Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoO vera vertùvero amore
O vera vertùvero amoretu solo se' d'onne vertù vertùe ben solo noi tuda cui solo onne bono e for cui nente!Non già teco laborened amar grand'è amaroe picciol dolzeteco sembra tradolze;né de gran dolze dolze om forte sente.Tu de legge divina e naturaleed umanafinaleintenzion mi sembri e propio frutto;e tu sommo conduttoche corpo ed alma sani e pasci in gioia;e tu fastidio e noiad'onne malvagioe bon soloche i boniparer fai tra i felloniche giammai non dimore entra i malvaginé da' malvagi ha' bonoché tra i fellon - ragiono -onne amor odio ed onne pac'è guerra.Unde non già poco errachi omo pregia alcunoove non se';ché viziosenza tesi conta onne vertutené alcuno ha salutené ben nentepur quant'el vol s'adagi.O vero amortu uno faide Diod'angelo e d'omoe in loco onoli lochi ad onne bono;e solo è loco ben sommo compitoperché compiuto vi stai;ché tanto è bono in catun locoquantolì ha di tepoco u manto.Und'è seculo ben quasi perito;e sefor teamorben vi periscee mal sempre vi cresceno meraviglia è giàché nel ciel fueove non fosti tueperiglio grande troppoe morte venne.Catunche for te tennenon Dio volné ragionein alcun loco;for teben né mal poco;und'è Legge in te tutta e Profeziae che vol Dioe prodead om. Faceempiprode;ché cielo e terra in te mert'om gaudere.Ohche dolce piacereseria nel mondoamor dolceda poitu ben fossi tra noi!Non già valle di piantoma di gioia e di canto:Paradiso lo secul sembreria!Amorvero bonte devemodi cord'almadi mente e di valoreportare a nostro signorein tempiin cose tuttein tutto retto.Perché ragion n'avemoe perch'è necessaro e utel noiiusto dico amar luicome padre e fattor sommo e perfettodi noi e d'onne a noi frate ed amico;e giustizia anch'è - dico -come signor naturalbonpiacenteunde aven solamentecorpoalmapodere e onni bene;e giustizia èché teneamor tanto a noi; noi dii facendosé fece omo eporgendoamor noidolzorericcore e vitanostra onta e noia fortee povertà e mortein sé sostenne; e giustizia èch'enfernone vol torreed eternoregno a catun dar sommo; ed è ragioneché scienza e vertù ponein noi quanto noi piacee perch'el sol ne faceda mal partireed al ben far n'aita.Ed anch'èamorben ragioneportar te tutto lui come a bon tutto;ché no animal bruttosembrare dea già om razionale.Non bestia ha descrezioneben cernendo dal meglioe d'una guisaauro e piombo pesa.Dea sì far om? No; ma stimar che valeciascuna cosa in scienza e in amore;ché razional coreamar non dea più né men cosa alcunache di quant'ella è bonache sol degno d'amor bonità fae.E Dio donque'n cui staeperfezion d'onne bene e bonper cuisol ven bono in altruinon del tuttoen tuttoamar dovemo?Degno credo noi pare!Seper ciascunaamared'este dette ragiondevenlo tantoper tutte ensembre quanto?E sol per ragion essaund'el discesein terra e morte presenoi troppo amandovianente el mertariaomch'avesse onni amorche tutti avemo.Ed èbono amornecessarote portar luia ciò ch'el te 'n no portie che 'n amor comportie servi noi e' che 'n amor n'ha dato;ché non poco è noi caropartir da male e ben mantenerpuntoda noi stando el degiunto:sol da lui bono èsol per lui servato!E util è amar luich'è bono amando;male fuggimo odiandoe sol boni in Amore bon venimoed amato el seguimoseguendo el conquistamo e possedemopossedendo el gaudemoe gaudendo onni bono noi. Ch'è menoin gaudio vero longo e pieno?Chi prende de ben vano è corto e mancocome 'l ben mondan sempre.Solo bono è Dioch'empiee sorempie onni senno e onni core.No è già fatto om forech'a la divina forma; und'è sol essache ben l'empie ed abessae sì largo e prefondose tutto entra lo mondosembrai neentee nente ei conven anco.E de' teamor bonoportaresecondo natural legge e divinacatuno a chi vicinacon ello in Cristosì come a se stesso;ché frati sencomo apparein carne e 'n spirto d'Adamo e d'Eva; e d'onaeclesia madre bonasemo membri in un corpo insembrie apressod'un sangue e d'una carnee fatti ad onogaudere eternal bono.Per chesenza amico bonocomopo stare com pot'omoin onne bonosologià gaudereesolmal sostenere?In gauder certo solo om su' ha ricchezzanon gaudio; e ma' gravezzaesolperiglio sostenere e morte.Con quanti el vol siadicoom solosenza amico;econ amicogrande è 'l ben leggeroe mal parvo è 'l trafero;e graveu' sono amiciesser può male?Bene a giusto e ben vale.Amar ben donque è benee gentil cor convenequanto sé altrui amare e servir forte.Alquantoamordett'ho percheeinfra noi te devem dir como dea;dico ch'amor non creache sol piacere e non piacer che bono.Parta ciascun donque da séeal piacer de l'amico onni spiacenteed aduca piacente;e se conven ch'amor pur sia in ciascunoe' sian da poi un core ed un poderesì che non mai volerené desvolere l'un for l'altro deggia;ma' non facciané cheggiaalcuno a l'altro desonesta cosaché non già è amorosama contra amorquant'è contra onestate;e non utilitatené deletto sia mai d'amar cagionema propio e sol valore;ché quanto crea amored'utele e delettoe' ven fallitodeletto e utel gitoe ven salvatichezza e talor ira.E chi magior sé miramenore en amor vegna;e l'uno all'altro tegnaonni piacerfor nulla offensione.O bono amoreo bona onni vertùmale de voi me fuforse contezza datalasso!poinon amo e seguo voi!Ahicomomiserv'oso altrui laudarepoi v'oso in me schifare?Giustizia predicare ad om fallaceahicon mal gli conface!Tacerò donque ormai? o che faraggio?S'eo parlosenza falloaccresce onta meo fallo;e se prode alcunparlandofacciodanneggio altruis'eo taccio;perch'eo pur parlerò. Già Salamonenon per offensionelassò vizio biasmare:non è già bon peccarema bon vizio spegnare e folle e saggio.O bono amores'el ti piacea Pisaprendi e liga li coridi dui mei bon signori:messere Guido Boccio e Guido frateche d'ona volontateamburo siano onni lor giornocomeambur son d'un sol nome;e me terzo lor certovorria. Ma che? Nol merto;rendome loro servo a lor devisa.Bandin conte e Gualterinon poco volonteriverria con voi congiunto in tanto amore;ma de grande a menoreconvene benvoglienza: io non la saccio;unde amor comun taccioe cherose piace voiche sia sempre infra noiciò che dea da bon servo a ben segnore.