Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoAhi Deoche dolorosa
Ahi Deoche dolorosaragione aggio de direche per poco partirenon fa meo corsolo membrando d'ella!Tant'è fort' e angosciosache certo a gran penaaggio tanto de lenache di bocca for traga la favella;e tuttavia tant' angosciosamenteche non mi posso già tanto penarech'un solo motto trarene possa interparlando in esta via;ma' che pur dir vorrias'unque potesseel nome e l'efettodel malche sì distrettom'av'a séche posar non posso nente.Nome ave Amore:ahi Deoch'è falso nomoper ingegnare l'omoche l'efetto di lui cred' amoroso!Venenoso dolorepien di tutto spiacereforsennato voleremorte al corpo ed a l'alma lo cosoch'è 'l suo diritto nome in veritate.Ma lo nome d'amor pot'om salvaresegondo che mi pare:"amore" quanto "a morte" vale a diree ben face amortireonor e prode e gioiaove si tene.Ahicom'è morto benequal hasì come mein podestate!Principio de l'efettosuoche saver mi tollee me fa tutto follesmarruto e tracoitato malamenteper ch'a palese è dettoca eo son forsennato:sì son disonoratoe tenuto noioso e dispiacente.E me e 'l meo in disamore holassoe amo solo lei che m'odia a morte;dolor più ch'altro fortee tormento crudele e angosciosoe spiacer sì noiosoche par mi strugga l'almail corpo e 'l coresento sìche 'l tinorepropio non porea dir: perciò me'n lasso.Amoreperché tantose' ver' mene crudelegià son te sì fedeleche non faccio altro mai che 'l tuo piacere?Ché con pietoso piantoe con umil mercedeti so' stato a lo piedeben fa quint'anno a mercé chedereadimostrando sempre il dolor meoch'e sì crudelee la mercé sì umana:fera no e sì stranache non fosse divenuta pietosa;e tu pur d'orgogliosamainera se' ver' me sempre restatound'eo son disperatoe dico malpoi ben valer non veo.Orgoglio e villaniavarrea più forse in teneche pietanza o merceneper che voglio oramai di ciò far saggio:ché veggio spesse viaper orgoglio atutareciò che mercé chiamarenon averea di far mai signoraggio.Però crudel villano enemicoseraggioAmorsempre ver' tese vale;ese non piggior malech'eo sostegno or non posso sostenerefaraime adispiacerementre ch'eo vivoquanto più porai:ch'eo non serò giamaiin alcun modo tuo leale amico.O no Amorma mortequali e quanti dei pro'd'onore e di prohai già partiti e parti a malo engegno!Ché gioi' prometti fortedonando adesso noia;e se talor dài gioiaohquanto via piggior che noi' la tegno!como che venta pei' che perta a giocoèsegondo ciò pare.Per ch'io biasmare te deggio e laudare:biasmar di ciòche miso al gioco m'haiov'ho perduto assai;e laudar che non mai vincer m'hai dato;perch' averia locatolo core in te giocandoe or lo sloco.Amornon me blasmar s'io t'ho blasmatoma la tua fellonesca operazione:ché non ha già ladronede che biasmi signor c'ha lui dannatoma da sentirli gratose merta morte e per un membro e varco;com'io te de l[o] marcode lo mal tuo non ho grano un pesato.