Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Yoga Roma Parioli Spedizioni Raccomandate Roma

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


MISERIE E NOBILTA'

 

Commedia in tre atti

 

Di: EDUARDO SCARPETTA

 

 

 

 

 

.Personaggi

Gaetanopadre di

Gemmae

Luigino

Marchese Ottavio Favetti

Eugeniosuo figlio

Pasquale

Felice

Concetta

Luisella

Bettina

Pupella

Gioacchino Castiello

Vicienzo

Biase

Peppenielloragazzo di 8 anni

Due facchini che non parlano

 

La scena è in Napoliepoca presente.

 

 

ATTO PRIMO

 

 

Una camera squallidissima. Porta d’entrata in fondo. Accosto all’uscioadestrauno strapuntino abballinato con sopra una coperta e 2 guanciali. Allaprima quinta a destra una finestra. Alla seconda quinta un uscio. Altro uscio asinistra della prima quinta. Più in là un canterano sul quale sono ammucchiatialcuni utensili di cucina: un colabrodouna pignattauna graticolaecc. Adestrascendendo la ribaltauna rozza tavola con 6 sedie spagliate ed unasenza fondo. In fondoa sinistraun catino e un bacile per terra. In untiretto del canterano sono riposti un soprabito nero2 lenzuola di bucatoe ungrande fazzoletto a scacchicolorato. A piè del lettucciosopra una sediaèun piccolo braciere col fuoco spento. Su di un’altra sedia sono gettati unvecchio cappello e un vecchio scialle di donna.

 

SCENA PRIMA

 

Concetta e Pupellapoi Luisella. Concetta lavora la calza; Pupella è vicinaalla finestra; entrambe sono sedute.

 

PUPELLA: Mammàsongo li 4 e mezae papà nun se vede ancora; mo vide chefacimmo lo stesso fatto d’ajere. A n’ore de notte nce magnajeme nu ventre depuorco 5 perzune. (Gridando:) I tengo fammai tengo famma!

CONCETTA (alzandosi): Haje ragionefiglia miahaje ragionetu sparte locorema che aggia fà io puverella? Mannaggia quanno maje me jette a spusà achillu disperatone! Me fosse rotte li gamme quanno jette ncoppa a lo Municipio!Da che m’aggio spusato a issosto passanno nu sacco de guaje! Mò nce hacumbinato chist’auto piattino. Steveme sule a casae chellu poco che tenevemonce lo sparteveme a magnà nuje suleputeveme sfucà na chiacchiera senza chenisciuno nce senteva; a maggio truvaje sti 2 cammere e se vulette aunì cu chill’autodisperatone de D. Felicema stasera la faccio ferutavì!

PUPELLA: Oh! Po’ sà che ve dicomammàavisate a mugliera de D. Feliceche nun me ncuitasse.

CONCETTA: Chi mugliera?

PUPELLA: Comme chi mugliera? D.a Luisella!

CONCETTA: Ah! giàmugliera! (Chella è la nnammurata). Pecchéche èstato?

PUPELLA: Ajssera io steva affacciata a la fenestaaspettanno quanno passavachillo giuvinotto che va pazzo pe metutto nzieme venette essa e se mettettealluccà dicenno che nun steva bene a fà ammore da coppa la fenesta.

CONCETTA: Uh! Teh teh ha fatto scrupolo D.a Luisella! E chello che fa essasta bene? E tu pò sì figlia a mehaje da dà cunto sula a me dinto a sta casae a nisciuno chiù! (Luisella esce.) Vuje vedite addò nce steva aspettato stuguajo!

LUISELLA: Mò avite ditto buono D.a Concèovero che avimmo passato lo guajoe me parene mill’anne che passene sti 4 mise... Ne voglio fà miglia! Mammamiae che gente disperate e superbe!

CONCETTA: Nuje si vulimmo essere superbenun avimma da cunto a nisciuno! Periguardo po’ a disperazionevuje nun putite parlà...

PUPELLA: Sempe cchiù disperate de nuje state!

LUISELLA: Ehavite ragioneche v’aggia dicereme l’aggia pigliàsulamente cu chillu sfurcato che m’ha miso a chestoma va trova quà juornode chistofernesce malamente dinto a sta casa!

CONCETTA: Guè! D.a Luisètu senza che faje la guappafernesce malamentee nun fernesce malamentenuje nun simme fatte gente de mieze a la stratacheghiammo truvanno de fà chiasso... Zitto zittote piglie la robicella toja e tene vajesà!

LUISELLA: Me piglio la rrubicella e me ne vaco? D.a Concèio credo chestaje cu li pazzielle ncapo! Ve ne jate vuje ma no nuje.

PUPELLA: Ve ne jate vujepecché papà facette l’affittoisso firmaje.

LUISELLA: Neh? E lo patrone de casa pecché nce la dette? Pecché Feliciellofacette lo garante... chillo piezzo de stupito! Intanto mò lo patrone de casaavanza 5 mesatevoglio vedé chi li caccia sti denariha da pensà primme a mespignà li pignee specialmente l’aniello cu li turchine che me lo mpignajepe ve fà magnà.

CONCETTA: E io lo ssapevo che a chesto avevama ascì! L’aniello cu liturchine!... Comme avesse ditto stu grand’oggetton’anelluccio tuttostruttonun saccio quanto pesajechillu povero mpignatore pe me da 5 lirencevulette la mano de lo Cielo!

LUISELLA: E che vulite? Io chill’oggetto tenevaa la fine na sarta eraechellu ppoco d’oro me lo facevo cu la fatica... Si avesse fatto ammore io purecu nu signurino... (Marcato.)

PUPELLA: Mammàl’have cu mico?

CONCETTA: (Ma tiene mente! Chesta comme vò ncuità la gente!). GuèD.aLuisèsi figliema fa ammore cu nu signurinonce fa ammore onestamentee tunun sì degna de parlà de sta guaglionasapecché li fatte tuoje se sanno.

LUISELLA: D.a Concèi fatte miei so’ chiarie parla comme haje da parlàsi nò te rompo la capa!

CONCETTA: A me me rumpe la capa? Vattennezantraglia!

LUISELLA: Uh! Vì chi parla! Ma chete sì scurdata che fratete èsolachianiello?

PUPELLA: Uh! zi-zio è solachianiellonehmammà?

CONCETTA: Nun la dà udienzafiglia miachillo fa li scarpe de raso a tutteli ballerinole de S. Carloe quanno s’annommena Masto Mmaloranun se passacchiù nnanze.

LUISELLA: Ohchesto è overochillo fa buon’affare cu li ballerine...

CONCETTA: Luisèstatte zittasi no ogge te tiro tutte li capille da capa.

LUISELLA: Tu a chi tire i capillea chi? (Gridando.)

CONCETTA: A tea te! (Gridando.)

PUPELLA: A te! Sìa te! (Gridando. Di dentro suona il campanello.)

CONCETTA: Io chiacchiere nun ne facciome piace de fa i fatte!

LUISELLA: E io pureD.a Concèperciòpe tutto dimanevedimmo da ncesparteresi no succede brutto! (Pausa. Di dentro suona di nuovo il campanello.)

PUPELLA: Mammàla porta! (Tutte e tre seggono.) (Chisto po’ essere che èD. Felicenon le voglio arapì). (Alla madre.)

CONCETTA: (E io manco vogl’j a arapìpecché si è chill’assassino demaritemocomme stongo mòlle chiavo nu muorzo appena lo veco!). (Altrosquillo di campanello di dentro.)

LUISELLA: La porta nun la sentite?

CONCETTA: E ched’ènce stamme sole nuje dinta a la casa?

PUPELLA: Và arape tu.

LUISELLA: Io nun voglio arapìpecché po’ essere che è lo marito vuostoe io nun songo la serva soja!

PUPELLA: Ma po’ essere pure D. Felice?

LUISELLA: E po’ essere pure patetechi ne sape niente?

CONCETTA: Và arape tuPupènun mporta và arape tu.

PUPELLA: (Haje ragione che po’ essere papàsi no mò me muveva!). (Viapel fondopoi torna.)

CONCETTA: (Sì è Pascaleaggia fà revotà la casa!).

LUISELLA: (Sì è Felicel’aggia fà fernuta!).

PUPELLA (uscendo): D. Giacchinolo patrone de casa.

LUISELLA: Oh!

CONCETTA: è arrivato a tiempo!

 

SCENA SECONDA

 

D. Giacchinoe dette.

 

GIACCHINO (esce fregandosi le mani): Buongiorno.

CONCETTA: Buongiorno.

GIOACCHINO: Come statestate bene?

CONCETTA: Eh! non c’è male.

GIOACCHINO: D. Pascale nun c’è?

CONCETTA: Nonsignoreancora s’ha da ritirà.

GIOACCHINO: Mò so’ li 5 manco nu quarto e ancora s’ha da ritirà?

CONCETTA: Ancora s’ha da ritirà.

GIOACCHINO (a Luisella): E D. Felice manco nce sta?

LUISELLA: Nonsignore.

GIOACCHINO: Eh! Ma sapeteio nun pozzo j e venì continuamenteio tengo gliaffari miei! Dite ai mariti vostri che me pagasserosi no nce ncuitammoseriamenteio avanzo 5 mesi di pigionee non posso aspettare più.

LUISELLA: Queste sono cose che a noi non ci riguardanorivolgetevi a chi hafirmato l’affitto.

GIOACCHINO: Va benel’affitto l’ha firmato D. Pasqualema vuje abitatecu isso?

LUISELLA: Che c’entra? Sempe D. Pascale ha da pagà.

GIOACCHINO: D.a Cuncèvuje sentite?

CONCETTA: V’avarria pagà D. Pascale sempe che vuje avisseve avuto fiduciad’issoma vuje vulisteve lo garantee per conseguenza il garante paga.

LUISELLA: Lo garante ha da penzà pe mee pe nu figlio che tene.

CONCETTA: Caspita! E tu lo cure assai chillu guaglionelo faje j senzacammisa!

LUISELLA: E che nce aggia penzà io?! Nce ha da penzà lo padre.Bastantemente chello che l’aggio fatto. A la fine po’ nun m’è figlio ameè figlio a la primma mugliera.

CONCETTA: Osìaosìaa la vera mughera!

LUISELLA: D.a Concèstatte zittasi no me faje passà nu guajo!

CONCETTA: Nolo guajo lo passo io!

LUISELLA: Nolo passo io lo guajo!

CONCETTA: Noio.

LUISELLA: Noio!

GIOACCHINO: Nolo guajo l’aggio passato io. (Gridando:) Vì che bell’affittoche facette.

CONCETTA: D. Giacchìscusate che facimmo sti chiacchiere nnanze a buje?

GIOACCHINO: Che me ne preme a me de i fatte vuoste! Io vengo per esserepagatoe non voglio cchiù aspettàchesta è l’ultima vota che so’venutomò m’assetto ccàe ccà faccio scurà notte. Quanno veneno m’hannadicere chi ha da pagàaltrimenti mi avvalgo dei dritti che mi accorda lalegge: prima e seconda citazionepoi sentenzae poi sequestro! (Guardaintorno.) Eh! E che sequestro cca?! Chiste stanno cumbinate de chesta manerance so’ ancappato justo io! (Siede.) Che porcheria! 22 lire a lo mese...Unnece lire perono! Due uommene che nun ponno caccià 11 lire lo mese!... E nunvulimmo pagà li 2 lire a lo guardaporte — e nonsignore nun le pagate. Nunvulimmo pagà nu soldo a sera pe lo lampione — e nun lo cacciate. Doje lire alo mese nun de putimmo caccia pe l’acqua de serinonce jammo a tirà l’acquadinto a lo palazzo de rimpetto — fate come voletenon cacciate manco ste 2liree ve facetta chiudere lo rubinetto. Che altro doveva fare?... So’proprio truffatori... non vonno pagà!

LUISELLA: D.a Concèquanno vene lo marito vuosto m’avita fà spiegà chevonno dì chelli parole che m’avite ditto.

CONCETTA: Va beneve le facimmo spiegà.

LUISELLA: Pecchécapitevuje site vecchiae una cu buje nun se po’mettere.

CONCETTA: Nonon mporta che so’ vecchiaquanno vuò parlàparlammo.

LUISELLA: E va benestasera parlammoe si chillu turzo de mariteto se mettepe miezolo scommo de sango. (Via.)

CONCETTA: Vattennescumme de sango!... Tu non haje fatto mai niente!... Nunfà la ricca de vocca!

PUPELLA: Va buonomammàfernitela mò! (Va alla finestra.)

CONCETTA: Vedite chi have lo curaggio de parlà. Na povera criatura de 8 anneche la fà stà senza cammisa!... Chellaessanun l’è mugliera a D.Felice... la vera mugliera nun l’è morta... stanne spartute da 6 anne!... (AGiacchino.)

GIOACCHINO: D.a Concèa me chesto non me premeio sto penzanno a li 5mesatelassateme stà!

PUPELLA: E papà nun se vede! Mammàio tengo fammaio tengo famma!

CONCETTA: Haje ragionefiglia miama comme faccio?... D. Giacchìprestateme 5 liredimane ve le dongo.

GIOACCHINO: NienteD.a Concetta mia!!... So’ asciuto cu 2 centesimi dintoa la sacca.

CONCETTA: E va bene! Isso non se ritirae io mò vaco a fà n’auto pigno.(Apre il tiretto del comò.) Stu soprabito niro e sti due lenzole. (Fa uninvolto col fazzoletto.) Pupèio mò vengo lestoporto miezo ruotule demaccarune pe nuje soledue custateuna a te e una a mee nce magnammo tuttecose a la faccia lloro!

PUPELLA (a Giacchino): A la faccia vosta!

GIOACCHINO: A la faccia toja... e de mammeta!

CONCETTA: Tu pe tramentePupèmiette la caudarae fà vollere l’acqua.

PUPELLA: Sìsìmò faccio lesto lesto. (Via dalla prima quinta asinistra.)

CONCETTA (si mette ilcappelloe si butta sulle spalle lo scialle rappezzatoche trovasi in scena.): PermetteteD. Giacchì! (Via pel fondo.)

GIOACCHINO: Fatefate. Mamma miache genteche disperazione!... E chistecomme me le danno 110 lire?... Ehcomme me le danno?... E a me che me ne preme!Nce hanna penzà llorosino pe la fine de stu mese le manno sequestro esfratto!... Vide ccà!... Li segge spagliatena caccavella ncoppa a lo cummònu vacile pe terra... Gente sguajata! Gente sguajata!...

 

SCENA TERZA

 

Luigino e dettipoi Pupella.

 

LUIGINO (di dentro): è permessobellezza mia?

GIOACCHINO: Chi è? Favorite.

LUIGINO (fuori): Oh! chi vedo! D. Giacchino! E voi comme state quabellezzamia?

GIOACCHINO: So’ venuto pecché avanzo 5 mesate da due galantuomini che sefittarono stu quartino mio; e vuje che ghjate facenno da chesti parte?

LUIGINO: Lo volete sapere? E io ve lo dicobellezza miama basta che nondite niente a nessunoe specialmente a papàbellezza mia!

GIOACCHINO: Oh! Nun ce penzate.

LUIGINO: Dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di D. PasqualePupellauna vera pupatellae per quella giovinebellezza miafarei qualunquecosa.

GIOACCHINO: E cu papà come statein pace o in urto?

LUIGINO: In urtobellezza miasempre in urto!

GIOACCHINO: E bravo!

LUIGINO: Due mesi fa me pigliaje 1.500 franchi da dentro la scrivaniae me n’andailui non disse nientesolamente non me vò ricevere più in casa.

GIOACCHINO: E avite ditto niente!

LUIGINO: Noma quello fa cosìe poi le passasempre così facciamobellezza miaquanno me servevo denareio me li piglio e me ne vaco. Appena liho finitio per mezzo di mia sorellao per qualche amico che metto per lomezzo nce faccio pace... Mòper esempiobellezza miame so’ rimaste 4solde dinta a la saccadimane assolutamente aggia fà pace cu papàbellezzamia.

GIOACCHINO: E si dimane papà è tuostoe nun vò fà pacevuje commemagnatebellezza mia?

LUIGINO: Eh! nun fa paceio ne so’ sicuronce sta mia sorella che locumanna a bacchetta: E pò papà è ricco bellezza mia. L’inglese quando morìlasciò tutto a lui.

GIOACCHINO: Chi Inglese?

LUIGINO: Comme chi Inglese. Addò isso steva pe cuoco!

GIOACCHINO: Ahpapà era cuoco?

LUIGINO: Sissignorebellezza miae comenon lo sapete?

GIOACCHINO: Sìsaccio qualche piccola cosa.

LUIGINO: Sissignorepapà tre anni fa era cuocoe io aggio fatto tre annelo sguattere cu isso.

GIOACCHINO: Ah? Neh? (è stato tre anne impiegato co lo ministro de lefinanze!).

LUIGINO: Stava cu n’inglese ricchissimoil quale non tenendo parentibellezza mianon tenendo a nessunoquando morì lascio tutto a papa... Me pareda 300 mila lire.

GIOACCHINO: Ah!

LUIGINO: Sìpecche lo vuleva bene comme a nu padreerano venticinque anneca lo tenevae poi senza parenti.

GIOACCHINO: E bravo! Vì che bella fortuna!

LUIGINO: Eh! Solo questa? Oltre poi di questa fortunabellezza miapapàtiene la figliamia sorellache è prima ballerina di S. Carloe ognistagione piglia cinque o seimila lire... e capitetanta denari po’che nefannobellezza mia?

GIOACCHINO: Oh! Questo è certoè buono che frusciate voi qualche cosabellezza mia!

LUIGINO: MaD. Giacchìse vedete a papàve raccomandonon dite niente.

GIOACCHINO: Ohnon dubitate; anzisiccome domani nce aggia jpecché sevò accattà na casarella che tengo ncoppa a lo Vommerose mi riesceindiscorsometterà qualche buona parola per voi.

LUIGINO: E io vi ringrazio tanto tantobellezza mia!... Uh! Vene essa dachesta parte... quant’è bella!... D. Giacchìle voglio fà na sorpresanondite che so’ venuto. (Si nasconde in fondo.)

 

SCENA QUARTA

 

Pupella e dettiindi Concetta.

 

PUPELLA (con un ventaglio da cucina in mano): Aggio allummato lo fuocoeaggio misa la caudara. Me pareno mill’anne che vene mammà.

LUIGINO (mostrandosi): Eccomi a tebellezza mia!

PUPELLA: Isso! (Si nasconde il ventaglio dietro la schiena.) Ma scusatepecché site venuto accussì... tutto nzieme?... (Che scuornosi me vedé loventaglio!).

LUIGINO: E che fà?... forse ne avete avuto dispiacerebellezza mia? Ieri algiornose vi ricordatevi feci segno che stamattina sarei salito... Se poivolete che me ne vadaio me ne vado.

PUPELLA: Nochestono... macapite... si avesse saputo... (D. Giacchìpigliateve lo ventaglio). (Giacchino ride e finge di non udire.) Quanno nafigliola sta solanon è regolare che ricevesse nu giovinottoe specialmentepo’ quanno sta figliola non sta prevenita... pecché io saccio l’educazionee saccio comme s’ha da ricevere nu signurino. (D. Giacchìpigliateve loventaglio!)

LUIGINO: Ma che educazione ma che riceveretu stai sempre benebellezzamia! Io son venuto per due cose; prima per sentire da quella bocca se mi amiveramentee poiper parlare con mammà e con papà. Dunquerispondimi sullaprima cosabellezza mia.

GIOACCHINO: (Vì che bella figura sto facennoda ccà dereto io!).

PUPELLA: Pe la primma cosami pare che non ci sta nessuna difficoltà...vuje avite potuto vedé se io ve voglio bene o no... (D. Giacchìpigliateve loventaglio.) Ogne ghiuorno site stato n’ora fermato mmiezo la stradaderimpetto a la fenesta miae iochiuveva o faceva friddoso’ stata llàaffacciata senza me movere. Pare che chesta sia na prova che ve voglio beneemò cchiù ve ne vogliopecché aggio ntiso che vulite parlà cu mammà e cupapà.

LUIGINO: Oh! Brava! Brava chella Pupella mia!... Ma perché nascondi quellebelle manine? Fammene baciare unabellezza mia!

PUPELLA: Oh! Chesto po’ noscusate... quanno avite parlato cu mammà e cupapàsi loro vonnove la faccio vasà.

GIOACCHINO: Eh! Mi pare che sia regolare.

LUIGINO: è giustobellezza miae io ti giuro che farò tutto quello chevuoi tu. Ma perché tieni questa faccia così pallida? Forse è la passione chetieni per meo ti affligge qualche pensiero? Parla!

