Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoGentil mia donnagioi sempre gioiosa
Gentil mia donnagioi sempre gioiosavostro sovrapiacente orrato affarecompiuto di ben tuttooltra pensaredi mortal cor magn'e mirabel cosasorprese l'alma mia de tutto amore;e non già meo valoreme conquistò de voi la segnoriama la gran cortesiade vostro dolze e debonaire core;non già guardando ciòched in bassezzatornasse vostr'altezzama solo de quetar lo meo follore.Gentil mia donnaamors'i' per un centoavesse magno corforz'o savereoperandol sol sempre in voi valereprendendovi final consomamentovostro compiuto don non mertarìa;ché la passione miafo de natura fellonesca tantonon mai partia de piantosenza tornar vostro onor grande a onta.Voi lo tornasteamoree non v'adussecosa ch'a mala vista fussema solo l'alma d'ogne pietà ponta.Gentil mia donnadono è ch'al fattoreè magno e a chi 'l prende è quasi nente;ma 'l vostro donoamornon fo parventech'eo presi vita e voi donaste onore.Ma certoamore meod'esta fallanzav'aduce perdonanzalo bisogno o' fuigrande oltra ch'eo dico;ché non ho già nemicosì feroch'a pietà non fosse dato.Ché non è vizioma virtùpietate;ma vizio è crudeltatee contra del pietoso esser spietato.Gentil mia donnaassai porea mostrareragionche porterea 'n vostra defesa;ma tuttavia vorrea morte aver presae ciò ch'è stato fosse anco ad istare.Ché poi che corse tra villana gentealcun parlar nescientenulla scusa ostar mai l'omo ne pora.Donqua men danno forade la morte d'un omsì com'iobassoch'un sol punto d'onor foste fallita;ch'onor val più che vitaper che pria morto esser vorrialasso!Gentil mia donnaamornon mi val voglia;mase valessegià parrebbe tantoche nel mondo no ha loco né cantono li portasse pietanza e doglia;che già fu megentil mia donnanoiavostr'amorosa gioiaver ch'ora mi serea destruggimentod'onne crudel tormentopotendo vo tornare in vostro stato:ché dirittura vol che no schifaredeggi'om pena portareunde possa mendar ciò ch'ha peccato.Gentil mia donnanon poss'a valeremenderaggio a podere;che com'eo vi servii de folle amoremai sempre a vostro onorevo serverò de quant'eo so valereremosso onne villano intendimento;e per simil conventopiacciaviamormia fedeltà tenere.