Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Yoga Roma ParioliI manometri

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


ESODO

 

 

 

 

 

Cap. 1

I. LA LIBERAZIONE DALL'EGITTO

1. ISRAELE IN EGITTO

Prosperità degli Ebrei in Egitto

 1  Questi sono i nomi dei figli d'Israele entrati in Egittocon Giacobbe e arrivati ognuno con la sua famiglia:  2  RubenSimeoneLevi e Giuda 3  IssacarZàbulon e Beniamino 4  Dan e NèftaliGad e Aser.  5  Tutte lepersone nate da Giacobbe erano settantaGiuseppe si trovava giàin Egitto.

 6  Giuseppe poi morì e così tutti i suoifratelli e tutta quella generazione.  7  I figli d'Israeleprolificarono e crebberodivennero numerosi e molto potenti e ilpaese ne fu ripieno.

Oppressione degli Ebrei

 8  Allora sorse sull'Egitto un nuovo reche non avevaconosciuto Giuseppe.  9  E disse al suo popolo: «Ecco cheil popolo dei figli d'Israele è più numeroso e piùforte di noi.  10  Prendiamo provvedimenti nei suoi riguardiper impedire che aumentialtrimentiin caso di guerrasi uniràai nostri avversaricombatterà contro di noi e poi partiràdal paese».  11  Allora vennero imposti loro deisovrintendenti ai lavori forzati per opprimerli con i loro gravamiecosì costruirono per il faraone le città-depositocioèPitom e Ramses.  12  Ma quanto più opprimevano ilpopolotanto più si moltiplicava e cresceva oltre misura; sicominciò a sentire come un incubo la presenza dei figlid'Israele.  13  Per questo gli Egiziani fecero lavorare i figlid'Israele trattandoli duramente.  14  Resero loro amara la vitacostringendoli a fabbricare mattoni di argilla e con ogni sorta dilavoro nei campi: e a tutti questi lavori li obbligarono con durezza.

 15  Poi il re d'Egitto disse alle levatrici degli Ebreidelle quali una si chiamava Sifra e l'altra Pua:  16  «Quandoassistete al parto delle donne ebreeosservate quando il neonato èancora tra le due sponde del sedile per il parto: se è unmaschiolo farete morire; se è una femminapotràvivere».  17  Ma le levatrici temettero Dio: non fecerocome aveva loro ordinato il re d'Egitto e lasciarono vivere ibambini.  18  Il re d'Egitto chiamò le levatrici e disseloro: «Perché avete fatto questo e avete lasciato viverei bambini?».  19  Le levatrici risposero al faraone: «Ledonne ebree non sono come le egiziane: sono piene di vitalità:prima che arrivi presso di loro la levatricehanno giàpartorito!».  20  Dio beneficò le levatrici. Ilpopolo aumentò e divenne molto forte.  21  E poichéle levatrici avevano temuto Dioegli diede loro una numerosafamiglia.  22  Allora il faraone diede quest'ordine a tutto ilsuo popolo: «Ogni figlio maschio che nascerà agli Ebreilo getterete nel Niloma lascerete vivere ogni figlia».

 

Cap. 2

2. GIOVINEZZA E VOCAZIONE DI MOSE'

Nascita di Mosé

 1  Un uomo della famiglia di Levi andò a prendere inmoglie una figlia di Levi.  2  La donna concepì epartorì un figlio; vide che era bello e lo tenne nascosto pertre mesi.  3  Ma non potendo tenerlo nascosto più oltreprese un cestello di papirolo spalmò di bitume e di pecevimise dentro il bambino e lo depose fra i giunchi sulla riva del Nilo. 4  La sorella del bambino si pose ad osservare da lontano checosa gli sarebbe accaduto.  5  Ora la figlia del faraone sceseal Nilo per fare il bagnomentre le sue ancelle passeggiavano lungola sponda del Nilo. Essa vide il cestello fra i giunchi e mandòla sua schiava a prenderlo.  6  L'aprì e vide ilbambino: eccoera un fanciullino che piangeva. Ne ebbe compassione edisse: «E' un bambino degli Ebrei».  7  La sorelladel bambino disse allora alla figlia del faraone: «Devo andartia chiamare una nutrice tra le donne ebreeperché allatti perte il bambino?».  8  «Va»le disse la figliadel faraone. La fanciulla andò a chiamare la madre delbambino.  9  La figlia del faraone le disse: «Porta conte questo bambino e allattalo per me; io ti darò un salario».La donna prese il bambino e lo allattò.  10  Quando ilbambino fu cresciutolo condusse alla figlia del faraone. Eglidivenne un figlio per lei ed ella lo chiamò Mosédicendo: «Io l'ho salvato dalle acque!».

Fuga di Mosé in Madian

 11  In quei giorniMosécresciuto in etàsi recò dai suoi fratelli e notò i lavori pesanti dacui erano oppressi. Vide un Egiziano che colpiva un Ebreouno deisuoi fratelli.  12  Voltatosi attorno e visto che non c'eranessunocolpì a morte l'Egiziano e lo seppellì nellasabbia.  13  Il giorno dopouscì di nuovo evedendodue Ebrei che stavano rissandodisse a quello che aveva torto:«Perché percuoti il tuo fratello?».  14  Queglirispose: «Chi ti ha costituito capo e giudice su di noi? Pensiforse di uccidermicome hai ucciso l'Egiziano?». Allora Moséebbe paura e pensò: «Certamente la cosa si èrisaputa».  15  Poi il faraone sentì parlare diquesto fatto e cercò di mettere a morte Mosé. AlloraMosé si allontanò dal faraone e si stabilì nelpaese di Madian e sedette presso un pozzo.

 16  Ora il sacerdote di Madian aveva sette figlie. Essevennero ad attingere acqua per riempire gli abbeveratoi e far bere ilgregge del padre.  17  Ma arrivarono alcuni pastori e lescacciarono. Allora Mosé si levò a difenderle e fecebere il loro bestiame.  18  Tornate dal loro padre Reuelquesti disse loro: «Perché oggi avete fatto ritorno cosìin fretta?».  19  Risposero: «Un Egiziano ci haliberate dalle mani dei pastori; è stato lui che ha attintoper noi e ha dato da bere al gregge».  20  Quegli dissealle figlie: «Dov'è? Perché avete lasciato làquell'uomo? Chiamatelo a mangiare il nostro cibo!».  21  CosìMosé accettò di abitare con quell'uomoche gli diedein moglie la propria figlia Zippora.  22  Ella gli partorìun figlio ed egli lo chiamò Ghersonperché diceva:«Sono un emigrato in terra straniera!».

VOCAZIONE DI MOSE'

 23  Nel lungo corso di quegli anniil re d'Egitto morì.Gli Israeliti gemettero per la loro schiavitùalzarono gridadi lamento e il loro grido dalla schiavitù salì a Dio. 24  Allora Dio ascoltò il loro lamentosi ricordòdella sua alleanza con Abramo e Giacobbe.  25  Dio guardòla condizione degli Israeliti e se ne prese pensiero.

 

Cap. 3

Il roveto ardente

 1  Ora Mosé stava pascolando il gregge di Ietrosuosuocerosacerdote di Madiane condusse il bestiame oltre il desertoe arrivò al monte di Diol'Oreb.  2  L'angelo delSignore gli apparve in una fiamma di fuoco in mezzo a un roveto. Egliguardò ed ecco: il roveto ardeva nel fuocoma quel roveto nonsi consumava.  3  Mosé pensò: «Voglioavvicinarmi a vedere questo grande spettacolo: perché ilroveto non brucia?».  4  Il Signore vide che si eraavvicinato per vedere e Dio lo chiamò dal roveto e disse:«MoséMosé!». Rispose: «Eccomi!». 5  Riprese: «Non avvicinarti! Togliti i sandali daipiediperché il luogo sul quale tu stai è una terrasanta!».  6  E disse: «Io sono il Dio di tuo padreil Dio di Abramoil Dio di Isaccoil Dio di Giacobbe». Moséallora si velò il visoperché aveva paura di guardareverso Dio.

Missione di Mosé

 7  Il Signore disse: «Ho osservato la miseria del miopopolo in Egitto e ho udito il suo grido a causa dei suoisorveglianti; conosco infatti le sue sofferenze.  8  Sono scesoper liberarlo dalla mano dell'Egitto e per farlo uscire da questopaese verso un paese bello e spaziosoverso un paese dove scorrelatte e mieleverso il luogo dove si trovano il Cananeol'Hittital'Amorreoil Perizzital'Eveoil Gebuseo.  9  Ora dunque ilgrido degli Israeliti è arrivato fino a me e io stesso hovisto l'oppressione con cui gli Egiziani li tormentano.  10  Oravà! Io ti mando dal faraone. Fà uscire dall'Egitto ilmio popologli Israeliti!».  11  Mosé disse aDio: «Chi sono io per andare dal faraone e per far usciredall'Egitto gli Israeliti?».  12  Rispose: «Io saròcon te. Eccoti il segno che io ti ho mandato: quando tu avrai fattouscire il popolo dall'Egittoservirete Dio su questo monte».

Rivelazione del nome divino

 13  Mosé disse a Dio: «Ecco io arrivo dagliIsraeliti e dico loro: Il Dio dei vostri padri mi ha mandato a voi.Ma mi diranno: Come si chiama? E io che cosa risponderòloro?».  14  Dio disse a Mosé: «Io sonocolui che sono!». Poi disse: «Dirai agli Israeliti:Io-Sono mi ha mandato a voi».  15  Dio aggiunse a Mosé:«Dirai agli Israeliti: Il Signoreil Dio dei vostri padriilDio di Abramoil Dio di Isaccoil Dio di Giacobbe mi ha mandato avoi. Questo è il mio nome per sempre; questo è iltitolo con cui sarò ricordato di generazione in generazione.

Istruzioni sulla missione di Mosé

 16  Và! Riunisci gli anziani d'Israele e dìloro: Il SignoreDio dei vostri padrimi è apparsoil Diodi Abramodi Isaccodi Giacobbedicendo: Sono venuto a vedere voie ciò che vien fatto a voi in Egitto.  17  E ho detto:Vi farò uscire dalla umiliazione dell'Egitto verso il paesedel Cananeodell'Hittitadell'Amorreodel Perizzitadell'Eveo edel Gebuseoverso un paese dove scorre latte e miele.  18  Essiascolteranno la tua voce e tu e gli anziani d'Israele andrete dal redi Egitto e gli riferirete: Il SignoreDio degli Ebreisi èpresentato a noi. Ci sia permesso di andare nel deserto a tre giornidi camminoper fare un sacrificio al Signorenostro Dio.  19  Ioso che il re d'Egitto non vi permetterà di partirese non conl'intervento di una mano forte.  20  Stenderò dunque lamano e colpirò l'Egitto con tutti i prodigi che opereròin mezzo ad essodopo egli vi lascerà andare.

Spogliazione degli Egiziani

 21  Farò sì che questo popolo trovi graziaagli occhi degli Egiziani: quando partiretenon ve ne andrete a manivuote.  22  Ogni donna domanderà alla sua vicina eall'inquilina della sua casa oggetti di argento e oggetti d'oro evesti; ne caricherete i vostri figli e le vostre figlie e spoglieretel'Egitto».

 

Cap. 4

Potere taumaturgico concesso a Mosé

 1  Mosé rispose: «Ecconon mi crederannononascolteranno la mia vocema diranno: Non ti è apparso ilSignore!».  2  Il Signore gli disse: «Che hai inmano?». Rispose: «Un bastone».  3  Riprese:«Gettalo a terra!». Lo gettò a terra e il bastonediventò un serpentedavanti al quale Mosé si mise afuggire.  4  Il Signore disse a Mosé: «Stendi lamano e prendilo per la coda!». Stese la manolo prese ediventò di nuovo un bastone nella sua mano.  5  «Questoperché credano che ti è apparso il Signoreil Dio deiloro padriil Dio di Abramoil Dio di Isaccoil Dio di Giacobbe». 6  Il Signore gli disse ancora: «Introduci la mano nelseno!». Egli si mise in seno la mano e poi la ritirò:ecco la sua mano era diventata lebbrosabianca come la neve.  7  Eglidisse: «Rimetti la mano nel seno!». Rimise in seno lamano e la tirò fuori: ecco era tornata come il resto della suacarne.  8  «Dunque se non ti credono e non ascoltano lavoce del primo segnocrederanno alla voce del secondo!  9  Senon credono neppure a questi due segni e non ascolteranno la tuavoceallora prenderai acqua del Nilo e la verserai sulla terraasciutta: l'acqua che avrai presa dal Nilo diventerà sanguesulla terra asciutta».

Aronne interprete di Mosé

 10  Mosé disse al Signore: «Mio Signoreionon sono un buon parlatore; non lo sono mai stato prima e neppure daquando tu hai cominciato a parlare al tuo servoma sono impacciatodi bocca e di lingua».  11  Il Signore gli disse: «Chiha dato una bocca all'uomo o chi lo rende muto o sordoveggente ocieco? Non sono forse ioil Signore?  12  Ora và! Iosarò con la tua bocca e ti insegnerò quello che dovraidire».  13  Mosé disse: «PerdonamiSignoremiomanda chi vuoi mandare!».  14  Allora la collera delSignore si accese contro Mosé e gli disse: «Non vi èforse il tuo fratello Aronneil levita? Io so che lui sa parlarbene. Anzi sta venendoti incontro. Ti vedrà e gioirà incuor suo.  15  Tu gli parlerai e metterai sulla sua bocca leparole da dire e io sarò con te e con lui mentre parlate e visuggerirò quello che dovrete fare.  16  Parleràlui al popolo per te: allora egli sarà per te come bocca e tufarai per lui le veci di Dio.  17  Terrai in mano questobastonecon il quale tu compirai i prodigi».

Ritorno di Mosé in Egitto. Partenza da Madian

 18  Mosé partìtornò da Ietro suosuocero e gli disse: «Lascia che io parta e torni dai mieifratelli che sono in Egittoper vedere se sono ancora vivi!».Ietro disse a Mosé: «Và pure in pace!». 19  Il Signore disse a Mosé in Madian: «Vàtorna in Egittoperché sono morti quanti insidiavano la tuavita!».  20  Mosé prese la moglie e i figlilifece salire sull'asino e tornò nel paese di Egitto. Moséprese in mano anche il bastone di Dio.

 21  Il Signore disse a Mosé: «Mentre tu partiper tornare in Egittosappi che tu compirai alla presenza delfaraone tutti i prodigi che ti ho messi in mano; ma io induriròil suo cuore ed egli non lascerà partire il mio popolo. 22  Allora tu dirai al faraone: Dice il Signore: Israele èil mio figlio primogenito.  23  Io ti avevo detto: lasciapartire il mio figlio perché mi serva! Ma tu hai rifiutato dilasciarlo partire. Ecco io faccio morire il tuo figlio primogenito!».

Circoncisione del figlio di Mosé

 24  Mentre si trovava in viaggionel luogo dovepernottavail Signore gli venne contro e cercò di farlomorire.  25  Allora Zippora prese una selce taglientereciseil prepuzio del figlio e con quello gli toccò i piedi e disse:«Tu sei per me uno sposo di sangue».  26  Allora siritirò da lui. Essa aveva detto sposo di sangue a causa dellacirconcisione.

Incontro con Aronne

 27  Il Signore disse ad Aronne: «Và incontro aMosé nel deserto!». Andò e lo incontrò almonte di Dio e lo baciò.  28  Mosé riferìad Aronne tutte le parole con le quali il Signore lo aveva inviato etutti i segni con i quali l'aveva accreditato.

 29  Mosé e Aronne andarono e adunarono tutti glianziani degli Israeliti.  30  Aronne parlò al popoloriferendo tutte le parole che il Signore aveva dette a Moséecompì i segni davanti agli occhi del popolo.  31  Allorail popolo credette. Essi intesero che il Signore aveva visitato gliIsraeliti e che aveva visto la loro afflizione; si inginocchiarono esi prostrarono.

 

Cap. 5

Primo incontro con il faraone

 1  DopoMosé e Aronne vennero dal Faraone e gliannunziarono: «Dice il Signoreil Dio d'Israele: Lasciapartire il mio popolo perché mi celebri una festa neldeserto!».  2  Il faraone rispose: «Chi è ilSignoreperché io debba ascoltare la sua voce per lasciarpartire Israele? Non conosco il Signore e neppure lasceròpartire Israele!».  3  Ripresero: «Il Dio degliEbrei si è presentato a noi. Ci sia dunque concesso di partireper un viaggio di tre giorni nel deserto e celebrare un sacrificio alSignorenostro Dioperché non ci colpisca di peste o dispada!».  4  Il re di Egitto disse loro: «PerchéMosé e Aronnedistogliete il popolo dai suoi lavori? Tornateai vostri lavori!».  5  Il faraone aggiunse: «Eccoora sono numerosi più del popolo del paesevoi li vorrestefar cessare dai lavori forzati!».

Istruzioni ai capi dei lavori forzati

 6  In quel giorno il faraone diede questi ordini aisorveglianti del popolo e ai suoi scribi: « 7  Non daretepiù la paglia al popolo per fabbricare i mattoni come facevateprima. Si procureranno da sé la paglia.  8  Peròvoi dovete esigere il numero di mattoni che facevano primasenzaridurlo. Perché sono fannulloni; per questo protestano:Vogliamo partiredobbiamo sacrificare al nostro Dio!  9  Pesidunque il lavoro su questi uomini e vi si trovino impegnati; nondiano retta a parole false!».

 10  I sorveglianti del popolo e gli scribi uscirono eparlarono al popolo: «Ha ordinato il faraone: Io non vi dòpiù paglia.  11  Voi stessi andate a procurarvela dovene troveretema non diminuisca il vostro lavoro».

 12  Il popolo si disperse in tutto il paese d'Egitto araccattare stoppie da usare come paglia.  13  Ma i sorvegliantili sollecitavano dicendo: «Porterete a termine il vostrolavoro; ogni giorno il quantitativo giornalierocome quando vi erala paglia».  14  Bastonarono gli scribi degli Israelitiquelli che i sorveglianti del faraone avevano costituiti loro capidicendo: «Perché non avete portato a termine anche ierie oggicome primail vostro numero di mattoni?».

Recriminazione degli scribi e del popolo

 15  Allora gli scribi degli Israeliti vennero dal faraone areclamaredicendo: «Perché tratti così i tuoiservi?  16  Paglia non vien data ai tuoi servima i mattoni -ci si dice - fateli! Ed ecco i tuoi servi sono bastonati e la colpa èdel tuo popolo!».  17  Rispose: «Fannulloni sietefannulloni! Per questo dite: Vogliamo partiredobbiamo sacrificareal Signore.  18  Ora andatelavorate! Non vi sarà datapagliama voi darete lo stesso numero di mattoni».

 19  Gli scribi degli Israeliti si videro ridotti a malpartitoquando fu loro detto: «Non diminuirete affatto ilnumero giornaliero dei mattoni».  20  Quandouscendodalla presenza del faraoneincontrarono Mosé e Aronne chestavano ad aspettarli 21  dissero loro: «Il Signoreproceda contro di voi e giudichi; perché ci avete resi odiosiagli occhi del faraone e agli occhi dei suoi ministrimettendo loroin mano la spada per ucciderci!».

 22  Allora Mosé si rivolse al Signore e disse: «MioSignoreperché hai maltrattato questo popolo? Perchédunque mi hai inviato?  23  Da quando sono venuto dal faraoneper parlargli in tuo nomeegli ha fatto del male a questo popolo etu non hai per nulla liberato il tuo popolo!».

 

Cap. 6

 1  Il Signore disse a Mosé: «Ora vedrai quelloche sto per fare al faraone con mano potenteli lasceràandareanzi con mano potente li caccerà dal suo paese!».

Nuovo racconto della vocazione di Mosé

 2  Dio parlò a Mosé e gli disse: «Iosono il Signore!  3  Sono apparso ad Abramoa IsaccoaGiacobbe come Dio onnipotentema con il mio nome di Signore non mison manifestato a loro.  4  Ho anche stabilito la mia alleanzacon loroper dar loro il paese di Canaanquel paese dov'essisoggiornarono come forestieri.  5  Sono ancora io che ho uditoil lamento degli Israeliti asserviti dagli Egiziani e mi sonoricordato della mia alleanza.  6  Per questo dì agliIsraeliti: Io sono il Signore! Vi sottrarrò ai gravami degliEgizianivi libererò dalla loro schiavitù e vilibererò con braccio teso e con grandi castighi.  7  Iovi prenderò come mio popolo e diventerò il vostro Dio.Voi saprete che io sono il Signoreil vostro Dioche vi sottrarràai gravami degli Egiziani.  8  Vi farò entrare nel paeseche ho giurato a mano alzata di dare ad Abramoa Isacco e aGiacobbee ve lo darò in possesso: io sono il Signore!».

 9  Mosé parlò così agli Israelitimaessi non ascoltarono Moséperché erano all'estremodella sopportazione per la dura schiavitù.

 10  Il Signore parlò a Mosé:  11  «Vàe parla al faraone re d'Egittoperché lasci partire dal suopaese gli Israeliti!».  12  Mosé disse allapresenza del Signore: «Ecco gli Israeliti non mi hannoascoltato: come vorrà ascoltarmi il faraonementre io ho laparola impacciata?».  13  Il Signore parlò a Mosée ad Aronne e diede loro un incarico presso gli Israeliti e presso ilfaraone re d'Egittoper far uscire gli Israeliti dal paese d'Egitto.

Genealogia di Mosé e di Aronne

 14  Questi sono i capi delle loro famiglie. Figli di Rubenprimogenito d'Israele: EnochPalluChezron e Carmi; queste sono lefamiglie di Ruben.

 15  Figli di Simeone: IemuelIaminOadIachinSocar eSaulfiglio della Cananea; queste sono le famiglie di Simeone.

 16  Questi sono i nomi dei figli di Levi secondo le lorogenerazioni: GhersonKeatMerari. Ora gli anni della vita di Levifurono centotrentasette.

 17  Figli di Gherson: Libni e Simei secondo le lorofamiglie.

 18  Figli di Keat: AmranIsearEbron e Uzziel. Ora glianni della vita di Keat furono centotrentatrè.

 19  Figli di Merari: Macli e Musi; queste sono le famigliedi Levi secondo le loro generazioni.

 20  Amram prese in moglie Iochebedsua ziala quale glipartorì Aronne e Mosé. Ora gli anni della vita di Amramfurono centotrentasette.

