Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoO tude nome Amorguerra de fatto
O tude nome Amorguerra de fattosegondo i toi cortesi eo villaneggioma segondo ragion cortesia veggios'eo blasmo teo chi tec' ha contratto.Per che seguo ragionnon lecciariaund'ho già mante viaportato in loco di gran ver menzognaed in loco d'onor propia vergognain loco di saver rabbi' e follia;or torno de resiain dritta ed in verace oppinïone:ese mostranza di viva ragionevaler potesse ai guerrer ditti amanticredo varraggio lorché 'n modi mantidemosterrò la lor condizion rea.Peggio che guerraAmoromo te laudatal perché fort' hailo 'ngegnato tantoch'ello te crede dio potente e santoe tal però ch'altrui ingegna e frauda.Lo vil pro'parladore lo niscientee lo scarso mettentee leial lo truiante e 'l folle saggiodicon che faie palese 'l selvaggio;ma chi ben senteel contrar vede aperto.Ese fuss'esso certoonta gli èperché foll'è la cagioneperché non misur'ha ei né ragione;e s'ei fusse ch'al ben far non soggiornama parte Amorpartendo onta li tornachéfallendo ben farpregio è diserto.Dicon anche di teguerranescientiche ben li è troppoe s'è malsì n'è bono:ciò che non per ragion defender pònoma fai lor sì parertant'haili venti.Ché 'l principio n'è reo: ch'attende e bramaciò che maggiormente ama;mangiardormirposar non puòpensandopur di veder lei che lo stringe amando;e 'l mezzo è reoch'adessa el fa geloso;afamat' e bramososta manti giornie poi pascesi un'orau pogo u troppo in angostia e in paura;e se bon fusse el primoel mezzo e tuttola fine è pur rea: per chedestruttoprincipio e mezzoreo te solo coso.Peggio che guerravia reo se' più ch'omo:ché l'omo perde in te discrezïonee la razionale operazioneper che non poi tra gli animali è omo;ch'el mesconosce Dioe crede e chiamasol dio la donna ch'ama;con magna gioia el suo struggee li parericco conquisto e onorato fareconsummar séche men pote e men vive;e gire ove recevemortetalor sembra·i tornar più verde.Adonque Dioonorpro e sé perde;epoi perduto ha ciòperd' ogni amico:procaccia che? ch'un denaio falsodicochi l'avessefaria'l forte più dive.O ver destruggitorguerra mortalenato di quello unde mal tutto venecomo s'apprende il tuo laccioe si tene!Che grave forzo e saver contra i vale?Ché Sanson decedesti e Salamone;ma lor non defensioneahiche grand'onor porge a chi defende!Donque miri om che reo mal di te scendee pensi ben lo valor de la cosache gli è tanto amorosa:ché schifo e conoscente omo dovriavolere desmembrato essere pria;ch'è perè tanto mal per te bailitoche peggio val che morto om vivo aunitoe morto onrato mei' ch'en vita posa.Peggio che guerraAmornon t'ho blasmatoperché m'ai' affannatopiù ch'altroo meno messo in tuo van bene:ch'oltra merto e ragionquasi for peneme desti più ch'a omo altro vivente.Ma ragion non consentech'om laudi el reo perché ben lui n'avegna:equand' eo penso bensaver m'asegnache ciò che l'om di te pregiaben maggioèsegondo ragioneont'e dannaggioper che te blasmo e pregio ormai neiente.Canzone miatutto che poco vagliademonstrar te travaglialo periglioso mal del detto Amoree di' che scusa alcun'ha de folloreomo de folleggiare appoderato;ma quelli è senza scusa assai colpatoche no li tocca guerra e cher battaglia.