PUPELLA: Novedite... io sto sempe accussì... a li votetanto della facciabianca che tengo se credono che io sto malatamentre io sto benissimo! Non èveroD. Giacchì?

GIOACCHINO: Ahsicuro!... (D. Luigi chella se more de fammala mamma èghiuta a fà nu pigno pe le portà due maccarune e na custata!)

LUIGINO: (Voi che ditebellezza mia?!... Comequell’angioletto si muoredi fame? Possibile!).

GIOACCHINO: (Se more de fammabellezza mia!).

LUIGINO: (E io tengo 4 soldi!).

GIOACCHINO: (E che bulite da me?).

LUIGINO: (Giàche fa? Se non tengo denaritengo credito per tutte letrattorie... Mò faccio vepire il pranzo per 4 persone... maccheronicarnepollipescetutto! Quella ragazza non deve star digiuna!).

GIOACCHINO: (Bravo! Questo significa aver cuore!). (Entra Concetta.)

PUPELLA (vedendo la madre): (Ah! mammàsite venuta?).

CONCETTA (con l’involto del pegno): (Eh! So’ benutaaggio trovata l’agenziachiusa chella chiude a li quatto).

PUPELLA: (E comme facimmo?... Bastastateve zittacca nce sta chillugiovinotto che me vò spusà).

LUIGINO: Signora rispettabile... bellezza mia!

GIOACCHINO: (E che!... poteva mancà!).

LUIGINO: Se mi trovate qui in casa vostraè stato perché amo immensamentevostra figliaed essendomi assicurato che lei pure mi amaio senza perderetempovi dico che la voglio sposare.

CONCETTA: Signorequesta vostra sollecitazione nel parlaremi gonfia digioia e di condoglianza. Io come madre non potrebbo dare una decisione coincisa!All’infuori di me c’è puranche il padreche sarebbe il suo genitoresonocerta però che anch’egli quando sentirà questa cosa ne avrà moltagiubilazione. La ragazza avesse molta roba da portarle in dotema per le troppedisgrazie capitanate al padrenon tiene neanche il corriere. Come la vedete...la scrivete. Nella nostra casa non trovate altro che buone viscere e dissonore!

LUIGINO: (D. Giacchìvuje avite ntiso!).

GIOACCHINO: (Ha fatto na bella parlata!).

LUIGINO: (Me ne so’ accorto!). Signoraio non voglio nientevogliosolamente la ragazza.

CONCETTA: Va beneallora tornate domanie parlate pure col padre.

LUIGINO: Perfettamente! (D. Giacchìma i maccarune non l’ha portate?).

GIOACCHINO: (E io che ne saccio!... Mò ci domando io qualche cosa). (Va daConcetta.) D.a Concèvedite de cumbinàpecché chisto è figlio de n’amicomio ricchissimo... Vuje jate dinto a lo nietto!).

CONCETTA: (E comme! Ve pare? Sarria na fortuna!).

GIOACCHINO: (I maccarune non l’avite portate?).

CONCETTA: (Lassateme staD. Giacchìaggio trovata l’agenzia chiusa!).

GIOACCHINO: (Pure chesto!). (Si avvicina a Luigino e gli dice:) (Nun hapotuto fà lo pignoha trovata l’agenzia chiusa!).

LUIGINO: (Sangue de Baccoe si non veneva io comme facevano? Mò le mannotutte cose!). Dunquesignoraci vediamo domani.

CONCETTA: Venite senza meno.

LUIGINO: Oh! Vi pare!... D. Giacchìvoi ve ne calate?

GIOACCHINO: E comme me ne caloio aspetto a chilli llà.

LUIGINO: (Non ve n’incancatejammoncennedomani vi pago io!).

GIOACCHINO: (Veramente?).

LUIGINO: (Quà la mano).

GIOACCHINO: (Va bene!). D.a Concèa rivedercisalutatemi tanto tanto a D.Pasquale.

CONCETTA: E che d’ènon lo vulite aspettà cchiù?

GIOACCHINO: Non fa nientetorno un’altra volta. Stateve bene. (Via.)

LUIGINO: A rivedercibellezza miae buon appetito!... buon appetito!...(Marcatoe via.)

PUPELLA: Grazie. Eh!... Buon appetito!... Ccà nun ce sta speranza de magnà!...Mammàcomme ve pare stu giovene?

CONCETTA: Ehnun c’è malee nu simpatico giovinottoe po’figliamiabasta che te lieve da dinta a sta pezzentaria. D. Giacchino m’ha ditto ch’èfiglio de n’amico suojo ricchissimo... Sperammo a lo Cielo che facesseoveramente.

 

SCENA QUINTA

 

Luisella e dettepoi Pasquale.

 

LUISELLA (entra e va a vedere se c’è acqua nel catino): Acqua non ce nesta?

CONCETTA: Me pare che l’avite visto.

LUISELLA: E comme se fa senz’acqua? Io sento sete!

CONCETTA: E ghiatevella a tirà.

PUPELLA: Ched’ènon lo sapite che s’adda j a tirà a lo palazzo derimpetto?!

LUISELLA: Lo ssaccioma io aiere ne jette a tirà tre cati; putarrisseveavé la compiacenza de ne tirà nu cato vuje.

PUPELLA: Io ogge nun me fidome fa male lo pietto.

CONCETTA: E a me me fa male la capa.

LUISELLA: Me dispiace... ma chesto po’ è cosa de niente. Pe lo pietto ncevà na carta senapatae pe la capa nu paro de prese de tabacco; facite cinque osei sternutiscaturitee ve passa.

CONCETTA: Io nun aggio bisogno de scaturìscaturite vujeD.a Luisè!...

LUISELLA: E io nun tengo dolore de capaio sto bona.

PUPELLA: E nuje pure stammo bonema l’acqua nun la vulimmo tirà!

LUISELLA: Vì che dispiettoteh! Pare che si è accussìvuje pure nunavite da vevere... quanno vevite vujevevo io.

CONCETTA: Io pe me nun tengo sete.

PUPELLA: E io manco. (Io tengo fammaauto che sete!... La caudara starràvullenno pure!).

LUISELLA (alla finestra): Ahche bell’aria fresca!... Me pareno mill’anneche vene Feliciello... Me voglio mannà accattà miezu chilo de saciccenu pocode lattucae nu litro de vino buonome voglio cunzulà!

PUPELLA: Mammàmò che vene papà e porta i denariavimma accattà trecustate d’annecchianu ruotolo d’alice pe nce fà nturtierae due litre devino buono... Nce vulimmo addecrià!

CONCETTA: A la faccia de chi non lu po’ vedé!...

LUISELLA (canta): Fronn”e ‘e cerasa miafronn “e ‘e cerasacollerancuorpo a me nun ce ne trase... (Di dentro suona il campanello.)

PUPELLA: Chisto è certo papà!... Che bella cosa!... (Va ad aprire e tornasubito con Pasquale.) Papàfinalmente site venuto!... Io nun ne putevo cchiùde la famma... Iammocacciate i denariavimma piglià tre custatenu ruotolod’alice pe nce fà ntortiera e due litre de vino buono. Facite ampressajammocacciate i denari!

PASQUALE (siede in mezzo alla scena e getta il cappello): Pupèch’aggiacacciàfiglia mia! Stò cammenanno da stammatinae trun aggio potuto cumbinàna lira!... Tengo due solde dinto a la sacca: uno è papalinoe n’auto èfrancese!

CONCETTA: Tu che dice!... E comme se fa ogge cu sta povera guagliona?...Chella tene famma.

PASQUALE: E io ch’aggia fà? Anzeio me credeva che me faciveve truvàquatte maccarune.

CONCETTA: E comme te le facevo truvà?... Che m’è rimasto quacche cosastammatina?

PASQUALE: Nun t’aggio rimasto nientema tu vedenno che s’era fattotardeputiveve fa nu pignetiello.

CONCETTA: E nce vuleve che me lo dicive tu!... So’ ghiuta e aggio truvato l’agenziachiusa. (Luisella ride.)

PUPELLA: Mammàchella ridela vedite?

CONCETTA: Ehse capisce!... Mò D.a Luisella have ragione de riderepecchétu aspettave a pateto pe magnàe io aspettavo a maritemosenza penzà chechisto nun è stato mai né padre né marito... è stato sempe nu sfaticato!

PASQUALE: Sà! Si avimma accumincià la solita storiaio aizo ncuollo e mene vacopecché bastantemente la vita che sto facenno!... Po’ D.a Luisella neputarria fà a lo meno de ridere... quanno stammo a ridere... nuje putimmoridere assaje ncoppa a li spalle soje!

LUISELLA: Redite ncoppa a li spalle meje? Jatevennepezzentune!

PASQUALE: Pezzentuni si ma onesti!... chello ca nun songo ll’aute!

LUISELLA: D. Pascàparle comme hai parlàpecché si no chello che nunaggio fatto a muglieretalo faccio a te!

PASQUALE: Giàtu sì femmenafiglia miae cu te nun me pozzo mettere.

CONCETTA: Te le buò sentere tu sti parolepe la capa toja! Si nun avissejucatosi nun te fosse piaciuto lo vinomò tenarrisse ancora la puteca desalassatore.

PASQUALE: Tenarrìa ancora la puteca de salassatore? E che l’aggio levatape causa mia la puteca? è stata la epoca che s’è cambiata!... So’ stati imiedici che hanno rovinata l’arta nosta! Non più salassinon più salassinon vi togliete sangue! E nce hanno fatto j sotto e ncoppa a nuje puveriellieintanto siente morte repentine ogni ghiuorno. E perché? Per l’abbondanza disangue. Hanno fatto male a la gente e a nuje! Io quanno sento na morte desubitoahme recreo tutto quanto!... E muorto lo si Cicciolo putecarodesubitobene! — E muorto lo si Pascalelo cantinèrede subitobenone! —Si se salassavano nun murevano. Nuje sta morte cento nun la facimmo.

CONCETTA: E che vuò murì de subito! Nuje murimmo de debolezza. Nun medispiace pe mema pe chella povera criatura! (Una pausa.)

PASQUALE (a Concetta): Lo sapunaro è passato?

CONCETTA: Nun lo ssaccio! (Di malgarbo.)

PASQUALE (a Pupella piano): Felice s’è ritirato?

PUPELLA: No ancora.

PASQUALE: Figlia miaagge pacienzacore che papà tujo; chillo mò veneFelicielloporta quacche cosa de denaree io te faccio magnà... Tanta votence l’aggio prestate io a isso — Tiene famma assaje?

PUPELLA: Assaje!

PASQUALE: Lascia crescereè segno di salute.

CONCETTA: Poco prima è benuto D. Giacchjno lo padrone de casa e mò se n’èghiuto.

PASQUALE: E ca chillo è lo guajo! So’ 5 mesate ch’avanzaè addò sepigliano 110 lire? Chillu povero Feliciello sta arrujnato peggio de mecuchella vita che fa de la matina a la seracu chillo tavulino sotto S. Carlo! So’passato da llà verso l’unal’aggio truvato tutto arrugnatomuorto defriddoe fino a chell’ora nun aveva scritta ancora na lettera... M’hacercato nu muzzone de sicarioe io nun lo teneva manco! (Di dentro suona ilcampanello.) Ahchisto sarrà isso! Và arapePupè.

PUPELLA: (va ad aprirepoi torna): è Peppeniellolo figlio de D. Felice.

 

SCENA SESTA

 

Peppeniello e dettipoi Felice.

 

PEPPENIELLO (ragazzo di 8 anniveste miseramenteha un volto pallidissimo):Buongiorno.

PASQUALE: GuèPeppenièpateto quanno vene?

PEPPENIELLO: Mò venel’aggio lassato che steva arricettanno lo tavulino.

PASQUALE: E tu pecché staje accussìch’è stato?

PEPPENIELLO: Che adda essereD. Pascà!... Primme de tutto me moro de famma.

PASQUALE: Guètutte de nu culore!

PEPPENIELLO: Stammatina ch’aggio fatto marenna? Duje casatielle4 pizzefrittee nu soldo de sciuscelle.

PASQUALE: Scuse!

PEPPENIELLO: Pecché so’ ghiuto a truvà lo cumparee isso me l’haaccattatesi no adderittura starria diuno. E pe causa de lo cumpareaggioavute 2 cauce da papà.

PASQUALE: E pecché?

PEPPENIELLO: Pecché m’aveva mannato da nu signore cu na lettera cercannolequacche cosa de denare. Io me l’aggio misa dinta la saccae so’ ghiutoprimma da lo cumpare. Chillo m’ha accattate le pizzee io 3 me l’aggiostipate addò steva la lettera. Quanno so ghiuto da lu signoren’atu poco meruciuliava pe li grade... Ha vista la lettera tutta nquacchiata de nzognae s’èmiso ad alluccà: Dincello a quel porco di tuo padre che sti lettere l’ha damannà ai putecari comme a issonun già a nu signore!

PASQUALE: E se capisce!... Tu miette li pizze addò steva la lettera!

LUISELLA: T’ha dato 2 cauce? Io t’avarria acciso! Guè! Sà che te dicovide de te mparà n’artee và faticapecché nuje nun te putimmo dà amagnà!

PEPPENIELLO: Sissignorechesto lo sapimmo... e nun dubitate che ve levammola seccatura... Lo cumpare è senzale de serviture... me vò bene... e ha dittoche me mette isso a padrone. Pare che accussìcu li fatiche mejeme pozzoaccattà pizzecasatiellee sciuscelle!

PASQUALE: Tutti cibi delicati! Ma pateto porta quaccosa de denare o no? Nujestammo aspettanno a isso.

PEPPENIELLO: Ahstate aspettanno a isso? E state frische! Chillo nun hafatto manco nu soldo sta jurnata.

PASQUALE: Possibile? (Di dentro suona il campanello.) Pupèva arape.(Pupella viapoi torna.)

PUPELLA: D. Felice. (Entra Felicepallidoscarnovestito miseramente.)

PASQUALE: Felicièbuongiorno.

FELICE: BuongiornoPascà.

PASQUALE: Ccà aspettammo a telo ssaje?

FELICE: E mangiateio mangio dopo.

PASQUALE: Dico stamme aspettanno a te p’accattà quaccosa... Io stammatinanun aggio pututo fà niente.

FELICE: E aspettate a menehPascà? Io mò aggio fenuto de jastemmà commenu turco. Dall’otto fino a mòfosse venuto uno a farse scrivere na lettera!Me sò fatto nu piezzo de gelo. Poco primme steva menanno pe ll’aria lotavulino cu tutte le penne! è na vita ca nun me la fido de tirà cchiù nnanze!Mò se dice che nce vonno mettere pure la tassa. Ogne lettera 2 centesimiencoppa a lo fuglietto nce ha da sta pure lo francobollo de nu centesimo.

PASQUALE: Pure chesto?!

FELICE: E all’anno nuovo i scrivani hanna pagà la ricchezza mobile!

PASQUALE: Eh!

FELICE: Avevo mannato a chill’assassino de figliemo cu na lettera addò nusignore. (Vedendo Peppeniello:) Ahstaje lloco!! Zitto mò!... Chillo è nusignore tanto buonoche me canosce da tanto tiemposape comme steva primma ioe sempe che aggio avuto bisogno de quacche cosa me l’ha mannato. Mò 2 liremò 4 liremò 5 liree a Pasca e a lo Natale m’ha mannato fino a 10 lire.Embè?!... chillo stammatina le porta la lettera tutta nquacchiata de nzogna...Ah! (Fa per inveire.)

PASQUALE: Lassalo jFelìchillo è guaglione!

PEPPENIELLO: E che sto’ stato io? Sò state le pizze... Ma po’ asudisfazione ve l’aggio data?

FELICE: Che sudisfazione m’haje data?

PEPPENIELLO: Chelli 3 pizze che hanno nquacchiata la letterann’aggiofatte 3 muorze!

FELICE: Ahn’è fatte 3 muorze?! (Fa per inveirema Pasquale lotrattiene.) Pascà lassemechillo me cuffeia!

PASQUALE: Nun mportalassalo j!...

PEPPENIELLO: Nun lo vattere! (Felice vuole inveirema Pasquale lo trattieneancora.)

FELICE: Pascàlasseme!... Lasseme fà lo padre! Tu accussì me fai perderelo rispetto.

LUISELLA: Vedite che padre! Sciù pe la faccia toja! Miettatenne scuorno!

FELICE: Ma quanno chisto Pascale me tene!... Guagliò! Dimane penza a chelloche hai da fàvattenne da nu mastoe mparete n’artepecché si no tefaccio fà la morte...

PEPPENIELLO (interrompendo in tuono canzonatorio): De li sureci e de liscarrafune!

FELICE: Mò vaco vennenno lo beleno pe li surecemò? Pascàlassame!...

PASQUALE: Nun mportaFelì.

FELICE: Va buono nun te n’incaricàstasera parlammo!

LUISELLA: Eh! Parle dimane!... Da quanto tiempo l’avarria pigliatoe me l’avarriamiso sotto!

PEPPENIELLO (si avvicina a Luisella): Vuje a che ve mettite sotto? Ma che m’avitepigliato pe cavalluccio?... Me ne vacosissignore!... Ogne tanto na mazziataogne mumento na strillata... E che sè fatto nu cane?!... Mò vaco adde locumparee isso me mette a servì: fatico e magno. Po’ essere che trovo nupadrone che me vò benee ccà nun ce vengo cchiù!... Maje cchiù. (Quasipiangendova via di corsa.)

CONCETTA (piangendo): Povero guaglione!

PASQUALE (piangendo): Povera criatura!

FELICE: Pascàtu sì brutt’assaje!... Me pari na capa de morte!

PASQUALE: Chiammatelo! Chesto che cos’è?... (Va alla finestra e chiama:)PeppenièPeppeniè!... Eh! Chillo sta currenno de chella manera!...

CONCETTA: Ha fatto buono che se n’è ghiuto!... Povero piccerillo! Sempemaltrattato...

LUISELLA: Vuje ntricatevi de li fatte vuosti. Chiste songo affari che nun v’appartengono!

CONCETTA: A me?!... E chi nce risponne! è stato pecché m’ha fattocumpassione!

LUISELLA: Jatevenne! Cumpassione?... Viate chi have cumpassione de vuje!

CONCETTA: Luisèmò accummience n’ata vota?... Vì si la vuò fernì!

LUISELLA: E vi si la vuò fernì tu!... Da stammatina me staje mettenno cu lispalle nfaccio a lo murotu e stu mamozio de mariteto!

PASQUALE: Ched’èmò sò mamozio?

LUISELLA (a Felice): Guèsa che te dico! Dimane vide de truvà na cammerana putecapure nu suppignobasta che nce ne jammo da ccà.

CONCETTA: E lo stesso dico pure a te! (Urtando Pasquale cade addosso aFelice.)

FELICE: Va benedimane se ne parlache cos’è?... Avita fà sempechiachiere!

PASQUALE: A la fine nun è stata na gran cosaavimmo avuto dispiacere che sen’è ghiuto lo guaglione.

FELICE: Ma che ghiuto e ghiuto! Chillo mò và adde lo cumparese magna 3 o4 ova tostee po’ torna. Pensammo nuje invece comm’avimma fà! Se putessefà nu pigno?

PASQUALE: Nun se po’ fàpecché l’agenzia sta chiusa.

LUISELLA (a Felice): E doppo che steva apertache te mpignave? Io pe me nuncaccio manco nu maccaturo cchiù!

PASQUALE: Chi v’ha ditto niente a buje. D.a Luisè? Mamma miame parite nufiammiferosubito v’appicciate!

LUISELLA (a Felice): Io po’ vularria sapé na cosa da te. Tu 3 ghiuorne fame purtaste na lira e mezal’autriere me purtaste 26 soldeaiere na liraogge nun haje purtato niente? E che lo tiene a fà lo tavulino sotto S. Carlo?

FELICE: E che aggià fa? Che buò da me? Dimane o doppo dimane me lo venno...Chillo nce sta pure nu pede attaccato cu na funicella!... E po’ caro Pascaleè na speculazione che non bà cchiù... Simme assaje!.. Ogne tanto te videpresentà uno cu nu tavulino... senza sapé leggeresenza sapé scrivere...Primme pe fà lo scrivano sotto S. Carlos’aveva dà n’esame: linguaitalianalingua francesee calligrafia! Mò addò stà?... Tutte quante fannoi scrivani!

PASQUALE: Lo fatto mioche nisciuno vò jettà sango.

FELICE: E pecché?