 21  Figli di Isear: CoreNefeg e Zicri.

 22  Figli di Uzziel: MisaelElsafanSitri.

 23  Aronne prese in moglie Elisabettafiglia di Amminadabsorella di Nacasondalla quale ebbe i figli NadabAbiuEleazaro eItamar.

 24  Figli di Core: AssirElkana e Abiasaf; queste sono lefamiglie dei Coreiti.

 25  Eleazarofiglio di Aronneprese in moglie una figliadi Putiella quale gli partorì Pincas. Questi sono i capidelle casate dei levitiordinati con le loro famiglie.

 26  Sono questi quell'Aronne e quel Mosé ai quali ilSignore disse: «Fate uscire dal paese d'Egitto gli Israelitisecondo le loro schiere!».

 27  Questi dissero al faraone re d'Egitto di lasciar usciredall'Egitto gli Israeliti: Sono Mosé e Aronne.

Ripresa del racconto della vocazione di Mosé

 28  Questo avvenne quando il Signore parlò a Mosénel paese di Egitto:  29  il Signore disse a Mosé: «Iosono il Signore! Riferisci al faraonere d'Egittoquanto io tidico».  30  Mosé disse alla presenza del Signore:«Ecco ho la parola impacciata e come il faraone vorràascoltarmi?».

 

Cap. 7

3. LE PIAGHE D'EGITTO. LA PASQUA

Il bastone cambiato in serpente

 1  Il Signore disse a Mosé: «Vediio ti hoposto a far le veci di Dio per il faraone: Aronnetuo fratellosaràil tuo profeta.  2  Tu gli dirai quanto io ti ordinerò:Aronnetuo fratelloparlerà al faraone perché lascipartire gli Israeliti dal suo paese.  3  Ma io induriròil cuore del faraone e moltiplicherò i miei segni e i mieiprodigi nel paese d'Egitto.  4  Il faraone non vi ascolteràe io porrò la mano contro l'Egitto e farò cosìuscire dal paese d'Egitto le mie schiereil mio popolo degliIsraeliticon l'intervento di grandi castighi.  5  Allora gliEgiziani sapranno che io sono il Signorequando stenderò lamano contro l'Egitto e farò uscire di mezzo a loro gliIsraeliti!».

 6  Mosé e Aronne eseguirono quanto il Signore avevaloro comandato; operarono esattamente così.  7  Moséaveva ottant'anni e Aronne ottantatrèquando parlarono alfaraone.

 8  Il Signore disse a Mosé e ad Aronne:  9  «Quandoil faraone vi chiederà: Fate un prodigio a vostro sostegno! tudirai ad Aronne: Prendi il bastone e gettalo davanti al faraone ediventerà un serpente!».  10  Mosé e Aronnevennero dunque dal faraone ed eseguirono quanto il Signore aveva lorocomandato: Aronne gettò il bastone davanti al faraone edavanti ai suoi servi ed esso divenne un serpente.  11  Allorail faraone convocò i sapienti e gli incantatorie anche imaghi dell'Egittocon le loro magieoperarono la stessa cosa. 12  Gettarono ciascuno il suo bastone e i bastoni divenneroserpenti. Ma il bastone di Aronne inghiottì i loro bastoni. 13  Però il cuore del faraone si ostinò e nondiede loro ascoltosecondo quanto aveva predetto il Signore.

1a piaga: l'acqua cambiata in sangue

 14  Poi il Signore disse a Mosé: «Il cuore delfaraone è irremovibile: si è rifiutato di lasciarpartire il popolo.  15  Và dal faraone al mattino quandouscirà verso le acque. Tu starai davanti a lui sulla riva delNilotenendo in mano il bastone che si è cambiato inserpente.  16  Gli riferirai: Il Signoreil Dio degli Ebreimi ha inviato a dirti: Lascia partire il mio popoloperchépossa servirmi nel deserto; ma tu finora non hai obbedito.  17  Diceil Signore: Da questo fatto saprai che io sono il Signore; eccoconil bastone che ho in mano io batto un colpo sulle acque che sono nelNilo: esse si muteranno in sangue.  18  I pesci che sono nelNilo moriranno e il Nilo ne diventerà fetidocosì chegli Egiziani non potranno più bere le acque del Nilo!». 19  Il Signore disse a Mosé: «Comanda ad Aronne:Prendi il tuo bastone e stendi la mano sulle acque degli Egizianisui loro fiumicanalistagnie su tutte le loro raccolte di acqua;diventino sanguee ci sia sangue in tutto il paese d'Egittoperfinonei recipienti di legno e di pietra!».

 20  Mosé e Aronne eseguirono quanto aveva ordinatoil Signore: Aronne alzò il bastone e percosse le acque cheerano nel Nilo sotto gli occhi del faraone e dei suoi servi. Tutte leacque che erano nel Nilo si mutarono in sangue.  21  I pesciche erano nel Nilo morirono e il Nilo ne divenne fetidocosìche gli Egiziani non poterono più berne le acque. Vi fu sanguein tutto il paese d'Egitto.  22  Ma i maghi dell'Egittocon leloro magieoperarono la stessa cosa. Il cuore del faraone si ostinòe non diede loro ascoltosecondo quanto aveva predetto il Signore. 23  Il faraone voltò le spalle e rientrò nellasua casa e non tenne conto neppure di questo fatto.  24  Tuttigli Egiziani scavarono allora nei dintorni del Nilo per attingerviacqua da bereperché non potevano bere le acque del Nilo. 25  Sette giorni trascorsero dopo che il Signore aveva colpitoil Nilo.

2a piaga: le rane

 26  Poi il Signore disse a Mosé: «Và ariferire al faraone: Dice il Signore: Lascia andare il mio popoloperché mi possa servire!  27  Se tu rifiuti di lasciarloandareeccoio colpirò tutto il tuo territorio con le rane: 28  il Nilo comincerà a pullulare di rane; esseuscirannoti entreranno in casanella camera dove dormi e sul tuolettonella casa dei tuoi ministri e tra il tuo popolonei tuoiforni e nelle tue madie.  29  Contro di te e contro tutti ituoi ministri usciranno le rane».

 

Cap. 8

 1  Il Signore disse a Mosé: «Comanda adAronne: Stendi la mano con il tuo bastone sui fiumisui canali esugli stagni e fà uscire le rane sul paese d'Egitto!». 2  Aronne stese la mano sulle acque d'Egitto e le raneuscirono e coprirono il paese d'Egitto.

 3  Ma i maghicon le loro magieoperarono la stessa cosae fecero uscire le rane sul paese d'Egitto.  4  Il faraone fecechiamare Mosé e Aronne e disse: «Pregate il Signoreperché allontani le rane da me e dal mio popolo; io lasceròandare il popoloperché possa sacrificare al Signore!». 5  Mosé disse al faraone: «Fammi l'onore dicomandarmi per quando io devo pregare in favore tuo e dei tuoiministri e del tuo popoloper liberare dalle rane te e le tue casein modo che ne rimangano soltanto nel Nilo».  6  Rispose:«Per domani». Riprese: «Secondo la tua parola!Perché tu sappia che non esiste nessuno pari al Signorenostro Dio 7  le rane si ritireranno da te e dalle tue casedai tuoi servitori e dal tuo popolo: ne rimarranno soltanto nelNilo».  8  Mosé e Aronne si allontanarono dalfaraone e Mosé supplicò il Signore riguardo alle raneche aveva mandate contro il faraone.  9  Il Signore operòsecondo la parola di Mosé e le rane morirono nelle caseneicortili e nei campi.  10  Le raccolsero in tanti mucchi e ilpaese ne fu ammorbato.  11  Ma il faraone vide ch'eraintervenuto il sollievosi ostinò e non diede loro ascoltosecondo quanto aveva predetto il Signore.

3a piaga: le zanzare

 12  Quindi il Signore disse a Mosé: «Comandaad Aronne: Stendi il tuo bastonepercuoti la polvere della terra:essa si muterà in zanzare in tutto il paese d'Egitto». 13  Così fecero: Aronne stese la mano con il suobastonecolpì la polvere della terra e infierirono le zanzaresugli uomini e sulle bestie; tutta la polvere del paese si era mutatain zanzare in tutto l'Egitto.  14  I maghi fecero la stessacosa con le loro magieper produrre zanzarema non riuscirono e lezanzare infierivano sugli uomini e sulle bestie.  15  Allora imaghi dissero al faraone: «E' il dito di Dio!». Ma ilcuore del faraone si ostinò e non diede ascoltosecondoquanto aveva predetto il Signore.

4a piaga: i mosconi

 16  Poi il Signore disse a Mosé: «Alzati dibuon mattino e presentati al faraone quando andrà alle acque;gli riferirai: Dice il Signore: Lascia partire il mio popoloperchémi possa servire!  17  Se tu non lasci partire il mio popoloecco manderò su di tesui tuoi ministrisul tuo popolo esulle tue case i mosconi: le case degli Egiziani saranno piene dimosconi e anche il suolo sul quale essi si trovano.  18  Ma inquel giorno io eccettuerò il paese di Gosendove dimora ilmio popoloin modo che là non vi siano mosconiperchétu sappia che ioil Signoresono in mezzo al paese!  19  Cosìfarò distinzione tra il mio popolo e il tuo popolo. Domaniavverrà questo segno».

 20  Così fece il Signore: una massa imponente dimosconi entrò nella casa del faraonenella casa dei suoiministri e in tutto il paese d'Egitto; la regione era devastata acausa dei mosconi.  21  Il faraone fece chiamare Mosé eAronne e disse: «Andate a sacrificare al vostro Dio nelpaese!».  22  Ma rispose Mosé: «Non èopportuno far così perché quello che noi sacrifichiamoal Signorenostro Dioè abominio per gli Egiziani. Se noifacciamo un sacrificio abominevole agli Egiziani sotto i loro occhiforse non ci lapideranno?  23  Andremo nel desertoa tregiorni di camminoe sacrificheremo al Signorenostro Diosecondoquanto egli ci ordinerà!».  24  Allora il faraonereplicò: «Vi lascerò partire e potretesacrificare al Signore nel deserto. Ma non andate troppo lontano epregate per me».  25  Rispose Mosé: «Eccouscirò dalla tua presenza e pregherò il Signore; domanii mosconi si ritireranno dal faraonedai suoi ministri e dal suopopolo. Però il faraone cessi di burlarsi di noinonlasciando partire il popoloperché possa sacrificare alSignore!».  26  Mosé si allontanò dalfaraone e pregò il Signore.  27  Il Signore agìsecondo la parola di Mosé e allontanò i mosconi dalfaraonedai suoi ministri e dal suo popolo: non ne restòneppure uno.  28  Ma il faraone si ostinò anche questavolta e non lasciò partire il popolo.

 

Cap. 9

5a piaga: mortalità del bestiame

 1  Allora il Signore si rivolse a Mosé: «Vàa riferire al faraone: Dice il Signoreil Dio degli Ebrei: Lasciapartire il mio popoloperché mi possa servire!  2  Setu rifiuti di lasciarlo partire e lo trattieni ancora 3  eccola mano del Signore viene sopra il tuo bestiame che è nellacampagnasopra i cavalligli asinii cammellisopra gli armenti ele greggicon una peste assai grave!  4  Ma il Signore faràdistinzione tra il bestiame di Israele e quello degli Egizianicosìche niente muoia di quanto appartiene agli Israeliti».  5  IlSignore fissò la datadicendo: «Domani il Signorecompirà questa cosa nel paese!».  6  Appunto ilgiorno dopoil Signore compì questa cosa: morì tuttoil bestiame degli Egizianima del bestiame degli Israeliti non morìneppure un capo.  7  Il faraone mandò a vedere ed ecconeppur un capo era morto del bestiame d'Israele. Ma il cuore delfaraone rimase ostinato e non lasciò partire il popolo.

6a piaga: le ulcere

 8  Il Signore disse a Mosé e ad Aronne: «Procurateviuna manciata di fuliggine di fornace: Mosé la getteràin aria sotto gli occhi del faraone.  9  Essa diventeràun pulviscolo diffuso su tutto il paese d'Egitto e produrràsugli uomini e sulle bestieun'ulcera con pustolein tutto il paesed'Egitto».  10  Presero dunque fuliggine di fornacesiposero alla presenza del faraoneMosé la gettò in ariaed essa produsse ulcere pustolosecon eruzioni su uomini e bestie. 11  I maghi non poterono stare alla presenza di Mosé acausa delle ulcere che li avevano colpiti come tutti gli Egiziani. 12  Ma il Signore rese ostinato il cuore del faraoneil qualenon diede loro ascoltocome il Signore aveva predetto a Mosé.

7a piaga: la grandine

 13  Poi il Signore disse a Mosé: «Alzati dibuon mattinopresentati al faraone e annunziagli: Dice il Signoreil Dio degli Ebrei: Lascia partire il mio popoloperché mipossa servire!  14  Perché questa volta io mando tutti imiei flagelli contro di tecontro i tuoi ministri e contro il tuopopoloperché tu sappia che nessuno è come me su tuttala terra.  15  Se fin da principio io avessi steso la mano percolpire te e il tuo popolo con la pestetu saresti ormai cancellatodalla terra;  16  invece ti ho lasciato vivereper dimostrartila mia potenza e per manifestare il mio nome in tutta la terra. 17  Ancora ti opponi al mio popolo e non lo lasci partire! 18  Eccoio faccio cadere domani a questa stessa ora unagrandine violentissima come non c'era mai stata in Egitto dal giornodella sua fondazione fino ad oggi.  19  Manda dunque fin d'oraa mettere al riparo il tuo bestiame e quanto hai in campagna. Sututti gli uomini e su tutti gli animali che si trovano in campagna eche non saranno ricondotti in casascenderà la grandine edessi moriranno».  20  Chi tra i ministri del faraonetemeva il Signore fece ricoverare nella casa i suoi schiavi e il suobestiame;  21  chi invece non diede retta alla parola delSignore lasciò schiavi e bestiame in campagna.  22  IlSignore disse a Mosé: «Stendi la mano verso il cielo: visia grandine in tutto il paese di Egittosugli uominisulle bestiee su tutte le erbe dei campi nel paese di Egitto!».  23  Moséstese il bastone verso il cielo e il Signore mandò tuoni egrandine; un fuoco guizzò sul paese e il Signore fece pioveregrandine su tutto il paese d'Egitto.  24  Ci furono grandine efolgori in mezzo alla grandine: grandinata così violenta nonvi era mai stata in tutto il paese d'Egittodal tempo in cui eradiventato nazione!  25  La grandine colpìin tutto ilpaese d'Egittoquanto era nella campagna: uomini e bestie; lagrandine colpì anche tutta l'erba della campagna e schiantòtutti gli alberi della campagna.  26  Soltanto nel paese diGosendove stavano gli Israelitinon vi fu grandine.  27  Allorail faraone mandò a chiamare Mosé e Aronne e disse loro:«Questa volta ho peccato: il Signore ha ragione; io e il miopopolo siamo colpevoli.  28  Pregate il Signore: basta con ituoni e la grandine! Vi lascerò partire e non resterete quipiù oltre».  29  Mosé gli rispose: «Quandosarò uscito dalla cittàstenderò le mani versoil Signore: i tuoni cesseranno e non vi sarà piùgrandineperché tu sappia che la terra è del Signore. 30  Ma quanto a te e ai tuoi ministriio so che ancora nontemerete il Signore Dio».  31  Ora il lino e l'orzo eranostati colpitiperché l'orzo era in spiga e il lino in fiore; 32  ma il grano e la spelta non erano stati colpitiperchétardivi.  33  Mosé si allontanò dal faraone edalla città; stese allora le mani verso il Signore: i tuoni ela grandine cessarono e la pioggia non si rovesciò piùsulla terra.  34  Il faraone vide che la pioggia era cessatacome anche la grandine e i tuonie allora continuò a peccaree si ostinòinsieme con i suoi ministri.  35  Il cuoredel faraone si ostinò ed egli non lasciò partire gliIsraeliticome aveva predetto il Signore per mezzo di Mosé.

 

Cap. 10

8a piaga: le cavallette

 1  Allora il Signore disse a Mosé: «Vàdal faraoneperché io ho reso irremovibile il suo cuore e ilcuore dei suoi ministriper operare questi miei prodigi in mezzo aloro  2  e perché tu possa raccontare e fissare nellamemoria di tuo figlio e di tuo nipote come io ho trattato gliEgiziani e i segni che ho compiuti in mezzo a loro e cosìsaprete che io sono il Signore!».  3  Mosé eAronne entrarono dal faraone e gli dissero: «Dice il Signoreil Dio degli Ebrei: Fino a quando rifiuterai di piegarti davanti ame? Lascia partire il mio popoloperché mi possa servire. 4  Se tu rifiuti di lasciar partire il mio popoloecco iomanderò da domani le cavallette sul tuo territorio.  5  Essecopriranno il paesecosì da non potersi più vedere ilsuolo: divoreranno ciò che è rimastoche vi èstato lasciato dalla grandinee divoreranno ogni albero chegermoglia nella vostra campagna.  6  Riempiranno le tue casele case di tutti i tuoi ministri e le case di tutti gli Egizianicosa che non videro i tuoi padriné i padri dei tuoi padrida quando furono su questo suolo fino ad oggi!». Poi voltaronole spalle e uscirono dalla presenza del faraone.  7  I ministridel faraone gli dissero: «Fino a quando costui resteràtra noi come una trappola? Lascia partire questa gente perchéserva il Signore suo Dio! Non sai ancora che l'Egitto va in rovina?».

 8  Mosé e Aronne furono richiamati presso ilfaraoneche disse loro: «Andateservite il SignorevostroDio! Ma chi sono quelli che devono partire?».  9  Mosédisse: «Andremo con i nostri giovani e i nostri vecchicon ifigli e le figliecon il nostro bestiame e le nostre greggi perchéper noi è una festa del Signore».  10  Rispose:«Il Signore sia con voicome io intendo lasciar partire voi ei vostri bambini! Ma badate che voi avete di mira un progettomalvagio.  11  Così non va! Partite voi uomini e serviteil Signorese davvero voi cercate questo!». Li allontanaronodal faraone.  12  Allora il Signore disse a Mosé:«Stendi la mano sul paese d'Egitto per mandare le cavallette:assalgano il paese d'Egitto e mangino ogni erba di quanto la grandineha risparmiato!».  13  Mosé stese il bastone sulpaese di Egitto e il Signore diresse sul paese un vento d'oriente pertutto quel giorno e tutta la notte. Quando fu mattinail vento dioriente aveva portato le cavallette.  14  Le cavalletteassalirono tutto il paese d'Egitto e vennero a posarsi in tutto ilterritorio d'Egitto. Fu una cosa molto grave: tante non ve n'eranomai state primané vi furono in seguito.  15  Essecoprirono tutto il paesecosì che il paese ne fu oscurato;divorarono ogni erba della terra e ogni frutto d'albero che lagrandine aveva risparmiato: nulla di verde rimase sugli alberi edelle erbe dei campi in tutto il paese di Egitto.  16  Ilfaraone allora convocò in fretta Mosé e Aronne e disse:«Ho peccato contro il Signorevostro Dioe contro di voi. 17  Ma ora perdonate il mio peccato anche questa volta epregate il Signore vostro Dio perché almeno allontani da mequesta morte!».

 18  Egli si allontanò dal faraone e pregò ilSignore.  19  Il Signore cambiò la direzione del vento elo fece soffiare dal mare con grande forza: esso portò via lecavallette e le abbattè nel Mare Rosso; neppure una cavallettarimase in tutto il territorio di Egitto.  20  Ma il Signorerese ostinato il cuore del faraoneil quale non lasciòpartire gli Israeliti.

9a piaga: le tenebre

 21  Poi il Signore disse a Mosé: «Stendi lamano verso il cielo: verranno tenebre sul paese di Egittotali chesi potranno palpare!».  22  Mosé stese la manoverso il cielo: vennero dense tenebre su tutto il paese d'Egittopertre giorni.  23  Non si vedevano più l'un l'altro e pertre giorni nessuno si potè muovere dal suo posto. Ma per tuttigli Israeliti vi era luce là dove abitavano.

 24  Allora il faraone convocò Mosé e disse:«Partiteservite il Signore! Solo rimanga il vostro bestiameminuto e grosso! Anche i vostri bambini potranno partire con voi». 25  Rispose Mosé: «Anche tu metterai a nostradisposizione sacrifici e olocausti e noi li offriremo al Signorenostro Dio.  26  Anche il nostro bestiame partirà connoi: neppure un'unghia ne resterà qui. Perché da essonoi dobbiamo prelevare le vittime per servire il Signorenostro Dioe noi non sapremo come servire il Signore finché non saremoarrivati in quel luogo».  27  Ma il Signore rese ostinatoil cuore del faraoneil quale non volle lasciarli partire.  28  Glirispose dunque il faraone: «Vattene da me! Guardati dalricomparire davanti a meperché quando tu rivedrai la miafaccia morirai».  29  Mosé disse: «Haiparlato bene: non vedrò più la tua faccia!».

 

Cap. 11

Annuncio della morte dei primogeniti

 1  Il Signore disse a Mosé: «Ancora una piagamanderò contro il faraone e l'Egitto; dopoegli vi lasceràpartire di qui. Vi lascerà partire senza restrizioneanzi vicaccerà via di qui.  2  Dì dunque al popolocheciascuno dal suo vicino e ciascuna dalla sua vicina si facciano dareoggetti d'argento e oggetti d'oro».

 3  Ora il Signore fece sì che il popolo trovassefavore agli occhi degli Egiziani. Inoltre Mosé era un uomoassai considerato nel paese d'Egittoagli occhi dei ministri delfaraone e del popolo.

 4  Mosé riferì: «Dice il Signore: Versola metà della notte io uscirò attraverso l'Egitto: 5  morirà ogni primogenito nel paese di Egittodalprimogenito del faraone che siede sul trono fino al primogenito dellaschiava che sta dietro la molae ogni primogenito del bestiame. 6  Un grande grido si alzerà in tutto il paese diEgittoquale non vi fu mai e quale non si ripeterà mai più. 7  Ma contro tutti gli Israeliti neppure un cane punteràla linguané contro uomininé contro bestieperchésappiate che il Signore fa distinzione tra l'Egitto e Israele.

 8  Tutti questi tuoi servi scenderanno a me e siprostreranno davanti a medicendo: Esci tu e tutto il popolo che tisegue! Dopoio uscirò!». Mosé acceso di collerasi allontanò dal faraone.

