Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoTutto 'l dolorch'eo mai portaifu gioia
Tutto 'l dolorch'eo mai portaifu gioiae la gioia neente apo 'l doloredel meo corlassoa cui morte socorgach'altro non vegio ormai sia validore.Chéprima del piacerpoco po noiama poipo forte troppo om dar tristore:maggio conven che povertà si porgaa lo ritornadorch'a l'entradore.Adonqua eolassoin povertà tornatodel più ricco acquistatoche mai facesse alcun del meo paraggiosofferrà Deo ch'eo pur viva ad oltraggiodi tutta gente e del meo for sennato?NOn credo giàse non vol meo dannaggio.Ahilassoco mal vidiamaro amorela sovra natoral vostra bellezzae l'onorato piacenter piaceree tutto ben ch'è 'n voi somma grandezza!E vidi peggio il dibonaire corech'umiliò la vostra altera altezzaa far noi due d'un core e d'un volereperch'eo più ch'omo mai portai ricchezza.Ch'a lo riccor d'amor null'altro è parené raina po farericco recomo né quanto omo bassoné vostra par raina amor è passo.Donqua chi 'l meo dolor po pareggiare?Ché qual più perde acquista in ver melasso.Ahicon pot'omche non ha vita fioredurar contra di mal tutto for gratosì com eolassoostal d'ogne tormento?Ché se 'n lo più fort'om fosse amassatosì forte e sì coralmente dolzorecom'è dolore in megià trapassatofora de vitacontra ogne argumento.Comelassoviv'eo de vita fore?Ahi mortevillania fai e peccatoche si m'hai desdegnatoperché vedi morir opo mi forae perch'io piò sovente e forte mora!Ma mal tuo grato eo pur morrò forzatode le mie manse mei non posso ancora.Mal ho più ch'altroe menlassoconforto:ché s'eo perdesse onor tutto ed averee tutti amici e de le membra partesì mi conforteria per vita avere;ma qui non possopoi ho di me tortoe ritornato in voi forzo e savereche non fueamor meogià d'altra parteDonqua di confortar com'ho podere?E poi saver non m'aiutae doloreme pur istringe il corepur conven ch'eo matteggi; e sì facci'eo;perch'om mi mostra a dito e del mal meose gabba; ed eo pur vivo a disinorecredoa mal grado del mondo e di Deo.Ahibella gioianoia e dolor meoe punto fortunallassofue quellode vostro dipartircrudel mia morteche doblo mal tornò tutto meo bello!Sì del meo mal mi dol; ma più per Deoème lo vostroamorcrudele e fello;ca s'eo tormento d'una parte fortee voi da l'altra più strigne 'l chiavellocomo la più distretta enamoratache mai fosse aprovata;ché ben fa forza dimession d'averetalor bass'omo in donn'alta capere;ma ciò non v'agradìo già né v'agrata:donque d'amor coral fu 'l ben volere.Amormerzéper Deovi confortateed a me non guardateché picciol è per mia morte dannaggioma per la vostraamorsenza paraggio.E forse anche però mi ritornatese mai tornare deggioin allegraggio.AmoreAmorpiù che veneno amaronon già ben vede chiarochi se mette in poder tuo volontero:che 'l primo e 'l mezzo n'è gravoso e feroe la fine di ben tutto 'l contraroo' prende laude e blasmo onne mistero.