PASQUALE: Pecché nisciuno se salassa cchiù.

FELICE: Pascànun sapevo che dicive!... nisciuno vò jettà sango.

PUPELLA: Vuje parlatema se po’ sapé quanno magnamme?

PASQUALE: Concètu che vulive mpignà?

CONCETTA: Lo soprabito tujo cu 2 lenzole... Sta ancora mappata ncoppa a lolietto.

PASQUALE (prende l’involto e si avvicina a Felice): Feliciè?

FELICE: Aggio capitoaggio capitoe chesto stamme facenno ogne ghiuorno.

PASQUALE: Va addo lo putecaro a la cantunata.

FELICE: Quà cantonata?

PASQUALE: Addo lo putecaro che sta a lo puntone.

FELICE: E dì a lo puntone! Tu te ne viene cu la cantonata.

PASQUALE: Te fai dà un chilo e miezo de lengue de passerenun te fà da imaccaruncielle ca io nun ne mangio.

FELICE: Pascàcu sta famma che tienevaje penzanno pure la qualità de lapasta?

PASQUALE: Nopecché i maccaruncielle fanno peso a lo stommeco.

FELICE: Tu cu sta famma che tiene te mangiannisse pure le corde!

PASQUALE: Po’ te fai dà miezo quanto de nzogna buona... E lo zuchillocomme lo facimmo? Te fai dà miezo chilo de saciccee na buatta di pomidore...Fatte dà na buatta grandebonapecché io i maccaruni li magno nquacchiatinquacchiati. Po’ rimanimmo asciutte asciutte?... Te fai dà 10 ovedoje ovepedonotu li 2 ova toje te li magne? (Felice fa segno di sì.) Te fai dà miezochilo de muzzarellapecché io ova assolute nun aggio mangiate maje... Sempeova e muzzarella! Te fai dà nu panetto de burro friscopecché all’ova emuzzarella se fanno co lo burromai con la sugna. Te fai dà doje palate depane e quatte frutte sicchenoci e castagnee te fai dà pure na lira ndenaroe piglie 2 litre de vino adde lo canteniere de rimpetto... Va!

FELICE (con ironia): Ma ccà dinto nce sta l’orologio e la catena?

PASQUALE: Nce sta rroba che va cchiù de l’orologio e la catena!

FELICE: Mò te la chiavo nfaccia la mappata! Chillo si pure me dà nu chilo emmiezo de menuzzaghia!.. E chillo se ne vene co lo burrola buatta depomidoro... Io si le cerco tutto chello che m’haje dittochillo me menaappriesso 7 o 8 buatte vacante.

PASQUALE: Lloco dinto sta lu soprabito mio de quanno facevo lo salassatore.

FELICE: E me vuò mparà a me lo soprabito tujo! Chillo s’aricorda lo 48! Epo’io nun ce pozzo j adde lo putecaropecché tene nu cazone e nu gilè mioda nu mesee nun me l’aggio pigliato cchiù!

PASQUALE: E io manco nce pozzo jpecché 15 juorne fa le portai na coverta d’inverno.

FELICE: E chisto lo putecaro tene tutta la rroba nosta.

 

SCENA SETTIMA

 

Eugenio e detti.

 

EUGENIO (di dentro): è permesso?

FELICE: Chi è? Favorite.

EUGENIO: Scusateabita qui un certo D. Pasquale... Ah! Eccolo là.

PASQUALE: Che vedo! Lo marchesino!

FELICE: Lo marchesino?

PASQUALE: Marchesino rispettabile! E come va da queste parti? Accomodatevi!(Tutti si affollano per prendere le sedie. Pasquale prende una sedia spagliata ela butta viane prende un’altra sulla quale è il catinoma vede che èbagnata e la butta viane prende una terza sulla quale è il braciere con laceneree la getta viaprende la quartala pulisce benee l’offre almarchesino. Tutto questo con molta fretta.)

EUGENIO: Carissima D.a Concetta.

CONCETTA: Caro Marchesino.

PASQUALE: Mi dispiace che ci trovate in questa maniera. Per voi questa è unastallauna rimessa...

FELICE: E chisto è lo ciuccio! (Mostra Pasqualeil marchesino ride.)

PASQUALE: Accomodatevi. (Tutti seggonoFelice siede sulla sedia senzafondo.) E papàil marchesecome sta?

EUGENIO: Ehnon c’è malegrazie.

PASQUALE: Va appriesso ancora a tutte le ballerine?

EUGENIO: Sempresempree poi con me fa il severo.

PASQUALE: Giàme ricordo... Nehvi presento l’amico mioFeliceSciosciammocca.

EUGENIO: Tanto piacere!

FELICE: Fortunatissimo! E pronto sempre a servirvi a barda e a sella.

EUGENIO: Graziegrazie. (Seggono.)

PASQUALE: Quanno io tenevo la puteca de salassatorelo patre de stu gioveneera io patrone de casa mia... che perla de signoreche nobilone!... E mammàla Marchesamorìnon è vero?

EUGENIO: Sicuro! Sono 4 anni.

PASQUALE (volgendosi a Felice in tuono patetico): Morìla marchesa!

FELICE: (E che me ne preme a me!).

PASQUALE: Che signorona!... Era na dama!... Dunque?... che v’aggia servìche vò dicere sta visita?

EUGENIO: Si tratta di un gran favoreche solamente voi e vostra moglie mipotete fare.

PASQUALE: Io e mia moglie? (Felicièchisto vulesse quacche cosa dedenare?).

FELICE: (E s’è diretto bene!).

PASQUALE: Parlate! (Un momento di titubanza da parte di Eugenio.) Nomarchesìputite parlà liberamente. Felice più che amico è un fratello.

EUGENIO: Posso fidarmi? (Dà la mano a Felice.)

FELICE: Fidatevi pure. (Io nun me fido cchiùtanto de la famma!).

EUGENIO: Dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di un certo GaetanoSemmolonedetto fritto mistoperché è stato cuoco fino a 3 anni fa. Poiereditò tutti i beni del suo padronee oggi si fa dare l’eccellenzae vuoifare il nobile mentre non sà né leggerené scrivere. Tiene un angelo difigliaalla quale fin da bambina fece studiare il balloed ora è scritturataal S. Carlo come prima ballerina. Essa però non è contenta del suo statoattualemi ama veramentevorrebbe esser mia...

PASQUALE: E il padre si oppone?

FELICE: Il padre è streppone?

PASQUALE: Il padre si oppone!

FELICE: Ahio avevo capitoil padre è streppone.

EUGENIO: Noecco quavi dirò: il padre vuole maritarlama dice che devesposare un nobile.

PASQUALE: E buje nun site nobile?

EUGENIO: Sima l’intoppo sapete qual’è? è che i miei parenti nonacconsentiranno mai a questo matrimonio.

CONCETTA: Ma allora scusatenun è lo padre de la figliolama sò iparienti vuoste.

EUGENIO: Sicuroma ecco quaio gli ho detto che ci facesse sposareequando tutto è fattomio padre si persuaderà e saremo felici. Questo non lovuol faree mi ha detto: Allora metterete piede in casa mia quando porteretequi il marchese vostro padrevostra ziala contessa del Pero.

PASQUALE: Ah! N’auta signorona!

EUGENIO: E vostro zioil principe di Casador...

PASQUALE: Ah! N’atu nubilone!

FELICE: (E tu si nu seccantone!).

EUGENIO: Orascusatemiche posso fare iopovero giovine? Posso andare damio padremio zio e mio zia e dir loro: venite in casa di Gaetano Semmolonel’excuocoa parlare del mio matrimonio con la figlia che è ballerina? Ditemi voise lo posso fare?

PASQUALE: Ohè impossibile! Chille so’ la crema de la nobiltà! Propriochello de coppa coppa la nobiltà! (A Felice.)

FELICE: Comme a nujeper esempioche simmo chello de sotta sotta lamiseria!

PASQUALE: Embèscusatecome vi regolate?

EUGENIO: Avevo risoluto di non pensarci più. Ma che volete? Io amo troppoGemmae sento che non posso dimenticarla facilmente!

PASQUALE: E che bulite fà?

EUGENIO (avvicinandosi con la sediamentre gli altri fanno lo stesso): Voisoloamico miovoi solo mi potete aiutare.

PASQUALE: Ma in che modoscusate?

EUGENIO: Voi dovete diventare il marchese Ottavio Favettimio padre. (AConcetta:) Voi la contessa del Peromia ziae qualche altro amico vostro... (AFelice:) il signoreper esempioil principe di Casadormio zio.

FELICE (ridendo): Vuje che dicitemarchesì? Ma chesto è impossibileiosto cumbinato de chesta manera! Io faccio lo principe de Casanova?!...

PASQUALE: Che CasanovaCasador!... Marchesìma voi che dite. Come èpossibile che noi...

EUGENIO: Sivoie dove trovar di meglio? Faremo una bella finzione: iostesso vi presenterà in casa di Gemma.

FELICE: Mamarchesìscusatequi non bisogna abbordare. Voi adesso vitrovate accecato dall’amoree non badate alle conseguenze; qua bisogna benponderare le cose. Chesta nun è na pazziella; si chillo se n’addona e nce fanu paliatonenuje addò nce lo jammo a cagnà?

EUGENIO: Ma che! A questo non ci pensate nemmenoio conosco il tipo. Ilpadre di Gemma è un asinoe quando crederà di avere in casa una famigliatanto nobile per la troppa gioia non comprenderà più nientee io avrò tuttoil tempo di riuscire nel mio scopo.

FELICE: Allora va bene.

PASQUALE: Io chi songochi songo?

EUGENIO: Mio padreil marchese Ottavio Favetti.

PASQUALE: Io so’ Favetta.

FELICE: E ioe io?

EUGENIO: Mio zioil principe di Casador.

CONCETTA: E io chi songo?

EUGENIO: Mia ziala contessa del Pero.

PUPELLA: Papàe io nun songo niente?

PASQUALE: Già!... E con mia figlia come facciamo! Io po’ addò la resto?

EUGENIO: Aspettate!... mia zia tiene una figlia... mia cugina... Benissimo!verràanche leie sarà la contessina del Pero.

PUPELLA: Uh! Che bella cosa! Che bella cosa!

EUGENIO: Quello che vi raccomandoaria di nobiltàalbagia... Io poi domanimattina verrò e vi darò altre istruzioni. Se farete bene le vostre partisaprò ricompensarvie poi là mangeretebeverete... Per esempio a colazione— omelettecotoletteformaggio — A pranzo: maccheroniragùpatatinefunghifagiolinipescepollidolci. (Pasquale sta per svenire ascoltandoquella enumerazione.)

FELICE: Marchesì!... Marchesì... voi fate perdere nu padre de famiglia.

EUGENIO: Perché?

FELICE: E chilloPascalegià sta mangianno!

EUGENIO: Eh!... Là starete allegramentee chi sa per quanti giorni.

PASQUALE: (Che dicenehFelì?).

FELICE: (Jamme!... che putimmo avè cchiù de na mazziata?).

PASQUALE: E addò avimrna da jluntano?

EUGENIO: Non tantoecco il suo indirizzo. (Caccia fuori da un portafogli unbiglietto e lo dà a Pasquale.)

PASQUALE (leggendo): «Cavalier Gaetano Semmolone» Ah! è Cavaliere?

EUGENIO: Ma che cavaliere! è un titolo che si è dato egli stesso.

PASQUALE (leggendo): «Riviera di ChiaiaN. 155primo piano nobile».(Mette il biglietto da visita sul tavolino. Luisella lo prende.) Oh! marchesìn’auta cosa: comme venimmo llà?... Nuje stammo de chesta manera!...

EUGENIO: Oh! Si capiscepenserò io a tutto! Domani verrò con tutto quelloche occorre.

PASQUALE: Ah! Mò va bene.

FELICE: Ma scusatearrivati llànoi che dobbiamo dire?

EUGENIO: Lo saprete domaniper ora lasciatemi andare. Vado a scrivere unalettera a Gemma per prevenirla di tuttoe vi ringrazio di cuore del gran favoreche mi avete fatto.

PASQUALE: Ma voi siete il padrone di tutto il mio sanguedel sangue di miamogliedi mia figliade lu sango...

FELICE (canzonando): ‘E puorco!... De lo sango de puorco!... (Eugenio faper andarsene.)

LUISELLA: Marchesìscusatequanto ve dico na cosa.

EUGENIO: Parlate.

LUISELLA: Questo signoreche dev’essere il principe di Casadorvostrozionon vi ha detto che tiene una mogliela quale sono io... M’avarriapurtà pure a menun ve pare?

EUGENIO Mi dispiacecara miama non è possibile. Saremmo troppi... E poimia ziala pnncipessa di Casadorsi trova gravemente ammalatae tutti losanno... Malattia di petto!... è un anno che non esce di casa.

FELICE: Nonsignorechella ha pazziatova llàvattenne! Si lo marchesinoputevat’avarria fatto venì pure a te. Noi non vogliamo distogliervi daquello che avete stabilito.

EUGENIO: Dunquea rivedenci domani... Carissimo D. Pasquale!

PASQUALE: Caro Marchesino.

EUGENIO: E di nuovo graziegraziegrazie. (Stringe la mano a Pasquale.)

PASQUALE: Nientenienteniente. (Eugenio via.)

LUISELLA Guè!... Vì ca sta vita nun me la fido de la fà cchiùperciòvide chello ch’haje da fàspigneme tutto chello che tengo mpignatopecchéme ne voglio j.

FELICE: Luisèti aggio ditto tanta vote nun m’annumenà li pignepecchéme ne faje j de capa! Tu sai comme stevae si me facevano impressione li pignetuoje!... Chi sente ogne tanto sti pigneva trova che se crede. Pe spignàtutte coseche nce vè?... quarantasette franchi miserabili.

LUISELLA: E quanno te servettero nun erano miserabili?

FELICE: Me servettene pe te dà a magnàcapisce?!

LUISELLA: E chi te l’ha fatto fà? Quanno io aveva magnà cu li pigne mieinun stevo suggetto a tte!

PASQUALE: Va buonofernitela!

FELICE: Mannaggia la capa miamannaggia! (Si strappa dal petto un lembo delsoprabito.)

PASQUALE: Ohhaje fatto chesto!

FELICE: Nun fa nienteera la sacca pe li sicarette. Chellame lo dicevaBettina muglierema: na femmena comme a metu nun la truove!

LUISELLA: E se capisce che nun la truove comme a mugliereta!

FELICE: Pecché? Che le vuò dicere a chella?... Statte zittasà!... Nunparlà de chella femmenapecché si no me faje fà lo pazzo!

LUISELLA: Vattennefaje lo pazzo! Tu nun haje fatto mai niente!... Isso falo principechella fa la cuntessae ccà nimmaneva la serva lloro!

CONCETTA: Nun c’era niente de male!... Quanno se vò bene a n’ommo se fatutto.

LUISELLA: Tu statte zitta tupecché a te te tengo nganna!

CONCETTA: A me me tiene ncanna? Vattenne ca io cu tico nun me voglioappiccecàpecché me sporco li mmane!...

LUISELLA: E sporcatelle sti manefamme stu piacere!

PASQUALE: T’aggio ditto tanta votetu nun risponnere!... Quanno stongo ionnanzetu statte zitta!

LUISELLA: E sicuro!... Quanno nce sta l’ommoha da risponnere l’ommo.(Ride.)

PASQUALE: PecchéscusateD.a Luisèio nun songo ommo?

LUISELLA: Jatevenneommo! Nun ce vò niente cchiù!

PASQUALE: Felìagge pacienzachesta insultae io nun lo voglio passà nuguajo!

CONCETTA: Ma quanno lo vuò passà nu guajoquanno? N’auto marito a chest’oral’avarria scummata de sango a chella!

LUISELLA (gridando): A chi scumme de sangoa chi?

FELICE: Chistepo’ve dico a bujenun sò cunziglie che li dà namugliera bona! (Pupella sta in mezzoed ora trattiene l’unoed ora l’altro.)Scumme de sangoe nun scumrne de sango... Pascale nun è ommo de passà guaje!

PASQUALE: Addòquanno maje!

FELICE: A te po’quanno è dimaneme voglio vennere l’uocchie pe tespignà li pignee po’ vattenneche nun te voglio vedé cchiùsà!

LUISELLA: Se capisce che me ne vacoma haje da vedé primme che te faccio!

FELICE: Che me fajeche me faje? Me vulisse vattere... dì la verità?

LUISELLA: E che ne sacciomò vedimmo!

CONCETTA: Lassatelalassatelasi no chesta ve fa j ngalera!

PASQUALE: Statte zitta tusi no te piglio a schiaffe!

CONCETTA: Uh! Me piglie a schiaffe a me!

PASQUALE: Sia tea te!

PUPELLA: Papà! Papà!

FELICE: Va benenun l’avisse maje ditta sta parolavoglio vedé che faje!

LUISELLA: E po’ lo bide!

CONCETTA: Haje ditto che me piglie a schiaffia me! Te l’aggia fàannuzzà ncanna sta parola!

PASQUALE: E po’ vedimmo! (Scambio d’ingiurie e d’invettivea soggettoe volontà dell’attore.)

(Questa scena deve essere eseguita con molto calore. Poi tutti seggono. Dallaporta in fondoa drittasi avanza uno sguattero ed un facchinoche portanouna grande stufa. Senza parlaresi avvicinano alla tavolae posano a terraaipiedi di Felicela stufa. Il facchino va via poi torna con due fiaschi di vino.Lo sguattero scopre la stufatira fuori una grossa zuppiera di maccheronipoidei pollidel pescedue grossi pezzi di panetovaglioli e posatementre ilfacchino pone in tavola i due fiaschi di vino. Egli e lo sguattero riprendonopoi la stufa vuotaarrivano sotto la porta in fondosi voltano solutando conun cenno della testae vanno via. PasqualeConcettaPupellaLuisella eFelice si avvicinano alla tavola. Poi si alzano di bottoetutti in piediintorno alla tavolasi slanciano con grande avidità sui maccheroni fumigantidivorandoli e abbracciandoli con le mani. Cala la tela.)

ATTO SECONDO

 

 

Salotto in casa di Don Gaetano. Mobili doratiun divanodue poltroneseipoltroncine. Due mensole con specchiorologio e candelabri. Nel centro dellacamera pende un lampadario. Molte corbeilles di fiori sono sparse per la scenae tutte recano il biglietto da visita del donatore. Un tavolino con occorrenteda scriverecampanello a timbro e album di fotografie. Porta d’ingresso infondoquattro usci lateralida uno dei quali — il secondo a destra delpubblico — si accede in giardino.

 

SCENA PRIMA

 

Vicienzo e Peppeniellopoi Gaetano e Biase.

 

VICIENZO (dal fondo a Peppenielloche lo segue con un involto sotto ilbraccio): TrasetrasePeppeniè!... Nun avè pauraaspetta ccàe non temovere. Chillo mò esce lo patronee io te ce presento. Haje capito?

PEPPENIELLO: Sissignore.

VICIENZO: Vedite llà!... A chell’aità!... Povero guaglioneva truvannode fà lo servitore pe magnà. Madimme na cosavienè ccà... tu a Michele losenzale comme lo canusce?

PEPPENIELLO: Pecché ha fatto lo cumpare a paterno... e io le songocumpariello.

VICIENZO: E isso t’ha mannato ccà?

PEPPENIELLO: Sissignoreha ditto va llàca chella è na bona casa pe ttence sta Vicienzo che è amico strettoparla cu chilloe nun te n’incaricà.

VICIENZO: Va benema fino a nu cento puntoPeppeniello miopecché io nunsongo lo patrone. Mò vedimmo isso che dice. Si te vò fa stàbenee si no ch’aggiafà?... Te ne vaje.

PEPPENIELLO: Me ne vaco? E addò vaconehD. Viciè?... Io me moro defamma!

VICIENZO: (Vuje vedite chisto comme è curiuso! Da na parte me fa purecumpassione!). Ma dimme na cosa: tu tiene mammatiene patre?

PEPPENIELLO: Li ttengoli tengoma comme nun li tenesse.

VICIENZO: E pecché?

PEPPENIELLO: Pecché stanne cchiù disperate de me... A casa mia se magna nujuorno sì e nu juorno no...

VICIENZO: Aggio capito! Ma pateto e mammeta po avessena strillà che tu stailuntano da la casache faje lo servitore?

PEPPENIELLO: A chi?!... Chille hanno ditto: mparate n’artee vattennepecché nuje nun te putimmo dà a magnà.

VICIENZO: Ah! Chesto hanno ditto? E bravo!... Vì che belli patre e mamme!...Va buonoPeppeniènun te ne incaricànce stongo io che penzo pe tte!...Dinto a sta mappata che puorte?