 9  Il Signore aveva appunto detto a Mosé: «Ilfaraone non vi ascolteràperché si moltiplichino imiei prodigi nel paese d'Egitto».  10  Mosé eAronne avevano fatto tutti questi prodigi davanti al faraone; ma ilSignore aveva reso ostinato il cuore del faraoneil quale non lasciòpartire gli Israeliti dal suo paese.

 

Cap. 12

La pasqua

 1  Il Signore disse a Mosé e ad Aronne nel paesed'Egitto:  2  «Questo mese sarà per voi l'iniziodei mesisarà per voi il primo mese dell'anno.  3  Parlatea tutta la comunità di Israele e dite: Il dieci di questo meseciascuno si procuri un agnello per famigliaun agnello per casa. 4  Se la famiglia fosse troppo piccola per consumare unagnellosi assocerà al suo vicinoal più prossimodella casasecondo il numero delle persone; calcolerete come dovràessere l'agnellosecondo quanto ciascuno può mangiarne.  5  Ilvostro agnello sia senza difettomaschionato nell'anno; potretesceglierlo tra le pecore o tra le capre  6  e lo serberete finoal quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea dellacomunità d'Israele lo immolerà al tramonto.  7  Presoun pò del suo sanguelo porranno sui due stipiti esull'architrave delle casein cui lo dovranno mangiare.  8  Inquella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangerannocon azzimi e con erbe amare.  9  Non lo mangerete crudonébollito nell'acquama solo arrostito al fuoco con la testale gambee le viscere.  10  Non ne dovete far avanzare fino al mattino:quello che al mattino sarà avanzato lo brucerete nel fuoco. 11  Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cintiisandali ai piediil bastone in mano; lo mangerete in fretta. E' lapasqua del Signore!  12  In quella notte io passerò peril paese d'Egitto e colpirò ogni primogenito nel paesed'Egittouomo o bestia; così farò giustizia di tuttigli dei dell'Egitto. Io sono il Signore!  13  Il sangue sullevostre case sarà il segno che voi siete dentro: io vedròil sangue e passerò oltrenon vi sarà per voi flagellodi sterminioquando io colpirò il paese d'Egitto.  14  Questogiorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festadel Signore: di generazione in generazionelo celebrerete come unrito perenne.

La festa degli azzimi

 15  Per sette giorni voi mangerete azzimi.

Gia dal primo giorno farete sparire il lievito dalle vostre caseperché chiunque mangerà del lievitato dal giorno primoal giorno settimoquella persona sarà eliminata da Israele.

 16  Nel primo giorno avrete una convocazione sacra; nelsettimo giorno una convocazione sacra: durante questi giorni non sifarà alcun lavoro; potrà esser preparato solo ciòche deve essere mangiato da ogni persona.

 17  Osservate gli azzimiperché in questo stessogiorno io ho fatto uscire le vostre schiere dal paese d'Egitto;osserverete questo giorno di generazione in generazione come ritoperenne.  18  Nel primo meseil giorno quattordici del mesealla seravoi mangerete azzimi fino al ventuno del mesealla sera.

 19  Per sette giorni non si troverà lievito nellevostre caseperché chiunque mangerà del lievitosaràeliminato dalla comunità di Israeleforestiero o nativo delpaese.  20  Non mangerete nulla di lievitato; in tutte levostre dimore mangerete azzimi».

Prescrizioni per la pasqua

 21  Mosé convocò tutti gli anziani d'Israelee disse loro: «Andate a procurarvi un capo di bestiame minutoper ogni vostra famiglia e immolate la pasqua.  22  Prendereteun fascio di issòpolo intingerete nel sangue che sarànel catino e spruzzerete l'architrave e gli stipiti con il sangue delcatino. Nessuno di voi uscirà dalla porta della sua casa finoal mattino.  23  Il Signore passerà per colpirel'Egittovedrà il sangue sull'architrave e sugli stipiti:allora il Signore passerà oltre la porta e non permetteràallo sterminatore di entrare nella vostra casa per colpire.  24  Voiosserverete questo comando come un rito fissato per te e per i tuoifigli per sempre.  25  Quando poi sarete entrati nel paese cheil Signore vi daràcome ha promessoosserverete questo rito. 26  Allora i vostri figli vi chiederanno: Che significa questoatto di culto?  27  Voi direte loro: E' il sacrificio dellapasqua per il Signoreil quale è passato oltre le case degliIsraeliti in Egittoquando colpì l'Egitto e salvò lenostre case».

Il popolo si inginocchiò e si prostrò.

 28  Poi gli Israeliti se ne andarono ed eseguirono ciòche il Signore aveva ordinato a Mosé e ad Aronne; in tal modoessi fecero.

10a piaga: morte dei primogeniti

 29  A mezzanotte il Signore percosse ogni primogenito nelpaese d'Egittodal primogenito del faraone che siede sul trono finoal primogenito del prigioniero nel carcere sotterraneoe tutti iprimogeniti del bestiame.  30  Si alzò il faraone nellanotte e con lui i suoi ministri e tutti gli Egiziani; un grande gridoscoppiò in Egittoperché non c'era casa dove non cifosse un morto!

 31  Il faraone convocò Mosé e Aronne nellanotte e disse: «Alzatevi e abbandonate il mio popolovoi e gliIsraeliti! Andate a servire il Signore come avete detto.  32  Prendeteanche il vostro bestiame e le vostre greggicome avete dettoepartite! Benedite anche me!».  33  Gli Egiziani feceropressione sul popoloaffrettandosi a mandarli via dal paeseperchédicevano: «Stiamo per morire tutti!».  34  Ilpopolo portò con sé la pasta prima che fosse lievitatarecando sulle spalle le madie avvolte nei mantelli.

Spogliazione degli Egiziani

 35  Gli Israeliti eseguirono l'ordine di Mosé e sifecero dare dagli Egiziani oggetti d'argento e d'oro e vesti.  36  IlSignore fece sì che il popolo trovasse favore agli occhi degliEgizianii quali annuirono alle loro richieste. Così essispogliarono gli Egiziani.

Partenza di Israele

 37  Gli Israeliti partirono da Ramses alla volta di Succotin numero di seicentomila uomini capaci di camminaresenza contare ibambini.  38  Inoltre una grande massa di gente promiscua partìcon loro e insieme greggi e armenti in gran numero.  39  Fecerocuocere la pasta che avevano portata dall'Egitto in forma di focacceazzimeperché non era lievitata: erano infatti statiscacciati dall'Egitto e non avevano potuto indugiare; neppure sierano procurati provviste per il viaggio.

 40  Il tempo durante il quale gli Israeliti abitarono inEgitto fu di quattrocentotrent'anni.  41  Al termine deiquattrocentotrent'anniproprio in quel giornotutte le schiere delSignore uscirono dal paese d'Egitto.  42  Notte di veglia fuquesta per il Signore per farli uscire dal paese d'Egitto. Questasarà una notte di veglia in onore del Signore per tutti gliIsraelitidi generazione in generazione.

Prescrizioni sulla pasqua

 43  Il Signore disse a Mosé e ad Aronne: «Questoè il rito della pasqua: nessun straniero ne deve mangiare.

 44  Quanto a ogni schiavo acquistato con denarolocirconciderai e allora ne potrà mangiare.

 45  L'avventizio e il mercenario non ne mangeranno.

 46  In una sola casa si mangerà: non ne porterai lacarne fuori di casa; non ne spezzerete alcun osso.

 47  Tutta la comunità d'Israele la celebrerà. 48  Se un forestiero è domiciliato presso di te e vuolcelebrare la pasqua del Signoresia circonciso ogni suo maschio:allora si accosterà per celebrarla e sarà come unnativo del paese. Ma nessun non circonciso ne deve mangiare.

 49  Vi sarà una sola legge per il nativo e per ilforestieroche è domiciliato in mezzo a voi».

 50  Tutti gli Israeliti fecero così; come il Signoreaveva ordinato a Mosé e ad Aronnein tal modo operarono.

 51  Proprio in quel giorno il Signore fece uscire gliIsraeliti dal paese d'Egittoordinati secondo le loro schiere.

 

Cap. 13

I primogeniti e gli azzimi

 1  Il Signore disse a Mosé:  2  «Consacramiogni primogenitoil primo parto di ogni madre tra gli Israeliti - diuomini o di animali -: esso appartiene a me».

 3  Mosé disse al popolo: «Ricordati di questogiornonel quale siete usciti dall'Egittodalla condizione servileperché con mano potente il Signore vi ha fatti uscire di là:non si mangi ciò che è lievitato.  4  Oggi voiuscite nel mese di Abib.  5  Quando il Signore ti avràfatto entrare nel paese del Cananeodell'Hittitadell'Amorreodell'Eveo e del Gebuseoche ha giurato ai tuoi padri di dare a teterra dove scorre latte e mieleallora tu compirai questo rito inquesto mese.

 6  Per sette giorni mangerai azzimi.

Nel settimo vi sarà una festa in onore del Signore.

 7  Nei sette giorni si mangeranno azzimi e non ci saràpresso di te ciò che è lievitato; non ci saràpresso di te il lievitoentro tutti i tuoi confini.

 8  In quel giorno tu istruirai tuo figlio: E' a causa diquanto ha fatto il Signore per mequando sono uscito dall'Egitto.

 9  Sarà per te segno sulla tua mano e ricordo fra ituoi occhiperché la legge del Signore sia sulla tua bocca.Con mano potente infatti il Signore ti ha fatto uscire dall'Egitto. 10  Osserverai questo rito alla sua ricorrenza ogni anno.

Ancora i primogeniti

 11  Quando il Signore ti avrà fatto entrare nelpaese del Cananeocome ha giurato a te e ai tuoi padrie te lo avràdato in possesso 12  tu riserverai per il Signore ogniprimogenito del seno materno; ogni primo parto del bestiamese disesso maschileappartiene al Signore.  13  Riscatterai ogniprimo parto dell'asino mediante un capo di bestiame minuto; se non loriscattigli spaccherai la nuca. Riscatterai ogni primogenitodell'uomo tra i tuoi figli.  14  Quando tuo figlio domani tichiederà: Che significa ciò?tu gli risponderai: Conbraccio potente il Signore ci ha fatti uscire dall'Egittodallacondizione servile.  15  Poiché il faraone si ostinava anon lasciarci partireil Signore ha ucciso ogni primogenito nelpaese d'Egittoi primogeniti degli uomini e i primogeniti delbestiame. Per questo io sacrifico al Signore ogni primo frutto delseno maternose di sesso maschilee riscatto ogni primogenito deimiei figli.  16  Questo sarà un segno sulla tua manosarà un ornamento fra i tuoi occhiper ricordare che conbraccio potente il Signore ci ha fatti uscire dall'Egitto».

4. L'USCITA DALL'EGITTO

Partenza degli Israeliti

 17  Quando il faraone lasciò partire il popoloDionon lo condusse per la strada del paese dei Filisteibenchéfosse più cortaperché Dio pensava: «Altrimentiil popolovedendo imminente la guerrapotrebbe pentirsi e tornarein Egitto».  18  Dio guidò il popolo per la stradadel deserto verso il Mare Rosso. Gli Israelitiben armati uscivanodal paese d'Egitto.  19  Mosé prese con sé leossa di Giuseppeperché questi aveva fatto giuraresolennemente gli Israeliti: «Diocertoverrà avisitarvi; voi allora vi porterete via le mie ossa». 20  Partirono da Succot e si accamparono a Etamsul limitedel deserto.  21  Il Signore marciava alla loro testa di giornocon una colonna di nubeper guidarli sulla via da percorreree dinotte con una colonna di fuoco per far loro lucecosì chepotessero viaggiare giorno e notte.  22  Di giorno la colonnadi nube non si ritirava mai dalla vista del popoloné lacolonna di fuoco durante la notte.

 

Cap. 14

Da Etam al mar Rosso

 1  Il Signore disse a Mosé:  2  «Comandaagli Israeliti che tornino indietro e si accampino davanti aPi-Achirottra Migdol e il maredavanti a Baal-Zefon; di fronte adesso vi accamperete presso il mare.  3  Il faraone penseràdegli Israeliti: Vanno errando per il paese; il deserto li habloccati!  4  Io renderò ostinato il cuore del faraoneed egli li inseguirà; io dimostrerò la mia gloriacontro il faraone e tutto il suo esercitocosì gli Egizianisapranno che io sono il Signore!».

Essi fecero in tal modo.

Gli Egiziani inseguono Israele

 5  Quando fu riferito al re d'Egitto che il popolo erafuggitoil cuore del faraone e dei suoi ministri si rivolse controil popolo. Dissero: «Che abbiamo fattolasciando partireIsraelecosì che più non ci serva!».

 6  Attaccò allora il cocchio e prese con sé isuoi soldati.

 7  Prese poi seicento carri scelti e tutti i carri diEgitto con i combattenti sopra ciascuno di essi.  8  Il Signorerese ostinato il cuore del faraonere di Egittoil quale inseguìgli Israeliti mentre gli Israeliti uscivano a mano alzata.  9  GliEgiziani li inseguirono e li raggiunseromentre essi stavanoaccampati presso il mare: tutti i cavalli e i carri del faraoneisuoi cavalieri e il suo esercito si trovarono presso Pi-Achirotdavanti a Baal-Zefon.

 10  Quando il faraone fu vicinogli Israeliti alzarono gliocchi: eccogli Egiziani muovevano il campo dietro di loro! Alloragli Israeliti ebbero grande paura e gridarono al Signore.  11  Poidissero a Mosé: «Forse perché non c'eranosepolcri in Egitto ci hai portati a morire nel deserto? Che haifattoportandoci fuori dall'Egitto?  12  Non ti dicevamo inEgitto: Lasciaci stare e serviremo gli Egizianiperché èmeglio per noi servire l'Egitto che morire nel deserto?». 13  Mosé rispose: «Non abbiate paura! Siate fortie vedrete la salvezza che il Signore oggi opera per voi; perchégli Egiziani che voi oggi vedetenon li rivedrete mai più! 14  Il Signore combatterà per voie voi staretetranquilli».

Miracolo del mare

 15  Il Signore disse a Mosé: «Perchégridi verso di me? Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. 16  Tu intanto alza il bastonestendi la mano sul mare edividiloperché gli Israeliti entrino nel mare all'asciutto. 17  Ecco io rendo ostinato il cuore degli Egizianicosìche entrino dietro di loro e io dimostri la mia gloria sul faraone etutto il suo esercitosui suoi carri e sui suoi cavalieri.  18  GliEgiziani sapranno che io sono il Signorequando dimostrerò lamia gloria contro il faraonei suoi carri e i suoi cavalieri».

 19  L'angelo di Dioche precedeva l'accampamentod'Israelecambiò posto e passò indietro. Anche lacolonna di nube si mosse e dal davanti passò indietro. 20  Venne così a trovarsi tra l'accampamento degliEgiziani e quello d'Israele. Ora la nube era tenebrosa per gli unimentre per gli altri illuminava la notte; così gli uni nonpoterono avvicinarsi agli altri durante tutta la notte.

 21  Allora Mosé stese la mano sul mare. E il Signoredurante tutta la notterisospinse il mare con un forte ventod'orienterendendolo asciutto; le acque si divisero.  22  GliIsraeliti entrarono nel mare asciuttomentre le acque erano per lorouna muraglia a destra e a sinistra.  23  Gli Egiziani liinseguirono con tutti i cavalli del faraonei suoi carri e i suoicavalierientrando dietro di loro in mezzo al mare.

 24  Ma alla veglia del mattino il Signore dalla colonna difuoco e di nube gettò uno sguardo sul campo degli Egiziani elo mise in rotta.  25  Frenò le ruote dei loro carricosì che a stento riuscivano a spingerle. Allora gli Egizianidissero: «Fuggiamo di fronte a Israeleperché ilSignore combatte per loro contro gli Egiziani!».

 26  Il Signore disse a Mosé: «Stendi la manosul mare: le acque si riversino sugli Egizianisui loro carri e iloro cavalieri».

 27  Mosé stese la mano sul mare e il maresul fardel mattinotornò al suo livello consuetomentre gliEgizianifuggendogli si dirigevano contro. Il Signore li travolsecosì in mezzo al mare.  28  Le acque ritornarono esommersero i carri e i cavalieri di tutto l'esercito del faraonecheerano entrati nel mare dietro a Israele: non ne scampò neppureuno.  29  Invece gli Israeliti avevano camminato sull'asciuttoin mezzo al marementre le acque erano per loro una muraglia adestra e a sinistra.  30  In quel giorno il Signore salvòIsraele dalla mano degli Egiziani e Israele vide gli Egiziani mortisulla riva del mare;  31  Israele vide la mano potente con laquale il Signore aveva agito contro l'Egitto e il popolo temette ilSignore e credette in lui e nel suo servo Mosé.

 

Cap. 15

Canto di vittoria

 1  Allora Mosé e gli Israeliti cantarono questocanto al Signore e dissero:

«Voglio cantare in onore del Signore:
perché hamirabilmente trionfato
ha gettato in mare
cavallo ecavaliere.

 2  Mia forza e mio canto è il Signore
egli miha salvato.
E' il mio Dio e lo voglio lodare
è il Diodi mio padre
e lo voglio esaltare!

 3  Il Signore è prode in guerra
si chiamaSignore.

 4  I carri del faraone e il suo esercito
ha gettato nelmare
e i suoi combattenti scelti
furono sommersi nel MareRosso.

 5  Gli abissi li ricoprirono
sprofondarono comepietra.

 6  La tua destraSignore
terribile per la potenza
la tua destraSignore
annienta il nemico;

 7  con sublime grandezza
abbatti i tuoi avversari
scateni il tuo furore
che li divora come paglia.

 8  Al soffio della tua ira
si accumularono le acque
si alzarono le onde
come un argine
si rappresero gliabissi
in fondo al mare.

 9  Il nemico aveva detto:
Inseguiròraggiungerò
spartirò il bottino
se ne sazieràla mia brama;
sfodererò la spada
li conquisteràla mia mano!

 10  Soffiasti con il tuo alito:
il mare li coprì
sprofondarono come piombo
in acque profonde.

 11  Chi è come te fra gli deiSignore?
Chi ècome te
maestoso in santità
tremendo nelle imprese
operatore di prodigi?

 12  Stendesti la destra:
la terra li inghiottì.

 13  Guidasti con il tuo favore
questo popolo che hairiscattato
lo conducesti con forza
alla tua santa dimora.

 14  Hanno udito i popoli e tremano;
dolore incolse gliabitanti della Filistea.

 15  Gia si spaventano i capi di Edom
i potenti di Moabli prende il timore;
tremano tutti gli abitanti di Canaan.

 16  Piombano sopra di loro
la paura e il terrore;
perla potenza del tuo braccio
restano immobili come pietra
finchésia passato il tuo popoloSignore
finché sia passatoquesto tuo popolo
che ti sei acquistato.

 17  Lo fai entrare e lo pianti
sul monte della tuaeredità
luogo che per tua sede
Signorehaipreparato
santuario che le tue mani
Signorehanno fondato.

 18  Il Signore regna

in eterno e per sempre!».

 19  Quando infatti i cavalli del faraonei suoi carri e isuoi cavalieri furono entrati nel mareil Signore fece tornare sopradi essi le acque del marementre gli Israeliti avevano camminatosull'asciutto in mezzo al mare.  20  Allora Marialaprofetessasorella di Aronneprese in mano un timpano: dietro a leiuscirono le donne con i timpaniformando cori di danze.  21  Mariafece loro cantare il ritornello:

«Cantate al Signore
perché ha mirabilmentetrionfato:
ha gettato in mare
cavallo e cavaliere!».

II. IL CAMMINO NEL DESERTO

Mara

 22  Mosé fece levare l'accampamento di Israele dalMare Rosso ed essi avanzarono verso il deserto di Sur. Camminaronotre giorni nel deserto e non trovarono acqua.  23  Arrivarono aMarama non potevano bere le acque di Maraperché eranoamare. Per questo erano state chiamate Mara.  24  Allora ilpopolo mormorò contro Mosé: «Che berremo?». 25  Egli invocò il Signoreil quale gli indicòun legno. Lo gettò nell'acqua e l'acqua divenne dolce. In quelluogo il Signore impose al popolo una legge e un diritto; in quelluogo lo mise alla prova.  26  Disse: «Se tu ascolteraila voce del Signore tuo Dio e farai ciò che è retto aisuoi occhise tu presterai orecchio ai suoi ordini e osserveraitutte le sue leggiio non t'infliggerò nessuna delleinfermità che ho inflitte agli Egizianiperché io sonoil Signorecolui che ti guarisce!».  27  Poi arrivaronoa Elimdove sono dodici sorgenti di acqua e settanta palme. Qui siaccamparono presso l'acqua.

 

Cap. 16

La manna e le quaglie

 1  Levarono l'accampamento da Elim e tutta la comunitàdegli Israeliti arrivò al deserto di Sinche si trova traElim e il Sinaiil quindici del secondo mese dopo la loro uscita dalpaese d'Egitto.

 2  Nel deserto tutta la comunità degli Israelitimormorò contro Mosé e contro Aronne.  3  GliIsraeliti dissero loro: «Fossimo morti per mano del Signore nelpaese d'Egittoquando eravamo seduti presso la pentola della carnemangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatti uscire inquesto deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine».

 4  Allora il Signore disse a Mosé: «Eccoiosto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà araccoglierne ogni giorno la razione di un giornoperché io lometta alla provaper vedere se cammina secondo la mia legge o no. 5  Ma il sesto giornoquando prepareranno quello che dovrannoportare a casasarà il doppio di ciò cheraccoglieranno ogni altro giorno».

 6  Mosé e Aronne dissero a tutti gli Israeliti:«Questa sera saprete che il Signore vi ha fatti uscire dalpaese d'Egitto;  7  domani mattina vedrete la Gloria delSignore; poiché egli ha inteso le vostre mormorazioni controdi lui. Noi infatti che cosa siamoperché mormoriate controdi noi?».  8  Mosé disse: «Quando il Signorevi darà alla sera la carne da mangiare e alla mattina il panea sazietàsarà perché il Signore ha inteso lemormorazionicon le quali mormorate contro di lui. Noi infatti checosa siamo? Non contro di noi vanno le vostre mormorazionima controil Signore».

 9  Mosé disse ad Aronne: «Dà questocomando a tutta la comunità degli Israeliti: Avvicinatevi allapresenza del Signoreperché egli ha inteso le vostremormorazioni!».  10  Ora mentre Aronne parlava a tutta lacomunità degli Israelitiessi si voltarono verso il deserto:ed ecco la Gloria del Signore apparve nella nube.

