no m'importa; e sè unpàmpanoco se tratta de vu e della vostra fameggia. Andè subito da vostropare; diseghe che xè capità sta bona occasionche assolutamente no se l'avemoda lassar scampar. Parleghe della dota. Senti cossa che el ve dise. Manco de siemile no certo. Se nol cognosse el puttoxè giusto che el lo cognossa: son unadonna ragionevole; xè giusto che el sia informà. L’informerò misebisogna; ma intanto parleghe vu. Sentì se el xè ben disposto; rilevè se elgh'avesse qualche difficoltà. Se el gh’ha delle difficoltàparleghe foradei denti; disè l'animo vostrodesmissievebuttè via quella gnagnera. Ah!cossa diseu?... Puh! omeni senza sesto; piegore monzue. Gh’ho una rabbiaintornoche no la posso più sopportar.
Pellegrin: Ma che sugo ghe xè mo adesso d'andar in collera?
Marcolina: Parloparloe no me respondè.
Pellegrin: Bisogna ben che pensa anca mi el modocome che ho da parlarcome che me ho da introdur.
Marcolina: Ghe voi tanto! De cossa gh'aveu paura? Al pare s'ha da portarrespettose gh'ha da parlar con respetto; ma in te le cosse giuste se poi dirla so rason; perché saveufio caro? Chi se fa piegorael lovo la magna.
Pellegrin: Benghe parlerò.
Marcolina: Parleghe subito.
Pellegrin: Ghe parlerò... avanti che andemo a disnar.
Marcolina: Andè subitove digo.
Pellegrin: No ghe xè sta pressa.
Marcolina: Destrigheve; no me fe andar in collera che debotto debotto...
Pellegrin: Viaquieteveanderò subito. (Ah poveretto mi! Prego elCielo che me daga pazienza). (parte)
Marcolina: Mo che omenimo che omeni che se trova! El m'ha toccà a miper mia maledetta desgrazia. Mi che son tutta spiritotutta fogo! E lu el xèuna pepache propriamente par che el casca da tutte le bande. E mia fia? Oh!anca ela no la poi dir de no esser fia de so pare; la xè una gnegnè cofa elo. A mi no la me someggia seguro. Miper diana de diano me perderavesefusse in mezzo un'armada. (Parte)

 

SCENA QUINTA

Camera di Todero. Todero e Gregorio.

Todero: Vegnì qua mosior.
Gregorio: La comandi.
Todero: Saveu che vho da dir? Che son stà in cusinache ho visto unfogaron del diavoloche le legne no i me le donae che no vòi che se buttasuso in quela maniera.
Gregorio: Ah! la xè stada ela in cusina?
Todero: Sior sìson stà mi. Cossa voressi dir?
Gregorio: Mi no digo gnente; ma co son vegnù a casa da spenderhotrovà el fogo desfattola carne no bogivae ho crià co la serva.
Todero: No se poi far boger una pignatta senza un carro de legne?
Gregorio: Come vorla che la bogia con do stizzetti?
Todero: Suppiè.
Gregorio: Mi gh'ho cento cosse da farno posso star miga là tutta lamattina a suppiar.
Todero: Co no ghe sè vuche vaga a suppiar la massera.
Gregorio: Anca ela l'ha da far i lettil'ha da scoarl'ha da laorar.
Todero: Co no poi la masserache vaga in cusina mia nezzache ghe vagaso mare.
Gregorio: Figurarsese ele voi andar in cusina!
Todero: Co no ghe xè nissundisèmeloche anderò a suppiar mi.
Gregorio: (Che el suppia quanto che el vuoimi un de sti dì me labatto).
Todero: Chi ghe xè adesso in cusina?
Gregorio: Per adesso ghe xè Cecilia.
Todero: Mio fio dove xèlo?
Gregorio: Za un poco el giera in camera co la patrona.
Todero: Coss'è sta patrona? In sta casa no ghe xè altri patroni che mi.Cossa fàveli in camera?
Gregorio: Giera la portiera tirada su; cossa vorla che sappia mi?
Todero: Dove xè la putta?
Gregorio: In tinelo.
Todero: Cossa fala?
Gregorio: La lavora.
Todero: Cossa laórela?
Gregorio: M'ha parso che la mettesse i doppioni a una camisa.
Todero: Sior Desiderio ghe xèlo?
Gregorio: Sior sìel xè in mezzà.
Todero: Cossa falo?
Gregorio: Mi ho visto che el scriveva.
Todero: E el putto?
Gregorio: El xè in mezzà co so pare.
Todero: Scrìvelo?
Gregorio: Mi no so dassenono gh'ho abbadà.
Todero: Andeghe a dir a sior Desiderioche el vegna qua.
Gregorio: La servo. (In atto di partire)
Todero: E po andè in cusina.
Gregorio: Adesso no gh'ho gnente da far in cusina.
Todero: Mettè suso i risi.
Gregorio: A sta ora ho da metter suso i risi? Vorla disnar avanti nona?
Todero: Voggio disnar all'ora solita. Ma i risi i se mette suso a bonoraacciò che i cressaacciò che i fazza fazion. Son stà a Fiorenzae hoimparà là come se cusina i risi. I li fa bogier tre ore; e mezza lira de risibasta per otto o nove persone.
Gregorio: Benissimo. La sarà servida. (Ma per mi me ne farò unapignatella a mio modo). (In atto di partire)
Todero: Vardè cossa che fa mia niora e mio fioe sappièmelo dir.
Gregorio: Sior sìsior sìghe lo saverò dir. (Tutto sì; ma la spiano la voggio far). (parte)

 

SCENA SESTA

Toderopoi Desiderio.

Todero: Nissun fa gnente in sta casa. Mio fio xè unalocco; le donne no gh'ha giudizio. Se no fusse quel bon galantomo de siorDesideriopoveretto vu. Son vecchio; certe fadighe no le posso più far; gramomise nol fusse elo; el xè un omo attentoel xè un omo fedelel xè nato intel paese dove che son nato anca mi; el xè ancaalla lontanaun pochetin mioparente; avanti che moralo voggio beneficar. Ma no voggio migaperbeneficarlo eloprivarme mi: che son vecchioxè veroma posso viver ancoradei anni assae; ghe n'è dei altri che xè arrivai ai cento e quindeseai centoe vintie no se sa i negozi come che i possa andar. Troverò ben mi la manierade beneficarlo senza darghe un bezzo del mio. Vèlo qua. No vòi per altro cheel creda che gh'abbia bisogno de elono vòi che el se insuperbissa. Lo voggiobeneficar; ma vòi che el laorae che el se sfadiga.
Desiderio: Son quacossa me comàndela?
Todero: Aveu fenio de metter zo la scrittura?
Desiderio: Ghe son drio. Ma no ho podesto gnancora fenir.
Todero: Cossa diavolo feu? In cossa ve perdeu? No fè gnente.
Desiderio: La dise che no fazzo gnente? Me par de far qualcossa e più dequalcossa. Mi a Rialtomi in Piazzami a Palazzomi a scuodermi a pagar...
Todero: Viavia; andemo drio fin domattina?
Desiderio: Mocaro sior Todero...
Todero: Sior Toderosior Todero! Una volta ve degnevi de dirme siorparon.
Desiderio: La compatissa; me parsecondo el bon ordene mercantilche leincombenze che la m'ha onorà de darme...
Todero: Chi magna el mio panm'ha da respettar.
Desiderio: La m'ha onorà de ammetterme alla so tola.
Todero: Ma mi son el paron.
Desiderio: L'ha avù anca la bontà de dirmeche semo un pochettoparenti.
Todero: Se fussimo anca parenti più de quel che semoson paronevoggio esser trattà da paron. Desiderio: Benissimo. Da qua avanti ghedirò sior paron.
Todero: Dove xè vostro fio?
Desiderio: In mezzàche el copia le lettere.
Todero: Gh'àlo voggia de far ben quel putto?
Desiderio: Mi me par de sì.
Todero: E mi ho paura de no.
Desiderio: Vizi nol ghe n'ha certo.
Todero: Se nol ghe n'hael ghe ne pol aver.
Desiderio: Mi no so cossa dirmi nol lasso praticar con nissun.
Todero: Quanti anni gh'àlo?
Desiderio: Disdott'anni.
Todero: Maridèlo.
Desiderio: Con che fondamento vorla che lo marida?
Todero: Lo mariderò mi.
Desiderio: Caro sior paroncertoche se ela volessela poderia darghestatola poderia far la sorte de quel povero putto.
Todero: Sior sìlo mariderò mi.
Desiderio: Ma senza impiego chi vorla mai che lo toga?
Todero: Lassème el pensier a mi.
Desiderio: No credo mai che la ghe vorà dar una putta ordenaria. Semopover'omeni; ma gnanca per questo...
Todero: Tasè là.
Desiderio: No parlo.
Todero: Saveu chi ghe voggio dar?
Desiderio: Mi no saverave.
Todero: Mia nezza.
Desiderio: Siora Zanetta?
Todero: Sior sì. Mia nezza Zanetta.
Desiderio: Oh! se contenterali so sior pare e so siora mare?
Todero: Son paron mi.
Desiderio: La vederà che nasserà dei sussuri.
Todero: Son paron mive digo.
Desiderio: Mila me compatissano vòi che per causa mia...
Todero: Seu stuffo de star con mi! Gh'aveu voggia che ve manda a bonviazo?
Desiderio: Mi no so cossa dir. Ela saela vedela faza elami merimetto in ela.
Todero: Mia muggier m'ha dà sie mile ducati. Mia niora ha portà in casasie mile ducati. Xè giusto che anca mia nezza gh'abbia sie mile ducati.
Desiderio: Caro sior Todero...
Todero: Coss'è sto sior Todero? Siben che mia nezza sarà muggier devostro fiocredeu de no averme da dir sior paron?
Desiderio: Sior sìtutto quel che la vol.
Todero: (Per adesso lo vogio tegnir un poco basso).
Desiderio: E cossa vorla che fazza mio fio?
Todero: Che el tenda al mezzàche el se arleva sotto de vuperché auna vostra morte el me possa servircome che fe vu.
Desiderio: (El gh'ha intenzion che mora avanti de elo).
Todero: Tegnirò la dota in tel mio negozio; ve pagherò el tre percento; el pro della dota servirà per pagarme le spese della muggier.
Desiderio: E come vorla che i se vesta?
Todero: No xèli vestii? Vedeu sta velada? Xè undes'anni che me l'hofattae la xè ancora che la per nova.
Desiderio: E se vegnirà dei putei?
Todero: Non parlè altrono me secchè. Ho pensà a tuttoho previstotutto. Credo che me cognossècredo che lo sappiè che no son un canche noson un spilorza; diese ducati piùdiese ducati manco... no varderò despenderlise bisogna.
Desiderio: Diese ducati piùdiese ducati manco?
Todero: Andè in mezzàandè a fenir de metter zo la scritturae stèzittoe no parlè co nissun. Mia nezza sposerà vostro fio.
Desiderio: Mi no so cossa dir. (Orsùmi fazzo conto de lassar correr.Se el ghe dà la putta con sie mile ducati de dotaco la sarà fattaladiscorreremo). (parte)

 

SCENA SETTIMA

Toderopoi Pellegrin

Todero: Sior sìin sta maniera no dago fora i bezzi dela dota. Za la puttase la sta in casabisogna che la mantegnae obbligo paree fio a star con mie a servirme come vòi mi. Se nascerà dei fioiqualcossasarà. Se i sarà maschii vegnirà grandii me servirà. I manderò fora inte i miei loghii me servirà da fattori. Co Desiderio no sarà più bonistarà in mezzà con Nicoletto. Xè meggio sempre aver in casa de la zente decuor.
Pellegrin: Sior parepatron.
Todero: Sioria.
Pellegrin: Se la se contentaghe vorave parlar.
Todero: Coss'èsior? Piove?
Pellegrin: Per cossa?
Todero: Chi v'ha insegnà la creanza de vegnir a parlar con vostro parecol capello in testa?
Pellegrin: La compatissa. (Si cava il cappello)
Todero: Cossa gh'aveu da dirme? Qualche strambezzo de vostra muggier?
Pellegrin: Sior noghe vorave parlar de mia fia.
Todero: Cossa che casca a quella sempia?
Pellegrin: Perché mo ghe dìselo sempia?
Todero: Perché la xè una scempia; e perché son paron de dir quel chevoggio: g'àla gnente in contrariopatron?
Pellegrin: Mi no digo gnente.
Todero: Cossa volevi dirme de vostra fia?
Pellegrin: Ghe saria una bona occasion de logarla.
Todero: La xè logada.
Pellegrin: La xè logada?
Todero: Sior sì; fè conto che la sia maridada.
Pellegrin: Senza che mi sappia gnente?
Todero: In sta casa comando mi.
Pellegrin: E mia muggier lo sàla?
Todero: La lo saveràquando vorò mi.
Pellegrin: Caro sior pareno voria che nassesse qualche desordene.
Todero: Che desordeni voleu che nassa?
Pellegrin: Mia muggier ha promesso la putta a un certo sior MeneghettoRamponzoli.
Todero: Vostra muggier l'ha promessa? E gh'avè stomego da soffrirlo? Egh'avè tanta poca prudenza da dirlo? Da quando in qua le donne àle da tòrsesta libertà de comandarde disponerde prometter le fie? A vu le ve la polfarche sè un pezzo de giazzo vestio da omo. Ma mi no la tegnirò. Comando mison paron mie la voggio maridar mi. E vusiorcossa diseu?
Pellegrin: Mi no digo gnente. Me despiase per mia muggier.
Todero: Diseghe che la vegna a parlar con mi.
Pellegrin: La digasior parepoderávio almanco saver chi xè elnovizzo che l'ha destinà per mia fia?
Todero: Lo saverè co me parerà a mi.
Pellegrin: De diana! finalmente po son so pare.
Todero: E mi son el pare del paree son paron dei fioie son paron dela nezzae de la dotae de la casae de tutto quelo che voggio mi. (parte)
Pellegrin: Oh poveretto mi! adesso sì stago firesco. Cossa dirà miamuggier? Son tra l'ancuzene e el martello. No so quala far. M'anderave asconder. M'anderave a buttar in canal. (parte)

 

SCENA OTTAVA

Camera di Marcolina. Marcolina e Fortunata.