PEPPENIELLO: Lo vestito da servitoreche m’ha rialato lo cumpare.

VICIENZO: Va bene. (Mò dico a lo patrone che chisto m’è figlioeo vòo nun bòse l’ha da piglià pe forza). Sientesi tu vuò rimane certo dintoa sta casahaje da dicere che io te so’ patre; e quanno lo patrone t’addimanna:«Vicienzo che t’è?» tu haje da risponnere: M’è patreeccellenza. Hajecapito?

PEPPENIELLO: Vuje abbasta che me facite magnàio ve chiammo pure mamma!

VICIENZO: E chiunque t’addimanna haje da dicere sempe che me sì figlio.

PEPPENIELLO: Va bene.

GAETANO (di dentrogridando): Tu sì na bestiatu non sì buono a nientevattenne fora!

VICIENZO: Zittolo patrone! Mettimmece ccà. (Si ritirano in fondo.)

GAETANO (comparendo in iscena): Lassalassa a me! Mannaggia l’arma demammeta! (Reca una lunga treccia di rose e camelie. Biase lo segue.)

BIASE: Ma addò la vulite mettere?

GAETANO: La voglio mettere ncapo a mammeta!... Guardate! Aggia dicere a issoaddò la voglio mettere...

VICIENZO: Eccellenzach’è stato?

GAETANO: Vicièstaje llocoe me faje venì stu mamozio de Puzzuole? Vieneccàsaglie ncoppa a chella seggiae miette sti fiori ncoppa a chella porta.(Indica il secondo uscio a sinistra.)

VICIENZO: Subeto! (Esegue.)

BIASE: Ma ch’avita da fà la festanehsignò? (Ride.)

GAETANO: Tu statte zitto e nun riderepecché si no te mengo da coppaabbascio!... Entrate fuori!

BIASE: Uh! Entrate fuori! (Ride.)

GAETANO: Guè! Non tanta confidenzasà!

BIASE: Ma io...

GAETANO (gridando): Fuori! fuori!

BIASE: Bis! Bis! (Via pel fondo.)

GAETANO: Va buonote voglio fà vedé io lo bislo ssà!... Vì checiuccio!... Faccio la festa! Comme si avesse mise tutte lampiuncielle. Io homesso tutte rose e cameliee ogni camelia m’è costata 5 soldi... Eh! E doppoche me custava 5 lireche me mpurtava?!... Per mia figlia Gemma voglio spenderequalunque somma. Oggi è l’anno avversario della sua nascitae l’aggiasulennizzà come si deve... E poipovera figliaso’ denare suojes’èfatica cu li piede... Vicièaisserachillu passo a duje!... Dì la verità?

VICIENZO: Ah! che lo dicite a fàeccellenza!... La signurina me pareva n’auciello.

GAETANO Bravo! N’auciello!... Che bella cosa!... Te ricuorde quanno avettechella sbattuta de mane che duraje cchiù de nu quarto d’ora?

VICIENZO: Sicuroeccellenza!

GAETANO: E tu pazzie!... Chella facette chillu passo accussì difficiletericuorde?... Mettette nu pede cu la ponta nterra e cu l’auto pede po’lacoppa a lo palcoscenicoscennette fino abbascio menanno cauce! (Esegue incaricatura.) Che bella cosa! Benedetta figlia miabenedetta!... quanno avettechella sbattuta de manen’auto poco me steva venenno na cosa dinta a laquinta.

VICIENZO: E se capisce!

GAETANO: Mò avarria essere viva Angelarosala mamma! quanno la vulevabene!...

VICIENZO: Ma scusatesignòchelli camelie pecché l’avite mise là?

GAETANO: Pecché chella è la cammera sojae mò che se ritira da lapasseggiatatrova la sorpresa. Vide ccà quanta mazzette! Quanta fiori!...(Addita alcune corbeilles; poi prende un biglietto da visita che è sulla primaa sinistra e legge.) Alfonso... Alfonso... VideVicièliegge tuchisto è nucarattere troppo piccerillo.

VICIENZO (legge): «Alfredo del CaneBarone di Terranova».

GAETANO: Capiscetutte nobele! — Barone Alfredo dei cani di Terranova —.E chist’auto? (Prende il biglietto da visita che è su un’altra corbeillesin fondo a sinistra.) LieggeViciè.

VICIENZO: «Aurelio Frichè dei Duchi di Castelquagliato. (Leggendo.)

GAETANO: Scuse!... Castelquagliato!... E chist’aute? (Come sopradal fondoa sinistra.) LieggeViciè.

VICIENZO (legge): «Il signor Bebè».

GAETANO: Ahva buonochisto è il signor Bebè... E nu viecchio ch’èbenuto 3 o 4 vote ccà; e nun putimmo sapé comme se chiamma... è abbonato allapoltronavene ogne sera... Seh! E sul’isso vene!... Ne venarranno da nucentenaroe tutte pe figliemavenenotutti suoi adoratori!

VICIENZO: Signòscusatee cu lo Marchesino D. Eugenio che facite? A me mmepare che la signorina lo vò bene assaje.

GAETANO: Che bene e bene!... Vicièma che sì pazzo? Chella lo cuffea!

VICIENZO: Ma isso dice che se la vò spusà?

GAETANO: Ahdicema non lo fa... Io per me ne avrei piacerema so’ iparenti suoi che si oppongonoe io nun pozzo tené nu spittenicchio dinto a lacasa. Po’ essere che chella povera criatura overo ne mette na passione. Ioaiere matina nce lo dicette: Marchesìfenimmo sta storia!... quanno vuje mepurtate a papà co lo zio e co la ziae nnanze a me ve danno lo cunsensoallora trasite dinto a la casa miae si no nun ce venite cchiùpecché ncencuitammo.

VICIENZO: E isso che ve rispunnette?

GAETANO: Niente. Me lassaje comme a na carotae se ne jette. Ma io lossaccio: lo patre e li zii ccà nun venenopecché sò nobilisò superbi.

VICIENZO: Embèched’è? Vuje nun site nobele?

GAETANO: Sicuro!... Embèche nce vuò fà?... AnzeVicièio te volevodicere na cosaquanno me parlenun te scordà de lo titolo. Tu dice sempe:Eccellenzaeccellenzaeccellenza! Ma vene primma lo titoloe po’ l’eccellenza.Per esempioio ti dico: Vicienzoavete fatto la tal cosa? Sicavaliereeccellenza... — Haje capito?

VICIENZO: Va bene!... Cavaliere eccellenzavi dovrei dire na cosa.

GAETANO: Che cosa?

VICIENZO: Peppenièfatte nnanzee saluta lo signore.

PEPPENIELLO (si fa avanti): Servo vostroeccellenza.

GAETANO: Buon giorno! E chi è stu guaglione?

VICIENZO: Cavaliere eccellenzam’è figlionun aggio addò lo metterelovurria tenè vicino a mee se il cavaliere vostra eccellenza vuolelo facciosta cu me... Ve serve pur’issoe le date na cusarella e lo magnà!

GAETANO: Ah! bravo!... Tu sì figlio a Vicienzo?

PEPPENIELLO: Sissignoreisso m’è patre a me!

GAETANO: E se capisce! Si tu sì figlio a issoisso ha da essere patre ate... Seh! Me piace! è nu bellu guaglione. (Piano a Vicienzo:) (Vicièma tumme pare che me diciste che nun ire nzurato?).

VICIENZO: (Nun songo nzuratoma comme si fosse... Capite?).

GAETANO: (Va buonoaggio capito!). Sissignoreaggio capito! fallo sta cutico. Pe mo le damme diece lire a lo mesesi pò se porta buono l’avanzammopure...

VICIENZO: Grazieeccellenza... o siacavaliere eccellenza! Vase la mano alo signorePeppeniè!... (Peppeniello bacia la mano a Gaetano.)

GAETANO: Graziegrazie.

PEPPENIELLO: Vicienzom’è patre a me!

GAETANO Va beneaggio capito!... Guèchillo me lo dice n’ata vota!...Sima chisto nun po’ stà vestuto accussì

VICIENZO: Nonsignorecavaliere eccellenzaio l’aggio fatto lo vestito daservitore... Lo tene dinto a sta mappata.

GAETANO: Embèallora va lo viestee po’ lo mettimmo fora a la salavicino lo casciabanco... Lo lo vulimmo mettere ncoppa a lo casciabanco?

VICIENZO: E allora pare na statuetta de gesso!

GAETANO: Haje ragione... Miettelo vicino a lo casciabancocomme si fosse nuvalletto.

VICIENZO: Va bene.

GAETANO: Viene ccà!... Tu comme te chiamme?

PEPPENIELLO: Peppeniello.

GAETANO: Peppenièccà sta lo timbro.

PEPPENIELLO: E ched’è lo timbro?

GAETANO Lo campaniello. (Suona un tocco.) Un toccoè la cameriera di miafiglia. Ma tu nun te n’incaricànun te movere. (Suona due tocchi.) Duetocchi.

BIASE (entrando): Comandateeccellenza!

GAETANO: (Guèchillo nun è stato maje esatto comme a mò!). Chi t’hachiammato?

BIASE: Due tocchieccellenza.

GAETANO: A te te n’ha da afferrà uno buono!... Vattenne ca nun aggiochiamato a te!

BIASE (guarda i festoni di fiori attaccati alla portae va via ridendo).

GAETANO: Noio a chillo cestariello ne l’aggia mannà.

VICIENZO: Perdonatelocavaliere eccellenzachillo è nu poco scemo.

GAETANO: Seh! Portatillo a casachillo scemo!... Dunque? Due tocchiochiammo a pateto o a chill’auto animale anfibioche mò se n’è ghiuto.(Suona 3 tocchi.) Quanno po’ siente sti 3 tocchiè segno che chiammo a teetu te presiente... Haje capito?

VICIENZO: Va benecavaliere eccellenzanun ce penzate! Chillolo guaglionetene talento. JammuncennePeppeniè...

PEPPENIELLO: Permettetesignò... (Arriva sotto l’uscio in fondosi voltae ripete a Gaetano.) Vicienzo m’è patre a me!

GAETANO: E che buò da nuje? ( Vicienzo e Peppeniello vanno via pel fondo asinistra.) Che giornatache bella giornatache bella giornata!... Comme parebella sta cammera tutta fiori!... Intanto stammatina aggio ordinato lo pranzo pe12 perzunee ccà nun sarranno manco 6. Aiessera mannaje l’invito a lomiedeco de lo primmo pianoe chillo stammatina m’ha mannato a dicere che nunpo’ venìpecché è vigilia e mangia pane e mellone. Mmitaje pure all’architettode lo terzo piano cu tutta la famigliae stammatina m’ha mannato a dicere chenun po’ venìpecché la mugliera tene dulore de mola. Io po’ dico: stiguaje me li putiveve fà sapé aisserae io nun avarria ordinato lo pranzo pedudece. Pure è buono che vene l’avvocato mio co la mugliena e le doje figlie.Sò 4 e 2 nuje seie D. Dumenicolo negoziante a Toledosette... Pure na bonatavola è... Ma 12 era megliotengo tutto lo servizio completo!... Nun c’èche fà!... Quanno se danno tanta combinazione!... Nce sarria stato pure chill’assassinode figliemo Luigino; ma nonun lo voglio vedé me n’ha fatte assaje! E pe lacapa soja se perde chesti ghiurnate!

 

SCENA SECONDA

 

Ottavio e detto.

 

OTTAVIO (di dentro): è permesso?

GAETANO: Chi è?... Ah! Il sig. Bebè!... Avantifavorisca.

OTTAVIO (di fuori) : Grazie... Se disturboritornerò un’altra volta.

GAETANO: Ma niente affattovoi ci fate sempre onore e piacere.

OTTAVIO: Grazietroppo gentile!

GAETANO: Accomodatevi.

OTTAVIO: Grazie! (Seggono.) Come state? State bene?

GAETANO: Ehnon c’è male. E voi sempre sveltosempre allegro!

OTTAVIO: Che volete?... io non sto mai di cattivo umore.

GAETANO: Bravo!... Sempre così!...

OTTAVIO: Quanti fiori!... Sono tutti regali di vostra figlianon è vero?

GAETANO: Sicuro perché oggi è l’anno avversario della sua nascita.

OTTAVIO (ride): Ahah! L’anno avversario? L’anniversario volete dire?

GAETANO: E nun aggio ditto accussì?... Oggi ha finito 18 anni.

OTTAVIO: Diciotto anni!... Che bell’età!... L’età dell’allegriadeifiori e degli amori!

GAETANO: Ah! Nuje l’avimme finite da nu piezzo 18 anni! Anche voi avetemandati dei bei fiori... Ho letto il vostro nome. Il sig. Bebè!

OTTAVIO: Sicuro... perfettamente!... E la sig.na Gemma non c’è.

GAETANO: Nonsignoreè uscita in carrozza con la sua cameriera... Ma poco po’tricà.

OTTAVIO: Se non vi dispiacel’aspetterò. Voglio personalmente darle imiei augurie di più offrirle un piccolo ricordo. (Tira fuori da una tasca unastuccio con un anello.) Ecco!... Un anellino.

GAETANO (ossetvandolo): Bellissimo! Altro che anellinoquesto è nuanellone!... C’è una lettera sopra tutta in brillanti.

OTTAVIO: Sicuroè una B... Bebèil mio pseudonimo.

GAETANO: GiàBebèil vostro pseudonimo!... Per ora vi ringrazio con labocca mia; quando poi viene mia figlia vi ringrazia a vocecon la bocca sua.

OTTAVIO: Ohnienteper carità!

GAETANO: Ma scusatevoi perché non volete dire come vi chiamate?

OTTAVIO: Perché è inutile. Che ve n’importa a voi? Mi chiamo Bebè... ilsig. Bebè.

GAETANO: Va benecome volete voi.

OTTAVIO (tira fuori un portasigarettene prende una e ne offre un’altra aGaetano): Posso offrirvi?

GAETANO: Che è chesta?... Na bacchetta de spirito d’amenta?

OTTAVIO (ridendo): Ma nouna sigaretta.

GAETANO: Ohse fumano?

OTTAVIO: Sicuro! (Accende un cerino.) Accendete. (Gaetano accende.) Questevengono dal serraglio.

GAETANO: Ah!... Li ffanno li guagliune llà dinto!...

OTTAVIO: Ma che! Vengono da Costantinopolic’è dentro la barba delSultano.

GAETANO: Sò fatte co la barba del Sultano?!... Vì! Comme hanna addurà!

OTTAVIO (ridendo) Son fatte con un tabacco che si chiama così: la barba delSultano.

GAETANO (fumando si disturba e tossisce).

OTTAVIO: Che cos’è?

GAETANO: M’è ghiuto nu pilo de la barba nganna!

OTTAVIO: Se vi disturbanon fumate.

GAETANO Sìla verità. (Posa la sigaretta.) Signor Bebèvi ricordate ierisera che festa a mia figlia?

OTTAVIO: Ahsicuro!... C’era però un pochino di contrastoma la sinistravinse.

GAETANO: Già! Io questo osservai; tutte le poltrone a sinistra sbattevano lemanifacevano chiassoe chelle a drittanun se muvevano... PerchéDonBebè?

OTTAVIO: Eh!... Perché?... Partito contrariomio caro!... Tutte le poltronea destra proteggono Erminia Paxl’altra prima ballerina.

GAETANO: Ahperciò!... E vonno mettere la Pax con mia figlia?... Seh!...Nce ne vonno Pax per mia figlia!

OTTAVIO: Ahnon c’è paragone!

GAETANO: Dite la veritàD. Bebè?

OTTAVIO: D’altronde che ci volete fare? Sono partiti!... Poi vi sono icapipartiti; ioper esempiosono capo partito della sinistrae se domanisera... questo già non sarà maidico per direse domani sera vogliosubissare vostra figliala subisso!

GAETANO: Ehva benema mia figlia tiene l’arte.

OTTAVIO: Che vuol dire!... Il pubblico a questo non ci bada. Io mi metto intesta di fischiarlae la fischio!... Dico per dire.

GAETANO: Già! è l’istesso fattoper esempio che ioessendo suo padredopo che voi l’avete fischiatav’aspetto forae ve faccio nu paliatone!

OTTAVIO: Oh!

GAETANO: Dico per dire!

OTTAVIO: Ahva bene.

GAETANO: Ma voi siete un gentiluomoe non la fischierete.

OTTAVIO: Ma che! Ho portato un paragone per farvi comprendere di che sonocapaci i capi partiti.

GAETANO: Ed io vi ho portato un altro paragone per farvi comprendere di chesono capaci i padri. (Ottavio ride.) D. Bebèlo vì!... D. Bebè! A propositoD. Bebèpotrei avere il piacere di tenervi a pranzo con noi quest’oggi?

OTTAVIO: Quest’oggi?... Mi dispiacema non posso... Sono stato giàinvitatomi procurerò il piacere un’altra volta... Questa serase vi fapiacereverrò a prendere il caffè con voi.

GAETANO: Va bene. Intantopermettetemivado a lavarmi un pocoa fare un po’di toletta. Da che mi sono alzatonon ho fatto altro che attaccare rose ecamelie per mia figlia. Vedite llà! (Mostra la porta.)

OTTAVIO: Ahbravo!... Fanno bene!

GAETANO: Con permesso?

OTTAVIO: Attendete.

GAETANO (dopo una pausa): Ma che?... Mi dovete dire qualche cosa?

OTTAVIO: No.

GAETANO: E voi mi avete detto: Attendete.

OTTAVIO: Dicoattendetefate pure il vostro comodo.

GAETANO: Ahva bene... Intanto voi potete vedere i ritratti nell’album...potete passeggiare un poco in giardino. Io vengo subito.

OTTAVIO: Ma sifate pure.

GAETANO: Graziesig. Bebè!... Io non capisco pecché v’aggia chiammàBebè. Ogne vota che parlammoaggia sunà lo tamburro pe nu quarto d’ora...bè brè... bè brè... Ma voi dite che è il vostro pesolonimoe io non vogliocontraniarvi. (Via dalla quinta a destra.)

OTTAVIO (ridendo): Ah! ah! ah!... Che tipo curioso!... Per forza vuol saperecome mi chiamo. Dire il mio vero nome a lui!... Dovrei esser pazzo! Se miofratelloil principe di Casador e mia sorellala contessa del Perovenisserea scoprire che io faccio la corte ad una ballerinapovero me!... Stareifresco!... Se non avessi sciupato quasi un milioncino con queste ragazzenondarei conto a nessuno delle mie azioni; ma oggipur troppoho bisogno dei mieiparentie debbo agire con molta cautela. Tanto più che faccio sempre dellelezioni di moralità a mio figlio Eugenio!... Se egli sapesse che vengo inquesta casapovero me!... Povero me!

 

SCENA TERZA

 

GemmaBettina e detto.

 

GEMMA (di dentroridendo con Bettina): Ah! ah! ah! Va bene... graziegrazie.

OTTAVIO: Aheccola qui. (Va in giardino.)

GEMMA (viene avanti con 2 mazzolini di fiori in manoin abito da passeggioelegantissima. Bettina la segue con altri 2 mazzolini in mano. Indossa un abitodi seta nera): Ma chesta veramente è na cosa curiosa! Sta jurnata me subissannode buchè. Pure Biase me n’ha dato uno!... Fiori da tutte le parte!... Teh!Guarda ccà! Io mò che ne faccio de tutti sti fiori?

BETTINA: L’anno che benence l’avite avvisà 4 juorne primma a tuttequante che fiori nun ne vulitesentite a me. (Si levano i cappellini.)

GEMMA: Vedimmo chisto chi è? (Prende il primo biglietto da visita come hafatto Gaetanoe legge:) «Alfredo del Cane». Ah! Chisto è lo baruncino!...Chill’antipatico... Nun lo dammo audienza. (Prende il secondo biglietto elegge:) «Aurelio Frichè». (A Bettina:) E chi è stu Frichè?

BETTINA: E chi lo ssape?

GEMMA: Ahchisto è chillu nobelecurto curto... Si vide quant’ècuriuso!... La sera se fa mettere 4 cuscine ncoppa a la poltronae po’ s’assetta.

BETTINA: E chisto ha da essere Tombus.

GEMMA: Proprio Tombus! Accussì lo chiamammo nuje... E chist’auto chi è?(Prende il terzo bigliettoe legge.) «Il sig. Bebè».

OTTAVIO (avanzandosi) M’avete chiamato?

GEMMA: Ahvuje stiveve ccà?