 11  Il Signore disse a Mosé:  12  «Hointeso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: Altramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; sapreteche io sono il Signore vostro Dio».  13  Ora alla sera lequaglie salirono e coprirono l'accampamento; al mattino vi era unostrato di rugiada intorno all'accampamento.  14  Poi lo stratodi rugiada svanì ed ecco sulla superficie del deserto vi erauna cosa minuta e granulosaminuta come è la brina sullaterra.  15  Gli Israeliti la videro e si dissero l'un l'altro:«Man hu: che cos'è?»perché nonsapevano che cosa fosse. Mosé disse loro: «E' il paneche il Signore vi ha dato in cibo.

 16  Ecco che cosa comanda il Signore: Raccoglietene quantociascuno può mangiarneun omer a testasecondo ilnumero delle persone con voi. Ne prenderete ciascuno per quelli dellapropria tenda».

 17  Così fecero gli Israeliti. Ne raccolsero chimolto chi poco.  18  Si misurò con l'omer: coluiche ne aveva preso di piùnon ne aveva di troppocolui chene aveva preso di meno non ne mancava: avevano raccolto secondoquanto ciascuno poteva mangiarne.  19  Poi Mosé disseloro: «Nessuno ne faccia avanzare fino al mattino». 20  Essi non obbedirono a Mosé e alcuni ne conservaronofino al mattino; ma vi si generarono vermi e imputridì. Mosési irritò contro di loro.

 21  Essi dunque ne raccoglievano ogni mattina secondoquanto ciascuno mangiava; quando il sole cominciava a scaldaresiscioglieva.

 22  Nel sesto giorno essi raccolsero il doppio di quelpanedue omer a testa. Allora tutti i principi della comunitàvennero ad informare Mosé.  23  E disse loro: «E'appunto ciò che ha detto il Signore: Domani è sabatoriposo assoluto consacrato al Signore. Ciò che avete dacuocerecuocetelo; ciò che avete da bollirebollitelo;quanto avanzatenetelo in serbo fino a domani mattina».

 24  Essi lo misero in serbo fino al mattinocome avevaordinato Mosée non imputridìné vi sitrovarono vermi.

 25  Disse Mosé: «Mangiatelo oggiperchéè sabato in onore del Signore: oggi non lo troverete nellacampagna.  26  Sei giorni lo raccoglieretema il settimogiorno è sabato: non ve ne sarà».

 27  Nel settimo giorno alcuni del popolo uscirono perraccogliernema non ne trovarono.  28  Disse allora il Signorea Mosé: «Fino a quando rifiuterete di osservare i mieiordini e le mie leggi?  29  Vedete che il Signore vi ha dato ilsabato! Per questo egli vi dà al sesto giorno il pane per duegiorni. Restate ciascuno al proprio posto! Nel settimo giorno nessunoesca dal luogo dove si trova».

 30  Il popolo dunque riposò nel settimo giorno.

 31  La casa d'Israele la chiamò manna. Era simile alseme del coriandolo e bianca; aveva il sapore di una focaccia conmiele.

 32  Mosé disse: «Questo ha ordinato ilSignore: Riempitene un omer e conservatelo per i vostridiscendentiperché vedano il pane che vi ho dato da mangiarenel desertoquando vi ho fatti uscire dal paese d'Egitto».

 33  Mosé disse quindi ad Aronne: «Prendiun'urna e mettici un omer completo di manna; deponila davantial Signore e conservala per i vostri discendenti».

 34  Secondo quanto il Signore aveva ordinato a MoséAronne la depose per conservarla davanti alla Testimonianza.

 35  Gli Israeliti mangiarono la manna per quarant'annifino al loro arrivo in una terra abitatamangiarono cioè lamanna finché furono arrivati ai confini del paese di Canaan. 36  L'omer è la decima parte di un efa.

 

Cap. 17

L'acqua scaturita dalla roccia

 1  Tutta la comunità degli Israeliti levòl'accampamento dal deserto di Sinsecondo l'ordine che il Signoredava di tappa in tappae si accampò a Refidim. Ma non c'eraacqua da bere per il popolo.  2  Il popolo protestòcontro Mosé: «Dateci acqua da bere!». Mosédisse loro: «Perché protestate con me? Perchémettete alla prova il Signore?».  3  In quel luogo dunqueil popolo soffriva la sete per mancanza di acqua; il popolo mormoròcontro Mosé e disse: «Perché ci hai fatti usciredall'Egitto per far morire di sete noii nostri figli e il nostrobestiame?».  4  Allora Mosé invocò l'aiutodel Signoredicendo: «Che farò io per questo popolo?Ancora un poco e mi lapideranno!».  5  Il Signore disse aMosé: «Passa davanti al popolo e prendi con te alcunianziani di Israele. Prendi in mano il bastone con cui hai percosso ilNiloe và!  6  Eccoio starò davanti a te sullarocciasull'Oreb; tu batterai sulla roccia: ne uscirà acqua eil popolo berrà». Mosé così fece sotto gliocchi degli anziani d'Israele.  7  Si chiamò quel luogoMassa e Meribaa causa della protesta degli Israeliti e perchémisero alla prova il Signoredicendo: «Il Signore è inmezzo a noi sì o no?».

Combattimento contro Amalek

 8  Allora Amalek venne a combattere contro Israele aRefidim.  9  Mosé disse a Giosuè: «Scegliper noi alcuni uomini ed esci in battaglia contro Amalek. Domani iostarò ritto sulla cima del colle con in mano il bastone diDio».  10  Giosuè eseguì quanto gli avevaordinato Mosé per combattere contro Amalekmentre MoséAronnee Cur salirono sulla cima del colle.  11  Quando Moséalzava le maniIsraele era il più fortema quando lelasciava cadereera più forte Amalek.  12  PoichéMosé sentiva pesare le mani dalla stanchezzapresero unapietrala collocarono sotto di lui ed egli vi sedettementre Aronnee Curuno da una parte e l'altro dall'altrasostenevano le suemani. Così le sue mani rimasero ferme fino al tramonto delsole.  13  Giosuè sconfisse Amalek e il suo popolopassandoli poi a fil di spada.  14  Allora il Signore disse aMosé: «Scrivi questo per ricordo nel libro e mettilonegli orecchi di Giosuè: io cancellerò del tutto lamemoria di Amalek sotto il cielo!».

 15  Allora Mosé costruì un altarelo chiamò«Il Signore è il mio vessillo»  16  e disse:

«Una mano s'è levata sul trono del Signore:
visarà guerra del Signore contro Amalek
di generazione ingenerazione!».

 

Cap. 18

Incontro di Ietro e di Mosé

 1  Ietrosacerdote di Madiansuocero di Mosévenne a sapere quanto Dio aveva operato per Mosé e perIsraelesuo popolocome il Signore aveva fatto uscire Israeledall'Egitto.  2  Allora Ietro prese con sé Zipporamoglie di Moséche prima egli aveva rimandata 3  einsieme i due figli di leiuno dei quali si chiamava Ghersonperchéegli aveva detto: «Sono un emigrato in terra straniera» 4  e l'altro si chiamava Eliezerperché «Il Diodi mio padre è venuto in mio aiuto e mi ha liberato dallaspada del faraone».  5  Ietro dunquesuocero di Mosécon i figli e la moglie di lui venne da Mosé nel desertodoveera accampatopresso la montagna di Dio.  6  Egli fece dire aMosé: «Sono ioIetrotuo suoceroche vengo da te contua moglie e i suoi due figli!».  7  Mosé andòincontro al suocerosi prostrò davanti a lui e lo baciò;poi si informarono l'uno della salute dell'altro ed entrarono sottola tenda.  8  Mosé raccontò al suocero quanto ilSignore aveva fatto al faraone e agli Egiziani per Israeletutte ledifficoltà loro capitate durante il viaggiodalle quali ilSignore li aveva liberati.  9  Ietro gioì di tutti ibenefici che il Signore aveva fatti a Israelequando lo avevaliberato dalla mano degli Egiziani.  10  Disse Ietro:«Benedetto sia il Signoreche vi ha liberati dalla mano degliEgiziani e dalla mano del faraone: egli ha strappato questo popolodalla mano dell'Egitto!  11  Ora io so che il Signore èpiù grande di tutti gli deipoiché egli ha operatocontro gli Egiziani con quelle stesse cose di cui essi si vantavano». 12  Poi Ietrosuocero di Moséoffrì unolocausto e sacrifici a Dio. Vennero Aronne e tutti gli anzianid'Israele e fecero un banchetto con il suocero di Mosé davantia Dio.

Istituzione dei giudici

 13  Il giorno dopo Mosé sedette a render giustiziaal popolo e il popolo si trattenne presso Mosé dalla mattinafino alla sera.  14  Allora Ietrovisto quanto faceva per ilpopologli disse: «Che cos'è questo che fai per ilpopolo? Perché siedi tu solomentre il popolo sta presso dite dalla mattina alla sera?».  15  Mosé rispose alsuocero: «Perché il popolo viene da me per consultareDio.  16  Quando hanno qualche questionevengono da me e iogiudico le vertenze tra l'uno e l'altro e faccio conoscere i decretidi Dio e le sue leggi».  17  Il suocero di Moségli disse: «Non va bene quello che fai!  18  Finirai persoccomberetu e il popolo che è con teperché ilcompito è troppo pesante per te; tu non puoi attendervi dasolo.  19  Ora ascoltami: ti voglio dare un consiglio e Dio siacon te! Tu stà davanti a Dio in nome del popolo e presenta lequestioni a Dio.  20  A loro spiegherai i decreti e le leggi;indicherai loro la via per la quale devono camminare e le opere chedevono compiere.  21  Invece sceglierai tra tutto il popolouomini integri che temono Diouomini retti che odiano la venalitàe li costituirai sopra di loro come capi di migliaiacapi dicentinaiacapi di cinquantine e capi di decine.  22  Essidovranno giudicare il popolo in ogni circostanza; quando vi saràuna questione importantela sottoporranno a tementre essigiudicheranno ogni affare minore. Così ti alleggerirai il pesoed essi lo porteranno con te.  23  Se tu fai questa cosa e seDio te la comandapotrai resistere e anche questo popolo arriveràin pace alla sua mèta».

 24  Mosé ascoltò la voce del suocero e fecequanto gli aveva suggerito.  25  Mosé dunque scelseuomini capaci in tutto Israele e li costituì alla testa delpopolo come capi di migliaiacapi di centinaiacapi di cinquantinee capi di decine.  26  Essi giudicavano il popolo in ognicircostanza: quando avevano affari difficili li sottoponevano a Moséma giudicavano essi stessi tutti gli affari minori.  27  PoiMosé congedò il suoceroil quale tornò al suopaese.

 

Cap. 19

III. L'ALLEANZA SUL SINAI

1. L'ALLEANZA E IL DECALOGO

Arrivo al Sinai

 1  Al terzo mese dall'uscita degli Israeliti dal paese diEgittoproprio in quel giornoessi arrivarono al deserto del Sinai. 2  Levato l'accampamento da Refidimarrivarono al deserto delSinaidove si accamparono; Israele si accampò davanti almonte.

Promessa dell'alleanza

 3  Mosé salì verso Dio e il Signore lo chiamòdal montedicendo: «Questo dirai alla casa di Giacobbe eannuncerai agli Israeliti:  4  Voi stessi avete visto ciòche io ho fatto all'Egitto e come ho sollevato voi su ali di aquile evi ho fatti venire fino a me.  5  Orase vorrete ascoltare lamia voce e custodirete la mia alleanzavoi sarete per me laproprietà tra tutti i popoliperché mia è tuttala terra!  6  Voi sarete per me un regno di sacerdoti e unanazione santa. Queste parole dirai agli Israeliti».

 7  Mosé andòconvocò gli anziani delpopolo e riferì loro tutte queste parolecome gli avevaordinato il Signore.  8  Tutto il popolo rispose insieme edisse: «Quanto il Signore ha dettonoi lo faremo!». Mosétornò dal Signore e riferì le parole del popolo.

Preparazione dell'alleanza

 9  Il Signore disse a Mosé: «Eccoio sto pervenire verso di te in una densa nubeperché il popolo sentaquando io parlerò con te e credano sempre anche a te».

Mosé riferì al Signore le parole del popolo.

 10  Il Signore disse a Mosé: «Và dalpopolo e purificalo oggi e domani: lavino le loro vesti  11  esi tengano pronti per il terzo giornoperché nel terzo giornoil Signore scenderà sul monte Sinai alla vista di tutto ilpopolo.  12  Fisserai per il popolo un limite tutto attornodicendo: Guardatevi dal salire sul monte e dal toccare le falde.Chiunque toccherà il monte sarà messo a morte.

 13  Nessuna mano però dovrà toccare costui:dovrà essere lapidato o colpito con tiro di arco.

Animale o uomo non dovrà sopravvivere.

Quando suonerà il cornoallora soltanto essi potrannosalire sul monte».

 14  Mosé scese dal monte verso il popolo; egli fecepurificare il popolo ed essi lavarono le loro vesti.  15  Poidisse al popolo: «Siate pronti in questi tre giorni: nonunitevi a donna».

La teofonia

 16  Appunto al terzo giornosul far del mattinovi furonotuonilampiuna nube densa sul monte e un suono fortissimo ditromba: tutto il popolo che era nell'accampamento fu scosso datremore.

 17  Allora Mosé fece uscire il popolodall'accampamento incontro a Dio. Essi stettero in piedi alle faldedel monte.

 18  Il monte Sinai era tutto fumanteperché su diesso era sceso il Signore nel fuoco e il suo fumo saliva come il fumodi una fornace: tutto il monte tremava molto.  19  Il suonodella tromba diventava sempre più intenso: Mosé parlavae Dio gli rispondeva con voce di tuono.

 20  Il Signore scese dunque sul monte Sinaisulla vettadel montee il Signore chiamò Mosé sulla vetta delmonte. Mosé salì.

 21  Poi il Signore disse a Mosé: «Scendiscongiura il popolo di non irrompere verso il Signore per vederealtrimenti ne cadrà una moltitudine!  22  Anche isacerdotiche si avvicinano al Signoresi tengano in stato dipuritàaltrimenti il Signore si avventerà contro diloro!».

 23  Mosé disse al Signore: «Il popolo non puòsalire al monte Sinaiperché tu stesso ci hai avvertitidicendo: Fissa un limite verso il monte e dichiaralo sacro».

 24  Il Signore gli disse: «Vàscendipoisalirai tu e Aronne con te. Ma i sacerdoti e il popolo non siprecipitino per salire verso il Signorealtrimenti egli si avventeràcontro di loro!».

 25  Mosé scese verso il popolo e parlò.

 

Cap. 20

Il decalogo

 1  Dio allora pronunciò tutte queste parole:  2  «Iosono il Signoretuo Dioche ti ho fatto uscire dal paese d'Egittodalla condizione di schiavitù:  3  non avrai altri deidi fronte a me.  4  Non ti farai idolo né immaginealcuna di ciò che è lassù nel cielo né diciò che è quaggiù sulla terrané di ciòche è nelle acque sotto la terra.  5  Non ti prostreraidavanti a loro e non li servirai. Perché ioil Signoresonoil tuo Dioun Dio gelosoche punisce la colpa dei padri nei figlifino alla terza e alla quarta generazioneper coloro che mi odiano 6  ma che dimostra il suo favore fino a mille generazioniperquelli che mi amano e osservano i miei comandi.

 7  Non pronuncerai invano il nome del Signoretuo Dioperché il Signore non lascerà impunito chi pronuncia ilsuo nome invano.

 8  Ricordati del giorno di sabato per santificarlo:  9  seigiorni faticherai e farai ogni tuo lavoro;  10  ma il settimogiorno è il sabato in onore del Signoretuo Dio: tu non faraialcun lavoroné tuné tuo figlioné tuafigliané il tuo schiavoné la tua schiavanéil tuo bestiamené il forestiero che dimora presso di te. 11  Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo ela terra e il mare e quanto è in essima si è riposatoil giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno disabato e lo ha dichiarato sacro.

 12  Onora tuo padre e tua madreperché siprolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il SignoretuoDio.

 13  Non uccidere.

 14  Non commettere adulterio.

 15  Non rubare.

 16  Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuoprossimo.

 17  Non desiderare la casa del tuo prossimo.

Non desiderare la moglie del tuo prossimoné il suoschiavoné la sua schiavané il suo buené ilsuo asinoné alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo».

 18  Tutto il popolo percepiva i tuoni e i lampiil suonodel corno e il monte fumante. Il popolo videfu preso da tremore esi tenne lontano.

 19  Allora dissero a Mosé: «Parla tu a noi enoi ascolteremoma non ci parli Dioaltrimenti moriremo!».

 20  Mosé disse al popolo: «Non abbiate timore:Dio è venuto per mettervi alla prova e perché il suotimore vi sia sempre presente e non pecchiate».

 21  Il popolo si tenne dunque lontanomentre Moséavanzò verso la nube oscuranella quale era Dio.

2. IL CODICE DELL'ALLEANZA

Legge dell'altare

 22  Il Signore disse a Mosé: «Dirai agliIsraeliti: Avete visto che vi ho parlato dal cielo!  23  Nonfate dei d'argento e dei d'oro accanto a me: non fatene per voi! 24  Farai per me un altare di terra esopraoffrirai i tuoiolocausti e i tuoi sacrifici di comunionele tue pecore e i tuoibuoi; in ogni luogo dove io vorrò ricordare il mio nomeverròa te e ti benedirò.  25  Se tu mi fai un altare dipietranon lo costruirai con pietra tagliataperché alzandola tua lama su di essatu la renderesti profana.  26  Nonsalirai sul mio altare per mezzo di gradiniperché lànon si scopra la tua nudità.

 

Cap. 21

Leggi sugli schiavi

 1  Queste sono le norme che tu esporrai loro.  2  Quandotu avrai acquistato uno schiavo ebreoegli ti servirà per seianni e nel settimo potrà andarsene liberosenza riscatto. 3  Se è entrato solouscirà solo; se eraconiugatosua moglie se ne andrà con lui.  4  Se il suopadrone gli ha dato moglie e questa gli ha partorito figli o figliela donna e i suoi figli saranno proprietà del padrone ed eglise ne andrà solo.  5  Ma se lo schiavo dice: Io sonoaffezionato al mio padronea mia moglieai miei figli; non voglioandarmene in libertà 6  allora il suo padrone locondurrà davanti a Diolo farà accostare al battente oallo stipite della porta e gli forerà l'orecchio con lalesina; quegli sarà suo schiavo per sempre.

 7  Quando un uomo venderà la figlia come schiavaessa non se ne andrà come se ne vanno gli schiavi.  8  Seessa non piace al padroneche così non se la prende comeconcubinala farà riscattare. Comunque egli non puòvenderla a gente stranieraagendo con frode verso di lei.  9  Seegli la vuol dare come concubina al proprio figliosi comporterànei suoi riguardi secondo il diritto delle figlie.  10  Se egline prende un'altra per sénon diminuirà alla prima ilnutrimentoil vestiariola coabitazione.  11  Se egli nonfornisce a lei queste coseessa potrà andarsenesenza chesia pagato il prezzo del riscatto.

Omicidio

 12  Colui che colpisce un uomo causandone la mortesaràmesso a morte.  13  Però per colui che non ha tesoinsidiama che Dio gli ha fatto incontrareio ti fisserò unluogo dove potrà rifugiarsi.  14  Maquando un uomoattenta al suo prossimo per ucciderlo con ingannoallora lostrapperai anche dal mio altareperché sia messo a morte.

 15  Colui che percuote suo padre o sua madre saràmesso a morte.

 16  Colui che rapisce un uomo e lo vendese lo si trovaancora in mano a luisarà messo a morte.

 17  Colui che maledice suo padre o sua madre saràmesso a morte.

Colpi e ferite

 18  Quando alcuni uomini rissano e uno colpisce il suoprossimo con una pietra o con il pugno e questi non è mortoma debba mettersi a letto 19  se poi si alza ed esce con ilbastonechi lo ha colpito sarà ritenuto innocentema dovràpagare il riposo forzato e procurargli le cure.

 20  Quando un uomo colpisce con il bastone il suo schiavo ola sua schiava e gli muore sotto le sue manisi deve fare vendetta. 21  Ma se sopravvive un giorno o duenon saràvendicatoperché è acquisto del suo denaro.

 22  Quando alcuni uomini rissano e urtano una donnaincintacosì da farla abortirese non vi è altradisgraziasi esigerà un'ammendasecondo quanto imporràil marito della donnae il colpevole pagherà attraverso unarbitrato.  23  Ma se segue una disgraziaallora pagherai vitaper vita:  24  occhio per occhiodente per dentemano permanopiede per piede 25  bruciatura per bruciaturaferitaper feritalivido per livido.

 26  Quando un uomo colpisce l'occhio del suo schiavo odella sua schiava e lo accecagli darà la libertà incompenso dell'occhio.  27  Se fa cadere il dente del suoschiavo o della sua schiavagli darà la libertà incompenso del dente.

 28  Quando un bue cozza con le corna contro un uomo o unadonna e ne segue la morteil bue sarà lapidato e non se nemangerà la carne. Però il proprietario del bue èinnocente.

 29  Ma se il bue era solito cozzare con le corna giàprima e il padrone era stato avvisato e non lo aveva custoditose hacausato la morte di un uomo o di una donnail bue saràlapidato e anche il suo padrone dev'essere messo a morte.  30  Seinvece gli viene imposta una compensazioneegli pagherà ilriscatto della propria vitasecondo quanto gli verrà imposto. 31  Se cozza con le corna contro un figlio o se cozza controuna figliasi procederà nella stessa maniera.

 32  Se il bue colpisce con le corna uno schiavo o unaschiavasi pagheranno al padrone trenta sicli d'argento e il buesarà lapidato.

 33  Quando un uomo lascia una cisterna aperta oppure quandoun uomo scava una cisterna e non la coprese vi cade un bue o unasino 34  il proprietario della cisterna deve darel'indennizzo: verserà il denaro al padrone della bestia el'animale morto gli apparterrà.

 35  Quando il bue di un uomo cozza contro il bue del suoprossimo e ne causa la morteessi venderanno il bue vivo e se nedivideranno il prezzo; si divideranno anche la bestia morta.  36  Mase è notorio che il bue cozzava già prima e il suopadrone non lo ha custoditoegli dovrà dare come indennizzobue per bue e la bestia morta gli apparterrà.

Furti di animali

 37  Quando un uomo ruba un bue o un montone e poi lo scannao lo vendedarà come indennizzo cinque capi di grossobestiame per il bue e quattro capi di bestiame per il montone.

