Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoSe de voidonna gente
Se de voidonna gentem'ha preso amorno è già meravigliama miracol somigliacome a ciascun no ha l'anima presa;ché de cosa piacentesavemo de vertà ch'è nato amore.Or da voiche del fioredel piacer d'esto mondo sete appresacom po l'om far defesa?Ché la natura entesafo di formare voico 'l bon pintorePolicreto fo de la sua pentura;che non po cor pensarené lingua devisareche cosa in voi potesse esser piò bella.AhiDeoco sì novellapote a esto mondo dimorar figurach'è de sovra natura?Ché ciò che l'om de voi conosce e vedesemigliaper mia fedemirabel cosa a bon conoscidore.Quale donque esser deopoi tale donna intende il meo pregheroe merta volonteroa cento dobli sempre el meo servire?Cert'ho miracolch'eonon morto son de gioia e de dolzore;chécomo per dolorepo l'om per gioia morte sofferire.Ma che? Lo meo guerireè stato con schermirever zo mettendo tutta mia possanza;ché quando troppo la sento abondaremantenente m'acorgoe con dolor socorgoquale me credo che maggiore sia.Ché de troppa grassiaguerisce om per se stesso consumaree cose molto amaregueriscon zo che dolze aucidereno:de troppo bene è frenomalee de male troppo è benenanza.Tantostodonna miacom eo vo vidifoi d'amor sorprisoné già mai lo meo visoaltra cosa che voi non devisoe.E sì m'è bon ch'eo siafedele voiche 'n me non trovo cosaver ciò contrariosache l'alma e lo saver deletta cioe.Per che tutto me doevoicui più che meo soe.Meo non son giàch'a far vostro piacere;ché volonter isfareime in personaper far cosa di meneche piò stesse vo bene:ché già non m'osa unqu'altro esser a vogliach'ubedir vostra voglia;e s'eo de voi disio cosa alconasento che savi bonae che valor v'accresce in allegranza.De tale disianzanon piaccia a Deo ch'io mai possa movere.Per tutto ciò non servoné porea mai servirl'onor né 'l beneche per voi fatto m'ène;ché troppo è segno d'amoroso amorefar lo signor del servosu' par; ed è ben cosa che non maipot'om mertare assai.Donque como de merto avrò onore?Ché sì como l'Autoreponch'amistà di coreè voler de concordia e desvolerefaite voi meché zo volete ch'eo.Ma bon conforto m'ènechecon più alto tenesegnor suo servopiù li po valere;ché non po l'om caperesol per servire en la magion de Deosì como sento e veo;ma bona fede e gran voglia en piò farel'aiuta e 'l fa poggiareché voglia e fe tal Di' ha fatto valere.Eo non posso apagarea dirdonnade voi l'animo meo;chése m'aiuti Deoquanto più dicopiù talento dire;e non po dimostrarela lingua mea com'è vostro lo core:per poco non ven forea direve lo so coral desire.Ed a ciò che 'n servirepotesse devenireen quale loco piò fosse maggiorevorrea che l'amistà nostra de fattoormaidonnas'usasse;chése per me s'osassedirtroppo tarda enver ciò dimorate.Ché de fare amistatecerto lo tardare pareme matto;e comperato accattonon sa sì boncomo quel ch'è 'n don priso;e sì como m'è visoendugio a grande ben tolle savore.Currado da Sterletomea canzonevo mando e vo presentoché vostro pregio ventom'ha voi fedele e om de ciò ch'eo vaglio;e se non mi travagliode vostro regio dirquest'è cagioneche bene en sua ragionenon crederea già mai poter finare:non dea l'om comenzarela cosaonde no è bon fenidore.