OTTAVIO: Sistavo quatesoretto mio. Son venuto per augurarvi tutte quellefelicità che il vostro bel cuore desidera! Anche io questa mattina ho volutomandarvi dei fiori; poi personalmentevi prego di accettare questo piccolodonoche terrete come semplice ricordo del sig. Bebè.

GEMMA: Ahbravo! (Prende l’astucciolo apreed osserva l’anello.)Carino!

OTTAVIO: (Carino!... Quello mi costa 1600 lire!). Quella è una B. tutta inbrillanti.

GEMMA: Giàuna B!... TieneBettìmiette là ncoppa!... (Bettina prende l’astuccioe lo pone sulla mensola.)

OTTAVIO: Se voisignorina foste meno crudele con mequante e quante cosefarei per voiperché vi giuro che mai in vita mia ho amato una donna come amovoio Gemma!...

BETTINA: Oh! signurìio nun ce avevo badato!... Guardate quanta rose equanta camelie stanno vicino a la porta de la cammera vosta!

GEMMA: Uh! Veramente!... E chi nce l’ha poste?

OTTAVIO: Vostro padre mi ha detto che da stamattina non ha fatto altro cheattaccar rose e camelie... Forse sarà stato lui.

GEMMA: Povero papà! Quanto me vo bene!... Pe sta nascita mia sta ammuinatoda 8 juornee se po’ dì che la notte nun ha durmuto.

OTTAVIO: Non solamente vostro padresignorina. Anch’io stanotte non hopotuto riposaree pensando a voidicevo fra me: chi sa se mi accorderà unasola parola di speranzaquella parola che non ho potuto mai otteneree non sèperché...

GEMMA: Ma scusatesignoreio credo che v’aggio parlato chiarobastantemente. Site vuje che ve piace de perdere lo tiempo. Quanno venisteve laprimma votae me dicisteve tante belle parolee me facisteve tanta bellepromesse senza mai parlare della cosa più essenzialeio subito capiie che verispunnette?... «Signor Bebèvoi avete sbagliatoio non voglio diventarechella che me vulite fà diventà vuje. Si veramente tenite na gran premura pemespusatemechesto è chello che desidero«A sta parola “spusateme”»che v aggio ripetuto cchiù de ciento votevuje nun parlate cchiùe v’arreffreddate.Ma pecché vurria sapé?

OTTAVIO: Ecco quaGemma miavi dirò... Io appartengo ad una nobilefamiglia... e i miei parenticapisci…

GEMMA: Capisco... i vostri parenti... la vostra nobile famiglianunvedarrieno buono stu matrimoniopecché io sò na ballerina... e siccome chestaballerina amerà sulamente a chillo che le parlarrà de matrimoniocosì carosignor Bebèscusate se vi dico che dovete battere la ritirata. (Bettinacanterella il motivo della ritiratae Gemma le fa coro. Tutte e due ridono conaria di scherno.)

OTTAVIO (dopo una pausa): E mi lasciate così barbaramente?... Non mi ditealtro?

GEMMA: Nient’altronon ho altro da dirvi.

OTTAVIO: Ebbeneci penseròe spero di farvi contentaperché mi saràimpossibile dimenticarvio Gemma. Vi amo troppoe col tempo ve neconvincerete! (Una pausa.) Uno di questi giorni resterò a pranzo da voi. Vostropadre voleva farmi rimanere oggima con mio dispiacere non ho potuto accettareperché avevo un altro impegno... Vi farà dispiacere se pranzerò un giorno convoi?

GEMMA: Ohanzistaremo allegri!

OTTAVIO: Bravissimo! Dunquearrivederci mia cara!... A questa sera.

GEMMA: A rivederci.

OTTAVIO: Col tempo ve ne convincerete... ve ne convincerete... (Bisogna averpazienza e costanzaio sò il mestiere!). (Via.)

GEMMA: Ah! ah! ah! (Ridendo.) Quanto è curioso!

BETTINA: A chell’età vò fà ancora lo giuvinotto!

GEMMA: Appena sente parlà de spusalizio se ne scappa!... Basta Bettìmòche simme trasute dinto a lo palazzolo guardaporte m’ha conzignato stubiglietto. Dice che nce lo ha dato Eugenio da stammatinae nun ha avuto tiempode me lo dà primma. Vedimmo che dice. (Apre il biglietto.) AttienteBettì!Avessa venì papà?

BETTINA: Nun avite appauraleggite! (Va a guardare verso l’uscio adestra.)

GEMMA (legge): «Cara Gemmaoggi presenterè a tuo padre la mia famigliaese la sorte ci sarà favorevolese riuscirà la finzionesaremo felici e persempre. Per ora non ti dico altro; a voce ti dirò il resto. Ama sempre il tuoEugenio». E che vò dicere chesto? Che sarrà sta finzione?

BETTINA: Che ne sacciosignurì?... Chello che ve pozzo dicere sulamente:stateve attientepecché a li votena figliola quanno meno se crede èngannata!

GEMMA: Tu che diciBettì!?... ChilloEugeniova pazzo pe me.

BETTINA: E chill’assassino de maritemo pure lo pazzo faceva e pè quanno mespusaje...

GEMMA: Comme!... Bettìtu sì mmaretata?

BETTINA: Sissignoresignurìda 8 anne! Me spusaje nu giovene de nutaronucerto Felice Sciosciammoccae doppo 2 anne de matrimonio nce spartetteme.

GEMMA: E pecché ve spartisteve?

BETTINA: Pecché chillu birbante se mettette a fà ammore cu na sartae pechella femmena steva facenno j la casa sotte e ncoppa. Io l’appurajee lefacette prima nu paliatonee po’ me ne jette. Me credeve che stu mio signoredoppo quacche tiempose fosse ricurdato de me. Ma niente!... Sò 6 anne che stacu chella talee io comme fosse morta addirittura!

GEMMA: Povera Bettina!

BETTINA: A me nun me dispiace pe issosignurìcreditemema pe nuguaglione che le rimmanettee che isso nun m’ha vuluto mai dà... Ma si mevene ncaponu juorno de chiste lo vaco piscannoe mare a isso vì!... Mare aisso! M’aggia scuntà tutto chello che m’ha fatto!

 

SCENA QUARTA

 

Luigino e dettepoi Eugenioindi Gaetano.

 

LUIGINO (dal giardino): Psst!... Gemma!... Gemma!...

GEMMA: GuèLuigi!... Mannaggia all’arma toja!... E comme?... Te pigliastin’auti 1500 franche da dinto a la scrivania?

LUIGINO: E so’ finitebellezza mia!... Nun tengo manco nu sordo.

GEMMA: Eh!... E che buò da memò?... Chillopapànun te vò vedécchiù.

LUIGINO: Addò sta papà?

GEMMA: Starrà dinto a la cammera soja.

BETTINA: Sissignoresta cca.

LUIGINO: E chiude ha porta cu la chiaveagge pacienzaio t’aggia parlà.(Bettina chiude l’uscio a chiave.) Gemmafamme fa pace cu papà.

GEMMA: è impossibile! Chillo sta arraggiato cu ttico de na mala manera!

LUIGINO: Tu puoi far tuttobellezza mia! Vuoi vedere pure chi te ne prega?(Si avvicina alla porta del giardinoe chiama:) Marchesìvenite.

EUGENIO: Eccomi quaGemma mia!

GEMMA: Eugenio!... E pe dò site trasuto?

LUIGINO: Papà aveva dato ordine a lo guardaporte de nun fà passà né a mené a issoma s’era scurdato però de lo ciardino... Lo canciello stevaapiertoe nce simme mpizzate...

GEMMA: Basta! Eugèche vò dicere stu bigliettoched’è sta finzione?

EUGENIO: Ho fatto tutto! Abbasso c’è la mia famiglia in una carrozzachiusaed aspetta me per salire.

GEMMA: La famiglia toja?

EUGENIO: Siè na finta famiglia. Sono 4 miei amici che fingeranno di esseremiei parenti.

GEMMA: Tu che dice!... E si papà se n’addona?

EUGENIO: è impossibilesono travestiti alla perfezione!

LUIGINO: E po’chillo papà è nu ciuccio!... Se crede qualunque cosa...

GEMMA: Ma pecché haje fatto chesto?

EUGENIO: Per vedertiGemma miae parlarti con libertà. (Si picchia allaprima porta a destra.)

GAETANO (di dentrogridando): Neh? Chi ha chiuso sta porta?!...

GEMMA: Papà!

EUGENIO: Zitto!... Andate via tuttilasciatelo qui solo... Io ritomnerò frapoco.

LUIGINO: Io voglio fà pace cu papàsi no le dico tutte cose.

GEMMA: Va buonope mò vattennence penz’io.

LUIGINO: Graziebellezza mia! (Via pel giardino.)

EUGENIO: Mia cara Gemma! (Le bacia la manoe via pel giardino.)

GEMMA: Bettìarape la portae trova tu na scusa. (Via da secondo uscio asinistra.)

GAETANO (bussando e gridando): Vicienzo!... Biase!... Chi ha chiusa staporta?

BETTINA (apre): Eccellenzascusatel’aggio chiusa iopecché me credevache nun ce steva nisciuno.

GAETANO (in frak e cravatta bianca): Nun ce steva nisciuno? E ioched’èera squagliato?

BETTINA: Me credeva che stiveve dinto a lo ciardino.

GAETANO: Gemma addò stà?

BETTINA: Sta dinta a la cammera sojaeccellenza. Mò proprio nce simmoritirate.

GAETANO: Sta bona?... Se sente bona?

BETTINA: Sissignoreeccellenza. Specialmente stamattina sta comme a narusella de maggio.

GAETANO: Benedetta figlia miabenedetta!... La surpresa l’avite vista?

BETTINA: Quà surpresa?

GAETANO: La porta chiena de camelie e rose.

BETTINA: Ahsissignoreeccellenza. N’ha avuto tanto piacere!... Chilluviecchioil signor Bebèl’ha puntato stu bell’aniello. (Glielo mostra.)

GAETANO: Lo ssaccio! E essa che ha ditto?... N’ha avuto piacere?

BETTINA: Accussìaccussì... Vuje po’ sapite che chella tene tantaoggettee difficilmente le fà specie na cosa.

GAETANO: Se capisce!... Pe fa specie a chellance vonno brillante accussì!(Fa segno con le mani.)

BETTINA: Io vaco dintosignòpermettete? (Via a sinistra.)

GAETANO: Lo cumplimento mio po’ nun se lo po’ maje aspettà. Me stoaccattanno na casarella ncoppa a lo Vommero. Attuorno nce faccio fà nu belluciardinoe ncoppa a lo canciello nce faccio scrivere: Villa Gemma. Stamattinaaspettavo lo proprietario pe finalizzà tutto e nun è benuto ancora.

 

SCENA QUINTA

 

EugenioBiase e detto; poi Vicienzo e Biase; indi PascaleEugenio; infineConcettaPupella e Felice.

 

EUGENIO (di dentro gridando): Tu sei una bestia qualunquecapisci!

BIASE (di dentro): Io tengo l’ordine de nun ve fà passà!

EUGENIO (di dentro): Una volta!... Ma adesso l’ordine si cambierà! Non mirompere la testa! (Dà un urtone a Biase ed entrano insieme in scena.)

GAETANO: Che cos’è? Che cos’è?

EUGENIO: Egregio cavaliere!...

GAETANO: Marchesìma io v’aveva pregato...

EUGENIO: Di far venire qui mio padree i miei zii... Ebbeneessi sonvenutie stanno abbasso in carrozza... Aspettano me per salire.

GAETANO: Possibile!

EUGENIO: Possibilissimo!... Sono state tante le mie preghiere che finalmenteli ho persuasi. Vi raccomando però di riceverli bene... Si tratta del principedi Casadordella contessa del Perodel marchese Ottavio...

GAETANO: Uh! Mamma miaaspettate?... Biàva chiamme a Vicienzosubeto!(Gridando.)

BIASE: Eccome ccà! (Via correndo pel fondo a sinistra.)

GAETANO: Menu male che me trovo la sciassa ncuollo!... Ma nce vularriano iguantiche dicitemarchesì?

EUGENIO: E si capisce! I miei parenti non danno la mano se non c’è ilguanto.

GAETANO: Fortunatamente ca tengo nu pare de guante! (Tira fuori un paio diguanti dalla saccocciae se l’infila frettolosamente.)

EUGENIO: Dunqueio vadomi raccomando! ( Via pel fondo a destra.)

GAETANO: Sangue de Bacco! Questo è un grand’onorefiglia miafortunata!... S’avarria levà st’ammuina de miezo. (Gridando:) Vicienzo!...Biase!...

VICIENZO: Comandatecavaliere eccellenza!... Io stongo vestenno loguaglione.

GAETANO: Che guaglione e guaglione!... Se ne parla doppo!... Levate sta rrobada miezo!... Stanno saglienno principemarchesecontessatutta la famiglia deD. Eugenio!

VICIENZO: Vuje che dicite? Stanno saglienno?... Io ve l’avevo dittocaspita! (Biase porta viauna per volta tutte le corbeilles di fiori.)

GAETANO: Mettiteve i guante!... Guante ne tenite?

VICIENZO: Addò li pigliammosignò?

GAETANO: E nun mporta!... Viciètu va te miette vicina la porta accussìdritto comme a na sentinella.

VICIENZO: Nun ce penzatelassate fà a me! (Via pel fondo.)

GAETANO: Biàtu miettete ccavicino a la portae nun te movere... Quannoio te chiammoricordete cavaliere eccellenza!

BIASE: Va benenon dubitate.

GAETANO: Accussìdrittoe nun te movere sà!

BIASE: E si me vene nu sternuto?

GAETANO: Nun t’hanna venì sternutee si te veneno te li tiene... Zittoli bì ccà. (Si pone in atto rispettoso.)

EUGENIO: Venitevenite papà... Ecco qui il cavaliere.

PASQUALE (viene avanti in parrucca biondabasetteguanti chiaricappello acilindro e bastone. Indossa un lungo pastrano scuroe si presenta in iscena conmolto sussiegoguardando a destra e a sinistra attraverso un paio di lenti amanico di tartaruga).

GAETANO: Rispettabilissimo signor marchese... (Dandogli la mano.) L’onoreche lei mi accordami fa diventaredirei quasiscemoe io mi credo d’essereproprio impotentevale a direnon mi trovo alla portata di poter degnamentecontracambiare...

PASQUALE: Psst! Basta... basta... basta!...

GAETANO: E chi sta parlanno cchìù!...

PASQUALE: Basta!... Se io mi trovo... se io mi trovo. (Mostra a Biase ilcappello e il bastone perché glieli tolga di manoma il servo non si muove.)Se io mi trovo... basta... basta...

GAETANO: (Io nun sto aprenno cchiù la vocca!).

PASQUALE: (mostra di nuovo a Biase il cappello e il bastonee visto che eglinon si muoveli butta a terra).

GAETANO (ad Eugenio): (Che è stato neh?... Pecché ha jettato nterra locappiello e lo bastone?).

EUGENIO: (Perché nessuno glieli ha tolti di mano).

GAETANO: (Ahsicuro!... E chi nc’ha penzato?! E chill’animale che nun semove!... Aiza llà!).

BIASE: (Vuje avite ditto nun te movere!). (Raccattando il cappello e ilbastone.)

EUGENIO (a Gaetano): (Andate a ricevere mia zia la contessa... Spetta a voi).

GAETANO: (Ah! Spetta a mè... Eccomi qua). Con permesso! (Via pel fondo dicorsa.)

EUGENIO (sottovoce): Bravobravo D. Pasquale!... Vi raccomando.

PASQUALE: Non ve n’incaricatelassate fà a me.

GAETANO: Veniteveniteillustrissima signora contessa. (La conduce permano. Concetta è vestita di un abito chiaroelegantecon cappello alquantoesagerato e guanti. Pupella veste anche un abito molto elegante con cappellino eguanti. Segue Concetta a braccetto di Feliceche vestirà di neroed avrà duepiccoli baffi.) Accomodatevila prego.

EUGENIO: Cavalierevi presento l’illustrissima signora contessa del Peromia ziasua figlia Claracontessina del Peromio padreil marchese OttavioFavettie mio zioil principe di Casador.

GAETANO: Fortunatissimo di aver conosciuto una famiglia tanto illustrata!

EUGENIO: Il cavalier Gaetano Semmolone. padre di Gemma.

PASQUALE: Molto piacere!

FELICE: Fortunato! (Tutti seggono.)

GAETANO: (Biàfa venì 5 gelatima mò proprio!).

BIASE: (Subitocavaliere eccellenza). (Via.)

PASQUALE: Dunquevoi siete il padre della ragazzache mio figlio dice diamare tanto?

GAETANO: Sicuroper servirla!... E anche mia figliaposso assicurarlagliporta un amore inqualificabileci tiene proprio una gran passione.

FELICE: Questaper esempioper me è una novità... Quando mai le ballerinehanno tenuto una passione!... (Sdraiandosi sul divano a molle vi affonda.)

PASQUALE: (Statte fermo!).

FELICE: (Ma che?... è vacante da dinto?).

PASQUALE: (Chelle sò li molle!).

GAETANO: Maeccosignor principe... è vero che le ballerine sonostravagantie non tengono affezione per nessuno: ma mia figlia è un’altracosa. Quando la conosceretevedrete... che direte... sapete... avete... unabella bella cosa... Io appunto pensando che mia figlia era una ballerinamettevo quasi l’imponibilesempre da parte di lor signori illustrissmmiecon poca propenzione... anzicon molta insufficienza io subivo quest’amore...ma dal momento che mi veggo assediatocircuito da una famiglia tanto lustranon posso che prendere mia figliae buttarla in mezzo a voi!... Amatelaecompatitelae a me suo padre poi credetemi per sempre vostro umilissimo parenteGaetano Semmolone.

FELICE: Napoli li... (Dice la data del giorno della recita.)

PASQUALE: (Ha chiusa la lettera!). Signore!... io era molto contrario aquesto matrimonioma vedendo che mio figlio piangeva la matina... il giorno...la sera... la notte...

FELICE: (Chisto chiagneva sempe!).

PASQUALE: Dissi fra me e me; questo ragazzo ne piglierà certo una malattiacontentiamoloe non ne parliamo più. D’altrondeegli tiene seicentomilalire di renditae può sposarsi una giovane di suo piacere...

GAETANO: Seicento mila lire di rendita?!

PASQUALE: Oh!... E che cosa sono!...

FELICE: (Ma chi l’ha viste maje!).

PASQUALE: Mio fratello il principe di Casadorha già fatto il testamentotutto in suo favore...

FELICE: Già!... I miei milioni sono suoi.

CONCETTA: Scusatec’è mia figliache è pure vostra nipote.

FELICE: E mi dite sempre questocontessa! Io la roba mia la voglio dare achi mi pare e piace. La contessina tiene il vostro... Il vostro che ne fate?...Avete tanta roba!

EUGENIO: Va benedi questo potrete poi parlare a casa. Qui non mi pare ilmomento.

PASQUALE: Dunquedicevamo... vedendo che Eugenio si era ridotto mezzo percausa di questa signorina Gemma ci riunimmo tutti i parentie si decise dicontentarlo. Solo mia sorella la contessa qui presenteera un poco duretta...un poco duretta...

FELICE: (Era?... Molti anni fa!... Ma mò è mollamò!).

PASQUALE: Ma poi ha finito col cedere anche lei.

GAETANO: Bravissimo!

CONCETTA: Io se era durettaavevo mille canne di ragione.

FELICE: (Quanto sò belle sti mille canne de chesta!).

CONCETTA: Che ci passava per sopra mio fratelloil marchese Ottavioe l’altromio fratelloil principe di Cassarola...

FELICE: CasadorcontessaCasador!

CONCETTA: OhsicuroCasadorho sbagliato...

FELICE: La contessa sbaglia sempre i cognomi... Ah! Questa contessa!...questa contessa!... (nce scumbina a nuje!).

CONCETTA: Erano padroni di fare ciò che volevano... ma io la contessa delPiede...

FELICE: Del Perocontessadel Pero.

CONCETTA: Scusateprincipedel Pero lo dicono i lazzari. Noialtri nobilidiciamo del Piede.

FELICE: (Nun ce fà avutà lo stommaco!).

GAETANO: Perdonateprincipeme pare che have ragione la contessa... Lo Perochi lo dice? Proprio chille de miezo a via.

FELICE: (Siente a chill’auto pede de vruoccole da llà!).

CONCETTA: Dunqueiola contessa del Piedeapparentare con una ballerina?Questo solamente mi faceva stare in attitudine di sospensione; ma poi sentendoche la ragazza aveva buoni principi e finiho detto: Ebbenesia fatta lavolontà vostra!...