 

Cap. 22

 1  Se un ladro viene sorpreso mentre sta facendo unabreccia in un muro e viene colpito e muorenon vi è vendettadi sangue.  2  Ma se il sole si era già alzato su diluia suo riguardo vi è vendetta di sangue.

Il ladro dovrà dare l'indennizzo: se non avrà di chepagaresarà venduto in compenso dell'oggetto rubato.  3  Sesi trova ancora in vita e in suo possesso ciò che èstato rubatosi tratti di buedi asino o di montonerestituiràil doppio.

Delitti che esigono un indennizzo

 4  Quando un uomo usa come pascolo un campo o una vigna elascia che il suo bestiame vada a pascolare nel campo altruidevedare l'indennizzo con il meglio del suo campo e con il meglio dellasua vigna.

 5  Quando un fuoco si propaga e si attacca ai cespuglispinosise viene bruciato un mucchio di covoni o il grano in spiga oil grano in erbacolui che ha provocato l'incendio daràl'indennizzo.

 6  Quando un uomo dà in custodia al suo prossimoargento od oggetti e poi nella casa di questo uomo viene commesso unfurtose si trova il ladrorestituirà il doppio.  7  Seil ladro non si trovail padrone della casa si accosterà aDio per giurare che non ha allungato la mano sulla proprietàdel suo prossimo.

 8  Qualunque sia l'oggetto di una frodesi tratti di unbuedi un asinodi un montonedi una vestedi qualunque oggettoperdutodi cui uno dice: «E' questo!»la causa delledue parti andrà fino a Dio: colui che Dio dichiareràcolpevole restituirà il doppio al suo prossimo.

 9  Quando un uomo dà in custodia al suo prossimo unasino o un bue o un capo di bestiame minuto o qualsiasi bestiase labestia è morta o si è prodotta una frattura o èstata rapita senza testimone 10  tra le due parti interverràun giuramento per il Signoreper dichiarare che il depositario nonha allungato la mano sulla proprietà del suo prossimo. Ilpadrone della bestia accetterà e l'altro non dovràrestituire.  11  Ma se la bestia è stata rubata quandosi trovava presso di luipagherà l'indennizzo al padrone diessa.  12  Se invece è stata sbranatala porteràin testimonianza e non dovrà dare l'indennizzo per la bestiasbranata.

 13  Quando un uomo prende in prestito dal suo prossimo unabestia e questa si è prodotta una frattura o è morta inassenza del padronedovrà pagare l'indennizzo.  14  Mase il padrone si trova presentenon deve restituire; se si tratta diuna bestia presa a nolola sua perdita è compensata dalprezzo del noleggio.

Violenza a una vergine

 15  Quando un uomo seduce una vergine non ancora fidanzatae pecca con leine pagherà la dote nuziale ed essa diverràsua moglie.  16  Se il padre di lei si rifiuta di darglielaegli dovrà versare una somma di denaro pari alla dote nuzialedelle vergini.

Leggi morali e religiose

 17  Non lascerai vivere colei che pratica la magìa.

 18  Chiunque si abbrutisce con una bestia sia messo amorte.

 19  Colui che offre un sacrificio agli deioltre al soloSignoresarà votato allo sterminio.

 20  Non molesterai il forestiero né lo opprimeraiperché voi siete stati forestieri nel paese d'Egitto.

 21  Non maltratterai la vedova o l'orfano.  22  Se tulo maltrattiquando invocherà da me l'aiutoio ascolteròil suo grido 23  la mia collera si accenderà e vi faròmorire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figliorfani.

 24  Se tu presti denaro a qualcuno del mio popoloall'indigente che sta con tenon ti comporterai con lui da usuraio:voi non dovete imporgli alcun interesse.

 25  Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimoglielorenderai al tramonto del sole 26  perché è lasua sola copertaè il mantello per la sua pelle; comepotrebbe coprirsi dormendo? Altrimentiquando invocherà da mel'aiutoio ascolterò il suo gridoperché io sonopietoso.

 27  Non bestemmierai Dio e non maledirai il principe deltuo popolo.

Primizie e primogeniti

 28  Non ritarderai l'offerta di ciò che riempie iltuo granaio e di ciò che stilla dal tuo frantoio.

Il primogenito dei tuoi figli lo darai a me.

 29  Così farai per il tuo bue e per il tuo bestiameminuto: sette giorni resterà con sua madrel'ottavo giorno melo darai.

 30  Voi sarete per me uomini santi: non mangerete la carnedi una bestia sbranata nella campagnala getterete ai cani.

 

Cap. 23

La giustizia. I doveri verso i nemici

 1  Non spargerai false dicerie; non presterai mano alcolpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia.  2  Nonseguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo perdeviare verso la maggioranzaper falsare la giustizia.

 3  Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo.

 4  Quando incontrerai il bue del tuo nemico o il suo asinodispersiglieli dovrai ricondurre.  5  Quando vedrai l'asinodel tuo nemico accasciarsi sotto il cariconon abbandonarlo a sestesso: mettiti con lui ad aiutarlo.

 6  Non farai deviare il giudizio del poveroche si rivolgea te nel suo processo.

 7  Ti terrai lontano da parola menzognera. Non far morirel'innocente e il giustoperché io non assolvo il colpevole.

 8  Non accetterai doniperché il dono acceca chi hagli occhi aperti e perverte anche le parole dei giusti.

 9  Non opprimerai il forestiero: anche voi conoscete lavita del forestieroperché siete stati forestieri nel paesed'Egitto.

Anno sabbatico e sabato

 10  Per sei anni seminerai la tua terra e ne raccoglieraiil prodotto 11  ma nel settimo anno non la sfrutterai e lalascerai incolta: ne mangeranno gli indigenti del tuo popolo e ciòche lasceranno sarà divorato dalle bestie della campagna. Cosìfarai per la tua vigna e per il tuo oliveto.

 12  Per sei giorni farai i tuoi lavorima nel settimogiorno farai riposoperché possano goder quiete il tuo bue eil tuo asino e possano respirare i figli della tua schiava e ilforestiero.

 13  Farete attenzione a quanto vi ho detto: non pronunciateil nome di altri dei; non si senta sulla tua bocca!

Feste d'Israele

 14  Tre volte all'anno farai festa in mio onore:

 15  Osserverai la festa degli azzimi: mangerai azzimidurante sette giornicome ti ho ordinatonella ricorrenza del mesedi Abibperché in esso sei uscito dall'Egitto.

Non si dovrà comparire davanti a me a mani vuote.

 16  Osserverai la festa della mietituradelle primizie deituoi lavoridi ciò che semini nel campo; la festa delraccoltoal termine dell'annoquando raccoglierai il frutto deituoi lavori nei campi.

 17  Tre volte all'anno ogni tuo maschio compariràalla presenza del Signore Dio.

 18  Non offrirai con pane lievitato il sangue delsacrificio in mio onore e il grasso della vittima per la mia festanon starà fino al mattino.

 19  Il meglio delle primizie del tuo suolo lo porterai allacasa del Signoretuo Dio.

Non farai cuocere un capretto nel latte di sua madre.

Promesse e istruzioni per l'ingresso in Canaan

 20  Eccoio mando un angelo davanti a te per custodirtisul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato.  21  Abbirispetto della sua presenzaascolta la sua voce e non ribellarti alui; egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressioneperchéil mio nome è in lui.  22  Se tu ascolti la sua voce efai quanto ti diròio sarò il nemico dei tuoi nemici el'avversario dei tuoi avversari.

 23  Quando il mio angelo camminerà alla tua testa eti farà entrare presso l'Amorreol'Hittitail PerizzitailCananeol'Eveo e il Gebuseo e io li distruggerò 24  tunon ti prostrerai davanti ai loro dei e non li servirai; tu non ticomporterai secondo le loro operema dovrai demolire e dovraifrantumare le loro stele.

 25  Voi servirete al Signorevostro Dio. Egli benediràil tuo pane e la tua acqua. Terrò lontana da te la malattia. 26  Non vi sarà nel tuo paese donna che abortisca o chesia sterile. Ti farò giungere al numero completo dei tuoigiorni.

 27  Manderò il mio terrore davanti a te e metteròin rotta ogni popolo in mezzo al quale entrerai; farò voltarle spalle a tutti i tuoi nemici davanti a te.

 28  Manderò i calabroni davanti a te ed essiscacceranno dalla tua presenza l'Eveoil Cananeo e l'Hittita. 29  Non li scaccerò dalla tua presenza in un solo annoperché il paese non resti deserto e le bestie selvatiche simoltiplichino contro di te.  30  A poco a poco li scacceròdalla tua presenzafinché avrai tanti figli da occupare ilpaese.

 31  Stabilirò il tuo confine dal Mare Rosso fino almare dei Filistei e dal deserto fino al fiumeperché ticonsegnerò in mano gli abitanti del paese e li scacceròdalla tua presenza.  32  Ma tu non farai alleanza con loro econ i loro dei;  33  essi non abiteranno più nel tuopaesealtrimenti ti farebbero peccare contro di meperché tuserviresti i loro dei e ciò diventerebbe una trappola per te».

 

Cap. 24

3. CONCLUSIONE DELL'ALLEANZA

 1  Aveva detto a Mosé: «Sali verso il Signoretu e AronneNadab e Abiu e insieme settanta anziani d'Israele; voivi prostrerete da lontano 2  poi Mosé avanzeràsolo verso il Signorema gli altri non si avvicineranno e il popolonon salirà con lui».

 3  Mosé andò a riferire al popolo tutte leparole del Signore e tutte le norme. Tutto il popolo rispose insiemee disse: «Tutti i comandi che ha dati il Signorenoi lieseguiremo!».

 4  Mosé scrisse tutte le parole del Signorepoi sialzò di buon mattino e costruì un altare ai piedi delmontecon dodici stele per le dodici tribù d'Israele. 5  Incaricò alcuni giovani tra gli Israeliti di offrireolocausti e di sacrificare giovenchi come sacrifici di comunioneperil Signore.

 6  Mosé prese la metà del sangue e la mise intanti catini e ne versò l'altra metà sull'altare.

 7  Quindi prese il libro dell'alleanza e lo lesse allapresenza del popolo. Dissero: «Quanto il Signore ha ordinatonoi lo faremo e lo eseguiremo!».

 8  Allora Mosé prese il sangue e ne asperse ilpopolodicendo: «Ecco il sangue dell'alleanzache il Signoreha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!».

 9  Poi Mosé salì con AronneNadabAbiu e isettanta anziani di Israele.  10  Essi videro il Dio d'Israele:sotto i suoi piedi vi era come un pavimento in lastre di zaffirosimile in purezza al cielo stesso.  11  Contro i privilegiatidegli Israeliti non stese la mano: essi videro Dio e tuttaviamangiarono e bevvero.

Mosé sul monte

 12  Il Signore disse a Mosé: «Sali verso di mesul monte e rimani lassù: io ti darò le tavole dipietrala legge e i comandamenti che io ho scritto per istruirli».

 13  Mosé si alzò con Giosuèsuoaiutantee Mosé salì sul monte di Dio.  14  Aglianziani aveva detto: «Restate qui ad aspettarcifin quandotorneremo da voi; ecco avete con voi Aronne e Cur: chiunque avràuna questione si rivolgerà a loro».

 15  Mosé salì dunque sul monte e la nubecoprì il monte.

 16  La Gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinaie la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno ilSignore chiamò Mosé dalla nube.

 17  La Gloria del Signore appariva agli occhi degliIsraeliti come fuoco divorante sulla cima della montagna.  18  Moséentrò dunque in mezzo alla nube e salì sul monte. Mosérimase sul monte quaranta giorni e quaranta notti.

 

Cap. 25

4. PRESCRIZIONI SULLA COSTRUZIONE DEL SANTUARIO E SUI SUOIMINISTRI

Contributo per il santuario

 1  Il Signore disse a Mosé:  2  «Ordinaagli Israeliti che raccolgano per me un'offerta. La raccoglierete dachiunque sia generoso di cuore.  3  Ed ecco che cosaraccoglierete da loro come contributo: oroargento e rame 4  tessuti di porpora viola e rossadi scarlattodi bisso edi pelo di capra 5  pelle di montone tinta di rossopelle ditasso e legno di acacia 6  olio per il candelabrobalsamiper unguenti e per l'incenso aromatico 7  pietre di ònicee pietre da incastonare nell'efod e nel pettorale.  8  Essimi faranno un santuario e io abiterò in mezzo a loro. 9  Eseguirete ogni cosa secondo quanto ti mostreròsecondo il modello della Dimora e il modello di tutti i suoi arredi.

La tenda e il suo arredamento. L'arca

 10  Faranno dunque un'arca di legno di acacia: avràdue cubiti e mezzo di lunghezzaun cubito e mezzo di larghezzauncubito e mezzo di altezza.  11  La rivestirai d'oro puro:dentro e fuori la rivestirai e le farai intorno un bordo d'oro. 12  Fonderai per essa quattro anelli d'oro e li fisserai aisuoi quattro piedi: due anelli su di un lato e due anelli sull'altro. 13  Farai stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro. 14  Introdurrai le stanghe negli anelli sui due lati dell'arcaper trasportare l'arca con esse.  15  Le stanghe dovrannorimanere negli anelli dell'arca: non verranno tolte di lì. 16  Nell'arca collocherai la Testimonianza che io ti darò.

 17  Farai il coperchioo propiziatoriod'oro puro; avràdue cubiti e mezzo di lunghezza e un cubito e mezzo di larghezza. 18  Farai due cherubini d'oro: li farai lavorati a martellosulle due estremità del coperchio.  19  Fà uncherubino ad una estremità e un cherubino all'altra estremità.Farete i cherubini tutti di un pezzo con il coperchio alle sue dueestremità.  20  I cherubini avranno le due ali stese disopraproteggendo con le ali il coperchio; saranno rivolti l'unoverso l'altro e le facce dei cherubini saranno rivolte verso ilcoperchio.  21  Porrai il coperchio sulla parte superioredell'arca e collocherai nell'arca la Testimonianza che io ti darò.

 22  Io ti darò convegno appunto in quel luogo:parlerò con te da sopra il propiziatorioin mezzo ai duecherubini che saranno sull'arca della Testimonianzati darò imiei ordini riguardo agli Israeliti.

Tavola dei pani dell'offerta

 23  Farai una tavola di legno di acacia: avrà duecubiti di lunghezzaun cubito di larghezzaun cubito e mezzo dialtezza.  24  La rivestirai d'oro puro e le farai intorno unbordo d'oro.  25  Le farai attorno una cornice di un palmo efarai un bordo d'oro per la cornice.  26  Le farai quattroanelli d'oro e li fisserai ai quattro angoli che costituiranno i suoiquattro piedi.  27  Gli anelli saranno contigui alla cornice eserviranno a inserire le stanghe destinate a trasportare la tavola. 28  Farai le stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro;con esse si trasporterà la tavola.  29  Farai anche isuoi accessoripiatticoppeanfore e tazze per le libazioni: lifarai d'oro puro.  30  Sulla tavola collocherai i panidell'offerta: saranno sempre alla mia presenza.

Il candelabro

 31  Farai anche un candelabro d'oro puro. Il candelabrosarà lavorato a martelloil suo fusto e i suoi bracci; i suoicalicii suoi bulbi e le sue corolle saranno tutti di un pezzo.

 32  Sei bracci usciranno dai suoi lati: tre bracci delcandelabro da un lato e tre bracci del candelabro dall'altro lato.

 33  Vi saranno su di un braccio tre calici in forma difiore di mandorlocon bulbo e corolla e così anche sull'altrobraccio tre calici in forma di fiore di mandorlocon bulbo ecorolla. Così sarà per i sei bracci che usciranno dalcandelabro.  34  Il fusto del candelabro avrà quattrocalici in forma di fiore di mandorlocon i loro bulbi e le lorocorolle:  35  un bulbo sotto i due bracci che si dipartano daesso e un bulbo sotto gli altri due bracci e un bulbo sotto i duealtri bracci che si dipartano da esso; così per tutti i seibracci che escono dal candelabro.  36  I bulbi e i relativibracci saranno tutti di un pezzo: il tutto sarà formato da unasola massa d'oro puro lavorata a martello.

 37  Farai le sue sette lampade: vi si collocheranno soprain modo da illuminare lo spazio davanti ad esso.  38  I suoismoccolatoi e i suoi portacenere saranno d'oro puro.  39  Lo sifarà con un talento di oro puroesso con tutti i suoiaccessori.

 40  Guarda ed eseguisci secondo il modello che ti èstato mostrato sul monte.

 

Cap. 26

La Dimora. Le stoffe e la copertura

 1  Quanto alla Dimorala farai con dieci teli di bissoritortodi porpora violadi porpora rossa e di scarlatto. Vi faraifigure di cherubinilavoro d'artista.  2  Lunghezza di untelo: ventotto cubiti; larghezza: quattro cubiti per un telo; lastessa dimensione per tutti i teli.  3  Cinque teli sarannouniti l'uno all'altro e anche gli altri cinque saranno uniti l'unoall'altro.  4  Farai cordoni di porpora viola sull'orlo delprimo telo all'estremità della sutura; così faraisull'orlo del telo estremo nella seconda sutura.  5  Faraicinquanta cordoni al primo telo e farai cinquanta cordoniall'estremità della seconda sutura: i cordoni corrisponderannol'uno all'altro.  6  Farai cinquanta fibbie d'oro e unirai iteli l'uno all'altro mediante le fibbiecosì il tutto formeràuna sola Dimora.  7  Farai poi teli di pelo di capra percostituire la tenda al di sopra della Dimora. Ne farai undici teli. 8  Lunghezza di un telo: trenta cubiti; larghezza: quattrocubiti per un telo. La stessa dimensione per gli undici teli. 9  Unirai insieme cinque teli a parte e sei teli a parte.Piegherai indietro il sesto telo raddoppiandolo sulla parte anterioredella tenda.  10  Farai cinquanta cordoni sull'orlo del primoteloche è all'estremità della suturae cinquantacordoni sull'orlo del telo della seconda sutura.  11  Faraicinquanta fibbie di rameintrodurrai le fibbie nei cordoni e uniraiinsieme la tenda; così essa formerà un tutto unico. 12  La parte che pende in eccedenza nei teli della tendalametà cioè di un telo che sopravanzapenderàsulla parte posteriore della Dimora.  13  Il cubito ineccedenza da una partecome il cubito in eccedenza dall'altra partenel senso della lunghezza dei teli della tendaricadranno sui duelati della Dimora per coprirla da una parte e dall'altra.  14  Faraipoi per la tenda una copertura di pelli di montone tinte di rosso eal di sopra una copertura di pelli di tasso.

Il legname

 15  Poi farai per la Dimora le assi di legno di acaciadaporsi verticali.  16  Dieci cubiti la lunghezza di un'asse e uncubito e mezzo la larghezza.  17  Ogni asse avrà duesostegnicongiunti l'uno all'altro da un rinforzo. Così faraiper tutte le assi della Dimora.  18  Farai dunque le assi perla Dimora: venti assi sul lato verso il mezzogiornoa sud.  19  Faraianche quaranta basi d'argento sotto le venti assidue basi sottoun'asseper i suoi due sostegni e due basi sotto l'altra asse per isuoi sostegni.  20  Per il secondo lato della Dimoraverso ilsettentrioneventi assi 21  come anche le loro quaranta basid'argentodue basi sotto un'asse e due basi sotto l'altra asse. 22  Per la parte posteriore della Dimoraverso occidentefarai sei assi.  23  Farai inoltre due assi per gli angolidella Dimora sulla parte posteriore.  24  Esse saranno formateciascuna da due pezzi uguali abbinati e perfettamente congiunti dalbasso fino alla cimaall'altezza del primo anello. Così saràper ambedue: esse formeranno i due angoli.  25  Vi sarannodunque otto assi con le loro basi d'argento: sedici basidue basisotto un'asse e due basi sotto l'altra asse.  26  Farai inoltretraverse di legno di acacia: cinque per le assi di un lato dellaDimora  27  e cinque traverse per le assi dell'altro lato dellaDimora e cinque traverse per le assi della parte posterioreversooccidente.  28  La traversa medianaa mezza altezza delleassile attraverserà da una estremità all'altra. 29  Rivestirai d'oro le assifarai in oro i loro anellicheserviranno per inserire le traversee rivestirai d'oro anche letraverse.  30  Costruirai la Dimora nel modo che ti èstato mostrato sul monte.

Il velo

 31  Farai il velo di porpora violadi porpora rossadiscarlatto e di bisso ritorto. Lo si farà con figure dicherubinilavoro di disegnatore.  32  Lo appenderai a quattrocolonne di acaciarivestite d'orocon uncini d'oro e poggiate suquattro basi d'argento.

 33  Collocherai il velo sotto le fibbie e lànell'interno oltre il velointrodurrai l'arca della Testimonianza.Il velo sarà per voi la separazione tra il Santo e il Santodei santi.  34  Porrai il coperchio sull'arca dellaTestimonianza nel Santo dei santi.

 35  Collocherai la tavola fuori del velo e il candelabro difronte alla tavola sul lato meridionale della Dimora; collocherai latavola sul lato settentrionale.  36  Poi farai una cortinaall'ingresso della tendadi porpora viola e di porpora rossadiscarlatto e di bisso ritortolavoro di ricamatore.  37  Faraiper la cortina cinque colonne di acacia e le rivestirai d'oro. I lorouncini saranno d'oro e fonderai per esse cinque basi di rame.

 

Cap. 27

L'altare degli olocausti

 1  Farai l'altare di legno di acacia: avrà cinquecubiti di lunghezza e cinque cubiti di larghezza. L'altare saràquadrato e avrà l'altezza di tre cubiti.  2  Farai aisuoi quattro angoli quattro corni e saranno tutti di un pezzo. Lorivestirai di rame.  3  Farai i suoi recipienti per raccoglierele cenerile sue palei suoi vasi per la aspersionele sueforchette e i suoi bracieri. Farai di rame tutti questi accessori. 4  Farai per esso una graticola di rame alle sue quattroestremità.  5  La porrai sotto la cornice dell'altarein basso: la rete arriverà a metà dell'altezzadell'altare.  6  Farai anche stanghe per l'altare: sarannostanghe di legno di acacia e le rivestirai di rame.  7  Siintrodurranno queste stanghe negli anelli e le stanghe saranno suidue lati dell'altare quando lo si trasporta.  8  Lo farai ditavolevuoto nell'interno: lo si farà come ti fu mostrato sulmonte.

