Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Guittone d'ArezzoVergogna holassoed ho me stesso ad ira
Vergogna holassoed ho me stesso ad ira;e doveria via piùreconoscendoco male usai la fior del tempo mio.Perché no lo meo cor sempre sospirae gli occhi perché mai finan piangendoe la bocca di dir: merzedeDiopoi franchezza di core e vertù d'almatutta sommisiohimè lassoal servaggiode' vizi mieinon Dioné bon usaggioné diritto guardando in lor seguirenon mutando desire?S'eo resurgessecom fenice facegià fora a la fornacelo putrefatto meo vil corpo ardendo;mapoi non possoattendoche lo pietoso padre me sovegnadi tal guisach'eo vegnapurificato e mondo di carne e alma.Ohilasso! Già vegg'io genere omanoche segnoril naturalmente è tantoche 'l minor om talenta emperiare;e ciòpiù ch'altroi piacee più li è stranod'aver segnor; ché Dio volontier mantonon vole già ciascunsì come pare.Come poi donque lo minore e 'l maggiosommette a vizio corpo ed alma e core?Ed è servaggio alcunlassopeggioreod è mai segnoria perfetta alconache sua propia personatenere l'omo ben sotto ragione?Ahiche somm'è 'l campioneche làov'onne segnor perdeè vincentené poi d'altro è perdente;chéloco u' la vertù de l'alma emperanon è nocente sperané temané dolorned allegraggio.O morti fatti noi de nostra vitao stolti de vil nostro savereo poveri de riccorbassi d'altezza;com'è vertà da noi tanto fallitach'ogne cosa di vizio è noi piacereed ogne cosa de vertù gravezza?Già filosofiDio non conoscendoné poi morte sperando guiderdoneischifar vizi aver tutta stagioneseguendo sì vertùch'onesta vitafu lor gaudio e lor vita.Noi con donque può cosa altra abellireche 'n vertù lui seguirelo qual chi 'l segue ben perde temore?Ché non teme segnoremortené povertàdannoné penech'ogni cosa gli è benesì come noi è malnon lui seguendo.Pugnam donque a valer forzosamente;no 'l ben schifiam perché noi sembri grave;ch'orrato acquisto non fue senza affanno;e se l'om pene per vertute sentene' vizi usar sempr'è dolze e soaveche spesso rede doglia onta e danno.Ma ciò ch'è 'n noi contra talento e uson'è gravee n'è legger ciò ch'è con essoch'uso e volerch'avemo nel mal messone 'l fa piaceree despiacer lo bene.Adonqua ne conveneacconciare a ben voglia ed usanzase volem benenanza;ché non è bense da ben non è natoe onne gioi di peccatoè mesta con doloree fina male;ed onne cosa valedal fine suoche n'è donque amoroso.Come a lavorator la zappa è dataè dato el mondo noi: non per gauderema per esso eternal vita acquistare;e no l'alma al corpo è già creatama 'l corpo a l'almae l'alma a Deo piacereperché Luipiù che noidevemo amare.Emprima che noi stessiamò noi esso;ese ne desamammo e demmo altruidi se medesmo raccattonne poi.Ahiperchélasso!avem l'alma sì a vile?Già l'ebb'ei sì a gentileche preseper trar lei d'eternal morteumanitate e morte.Abbialla donque caraed esso amiamoove tutto troviamociò che può nostro cor desiderare;né mai altro pagarene può giàche lo ben ch'ha noi promesso.O sommo benda cui ben tutto è natoo luceper qual vede ogne visaggioo sapienzaunde sa ciascun saggio!neiente feci metu me recrii;desviaitu me renvii;ed orbai metu m'hai lume renduto!Ciò non m'ha concedutomio mertoma la tua gran bonitate.O somma maestatequanto laudareamarservir deo teedemostra ognora a meee fa ch'a ciò lutto meo cor sia dato!A messer Cavalcante e a messer Lapovamia canzonee dì lor ch'audit'aggioche 'l sommo ed inorato segnoraggiopugnan di conquistartornando a vita;ese tu saili aitae dì che 'l comenzar ben cher tuttoremezzo e fine meglioree prende onta l'alma e 'l corpo tornarea mal ben comenzare:e dì ch'afermin lor cori a volereseguire ogne piaceredi quelliche per tutto è nostro capo