logo
softwarehouse.it
Classici Greci
Classici Latini
Codici
Fiabe
Filosofia
Gialli
Letteratura Americana
Letteratura Argentina
Letteratura Cubana
Letteratura Francese
Letteratura Inglese
Letteratura Italiana
Letteratura Russa
Letteratura Spagnola
Letteratura Tedesca
Matematica
Poesia
Poesie Portoghesi
Religione
Storie Zen

premium
I libri di Readme su CD
Readme.it in English  Pagina Iniziale Readme.it in English  Home Page

Cerca un' opera

Pagina iniziale
Ricerca
Login
Nuovi autori
Forum
Chi siamo
Mappa del Sito
Guida interattiva


     readme.it by logo SoftwareHouse.it



L'elogio dell'ozio

Leggi i testi consigliati:

Le fantasticherie del passeggiatore solitario (estratto) italiano  
Les rêveries du promeneur solitaire Francese  

Invito alla lettura

Nell'affannoso vortice del viaggio, c'è un luogo alla portata di ciascuno, dove si gode appieno del presente, e si osserva ed assorbe senza fretta ciò che si muove o resta fermo intorno.

Questo luogo è il tempo dell'ozio: non teme la noia perchè vive nell'unico infinito istante che è davvero, non fa progetti per il futuro e non recrimina sul passato. L'ozio è vivo, osserva e si perde in dettagli forse inutili, ma ha tutto il tempo del mondo, e non lo sa, perchè non ha bisogno di contarlo. E' un ozio che genera una calma, durevole e rigenerante soddisfazione, che trova la sua fonte all'interno dell'anima.

Dice Rousseau: "Il prezioso far niente fu la prima e la principale di quelle gioie che ho voluto assaporare in tutta la loro dolcezza, e tutto quel che feci durante il mio soggiorno non fu altro se non l’occupazione deliziosa e necessaria di un uomo votatosi all’ozio".

Proponiamo questo mese un estratto delle "Fantasticherie del passeggiatore solitario" di Jean-Jacques Rousseau, che con la divertente finezza del viaggiatore navigato, traccia una breve guida di un luogo dell'anima prezioso, difficile da trovare, e talvolta dimenticato.

Buona lettura.

Simone Alessandria

Redazione di ReadMe