Marcolina: Bravasiora Fortunata; la xè tornada presto.Me pòrtela de le bone nove?
Fortunata: Per mi bonissime. E ela che nove me dàla?
Marcolina: Oh! no gh'òi ditocara ela? Ho parlà con mio marioe elxè contentissimo.
Fortunata: E el vecchio?
Marcolina: Al vecchio ghe xè andà a parlarghe so fioe zasenz'altrola fazza conto che la cossa sia fatta.
Fortunata: La putta sala gnente?
Marcolina: Siora sìno vorla? Ghe l'ho dito subito. Oh poverazzalas'ha messo a pianzer de la contentezza.
Fortunata: Possio véderla misiora Zanetta?
Marcolina: Oh! cossa che la dise! la chiamo subito.
Fortunata: La diga. Ho menà con mi una persona. Me dàla licenza che lafazza vegnir avanti?
Marcolina: Che persona xèla?
Fortunata: Eh! viasiora Marcolina.
Marcolina: Ah! furbacchiottaveh! t'ho capio.
Fortunata: Se no fussimo avanzai come che semono me torave stalibertà.
Marcolina: Viaviano xè sottoscritto el contrattoma i xè promessiin parola; la lo fazza vegnirche la xè patrona.
Fortunata: Lo chiamerò; intanto la fazza vegnir la putta.
Marcolina: La farò vegnir. Ma me par che voggia la convenienzache elparla prima con mi.
Fortunata: Sìsìla gh'ha rason; dasseno la gh'ha rason. Adesso ghedigo a la donnache la lo chiama. (s'accosta alla scena)
Marcolina: No crederave mai che mio missier fasse qualche scena.Veramente la xè vegnua siora Fortunata più presto che no credeva. Bastasonmi in te l'impegnoe nassa quel che sa nasserla mia parola la gh'ha da valer.
Fortunata: La vederàse el xè un putto de sesto.
Marcolina: I sói coss'àli ditto?
Fortunata: Oh! contentissimi. I xè fora de lori dalla contentezza.
Marcolina: Quando gh'àli intenzion de voler dar la man?
Fortunata: Oh! credo mo che i gh'abbia gustoche quel che s'ha da farel se fazza presto.
Marcolina: Per mipiù presto che i fai me fa più servizio.
Fortunata: Vèlo quavèlo qua. Cossa dìsela?
Marcolina: Pulitodassenoel me piase.
Fortunata: Che el resta servidosior Meneghetto.

 

SCENA NONA

Meneghetto e dette.

Meneghetto: Patrone mie riverite.
Marcolina: Serva umilissima.
Fortunata: Védelasior zerman? Questa xè siora Marcolinamare desiora Zanettache sarà la so sposa.
Meneghetto: Confesso non esser degno de sta fortuna. Son pien de debitocon siora zermanache s'ha compiasso de procurarme sto onor; e poderòchiamarme felicese arriverò a meritarme el so benigno compatimento.
Marcolina: Veramente la fortuna xè mia d'aver un zenero cussì cortesee sarà fortunada mia fia d'aver un sposo cussì gentil e compito.
Meneghetto: La prego. (vuol prender la mano di Marcolina perbaciargliela)
Marcolina: Cossa fála?
Meneghetto: La supplico. (come sopra)
Marcolina: Non la s'incomoda.
Meneghetto: La permetta un atto del mio rispettoe la se degna deaccettarme no solamente per zeneroma per fio.
Marcolina: (Propriamente el me intenerisce).
Fortunata: Séntelasiora Marcolina? Cossa gh'òggio dito?
Marcolina: Certo el xè pien de spirito e de bona grazia.
Meneghetto: La prego de no confonderme con troppa bontà.
Marcolina: Me despiase che mia fia.. se volemogh'ha del talentoma nola xè gnancora... come sorave a dirdesmissiada.
Meneghetto: Ehla xè zoveneavezza a star retirada; le idee xè ancoraconfuse; col tempo le se svilupperà.
Fortunata: Oh sìla gh'averà un bon maestro; la se farà.
Marcolina: La senta. Bona la xè certo. Per bona ghe la dago e ghe lamantegno.
Meneghetto: Co la xè bonade più no saverave desiderar. Cossa ghe xède meggio a sto mondo della bontàdella pasedella bona armonia?
Marcolina: (Oh! siestu benedetto. Parlo quell'alocco de mio mario?).
Fortunata: Mo viasiora Marcolina la ne fazza sta graziala lassa chereverimo siora Zanetta.
Marcolina: Zanettavien de quafia mia.

 

SCENA DECIMA

Zanetta e dettipoi Pellegrin.

Zanetta: Cossa comàndela?
Fortunata: Patronasiora Zanetta.
Zanetta: Patrona.
Fortunata: (Ah! cossa ve par?). (A Meneghetto)
Meneghetto: (Più bella ancora darente che da lontan). (A Fortunata)
Marcolina: (Cossa distu? Te piàselo?). (A Zanetta)
Zanetta: (Eh! nol me despiase). (A Marcolina)
Marcolina: (Eh sì; so che ti l'ha visto de l'altre volte). (A Zanetta)
Zanetta: (Mi! quando?). (A Marcolina)
Marcolina: (Sìsìcarettano parlemo altro). (A Zanetta)
Fortunata: (Viadiseghe qualcossa). (A Meneghetto)
Meneghetto: Perméttela che abbia l'onor de umiliarghe la mia servitù? (AZanetta)
Zanetta: Patron riverito.
Meneghetto: E poperméttela che possa congratularme con mi medesimodell'acquisto che son per farde una sposa piena de tanto merito e de tantabontà? Che possa assicurarla della mia stimadel mio amor e del mio rispetto?
Zanetta: Conosso la mia ignoranzae me vergogno a no saver respondercome voria. Mi no posso dir altrose no che la ringrazio de la so bontà; chela prego de compatirmee che farò de tutto per meritarme el so compatimento eel so amor. (A Meneghetto)
Fortunata: (Viaviano la s'ha portà tanto mal). (A Meneghetto)
Meneghetto: (Siora sìse ghe vede una veritàun'innocenza; la gh'haun non so cheche me penetrache me pol).
Marcolina: Oh! vegnì quasior Pellegrin.
Pellegrin: Chi èlo sto sior?
Marcolina: El novizzo de vostra fia.
Pellegrin: (Oh poveretto mi!).
Meneghetto: El pare della mia sposa? (A Fortunata)
Fortunata: Sior sìgiusto elo el xè.
Meneghetto: La permetta che abbia l'onor...
Pellegrin: Graziegraziepatron. (Sentì una parola). (A Marcolina)
Meneghetto: (Cussì el me riceve? Mi no capisso gnente).
Marcolina: Cossa gh'è? (Agitataa Pellegrin)
Pellegrin: (Mio pare no vol; el la vol maridar elo; el dise che el l'hapromessael criael strepita; se el sase el vien de quapoveretti nu!). (AMarcolina)
Marcolina: (Zittoche no i sappia gnenteper amor del Cielo).
Fortunata: Coss'è? Ghe xè qualcossa da novo? (A Marcolina)
Marcolina: Eh! gnentegnente. Anderà tutto ben.
Fortunata: Via doncasior Pellegrinza che el xè quache el dagaparola anca elo a sior Meneghetto de darghe so fiae de darghe sie mile ducatide dotacome semo restai d'accordo.
Pellegrin: Mi no so gnente.
Marcolina: Come! no savè gnente? (A Pellegrin)
Pellegrin: No so gnentee no ghe ne vòi saver gnente.
Fortunata: Siora Marcolinacossa xè sto negozio?
Marcolina: Mi ho dà la parolae mi la mantegnirò.

 

SCENA UNDICESIMA

Gregorio e detti.

Gregorio: Sior patronsiora patronael patron vecchioxè in tutte le furie. El voleva vegnir de qua. El correvael xè cascàels'ha fatto mal a una man. Son corso per agiutarloe el m'ha dà una spentacheel m'ha tratto da qua a là. No so cossa el gh’abbia: mi ho paura che eldeventa matto.
Marcolina: (Prestoandè de làvardètegniloche nol vegna de qua afar strepitiche nascerà un precipizio). (A Pellegrin)
Pellegrin: (Vedeusiora? No ve l'òggio ditto?). (A Marcolina)
Marcolina: (Causa vuche no gh'avè spiritoche no gh'avè condottache gh'avè paura a parlar).
Pellegrin: (Sì! causa mi! Magneme ancorache gh'avè rason. Andemovegnì via con mi). (A Gregorioe partono)
Fortunata: Andemosior Meneghetto.
Marcolina: No so cossa dirson cussì mortificadache no gh’ho fiàda parlar.
Fortunata: La compatissa; la sa cossa che gh’ho dito. Avanti deimpegnarsese varda come che se se impegna.
Marcolina: Siora sìquel che ho promessoson donna capace demantegnirghelo.
Fortunata: Chiaccole senza fondamento; andemo via de quasior zerman.
Marcolina: Se i vol andarmi no i posso tegnir. Ma questo xè unaffronto che la me fa.
Fortunata: L'affronto l'avemo recevesto nu. Patrona.
Meneghetto: Me despiase in te l'anema un contratempo de sta natura.Attribuisso tutto a la mia sfortuna. Bisogna che el Cielo no l’abbia destinadaper mi. Pazienzia: ghe son umilissimo Servitor.
Marcolina: Patron. (Sostenuta)
Meneghetto: Siora Zanettaprego el Cielo che ghe daga maggior fortuna.
Zanetta: Oh! caro siormi son una povera desfortunada. (piangendo)
Fortunata: Andemoandemo. (A Meneghetto)
Meneghetto: Oh Dio! la pianze. (A Fortunata)
Fortunata: Me despiasema no so cossa farghe.
Meneghetto: Cara signorala supplico de perdon. Da cossa mai xè nateste novità? Ghe xè obietti contra la mia persona? Xè tolta de mira la miafameggia? Crédeli che el mio stato e la mia condizion me fazza esser indegno deimparentarme con lori?
Marcolina: Nissuna de ste cossesignor. Mio mario e mi semo persuasi deelode la so casade la so condizione sora tutto de la so proprietà e de laso bona maniera. Ma el satiro de mio missierambizioso de voler comandar...
Fortunata: Mi l'ho previstasiora Marcolina; e la sa che ghe l'ho ditoe ghe l'ho replicàe ela ha abuo da dir...
Marcolina: Siora sìmi son la strambami ho fatto el male gh'hotorto mi.
Zanetta: E mipoverazzatorrò de mezzo. (piangendo)
Meneghetto: Mo viapussibile che no ghe sia rimedio? Tutte le cosse asto mondo le gh’ha qualche difficoltà. Par che no se possa conseguir una bonafortuna senza l'accompagnamento de qualche spasemode qualche travaggio.Specialmente in tei matrimoni ghe xè sempre qualche desturboe po le cosse segiusta; e quel pochetto de amaro che s’ha soffertofa parer più dolce laconsolazion delle nozze.
Fortunata: (Mo va làfio mioche ti gh'ha un discorso che t'innamori).
Marcolina: Che i me daga tempoe i vederà se son capace de dirde fare de mantegnir.
Meneghetto: Tempo; la dise benissimotolemo tempo. Mi no gh'ho stapressa de maridarme. M’ho determinà a farlopiù per condessender ai migenitoriche per propria mia volontà. Adesso che ho abù la fortuna decognosser sta puttame par che el cuor me stimola a farlo; e se dovesseaspettare patire sfadigar per averlame par che sia tutto ben impiegàperel merito de un tal acquisto.
Marcolina: Cossa diseuZanetta?
Zanetta: No so cossa dir. No posso far altro che raccomandarme al Cieloperché el me conceda sta grazia.
Fortunata: Zermanse vede ben che sè innamorà.
Meneghetto: Ghe par che sia innamorà? Co la lo dise elasarà cussì.Mi in verità no so dirloperché non ho mai fatto l'amor. Subito che ho pensàa maridarmeho desiderà d'esser capace de voler ben; sta signora me dà in telgenioe me par chese la fusse miaghe vorave ben. Vedo che la me compatisseche la me varda con qualche bontàche la se rammarica per causa mia; e no lavol che corrisponda al bon cuor... no la vol che spera dal tempo la nostraquietela nostra consolazion? Me raccomando alla prudenza della madremeraccomando alla bontà della fiadependerò dai so ordenidai so comandi e gheson umilissimo Servitor. (parte)
Fortunata: Cossa diselasiora Marcolina?
Marcolina: Digo cussìche se credesse de restar in camisavoggio certoe seguro che el sia mario de mia fia.
Fortunata: El Cielo ghe conceda la grazia. De sti puttifia miaghe nexè pochetti. La senta: la gh'ha rason che el xè mio zermanda restosonvedoa... e per diana de diano me lo lascerave scampar. (parte)
Zanetta: Séntelasiora mare?
Marcolina: Andèandèfiae raccomandeve de cuor.
Zanetta: Oh! son tanto desfortunadache ho paura che nol me tocca. (parte)
Marcolina: Sìse el Cielo vorràel sarà tooe el Ciel l'ha davolerperché el Cielo vol le cosse giustee xè giusto che a una bona puttaghe abbia da toccar la grazia de un bon mario.

