Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoBeato Francescoin te laudare
Beato Francescoin te laudareragione aggi'e volere;ma prendo unde saveredegnità tanta in suo degno retrare?Saver mi manca (e nullo è quasi tanto)e degnità assai via maggiormenteché dignissimo saggio e magno mantogabbo e non laudolaudar l'om nesciente:a grazioso in tutto e santo tantode miser ontoso om laud'è non gente:non conven pentulaio auro ovraree non de baroniani de filosofiaalpestro pecoraio omo trattare.Non degno èsegnor meomagno reetoccare om brutto bel tanto bellore;ma sì mi stringe amorlaudando teepoi benigno te soe sostenitore.Pur laudaria; ma quand'eo miro cheelaudar deggio valente e car valoree quanto e qual de parte onni apparemagnomirabeldegnoquasi ismarruto vegnoe lo vil mio saver teme e dispare.E se dotta lo meo parvo saverea la faccia del tuo nobel valorereprendel chi ben dea fanciul temereintrare in campo con campion forzore.E de cui scienza umana ave podereche con valenza tua prendesse onoreche in largo occupa terra e maree cielo onne in alto?Chi 'n lei ten donque assaltoèpiù anche che semprein abondare.E perché parva era umana scienzae non degno om omo angel laudandoprese Dio la tua laude in sua potenzatuo caro merto degno orrato orrando;e no in direu' non ben par valenzama in mirabili fatti essa provando;ché più fiate augelli te fece onrareubidendo e seguendoe a mortisurgendola tua cara vertù fece parlare.Ohquanto quanto e di maniere quantenei toi gran merti degni onrar pugnoein miraculi magni e grazie mante!E tuttosembralui poco sembroe:parvo par magno far a magno amante;unde orrevel del ciel te visitoe;non d'angel giàné d'arcangelni pare:ma di cherubin maggiomagno esser messaggioda magno a magno deasor magno affare.Magno è Dio sommoe tu per lui tragrandee mister magno è tenbon laudar talee ben pascendo amor portar vivandeche fo da Dio a te vero e corale;checome certo in iscrittura pandesimile se desìa onni animalee simel Dio chi lui pugna sembrare;unde te che 'l pugnastisì onni altro obriastiè prova el deggia d'amor tutto amare.Magne de tua vertùmagne d'amoreda Dio a te son prove estee son nenteinver che c'è sorgrande e sormaggioree sola tuach'è maggio e maggiormentechéciò che fu en sé maggio e megliorele suoi piaghemise in te apertamente;e ciò per magne due cose asegnare:una provando comola via si è 'l tuo dentroomo;altra teco una cosa esser mostrare.Merabel meraviglia o cosa novaquale è tua pare? Parli e sé non celi.Maggiom'è visote tal prova approvache se 'nchinati te fusser li celio toltao datacomo a Eliapiovae suscitati in te tutti fedelio fusse Cristo in propia forma in areo in terra a te scesoo suo spirto in te accesoo se tu fatto in sua fazion su' pare.Nascer de Cristo e tutta umanitatefue mirabel magno oltr'onni conto;ma fior e frutto d'essa e bonitatesuoi piaghe fuoroin qual se' te congionto.Ohquanta e quale è tua gran degnitate!Beato anche in via grande alto pontodebber segni essi a segno in te segnare;che como in esso Cristosalvò seculo estosalute essa dovei tu reformare.Isformata e quasi mort'era saluteerrore e vizio contra essa pugnandoquando tu con magna onni vertutelevastiforte e prolor contastando.Lingue parlanti inique hai fatte mutee mute parlatrici e a bon trattando.Ciech'era 'l mondo: tu failo visarelebroso: hailo mondatomorto: l'hai suscitatosceso a inferno: failo a ciel montare.Segnano anche altro esti segni in teie.Dice Cristo: chi vol poi me veniretolla la croce sua e segua meie;cioè piaghe suoie deggia in cor sculpiree nel suo dire e far portarle in seie;e chi non ciònon pol ver cristian dire.Unde tuche dovei ricoverarein vita vera e vocedi penetenza crocemertasti gonfalon esso portare.Tal se' e tanto e via maggio che tale;e nei toi figli ohquant'alzi grandezzain cui valore onni valente vale;dator di scienza e di vertùfortezzavit'e bellor del mondo e lumeal qualeparva valenza sole hav'e chiarezzache dentro alluman cori e i fan fruttareaccendon caritateschiaran veritatediseccan vizi e fan vertù granare.Ohquanto amorequanta devozionequanta subgezione e reverenzadeono te e tuoi d'onni ragionetutti cristiancon tutti ogni piagenzaa cui asemproa cui ammonizionehanno quasi quanto hanno di valenza!Ben tenuti semo donque laudarereveriregradiree te e i toi seguirecon devozione tutta pugnare.Mercé donqueMesser; me perdonarea te piaccia e ai toise non laudat'ho voidegnoché non finire so cominciare.