Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoAmor tanto altamente
Amor tanto altamentelo meo entendimentoave misoche nenteaggio ardimento - di contare e direcomo di lei m'ha priso;ma vista tal presentoche lei ha certo misocome 'n suo segnoraggio meo desire.A che di ciò m'aveggiocerto celar nol deggio;non che celar lo beneche del segnore avene - fosse fallire(falla chi più piacentenol fache 'l ver consente)ma a lo male diaom ben donare obbria- poi vol servire.Eoche servir talentola detta via tegno:al male obbria consentoal benche 'n mente e 'n viso ognor me sia;e l'opra laudata(di ciò metter son degno)è sìche sia cercataa chi è d'alta donna en segnoria.Se serve for fallenzache non aggia temenzaperché tant'alta siaché già per gentilia - non vene orgoglio;ma en ciò non fallireli po gioia sentire;ed omo che desiade su' par segnoria - laudar non voglio.Tant'alto segnoraggioho disiato averenon credo aver ned aggioal mondo parsecondo mia valenza;e ciò considerandoquanto e dolze e piaceresu me distese amandovecino foi che morto di temenza.Ma vaccio mi ripreseun pensero cortese:com sempre gentilezzaface locare altezza - en pietanza.Allor temor demisifedeltà li promisi;como l'avea en coraggiolei feci prender saggio - per semblanza.Poi ch'aprovò lo saggiocon fina conoscenzach'era di fin omaggioma' fo suo segnoraggio - conceduto.Nel suo chiarito visoamorosa piagenzafue d'alto core misoch'el senza ciò non mai fora partuto.Quando de ciò m'accorsetal gioia en cor me sorseche mi face affollire:e veggio pur grazire - me 'n sua plagenza.Adonque non dannaggiomi fa lo temor ch'aggioma deggiol bene amareché storbato m'ha fare - ver lei fallenza.Fallenza era demandofar lei senza ragione;poi veggio chesì standom'ha sovrameritato el meo servire.Però 'n tacer m'asservoperché già guiderdonenon dea cheder bon servo;bisogna i' n'hoche 'l chere 'l suo servirese no atendendo m'allasso;poi m'avvenisselasso!che mi trovasse in fallosì come Prezevallo - a non cherere.Verrei a presente morto!Ma non tal penser portoné sì mala credenzaché sola conoscenza - halla in podere.Vacanzonea lei ch'ènedonna e segnor di menee di' che 'n nulla cosache lei non sia gioiosa - e' non so vagoma di starle serventetacitore e soffrente;e vo che di me facciatutto ciò che le piaccia; - ed e' me pago.Poi Mazeo di Ricoch'è di fin pregio ricomi salutami spia;e di' ch'a ragion fia - el guiderdonedea perder chi 'l chiede;e di ciò fagli fedeche 'l servir più dispregiae guiderdon non pregia - a tal cagione.