SCENA PRIMA

Camera di Todero. Toderopoi Gregorio.

Todero: Oh! che cara spuzzetta! Prometter la fia senzadirmelo a mi? Senza voler dipender da mi? Chi sóngio mi? El cuogo? Elsguattero? El facchin de casa? Ghe farò véder chi son. Adesso son in impegnode farghela véderse m'andasse la casa. Oegh'è nissun de là? (chiama)
Gregorio: Cossa comàndela?
Todero: Andè a chiamar Nicoletto.
Gregorio: La servo.
Todero: Chi ghe xè in cusina?
Gregorio: El patron.
Todero: El patron? Chi èlo el patron?
Gregorio: Ho falà; voleva dir el fio del patron.
Todero: Cossa fallo Pellegrin in cusina?
Gregorio: El xè sentà al fogoel se scaldae el suppia.
Todero: Sìnol xè bon da far altro che da suppiar. Anemoviaandemea chiamar Nicoletto.
Gregorio: La servo subito. (parte)
Todero: Gran desgrazia aver un fio bon da gnente! Eh! n'importan'importa. Xè meggio cussì. Xè meggio che nol sappia gnentepiuttosto che elsappia troppo. Cussì comando mison patron mie lu e so muggier i ha dadipender da mi; e mia nezza la voggio maridar mi. Cossa falo costù che nolvien? Vèlo qua. Vòi che el la sposa avanti che quella spuzzetta arriva gnancaa saver con chi ho destinà de sposarla.

 

SCENA SECONDA

Nicoletto e detto.

Nicoletto:(Gh'ho una paura co vegno a parlar co stovecchioche me trema le buele in corpo).
Todero: Viavegnì avanti. Cossa feu là incantà?
Nicoletto:Son qua. Cossa comàndela?
Todero: Aveu fenìo de copiar le lettere?
Nicoletto:Debotto.
Todero: Debottodebotto! No la fenì mai.
Nicoletto:Fazzo quel che posso. (tremando)
Todero: (Se vede che el gh'ha tema de mi).
Nicoletto:(Cossa che anderave via volentiera!). (scostandosi un poco)
Todero: Vegnì qua.
Nicoletto:Son qua. (si accosta)
Todero: Che mestier gh'averessi intenzion de far?
Nicoletto:Cossa vorlo che diga? Mi no saveria cossa dir.
Todero: Ve piase star in mezzà?
Nicoletto:Sior sì.
Todero: Staressi volentiera con mi?
Nicoletto:Sior sì.
Todero: Scrivereu? Lavorereu? Imparereu?
Nicoletto:Sior sì.
Todero: Sior sìsior sì; no savè dir altro che sior sì. (consdegno)
Nicoletto:(si ritira con timore).
Todero: Vegnì qua. (dolcemente)
Nicoletto:(si accosta con timore).
Todero: Ve voleu maridar?
Nicoletto:(fa segno di vergognarsi).
Todero: Viarespondè. Ve voleu maridar?
Nicoletto:Ohi cossa che el dise! Mi maridarme? (come sopra)
Todero: Sior sì; se volè maridarvemi ve mariderò.
Nicoletto:(vergognandosi fa dei risetti).
Todero: Anemorespondème: sìo no?
Nicoletto:(ride più fortestorcendosi).
Todero: Voleuo no voleu?
Nicoletto:Se el disesse dasseno!
Todero: Sior sìdigo dasseno; e se volève mariderò.
Nicoletto:Per cossa me vorlo maridar?
Todero: Per cossaper cossa? Co digo de maridarveno avè da cercar percossa.
Nicoletto:Sàlo gnente sior pare?
Todero: El sae nol sa; e co vel digo mison paron mie chi magna elmio panha da far quel che voggio mi.
Nicoletto:Oh bella! el me vol maridar!
Todero: Sior sì.
Nicoletto:Quando?
Todero: Presto.
Nicoletto:El diga. Chi me vorlo dar?
Todero: Una putta.
Nicoletto:Bela?
Todero: O bela o bruttala torrè come la sarà.
Nicoletto:(Ohi se la xè bruttami no la voggio).
Todero: Cossa diseu? (con sdegno)
Nicoletto:Gnente. (con timore)
Todero: Co saverè chi la xègh'averè da caro.
Nicoletto:La cognóssio?
Todero: Sior sì.
Nicoletto:Chi xèla?
Todero: No ve voggio dir gnente; e vardè ben: de quel che v'ho ditonoparlè co nissunche se parlèpoveretto vu.
Nicoletto:Oh! mi no digo gnente a nissun.

 

SCENA TERZA

Cecilia e detti

Cecilia: Sior patron.
Todero: Cossa gh'è? Coss'è stà? Cossa voleu? Cossa me vegniu a seccar?
Cecilia: Viavianol vaga in collera. Manco mal che in te la so cameraghe vegno manco che posso.
Todero: Faressi meggio a filar.
Cecilia: Ho filà fin adesso.
Todero: Ve pésela la roccache no la podè portar da una cameraall'altra?
Cecilia: Me par mo anca de far...
Todero: Manco chiaccole. Cossa seu vegnua a far in sta camera?
Cecilia: Son vegnua a dirghe da parte de so siora niora...
Todero: (Manco mal che no l'ha dito della patrona)
Cecilia: Che se el se contentala vorave venirghe a dir do parole.
Todero: Diseghe che adesso no possoche gh’ho da far.
Cecilia: Do parole sole...
Todero: No possove digoandè via de qua.
Cecilia: Benbennol vaga in collera; ghe dirò che nol pol. (inatto di partire)
Nicoletto:(Oe: v'ho da parlar). (piano a Cecilia)
Cecilia: (Se vederemo). (a Nicolettoe parte)
Todero: Dove xè vostro padre?
Nicoletto:El giera in mezzà che el scriveva.
Todero: Aspettème qua fin che torno.
Nicoletto:Staralo un pezzo?
Todero: Starò fin che vorrò mi. Aspettemee no ve partì. (Vôi tornara parlar con so padre. Vòi concludervòi stabilirvoggio destrigarme. Mianiora me vol parlar? Sior sìm'imagino cossa ch’éla me vol dir. Chel'aspetta che marida so fiae po che la me parla quanto che la vol). (parte)

 

SCENA QUARTA

Nicolettopoi Cecilia

Nicoletto:Oh bella! el me vol maridar. La xè bencuriosa! mi ho paura ancora che el me burla. Magari che el disesse da senno.Sangue de dianase me maridoho da saltar tant'alto dall'allegrezza.
Cecilia: Nicoletto. (sulla porta)
Nicoletto:OeCeciliasenti.
Cecilia: Gh'è pericolo che el vegna?
Nicoletto:El xè andà in mezzà da mio pare.
Cecilia: Se el me trova quapoveretta mi.
Nicoletto:Eh! col va in mezzàel ghe sta un pezzo.
Cecilia: Cossa me volevi dir?
Nicoletto:Voleu che ve ne conta una bela?
Cecilia: Via mocontèmela.
Nicoletto:Ma vardè benvedèno disè gnente a nissun.
Cecilia: Oh! mi no parlo.
Nicoletto:Indovinè mo! Sior Todero el me vol maridar.
Cecilia: El ve vol maridar? (con ammirazione)
Nicoletto:Sìanca per diana che el me vol maridar.
Cecilia: Eh! viache el ve burla.
Nicoletto: Nol burla gnentenol burla. El me l'ha ditoel l'haconfermàel me l'ha torná a dir. Anzi mi no voleva credere el m'ha finacriàperché no credeva.
Cecilia: Mome contè ben una cossa granda!
Nicoletto:Ah! cossa diseu? Pareroggio bon co sarò maridà?
Cecilia: Sàlo gnente vostro sior pare?
Nicoletto: Sior Todero m'ha dito de sìche el lo sa.
Cecilia: E chi gh'àlo intenzion de darve?
Nicoletto: No so; nol me l'ha volesto dir.
Cecilia: Ve maridereu volentiera? (mortificata)
Nicoletto:De diana! mi sìno vedo l'ora.
Cecilia: No savè chi sia la novizzae no vedè l'ora de maridarve?
Nicoletto: El m'ha dito che la cognossoche co saverò chi la xègh'averò da caro.
Cecilia: Vu no andè in casa de nissun; donne in sta casa no ghe ne vien.Col dise che la cognossèparerave che la novizza avesse da esser in casa.
Nicoletto: Che la fusse siora Zanetta?
Cecilia: Uhche diavolo de bestialità! Figurarse se a vu el ve dariauna so nezza!
Nicoletto: OeCeciliaghe sarave pericolo che fussi vu?
Cecilia: E se fusse mive despiaserave?
Nicoletto: Magari. Oh magarioh magari!
Cecilia: Sentì! no stè a far fondamento delle mie parolema sepoderave anca dar. El paron xè cussì de quel temperamento che sempre elbrontolache sempre el cria; ma mi so che nol me vede mal volentiera. Qualchevolta el m'ha dito che son una donnetta de garbo. Xè quattro mesi che nol medà el salarioe ogni volta che ghe lo domandoel me dise: lassa che te losuna; lassalassache te vòi maridar.
Nicoletto: Cussì el ve dise?
Cecilia: Sì anca varenta i mi occhiche el me l'ha dito.
Nicoletto: "Lassalassache te vôi maridar"?
Cecilia: Lassalassa che te vòi maridar.
Nicoletto: Mo la sarave ben bela!
Cecilia: Gh'averessi gustoNicoletto?
Nicoletto: Mi sìper diana. E vu gh'averessi gusto?
Cecilia: Oh! se savessi quanto ben che ve voggio!
Nicoletto: Varèvedèper cossa no me l'aveu mai dito?
Cecilia: Perché son una putta da bene le putte no le ha da parlar deste cosseco no le gh'ha speranza de maridarse.
Nicoletto: Adesso mo gh'averè speranza de maridarve.
Cecilia: Mi sìvedè: se ho da dirve la veritàgh'ho tanta fede chel'abbia da esser cussì.
Nicoletto: Ohche cara Cecilia!
Cecilia: Cossa diseu? Oh! chi l'avesse mai dito?
Nicoletto: Ohche cara muggier! (le vuol toccare una mano)
Cecilia: Viasior sporcotegnì le man a casa.
Nicoletto: Ohse sè cattivami no ve voggio.
Cecilia: Co sarà el so tempono sarò cattiva.
Nicoletto: Vien zente.
Cecilia: Oh poveretta mi!
Nicoletto: Eh! xè Gregorio.
Cecilia: ZittoZitto.
Nicoletto: Mucchimucchi.

 

SCENA QUINTA

Gregorio e detti.

Gregorio: Nicolettoandè da basso in mezzàche elparon ve chiama.
Nicoletto: Vagovago.
Cecilia: Oesentì: caro vuno ghe disè gnente al paron che m'avètrovà qua. (a Gregorio)
Gregorio: Eh! no abiè paurano parlo. Fazzo coi altri quel che mepiaserave che fusse fatto con mi. (parte)
Nicoletto: Vago a sentir cossa che i me dise.
Cecilia: Sìfioandè. Pol esser che sappiè qualcossa de più. Vardèbennon me menzonè: se i ve parla de mimostrè de vegnir da la villae cosavè qualcossaaviseme.
Nicoletto: Sì benve conterò tutto. Sangue de dianasangue de dianasangue de diana. (parte saltando)
Cecilia: I fa ben a maridarlo a bonora. I puttico no i se maridaichiappa delle pratichee i se desvia. Siestu benedetto: adesso el xè uncolombin. Me toccheràlo a mi? Oh! mi gh'ho bona speranzaseguro. El cuor medise de sìe col cuor me dise una cossanol fala mai. (parte)

 

SCENA SESTA

Camera di Marcolina. Marcolina e Pellegrin.