GAETANO: Ed io ve ne ringrazio con la faccia per terra.

BIASE (recando un vassoio con 5 gelati): Ecco servitocavaliere eccellenza.

GAETANO: Ahbravoquaa me!... Pregosignoridi accettare un gelato.

PASQUALE: Ohma perché questo disturbo?

FELICE: Sà!... noi mangiamo sempre gelati.

GAETANO: Ma che disturbo! è doverenient’altro che dovere!... (PasqualeFeliceConcetta e Pupella sorbiscono i gelati con grande avidità.)

FELICE: (Nun pigliavo gelate da seje anne!).

PASQUALE: Ma vostra figliaquesta Gemmaquando ce la farete vedere?

GAETANO: Subito!... (Chiama:) Biase!

BIASE: Cavaliere eccellenza!

GAETANO: Andate a chiamare mia figlia Gemma.

BIASE: Subitocavaliere eccellenza! (Esce dalla seconda porta a sinistra.)

GAETANO: Vedrete!... Un angioletto... un tipo di virtù e di candore.

FELICE: E poi balla divinamente! Poche volte l’ho vistae posso dirvi cheballa molto meglio di quante ballerine ho vedute a Parigi.

GAETANO: Ahprincipesiete stato anche a Parigi?

FELICE: Se sono stato a Parigi!... Ma io conosco più Parigi che Napoli!...Fratello quante volte siamo stati in Francia.

PASQUALE: Uh!...

BIASE: Ecco ccà la signorina!

GAETANO (va ad incontrarla): Vienifiglia mia. (La prende per mano.) Figliamia fortunata! Nobile figlia!... Bacia la mano al tuo secondo padre e ai tuoinobili parenti.

 

SCENA SESTA

 

BiaseGemma e detti.

 

GEMMA: Obbedisco. (Bacia la mano a PasqualeConcetta e Felice.)

PASQUALE: Bravo!... Bella ragazza! Siedi. (Gemma siede vicino ad Eugenio.)

FELICE: (Chesta overo è bona!).

CONCETTA (la guarda attraverso le lenti): è veramente una graziosafanciulla!

FELICE: Ah! (Grida per non far sentire lo sproposito di Concetta.) Sarà unacoppia proprio invidiabile!

GAETANO: I parenti del tuo caro Eugenio acconsentono con piacere almatrimonio. Mò sei contenta?

GEMMA: E vi pare!... Contentissima!

FELICE: Abbiamo fatto tutto ciò che volevatee siamo veramente lieti diavervi data quella felicità da voi tanto desiderata.

PUPELLA: Dopo il matrimonio di mio cuginodovete pensare di maritare anche ameperché se no parloe scumbino tutto!

GAETANO: Comme!... scumbina?

FELICE: Siè un intercalare che tiene. Quando non può avere una cosadice: Badate che io scombino tutto!

GAETANO (ride): Ah! ah!... Ho capito.

PASQUALE: La biricchinala biricchina!

FELICE: La biricchinala biricchina! (All’arma de mammeta!)

GAETANO: Va benecontessinasi penserà anche per lei!... A propositomarchesìvoi giorni fa mi diceste che la principessa di Case-e-ova... vogliodire Casadormoglie di vostro zioqui presenteera ammalata... Adessocomesta?

EUGENIO: Ahmalemolto male!

FELICE: Malattia inguaribilecaro miosi tratta di petto.

PASQUALE: Poveretta! Non capisce niente piùsi è ridotta così...

FELICE: Ieri sera sono arrivati 4 medici da Londra e 2 dall’Americaedopo di averla osservatadissero: «Caro principenon ci pensare più a tuamoglieessa non tiene più né polmonené fegato... Tiene sì nu poco difegatoma è pocoè troppo poco!...».

GAETANO: Nun avasta manco pe nu fritto!

FELICE: Dissero: «Se la milza si mantiene ancora frescapotrà vivere un’altrasettimana; ma è difficileperché la milza sta già per putrefarsi».

EUGENIO: Poverina! Fa proprio compassione!... (Non capisco perché dire tantebestialità!).

GAETANO: Mi piace però il carattere del principe! (Tiene la moglie quasimoribondae non se ne incarica).

FELICE: Ahio sto sempre così!... Sempre di buon umore!... E poi si devemorire una volta... Che si deve fare? Pazienza!... Ne sposeremo un’altra.

GAETANO (ridendo): Ah! ah!... che bel carattere! (Gl’invitati hanno intantofinito di sorbire i gelatie Biasedopo di aver rimesso i piattini nelvassoioesce dal fondo a sinistra.)

 

SCENA SETTIMA

 

Vicienzo e dettipoi Giacchinoindi Luigino.

 

VICIENZO: Cavaliere eccellenzac’è in sala una persona che desidera diparlarvi.

GAETANO: Chi è?

VICIENZO: Dice che si chiama D. Giacchino Castiello.

PASQUALE: (D. Giacchino Castiello!).

FELICE (con terrore): (Lo patrone de casa!).

GAETANO: Ahho capito. Questo è il proprietario di quel casino al Vomeroche io forse acquisterò... Ma adesso non mi sembra il momento... Basta!...fallo entrare...

VICIENZO: Subito. (Dal fondo.) Favoritesignore. (PasqualeFeliceConcettae Pupella si raggruppano e restano a testa bassa per non farsi riconoscere.Gaetano si è alzato per andare incontro a Giacchino. Vicienzo esce.)

GIOACCHINO: Grazie... Carissimo D. Gaetano.

GAETANO: D. Giacchìio v’aspettava da stammatina... Site venuto justomò!

GIOACCHINO: Che volete? Ho avuto tanto da fare!

GAETANO: Ma mò è impossibile de parlà. Tengo qua una famiglianobilissima... si tratta della fortuna di mia figliacapite?

GIOACCHINO: Ohio non voglio incomodarvitornerò stasera.

GAETANO: Me faciarrisseve nu gruosso piacerescusate.

GIOACCHINO: Ma niente affattoper carità. (Avvicinandosi a PasqualeFeliceConcetta e Pupella senza riconoscerli.) Signoriscusate se vi hodisturbati... ma io non poteva supporre che D. Gaetano era occupato con voi...Fate pure il vostro comodo. (Ma che se stanno piglianno a capuzzate?) D. Gaetàstateve benence vedimmo stasera.

GAETANO: A rivederci. (Giacchino esce.) Signorifaccio le mie scuse...

FELICE: Ma che scuse e scuse!... Quando si parla con noi non si da retta anessuno.

PASQUALE: Noi non siamo abituati ad essere trattati così!

GAETANO: Perdonateminon lo farò piùè stata la prima ed ultima volta!(Guè! Se sò pigliate collera! Ah! Perciò se pigliavene a capuzzate!) Vichiedo mille scuse!

PASQUALE: Va benenon se ne parli più.

FELICE: Ma se ritorna quell’uomonon lo fate più entraremandatelo via!

PASQUALE: Sisinon lo fate entrare più!

GAETANO: Va benevi servirò.

EUGENIO: Dunquepare che si sia tutto conchiuso per il matrimonio?

GAETANO: Tuttonon c’è altra difficoltà non è vero?

PASQUALE: Ma nessun’altranessun’altra.

FELICE: Siamo tutti contenti.

GAETANO: Bravissimo!... Adesso vorrei dirvi una cosama non sò come laprenderete... mi metto paura di offendervi...

PASQUALE: Ma che cosa?

GAETANO: Ecco qua... Siccome oggi è stata la nascita di mia figlia... ioaveva ordinato al cuoco un piccolo pranzettoed ora vorrei sapere se... Voicerto ve pigliate collera...

FELICE: Ma parlate!

PASQUALE: Di che si tratta?

GAETANO: Lo dico o non lo dico?...

PASQUALE: Ditelo.

GAETANO: Ma ve pigliate collera?

FELICE: No!... parlate per Bacco!

GAETANO: Siamo a tavola io e Gemma solamentenon ci sta nessuno estraneo...Potrei avere l’alto onore di farvi pranzare con noi?

FELICE: Oh!...

GAETANO: (Aggio fatto lo guajo!).

FELICE: Aveva ragione che non voleva dire...

PASQUALE: Noi non siamo abituati... Contessache ne dite?

CONCETTA: Fate voimarchese.

PASQUALE: Che ne diteprincipe?

FELICE: Per me accetterei.

PASQUALE: Allora accettiamo.

GAETANO: Bravissimo! E io ve ne sarò grato fino alla morte.

FELICE: Ma vi fa molto piacere che mangiamo qui?

GAETANO: Moltissimo!

FELICE: Allora per farvi contentoresteremo anche domani.

GAETANO: Domanidopo domaniquanto volete voi!

FELICE: Pure una settimana?

GAETANO: Ma pure un mese!

FELICE: Anche due mesi?

GAETANO: Anche sei mesi!

FELICE: Un anno?

GAETANO: Due anni!

FELICE: (E stai frisco!). E noi vi terremo contento.

GAETANO: Bravissimo! Intanto permettetemi che vado a dare gli ordininecessari e a sollecitare il tutto! Gemmaporta nella tua stanza la signoracontessa e la contessinae falle togliere i cappellitutto quel chevogliono... Questa è casa vostra! Il principe e il marchese possono girare unpoco per la villetta... Qualunque cosa desideratebussate il campanelloesarete serviti. Io tornerò subito da voi.

PASQUALE: Fate pure.

FELICE: Senza cerimonie.

GAETANO: Grazie tanto. Dunque resterete a mangiare con me due anni?

FELICE: Ma si ma si.

GAETANO: Ohche onore!... Oh! che grande onore!... E chi se l’aspettavamai tanta fortuna. Tenere in casa mia 4 signoroni come voi! Io nun ce capo dintoa li panne pe la cuntentezza. Vuje nun v’avita movere cchiù da ccàe perstare più sicuro mò vaco da nu ferrarofaccio fà na catenae vi attacco atutte e 4.

FELICE: (E nuje accussì jammo a fernìche te cride!).

GAETANO: Che piacere!... Che grande consolazione!... Che bella cosachebella cosa!... Addò me steva astipato questo grande onore! (Via pel fondo asinistra.)

EUGENIO: Bravi! BraviSeguitate sempre cosi.

FELICE: Basta che se magna!... Nun ve n’incaricate de lo riesto.

EUGENIO: D. Felìma badate di non dire tante bestialità! Il fegatoilpolmonela milza!... Che c’entrava tutto questo?

FELICE: Che volete da me?... Riguardo alla malattiaio non aveva che dicere.

LUIGINO (dal giardino): Nehsignori miei!... Che vedo Pupella!... Lamadre!...

PUPELLA: D. Luigino!... E comme state ccà?

LUIGINO: Come!?... Io sono il padrone di casabellezza mia!

PUPELLA: Ah! benissimo.

LUIGINO: E siete voi che avete fatto la finzione? Oh! che piacere!... Alloraputimmo sta sempe vicinobellezza mia! (L’abbraccia.)

PASQUALE: Amico!... Io so’ lo patresapete!...

LUIGINO: Ah! Voi siete il padre? benissimo!... Io so’ venuto in casa vostastammatinae non v’ho trovato... Sappiate che io amo vostra figliae me lavoglio sposare.

PASQUALE: Va bene!... Ma mò nun putimmo penzà a chesto.

GEMMA: E se capisce! Dimane se ne parla. Pe mòLuigivattenne!

LUIGINO: Me ne vaco?... E quanno faccio pace cu papà?

GEMMA: Sa che buò fà? Mò che nce jammo a mettere a tavolatu te presientecu na barzellettae vide che fernesce tutte cose.

FELICE: Signori mieilasciatece mettere primma a tavola!

LUIGINO: Va benecosì faròbellezza mia. Pupèstatte bona n’auto poconce vedimmo... Amamisa... amamisa!

PASQUALE: Amamisa!... Embèio vi ho pregato che sono il padre!...Scusatediteme na cosavoi chi siete?

LUIGINO: Io sono nu giovine ricchissimoposso fare la fortuna di vostrafiglia... (Prende Pasquale a braccettoe discorrendo insiemevanno via per laporta che conduce in giardino.)

FELICE (avvicinandosi a Pasqualementre questi va via): Pascàcumbina! Tustaje a li piede de Pilato!

EUGENIO: Cara Gemmanon puoi immaginarti come sono contento.

GEMMA: E io pure; ma nun saccio come m’aggio mantenuta la risa.

FELICE: Stammece attiente peròpecché si papà se n’addona nuje l’avimmona cauciata.

GEMMA: Ma che cauciata! Nun avite appaurance stongh’io che arreparotutto... Signòvenite cu mejammo dinto. (A Concetta e Pupella. Escono tuttee tre dalla porta a sinistra.)

CONCETTA: Andiamo pure! Pe me nun se ne po’ addunàpecché io la cuntessala faccio bona assai. (Uscendo dopo Gemma e Pupella.)

FELICE: Me ne so’ accorto!... Ha ditto chelli 4 ciucciarie!... Lo pedelacassarola...

EUGENIO: E voi no? Lo fegatolo pulmonela milza...

FELICE: Io ve l’aggio ditto. Riguardo alla malatiaio nun sapeva che avevadicere.

EUGENIO: Ma stateve attienteD. Felì!

FELICE: Nun dubitate... Ma quanno se mangia?

EUGENIO: Da qui a momenti.

FELICE: Capite! Tengo nu poco d’appetito.

EUGENIO: Nce pare da la faccia! (Via dietro alle donne.)

FELICE: E pure che bella cosa è fà lo nobile!... Rispettatoossequiato datutti... cerimoniecomplimenti... è un’altra cosaè la vera vita!... Neh?Lo pezzente che nce campa a ffà?... Il mondo dovrebbe essere popolato di tuttinobili... Tutti signoritutti ricchi!... Pezziente nun ce n’avvarrianastà!... Eh!... E si nun ce starrieno pezzienteio e Pascale sarriemo muorti...Nce ha da stà la miseria e la ricchezzase capisce!... Ma sangue de Bacco!...Chillu cancaro de parrucchiere m’ha cumbinato alla perfezione... (Mirandosiallo specchio.) Pare proprio nu principe!... Nun pozzo ridere ca se ne cade lomustaccio!... Ehchi sa che la sorta nun nce farrà diventà quacche cosaveramente!... A la fine sò gioveneche nce vò a benì nu colpo de fortuna?...Niente!... Allora jarrìa truvanno a muglieremae le diciarria: «Guarda! tu mihai trattato in quel modotu non ti sei più curata di meed oggi sono unsignore! Vuoi far pace?... Ebbenemettiti il cappelloperché non puoi venirecon me senza cappello!... Che bella soddisfazione. Eh!... Che bellavendetta!...» Che bella paliata me facette quanno me truvaje ncoppa addoLuisellala santa?!... Quatto perzune nun me putevano levà da sotto a essa!...Basta!... Mò và trova addò sta!... Pensiamo adesso che sono un principeecome principe posso fare quello che voglio io... che potrei desiderare?...Ah!... nu bicchiere di vermouthtanto per stuzzicar l’appetito!... (Suona untocco di campanelloche è sul tavolino.)

 

SCENA OTTAVA

 

Bettina e dettopoi Peppenielloindi Vicienzo.

 

BETTINA: Comandateeccellenza.

FELICE (atterrito): (Muglierema!... Eh! Mò l’aggio lo bicchiere devermouth!). (Si volta dall’altra parte.)

BETTINA: Eccellenzapertanto sono venuta ioperché ho inteso un toccoecon un tocco vengo sempre io.

FELICE: (E a me nu tocco m’è benuto!).

BETTINA: Dunqueche comandate?

FELICE: (E io si parlochesta me cunosce!)

BETTINA (con precauzione e quasi ridendo gli parla alle spalle): Io sacciotutte coseio stongo de la parte de la signorina... Chesta è stata na finzionech’avite fatta tutte quante.

FELICE: (Allora sape tutte cose... Sape che io sò lo marito!...) Bettinamiamugliera mia!...

BETTINA: Che!... Feliciello!... Ahpiezzo de nfame!... Assassino!... Sìtu!...

FELICE: Ma lo ssaie o nun lo ssaje?...

BETTINA: A che sto si arreduttoa ghì facenno mbroglie?... Galiota!...Birbante!... Ahme sì capitato n’auta vota sotto.

FELICE: Bettìpe carità!...

BETTINA: Scellerato!... nfame!... Ommo senza core!... Seje anne luntano de lamuglierasenza ncanicarse cchiù si sta femmena era viva o morta! Seje annesenza farme vedé na vota chella povera criatura!... Addò sta Peppeniello?Addò stà figliemo?... Parla!... Assassino!...

FELICE: Sissignoreio te dico tuttoma nun alluccà!...

BETTINA: Tu haje ragione che io nun pozzo fà chiassopecché sino faciarrianu male a la signurina... nun pozzo parlà... nun pozzo dicere chi sì... Maperòguè! Tu lo vide stu curtelluccio... (Tiro fuori un coltello aserramanico.)

FELICE: Bettina!... Posate il cortelluccio!...

BETTINA: Dinto a la panza te lo chiavo si nun me dice figliemo addò sta! (Siguarda intorno con precauzione.)

FELICE: (E chesta è capace de me lo dà dinto a la panza!... Ma ha ditto chenun pò parlànun pò dicere chi songo... Ah!... Aspetta che mò t’acconcioio!).

BETTINA: Dunque?...

FELICE: Io non sò voi chi sietee che cosa dite... Io sono il principe diCasador!... (Eh! Alluccamò!...)

BETTINA: Ahsi lo principe de li cassarole?

FELICE: (Noso’ lo princepe de li caccavelle!).

BETTINA: E che me mponta a me! Figliemo addò sta? (Minacciando Felice colcoltello.)

FELICE: Indietro vaiassa. O chiamo un servo e ve ne faccio cacciare. (Suonatre tocchi.)

PEPPENIELLO: Comandate eccellenza?

FELICE: (Peppeniello!).

BETTINA: Chi è chistu guaglione?

FELICE (avvicinandosi a lei): Zittoè Peppeniello è nostro figlio.

BETTINA: Figliemo. (Da un grido e corre ad abbracciare il ragazzo.) AhPeppeniello mioquanto te sì fatto bello. Damme nu vaso. (Lo bacia.)

PEPPENIELLO: E vuje chi site?

BETTINA: Songo mammetala vera mamma toja!

VICIENZO (entrando) Nehch’è stato?... Ched’è?

BETTINA: Vicienzo miochisto m’è figlio!... Erano 6 anni che nun lovedeva!... (Al ragazzo:) Ma parla!... Comme te truove dinto a sta casa?

PEPPENIELLO: Vicienzom’è patre a me! (Felicestupefattosorpresosalta su una poltrona.)

BETTINA: Viene!... Vieneme conta tutte cose... figlio mio! (Via col ragazzodal primo uscio a sinistra.)

VICIENZO: Principescusate!... Chillu guaglione m’è figlio!

FELICE (si butta giù dalla poltronae si precipita addosso a Vicienzo):Figlio!!!

.

ATTO TERZO

 

 

La medesima scena del secondo atto. Lampadaro e candelabri accesi. è sera.

 

SCENA PRIMA

 

Di dentro VociVicienzo e Biasepoi Gaetanoindi Luiginodi dentro.

 

VOCI (di dentro): Evviva l’allegria!

VOCI (c.s.): Evviva! (Battute di mano e tintinnio di bicchieri.)

VICIENZO (entra un po’ brillo dal fondo a destra con Biaseche lo seguerecando due lampioncini alla veneziana accesi): JammeBià!... jammo cu stilampiuncielle.

BIASE: D. Viciènun ghiate de pressa che io nun me fido cchiù dastammatina!

VICIENZO: Mò te chiavo nu paccaro! Nun se fida cchiù!... Comme si avessefatta sta gran fatica... Haje magnato e vevuto comme a nu puorco!

BIASE: D. Viciè m’aggio fatto 2 butteglie de lunella.

VICIENZO: Mò te la faccio vedé io la lunella... dinto a lo puzzo! Va llàva miette li lampiuncielle dinto a lo ciardino... Ne haje da mettere cchiù?

BIASE: Nonsignoresolo sti duje.

VICIENZO: E va li miettefà ampressapecché chille mò escenoe lopadrone le vò fà piglià lo cafè miezo a lo ciardino.

BIASE: Va benesimme leste... D. Vicièio lo cafè lo boglio amaro. (Viabarcollando per la portache conduce in giardino.)

VICIENZO: Mannaggia ll’arma de mammeta! Chillovì comme s’è cumbinato!