L'atrio

 9  Farai poi il recinto della Dimora. Sul lato meridionaleverso sudil recinto avrà tendaggi di bisso ritortoper lalunghezza di cento cubiti sullo stesso lato.  10  Vi sarannoventi colonne con venti basi di rame. Gli uncini delle colonne e leloro aste trasversali saranno d'argento.  11  Allo stesso modosul lato rivolto a settentrione: tendaggi per cento cubiti dilunghezzale relative venti colonne con le venti basi di ramegliuncini delle colonne e le aste trasversali d'argento.  12  Lalarghezza del recinto verso occidente avrà cinquanta cubiti ditendaggicon le relative dieci colonne e le dieci basi.  13  Lalarghezza del recinto sul lato orientale verso levante sarà dicinquanta cubiti:  14  quindici cubiti di tendaggi con lerelative tre colonne e le tre basi alla prima ala;  15  all'altraala quindici cubiti di tendaggicon le tre colonne e le tre basi. 16  Alla porta del recinto vi sarà una cortina di venticubitilavoro di ricamatoredi porpora violaporpora rossascarlatto e bisso ritortocon le relative quattro colonne e lequattro basi.  17  Tutte le colonne intorno al recinto sarannofornite di aste trasversali d'argento: i loro uncini sarannod'argento e le loro basi di rame.  18  La lunghezza del recintosarà di cento cubitila larghezza di cinquantal'altezza dicinque cubiti; di bisso ritortocon le basi di rame.  19  Tuttigli arredi della Dimora per tutti i suoi servizi e tutti i picchetticome anche i picchetti del recinto saranno di rame.

L'olio per il candelabro

 20  Tu ordinerai agli Israeliti che ti procurino olio purodi olive schiacciate per il candelabroper tener sempre accesa unalampada.  21  Nella tenda del convegnoal di fuori del veloche sta davanti alla TestimonianzaAronne e i suoi figli lapreparerannoperché dalla sera alla mattina essa sia davantial Signore: rito perenne presso gli Israeliti di generazione ingenerazione.

 

Cap. 28

Gli abiti dei sacerdoti

 1  Tu fà avvicinare a te tra gli IsraelitiAronnetuo fratello e i suoi figli con luiperché siano mieisacerdoti; Aronne e NadabAbiuEleazaroItamarfigli di Aronne.

 2  Farai per Aronnetuo fratelloabiti sacricheesprimano gloria e maestà.  3  Tu parlerai a tutti gliartigiani più espertiai quali io ho dato uno spirito disaggezzaed essi faranno gli abiti di Aronne per la suaconsacrazione e per l'esercizio del sacerdozio in mio onore.  4  Edecco gli abiti che faranno: il pettorale e l'efodil mantola tunica damascatail turbante e la cintura. Faranno vesti sacreper Aronne tuo fratello e per i suoi figliperché esercitinoil sacerdozio in mio onore.  5  Essi dovranno usare oroporpora viola e porpora rossascarlatto e bisso.

L'efod

 6  Faranno l'efod con oroporpora viola e porporarossascarlatto e bisso ritortoartisticamente lavorati.  7  Avràdue spalline attaccate alle due estremità e in tal modoformerà un pezzo ben unito.  8  La cintura per fissarloe che sta sopra di esso sarà della stessa fattura e saràd'un sol pezzo: sarà intessuta d'orodi porpora viola eporpora rossascarlatto e bisso ritorto.  9  Prenderai duepietre di ònice e inciderai su di esse i nomi degli Israeliti: 10  sei dei loro nomi sulla prima pietra e gli altri sei nomisulla seconda pietrain ordine di nascita.  11  Inciderai ledue pietre con i nomi degli Israelitiseguendo l'artedell'intagliatore di pietre per l'incisione di un sigillo; leinserirai in castoni d'oro.  12  Fisserai le due pietre sullespalline dell'efodcome pietre che ricordino presso di me gliIsraeliti; così Aronne porterà i loro nomi sulle suespalle davanti al Signorecome un memoriale.  13  Farai anchei castoni d'oro  14  e due catene d'oro in forma di cordonicon un lavoro d'intreccio; poi fisserai le catene a intreccio suicastoni.

Il pettorale

 15  Farai il pettorale del giudizioartisticamentelavoratodi fattura uguale a quella dell'efod: con oroporpora violaporpora rossascarlatto e bisso ritorto.  16  Saràquadratodoppio; avrà una spanna di lunghezza e una spanna dilarghezza.  17  Lo coprirai con una incastonatura di pietrepreziosedisposte in quattro file. Una fila: una cornalinauntopazio e uno smeraldo: così la prima fila.  18  Laseconda fila: un turcheseuno zaffìro e un berillo.  19  Laterza fila: un giacintoun'àgata e un'ametista.  20  Laquarta fila: un crisòlitoun ònice e un diaspro.Saranno inserite nell'oro mediante i loro castoni.  21  Lepietre corrisponderanno ai nomi degli Israeliti: dodicisecondo iloro nomie saranno incise come sigilliciascuna con il nomecorrispondentesecondo le dodici tribù.  22  Poi faraisul pettorale catene in forma di cordonilavoro d'intreccio d'oropuro.  23  Farai sul pettorale due anelli d'oro e metterai idue anelli alle estremità del pettorale.  24  Metteraile due catene d'oro sui due anelli alle estremità delpettorale.  25  Quanto alle due altre estremità dellecatenele fisserai sui due castoni e le farai passare sulle duespalline dell'efod nella parte anteriore.  26  Farai dueanelli d'oro e li metterai sulle due estremità del pettoralesul suo bordo che è dalla parte dell'efodversol'interno.  27  Farai due altri anelli d'oro e li metteraisulle due spalline dell'efod in bassosul suo lato anteriorein vicinanza del punto di attaccoal di sopra della cinturadell'efod.  28  Si legherà il pettorale con isuoi anelli agli anelli dell'efod mediante un cordone diporpora violaperché stia al di sopra della cintura dell'efode perché il pettorale non si distacchi dall'efod. 29  Così Aronne porterà i nomi degli Israelitisul pettorale del giudiziosopra il suo cuorequando entrerànel Santocome memoriale davanti al Signore per sempre.  30  Uniraial pettorale del giudizio gli urim e i tummim. Sarannocosì sopra il cuore di Aronne quando entrerà allapresenza del Signore: Aronne porterà il giudizio degliIsraeliti sopra il suo cuore alla presenza del Signore per sempre.

Il manto

 31  Farai il manto dell'efodtutto di porpora viola 32  con in mezzo una scollatura per la testa; il bordo attornoalla scollatura sarà un lavoro di tessitore come la scollaturadi una corazzache non si lacera.  33  Farai sul suo lembomelagrane di porpora violadi porpora rossa e di scarlattointornoal suo lemboe in mezzo porrai sonagli d'oro:  34  un sonagliod'oro e una melagranaun sonaglio d'oro e una melagrana intornoall'orlo del manto.  35  Esso rivestirà Aronne nellefunzioni sacerdotali e se ne sentirà il suono quando eglientrerà nel Santo alla presenza del Signore e quando neuscirà; così non morirà.

Il segno della consacrazione

 36  Farai una lamina d'oro puro e vi incideraicome su diun sigillo: «Sacro al Signore».  37  L'attaccheraicon un cordone di porpora viola al turbantesulla parte anteriore. 38  Starà sulla fronte di Aronne; Aronne porteràil carico delle colpe che potranno commettere gli Israelitiinoccasione delle offerte sacre da loro presentate. Aronne la porteràsempre sulla sua fronteper attirare su di essi il favore delSignore.

 39  Tesserai la tunica di bisso. Farai un turbante di bissoe una cinturalavoro di ricamo.

Abiti dei sacerdoti

 40  Per i figli di Aronne farai tuniche e cinture. Per essifarai anche berretti a gloria e decoro.  41  Farai indossarequeste vesti ad Aronnetuo fratelloe ai suoi figli. Poi liungeraidarai loro l'investitura e li consacreraiperchéesercitino il sacerdozio in mio onore.  42  Farai loro inoltrecalzoni di linoper coprire la loro nudità; dovranno arrivaredai fianchi fino alle cosce.  43  Aronne e i suoi figli liindosseranno quando entreranno nella tenda del convegno o quando siavvicineranno all'altare per officiare nel santuarioperchénon incorrano in una colpa che li farebbe morire. E' una prescrizionerituale perenne per lui e per i suoi discendenti.

 

Cap. 29

Consacrazione di Aronne e dei suoi figli. Preparazione

 1  Osserverai questo rito per consacrarli al miosacerdozio. Prendi un giovenco e due arieti senza difetto;  2  poipani azzimifocacce azzime impastate con olio e schiacciate azzimecosparse di olio: di fior di farina di frumento.  3  Ledisporrai in un solo canestro e le offrirai nel canestro insieme conil giovenco e i due arieti.

Purificazione. Abiti indossati. Unzione

 4  Farai avvicinare Aronne e i suoi figli all'ingressodella tenda del convegno e li farai lavare con acqua.  5  Prenderaile vesti e rivestirai Aronne della tunicadel manto dell'efoddell'efod e del pettorale; lo cingerai con la cinturadell'efod;  6  gli porrai sul capo il turbante efisserai il diadema sacro sopra il turbante.  7  Poi prenderail'olio dell'unzionelo verserai sul suo capo e lo ungerai.  8  Quantoai suoi figlili farai avvicinareli rivestirai di tuniche;  9  licingerai con la cintura e legherai loro i berretti. Il sacerdozioapparterrà loro per decreto perenne. Così darail'investitura ad Aronne e ai suoi figli.

Offerte

 10  Farai poi avvicinare il giovenco davanti alla tenda delconvegno. Aronne e i suoi figli poseranno le mani sulla sua testa. 11  Immolerai il giovenco davanti al Signoreall'ingressodella tenda del convegno.  12  Prenderai parte del suo sangue econ il dito lo spalmerai sui corni dell'altare. Il resto del sanguelo verserai alla base dell'altare.  13  Prenderai tutto ilgrasso che avvolge le viscereil lobo del fegatoi reni con ilgrasso che vi è soprae li farai ardere in sacrificiosull'altare.  14  Ma la carne del giovencola sua pelle e isuoi escrementili brucerai fuori del campoperché si trattadi un sacrificio per il peccato.

 15  Prenderai poi uno degli arieti; Aronne e i suoi figliposeranno le mani sulla sua testa.  16  Immolerai l'arieteneraccoglierai il sangue e lo spargerai intorno all'altare.  17  Poifarai a pezzi l'arietene laverai le viscere e le zampe e ledisporrai sui quarti e sulla testa.  18  Allora brucerai insoave odore sull'altare tutto l'ariete. E' un olocausto in onore delSignoreun profumo graditouna offerta consumata dal fuoco per ilSignore.

 19  Poi prenderai il secondo ariete; Aronne e i suoi figliposeranno le mani sulla sua testa.  20  Lo immoleraiprenderaiparte del suo sangue e ne porrai sul lobo dell'orecchio destro diAronnesul lobo dell'orecchio destro dei suoi figlisul pollicedella loro mano destra e sull'alluce del loro piede destro; poispargerai il sangue intorno all'altare.  21  Prenderai diquesto sangue dall'altare e insieme un pò d'olio dell'unzionee ne spruzzerai Aronne e le sue vestii figli di Aronne e le lorovesti: così sarà consacrato lui con le sue vesti einsieme con lui i suoi figli con le loro vesti.

Investitura dei sacerdoti

 22  Poi prenderai il grasso dell'ariete: la codail grassoche copre le viscereil lobo del fegatoi due reni con il grassoche vi è soprae la coscia destraperché èl'ariete dell'investitura.  23  Prenderai anche un panerotondouna focaccia all'olio e una schiacciata dal canestro diazzimi deposto davanti al Signore.  24  Metterai il tutto sullepalme di Aronne e sulle palme dei suoi figli e farai compiere ilgesto di presentazione proprio dell'offerta agitata davanti alSignore.  25  Poi riprenderai ogni cosa dalle loro mani e labrucerai in odore soave sull'altaresopra l'olocaustocome profumogradito davanti al Signore: è un'offerta consumata dal fuocoin onore del Signore.

 26  Prenderai il petto dell'ariete dell'investitura diAronne e compirai il gesto di presentazione dell'offertaagitandoladavanti al Signore: sarà la tua porzione.  27  Consacreraiil pettopresentato con il gesto dell'offertae la coscia delcontributoprelevati dall'ariete dell'investitura: queste cosesaranno di Aronne e dei suoi figli.  28  Dovranno apparteneread Aronne e ai suoi figli come porzione loro riservata dagliIsraeliti in forza di legge perenne. Perché è uncontributoun prelevamento cioè che gli Israeliti dovrannooperare in tutti i loro sacrifici di comunioneun prelevamentodovuto al Signore.

 29  Le vesti sacre di Aronne passerannodopo di luiaisuoi figliche se ne rivestiranno per ricevere l'unzione el'investitura.  30  Quello dei figli di Aronneche glisuccederà nel sacerdozio ed entrerà nella tenda delconvegno per officiare nel santuarioporterà queste vesti persette giorni.

Pasto sacro

 31  Poi prenderai l'ariete dell'investitura e ne cuoceraile carni in luogo santo.  32  Aronne e i suoi figli mangerannola carne dell'ariete e il pane contenuto nel canestro all'ingressodella tenda del convegno.  33  Mangeranno così ciòche sarà servito per fare la espiazionenel corso della loroinvestitura e consacrazione. Nessun estraneo ne deve mangiareperchésono cose sante.  34  Nel caso che al mattino ancora restassecarne del sacrificio d'investitura e del panebrucerai questo avanzonel fuoco. Non lo si mangerà: è cosa santa.

 35  Farai dunque ad Aronne e ai suoi figli secondo quantoti ho comandato. Per sette giorni ne farai l'investitura.

Consacrazione dell'altare degli olocausti

 36  In ciascun giorno offrirai un giovenco in sacrificioper il peccatoin espiazione; toglierai il peccato dall'altarefacendo per esso il sacrificio espiatorio e in seguito lo ungerai perconsacrarlo.  37  Per sette giorni farai il sacrificioespiatorio per l'altare e lo consacrerai. Diverrà allora unacosa santissima e quanto toccherà l'altare sarà santo.

Olocausto quotidiano

 38  Ecco ciò che tu offrirai sull'altare: dueagnelli di un anno ogni giornoper sempre.  39  Offrirai unodi questi agnelli al mattinoil secondo al tramonto.  40  Conil primo agnello offrirai un decimo di efa di fior di farinaimpastata con un quarto di hin di olio vergine e una libazionedi un quarto di hin di vino.  41  Offrirai il secondoagnello al tramonto con un'oblazione e una libazione come quelle delmattino: profumo soaveofferta consumata dal fuoco in onore delSignore.  42  Questo è l'olocausto perenne per le vostregenerazioniall'ingresso della tenda del convegnoalla presenza delSignoredove io vi darò convegno per parlare con te.

 43  Io darò convegno agli Israeliti in questo luogoche sarà consacrato dalla mia Gloria.  44  Consacreròla tenda del convegno e l'altare. Consacrerò anche Aronne e isuoi figliperché siano miei sacerdoti.  45  Abiteròin mezzo agli Israeliti e sarò il loro Dio.  46  Saprannoche io sono il Signoreil loro Dioche li ho fatti uscire dal paesed'Egittoper abitare in mezzo a loroio il Signoreloro Dio.

 

Cap. 30

Altare dei profumi

 1  Farai poi un altare sul quale bruciare l'incenso: lofarai di legno di acacia.  2  Avrà un cubito dilunghezza e un cubito di larghezzasarà cioè quadrato;avrà due cubiti di altezza e i suoi corni saranno tutti di unpezzo.  3  Rivestirai d'oro puro il suo pianoi suoi latiisuoi corni e gli farai intorno un bordo d'oro.  4  Farai anchedue anelli d'oro al di sotto del bordosui due fianchiponendolicioè sui due lati opposti: serviranno per inserire le stanghedestinate a trasportarlo.  5  Farai le stanghe di legno diacacia e le rivestirai d'oro.  6  Porrai l'altare davanti alvelo che nasconde l'arca della Testimonianzadi fronte al coperchioche è sopra la Testimonianzadove io ti darò convegno. 7  Aronne brucerà su di esso l'incenso aromatico: lobrucerà ogni mattina quando riordinerà le lampade  8  elo brucerà anche al tramontoquando Aronne riempirà lelampade: incenso perenne davanti al Signore per le vostregenerazioni.  9  Non vi offrirete sopra incenso estraneonéolocaustoné oblazione; né vi verserete libazione. 10  Una volta all'anno Aronne farà il rito espiatoriosui corni di esso: con il sangue del sacrificio per il peccato vifarà sopra una volta all'anno il rito espiatorio per le vostregenerazioni. E' cosa santissima per il Signore».

Imposta per il censimento

 11  Il Signore parlò a Mosé e gli disse: 12  «Quando per il censimento farai la rassegna degliIsraeliticiascuno di essi pagherà al Signore il riscattodella sua vita all'atto del censimentoperché non li colpiscaun flagello in occasione del loro censimento.  13  Chiunqueverrà sottoposto al censimentopagherà un mezzo siclocomputato secondo il siclo del santuarioil siclo di venti ghera.Questo mezzo siclo sarà un'offerta prelevata in onore delSignore.  14  Ogni persona sottoposta al censimentodai ventianni in supaghi l'offerta prelevata per il Signore.  15  Ilricco non darà di più e il povero non darà dimeno di mezzo sicloper soddisfare all'offerta prelevata per ilSignorea riscatto delle vostre vite.  16  Prenderai il denarodi questo riscatto ricevuto dagli Israeliti e lo impiegherai per ilservizio della tenda del convegno. Esso sarà per gli Israeliticome un memoriale davanti al Signore per il riscatto delle vostrevite».

La conca

 17  Il Signore parlò a Mosé:  18  «Faraiuna conca di rame con il piedestallo di rameper le abluzioni; lacollocherai tra la tenda del convegno e l'altare e vi metterai acqua. 19  Aronne e i suoi figli vi attingeranno per lavarsi le manie i piedi.  20  Quando entreranno nella tenda del convegnofaranno una abluzione con l'acquaperché non muoiano; cosìquando si avvicineranno all'altare per officiareper bruciareun'offerta da consumare con il fuoco in onore del Signore 21  silaveranno le mani e i piedi e non moriranno. E' una prescrizionerituale perenne per lui e per i suoi discendentiin tutte le lorogenerazioni».

L'olio dell'unzione

 22  Il Signore parlò a Mosé:  23  «Procùratibalsami pregiati: mirra vergine per il peso di cinquecento siclicinnamòmo odoriferola metàcioèduecentocinquanta siclicanna odoriferaduecentocinquanta 24  cassiacinquecento siclisecondo il siclo del santuarioe un hin d'olio d'oliva.  25  Ne farai l'olio perl'unzione sacraun unguento composto secondo l'arte del profumiere:sarà l'olio per l'unzione sacra.  26  Con esso ungeraila tenda del convegnol'arca della Testimonianza 27  latavola e tutti i suoi accessoriil candelabro con i suoi accessoril'altare del profumo 28  l'altare degli olocausti e tutti isuoi accessori; la conca e il suo piedestallo.  29  Consacreraiqueste cosele quali diventeranno santissime: quanto le toccheràsarà santo.

 30  Ungerai anche Aronne e i suoi figli e li consacreraiperché esercitino il mio sacerdozio.  31  Agli Israelitidirai: Questo sarà per voi l'olio dell'unzione sacra per levostre generazioni.  32  Non si dovrà versare sul corpodi nessun uomo e di simile a questo non ne dovrete fare: è unacosa santa e santa la dovrete ritenere.  33  Chi ne faràdi simile a questo o ne porrà sopra un uomo estraneo saràeliminato dal suo popolo».

Il profumo

 34  Il Signore disse a Mosé: «Procùratibalsami: storàceònicegalbano come balsami e incensopuro: il tutto in parti uguali.  35  Farai con essi un profumoda bruciareuna composizione aromatica secondo l'arte delprofumieresalatapura e santa.  36  Ne pesterai un pocoriducendola in polvere minuta e ne metterai davanti allaTestimonianzanella tenda del convegnodove io ti daròconvegno. Cosa santissima sarà da voi ritenuta.  37  Nonfarete per vostro uso alcun profumo di composizione simile a quelloche devi fare: lo riterrai una cosa santa in onore del Signore. 38  Chi ne farà di simile per sentirne il profumo saràeliminato dal suo popolo».

 

Cap. 31

Gli operai del santuario

 1  Il Signore parlò a Mosé e gli disse: 2  «Vediho chiamato per nome Bezaleelfiglio di Urifiglio di Curdella tribù di Giuda.  3  L'ho riempitodello spirito di Dioperché abbia saggezzaintelligenza escienza in ogni genere di lavoro 4  per concepire progetti erealizzarli in oroargento e rame 5  per intagliare lepietre da incastonareper scolpire il legno e compiere ogni sorta dilavoro.  6  Ed ecco gli ho dato per compagno Ooliabfiglio diAchisamachdella tribù di Dan. Inoltre nel cuore di ogniartista ho infuso saggezzaperché possano eseguire quanto tiho comandato:  7  la tenda del convegnol'arca dellaTestimonianzail coperchio sopra di essa e tutti gli accessori dellatenda;  8  la tavola con i suoi accessoriil candelabro purocon i suoi accessoril'altare dei profumi  9  e l'altare degliolocausti con tutti i suoi accessorila conca con il suopiedestallo 10  le vesti ornamentalile vesti sacre delsacerdote Aronne e le vesti dei suoi figli per esercitare ilsacerdozio;  11  l'olio dell'unzione e il profumo degli aromiper il santuario. Essi eseguiranno ogni cosa secondo quanto ti hoordinato».

Riposo sabbatico

 12  Il Signore disse a Mosé:  13  «Quantoa teparla agli Israeliti e riferisci loro: In tutto dovreteosservare i miei sabatiperché il sabato è un segnotra me e voiper le vostre generazioniperché si sappia cheio sono il Signore che vi santifica.  14  Osserverete dunque ilsabatoperché lo dovete ritenere santo. Chi lo profaneràsarà messo a morte; chiunque in quel giorno faràqualche lavorosarà eliminato dal suo popolo.  15  Durantesei giorni si lavorima il settimo giorno vi sarà riposoassolutosacro al Signore. Chiunque farà un lavoro di sabatosarà messo a morte.  16  Gli Israeliti osserveranno ilsabatofesteggiando il sabato nelle loro generazioni comeun'alleanza perenne.  17  Esso è un segno perenne fra mee gli Israelitiperché il Signore in sei giorni ha fatto ilcielo e la terrama nel settimo ha cessato e si è riposato».