Marcolina: Sentìel la pol slongar vostro pare; mascapolarla no certo. L'ànemo mio ghe lo voggio dir. Gnanca ascoltarme nol vol?Cossa sóngio mi? Una villana? Una massera? Cussì el me tratta? Co stainsolenza? Co sto disprezzo? E vu gh'avè tanto cuor de véder strapazzadavostra muggier?
Pellegrin: Me dava de maraveggiache no gh'avesse da intrar anca mi.
Marcolina: Cussì no gh'intressi; cussì no ghe fussi. Cussì nov'avéssio mai vistoné cognossù.
Pellegrin: M'avesselo negà mio parepiuttosto che maridarme.
Marcolina: Mimi son stada negada.
Pellegrin: E mi certo ho bu una gran fortuna a sposarve.
Marcolina: De mide cossa ve podeu lamentar?
Pellegrin: De gnente.
Marcolina: De gnentecerto de gnente; e se disessi all'incontrariosaressi un ingratoun busiaroun omo de cattivo cuor. Che disturbi v'òggiodàin tanti anni che son vostra muggier? M'oggio mai lamentà de la vitamiserabile che ho dovesto far? Òggio mai preteso gnente de più del puronecessario per mantegnirse? Vostro pare coss'àlo speso per mi? Che abiti m'àlofatto? Quela povera putta gh'àla altro intornoche delle strazzette che gh'hodà mi? Sóngio una de quelle che ghe piasa i bagordii devertimenti? Vaghiomai fora della porta? Gh'òggio visite in casa? Gh'òggio conversazion? Sóngiognanca patrona de bever un caffèse me ne vien voggia? E pur ho sempresoportàe soportoe no digo gnente. Perché soportio? Perché son una donnadiscretaperché son una donna d'onor. Vedo anca mi che quel benedetto vecchioxè d'un natural che bisogna soffrirchi no vol che nassa dei criminali. Ma chenol me tocca la mia creatura. Soffrirò tutto; ma no soffrirò mai che el me lamarida a so modosenza gnanca che sappia chi el ghe vol dar. La xè le mieviscere. No gh'ho altro ben a sto mondono gh'ho altra consolazion che quellecare raìse; e co penso che i me la vol torco penso che i me la pol negarchei me la pol sassinarme sento proprio che me schioppa el cuor. (piange)
Pellegrin: Viacara muggierno pianzèno ve desperè. Pol esser chesior pare la voggia maridar ben. No savemo gnancora a chi el gh'abia intenzionde volerla dar. Cara fiaquieteve. (si asciuga gli occhi)
Marcolina: Eh! caro marìovostro pare savè chi el xè. Co se trattassede sparagnarho paura che nol varderia de precipitarla.
Pellegrin: Gnancora no se pol dir cussì. Aspettemosentimo cossa che eldise. Sentimo chi el ghe vol dar.
Marcolina: Sentì: meggio de sior Meneghettono certo. Se lo cerchemo cola candelettano ghe trovemo un marìo compagno. Un putto civilche gh'ha delsooche sta ben; fio solozovenede bona graziache sache intendechegh'ha giudiziodove diavolo lo voleu trovar?
Pellegrin: Xèlo solo al mondo? No ghe vol esser dei altri?
Marcolina: Ma pussibile che no se possa gnancora arrivar a saver chi siacolù che vostro pare s'ha cazzà in testa de volerghe dar?
Pellegrin: Un zorno el se saverà.
Marcolina: Sior sìtiremo avanti cussì e intanto se perderàl'occasion. Sentisior Pellegrinmi ve parlo schietto. Se savè in che impegnoche son. Ho dà parolae el mio decoro voria che la mantegnisse; ma son unadonna tanto discretae ho da far con zente tanto pulitache se la mia putta norestasse pregiudicadaper scansar i strepitii sussuri e le disunionvoraveanca inzegnarme de remediarghe e de cavarme con reputazion.
Pellegrin: Sìsieu benedetta. Sè sempre stada una donna de garboe insta occasion son seguro che opererè da par vostro. Cara muggierse me volèben...
Marcolina: Se no ve volesse benno averave sofferto quel che hosofferto.
Pellegrin: Lo vedolo cognosso anca mi. Un zorno respireremonov'indubitè. Mio pare xè vecchio assae.
Marcolina: Eh! vostro parefio caroel gh'ha intenzion de sepellirnequanti che semo.
Pellegrin: No so cossa dir: che el vivafina che el cielo vol.
Marcolina: Che el viva pur: mi no ghe auguro la morte; ma vorave che elpensasse che ghe semo anca nu a sto mondo. Che el xè patron; ma che per questono l'ha da tiranneggiar. Vorave che el pensasse che sè so fio; che se el gh'habisogno de agiutono l'ha da servirse dei stranie lassarve vu in t'un canton;e che se el gh'ha voggia de far del benel primo ben el l'ha da far al sosangue.
Pellegrin: Vu parlè da quella donna che sè. Chi sa? Pol esser che sescambia le cosse. Usémoghe sto rispetto. Mostrémoghe ubbidienza in questo.
Marcolina: In cossa?
Pellegrin: Lassemo che el la marida elo sta putta.
Marcolina: Se el la mariderà benvolentiera. Se noghe salterò aiocchi co fa un basilisco. Butterò sottosora Venezia; o che el creperà elooche creparò mi.
Pellegrin: Mo viaMarcolinano ve stè a irrabiar.

 

SCENA SETTIMA

Cecilia e detti.

Cecilia: Sior Pellegrinla vaga in mezzà da bassocheel patron la chiama.
Pellegrin: Vago. (Chi sa che nol me diga qualcossa?). (a Marcolina)
Marcolina: Sentì se el ve parla; e se noparleghe vu. Andè co le boneprocurè de cavarghe de bocca chi xè sto partio che el gh'ha per le man.
Pellegrin: Sì ben: farò el pussibile de saver. (Chi sa? Mi gh'hosperanza che tutto abia d'andar ben). (parte)

 

SCENA OTTAVA

Marcolina e Cecilia

Marcolina: Disèsaveu dove che staga de casa sioraFortunata?
Cecilia: Siora sìla sta qua su la riva del Vin.
Marcolina: Metteve su la vesta e el zendàandè da siora Fortunatareverila da arte miadiseghe che me premeria subito de parlarghe. Diseghe se lapol favorir da mise no che anderò mi da ela.
Cecilia: Siora sìsubito. La digasiora patronaghe vorave confidaruna cossa.
Marcolina: Su che particolar?
Cecilia: Su un particolar mio de mi.
Marcolina: (Vardava se la saveva qualcossa sul proposito de mia fia).Viadestrighèveche me preme che andè a far sto servizio.
Cecilia: Ma la prego de no dir gnente a nissun.
Marcolina: Che bisogno ghe xè? Co no s'ha da parlar mi no parlerò.
Cecilia: La senta: el paron vecchio el vol maridar Nicoletto.
Marcolina: El vol maridar Nicoletto? Come l'aveu savesto?
Cecilia: Ghe dirò tutto; ma cara elano la diga gnente a nissun.
Marcolina: Mo viacossa serve? Disèmecome l'aveu savesto?
Cecilia: No vorave che qualchedun me sentisse. (va a guardare)
Marcolina: (Poveretta mi! che a quel vecchio ghe fusse vegnù in testa labestialità de darghe mia fia?).
Cecilia: La senta. Nicoletto me l'ha confidà elo.
Marcolina: Elo ve l'ha confidà? Cossa v'àlo dito?
Cecilia: Eh! m'ha dito cussì che sior Todero lo vol maridar.
Marcolina: E chi gh'àlo intenzion de volerghe dar?
Cecilia: Se no l'andasse in collerami ghe lo diria.
Marcolina: In collera? Ho d'andar in collera? Gh'entrio mi in stonegozioche ho d'andar in collera?
Cecilia: Se volemola ghe pol intrare no la ghe pol intrar.
Marcolina: (Me vien un freddo dalle ongie dei pì fin alle raìse deicavei).
Cecilia: La senta. Pol esser ancora che fala; ma da quel che m'ha ditoNicolettoe da quel che mi posso congetturarcredo certo de no m'ingannar.
Marcolina: E cussìse pol saver chi la sia?
Cecilia: Se gh'ho da dir la veritàgh'ho pensier d'esser mi.
Marcolina: Vu?
Cecilia: Siora sìmi.
Marcolina: (OimeiMe xè tornà el fià in corpo).
Cecilia: Ghe lo confidoperché so che la me vol bene la gh'averà dacaro che anca mi sia logada.
Marcolina: Ma disemecara vucon che fondamento vorlo mio missiermaridar sto putto?
Cecilia: Mi no so poi ghe penserà lori; so che lo sa anca siorDesiderio.
Marcolina: E quella volpe vecchia de sior Desiderioche in materia delso interesse xè fursi pezo de mio missierche pretende de esser nostroparenteche disna a tola con mise contenterà che so fio sposa una camerierache no gh'ha dotache no gh'ha gnente a sto mondo?
Cecilia: Cara elase no gh'ho dotagh'ho dell'abilitàe anca mi gh'hodei parenti che xè civili al pari de sior Desiderioe anca qualcossetta depiù.
Marcolina: Ma lo saveu de certo che i voggia maridar Nicolettoe che vusiè quella che i ghe vol dar? Cossa v'àlo ditto? Come v'àlo parlà?
Cecilia: Ghe diròco xè andà da basso el paronel m'ha chiamàNicolettoe el dise... No savèel disesior Todero me vol maridar. Digo mi:dasseno? Sìdassenoel dise. Digo midigo: chi ve vorlo dar? El dise: no soel dise. El m’ha dito che la cognossoche col saverògh'averò da caro. Ohdigovu no conossè nissunbisogna che la novizza sia in casa. El dise...bisognael dise. Digo midigo: se fusse mi quela? Magariel dise. Oeelgh'ha un gusto mattoe anca mi in verità son contenta.
Marcolina: E no gh'avè altro fondamento che questo?
Cecilia: Oh! la sentala senta. Sàla quante volte che el paron m'hadito che el me vol maridar?
Marcolina: V'àlo mai parlà de Nicoletto?
Cecilia: Oh giusto! no sala che omo che el xè? El xè capace dechiamarme dal dito al fattoe dirme: sposeloche vòi che ti lo sposi. Oeseel me lo diràe mi lo sposerò.
Marcolina: Benbenho inteso.
Cecilia: Ghe despiase che me marida?
Marcolina: Andèandèdove che v'ho dito.
Cecilia: De diana! mi son vegnua a parlarghe col cuor averto...
Marcolina: Andève digoandè subitoche me preme.
Cecilia: (Mo che rustegona! Ohla xè pezo de so missier. Ghe zogo miche la gh'ha invidiaperché no se marida so fia). (parte)

 

SCENA NONA

Marcolinasola

Ohno ghe vedo chiaro in sto negozio! Cecilia xè un pezzoche la gh’ha voggia de maridarsee la se va taccando su i specchi. Da quelche la m'ha ditobisogna che i abbia parlà de maridar Nicoletto; ma no gh'ènissuna rason de creder che i ghe voggia dar una serva. Ghe scommetterave latestache quel vecchio matto de mio missier ha dà volta al cervelo a stosegnode immaginarse de poderghe dar la mia putta; e quel temerario deDesiderio xè capacissimo de darghe sottoe de stuzzegarlo a costo delprecipizio de sta fameggia. Mai me xè passà per mente tal cossa: averia pensàa tutte le cosse del mondofora che a questa; ma el descorso de Cecilia me fasospettare el mio sospetto no xè senza rason. El dise che el l'ha impromessae no l'ardisse de dir con chi. Vedo la confidenza che el gh'ha co sta zente; soche l'è superboma che la superbia ghe passaquando che se trattadell'avarizia. So che l'è capace de tuttoe no sarave una maraveggia che elfusse anca capace de strapazzar el so sanguee de sassinar una nezza. Ma nonola gh'anderà fatta. Fin che sti occhi xè avertisto gusto nol lo gh'averà.Finalmente son maresulla mia creatura gh'ho rason de parlar anca mie se lalegge no vol che sia patrona la mare de maridar a so modo una fianissuna leggepol obbligar una mare a lassarla sacrificar.

 

SCENA DECIMA

Pellegrin e detta.

Pellegrin: (Son stordio; no so in che mondo che sia).
Marcolina: E cussìsior Pellegringh'avemio gnente da novo?
Pellegrin: Gnente. (Se ghe lo digola va in bestia contra de mi).
Marcolina: Aveu parlà co vostro sior pare?
Pellegrin: Siora sìgh'ho parlà.
Marcolina: Cossa volévelo?
Pellegrin: Gnente... cussì ... el m'ha domandà... se sè in collera;cossa che ghe volevi dir ...
Marcolina: Poverazzo! vu sè el più bon omo del mondo. Se vede che lebusie no le savè dir. V'àlo parlà della putta?
Pellegrin: Sì ben; el m'ha anca parlà della putta.
Marcolina: V'àlo dito che el la vol maridar?
Pellegrin: El m'ha dito che el la vol maridar.
Marcolina: Mo viano ve fe tirar le parole fora de bocca. Cossa v'àlodito?
Pellegrin: Cussìche el la vol maridar.
Marcolina: V'àlo dito chi el ghe vol dar?
Pellegrin: Nonol me l'ha dito.
Marcolina: Eh! sìche el ve l'averà dito.
Pellegrin: Nove digonol me l'ha volesto dir.
Marcolina: Zurèlo moche nol ve l'ha dito.
Pellegrin: Cossa serve che zura? Co ve digo che nol me l'ha dito!
Marcolina: Vedeu? Sè un busiaro.
Pellegrin: Perché mo songio un busiaro?
Marcolina: Perché mi so che el ve l'ha dito.
Pellegrin: Come lo podeu saver? Giera la porta serada. S'ha parlà infiàco no gh'avè el foletto che ve lo diga no podè saver.
Marcolina: Sior sìgh'ho el mio folettoe el foletto m'ha dito tutto.
Pellegrin: Eh! viabuttè a monte sti puttelezzi.
Marcolina: Anca sì che ve so dir el con e el ron de tutto quel che avèdito e che avè parlà?
Pellegrin: Mo dirave ben che gh'avè el foletto dasseno!
Marcolina: Se ve dirò quel che sosareu capace de negarme la verità?
Pellegrin: No: se sentirò che andè a segnove prometto de dirve tutto.
Marcolina: Ve impegneu da galantomoda omo d'onor?
Pellegrin: Da galantomoda omo d'onor.
Marcolina: El novizzo che ha destinà a mia fia sior missierxè eldegnissimo sior Nicoletto.
Pellegrin: Come diavolo l'aveu savesto? (maravigliandosi)
Marcolina: (Ah pur troppo l'ho indovinada!).
Pellegrin: Cossa diseu de sta bella novità?
Marcolina: Disème prima vupatron: cossa aveu resposo a sta bellaproposizion?
Pellegrin: No so gnente. Se m'ha giazzà el sangueche no gh'aveva fiàda parlar.
Marcolina: Ma pur qualcossa averà bisogná che disè; i v'averà obligàa responder qualcossa.
Pellegrin: Figurarse; ghe giera là mio paresior Desiderioel putto:se diseva gnente gnentele giera cosse da precipitar.
Marcolina: Avè sempre tasesto donca?
Pellegrin: Credeu che no parlerò?
Marcolina: Parlerèn'è vero? Parlerè co no ghe sarà più tempo depoder parlar. Povera donna mi! Pussibile che abbia da nasser sto caso? Pussibileche su i mi occhi i me vegna a portar via la mia creatura? Nono i me laporterà via. Nocaninosassininotraditori; el mio sangue no me lolasserò strapazzar; le mie carne me le defenderò mi; me la defenderò mi lamia zoggia. Che i vegnase ghe basta l'anemoche i vegna a dirme de menarmelavia i troverà una viperaun basiliscoun'anema desperada. (agitatissima)
Pellegrin: Ma viamuggier. (accostandosi)
Marcolina: Lassème star.
Pellegrin: Muggierdigo.
Marcolina: Andè via de qua.
Pellegrin: Mo no me fe desperar.
Marcolina: Son più desperada de vu.
Pellegrin: Oh poveretto mi!
Marcolina: Oh Cieloagiutème per carità!

