Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoGente noiosa e villana
Gente noiosa e villanae malvagia e vil signoriae giùdici pien' di falsiae guerra perigliosa e stranafanno melassola mia terra odiaree l'altrui forte amare:però me departut'hod'essa e qua venuto;e a la fé che 'l maggio spiacimentoche lo meo cor sostenee quelquando sovenemene d'essao de cosache vi faccia reposa:tanto forte mi è contra talento.Certo che ben è ragioneio ne sia noios' e spiacentemembrar ch'agiato e manenteli è ciascun vile e fellonee mesagiato e povero lo bono;e sì como ciasconodeletta a despregiarealtrui più ch'altro fare;e como envilia e odio e mal talentociascun ver' l'altro ei portae ch'amistà li è mortae moneta è 'n suo loco;e com' solazzo e giocoli è devetatoe preso pesamento.Membrar noia anche me faecomo bon uso e ragionen'è partuto e rea condizionee torto e falsezza li stae;e che scherani e ladroni e truiantimeglio che mercatantili vede om volonteri;e com' no li ha misteriom ch'en altrui o 'n sé voglia ragionema chi è lausengerie sfacciato parlierili ha loco assaie quelloche mostrar se sa belloed è maestro malvagio e volpone.Donque può l'om ben vederechese me dol tanto membrareche lo vedere e 'l toccaredevia più troppo dolere:per ch'om non po biasmar lo me' partire;es'altri volme dire:«Om dia pena portareper sua parte aiutare»eo dico ch'e vertàm' essa ragionee[n] me' part'è perdita:ch'eo l'ho sempre servitaefomi a un sol pontomestiernon m'aitò pontoma fomi quasi onni om d'essa fellone.Parte servir ni amared[ev]iani spezïale amico;ché segnore ni cap'hodicoper cui dovesse restaurare;ni 'n mia spezialitate a far li avevani la guerra voleva;la casa e 'l poder ch'eoli avea era non meomai lo teneva dal comune in fiosìche dal prence en Barelo poria a men trovare;per ch'amo ch'el sia struttocom' me struggeva al tuttosì che nemico non avea più rio.Estròvi donqueperdendoonoreprode e plagiree rater[r]òmi di giread aquistare gaudendo?No: stianvi quelli a cui la guerra piacee prode e bene face;tutto chese catonocom'eopotesse a bonopartirpiccolo fosse el remanente;ma l'un perché non pòee l'altro perché a ciòeistar tornali fruttobiasma el partire en tutto;ma so che 'l lauda en cor lo conoscente.Non creda om che pauraaggia me fatto partireché siguro istar e gireha più vile ch'eo tra le muram'e ciò c'ho detto con giusta cagione;e se pace e ragioneli tornasse a duraresempre vorria là stare;ma che ciò sia non veggioenante creolanguendomegliorandoe 'n guerigion sperandod'essa consommamento:per che chi 'l partimentopiù avaccio famen dann'ha 'l parer meo.Solo però la partenzafumi crudele e noiosache la mia gioia gioiosavidila in grande spiagenzaché disseme piangendo: «Amore meomal vidi el giorno ch'eofoi de te pria vogliosapoi ch'en sì dolorosaparte deggio de ciòlassofinirech'eo verrò forsennatatanto son ben mertatas'eo non fior guardat'aggiodesnore ni danaggioa met[t]erme del tutto in tuo piacere.»Macomo lei dissibeneel meo può pensar gran corrottopoi l'amoroso desdottode lei longiare mi convene;ma la ragion che detto aggio di sovrae lo talento e l'ovrach'eo metto in agrandireme per lei più servireme fa ciò faree dia portar perdono:ché già soleva stareper gran bene aqulstarelontan om lungiamenteda sua donna piacentesavendo luied a·lleiforte bono.Va'mia canzonead Arezzoin Toscanaa lei ch'aucide e sanalo meo core soventee di' ch'ora parventeserà como val ben nostra amistate:ché castel ben fornitoe non guaire assallitono è tener pregiatoma quel ch'e asseggiatoe ha de ciò che vol gran necestate.E anco me di' lei e a ciascunomeo caro amico e bonoche non dia sofferirepena del meo partire;ma de sua rimembranza aggio dolere:ch'a dannaggio ed a noiaè remesso e a croiagente e fello paiese;m'eo son certo 'n cortesepregi' aquistando e solazzo ed avere.