GAETANO (entrando): GuèVicièlo ciardino è pronto?

VICIENZO: Sissignorecavaliere eccellenza.

GAETANO: Bravo!... La guantiera cu li tazzemiettela ncoppa a lo tavulinoche sta vicino a lo trillace.

VICIENZO: Sissignore.

GAETANO: Vicièaggio fatta na bella figura! Quanno hanno visto lo serviziod’argiento doratoso’ rimaste cu li bocche aperte!... E pòcomme hannomagnato!... Diceno che li nobele magnano poco. Nun è overosò tuttechiacchiere!... Chille magneno cchiù de nuje!... Nce sta specialmente lomarchese Favettimamma miae che s’ha magnato chillo!... E la contessa delPiede!... che bella lopaneh... Io già n’aggio avuto piacere. Nun te puòimmaginà comme sto allegro stasera!

VICIENZO: Pe mill’annecavaliere eccellenzape mill’anne!

GAETANO: Grazie. Aggio fatto pace pure cu figliemo Luigino. Chillo è benutope tramente stevemo a tavolache aveva fà?

VICIENZO: Se capisce!... E po’sempe figlio v’è!

GAETANO: è giuvinottovò fà lo sciccose vede senza nu soldo e m’arrobba...Ma mò ha giurato che nun lo fa cchiùm’ha vasato la mano 2 vote... Intantomò stongo cu nu penziero... A tavola s’è assettato vicino a la cuntessinaenun hanno fatto auto che parlà zitto zitto tutte e duje. Io ncuorpo a medicevo:«Mò vide che se n’addona la Cuntessae cca nce ntussecammo laserata!... Mafurtunatamentené la cuntessané lo princepe e né lomarchese se ne sò addunate.

VICIENZO: Menu male!

GAETANO: Voglio vedé comme fa lo ciardino illuminato.

VICIENZO: Io vaco a piglià la guantiera cu li tazze. ( Via pel fondoGaetano via pel giardino.)

VOCI (di dentrogridando).

Bevoe fo brindisi

Di tutto cuore

All’illustrissimo

Signor... Amore!...

VOCI (c.s.): Bravo! Bravo!... Molto bene! (Tintinnio di bicchieri.)

 

SCENA SECONDA

 

Bettinapoi Felice.

 

BETTINA: Povero Peppeniello! Sò 3 ore che sta durmenno ncoppa lo lettinomio... quanta cose m’ha cuntato!... La faceva sta senza cammisachell’assassina!Peròmuntagne e muntagne nun se cunfronteno majee po’ essere che vene nujuorno che nce ncuntrammo n’auta votae putimmo fà li cunte nuoste.

FELICE (comparisce in fondo alla scena mezzo brillo; Bettina lo vede e fa perandar via): Nu momentosignora!... Lasciatemi prima parlaresentite prima laragionee poi fate quello che vi pare e piace.

BETTINA: Io non pozzo sentere nientepecché vaco de pressa.

FELICE: Io non debbo dire che poche parolee voi le dovete sentireperchéio le voglio dire. Ricordatevi che sono vostro marito.

BETTINA: Marito! (Ridendo:) Tumarito?

FELICE: Non ridetesignorae sentitemi.

BETTINA: Ma justo mò vuò parlà? Parlammo dimanequanno haje pariato losciampagne.

FELICE: Io non ho bevutoe non ho mangiato...

BETTINA: E nce pare!

FELICE: Non ho fatto altro che piangere tutto il tempo della tavola... Ah!..odoratemi il fiato.

BETTINA: Levate da lloco!

FELICE: Tutto quello che vi disserocioèche io sciupavo tutto conLuisellala sartanon era vero. Calunnie! calunnie!... Ero stato due o trevolte in casa suasiè veroquesto non lo nego; ma sarebbe tutto finitosevoi non aveste fatta quella scenata. Quando voi avanti alle sue discepole mifaceste quel mazziatonefu tale lo scuorno e la mortificazione che giurajo dinon vedervi mai più. Dopo 6 mesi di silenziomi mandaste a chiedere nostrofiglio... cioènostrovostro!... (Chillo ha ditto: Vicienzo m’è padre ame... Io saccio sti fatte!...) Io ve lo negai.... Ma sapete perché ve lo negai?Perché dissi: «Solamente così Bettina verrà da me per far pace». QuestoBettina non lo fece... E alloracurrivatoritornai da Luisella. Il resto losapete!

BETTINA: Che bella discolpa!... E chella povera criaturasenza cammisa!...Ma comme! Nu padre che fa stà lo figlio senza cammisa!

FELICE: E che direste se neanche il patre teneva la... cammisa.

BETTINA: Bella cosa!

FELICE: Adesso spiegatemio signoracome va che Vicienzoil servo diquesta casaè il padre di mio figlio?... Parlate.

BETTINA: Pecché chillu povero guaglione se mureva de famma e lo compareMichele l’ha mannato a servì dinto a sta casa. Lo padronetrattannese de nupiccerillonun se l’avarria certo pigliato; ma Vicienzoessenno amico deMichele e avennone compassionel’ha presentato ccà comme a figlioe haditto nfaccia a Peppeniello: «Chiunque t’addimannadì ca te so’ padre».

FELICE: Possibile!

BETTINA: Possibile! (Esce Vicienzo col vassoio e le tazzee si ferma sottola porta in fondo.)

FELICE: Allora Bettina miase è così... se m’hai detto là verità.

 

SCENA TERZA

 

Vicienzo e dettipoi Gaetano e Vicienzo.

 

VICIENZO (sorpreso dalla parole udite): Principepermetteteaggia purtà laguantiera cu li tazze fore a lo ciardino.

FELICE: (Steva facenno lo marrone!). Fate pure. (Siede sulla poltrona.)

BETTINA: Vicièagge pacienza!... Siccome l’illustrissimo signor principequi presentese crede che Peppeniello è veramente figlio a tedille tu laverità. Pecché chillu guaglione te chiamma padre?

FELICE: Sivorrei sapere perché quel bimbo vi chiama padre.

VICIENZO: Ecco quaillustrissimo... Mape caritànun dicite niente a D.Gaetano!... Chillu guaglione steva miezo a na stradaabbandunato da tuttequantee pe lo fà stà dinta a sta casa a servìio lo presentaje a lopadrone comme a figlio mioe v’assicuroillustrissimoche le voglio beneproprio comme a nu figliopecché se lo meretapecché è na poveracriatura... E si putesse sapé chi è lo padrele vularria dicere: «Piezze denfamegaliotacu quà core haje pututo abbandunà na povera criatura!?... Sìnu puorco!... Sì na carogna! E si me rispunnessea parola miaprincipepassaria lo guajo!... Vì che nfame assassino!.. Ppuh! pe la faccia soja!

FELICE: (Pe la faccia de mammeta!...). Me l’aggio vuluto sentere io stiquatte maleparole.

VICIENZO: Ma pecchéBettì?... Lo principe se credeva che m’ire mugliera?

BETTINA: Giàperfettamente.

VICIENZO: Nonsignoreillustrissimoio nun le songo niente. Bettina è nabona figliolaonesta e faticatora... Permettete? (Fa per andar via.) Lo patrede chillu guaglione è nu nfame! ... (Via pel giardino.)

FELICE: (Io abbusco da chillo!... ) Bettina miaperdoname! Io ti giuro cheda oggi in poi vularraggio bene sulo a te... Nun te faccio piglià cchiùcollera...

BETTINA: Va bene starrammo a vedé.

FELICE: E Peppeniello addò sta?... Me lo voglio abbraccià e bacia.

BETTINA: Mò non pò esserepecché chillo sta durmennote vede accustàvicino lo lietto cu stu mustaccioe pò essere che se scetae lo faje mettereappaura.

FELICE: Noio nun lo faccio scetàlo vaso chianu chiano. Io lo vogliovedé a chillu povero criaturo!... (Quasi piangendo.)

BETTINA: Nun chiagnereca sì brutto quanno chiagne... E ghiammoma zittozitto!

FELICE (infilando il braccio di Bettina): Io ti ho voluto sempre bene.

BETTINA: E s’è visto!

FELICE: Sò state la gente che hanno posto mpuzaturema io aggio penzatosempe a te. (Arrivano al primo uscio a sinistra.) E mò avimmo fatto pace?

BETTINA: Gnorsìavimmo fatto pace.

FELICE: E ghiammoja! (Vanno via.)

GAETANO (entrando con Vicienzo dal giardino): Ma pozzo mai credere che loprincipe se nnammurave de Bettina?

VICIENZO: Nce avita credereeccellenzapecché io ne songo cchiù checerto. Mò che sò benuto cu la guantiera e li tazzel’aggie truvate tutte eduje a stu pizzo ccà. Lo principe steva cu li mane accussìvicino a Bettinale diceva: Bettina miase è cosi... se mi hai detto la verità.

GAETANO: E che era sta verità.

VICIENZO: E che ne saccio?... Ma io sospetto na cosalo principe se credevache io l’era maritoe Bettina forse le steva dicenno ca no...

GAETANO: Ahsicuro... E mò addò sò ghiute?

VICIENZO: E chi ne sape nienteeccellenza!

GAETANO: Bastanun te n’incanicàse lo vede essa!... Chillo è nzuratoe Bettina se po’ pure ncuità cu la principessa.

VICIENZO: E se capiscecavaliere eccellenza!... E io perciò ve l’aggioditto... E pure lo principe se pò ncuità co lo marito de Bettina.

GAETANO: Comme?!... Bettina è mmaretata?

VICIENZO: Sissignore... Ahvuje nun sapite niente?

GAETANO: No!

VICIENZO Già... Bettina è mmaretatama sta spartuta da lo marito... Machesto nun bò dicere nientepecché da nu mumento a n’autoappuranno lofatto de lo principe...

GAETANO: Se capisce...

VICIENZO: Tanto cchiù che Bettina tene pure nu figlio.

GAETANO: Nu figlio?

VICIENZO: Sissignoreeccellenzae sapite chi è?... E chillu guaglione chev’aggio presentato ioPeppeniello!

GAETANO Peppeniello!... E commePeppeniello nun è figlio a te?

VICIENZO: Sissignoreè figlio a mema lo padre è lo marito de Bettina.

GAETANO: E io mò perdo la capa!... Tu a Bettina che le sì?

VICIENZO: Mò nun le songo nienteeccellenzama pe lo passato nce aggiofatto ammore.

GAETANO: Ahva buonoaggio capito!...

VICIENZO: Ma ve raccumannocavaliere eccellenza!... Nun dicite niente.

GAETANO: Te pare!... Ma che so’ fatta na criatura!... S’ha da vedé peròde riparà sta cosa... Tuintantova piglia lo cafèe portalo fora lociardino.

VICIENZO: Sissignorecavaliere eccellenza. (Via pel fondo a destra.)

GAETANO: Vuje vedite lo diavolo!... Mò chist’auto penziero nce voleva!...Ma commetutto nziemelo principe s’è nnammurato de Bettina?... Già!...Chillo cu lo sciampagne ha visto che chella era bona... è principee ha ditto:«Neh che me ne preme ca so’ nzurato..». Maintantocomme se pò fà?... Cuna mugliera moribonda!... Ah! Io pe me nun capisco!... Come si può fare?...Come si può fare?.

 

SCENA QUARTA

 

EugenioGemmaPascaleConcettaLuiginoPupella e dettoindi di nuovoGaetano.

 

GEMMA: Papàch’avite fatto?... Nce avite lasciate?

EUGENIO: Senza di voicapiretenoi siamo della gente morta.

CONCETTA: E poimi pare che non sia un atto legale abbandonare i convitti atavola e non fare più la comparsa.

PASQUALE: (Cuncéstatte zittanun parlà!). Volevamo fare un brindisi allavostra salutema non vi abbiamo più visto.

GAETANO: Sono venuto un momento per vedere se il giardino era tuttoilluminatoe se non vi dispiacepiglieremo là il caffè.

PASQUALE: Nel giardino?... Bellissima idea!

LUIGINO (a braccetto di Pupella): Se i signori permettonoio vado con lacontessina a vedere il giardino illuminato.

GAETANO: Non c’è bisognoperché adesso andiamo tutti! (Mannaggia l’armade mammeta!... Guè!... se la vò purtà dinto a lo ciardino!).

PASQUALE: A propositomio fratelloil principedov’è?

GAETANO: Io non lo sòanzi credevo che stava con voi.

PASQUALE: Ma noha lasciato la tavolae non s’è più visto.

GAETANO: (Quanno te vuò jucà che sta dinta a la cammera de Bettina?... Mòvaco a bedé!...). Signoriaccordatemi 3 minuti di permessovado a prenderminu fazzoletto.

PASQUALE: Fate pure. (Gaetano va via dal primo uscio a sinistrapoi torna.)

EUGENIO: Gemma miaquanto sono felice!

GEMMA: Povero papàse crede tutte cose!

LUIGINO: Pupella miacuore di questo petto. (L’abbraccia.) Me vuò bene?

PUPELLA: Ma siassajeassai!

CONCETTA: E tuPasqualinonon mi dici niente?... Anima dell’anima...

PASQUALE: De mammeta e de pateto!... Statte zitta!

EUGENIO: Silenzioecco D. Gaetano!

GAETANO (entrando): Eccomi qua a voi! (Aggio truvato lo principe che stevavasanno a Peppenielloe diceva: Figlio mio! Figlio mio!...) — (Neh!... Ma sepè sapé stu guaglione a chi cancaro è figlio?!). Dunquesignorivogliamoandare?

PASQUALE: Andiamo pure.

GAETANO: Pregocontessa! (Offre il braccio a Concetta. Tutti si avvianoverso il giardino.)

 

SCENA QUINTA

 

Vicienzo e dettipoi Luisella.

 

VICIENZO: Cavaliere eccellenzavi è fuori la principessa di Casador.(Sorpresa generale.)

GAETANO: La principessa di Casador!

EUGENIO: (Mia zia! Possibile!).

PASQUALE: (Oh! mò che avimmo mangiatonce spetta lo digestivo).

GAETANO: Marchesìvostra zia. (A Pascale.) Vostra cognata qua?

PASQUALE: Ma io non so...

EUGENIO: Credo che sarà uno sbaglio. (A Vicienzo.) Vi ha detto propriocosì: la principessa di Casador?

VICIENZO: Sissignoreeccellenzala principessa di Casador... Ma se veditecomme sta malata!... Nun se fida manco de parlà... Io l’aggio addimannato:«A chi vulite?». E essa m’ha risposto: «Qui stanno i miei parentiqui stail principe mio marito: perciò annunziatemi».

EUGENIO: (La principessa! Ma è impossibile!).

GAETANO: Ma comme!... Chella nun tene cchiù né fegatonè pulmonee se neva cammenanno?!... Qualche cosa di serio ci dev’essere. Chi sa che vi devedire!... Vado subito a riceverla. (Via pel fondo con Vicienzo.)

PASQUALE: Marchesìjammo!... Levatece sti panne da cuolloche ccà mòassommano ll’anema de li palate!

EUGENIO: Ma nonon temete! Dev’esserci qualche equivoco.

LUIGINO: Io diciarriafuitevenne pe lo ciardino.

PASQUALE: Siente a chistosiè!... A chest’ora nce vedeno fuì cumbinatede chesta manerance pigliano pe mariuolence arrestano.

CONCETTA: Lo core me lo diceva de nun ce venì!

PASQUALE: Ma chill’assassino de Felice addò sta?... Marchesìpensatevuje ch’avita fàpecché vuje site stato!

EUGENIO: Va benenon avete pauracoraggio!

GEMMA: Ma a sta principessa come l’è benuto ncapo de venì.

GAETANO (di dentro): Piano!... pianoprincipessa. Eccosiamo arrivati.(Concetta e Pasquale voltano la faccia dall’altra parte.) Luigina poltrona!

LUIGINO: Subito. (Preparata una poltrona nel centro della scena.)

LUISELLA (entrando in abito nero con mantellina di merlettoguanti neri ecappellinomolto pallida. Gaetano e Vicienzo l’accompagnano in mezzo allascena sorreggendola per le braccia): Graziesignore. Quante siete buono!

PASQUALE: (Uh! Luisella!).

CONCETTA: (PascàLuisella!).

EUGENIO: (La moglie di D. Felice!... Ah!... respiro!) (Gaetano e Vicienzofanno sedere Luisella sulla poltrona.)

LUISELLA (respirando): Ah!...

GAETANO: Principessama come vi viene in testa di uscire a quest’oravoiche state tanto ammalata?... Marchesìbaciate la mano alla zia. Marchèabbracciate la cognata... (Chiste che pariente nfame songoneh?).

PASQUALE: Cognata miacara cara. (L’abbraccia.) (D. Luisèchiste so’prudite de capa!).

EUGENIO: Zia mia! (Le bacia la mano.) (Ma perché avete fatto questo?).

CONCETTA: Ci è sembrata proprio stranacara cognataquesta vostravisita... Chella malatia che aveteuscire di casa significa proprio abbreviarsila vita!... (Puozze schiattà!)

LUISELLA: (Mò proprio!). Siè verocara cognataio non doveva muovermidalla casa. Ma che volete?... Mi sono vista solaabbandonata da tuttie hodetto: «Giacché debbo morire assolutamentevoglio morire in mezzo ai mieidilettissimi parentifra le braccia del mio amato consorte».

GAETANO: (è benuto a murì dinta a la casa mia!).

LUISELLA: Lo sò che voi poco mi curatee che aspettate con ansia la miamonte... Ahlo sòlo sò!... Ma sapete come si dice? Morte desiderata nonviene mai! (Tossisce.)

GAETANO: Ahquesto è certo!

LUISELLA: Se avesse avuto un poco di affezione per medovevate dire:«Povera principessache farà lei sola in casa? Noi ci divertiamoe quellapovera principessa sta digiuna.

GAETANO (a Eugenio): Sta digiuna?

EUGENIO: (Non ci badate. Fa sempre questo!) Mia cara ziase siete statadigiunaè perché il medico vi ha proibito di mangiare.

LUISELLA: Silo sòma io adesso mi sento meglio... Mi ho mangiato due uovadure e nu poco di pane.

GAETANO: (Ha fatta na culazione leggierala principessa!).

LUISELLA: Tanto per aver la forza di venire quae vedere anch’io la bellasposina. (Tossisce.)

GAETANO: (Guèma sta proprio arruinatasà!).

LUISELLA: E poi voglio parlare con mio maritoil principedi un affaremolto serio... Ma dov’è?... Dov’è il principe? (Si guarda intorno.)

GAETANO: (Eh!... Staje fresca!). Non sappiamoprincipessa... Forse saràandato in giardinoperché io ho fatto una grande illuminazione stasera.

LUISELLA: Bravissimo!... E allora andiamo in giardino a trovare ilprincipe... Ho bisogno di parlare col principe!...

GAETANO: Volete andare in giardino? Ma quell’aria può essere che vi famale!

LUISELLA: Ohno!... Anzi mi fa tanto bene l’aria del giardino... Andiamodatemi il braccio.

GAETANO (a Pascale): Marchéche ne dite? L’avessa fà ascì fora a lociardino?

PASQUALE: E dopo che le fa male a voi che ve n’importa?... Che ve n’importa?...

GAETANO: (E nun fà che murite de subeto tutte quante! Vuje vedite a me cheme succede!... Chille me la cumbina pure de brutto!). Alloraprincipessaandiamo!

LUISELLA (alzandosi con l’aiuto di Gaetano): Pianopianosignoreperchéle gambe mi tremano. (Alzandosi:) Ahmi sento deboleche voi non potetecredere... Questa è l’ora...

GAETANO: (De la tiellapuparuò!).

LUISELLA: Che ogni sera mi si abbaglia la vistae poidopo pocomi vienela tossel’affannoi dolorile convulsioni... Ohquante cosequantecose!...

GAETANO: (Mò che vaco dinto a lo ciardinol’atterro sotto a n’albero delimone!).

LUISELLA: Peròsapete quanto mi calmo?... Quando vedo mio maritoilprincipe... Fatemi vedere il principee io mi calmo... Io voglio vedere ilprincipe!... Io voglio vedere il principe!...

GAETANO: Mò jammo!... (Nehvenite vui purechesta m’avessa murìmbraccia!). (Si avviano entrambi verso il giardino.)

LUISELLA (gridando): Io voglio vedere il principe!... Io voglio vedere ilprincipe!...

GAETANO: E mò jammo!... (Vi che guajo de notte!). (Escono.)

EUGENIO: Come diavolo ha saputo l’indirizzo?