 

SCENA UNDICESIMA

Fortunata e detti.

Fortunata: Coss'ècreature? Cossa xè stà?
Marcolina: Gnentefiagnente; la se senta. Deghe una carega. (a Pellegrin)
Pellegrin: Siora sìsubito. (porta una sedia a Fortunata)
Fortunata: Son quasiora Marcolinacossa me comàndela?
Marcolina: Cara elala perdona se l'ho incomodada.
Fortunata: Oh cossa disela? Gnente affatto. Vorave esser in caso depoderla servir.
Marcolina: Viasior Pellegrinse avè da farandèche sta signora vedà licenza.
Fortunata: Per miche el se comoda pur.
Pellegrin: (Ho intesono la me vol). Patrona. (a Fortunata)
Fortunata: Patron riverito. (a Pellegrin)
Pellegrin: (Mia muggier no me vol. Mio pare me magna i occhi; anderò aserrarme in soffitta). (parte)

 

SCENA DODICESIMA

Marcolina e Fortunata

Marcolina: Mi veramente l'aveva mandada a incomodar peruna razon; ma adesso ghe n'ho diese che me obbliga a pregarlaa sconzurarla deassistermede no me abbandonar.
Fortunata: Cara siora Marcolinason qua in quel che possocon tutto elcuor. Veramente giera andada un pochetto in collera; ma ho po pensà che ela noghe n'ha colpae quel putto m'ha tanto savesto dirche no so per lori cossache no farave.
Marcolina: Aveva giusto a caro de saver da elaco l'è andà via de quacossa che l'ha dito: se l'ha preteso de cavarse con civiltào se el gh'haveramente per la mia putta quella premura che el mostrava d'aver.
Fortunata: Ghe attesto e ghe protestoche un putto più schietto e piùsincier nol gh'ènol ghe xè stàe nol ghe sarà. No àla sentio? El xèpronto a soffrira aspettar...
Marcolina: El ponto stasiora Fortunatache più stemofaremo pezo.Ghe xè de le cosse per aria con quel mio missier... Se ghe disesse tuttola semeteria le man in ti cavei.
Fortunata: La diga: senza che buttemo via le parole tra ela e miche miza la sa che no posso concluder gnenteparleravela volentiera un'altra voltacol putto?
Marcolina: Magari che el Cielo volesse.
Fortunata: Se la volel xè poco lontan. Co xè vegnù la so servaelgiera a casa da mi. Curioso anca elogramoperché la sa... la zoventù... laghe piase... no l'ha mai fatto l'amor... el m'ha compagnà fin da bassoe elm'aspetta da quel da le acque. Gh'à1a balconi che varda in cale?
Marcolina: Siora sì; quel balcon che xè làvarda giusto sora quel dale acque.
Fortunata: Vorla che el chiama?
Marcolina: Sìsìl’a1 chiama.
Fortunata: La parlerà con elola ghe dirà a elo. Per mi? De diana! nocon una manma co cento. (corre alla finestra)
Marcolina: In tel caso che sonme par che me sia lecito de tentar tutto.Co no se intacca l'onor della casaco no se intacca la reputazion de la puttano me vergogno a umiliarme. No me vergogno a pregar. Chi sa che el cielo nom'assista. Che in grazia de quella innocenteel cielo no benedissa le mieintenzion.
Fortunata: El vien subito.
Marcolina: Graziesiora Fortunata.
Fortunata: Oh! mi po son de bon cuor.
Marcolina: Co parlola m'aggiuta anca ela.
Fortunata: No la s'indubita. La lassa far a mi.

 

SCENA TREDICESIMA

Meneghetto e dette.

Meneghetto: Perméttele?
Fortunata: La favorissa.
Marcolina: Servasior Meneghetto.
Meneghetto: Ghe fazzo umilissima riverenza. La perdonimi non averaveardìo de vegnirse no m'avesse dà coraggio siora zermana.
Marcolina: El pol esser seguro che da miin casa miael sarà semprevisto ben volentiera.
Meneghetto: Effetto della so bontà.
Fortunata: Poverazza! la xè tanto bonae la gh'ha sempre dei travaggiche la fa suspirar.
Marcolina: Ma! cossa vorla far? Semo a sto mondobisogna starghe.
Meneghetto: Me despiase a sentir che la gh'abbia delle cosse che ladesturba; ma chi gh'ha el cuor ben fattocome che la gh'ha elasente manco itravaggie se difende con più coraggio.
Marcolina: Eh! fio mio; son più debole de quel che el crede; e poquando doldole co se sente toccar sul vivoin verità el coraggio no basta.
Fortunata: Povera signora! la ghe contala ghe contala ghe diga tuttoa sior Meneghetto; el xè un galantomosàla?
Meneghetto: Vorria col sangue istesso poder esser de giovamento a unapersona che merita tutto el ben.
Marcolina: Caro sior Meneghettoza che la sorte ha fatto che possa averl'onor de parlargheel me permetta che ghe diga una cossa che me afflizecheme tormentaa la qual elo solovolendoel ghe poderia rimediar. Mio missieromo indiscretoirragionevolede cattivo cuorxè sempre più inviperio avoler disponer della mia puttae quel ch'è pezoa volerla precipitar. S'hapenetrà la so intenzions'ha savesto a chi el gh'ha in ànimo de volerla dar;e me vergogno a dirloe me bogie el sangue a pensarlo. La sentase se pol darun omo più canpiù perfidopiù incivil. Una putta de quella sorteunaputta cheno fazzo per dirla xè un fioruna puauna pasta de marzapanelgh'averave intenzion de darla a un fio de un nostro fattor.
Fortunata: Eh via!
Meneghetto: Pussibile sta cossa?
Marcolina: Cussì no fússela per mie per quella povera innocente chenon merita un affronto de sta natura.
Fortunata: Mo el xè ben un vecchio senza giudizio e senza reputazion.
Meneghetto: E cossa penseràvela de far in sto caso? (a Marcolina)
Marcolina: Caro sior Meneghettola prego de parlarme sinceramente: lamia putta ghe vàla a genio?
Meneghetto: Anzi gh'ho tutta la stima...
Marcolina: No parlemo de stimalassemo da una banda le cerimonie: ghepiàsela? Ghe par d'aver gnente d'amor?
Fortunata: No àlo dito che el ghe voi ben? (a Meneghetto)
Meneghetto: Quel che ho ditol'ho dito de cuore fursi ho dito manco dequel che sento. Siora Zanetta merita tuttoe me chiamerave felice se la podesseconseguir in consorte.
Fortunata: Séntelano ghe l'òggio dito? (a Marcolina)
Marcolina: La prego de perdonla compatissa una mare piena de zelo e deconfusion. Se nol gh'avesse la dota subitose l'avesse da aspettarmettemo stocasofin dopo la morte de mio missiergh'averàvelo difficoltà de facilitar?
Fortunata: De dia! àlo da viver sempre sto vecchio? Mi credo che elgh'abbia debotto cent'anni.
Meneghetto: Veramente in materia d'interesse anca mi ho da dipender daimi maggiori; ma son seguro che i me voi bene co se trattasse de contentarmeson certo che no i gh'averave nissuna difficoltà d'aspettar; onde ardisso dedir chese no ghe fusse altro che sta sola difficoltàposso comprometterme deaccordarlae che per micirca alla dotasaria contentissimo de aspettar.
Fortunata: Séntela? El xè de sto cuor. (a Marcolina)
Marcolina: Doncaco la xè cussìxè facile che el la gh'abbia ogniqualvolta che el voi; e più presto che femose cavemo fora da ogni pericoloda ogni batticuor. Mio mario xè contento; mi son contenta; la putta più chepiù. Co '1 pare e la mare ghe la dàco elo la voise trova do testimoniese fa tutto quello che s'ha da far.
Fortunata: Brava siora Marcolina; cossa dìselo sior zerman? Ghe par chela l'abbia pensada pulito?
Meneghetto: Ghe diròse le me permetteghe dirò el mio debolesentimento. Circa alla dotaghe confermo quel che gh'ho dito: la xè una cossache me riguarda mi solamentee posso arbitrar senza far ingiuria a nissun. Masposarla senza che el nono lo sappiasposarla a despetto del patron della casal'onestà nol consentee la mia pontualità ghe resiste. Xè vero che el pare ela mare gh'ha autorità su la putta; ma dipendendo anca lori dal capo de lafameggiano i pol disponer de un matrimonio senza l'assenso de chi ghe polcomandar. I pol ben opponerse con vigorcon rason e per giustiziase occorreperché un vecchio imprudente no sacrifica malamente el so sangueno daga unanezza a una persona indegna che non la meritae che ghe poi far disonor; magnanca per questola me perdonano i l'ha da maridar in scondonno i ha dacorregger un mal con un altro malno s'ha da perder el respetto a un pare e aun missierche s'ha da compatir per naturache s'ha da venerar per l'etàes'ha da soffrir per leggeper convenienza e per onestà.
Fortunata: Mo andè làfio mioche doveressi far l'avvocato.
Marcolina: No so cossa dir. El parla benel dise ben. El so discorso meserve de rimproverode mortificazion. Sarà quel che piaserà al cielo: se vedeche la mia putta no xè destinada per lu.
Meneghetto: Mo perché? Perché vorla metter sta cossa in desperazion? Nose pol trovar de le strade onestedei mezzi forti e civili per mover l'animo deso sior missier? Tentemo; provemo a farghe parlar.
Fortunata: Che el ghe parla elosior Meneghetto. Chi vorlo mai a stomondo che possa parlar meggio de quelo che el ghe pol parlar elo? M'impegno chese el ghe dise lu do paroleel lo reduse un agnelo.
Meneghetto: Per mi non gh'ho difficoltà de parlarghe.
Marcolina: No i lo cognosse; no i sa chi el sia; no faremo gnente.
Fortunata: Se pol provar.
Meneghetto: Provemo. Cossa mai sarà? Me diralo de no? Pazenzia.
Marcolina: E se el ghe dise de nono gh'è altro.
Meneghetto: Se el me dise de novorla che mi lo obbliga a dir de si?
Marcolina: Allora no ghe sarà più speranza che Zanetta sia so muggier.
Meneghetto: Me despiaserave ne l'anima; ma la vede ben... (si vedemuovere la portiera)
Fortunata: Oechi xè drio quela portiera?
Marcolina: (No saverave).
Fortunata: (Che ghe fusse el vecchio?).
Marcolina: (No crederia).
Fortunata: (Vorla che varda?).
Marcolina: (La varda pur).
Fortunata: (Se el fusse eloel ghe poderave parlar). (s'accosta)
Marcolina: Mah! no gh'è rimedio.
Meneghetto: Chi sa? No la se despiera.
Fortunata: Oh! ela la xè? (scopre la portierae vede Zanetta colfazzoletto agli occhiappoggiata alla porta)

 

SCENA QUATTORDICESIMA

Zanetta e detti.

Zanetta: Oh! poveretta mi! (vergognandosi)
Fortunata: Viaviano la se vergogna.
Marcolina: Cossa feu là vusiora? (a Zanetta)
Zanetta: La compatissa. (vuol partire)
Fortunata: Eh viache la se ferma un pochetto. (la trattiene)
Marcolina: Nocara elala lassa che la vaga via. (a Fortunata)
Fortunata: De diana! cossa gh'àla paura? La sa pur con chi l'ha da far.(a Marcolinatrattenendo Zanetta)
Meneghetto: La prego de non usar per mi sto rigor. So che no meritognente; ma la mia onestà spero che no ghe possa pregiudicar. (a Marcolina)
Marcolina: Semo troppo lontanisior Meneghetto; ghe vedo poca speranzache possiemo riuscir.
Meneghetto: Chi sa? No semo tanto lontani.
Zanetta: Eh! ho sentìo che nol ghe pensa gnente de mi.
Meneghetto: Comesiora Zanetta? (accostandosi) Come maiporla dir sta cossa? Se la dise d'aver sentìol'averà inteso quanta premurache gh'averia de aver la fortuna d'averla.
Zanetta: Siora mare volevae elo no vol.
Meneghetto: Voggio quel che posso voler. No voggio quel che no convien devoler.
Marcolina: Oh! viabasta cussì. La ghe permetta che la vaga in te la socamera. (a Fortunata)
Fortunata: Per miche la vaga pur.
Meneghetto: La se assicurisiora Zanettache la stimo e che ghe voggioben.
Zanetta: Mi no ghe credo né bezzo né bagattin. (parte)
Fortunata: Séntelosior zerman?
Meneghetto: Pazzenzia. Spero che un dì la me crederà. Sti rimproveri ixè tante ferìe al mio cuor; ma la compatissono la xè in stato gnancora dedestinguer l'amor da la convenienza. Lo protestoghe voggio ben; più che lavedopiù la me piasee le so lagreme le me move a compassione sempre piùle me impegna. Con so bona grazia: vòi parlar co sior Toderovòi tentar devencerlose mai posso. El cielo me daga forzame daga abilità de far brecciaper la consolazion de sta casaper la consolazion del mio cuor. Tutto se fazzatutto se tenta; ma che se salva el decorola giustiziala convenienzal'onor.(parte)
Fortunata: No la s'indubita gnente. Se el ghe parlael xè certo. Me parde véderlo. El ghe accorda tutto. La staga aliegrala se consola. Voggio andara consolar quela povera putta. La me fa tanto peccà. (parte)
Marcolina: Certo che sior Meneghetto el gh'ha una maniera de parlar chel'incanta. Se l'avesse da far con un altroson segura che el lo persuaderia. Maco mio missier? Pol esser; ma me par impussibile. El xè un vecchio che gh'haste tre piccole qualità: avarosuperbo e ostinà. Da resto poel xè el piùbon omo del mondo. Chi el sente elotutti xè cattivitutti xè pessimie luxè bon. I xè cussì sta zente: co no i robaco no i zogaco no i fa l'amorghe par de esser oracoli de bontà. Da resto all'avarizia i ghe dise economiaalla superbia i ghe dise ponto d'onore all'ustinazion parolapontualità.Poveri alocchi! Ghe vol altro per esser zente da ben! Ghe vol buon cuorsoratutto buon cuor. Amar el so prossimovoler ben al so sanguegiustizia contutticarità per tutti. Povero vecchio! Se el tira avanti cussìel sen'accorzerà. El cielo ghe daga del ben a eloe me daga pazenzia a mie unpoco de consolazion a quele care viscere de mia fia.