Consegna a Mosé delle tavole della legge

 18  Quando il Signore ebbe finito di parlare con Mosésul monte Sinaigli diede le due tavole della Testimonianzatavoledi pietrascritte dal dito di Dio.

 

Cap. 32

5. IL VITELLO D'ORO E L'ALLEANZA RINNOVATA

Il vitello d'oro

 1  Il popolovedendo che Mosé tardava a scenderedalla montagnasi affollò intorno ad Aronne e gli disse:«Facci un dio che cammini alla nostra testaperché aquel Mosél'uomo che ci ha fatti uscire dal paese d'Egittonon sappiamo che cosa sia accaduto».  2  Aronne risposeloro: «Togliete i pendenti d'oro che hanno agli orecchi levostre mogli e le vostre figlie e portateli a me».  3  Tuttoil popolo tolse i pendenti che ciascuno aveva agli orecchi e li portòad Aronne.  4  Egli li ricevette dalle loro mani e li fecefondere in una forma e ne ottenne un vitello di metallo fuso. Alloradissero: «Ecco il tuo Dioo Israelecolui che ti ha fattouscire dal paese d'Egitto!».  5  Ciò vedendoAronne costruì un altare davanti al vitello e proclamò:«Domani sarà festa in onore del Signore».  6  Ilgiorno dopo si alzarono prestooffrirono olocausti e presentaronosacrifici di comunione. Il popolo sedette per mangiare e berepoi sialzò per darsi al divertimento.

Il Signore avverte Mosé

 7  Allora il Signore disse a Mosé: «Vàscendiperché il tuo popoloche tu hai fatto uscire dalpaese d'Egittosi è pervertito.  8  Non hanno tardatoad allontanarsi dalla via che io avevo loro indicata! Si son fatti unvitello di metallo fusopoi gli si sono prostrati dinanzigli hannoofferto sacrifici e hanno detto: Ecco il tuo DioIsraele; colui cheti ha fatto uscire dal paese di Egitto».

 9  Il Signore disse inoltre a Mosé: «Hoosservato questo popolo e ho visto che è un popolo dalla duracervice.  10  Ora lascia che la mia ira si accenda contro diloro e li distrugga. Di te invece farò una grande nazione».

Preghiera di Mosé

 11  Mosé allora supplicò il Signoresuo Dioe disse: «PerchéSignoredivamperà la tua iracontro il tuo popoloche tu hai fatto uscire dal paese d'Egitto congrande forza e con mano potente?  12  Perché dovrannodire gli Egiziani: Con malizia li ha fatti uscireper farli periretra le montagne e farli sparire dalla terra? Desisti dall'ardoredella tua ira e abbandona il proposito di fare del male al tuopopolo.  13  Ricòrdati di Abramodi Isaccodi Israeletuoi serviai quali hai giurato per te stesso e hai detto: Renderòla vostra posterità numerosa come le stelle del cielo e tuttoquesto paesedi cui ho parlatolo darò ai tuoi discendentiche lo possederanno per sempre».

 14  Il Signore abbandonò il proposito di nuocere alsuo popolo.

Mosé spezza le tavole della legge

 15  Mosé ritornò e scese dalla montagna conin mano le due tavole della Testimonianzatavole scritte sui duelatida una parte e dall'altra.  16  Le tavole erano opera diDiola scrittura era scrittura di Dioscolpita sulle tavole.

 17  Giosuè sentì il rumore del popolo cheurlava e disse a Mosé: «C'è rumore di battaglianell'accampamento».  18  Ma rispose Mosé:

«Non è il grido di chi canta: Vittoria!
Non èil grido di chi canta: Disfatta!
Il grido di chi canta a due cori
io sento».

 19  Quando si fu avvicinato all'accampamentovide ilvitello e le danze. Allora si accese l'ira di Mosé: egliscagliò dalle mani le tavole e le spezzò ai piedi dellamontagna.  20  Poi afferrò il vitello che quelli avevanofattolo bruciò nel fuocolo frantumò fino a ridurloin polverene sparse la polvere nell'acqua e la fece trangugiareagli Israeliti.

 21  Mosé disse ad Aronne: «Che ti ha fattoquesto popoloperché tu l'abbia gravato di un peccato cosìgrande?».  22  Aronne rispose: «Non si accendal'ira del mio signore; tu stesso sai che questo popolo èinclinato al male.  23  Mi dissero: Facci un dioche camminialla nostra testaperché a quel Mosél'uomo che ci hafatti uscire dal paese d'Egittonon sappiamo che cosa sia capitato. 24  Allora io dissi: Chi ha dell'oro? Essi se lo sono toltome lo hanno dato; io l'ho gettato nel fuoco e ne è uscitoquesto vitello».

Zelo dei leviti

 25  Mosé vide che il popolo non aveva piùfrenoperché Aronne gli aveva tolto ogni frenocosìda farne il ludibrio dei loro avversari.  26  Mosé sipose alla porta dell'accampamento e disse: «Chi sta con ilSignorevenga da me!». Gli si raccolsero intorno tutti i figlidi Levi.  27  Gridò loro: «Dice il Signoreil Diod'Israele: Ciascuno di voi tenga la spada al fianco. Passate eripassate nell'accampamento da una porta all'altra: uccida ognuno ilproprio fratelloognuno il proprio amicoognuno il proprioparente».

 28  I figli di Levi agirono secondo il comando di Mosée in quel giorno perirono circa tremila uomini del popolo.  29  AlloraMosé disse: «Ricevete oggi l'investitura dal Signore;ciascuno di voi è stato contro suo figlio e contro suofratelloperché oggi Egli vi accordasse una benedizione».

Nuova preghiera di Mosé

 30  Il giorno dopo Mosé disse al popolo: «Voiavete commesso un grande peccato; ora salirò verso il Signore:forse otterrò il perdono della vostra colpa».

 31  Mosé ritornò dal Signore e disse: «Questopopolo ha commesso un grande peccato: si sono fatti un dio d'oro. 32  Ma orase tu perdonassi il loro peccato... E se nocancellami dal tuo libro che hai scritto!».

 33  Il Signore disse a Mosé: «Io cancelleròdal mio libro colui che ha peccato contro di me.  34  Ora vàconduci il popolo là dove io ti ho detto. Ecco il mio angeloti precederà; ma nel giorno della mia visita li puniròper il loro peccato».

 35  Il Signore percosse il popoloperché avevafatto il vitello fabbricato da Aronne.

 

Cap. 33

L'ordine di partenza

 1  Il Signore parlò a Mosé: «Suescidi qui tu e il popolo che hai fatto uscire dal paese d'Egittoversola terra che ho promesso con giuramento ad Abramoa Isacco e aGiacobbedicendo: Alla tua discendenza la darò.  2  Manderòdavanti a te un angelo e scaccerò il Cananeol'Amorreol'Hittitail Perizzital'Eveo e il Gebuseo.  3  Vàpure verso la terra dove scorre latte e miele... Ma io non verròin mezzo a teper non doverti sterminare lungo il camminoperchétu sei un popolo di dura cervice».

 4  Il popolo udì questa triste notizia e tuttifecero lutto: nessuno più indossò i suoi ornamenti.

 5  Il Signore disse a Mosé: «Riferisci agliIsraeliti: Voi siete un popolo di dura cervice; se per un momento iovenissi in mezzo a teio ti sterminerei. Ora togliti i tuoiornamenti e poi saprò che cosa dovrò farti».

 6  Gli Israeliti si spogliarono dei loro ornamenti dalmonte Oreb in poi.

La tenda

 7  Mosé a ogni tappa prendeva la tenda e la piantavafuori dell'accampamentoad una certa distanza dall'accampamentoel'aveva chiamata tenda del convegno; appunto a questa tenda delconvegnoposta fuori dell'accampamentosi recava chiunque volesseconsultare il Signore.

 8  Quando Mosé usciva per recarsi alla tendatuttoil popolo si alzava in piedistando ciascuno all'ingresso della suatenda: guardavano passare Moséfinché fosse entratonella tenda.  9  Quando Mosé entrava nella tendascendeva la colonna di nube e restava all'ingresso della tenda.Allora il Signore parlava con Mosé.  10  Tutto il popolovedeva la colonna di nubeche stava all'ingresso della tenda e tuttisi alzavano e si prostravano ciascuno all'ingresso della propriatenda.  11  Così il Signore parlava con Moséfaccia a facciacome un uomo parla con un altro. Poi questi tornavanell'accampamentomentre il suo inservienteil giovane Giosuèfiglio di Nunnon si allontanava dall'interno della tenda.

Preghiera di Mosé

 12  Mosé disse al Signore: «Veditu miordini: Fà salire questo popoloma non mi hai indicato chimanderai con me; eppure hai detto: Ti ho conosciuto per nomeanzihai trovato grazia ai miei occhi.  13  Orase davvero hotrovato grazia ai tuoi occhiindicami la tua viacosì che ioti conoscae trovi grazia ai tuoi occhi; considera che questa genteè il tuo popolo».

 14  Rispose: «Io camminerò con voi e ti daròriposo».  15  Riprese: «Se tu non camminerai connoinon farci salire di qui.  16  Come si saprà dunqueche ho trovato grazia ai tuoi occhiio e il tuo popolose non nelfatto che tu cammini con noi? Così saremo distintiio e iltuo popoloda tutti i popoli che sono sulla terra».

 17  Disse il Signore a Mosé: «Anche quanto haidetto io faròperché hai trovato grazia ai miei occhie ti ho conosciuto per nome».

Mosé sulla montagna

 18  Gli disse: «Mostrami la tua Gloria!».

 19  Rispose: «Farò passare davanti a te tuttoil mio splendore e proclamerò il mio nome: Signoredavanti ate. Farò grazia a chi vorrò far grazia e avròmisericordia di chi vorrò aver misericordia». 20  Soggiunse: «Ma tu non potrai vedere il mio voltoperché nessun uomo può vedermi e restare vivo». 21  Aggiunse il Signore: «Ecco un luogo vicino a me. Tustarai sopra la rupe:  22  quando passerà la mia Gloriaio ti porrò nella cavità della rupe e ti copriròcon la mano finché sarò passato.  23  Poitoglierò la mano e vedrai le mie spallema il mio volto nonlo si può vedere».

 

Cap. 34

L'alleanza rinnovata. Le tavole della legge

 1  Poi il Signore disse a Mosé: «Taglia duetavole di pietra come le prime. Io scriverò su queste tavolele parole che erano sulle tavole di primache hai spezzate. 2  Tieniti pronto per domani mattina: domani mattina saliraisul monte Sinai e rimarrai lassù per me in cima al monte. 3  Nessuno salga con tenessuno si trovi sulla cima del montee lungo tutto il monte; neppure armenti o greggi vengano a pascolaredavanti a questo monte».

 4  Mosé tagliò due tavole di pietra come leprime; si alzò di buon mattino e salì sul monte Sinaicome il Signore gli aveva comandatocon le due tavole di pietra inmano.

Apparizione divina

 5  Allora il Signore scese nella nubesi fermò làpresso di lui e proclamò il nome del Signore.  6  IlSignore passò davanti a lui proclamando: «Il SignoreilSignoreDio misericordioso e pietosolento all'ira e ricco digrazia e di fedeltà 7  che conserva il suo favore permille generazioniche perdona la colpala trasgressione e ilpeccatoma non lascia senza punizioneche castiga la colpa deipadri nei figli e nei figli dei figli fino alla terza e alla quartagenerazione».

 8  Mosé si curvò in fretta fino a terra e siprostrò.  9  Disse: «Se ho trovato grazia ai tuoiocchimio Signoreche il Signore cammini in mezzo a noi. Sìè un popolo di dura cervicema tu perdona la nostra colpa eil nostro peccato: fà di noi la tua eredità».

L'alleanza

 10  Il Signore disse: «Ecco io stabiliscoun'alleanza: in presenza di tutto il tuo popolo io faròmeravigliequali non furono mai compiute in nessun paese e innessuna nazione: tutto il popolo in mezzo al quale ti trovi vedràl'opera del Signoreperché terribile è quanto io stoper fare con te.

 11  Osserva dunque ciò che io oggi ti comando. Eccoio scaccerò davanti a te l'Amorreoil Cananeol'HittitailPerizzital'Eveo e il Gebuseo.  12  Guardati bene dal faralleanza con gli abitanti del paese nel quale stai per entrareperché ciò non diventi una trappola in mezzo a te. 13  Anzi distruggerete i loro altarispezzerete le loro stelee taglierete i loro pali sacri.  14  Tu non devi prostrarti adaltro Dioperché il Signore si chiama Geloso: egli èun Dio geloso.  15  Non fare alleanza con gli abitanti di quelpaesealtrimentiquando si prostituiranno ai loro dei e farannosacrifici ai loro deiinviteranno anche te: tu allora mangeresti leloro vittime sacrificali.  16  Non prendere per mogli dei tuoifigli le loro figliealtrimentiquando esse si prostituiranno ailoro deiindurrebbero anche i tuoi figli a prostituirsi ai loro dei.

 17  Non ti farai un dio di metallo fuso.

 18  Osserverai la festa degli azzimi. Per sette giornimangerai pane azzimocome ti ho comandatonel tempo stabilito delmese di Abib; perché nel mese di Abib sei uscito dall'Egitto.

 19  Ogni essere che nasce per primo dal seno materno èmio: ogni tuo capo di bestiame maschioprimogenito del bestiamegrosso e minuto.  20  Il primogenito dell'asino riscatterai conun altro capo di bestiame ese non lo vorrai riscattareglispaccherai la nuca. Ogni primogenito dei tuoi figli lo dovrairiscattare.

Nessuno venga davanti a me a mani vuote.

 21  Per sei giorni lavoreraima nel settimo riposerai;dovrai riposare anche nel tempo dell'aratura e della mietitura.

 22  Celebrerai anche la festa della settimanala festacioè delle primizie della mietitura del frumento e la festadel raccolto al volgere dell'anno.

 23  Tre volte all'anno ogni tuo maschio compaia allapresenza del Signore DioDio d'Israele.  24  Perché ioscaccerò le nazioni davanti a te e allargherò i tuoiconfini; così quando tutre volte all'annosalirai percomparire alla presenza del Signore tuo Dionessuno potràdesiderare di invadere il tuo paese.

 25  Non sacrificherai con pane lievitato il sangue dellamia vittima sacrificale; la vittima sacrificale della festa di pasquanon dovrà rimanere fino alla mattina.

 26  Porterai alla casa del Signoretuo Diola primiziadei primi prodotti della tua terra.

Non cuocerai un capretto nel latte di sua madre».

 27  Il Signore disse a Mosé: «Scrivi questeparoleperché sulla base di queste parole io ho stabilitoun'alleanza con te e con Israele».

 28  Mosé rimase con il Signore quaranta giorni equaranta notti senza mangiar pane e senza bere acqua. Il Signorescrisse sulle tavole le parole dell'alleanzale dieci parole.

Mosé ridiscende dal monte

 29  Quando Mosé scese dal monte Sinai - le duetavole della Testimonianza si trovavano nelle mani di Mosémentre egli scendeva dal monte - non sapeva che la pelle del suo visoera diventata raggiantepoiché aveva conversato con lui. 30  Ma Aronne e tutti gli Israelitivedendo che la pelle delsuo viso era raggianteebbero timore di avvicinarsi a lui.  31  Moséallora li chiamò e Aronnecon tutti i capi della comunitàandò da lui. Mosé parlò a loro.  32  Siavvicinarono dopo di loro tutti gli Israeliti ed egli ingiunse lorociò che il Signore gli aveva ordinato sul monte Sinai. 33  Quando Mosé ebbe finito di parlare a lorosi poseun velo sul viso.  34  Quando entrava davanti al Signore perparlare con luiMosé si toglieva il velofin quando fosseuscito. Una volta uscitoriferiva agli Israeliti ciò che gliera stato ordinato.  35  Gli Israelitiguardando in facciaMosévedevano che la pelle del suo viso era raggiante. Poiegli si rimetteva il velo sul visofin quando fosse di nuovo entratoa parlare con lui.

 

Cap. 35

6. COSTRUZIONE ED EREZIONE DEL SANTUARIO

La legge del riposo sabbatico

 1  Mosé radunò tutta la comunità degliIsraeliti e disse loro: «Queste sono le cose che il Signore hacomandato di fare:  2  Per sei giorni si lavoreràma ilsettimo sarà per voi un giorno santoun giorno di riposoassolutosacro al Signore. Chiunque in quel giorno faràqualche lavoro sarà messo a morte.  3  Non accendereteil fuoco in giorno di sabatoin nessuna delle vostre dimore».

Raccolta di materiali

 4  Mosé disse a tutta la comunità degliIsraeliti: «Questo il Signore ha comandato:  5  Prelevatesu quanto possedete un contributo per il Signore. Quanti hanno cuoregenerosoportino questo contributo volontario per il Signore: oroargento e rame 6  tessuti di porpora viola e rossadiscarlattodi bisso e di pelo di capra 7  pelli di montonetinte di rossopelli di tasso e legno di acacia 8  olio perl'illuminazionebalsami per unguenti e per l'incenso aromatico 9  pietre di ònice e pietre da incastonare nell'efode nel pettorale.  10  Tutti gli artisti che sono tra di voivengano ed eseguiscano quanto il Signore ha comandato:  11  laDimorala sua tendala sua coperturale sue fibbiele sue assile sue traversele sue colonne e le sue basi 12  l'arca e lesue stangheil coperchio e il velo che lo nasconde 13  latavola con le sue stanghe e tutti i suoi accessori e i panidell'offerta 14  il candelabro per illuminare con i suoiaccessorile sue lampade e l'olio per l'illuminazione 15  l'altaredei profumi con le sue stanghel'olio dell'unzione e il profumoaromaticola cortina d'ingresso alla porta della Dimora 16  l'altare degli olocausti con la sua graticolale suesbarre e tutti i suoi accessorila conca con il suo piedestallo 17  i tendaggi del recintole sue colonne e le sue basi e lacortina alla porta del recinto 18  i picchetti della Dimorai picchetti del recinto e le loro corde 19  le vestiliturgiche per officiare nel santuariole vesti sacre per ilsacerdote Aronne e le vesti dei suoi figli per esercitare ilsacerdozio».

 20  Allora tutta la comunità degli Israeliti siritirò dalla presenza di Mosé.  21  Poi quantierano di cuore generoso ed erano mossi dal loro spiritovennero aportare l'offerta per il Signoreper la costruzione della tenda delconvegnoper tutti i suoi oggetti di culto e per le vesti sacre. 22  Vennero uomini e donnequanti erano di cuore generosoeportarono fermaglipendentianellicollaneogni sorta di gioiellid'oro: quanti volevano presentare un'offerta di oro al Signore laportarono.  23  Quanti si trovavano in possesso di tessuti diporpora viola e rossadi scarlattodi bissodi pelo di capradipelli di montone tinte di rosso e di pelli di tasso ne portarono. 24  Quanti potevano offrire un'offerta in argento o rame neoffrirono per il Signore. Così anche quanti si trovavano inpossesso di legno di acacia per qualche opera della costruzioneneportarono.

 25  Inoltre tutte le donne esperte filarono con le mani eportarono filati di porpora viola e rossadi scarlatto e di bisso. 26  Tutte le donne che erano di cuore generososecondo laloro abilitàfilarono il pelo di capra.  27  I capiportarono le pietre di ònice e le pietre preziose daincastonare nell'efod e nel pettorale 28  balsami eolio per l'illuminazioneper l'olio dell'unzione e per l'incensoaromatico.  29  Così tuttiuomini e donneche erano dicuore generoso a portare qualche cosa per la costruzione che ilSignore per mezzo di Mosé aveva comandato di farelaportarono: gli Israeliti portarono la loro offerta volontaria alSignore.

Gli operai del santuario

 30  Mosé disse agli Israeliti: «VedeteilSignore ha chiamato per nome Bezaleelfiglio di Urifiglio di Curdella tribù di Giuda.  31  L'ha riempito dello spiritodi Dioperché egli abbia saggezzaintelligenza e scienza inogni genere di lavoro 32  per concepire progetti erealizzarli in oroargentorame 33  per intagliare lepietre da incastonareper scolpire il legno e compiere ogni sorta dilavoro ingegnoso.  34  Gli ha anche messo nel cuore il dono diinsegnare e così anche ha fatto con Ooliabfiglio diAchisamachdella tribù di Dan.  35  Li ha riempiti disaggezza per compiere ogni genere di lavoro d'intagliatoredidisegnatoredi ricamatore in porpora violain porpora rossainscarlatto e in bissoe di tessitore: capaci di realizzare ogni sortadi lavoro e ideatori di progetti.

 

Cap. 36

 1  BezaleelOoliab e tutti gli artisti che il Signoreaveva dotati di saggezza e d'intelligenzaperché fossero ingrado di eseguire i lavori della costruzione del santuariofeceroogni cosa secondo ciò che il Signore aveva ordinato.

Fine della raccolta

 2  Mosé chiamò BezaleelOoliab e tutti gliartistinel cuore dei quali il Signore aveva messo saggezzaquantierano portati a prestarsi per l'esecuzione dei lavori.  3  Essiricevettero da Mosé ogni contributo portato dagli Israelitiper il lavoro della costruzione del santuario. Ma gli Israeliticontinuavano a portare ogni mattina offerte volontarie.  4  Alloratutti gli artistiche eseguivano i lavori per il santuariolasciarono il lavoro che stavano facendo  5  e vennero a dire aMosé: «Il popolo porta più di quanto ènecessario per il lavoro che il Signore ha ordinato».  6  Moséallora fece proclamare nel campo: «Nessunouomo o donnaoffrapiù alcuna cosa come contributo per il santuario». Cosìsi impedì al popolo di portare altre offerte;  7  perchéquanto il popolo aveva già offerto era sufficienteanzisovrabbondanteper l'esecuzione di tutti i lavori.