PASQUALE: Forse cu chillu biglietto che io rimanetta ncoppa lo tavulino.

EUGENIO: Ma che intende di fare? Io non lo sò. (Via pel giardino.)

PUPELLA: Jammejammeviene Luigi. (Via.)

LUIGINO: Vengovengobellezza mia! (Via.)

PASQUALE: Me sento scennere dinto a li rime che stasera abbuscammo.

CONCETTA: Pozza sculà essa che nc’è benuta!... Stevemo accussì bello.

PASQUALE: Camminaballa de baccalà! (Escono.)

 

SCENA SESTA

 

Ottaviopoi Eugenioindi Gaetano.

 

OTTAVIO (di dentro): è permesso?... Si può?... (Entrando.) Non c’ènessuno. Eppure il servo mi ha detto che stavano qui. Forse saranno andati ingiardino. (Si avvia verso il giardino.) Ohguarda. C’è illuminazionestasera... Bravissimo! (Guardandolo.) Pare che ci sia molta gente... Oh! Chevedo!... Eugeniomio figlio!... (Si allontana.)

EUGENIO: Quella donnaquella donnafarà scoprire tutto!... Chi è?...(Sorpreso:) Papà!...

OTTAVIO: (Qui ci vuol coraggio!). Siproprio papàche viene a domandarviche cosa venite a fare in questa casa!... Eugenio!... Una delle due: o mettetegiudizio ed ascoltate gli avvertimenti di vostro padreoppure allontanatevi daNapolie non vi fate più vedere. Voi sapete che vostro padreper le disgraziesofferte in Borsanon ha più i mezzi di una volta. E la principessa che oggipensa a me ed a voi... E se domani appurerà la vita che fatesarà una rovinaper voi e per me!

EUGENIO: Ma quale vita faccio io?... Amo una buona ed onesta ragazzahopromesso di sposarlae la sposerò!...

OTTAVIO: Parlate della ballerina?

EUGENIO: Sicuro!

OTTAVIO: Sposarla? (Ride.)

EUGENIO: Sisposarlapadre mioperché è un angelo! Ella mi ama tantoedio non cerco di meglio.

OTTAVIO: Ed io vostro padremi oppongo!...

GAETANO (entrando): Voglio avvisà lo principe... (Vedendo Ottavio:) Oh!...Voi state qua?... E come! nessuno mi diceva niente!... Marchesìvi presento ilsignor Bebè...

EUGENIO: Il signor Bebè! (Con sorpresa.)

GAETANO: Giàcosì si vuol far chiamare; è il suo pesobonimoe nonsappiamo perché!... V’importa a voi?

EUGENIO: No!

GAETANO: Signor Bebèvi presento il marchesino Favettifidanzato di miafiglia.

EUGENIO: Tanto piacere!... E viene spesso qui il signore?

OTTAVIO: Spesso?... Così... Qualche volta...

GAETANO: No spesso!... spesso!

OTTAVIO: Ma che spesso...

GAETANO: Sispesso!... spesso!

OTTAVIO: E sispesso... spesso!

GAETANO: Eh!... Ma vuje nun avita dì buscie! (Ad Eugenio:) (Capitevene afà lo spasimante! Ma chillo mò ha ntiso che siete il fidanzato di mia figliae nun ce vene cchiù!).

EUGENIO: (Ho capito!).

GAETANO: Intantopermettetemi nu momento! Vado a dì a lo principe che lamugliera lo vò vedési no l’affanno nun se calma. (Poi ad Ottavio:) SignorBebèvuje nun avita dì busciesinò site nu cattivo pesolonimo! (Via dalprimo uscio a sinistra.)

EUGENIO: Bravo! Lei dunque è il signor Bebè?... Lei dunque viene spesso inquesta casa?

OTTAVIO: Io sono un uomo... sono vostro padree non debbo render conto a voidelle mie azioni!

EUGENIO: è giusto!... Non sò che cosa rispondervied il meglio che iopossa fare è di andar via... (Prende il cappello.) Permettete peròcaropadreche io vada a raccontar tutto a mia ziala principessa.

OTTAVIO: Oh!...

EUGENIO: Oh! Questo lo faròsul mio onorelo farò!... Non saretenominatoma le racconterò ogni cosa con una storiella. Vi ècara ziaungiovine che ama ed è riamato da una fanciulla onesta. Egli vuole sposarla e sipresenta al padre di lei col suo vero nome. Tutto è stabilito per le nozze. Maquesto giovine è figlio di un signoredi un nobile signorechedisgraziatamenteama la stessa fanciulla; però egli non vuole sposarlanépuò sposarlaperché i suoi nobili parenti vi si oppongono. E che cosa fa?Sotto un falso nome si reca spesso in quella casaeincontratovi il figliogli dice: Io non dò conto a voi delle mie azioni!... — Ebbene! Cara ziaditemi francamente chi vi sembra più onesto dei due: il padre o il figlio?...(Fa per uscire.)

OTTAVIO: Fermatevi. Eugenio!... Voi non farete ciò! Volete sposare Gemma?...Ebbene sposatela!...

EUGENIO: Ma col vostro consenso?

OTTAVIO: Col mio consenso?... Ohmai!

EUGENIO: Benissimo! E allora io dirò alla ziache quel padre si chiamaOttaviosoprannominato il sig. Bebèe che quel figlio si chiama Eugenio!...

OTTAVIO: Venite quiassassino!... Va bene!... Vedremo di aggiustar lacosa...

 

SCENA SETTIMA

 

GaetanoFelice e dettipoi GaetanoLuisellaPasquale e Concetta.

 

FELICE: Dunquedi che si tratta?... che cosa mi dovete dire? State da mezz’oradentroe non mi avete ancora detto niente?

GAETANO: Scusateprincipe... Là c’era Bettinae io non potevo parlare.

FELICE: La cameriera?... Ah!... sapete!... Mi piace quella ragazza.

GAETANO: Me ne so’ acconto!... Sapete chi è venutaprincipe e vuoleparlare con voi?

FELICE: Chi?

GAETANO: Nientemeno la principessa!... Vostra moglie!

FELICE (stupito): Neh?!... E comme faccio?...

GAETANO. E io che ne saccio!

FELICE: Nodico come farò?

GAETANO: Ci dovete parlaresi nòpoverettal’affanno non si calma...Aspettatemò ve la porto io stesso qua... Sig. Bebèscusate si stasera nonvi dò tanto rettama sono occupatissimo!... Vi presento il principe diCasador...

OTTAVIO (a Eugenio): Che!...

GAETANO: Là pò tengo il marchese Ottavio Favetti...

OTTAVIO: (Io!...).

GAETANO E la contessa del Piede... Perciò abbiate pazienza. Fate voimarchesifate voi le mie veci. (A Felice:) Mòve la portomò ve laporto!... (Via pel giardino.)

OTTAVIO (ad Eugenio): Che diavolo di pasticcio è questo?... Il principelaprincipessala contessa!...

EUGENIO (ridendo): Venite con mee vi spiegherò tutto... Ci sarà da riderea crepapelle!... Venite... (A Felice:) Caro zio!... (Ridendo.)

FELICE: Addionipote. (Con grande sussiego.)

EUGENIO (sulla porta): Caro zio! (Ridendo) Ahahah! (Via pel fondo asinistra.)

FELICE: Oh! Ride l’imbecille!...

OTTAVIO (corre verso Feliceche indietreggia spaventato).

FELICE: (Me credevo che me zumpava ncuollo!).

OTTAVIO: Signor Principe di Casador! (Ridendo.)

FELICE: Addioaddio! (Con sussiego.)

OTTAVIO (sulla porta): Signor principe di Casador! (Ridendo ironicamente:)Ahahah! (Segue Eugenioe via.)

FELICE (va verso la porta in fondo): Neh?... Ma pecché faje lo farenella!...A te chi te cunosce!... (Sulla porta.) D. EugèD. Eugè!... (Chiamando.) Mòche vene la principessa comme m’aggia regolà. Guè!... Chillo nun me dàudienza!... E che me ne mporta a me! Mò vide che paliata nce facimmoio e laprincipessa!...

LUISELLA: Ah!... Dove sta il principe?

FELICE (atterrito): Luisella!!

GAETANO: Eccolo qua... principe!... Vedete chi vi porto?

FELICE: (Me l’ha fatto lo piacere!).

LUISELLA (abbraccia Felice): Ahmarito miocaro caro!... Ho bisogno didirti tante cose! Abbracciamidimmi tu pure qualche cosa. (Abbraccia forteFelice.)

FELICE: (Mannaggia chi t’ha allattata!). Ma come?!... Lei non è mortaancora?... (A Pasquale:) Fratelloe voi che ne dite di questa visita?

PASQUALE: E che ne debbo dire!... Mi ha fatto tanto piacere!

CONCETTA: Siamo rimasti tutti meravigliati!

LUISELLA: Oh! Ma come questa meraviglia? Perché tanta sorpresa? Certamenteio non era morta ancora!... E tu caro principeavevi già dimenticata la tuacara principessa? (Dà un pizzico a Felice.)

FELICE: Oh!... Ma che dimenticata!... Poc’anzi si parlava di voi.

GAETANO: Neh! Io qua sono soverchio. Voi forse dovete parlare di affari difamigliae perciòse credetemi allontano.

LUISELLA: Si... difatti... mi farebbe piacere di rimanere sola colprincipe...

FELICE: (Sicuro! p’avè ma mazziata!) Ma mio fratello e mia sorella possonorestare... sono parenti.

GAETANO: Eh! Dice bene il principe. Io me ne vadoperché sono ancoraestraneoma fra poco sarò anche io parenteallora... Per ora fate il vostrocomodo. (Via pel giardino.)

LUISELLA (guarda minacciosa verso il giardino e verso la porta in fondo).

FELICE: (Pascàmantienela a chesta!...).

LUISELLA (vieni avanti con le mani nei fianchi): A quanto parenun nce aviteavuto troppo piacere che io sò benuta ccàpecché D. Concetta mazzeca limoneD. Pascale se mozzeca lo mussoe tu m’avuote la faccia!... Ma che!... vecrediveve che la casa aviveve rimasta la cacciuttella. (Dando un urtone aFelice.)

PASQUALE: Vuje tutto aviveva fàma fore de venì ccàpecché v’erastato avvisato!

CONCETTA: A la fine po: nun se trattava de nu mese!... Se trattava de nu parede juorne!

LUISELLA: Nu pare de juorne che io aveva stà diunama già io nun parlo cubuje; io l’aggio cu stu piezzo d’assassinoche me puteva purtà pure a me!

FELICE: Io nun era juto a la villeggiaturanun me n’era juto ncampagma!...Se trattava de fà nu piacere a n’amicoe tu nun nce putive venì!

LUISELLA: E io sò benuta! Sta rroba (mostrando l’abito che indossa) me l’aggiofatto mprestà da na signora e me sò presentata.

PASQUALE: E avite fatta ma cosa bonanehD. Luisè? Pe causa vosta avimmoavuta na cancheriata da D. Eugenio... Cheste sò penzate de femmenellascusate!

LUISELLA (adiratissimascuotendo a destra e a sinistra il cappellino che hain testa).

FELICE: (Ma ch’è nu berrettino pe la notte!).

LUISELLA: Guè!... nun me chiammà femmenellasàpecché si nòcommestongo mònun saccio a che ghiammo a fenì.

FELICE: Luisèca ccà nun staje a casa toja!... Qua stiamo in casa di unsignore... Statte zitta!

LUISELLA: Chi se sta zitta! Chi se sta zitta!... Io t’aggio ditto che stavita nun la voglio fà cchiùnun te voglio vedé cchiù.

 

SCENA OTTAVA

 

Detti e Bettina che entrae resta ad osservare tutti tenendosi in disparte.

 

FELICE: Ma chi te vò vedé cchiù!... Chi te vò vedé... Pe causa sojaaggio passato nu sacco de guaje!

LUISELLA: Pe causa mia haje passate nu sacco de guaje?... Tu sì stato sempenu disperatone!

FELICE: Sò stato sempe nu disperatone? Nehtu sientePascà?

PASQUALE: Eh! dimmella a me!... Chesto nun lo può dicerepecché cunuscennoa te è ghiuto pezzenno.

LUISELLA: Sciùpe la faccia toja!...

PASQUALE: Pe la faccia de mammeta!

LUISELLA: E ghiuto pezzente pe me?!... Chillo m’ha mpignato tutte cose.

FELICE: E n’auta vota mò cu sti pigne!... E n’auta vote cu sti pigne!...Ma chi me li dà 47 lire pe nun la sentere cchiù?

BETTINA (avanzandosi): Te le dò io!...

CONCETTA: D.a Bettina!...

PASQUALE: La mugliera...

LUISELLA: Oh!... vuje State ccà?

FELICE (in mezzo alle 2 donne): Ma che bulimmo fà mò ccà?... che bulimmofà?!

LUISELLA: E allora è n’auta cosaallora nce penzate vuje... A vuje nun vesongo niente 47 lire?...

BETTINA: Se capisceca nun me songo nientepecché io me l’abbusco co lafatica!... E sa che te dicoLuisè!... Vattenne co lo buonopecché si nò tene vaje malamente!

LUISELLA: Me ne vaco malamente!... Me ne vaco malamente!...

FELICE: Ca chella tene lo curtellino dinto a la sacca...

LUISELLA: Vattenneche tu nun haje fatto mai niente; e si vuò fà buonovà fa lo lietto a la signoraca tunfaccia a me nun può dicere: vattenne!

PASQUALE: Chella è mugliera! E comme a mugliera lo pò dì! (Mentre gestiscelascia cadere per terradisotto al pastrano una posata d’argento.)

FELICE: (Pascàca nuje jammo ngalera! Pascàca nuje jammo ngalera).

PASQUALE (raccoglie in fretta la posatae la ripone su una mensola): (Mache! Io a tavola era distrattoe me l’aggio misa dinta a la sacca).

LUISELLA: Ma la mugliera se l’ha dà piglià co lo marito ca va facennotanta mbrogliee accussì me ngannate a me puverella!

BETTINA: Nome l’aggia piglià sempe cu ticoche te mettiste cu n’ommonzurato!

CONCETTA: E se capisce!... Na bona figliola chesto nun lo fà!

LUISELLA: Guètrabaculo scassatostatte zittapecché io piglio aschiaffeprimma a te e po’ all’aute!...

CONCETTA (gridando): Lo dice pecché staje ccà ncoppa!

LUISELLA (gridando): Nove lo dico pure abbascio!

FELICE (gridando): Statte zitta!...

PASQUALE (gridando): Sì stata sempe na zantraglia!...

LUISELLA (gridando): A me zantraglia?! (Si azzuffano urlando e strepitando enella zuffa Felice prende uno dei suoi bqffetti finti.)

 

SCENA NONA

 

GaetanoGemmaLuiginoe Pupelladal giardino; Vicienzoe Giacchino dalfondo indi OttavioEugenio e detti.

 

GAETANO: Guèoh!... E che stammo abbascio a lo Lavenaro! (Accorrono tuttigli altri e riescono a separarli.)

GIOACCHINO: Ch’è stato?... Se sentono li strille da vascio?

GAETANO (guarda Felice che ha un baffo solo): Che!... Principe!... Se n’ècaduta ma mignatta!...

FELICE (sorpresoavvicina la mano alle labbrae gira intorno a D. Gaetano).

GAETANO: Mò lo va truvanno da dereto a me!

FELICE (a Gaetano): Forsechi sa... qualche mossa di sangue!...

GAETANO: Eh!... Ma ch’è statoprincipemarchese.

LUISELLA: Vuje quà principe?... Quà marchese?... Signòvuje che dicite! V’hannombrugliato!... Chiste sò quatte disperatune!... Uno è D. FeliceSciosciammoccalo scrivanoe l’auto è D. Pascale lo salassatore!

GAETANO: Chè!

LUISELLA: Nu certo D. Eugenioche fa l’ammore co la figlia vostal’hafatte travestì de chella manera pe ve puté mpapucchiàe io me sò fintaprincipessape scummiglià tutte cose! E vuje ve l’avite creduto?... Mammamòe che piezzo de battilocchio siteneh! (A D.a ConcettaFelicePasquale ePupella.) Chillo era lo Marchese! Chillo era lo principe!... Chella era lacuntessa!... Chell’auta la cuntessina!... Sti quatte muorte de famma! ... Emò sa che ve dico!... Dimmane purtateme li 47lirepecché si no addò vetrovove mengo ma vricciata mmoccae ve faccio perdere lo sapore de lo pane.Marchese... principe... contessa!... Sciù pe li facce voste! Che puzzate essereaccise! accise! (Via pel fondo a destramentre compariscono sulla sogliaOttavio ed Eugenio.)

GAETANO: Possibile! Ed è vero tutto questo?

GIOACCHINO: SissignoreD. Gaetà! Vuje quà principe?!... quà marchese?!...quà cuntessa?!... Chille m’hanna dà 5 mesate pe nu quartino che l’affittaje!

GAETANO: Vuje che dicite?... Neh!... Gemma?... Lo marchesino addò stà?(Gridando.)

EUGENIO (avanzandosi con Ottavio): D. Gaetano mioperdonatemiho fatto farequesta finzioneperché amavo troppo Gemmaed ora sono pronto a sposarla colconsenso di mio padrequi presente. (Mostra Ottavio.)

GAETANO: Come! Voisuo padre?!...

PASQUALE: Sissignorelui è il marchese Ottavio Favetti.

GAETANO: E perché ve faciveve chiamà il signor Bebè?

OTTAVIO: Per poter venire in questa casa da incognitoparlare con Gemmaconoscere il suo caratteree vedere se era degna di mio figlio!

GAETANO: Veramente?

OTTAVIO: Parola d’onore!

GAETANO: Meno male!... Allorasposatevi e il Cielo vi benedica!

EUGENIO: Finalmente! (Abbraccia Gemma.)

LUIGINO: Papàbenedite anche a noi!... Io amo la contessinala contessinami amae ci vogliamo sposare.

GAETANO: Quà contessina?!... Faciteme capìchesta mò chi è?

PASQUALE: è mia figlia.

CONCETTA: E io songo la mamma.

GAETANO: E bravo!... E tu comme te ne sì nnammuratetutto nzieme?

PUPELLA: Tutto nzieme?!... Nuje facimmo ammore da nu mese e miezo!... Guè!oh!...

LUIGINO: Sissignorepapàda tanto tiempo!

GAETANO: Va beneper il piacere che ho maritata mia figliavi sposereteanche voi.

PUPELLA: Che bella cosa!... Che bella cosa!

LUIGINO: Bellezza mia. (L’abbraccia.)

GIOACCHINO: D. Gaetàscusatee a me le 5 mesate chi me le dà?

GAETANO: Ve le dò io!

GIOACCHINO: Va bene.

CONCETTA: Ohche piacere!

PASQUALE: Bravo D. Gaetano!

FELICE: D. Gaetàe io?...

GAETANO: A proposito. Vuje pecché stiveve dinto a la cammera de Bettinaepecché diciveve nfaccia a Peppeniello: «Figlio mio! Figlio mio!»?

FELICE: Pecché a Bettina le so’ maritoe a Peppeniello le so’ padre.

BETTINA: Sissignoreeccellenza! Simme state spartute 6 annee mò pe stacumbinazione nce simmo cuncentrate.

GAETANO: Bravissimo!... E Peppeniello v’è figlio?

VICIENZO: Sissignoreeccellenzae io pe lo fà rimané dinta a sta casav’aggioditto che l’era patre.

GAETANO: Mannaggio ll’arme de li mamme voste!... Vì quanta mbroglie!... Echill’assassino de lo guaglionecomme ha fatto la parte naturale!... Vicienzom’è padre a me!... Addò sta? Addò sta?

VICIENZO: Sta dinta a chella cammera. (Mostra la prima porta a sinistra.) Sesta mettenno la sciassa.

GAETANO: Aspettatevoglio vedé si se ricorda. (Suona 3 tocchi.)

 

SCENA ULTIMA

 

Peppeniello e detti.

 

PEPPENIELLO: Comandateeccellenza!

GAETANO: Bravissimo!... Dimme ma cosa? (Conducendolo nel mezzo della scena.)Tu a chi sì figlio?

PEPPENIELLO: Vicienzo m’è patre a me!

GAETANO: Mò te dongo nu schiaffone!... Nun è overo!... Chesto te l’hannomparato. Pateto è chistu ccà! (Mostrandogli Felice.)

PEPPENIELLO (voltandosi): Uh! Papà!

FELICE: Sìpatetoche ha passato tanta guajefra la miseria vera e lafalsa nobiltà!

Fine della commedia