SCENA PRIMA

Camera di Todero. Todero e Desiderio.

Todero: Chi èlo sto sior che me vol parlar?
Desiderio: Mi no saveria. El xè un zovenepropriocivil.
Todero: Domandeghe cossa che el voi.
Desiderio: Mo no sarave meggioche la lo fasse vegnir?...
Todero: Sior no. Volè sempre far el dottor. Domandeghe cossa che el vol.
Desiderio: Benissimo. (Ghe vol una gran pazenzia). (parte)
Todero: Stago a véderche el sia qualchedun mandà da mia niorao perpregarmeo per fanne qualche bulada.
Desiderio: Con tutta civiltàe con un mondo de cerimonieel m'hadomandà perdon se a mi nol me dise cossa che el volperché la xè una cossache nol la pol dir a altri che a ela.
Todero: xèlo Solo?
Desiderio: El xè solo.
Todero: Gh'àlo spada?
Desiderio: El xè in tabarro. Mi no gh'ho mo osservàse el gh'abbiaanca la spada.
Todero: Orboaloccono savè mai gnente.
Desiderio: Anderò a véderse el gh'ha la spada.
Todero: Aspettèvegnì qua. Xèlo forestoo xèlo venezian?
Desiderio: Al parlar el me par venezian.
Todero: Che muso gh'àlo?
Desiderio: El gh'ha muso da galant'omo.
Todero: Diseghe che el vegna.
Desiderio: Manco mal. (in atto di partire)
Todero: Eh! cossa me vienli a intrigar i bisi? Sentìvegnì qua.
Desiderio: La comandi.
Todero: Dove xè vostro fio?
Desiderio: El sarà in mezzà.
Todero: Arrecordève benche doman vòi che se destrighemovòi che ise sposae vòi esser fora de sto pensier.
Desiderio: Benquel che la comanda.
Todero: Fazzo contoche ghe daremo la camera dove che dormì vu.
Desiderio: E mi dove vorla che vaga?
Todero: Ve farè un letto postizzo in mezzà.
Desiderio: Basta. Vederemo...
Todero: Coss'è sto vederemo?
Desiderio: Quel sior aspetta.
Todero: Lassè che l'aspetta.
Desiderio: El se stufferà.
Todero: Se el se stufferàl'anderà via.
Desiderio: (Mo che omo! mo che satiro! mo che natural!).
Todero: Che difficoltà gh'aveu de farve un letto in mezzà?
Desiderio: Gnente. Bisognerà che el letto la lo proveda.
Todero: In tel vostro letto quanti stramazzi gh'aveu?
Desiderio: Do.
Todero: Bentirèghene via unodoppieloel servirà per pagiazzo e perstramazzo per vu.
Desiderio: E la vol che staga i novizzi con un stramazzo solo?
Todero: Vardè che casi! quanti credeu che ghe ne sia in tel mio letto?Unoe xè quindes'anni che nol se pettena.
Desiderio: Mocaro sior Todero...
Todero: Sior diavolo che ve porta.
Desiderio: Caro sior patron...
Todero: Zitto. No alzè la ose.
Desiderio: Almanco per sti primi dì...
Todero: Tasè. Andè a spionar a pian pian da la portierase quel siorxè andà via.
Desiderio: (In fatti bisognerave che el fusse andà). (va alla porta)
Todero: Ghe xèlo?
Desiderio: El ghe xè.
Todero: (Gh'ho capio. Bisogna che el gh'abbia una gran premura. Col statantoso che ora che xè; el sarà qua per bezziel gh'averà bisogno debezzi. Sìsìse el xè un bon negoziol'ascolterò; se el xè una canasbusalo mando via). Diseghe che el vegna.
Desiderio: (Poverazzo! l'ha avù una gran pazenzia. De là no ghe xègnanca careghe da sentarse). (parte)

 

SCENA SECONDA

Toderoe poi Meneghetto.

Todero: Eh! al dì d'ancuo no gh'è più da far ben. Nose sa de chi fidarse. Bisogna andar cauti; contentarse de vadagnar poco; ma fari so negozietti seguri.
Meneghetto: (Per veritàel primo recevimento xè qualcossa departicolar. No se pol trattar pezo con un vilan. Vòi soffrir tutto. Dal cantomio no vòi che ste signore abbia motivo de lamentarse).
Todero: (Sìel xè ben all'ordene; ma pol esser che tutto quel che elgh'ha a sto mondoel lo gh'abbia a tornoe chi sa gnanca se el l'ha pagà).
Meneghetto: Patron mio riverito.
Todero: Servitor suo.
Meneghetto: La perdona l'incomodo.
Todero: Gh'ho un mondo de daffari. Gh'ho cento cosse da destrigar. La mediga in cossa che la posso servir.
Meneghetto: Me despiase de desturbarla; ma la supplico de tolerarme.
Todero: Xèlo negozio longo?
Meneghetto: El pol esser curtoe el poderave esser longhetto.
Todero: Se fusse per bezzighel digo avanti: no ghe n'ho.
Meneghetto: No signor; per grazia del cielo no ho bisogno de incomodarlaper questo.
Todero: Ben: la diga donca quel che la vol.
Meneghetto: (Stimo che nol me dise gnanca se me vòi sentar). La perdoni:no gh'àla ela una nezza da maridar?
Todero: Sior no.
Meneghetto: No?
Todero: Sior no.
Meneghetto: La favorissa. Sior Pellegrin no gh'àlo una fia?
Todero: Sior sì.
Meneghetto: No xèla da maridar?
Todero: Sior no.
Meneghetto: Mo perché no xèla da maridar?
Todero: Perché la xè maridada.
Meneghetto: Ghe domando mile perdoni. So sior pare e so siora mare no ilo sa che la sia maridada.
Todero: Ghe domando do mila scuse. Se no i lo sa lorilo so mi.
Meneghetto: Per amor del cielola compatissa l'ardir. E la putta losàla?
Todero: Se no la lo sala lo saverà.
Meneghetto: Donca no la xè maridada.
Todero: Donca mi intendo che la sia maridada. (con sdegno)
Meneghetto: La pregola prego; no la se alteraper carità. Son ungalantomoson un omo d'onor; no permetterave maiche per causa mia l'avesse dasoffrir el minimo despiaser. Intendo adesso quel che la vol dir. El l'hapromessae i omeni d'onori omeni che fa conto della so parolaco i hapromesso una cossai la considera come fatta. Bravissimo; son persuasolodo elso bon costumee me ne consolo con ela infinitamente.
Todero: (Sì bensì benel gh'ha bona chiaccola. A véderlonocredeva tanto).
Meneghetto: (Xè un'ora che stago in piè. Debotto no posso più).
Todero: Orsùgh'àla altro da comandanne?
Meneghetto: Se la me permettessegh'averia qualche altra cossa dadirghe.
Todero: La prego de destrigarse.
Meneghetto: Me despiase de véderlo a star incomodo.
Todero: Me despiase anca a mi.
Meneghetto: La se senta.
Todero: No gh'ho tempo da perder.
Meneghetto: (Pazenzia. Sopporterò). Me onoreràvela de dir a michi siala persona a la qual l'ha promesso esegondo elal'ha maridà sta so nezza?
Todero: Cossa ghe importa a ela a saverlo? Cossa gh'ìntrela in ti fattimi?
Meneghetto: Per amor del Cielono la se scaldala me tollera conbontà. No son qua né per turbar la so pasené per arrogarme quell'autoritàche no gh'ho. Son qua per bene la resterà persuasa de la mia onestàe de lamia bona intenzion. Vorla favorirme de dir chi sia sto novizzo?
Todero: Sior no.
Meneghetto: La me permetterà doncache mi ghe diga che el so.
Todero: La lo sa? (con maraviglia)
Meneghetto: Per obbedirla.
Todero: La diga mochi el xè.
Meneghetto: Sìsignorsubito. El fio del so fattor.
Todero: Da chi l'aveu savestosior? (con isdegno)
Meneghetto: No xè necessario che ghe diga de più.
Todero: Vòi che me disèchi ve l'ha dito.
Meneghetto: Ghe lo dirò; ma prima la favorissa ela de dirmeper checausa ste nozze che xè per farsee che segondo ela xè fattela le ha tegnuesconte per el passàe la seguita a volerle sconder presentemente?
Todero: Ve tomo a dirche non ho da render conto né a vuné a chi chesiade quel che fazzoe de quel che voggioe de quel che penso.
Meneghetto: Perméttela che ghe digache no solo mi so quel che la fama anca quel che la pensa?
Todero: Come? Seu qualche strigon?
Meneghetto: Nosignorno son un strigon; ma son un zovene chepergrazia del cielogh'ha tanto lume che basta per conosser i omenie arguirdalle operazion i pensieri e i sentimenti interni che le ha prodotte. La soffrasior Toderola soffra con bontà che ghe digache un omo de la so sorteinconcetto de omo riccode omo d'onorgh'ha rason se el se vergogna de far saveral mondo una debolezza de sta naturache no merita de esser approvada da chiche sia.
Todero: Coss'èsior? Chi ve manda? Chi v'ha imboccà? Per chi mevegnìu a parlar?
Meneghetto: Nissun me manda. Vegno mida mia posta. Parlo per elae seho da confessarghe la veritàparlo anca per mi.
Todero: Oh! adesso intendo. Seu quello che ha domandà mia nezza a somaree che so mare ve l'aveva accordada senza de mi?
Meneghetto: La perdoni. Una mia zermana ha parlà. Qualcossa xè stàdiscorso; ma l'assicuro in via d'onorin via de pontualitàche senza el soassenso no se averave concluso mai. So el mio doverso el respetto che seconvien a un pare de fameggiaa un capo de casaa un omo respettabile della soqualità.
Todero: (No se pol negarche nol gh'abbia delle massime da omo civil).
Meneghetto: No so se la cognossa la mia fameggia.
Todero: Chi seu?
Meneghetto: Meneghetto Ramponzoli per obbedirla.
Todero: I Ramponzoli li cognosso.
Meneghetto: Me lusingo che nissun possa intaccar in gnente né el miocostumené la mia civiltà.
Todero: Mi no digo che cussì no sia.
Meneghetto: E no poderia lusingarmeche la me concedesse so nezza?
Todero: Mia nezza xè maridada.
Meneghetto: No la xè maridada. (flemmaticamente)
Todero: Sior sìche la xè maridada. (con caricatura)
Meneghetto: Ghe domando perdon: no la xè maridada. (come sopra)
Todero: Son in parola de maridarlaho promesso de maridarlae possodir: la xè maridada. (con isdegno)
Meneghetto: Col fio del so fattor?
Todero: Con chi me par e me piase a mi.
Meneghetto: Za che da mi l'ha sofferto tantola supplico de soffrir ancaquesto. Se dise che la la vol maridar al fio del so fattorgnente per altro cheper el sparagno miserabile della dota.
Todero: Chi dise sta baronada? Chi dise sta falsità? No xè vero gnente.Ghe dago sie mile ducati. E se no credèvardèe disèghelo a chi nol crede;e disèghe a ste lengue indegne che me crede un avaroche son galantomoe cheghe dago a mia nezza sie mile ducatisie mile ducatisie mile ducati. (collacarta alla mano)
Meneghetto: Come! la ghe dà so nezza al fio del so fattor con sie mileducati de dotae no la se degnerà de darmela a mi?...
Todero: La xè maridada. (con forza)
Meneghetto: No la se degnerà de darmela a miche la toria senza dota? (caricandola voce)
Todero: Senza dota? (con maraviglia)
Meneghetto: Sull'onor miosenza dota. (caricandocome sopra)
Todero: E un omo della vostra sorte se marideria senza dota?
Meneghetto: Anzi; siccome per grazia del cielo no son in stato d'averbisognomi no vago in cerca de dota.
Todero: Caro siorse vorla sentar?
Meneghetto: Grazie a la so bontà; (prende una sediae siede) eela no la se senta?
Todero: No son stracco. (resta pensoso)
Meneghetto: (Pol esser che l'avarizia lo persuada). E cussìcherisposta me dàla?
Todero: Caro sior... L'ho promessa... El contratto xè sottoscritto...Lassè che torna a lezer sta carta. (finge di legger piano)
Meneghetto: (Voggia el cieloche la vaga ben).
Todero: (Senza dota! El saria el mio caso. Ma in sostanzache dota ghedaghio a Desiderio e a so fio? Gnanca un bezzo. Xè vero che maridando mia nezzaco sto siorin fazza del mondo parerave più bon... Ma chi farà i miinteressi? Se desgusto Desiderio e so fiochi me servirà? Bisognerà che pagaun fattorche paga un zovene ... ). (cogli occhi sulla cartafingendosempre di leggere)
Meneghetto: Ala letto? Ala visto? Possio sperar? (alzandosi)
Todero: Ho lettoho vistoho pensà. Ghe torno a dirmia nezza xèmaridada.
Meneghetto: Come? (mortificato)
Todero: Come! Come! La xè cussì.
Meneghetto: Ma la favorissa...
Todero: La perdoni. Gh'ho troppo da far. No me posso più trattegnir.
Meneghetto: Ma la me diga almanco...
Todero: Gh'è nissuna de là? OeDesideriodove seu?