La Dimora

 8  Tutti gli artisti addetti ai lavori fecero la Dimora.Bezaleel la fece con dieci teli di bisso ritortodi porpora violadi porpora rossa e di scarlatto. La fece con figure di cherubiniartisticamente lavorati.  9  Lunghezza di ciascun telo ventottocubiti; larghezza quattro cubiti per ciascun telo; la stessadimensione per tutti i teli.  10  Unì cinque teli l'unoall'altro e anche i cinque altri teli unì l'uno all'altro. 11  Fece cordoni di porpora viola sull'orlo del primo teloall'estremità della sutura e fece la stessa cosa sull'orlo delprimo telo all'estremità della sutura e fece la stessa cosasull'orlo del telo estremo nella seconda sutura.  12  Fececinquanta cordoni al primo telo e fece anche cinquanta cordoniall'estremità del telo della seconda sutura: i cordonicorrispondevano l'uno all'altro.  13  Fece cinquanta fibbied'oro e unì i teli l'uno all'altro mediante le fibbie; cosìil tutto venne a formare una sola Dimora.  14  Fece poi teli dipeli di capra per costituire la tenda al di sopra della Dimora. Nefece undici teli.  15  Lunghezza di un telo trenta cubiti;larghezza quattro cubiti per un telo; la stessa dimensione per gliundici teli.  16  Unì insieme cinque teli a parte e seiteli a parte.  17  Fece cinquanta cordoni sull'orlo del telodella seconda sutura.  18  Fece cinquanta fibbie di rameperunire insieme la tendacosì da formare un tutto unico. 19  Fece poi per la tenda una copertura di pelli di montonetinte di rosso e al di sopra una copertura di pelli di tasso.

Il legname

 20  Poi fece per la Dimora assi di legno di acaciaverticali.  21  Dieci cubiti la lunghezza di un asse e uncubito e mezzo la larghezza.  22  Ogni asse aveva due sostegnicongiunti l'uno all'altro da un rinforzo. Così fece per tuttele assi della Dimora.  23  Fece dunque le assi per la Dimora:venti assi sul lato verso il mezzogiornoa sud.  24  Feceanche quaranta basi d'argento sotto le venti assidue basi sottoun'asse per i suoi due sostegni e due basi sotto l'altra asse per isuoi due sostegni.  25  Per il secondo lato della Dimoraversoil settentrioneventi assi 26  come le loro quaranta basid'argentodue basi sotto un'asse e due basi sotto l'altra asse. 27  Per la parte posteriore della Dimoraverso occidentefece sei assi.  28  Fece inoltre due assi per gli angoli dellaDimora nella parte posteriore.  29  Esse erano formate ciascunada due pezzi ugualiabbinati e perfettamente congiunti dal bassofino alla cimaall'altezza del primo anello. Così fece perambedue: esse vennero a formare i due angoli.  30  Vi eranodunque otto assi con le loro basi d'argento: sedici basidue basisotto un'asse e due basi sotto l'altra asse.  31  Fece inoltretraverse di legno di acacia: cinque per le assi di un lato dellaDimora 32  cinque traverse per le assi dell'altro lato dellaDimora e cinque traverse per le assi della parte posterioreversooccidente.  33  Fece la traversa mediana chea mezza altezzadelle assile attraversava da una estremità all'altra. 34  Rivestì d'oro le assifece in oro i loro anelliche servivano per inserire le traversee rivestì d'oro anchele traverse.

Il velo

 35  Fece il velo di porpora viola e di porpora rossadiscarlatto e di bisso ritorto. Lo fece con figure di cherubinilavorodi disegnatore.  36  Fece per esso quattro colonne di acaciale rivestì d'oro; anche i loro uncini erano d'oro e fuse peresse quattro basi d'argento.  37  Fecero poi una cortina perl'ingresso della tendadi porpora viola e di porpora rossadiscarlatto e di bisso ritortolavoro di ricamatore;  38  le suecinque colonne con i loro uncini. Rivestì d'oro i lorocapitelli e le loro aste trasversali e fece le loro cinque basi dirame.

 

Cap. 37

L'arca

 1  Bezaleel fece l'arca di legno di acacia: aveva duecubiti e mezzo di lunghezzaun cubito e mezzo di larghezzauncubito e mezzo di altezza.  2  La rivestì d'oro purodentro e fuori. Le fece intorno un bordo d'oro.  3  Fuse peressa quattro anelli d'oro e li fissò ai suoi quattro piedi:due anelli su di un lato e due anelli sull'altro.  4  Fecestanghe di legno di acacia e le rivestì d'oro.  5  Introdussele stanghe negli anelli sui due lati dell'arca per trasportarel'arca.

 6  Fece il coperchio d'oro puro: aveva due cubiti e mezzodi lunghezza e un cubito e mezzo di larghezza.  7  Fece duecherubini d'oro: li fece lavorati a martello sulle due estremitàdel coperchio:  8  un cherubino ad una estremità e uncherubino all'altra estremità. Fece i cherubini tutti di unpezzo con il coperchioalle sue due estremità.  9  Icherubini avevano le due ali stese di sopraproteggendo con le aliil coperchio; erano rivolti l'uno verso l'altro e le facce deicherubini erano rivolte verso il coperchio.

La tavola dei pani dell'offerta

 10  Fece la tavola di legno di acacia: aveva due cubiti dilunghezzaun cubito di larghezzaun cubito e mezzo di altezza. 11  La rivestì d'oro puro e le fece intorno un bordod'oro.  12  Le fece attorno una cornice di un palmo e un bordod'oro per la cornice.  13  Fuse per essa quattro anelli d'oro eli fissò ai quattro angoli che costituivano i suoi quattropiedi.  14  Gli anelli erano fissati alla cornice e servivanoper inserire le stanghe destinate a trasportare la tavola.  15  Fecele stanghe di legno di acacia e le rivestì d'oro.  16  Feceanche gli accessori della tavola: piatticoppeanfore e tazze perle libazioni; li fece di oro puro.

Il candelabro

 17  Fece il candelabro d'oro puro; lo fece lavorato amartelloil suo fusto e i suoi bracci; i suoi calicii suoi bulbi ele sue corolle facevano corpo con esso.  18  Sei bracciuscivano dai suoi lati: tre bracci del candelabro da un lato e trebracci del candelabro dall'altro.  19  Vi erano su un bracciotre calici in forma di fiore di mandorlocon bulbo e corolla; anchesull'altro braccio tre calici in forma di fiore di mandorloconbulbo e corolla. Così era per i sei bracci che uscivano dalcandelabro.  20  Il fusto del candelabro aveva quattro caliciin forma di fiore di mandorlocon i loro bulbi e le loro corolle: 21  un bulbo sotto due bracci che si dipartivano da essoe unbulbo sotto i due altri bracci che si dipartivano da essoe un bulbosotto i due altri bracci che si dipartivano da esso; così pertutti i sei bracci che uscivano dal candelabro.  22  I bulbi ei relativi bracci facevano corpo con esso: il tutto era formato dauna sola massa d'oro puro lavorata a martello.  23  Fece le suesette lampadei suoi smoccolatoi e i suoi portacenere d'oro puro. 24  Impiegò un talento d'oro puro per esso e per tuttii suoi accessori.

L'altare dei profumi. L'olio di unzione e il profumo

 25  Fece l'altare per bruciare l'incensodi legno diacacia; aveva un cubito di lunghezza e un cubito di larghezzaeracioè quadrato; aveva due cubiti di altezza e i suoi cornierano di un sol pezzo.

 26  Rivestì d'oro puro il suo pianoi suoi latiisuoi corni e gli fece intorno un orlo d'oro.  27  Fece anchedue anelli d'oro sotto l'orlosui due fianchicioè sui duelati opposti; servivano per inserire le stanghe destinate atrasportarlo.  28  Fece le stanghe di legno di acacia e lerivestì d'oro.

 29  Preparò l'olio dell'unzione sacra e il profumoaromatico da bruciarepurosecondo l'arte del profumiere.

 

Cap. 38

L'altare degli olocausti

 1  Fece l'altare di legno di acacia: aveva cinque cubiti dilunghezza e cinque cubiti di larghezzaera cioè quadratoeaveva l'altezza di tre cubiti.  2  Fece i suoi corni ai suoiquattro angoli: i suoi corni erano tutti di un pezzo; lo rivestìdi rame.  3  Fece anche tutti gli accessori dell'altare: irecipienti per raccogliere le cenerile sue palei suoi vasi peraspersionele sue forchette e i bracieri: fece di rame tutti i suoiaccessori.  4  Fece per l'altare una graticolalavorata aforma di retedi ramee la pose sotto la cornice dell'altare inbasso: la rete arrivava a metà altezza dell'altare.  5  Fusequattro anelli e li pose alle quattro estremità dellagraticola di rameper inserirvi le stanghe.  6  Fece anche lestanghe di legno di acacia e le rivestì di rame.  7  Introdussele stanghe negli anelli sui lati dell'altare: servivano atrasportarlo. Fece l'altare di tavolevuoto all'interno.

La conca

 8  Fece la conca di rame e il suo piedestallo di rameimpiegandovi gli specchi delle donneche nei tempi stabilitivenivano a prestar servizio all'ingresso della tenda del convegno.

Costruzione dell'atrio

 9  Fece il recinto: sul lato meridionaleverso sudilrecinto aveva tendaggi di bisso ritortoper la lunghezza di centocubiti sullo stesso lato.  10  Vi erano le loro venti colonnecon le venti basi di rame. Gli uncini delle colonne e le loro astetrasversali erano d'argento.  11  Anche sul lato rivolto asettentrione vi erano tendaggi per cento cubiti di lunghezzalerelative venti colonne con le venti basi di ramegli uncini dellecolonne e le aste trasversali d'argento.  12  Sul lato versooccidente vi erano cinquanta cubiti di tendaggicon le relativedieci colonne e le dieci basi 13  i capitelli delle colonne ei loro uncini d'argento. Sul lato orientaleverso levantevi eranocinquanta cubiti:  14  quindici cubiti di tendaggicon lerelative tre colonne e le tre basi alla prima ala;  15  all'altraala quindici cubiti di tendaggicon le tre colonne e le tre basi. 16  Tutti i tendaggi che delimitavano il recinto erano dibisso ritorto.  17  Le basi delle colonne erano di ramegliuncini delle colonne e le aste trasversali erano d'argento; ilrivestimento dei loro capitelli era d'argento e tutte le colonne delrecinto avevano aste trasversali d'argento.  18  Alla porta delrecinto vi era una cortinalavoro di ricamatoredi porpora violaporpora rossascarlatto e bisso ritorto: la sua lunghezza era diventi cubitila sua altezzanel senso della larghezzaera dicinque cubiticome i tendaggi del recinto.  19  Le colonnerelative erano quattrocon le quattro basi di ramei loro uncinid'argentoil rivestimento dei loro capitelli e le loro astetrasversali d'argento.  20  Tutti i picchetti della Dimora edel recinto circostante erano di rame.

Computo dei metalli

 21  Questo è il computo dei metalli impiegati per laDimorala Dimora della Testimonianzaredatto per ordine di Mosée per opera dei levitisotto la direzione d'Itamarfiglio delsacerdote Aronne.

 22  Bezaleelfiglio di Urifiglio di Curdella tribùdi Giudaeseguì quanto il Signore aveva ordinato a Mosé; 23  insieme con lui Ooliabfiglio di Achisamach della tribùdi Danintagliatoredecoratore e ricamatore di porpora violaporpora rossascarlatto e bisso.

 24  Totale dell'oro impiegato per il lavorocioèper tutto il lavoro del santuario - era l'oro presentato in offerta-: ventinove talenti e settecentotrenta sicliin sicli delsantuario.  25  L'argento raccoltoin occasione del censimentodella comunitàpesava cento talenti emillesettecentosettantacinque sicliin sicli del santuario 26  cioèun beka a testavale a dire mezzo siclosecondo il siclo delsantuarioper ciascuno di coloro che furono sottoposti alcensimentodai vent'anni in su. Eranoseicentotremilacinquecentocinquanta.  27  Cento talenti diargento servirono a fondere le basi del santuario e le basi del velo:cento basi per cento talenticioè un talento per ogni base. 28  Con i millesettecentosettantacinque sicli fece gli uncinidelle colonnerivestì i loro capitelli e le riunì conle aste trasversali.  29  Il rame presentato in offertaassommava a settanta talenti e duemilaquattrocento sicli.  30  Conesso fece le basi per l'ingresso della tenda del convegnol'altaredi rame con la sua graticola di rame e tutti gli accessoridell'altare 31  le basi del recintole basi della porta delrecintotutti i picchetti della Dimora e tutti i picchetti delrecinto.

 

Cap. 39

L'abito del sommo sacerdote

 1  Con porpora viola e porpora rossacon scarlatto e bissofece le vesti liturgiche per officiare nel santuario. Fecero le vestisacre di Aronnecome il Signore aveva ordinato a Mosé.

L'efod

 2  Fecero l'efod con oroporpora viola e porporarossascarlatto e bisso ritorto.  3  Fecero placche d'orobattuto e le tagliarono in striscie sottiliper intrecciarle con laporpora violala porpora rossalo scarlatto e il bissolavorod'artista.  4  Fecero all'efod due spallineche venneroattaccate alle sue due estremità; così ne risultòun pezzo tutto unito.  5  La cinturache lo teneva legato eche stava sopra di essoera della stessa fattura ed era di un solpezzo: era intessuta d'orodi porpora viola e porpora rossadiscarlatto e di bisso ritortocome il Signore aveva ordinato a Mosé.

 6  Lavorarono le pietre di òniceinserite incastoni d'oroincise con i nomi degli Israelitisecondo l'arted'incidere i sigilli.  7  Fissarono le due pietre sullespalline dell'efodcome pietre a ricordo degli Israeliticome il Signore aveva ordinato a Mosé.

Il pettorale

 8  Fecero il pettoralelavoro d'artistacome l'efod:con oroporpora violaporpora rossascarlatto e bisso ritorto. 9  Era quadrato e lo fecero doppio; aveva una spanna dilunghezza e una spanna di larghezza.  10  Lo coprirono con unaincastonatura di pietre preziosedisposte in quattro file di pietre.Una fila: una cornalinaun topazio e uno smeraldocosì laprima fila.  11  La seconda fila: un turcheseuno zaffìroe un berillo.  12  La terza fila: un giacintoun'àgatae una ametista.  13  La quarta fila: un crisòlitounònice e un diaspro. Erano inserite nell'oro mediante i lorocastoni.  14  Le pietre corrispondevano ai nomi degliIsraeliti: dodicisecondo i loro nomi ed erano incise come isigilliciascuna con il nome corrispondentesecondo le dodicitribù.  15  Fecero sul pettorale catene in forma dicordonilavoro d'intreccio d'oro puro.  16  Fecero due castonid'oro e due anelli d'oro e misero i due anelli alle due estremitàdel pettorale.  17  Misero le due catene d'oro sui due anellialle due estremità del pettorale.  18  Quanto alle duealtre estremità delle catenele fissarono sui due castoni ele fecero passare sulle spalline dell'efodnella parteanteriore.  19  Fecero due altri anelli d'oro e li collocaronoalle due estremità del pettorale sull'orlo che era dalla partedell'efodverso l'interno.  20  Fecero due altri anellid'oro e li posero sulle due spalline dell'efod in bassosulsuo lato anteriorein vicinanza del punto di attaccoal di sopradella cintura dell'efod.  21  Poi legarono il pettoralecon i suoi anelli agli anelli dell'efod mediante un cordone diporpora violaperché stesse al di sopra della cinturadell'efod e perché il pettorale non si distaccassedall'efodcome il Signore aveva ordinato a Mosé.

Il manto

 22  Fece il manto dell'efodlavoro di tessitoretutto di porpora viola;  23  la scollatura del mantoin mezzoera come la scollatura di una corazza: intorno aveva un bordoperchénon si lacerasse.  24  Fecero sul lembo del manto melagrane diporpora violadi porpora rossadi scarlatto e di bisso ritorto. 25  Fecero sonagli d'oro puro e collocarono i sonagli in mezzoalle melagraneintorno all'orlo del manto:  26  un sonaglio euna melagranaun sonaglio e una melagrana lungo tutto il giro dellembo del mantoper l'esercizio del ministerocome il Signore avevaordinato a Mosé.

Abiti sacerdotali

 27  Fecero le tuniche di bissolavoro di tessitoreperAronne e per i suoi figli;  28  il turbante di bissogliornamenti dei berretti di bisso e i calzoni di lino di bisso ritorto; 29  la cintura di bisso ritortodi porpora violadi porporarossa e di scarlattolavoro di ricamatorecome il Signore avevaordinato a Mosé.

Il segno della consacrazione

 30  Fecero la laminail diadema sacro d'oro puroe viscrissero sopra a caratteri incisi come un sigillo: «Sacro alSignore».  31  Vi fissarono un cordone di porpora violaper porre il diadema sopra il turbantecome il Signore avevaordinato a Mosé.

 32  Così fu finito tutto il lavoro della Dimoradella tenda del convegno. Gli Israeliti eseguirono ogni cosa come ilSignore aveva ordinato a Mosé: così essi fecero.

Consegna a Mosé delle opere eseguite

 33  Portarono dunque a Mosé la Dimorala tenda etutti i suoi accessori: le sue fibbiele sue assile sue traversele sue colonne e le sue basi 34  la copertura di pelli dimontone tinte di rossola copertura di pelli di tasso e il velo perfar da cortina 35  l'arca della Testimonianza con le suestanghe e il coperchio 36  la tavola con tutti i suoiaccessori e i pani dell'offerta 37  il candelabro d'oro purocon le sue lampadele lampade cioè che dovevano esserecollocate sopra di essocon tutti i suoi accessorie l'olio perl'illuminazione 38  l'altare d'orol'olio dell'unzioneilprofumo aromatico da bruciare e la cortina per l'ingresso dellatenda.  39  L'altare di rame con la sua graticola di ramelesue stanghe e tutti i suoi accessorila conca e il suo piedestallo 40  i tendaggi del recintole sue colonnele sue basi e lacortina per la porta del recintole sue cordei suoi picchetti etutti gli arredi del servizio della Dimoraper la tenda delconvegno 41  le vesti liturgiche per officiare nel santuariole vesti sacre del sacerdote Aronne e le vesti dei suoi figli perl'esercizio del sacerdozio.  42  Secondo quanto il Signoreaveva ordinato a Moségli Israeliti avevano eseguito ognilavoro.  43  Mosé vide tutta l'opera e riscontròche l'avevano eseguita come il Signore aveva ordinato. Allora Moséli benedisse.

 

Cap. 40

Erezione e consacrazione del santuario

 1  Il Signore parlò a Mosé e gli disse: 2  «Il primo giorno del primo mese erigerai la Dimorala tenda del convegno.  3  Dentro vi collocherai l'arca dellaTestimonianzadavanti all'arca tenderai il velo.  4  Viintrodurrai la tavola e disporrai su di essa ciò che vi deveessere disposto; introdurrai anche il candelabro e vi prepareraisopra le sue lampade.  5  Metterai l'altare d'oro per i profumidavanti all'arca della Testimonianza e metterai infine la cortinaall'ingresso della tenda.  6  Poi metterai l'altare degliolocausti di fronte all'ingresso della Dimoradella tenda delconvegno.  7  Metterai la conca fra la tenda del convegno el'altare e vi porrai l'acqua.  8  Disporrai il recintotutt'attorno e metterai la cortina alla porta del recinto.  9  Poiprenderai l'olio dell'unzione e ungerai con esso la Dimora e quantovi sarà dentro e la consacrerai con tutti i suoi arredi; cosìdiventerà cosa santa.  10  Ungerai anche l'altare degliolocausti e tutti i suoi arredi; consacrerai l'altare e l'altarediventerà cosa santissima.  11  Ungerai anche la concacon il suo piedestallo e la consacrerai.  12  Poi faraiavvicinare Aronne e i suoi figli all'ingresso della tenda delconvegno e li laverai con acqua.  13  Farai indossare ad Aronnele vesti sacrelo ungerailo consacrerai e così eglieserciterà il mio sacerdozio.  14  Farai avvicinareanche i suoi figli e farai loro indossare le tuniche.  15  Liungeraicome il loro padree così eserciteranno il miosacerdozio; in tal modo la loro unzione conferirà loro unsacerdozio perenneper le loro generazioni».

Esecuzione degli ordini divini

 16  Mosé fece in tutto secondo quanto il Signore gliaveva ordinato. Così fece:  17  nel secondo annonelprimo giorno del primo mese fu eretta la Dimora.  18  Moséeresse la Dimora: pose le sue basidispose le assivi fissòle traverse e rizzò le colonne;  19  poi stese la tendasopra la Dimora e sopra ancora mise la copertura della tendacome ilSignore gli aveva ordinato.

 20  Prese la Testimonianzala pose dentro l'arca; mise lestanghe all'arca e pose il coperchio sull'arca;  21  poiintrodusse l'arca nella Dimoracollocò il velo che doveva farda cortina e lo tese davanti all'arca della Testimonianzacome ilSignore aveva ordinato a Mosé.

 22  Nella tenda del convegno collocò la tavolasullato settentrionale della Dimoraal di fuori del velo.  23  Disposesu di essa il pane in focacce sovrapposte alla presenza del Signorecome il Signore aveva ordinato a Mosé.

 24  Collocò inoltre il candelabro nella tenda delconvegnodi fronte alla tavola sul lato meridionale della Dimora 25  e vi preparò sopra le lampade davanti al Signorecome il Signore aveva ordinato a Mosé.

 26  Collocò poi l'altare d'oro nella tenda delconvegnodavanti al velo 27  e bruciò su di esso ilprofumo aromaticocome il Signore aveva ordinato a Mosé. 28  Mise infine la cortina all'ingresso della Dimora.  29  Poicollocò l'altare degli olocausti all'ingresso della Dimoradella tenda del convegnoe offrì su di esso l'olocausto el'offertacome il Signore aveva ordinato a Mosé.

 30  Collocò la conca fra la tenda del convegno el'altare e vi mise dentro l'acqua per le abluzioni.  31  MoséAronne e i suoi figli si lavavano con essa le mani e i piedi: 32  quando entravano nella tenda del convegno e quando siaccostavano all'altareessi si lavavanocome il Signore avevaordinato a Mosé.

 33  Infine eresse il recinto intorno alla Dimora eall'altare e mise la cortina alla porta del recinto. Così Moséterminò l'opera.

Il Signore prende possesso del santuario

 34  Allora la nube coprì la tenda del convegno e laGloria del Signore riempì la Dimora.  35  Mosénon potè entrare nella tenda del convegnoperché lanube dimorava su di essa e la Gloria del Signore riempiva la Dimora.

La nube guida gli Israeliti

 36  Ad ogni tappaquando la nube s'innalzava e lasciava laDimoragli Israeliti levavano l'accampamento.  37  Se la nubenon si innalzavaessi non partivanofinché non si fosseinnalzata.  38  Perché la nube del Signore durante ilgiorno rimaneva sulla Dimora e durante la notte vi era in essa unfuocovisibile a tutta la casa d'Israeleper tutto il tempo delloro viaggio.




Google