Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Monte AndreaAhi lasso dolorosopiù non posso
Ahi lasso dolorosopiù non possocelar né covrire 'l mortal doloreli affannili penser c'hanno coloredi lor vertù me dato in ciascun membro.L'arma e lo core n'è compreso e mossosolo un punto non posso me ritrarne:tant'è il soperchioconvene mostrarnein mia canzonpoi non son ciò ch'eo sembro.Isvarïato son d'ogn'altro corpofuor di natura son d'ogne animale;solo Amore m'ha condotto a taleche 'n sua propia natura tuttor restalo mio afettoed hami dato vestadi sé: vedete oimai chent' essor pò!Poi sì compreso m'hache me ne nascein tuttoove Onor valemidisvarose ben disio alcunoho lo contraro;lo volereove l'aggiofior non cape.Chi dir volesse: «Amor di che te pasce?»rispondo: «Di dolori e di martirid'affannodi pensieri e di sospiri;tenemi in foco con ardenti vape».Maninconiaira con tutti guaitempestapena un'ora non mi lascia:di cotai gioie Amor tutto mi fasciasì che mi fa parer la vita morte;ed ancor peggio: sì tormento fortecreder mi fa non aver fine mai.Chi vole dir: «Ché non ti partifolle?»;«Non ho il poderc'Amor mi tien ripostoe 'n fera segnoria m'ave apostosì c'assai peggio son certo che guasto;arditanzabailia tutta mi tollela segnoria che per forza seguisco.Ma sai che fo? Di pianto mi nodriscoc'altro argomento non m'averia basto».Più ch'eo non dico son certo a mal passo:ubidir e servir tal mi convenenon aver peggio seria 'n for di pene;ché tutta gente par mi mostri a dito:così son disorrato ed aunitoper teAmorsì m'hai condottolasso!Conosco bene il reo passo ove sono;masì com'e' aggio detto di sovranon ho podere in meforza néd ovrach'io possa mantener mia vita larga.Però fa fal di ciò chi porta sònoin dispregiopoi non sano il mal ch'abbo;ma sai che pagamento eo ne torrabbo?Seguerò lo proverbio ch'è da Barga.Ché già non posso contradiar null'omo;ma chi savesse com'io son condottocontra di me non parlerebbe motto;non mi sarebbe sì crudel nemico:ché de le cento parti una non dicode' dolorosi mali ove consumo.Chi nocere vol meven'ha gran campopoi tutte degnità per me son vote:facciami male ciascun quanto potec'Amor vuol sia d'ogni tormento tomba.In tal sentenza sonmai no 'nde campo:di sì mortale guisa Amor m'ha colmoche già traboccoché ne vien lo scolmoe 'n tutte parti già lo suon rimbomba.Poi d'esta morte faccio come il nibbi'àperò chi me sentenza fa mal troppo:ché contro Amor già non vale rintoppochecu' istringecom' più si contendesotto di sé più lo legh' e lo prende;e 'l doglioso manto adosso gli afibbia.Però tema ciascun c'Amor nol leghi;de' suoi perigli alquanto fòvi cernanel passo ove conduce cui governa.Ma s'io dicesse ciò ch'a me ne serbogià non saria null'om ver' me sì acerbonol movesse pietà a far di me preghi.Meo lamentomovie sai cui parla;ai noiosi riprenditori a tortodi' che nave talorpoi giunta a portodi gran tempesta père e va a fondo:così d'Amor poriano aver lo pondo;non pecchin più di tal sentenza darla.