 

SCENA TERZA

Desiderio e detti.

Desiderio: La comandi.
Todero: Compagnè sto signor. (a Desiderio) La scusa. Ho dafar. A bon reverirla. (parte)
Meneghetto: (Che maniera impropriaincivil).
Desiderio: (Manco malche ho tutto sentìo).
Meneghetto: (No gh'è remedio. Anderò da siora Marcolina; anderò alicenziarme). (va per sortire dalla porta per dove è entrato)
Desiderio: Per de quala vedaper de qua se va fora più presto. (mostrandoglil'altra porta)
Meneghetto: Avanti d'andar viavorave riverir siora Marcolina.
Desiderio: No la ghe xèla veda.
Meneghetto: No la ghe xè?
Desiderio: La xè andada fora de casa.
Meneghetto: La xè andada fora de casa? Bravo. Ho capio. (Costù saqualcossa. Ehno me degno de vegnir a parole con lu. Anderò viae tornerò).(parte per dove Desiderio ha accennato)
Desiderio: Patron reverito. El va via senza saludarme. Poverazzo! Secognosse el so bruseghin. In fatti... Co ghe penso anca mi... Cossa dirà sioraMarcolina? La sbrufferà un poco. E po? E po bisognerà che la sbassa le aleeche la se contenta anca ela. (parte)

 

SCENA QUARTA

Altra camera. Cecilia e Nicoletto.

Cecilia: Vegnì mo quasiorcossa diavolo me diseu?
Nicoletto: Zittoche no i senta.
Cecilia: Eh! no ghe xè nissun. Disèdisè; cossa v'insunieu?
Nicoletto: Mi no m'insonio gnente. Ve digo cussìche sior Todero me voldar so nezza.
Cecilia: A chi?
Nicoletto: A mi.
Cecilia: Con quel muso?
Nicoletto: Co sto muso.
Cecilia: Eh! viaandèghela a contar ai morti.
Nicoletto: Sangue de dianache me faressi dir! Cossa sóngio? Unpampalugo? Non ho da saver quel che i dise? Doman m'ho da maridare non ho dasaver chi ha da esser mia muggier?
Cecilia: Doman v'avè da maridar?
Nicoletto: Siora sìdoman.
Cecilia: Chi ve l'ha dito?
Nicoletto: Sior pare me l'ha dito. E el m'ha ditoche gnancora no digagnente a nissun.
Cecilia: (Per diana! scomenzo a aver paura che el diga la verità. Sefusse mii m'averave dito qualcossa).
Nicoletto: E no dormirò più co sior paree mi gh'averò la cameratutta per mie lu l'anderà a dormir in mezzàe mi gh'averò la novizzae ime vestirà pulitoe anderò fora de casa quando che vorò mi. (gloriandosidi tutto questo)
Cecilia: (La xè una cossa che me farave strassecolar). Come diavolo sepol darche el paron ve voggia dar a vu una so nezza?
Nicoletto: Varèvedè. Cossa sóngio mi?
Cecilia: Ve par che vu v'abbiè da metter con quella putta?
Nicoletto: Co i me mette loribisogna che i me possa metter.
Cecilia: Schiavo sior novizzodonca. (con ironia)
Nicoletto: Ah! Cossa diseu? (allegro)
Cecilia: E de mi no ghe pensè più gnente? (mortificata)
Nicoletto: No ghe penso? Siora sì che ghe penso.
Cecilia: Co sposè la paronaper mi no gh'è più speranza.
Nicoletto: Perché no gh'è più speranza? Co la morirà elave sposeròvu.
Cecilia: Eh! povero mamalucco. Ma mi mamaluccache no doveva tender alleparole de un frasca.
Nicoletto: Oeno me strapazzèsavèche ghel dirò a sior pare.
Cecilia: Cossa m'importa a mi? Disèghelo a chi volè vu. Sior sìsèun frascaun cabalauna carogna.
Nicoletto: Voleu zogar che debotto... (con isdegno)
Cecilia: Coss'è sto debotto? (alzando la voce)
Nicoletto: Son paron anca mi. (si riscaldano tutti due)
Cecilia: Mi no ve cognosso per gnente.
Nicoletto: E ve farò mandar via.
Cecilia: Vu me farè andar via?

 

SCENA QUINTA

Marco1inaFortunata e detti.

Marcolina: OeOe. Cossa xè sto sussuro?
Fortunata: Siora Marcolinaxèlo questo quel bel novizzo?
Marcolina: Siora sì. Cossa dìsela?
Fortunata: Mo caro! Mo che bella zoggia! Mo che fortunazza che ghetoccheria a quella putta! (ironica)
Cecilia: (Me par anca impussibileche la parona ghe la voggia dar).
Nicoletto: Le digalo Sàle anca ele che son novizzo? Siora Zanetta losàla?
Marcolina: Tocco de temerarioti averessi tanto ardir de pretender desposar la mia putta? No ti te vergognisporcoignorantazzopezzentedemetterte con una mia fia? Cossa credistuperché ti gh'ha dalla toa quelvecchio sordido de mio missierche gh'averò paura de farte dar un fracco debastonae? Se ti gh'averà ardir gnanca de vardarla mia fiagnanca deminzonarlano ti magnerà più pante farò scavezzar i brazzino ti saràmai più omo in tempo de vita toa.
Nicoletto: (Aseo!).
Cecilia: (Oh che gusto che gh'ho!).
Fortunata: Vedeusior novizzo? Questa sarà la dota che ghaverè.
Nicoletto: Mo per cossa mo? Cossa gh'òggio fatto?
Marcolina: Cossa che ti m'ha fatto?
Fortunata: Nosiora Marcolinala me compatissano la gh'ha rason deandar in colera co sto putto. Elo no ghe n'ha colpa. N'è verofio mio? Vu noghe n'avè colpa. (fingendo dolcezza)
Nicoletto: Mi no ghe n'ho colpa.
Fortunata: Cossa gh'importa a elo de sposar so fia? Disè la veritàavu no v'importa gnente. (a Nicoletto)
Nicoletto: Mi nognente.
Fortunata: Figurarsese in sta età gh'importa de maridarse! No ghepensèn'è vero de maridarve? (a Nicoletto)
Nicoletto: (non risponde e guarda in terra).
Fortunata: Coss'èno respondè? Ghaveressi voggia de maridarve?
Nicoletto: Mi sìche me marideria.
Fortunata: Oh caro! e pretenderessi siora Zanetta?
Nicoletto: Mi no pretendo gnentemi no pretendo.
Marcolina: Viaviasiora Fortunataho capio: da una banda locompatisso. Poverazzoel se voria maridarma no gh'importa miga d'aver miafia. Ghe scometto miche el gh'averia più a caro d'aver Cecilia. (fingeanch'ella dolcezza)
Fortunata: Cossa diseu? La sposeressi Cecilia? (a Nicoletto)
Nicoletto: Mi sì che la sposeria.
Cecilia: Bisognerave véderse mi lo volesse.
Marcolina: La vardacara ela! che casi! Stamattina cossa m'àla dito?
Cecilia: Mo no védela che no gh'importa gnente de mi? Che el me lassa miper un'altra?
Marcolina: Per un'altra? Coss'è sto dir per un'altra? Ve metteressi dalpari con una mia fia?
Fortunata: Creaturequeste xè tutte chiaccole che no serve gnente. Sevede che sti do se vol ben; ma el putto i l'ha fatto zoe Cecilia se n’haavù un pocheto per mal. Siora Marcolinase la se contentami voggio che lagiustemo. Co l'è fattal'è fatta. Sto povero putto me fa peccà. Ceciliagh'ha del meritoe bisogna procurar de farghe sto ben. Maridémolie co isarà maridaila sarà fenia. Cossa diseusior Nicoletto?
Nicoletto: Certo! acciò che i daga de le bastonae?
Marcolina: Mo nocaro fiono ghe sarà sto pericolo. Diseva cussìsepretendevi Zanettano miga per no darvela a vuche sè un putto de garbo; maperché l'ho promessa a un altroe perché son desgustada co mio missier. Daresto ve voggio benve assisteròve defenderòno ve lasserò mancar elvostro bisogno. Se sior Todero ve manderà viave farò trovar un impiego.
Fortunata: Sìsior Meneghetto ghe lo troverà.
Marcolina: ViaNicolettocossa respondeu?
Nicoletto: Cossa vorla che diga? Mi farò tutto quel che la vol.
Marcolina: E vuCeciliacossa diseu?
Cecilia: Cara elaco la s'impegna che no ne mancherà pan...
Marcolina: Credo che me cognossècredo che de mi ve possiè fidar.
Fortunata: Sentìfioi: quel che s'ha da farbisogna farlo prestoperché se i lo vien a saver...
Nicoletto: Se mio pare lo sapoveretto mi.
Fortunata: Oevoleu che chiamemo do testimonie che se destrighemo quasu do piè?
Cecilia: Vorla che chiama Gregorio? (a Marcolina)
Fortunata: Uno solo no basta.
Cecilia: Anderò al balcone farò vegnir de suso un de quei zoveni dalcaffè.
Marcolina: Sìviadestrighève.
Cecilia: Vago subito. (Eh! come che nasse i casiquando che manco is'aspetta.) (parte)
Fortunata: La ghe nha una voggiache la s'inspirita. (a Marcolina)
Nicoletto: Lo saveralo mio pare?
Marcolina: Lassè far a mi.
Fortunata: Ve defenderemo nu. Cossa gh'aveu paura?

 

SCENA SESTA

CeciliaGregorioun facchino e detti.

Cecilia: Oh son qua: ghe giera giusto el facchin che haportà le legnee se serviremo de elo.
Marcolina: Vegnì qua moGregorio; vegnì quaquel zovene. Siètestimoni de sto matrimonio tra ste do creature. Viadève la man.
Nicoletto: OeGregoriono ghe disè gnente a sior pare.
Gregorio: No saveu? Mi no parlo.
Fortunata: Viadestrighève.
Nicoletto: Me trema le gambe.
Cecilia: Anemodè qua. (prende la mano a Nicoletto)Questo xè mio mario.
Fortunata: Viadisè anca vu. (a Nicoletto)
Nicoletto: Coss'òggio da dir? (a Fortunata)
Fortunata: Questa xè mia muggier. (a Nicoletto)
Nicoletto: Questa xè mia muggier.
Fortunata: La xè fatta.
Cecilia: Ve ringraziosavèsior Pasqual. (al facchino)
Pasqual: Patronamagneremo sti confetti.
Gregorio: Sìsìandemovegnì con miche marenderemo. (parte conPasqual)
Fortunata: Novizzime ne consolo.
Cecilia: Grazie.
Nicoletto: Sóngio novizzo adesso?
Fortunata: Sior sì.
Marcolina: Vien zente. Andè de là; per adesso no ve lassè véder.
Cecilia: Andemo. (a Nicoletto)
Nicoletto: Dove?
Cecilia: De làcon mi.
Nicoletto: A cossa far?
Cecilia: Viamamaluccoandemo. (lo prende per mano e parte)

 

SCENA SETTIMA

MarcolinaFortunatapoi Meneghetto.

Fortunata: Mo no la podeva andar meggio!
Marcolina: Tegniralo sto matrimonio?
Fortunata: Oe; i novizzi xè in camera; che i lo desfase i pol.
Marcolina: Per la condizion no ghe xè gnente da dir.
Fortunata: Siora Zanettaco la '1 saveràla salterà tant'alta.
Marcolina: Mio mario ha da restar.
Fortunata: E el vecchio?
Marcolina: E sior Desiderio?
Fortunata: Oh! che rider!
Meneghetto: Eh! sior Desiderio no riderà.
Fortunata: Oesior Meneghetto. (accennando ch’egli viene)
Marcolina: Oh! bravo.
Meneghetto: Le perdoni. Ho trovà la porta averta. Me son tolto lalibertà de entrar. (mortificato)
Fortunata: Cossa gh'èsior Meneghetto?
Marcolina: Sior Meneghettocossa xè stà?
Meneghetto: Ho parlàho fatto quel che ho podestoe no gh'è remedio.(con a afflizione)
Marcolina: No? (ridendo)
Fortunata: No dasseno? (ridendo)
Meneghetto: Le ride? (con ammirazione)
Fortunata: Anca sìche ghe xè remedio.
Meneghetto: Mo come?
Fortunata: Oea le curte...
Marcolina: Levemolo de pena. (a Fortunata)
Fortunata: Nicoletto l'ha fatta... (tutte due parlano sì prestocheMeneghettoch’è in mezzo di lororimane quasi stordito)
Marcolina: El s'ha maridà...
Fortunata: L'ha sposà Cecilia...
Marcolina: E so pare no sa gnente...
Fortunata: No gh'avemo più paura de lu...
Marcolina: La mia putta xè in libertà…
Fortunata: E la sarà vostra de vu...
Marcolina: Co el se contenta de aspettar la dota..
Fortunata: Siora sìl'ha promessoe l'aspetterà.
Marcolina: Ma destrighemose...
Fortunata: Cossa diseu? (a Meneghetto)
Meneghetto: Oimei! per carità. La me lassa chiappar un pochetto de fià.Tutte ste cosse xè nate in cussì poco tempo?
Marcolina: Sior sìla xè cussì. Gh'àlo paura che lo voggiemo burlar?
Meneghetto: (Son fora de mi. No so in che mondo che sia).
Marcolina: El par incantà. (a Fortunata)
Fortunata: L'amorfia mial'amorla consolazion.
Marcolina: Anca mi me sento sbalzar el cuor.
Fortunata: E mi? In sta cossa no gh'intro più che tanto; ma gh’ho unasodisfazioncome se fusse per mi.
Marcolina: Oevardè Desiderio. (a Fortunataaccennando ch'ei viene)
Fortunata: Retirèveretirèvezerman. (a Meneghetto)
Meneghetto: Me par un insonio. Ho paura de desmissiarme. (si ritira)

 

SCENA OTTAVA

MarcolinaFortunata e Desiderio.

Desiderio: (Son intrigà. Vorave dirghelo a sioraMarcolinae no so come far).
Marcolina: (Ancoracol vedose me move el sangue). (a Fortunata)
Desiderio: (Figurarse! la sarà inviperia. Ma se mio fio ha da sposar sofiabisogna ben che ghe parla). Patronasiora Marcolina.
Marcolina: Patron. (con indifferenza)
Fortunata: Sior Desideriopatron. (cortesemente)
Desiderio: Patrona. No so se la sappia l'onor chesior Todero m'havolesto far. (a Marcolina)
Marcolina: Oh! sior sìel so. (dolcemente)
Fortunata: Me consolosior Desiderio.
Desiderio: Grazie. Mi certo non averave mai avudo sto ardir...
Marcolina: Ohcossa che el dise! Me maraveggio. (con ironia)
Fortunata: Le cosseco le xè destinae ... (urtandosi con Marcolina)
Desiderio: (Vardèvedèmi no credeva mai che la se quietasse cussìfacilmente).
Marcolina: (Oe: el vecchio). (a Fortunata)
Fortunata: (Adesso vien el bon). (a Marcolina)
Marcolina: (Xè tre dì che nol vedo). (a Fortunata)
Fortunata: (Tasemono ghe disemo gnente). (a Marcolina)

 

SCENA NONA

Todero e detti.

Todero: Cossa feu qua? Perché no tendeu al mezzà? (aDesiderio)
Desiderio: Caro siorson vegnù a far le mie parte co siora Marcolina.
Fortunata: Sior Toderopatron.
Todero: Patrona. (a Fortunatarusticamente)
Marcolina: Patronsior missier. (dolcemente)
Todero: Patrona. (con ammirazione) Andè a far quel cheavè da far. (a Desiderio)
Desiderio: La lassa almanco che fazza el mio dover co siora Marcolina; lalassa che la ringrazia.
Todero: De cossa?
Desiderio: De la bontà che la gh'hade accordar anca ela che la soputta sia muggier de mio fio.
Todero: E vusioracossa diseu? (a Marcolina)
Marcolina: Mi no digo gnente.
Todero: Ah? (a Marcolina)
Marcolina: Mi no digo gnente.
Desiderio: No séntelo? La ghe la dà volentiera. (a Todero)
Todero: (Manco mal. No credeva che la se la passasse co sta pachea).
Fortunata: (Mi stimo assae che la tegna duro. Me vien da dar un sbrocconda riderche debotto no posso più).
Desiderio: Se la se contentaxè meggio che chiama mio fioe che seconcluda. I m'ha dito che el giera qua. Sàla gnente ela dove che el sia? (aMarcolina)
Marcolina: Mi no so gnente.
Fortunata: Eh! so mi dove che el xè: el xè de là co la so novizza. (ridendo)
Desiderio: Co la so novizza? (ridendo)
Fortunata: Sior sìco la so novizza.
Desiderio: Védelasior Todero? (con allegria)
Todero: Sior corno. (con ironia)
Desiderio: Védelasior paron? El xè co la so novizza. (ridendo)
Todero: Che i vegna qua.
Desiderio: Subitoli vago a chiamar. (parte)

 

SCENA DECIMA

MarcolinaTodero e Fortunata.

Fortunata: (Oeghe semo). (a Marcolina)
Marcolina: (No vedo l'ora de sentirli a sbruffar).
Todero: Dove xè Pellegrin? (a Marcolina)
Marcolina: Mi no so dasseno.
Todero: Che alocco! che pampalugo! Nol se vede mai.
Marcolina: Poverazzo! El gh'ha un pare che lo fa tremar.
Todero: Anemo. Scomenzémio? (con collera)
Fortunata: ZittoZittoche vien el novizzo.

 

SCENA UNDICESIMA

Desiderio tirando per un'orecchia Nicolettoe detti.

Nicoletto: Ahi! ahi! ahi! (dolendosi dell'orecchia)
Fortunata: Oh bello! (ridendo)
Nicoletto: Ahi! ahi! (come sopra)
Todero: Cossa feu? Seu matto? Seu inspirità? (a Desiderioconisdegno)
Desiderio: Tocco de furbazzo! Tocco de desgrazià! (a Nicoletto)
Todero: Cossa v'àlo fatto? (a Desideriocome sopra)
Desiderio: Cossa che el m'ha fatto? El m'ha tradìoel m'ha sassinàels'ha maridà.
Todero: Sior bestiasior strambazzono seu stà vu che l'ha maridà?
Desiderio: Sior diavolosior satanassol'ha sposà la massera. (aToderoforte)
Todero: L'ha sposà la massera? (a Fortunatacon maraviglia)
Fortunata: Ohmi no me n'impazzo.

 

SCENA DODICESIMA

Cecilia e dettipoi Gregorio.

Cecilia: Sior sìcossa voràvelo dir? El m'ha sposàmi. No l'ha sposà una masseral'ha sposà una cameriera civiluna putta daben e onorata.
Todero: Pare e fiofora subito de casa mia. (a Desiderio)
Cecilia: Ah! sior patronse raccomandemo a la so carità.
Todero: No gh'è carità che tegna. Baronicanaggia. Fora subito de casamia. (strillando)
Desiderio: Coss'è sto scazzarne? Coss'è sto strapazzar? Son qua; vòistar quae no voggio andar via. (con forza)
Fortunata: Olàolàpatroni. (alzando la voce)
Marcolina: OeGregorioandè presto a chiamar mio mario. (conaffannoe forte. Gregorio si fa vederee corre via)

 

SCENA TREDICESIMA

Meneghetto e detti.

Meneghetto: Le scusile perdonicoss'è sto strepito?Per amor del Cielono le fazza sussurar la contrada.
Todero: Coss'èsior? Cossa feu qua? Cossa gh'intreu? (a Meneghetto)
Meneghetto: Son passà a caso. S'ha sentìo strepitos'ha sentìo criar.La zente ha fatto bozzolo davanti la so porta. El capo de contrada volevavegnir. Tutti voleva intrar. Ho credesto ben d'impedire son vegnù mi aofferirghe umilmente e de buon cuor el mio agiuto e la mia mediazion.
Todero: Andè via de qua. Pare e fiofora subito de casa mia. (aDesiderio)
Desiderio: Ghe torno a dirsangue de miche no voggio andar.
Meneghetto: Zittosior Desiderio. No fè strepitono ve fe nasar. Veconseggio andar via co le bone: se no mivedeu? Miper la stima e per elrespetto che gh'ho per sior Toderomi trovarò la maniera de farve andar.
Desiderio: Dove òi d'andar? Cossa òi da far co sto aseno maridà?
Meneghetto: A Nicoletto ghe penserò mighe provederò mi.
Fortunata: E Ceciliase sior Todero no la vol in casala vegnirà astar con mi.
Cecilia: Oh sieli benedetti! Andemoandemoel mio caro mario. (loprende per mano)
Nicoletto: Andemoandemo. Oh che gusto! oh che bella cossa! Son maridà.(parte con Cecilia)

 

SCENA QUATTORDICESIMA

ToderoMarcolinaFortunataMeneghetto e Desiderio.

Desiderio: E mi? Cossa ha da esser de mi?
Todero: E vu tornerè a Bergamo a arar i campi.
Desiderio: Oh! sior patronla sa con quanta attenzioncon quantafedeltà l'ho servia. La servirò ancoraper gnentesenza salarioper gnente.
Todero: Me servire per gnente? (con più dolcezza)
Desiderio: Sior sìghe lo prometto.
Fortunata: Sior sìsior sìel ve servirà per gnente. Ma de aria nose vive. El ve servirà per gnentee el se pagherà da so posta. (a Toderoforte)
Desiderio: Cossa gh'ìntrela ela? Me vorla veder precipità?
Todero: Tasè là. (a Desiderio) Son poveromo; mi no possopagar un fattor. (a Fortunata)
Marcolina: Caro sior missierno gh'avè vostro fio?
Todero: Nol xè bon da gnente. (a Marcolina)
Fortunata: Sior Meneghetto lo assisterà. (a Todero)
Todero: Cossa gh’intrelo elo in ti fatti mii? (a Fortunata)
Fortunata: El gh'intreriase '1 volesse. (a Toderodolcemente)
Marcolina: Intèndelosior missier? (a Toderodolcemente)
Todero: Coss'ècoss'è stà? Cossa voleu che intenda? Che zente seu? Nosavè gnanca parlar.
Fortunata: Parlè vusior zerman. (a Meneghetto)
Meneghetto: Sior Toderola vede che quella scrittura sì fatta xèrevocada dal fatto.
Todero: Ben; e cussì?
Meneghetto: Se la se degna de accordarme so siora nezza...
Todero: Via; gh'è altro?
Meneghetto: Son pronto a darghe la man.
Todero: E no disè altro più de cussì?
Meneghetto: La comandi.
Todero: No m'aveu dito che la torè senza dota?
Meneghetto: Sior sìsenza dota.
Todero: Mo vedeu? No savè parlar. Sior sìson galantomo: quel che hopromessomantengo: ve la darò.
Marcolina: Bravosior missierson contenta anca mi.
Todero: No ghe xè bisogno che siè contentao che no siè contenta; coson contento mibasta.
Marcolina: (Mo el xè ben un omazzo!).
Todero: E vusiorcossa feu qua? (a Desiderio)
Desiderio: Stago a veder sta bella scena: vedo tuttocapisso tutto. Chei se comodache i se sodisfa; ma mi non anderò via de qua. Ho serviosemoparenti. Faremo lite.
Meneghetto: Avanti de far liteche sior Desiderio renda conto della soamministrazion.
Desiderio: El diavolo che ve porta. Vago via per no precipitar. (parte)

 

SCENA QUINDICESIMA

ToderoMarcolinaFortunataMeneghettopoi Zanetta.

Todero: Credeu che el m'abbia robà?
Fortunata: Anemoanemo: ve sè liberàno ghe pensè più. La vegnalavegnasiora Zanetta. (alla porta)
Zanetta: Cossa comàndela?
Fortunata: (Ala savesto?). (a Zanetta)
Zanetta: (Ho sentio tutto). (a Fortunatacon allegria)
Meneghetto: Finalmentesiora Zanettaspero che el Cielo seconderà lemie brame e me concederà l'onor de conseguirla per mia consorte.
Zanetta: Sior sì... la fortuna... per consolarme... El compatissacheno so cossa dir.
Marcolina: Viadève la man.
Todero: Tasè làsiora: tocca a mi a dirghelo. (a Marcolina)
Zanetta: (Oh poveretta mi!).
Todero: Sposève. (a Zanetta e Meneghetto)
Meneghetto: Questa xè mia muggier.
Zanetta: Questo xè mio mario. (forte con spiritoe presto)
Fortunata: Bravabrava. La l'ha dito pulito.

 

SCENA ULTIMA

Pellegrin e detti.

Pellegrin: Coss'è? Cossa xè stà? Ghe xè strepitighexè sussuri? Me maraveggio; son qua mi; son paron anca mi. (in aria di volerfar il bravo)
Todero: Martuffo!
Marcolina: Saveu che strepitisaveu che sussuri che ghe xè? Che vostrafia xè novizza.
Pellegrin: Con chi?
Marcolina: Co sior Meneghetto.
Pellegrin: No ve l'òggio ditoche sarave andà tutto ben?
Marcolina: Siorsixè andà tutto ben; ma no per vuno per la vostradirezion. Muè sistemasior Pellegrin; za che sior missier ha mandà via decasa sior Dediseriopreghèlo che el ve fazza operarche el ve provache else prevala de vu. In quel che no savèsior Meneghetto ve assisterà. Mipregherò sior missier de compatirmede averme un poco de caritàde non essercon mi cussì asprode non esser in casa cussì sutilo. Ringraziemo el Cielo detuttoe ringraziemo de cuor chi n'ha sofferto con tanta bontà; pregandolicheavendo osservà che brutto carattere che xè l'indiscretoche xè el brontolonno i voggia esser contra de mi né indiscretiné brontoloni.

Fine della Commedia.